Your SlideShare is downloading. ×
0
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Lezio kindly
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Lezio kindly

1,617

Published on

spunti e descrizioni

spunti e descrizioni

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,617
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
23
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Silvio Bartolomeiquesto non è un libro, è una dispensa liberamente tratta con il supporto e contributo di vari autori, ha per obiettivo dare una traccia e degli spunti metodologici, meglio esplicati a lezione le lezioni dellanno accademico 2010 - 2011 si terranno nei seguenti giorni:29 novembre 2010 01 dicembre 2010 13 dicembre 2010 15 dicembre 201010 gennaio 2011 12 gennaio 2011 17 gennaio 2011 19 gennaio 201124 gennaio 2011 26 gennaio 2011 31 gennaio 2011 02 febbraio 2011 07 febbraio 2011
  • 2. INDIVIDUO Famiglia Gruppo Comunità Società © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di dirittopubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 3. © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di dirittopubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 4. IL “GIOCO” delle SPINTE © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 5. le Comunità Locali oggi si fondano su valori come la democrazia, la democrazia favorisce lo sviluppo, lo sviluppo contribuisce allo stato di benessere, il benessere contribuisce alla disgregazionedella famiglia e quindi della comunità che fonda in essa una delle sue cellule di base territoriali territoriali economiche famiglie economiche famiglie territoriali Comunità Comunità politiche associative politiche associative economiche famiglie naturali naturali Comunità territoriali territoriali economiche famiglie economiche famiglie politiche associative Comunità Comunità politiche associative politiche associative naturali naturali © Sociologia di comunità e del naturali territorio con elementi di diritto 6 pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 6. Identità Territorio Senso di appartenenza Integrazione e SENSO diFARE Potere P.A. COMUNITA’ Soddisfazione dei bisogni Competenza Connessione emotiva condivisa © Sociologia di comunità e del Autostima con elementi di diritto territorio 7 pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 7. • il quartiere • il comune • la provincia • la regione • lo stato • l’Unione Europea Scuola & • l’ONU Università P.A.Sanità Cultura &Sociale AMBIENTE & Territorio © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 8. Quesito nr. 1 Qual è lo scopo, il compito primario di un operatore territoriale, sociale e culturale? CREARE VALORE  Valore sociale  Valore culturale  Valore intellettuale  Valore ecologico  Valore umano  Valore economico© Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 9. L’uomo è nato per due cose:per capire e per agire, quasi fosse un dio mortale! Aristotele © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 10. CAPIRE AGIRE Consapevolezza Azione La capacità di interpretare La capacità di prendere correttamente gli eventi decisioni oculate e di dareesterni ed interni, nonché di loro un seguito attraverso rapportarci ad essi con uno l’acquisizione di precise scopo ed un senso di competenze (skill) volte ad direzione chiari. ottenere dei risultati. © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 11. Mancanza diconsapevolezza/azione Le malattie della comunità © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 12. Quesito nr. 2Quali sono, secondo voi, i problemi/ostacoli che affliggono una comunità locale? © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 13. Ostacoli esterni© Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 14. Ostacoli strutturali© Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 15. Ostacoli soggettivi© Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 16. Mancanza diconsapevolezza/azione Falsi ostacoli Le malattie della comunità © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 17. La stragrande maggioranza delle persone deciderà di cambiaresoltanto quando il dolore legatoalla situazione che sta vivendo è più forte della prospettiva di dolore legata al cambiamento. © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 18. Morte Cambiamento (Rottura) Cultura Reiterazione (Credenze) Vecchio Nuovocomportamento comportamento CRISI Stagnazione Crescita © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 19. Mancanza diconsapevolezza/azione Falsi ostacoli Le malattie della comunità Stagnazione © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 20. CONTROLLO Bisogno di certezza Bisogno di certezza POTERE POTERE Impotenza Resistenza Mancanza di azione Reazione Incapacità di agire Evitare situazioni © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 21. RESISTENZAA cosa resistiamo di più?  Cambiamento  Controllo altrui  Problemi  Diversità  Solitudine (essere ignorati) © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 22. IL FALSO CONTROLLOIn che modo cerchiamo di mantenere il controllo?  Imposizione (uomini)  Manipolazione (donne)  Razionalità  Remissività  Fuga © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 23. IL VERO CONTROLLOCO ConoscenzaN ComunicazioneTR Anticipazione (proazione)O Assunzione delle responsabilitàLL TrasparenzaO © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 24. Mancanza diconsapevolezza/azione Falsi ostacoli Le malattie della comunità Stagnazione L’ossessione del controllo © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 25. Quesito nr. 3 Elenca 2 obiettivi che intendi raggiungere entro quest’anno. Perché?© Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 26. L’essenza della consapevolezza nelle attività umane: Obiettivi Strategie © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 27. Mancanza diconsapevolezza/azione Falsi ostacoli Le malattie della comunità Stagnazione L’ossessione del controllo Falsi obiettivi © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 28. Altruismo Senso di potere Motivazione DepressioneEgocentrismo Senso d’impotenza © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 29. Mancanza di consapevolezza/azione Falsi ostacoli Le malattie della comunità StagnazioneDepressione L’ossessione del controllo Falsi obiettivi © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 30. Cultura Filosofia Strategie Azione Risultati Destino © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 31. Cultura Linea della consapevolezza Filosofia Strategie Azione RisultatiLinea della visione Destino © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 32. Mancanza di consapevolezza/azione Falsi ostacoli Miopia Le malattiegestionale della comunità Stagnazione Depressione L’ossessione del controllo Falsi obiettivi © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 33. Vita Reattività TrasparenzaContributo SISTEMA Apertura Dinamicità Crescita / espansione Equilibrio © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 34. Mancanza di consapevolezza/azioneVisione antisiste- Falsi ostacolimica Miopia Le malattie gestionale della comunità Stagnazione Depressione L’ossessione del controllo Falsi obiettivi © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 35. Sono due i motivi per cui una persona/comunità fa una qualsiasi cosa: 1) Soddisfare i suoi valori 2) Soddisfare i suoi bisogni © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 36. I bisogni emozionali Certezza Significato/unicitàIncertezza/Varietà Legame/amore © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 37. I bisogni spirituali Crescere Contribuire Certezza Significato/unicitàIncertezza/Varietà Legame/amore © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 38. La progettazioneSignificatoPerché? – Qual è il suo scopo? – In che modo migliorerà l’ambiente? -Quale valore aggiunto apporterà? - Ecc.StrutturaQuanto costerà? - Quanto produrrà? - Quali sono le conoscenze/competenzenecessarie? - Come si sviluppa? - Ecc.RelazioneCome andrà venduto/presentato? - Come renderlo più comprensibile/appeti-bile? - Come possiamo coinvolgere gli altri? - Ecc. © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 39. livello ottimale di una COMUNITA’ LOCALE COSA da CHI DOVE (come) fa QUANDOè composta si ubica in che tempo-Popolazione -attività produttive -Il territorio - artigiani -alla data del -Addetti -L’ubicazione -commercianti -fino al -Pensionati -Le tipicità -fiere e mercati -nel periodo -Disabili -etc. -etc. -proiezione -etc. © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 40. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo –Esiste oggi la Comunità Locale?Esiste oggi la Comunità? O oggi siamo alla ricerca di unmito?Si può fare a meno della Comunità? In una societàaltamente tecnologica il mito della Comunicazione globale,quando si vuole e con chi si vuole … è poi vero?Non è che oggi vi siano dei modelli evoluti di Comunità, madi fatto molto simili a quelli in auge nell’impero romano, nelmedioevo, in India con le caste, in Cina con i “mandarini”?La recente direttiva dell’Unione Europea sulle professionicerca di eliminare le diversità tra ordini professionali e dieliminare gli ordini professionali stessi? © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 41. C’è chi sostiene, come Bulmer (1991) , che “comunità locale in terminigeografici è significativa per le famiglie povere con figli piccoli, malaticronici, etc..” identificando così la COMUNITA’ LOCALE con CETO SOCIALE.Comunità locale come risposta ad una “debolezza” dell’individuo o di ungruppo di individui.D’altro canto è sempre più viva un idea, non nuova, non legata alle necessità,ma delle scelte di appartenenza, di valore, di identità culturale, storica,personale, etc..Non nuova questa idea basti pensare a dove, come e quando si è radicato iltermine Comunitas … pensiamo alle comunità monacali monastiche sortealla soglia del disfacimento dell’Impero Romano. cum munus = che compie il proprio dovere insieme ad altri communis = bene comune communitas = comunità © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 42. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo –Ciucci (1990) sostiene che “la Comunità è una dimensione del sociale e unacostruzione sociale”, estendendo tale riflessione la comunità globale non esistesenza una comunità locale. Oggi si sente il bisogno non di NoGlobal ma diNewGlobal, in sintesi pensare e agire GLOCALE!La Comunità come esigenza dell’individuo legata all’esigenze della parte“bestiale”, gli animali e le piante non esistono come individui se non per alcuniaspetti come gli ermafroditi.O una Comunità come esigenza etica e politica di un insieme di individui, che sidanno regole condivise e quindi democratiche; comunità come luogo di lobbypositiva di valori e modelli. Comunità luogo fisico, spazio sociale, culturale, dicompensazione delle criticità, etc.In Etologia le comunità sono strategiche per il successo della specie, inparticolare delle nuovo specie, non esiste un individuo evoluto (Mendel) sequesto non fa evolvere la sua comunità. L’evoluzione non è un semplice processoindividuale ma comunitario.Tutte queste ottime ragioni e motivi per capire e capirci sul termine e suicontenuti di Comunità © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 43. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo –I fondamenti della Comunità partono Tonnies con le due definizioni: Gemeinshaft Gesellshaft Vissuto comunitario società © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 44. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo –Se la comunità si fonda su valori della democrazia, e la democrazia favorisce losviluppo del capitalismo, il capitalismo/consumismo contribuisce alla disgregazionedella famiglia e quindi della comunità che fonda in essa una delle sue cellule dibase territoriali economiche associative Le Comunità politiche naturali © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 45. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo –Alcuni studiosi affermano che, specie nella società americana, l’elemento oggiaggregante della famiglia è il “denaro contante”, unico aggregante sostitutivo aivalori solidaristici di parentela, unico legante di fronte alle difficoltà.Fa riflettere come la ristrettezza delle risorse economiche aumenti la coesione einduca le famiglie ad un maggiore scambio e forme di aiuto reciproco. Divorziocome uno dei possibili sintomi della società del benessere!La comunità può essere un placebo, soddisfa bisogni individuali, anche repressi:bisogni di potere, di essere protagonisti, di essere rispettati, di poter deciderequalcosa della propria vita e del proprio futuro e controllare ciò che accade nelproprio ambiente.Anche il degrado sociale e le devianze trovano soluzioni più concrete e durevolinelle comunità, trovano soprattutto strategie basate sull’attenzione e non sulladistrazione.La Comunità locale quindi come mezzo e strumento e non come fine. Si pensialla Comunità Europea © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 46. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Comunità Comunità Comunità ENTE LOCALE Comunità Comunità© Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 47. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Comunità Locale Ente Locale Comune Provincia Regione Stato Unione Europea ONU, WTO, FAO© Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 48. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo –© Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 49. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Richiesta Cittadino analisi Comunità risposta politica © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 50. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Richiesta Cittadino istruttoria Comunità risposta tecnica © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 51. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Richiesta Cittadino stasi Comunità Non risposta © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 52. COME FARE L’ANALISI blocco iniziale flow chart blocco iniziale e finale: dal blocco iniziale devessere possibileblocco azione blocco di raggiungere ogni altro blocco; lettura/scrittura da ogni blocco devessere possibile raggiungere il blocco finale; blocco azione e blocco lettura/scrittura: hanno un solo input e un solo output blocco di controllo blocco di controllo: ha un solo input e due output condizioni sugli input ed output (frecce): ogni input/output o entra in un blocco o confluisce in un input/output blocco finale © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 53. COME FARE L’ANALISI ciclo di demming Miglioramento continuo © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 54. ANALISI INIZIALEACT LOCALE PLANCHECK DO © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 55. falsi ostacoliI soldi,La genteLa cultura, OSTACOLI OSTACOLIL’ubicazione, INTERNI STRUTTURALIIl territorio,……. OSTACOLI © Sociologia di comunità e del territorio con elementiSOGGETTIVI di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 56. Sindrome del controllo in una Comunità locale Come si cerca di mantenere il controllo: Il maschio si imponePerché si controlla? La femmina manipolaPerché gli altri controllano? Razionalità RemissivitàControllore o controllato? FugaPOTERE : verbo o sostantivo? Se verbo forza dell’io, se sostantivo forza degli altriPotere o non potere (impotenza)?Potere o resistenza: a cosa si resiste? Il controllo si esercita tramite:-Al cambiamento Conoscenza-Al controllo altrui Comunicazione-Ai problemi (sono un tocca sana perché ti mettono in contatto con il tuopotenziale) Anticipazione (proazione)-Alla diversità Assunzione di responsabilità-Alla solitudine Trasparenza © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 57. I bisogni di una Comunità Locale CRESCEREBisogni spirituali CONTRIBUIRE CERTEZZA SIGNIFICATO / UNICITA’Bisogni emozionali INCERTEZZA / VARIETA’ LEGAME/AMORE
  • 58. Università di Padova – Consorzio Universitario di RovigoCom’è oggi la realtà!!?? È un insieme di dati? E’ un insieme di ruoli? E’ un insieme di singoli? E’ un insieme di comunità? E’ un insieme ?E’ colpa della realtà o è colpa mia?
  • 59. Ferdinand Tönnies (1855-1936), con la sua celeberrima opera del 1887,Comunità e società (Gemeinschaft und Gesellschaft)1. La comunità e un rapporto reciproco sentito dai partecipanti, fondato su di una convivenzadurevole, intima ed esclusiva.La vita comunitaria e sentita (implica comprensione, consensus), durevole, intima (confidenziale),esclusiva; al contrario, la vita societaria e razionale, passeggera, apparente (come tipo di legame),pubblica.Sono forme primitive di comunità:- il rapporto madre-bambino;- il rapporto uomo-donna;- il rapporto tra fratelli.Delle tre forme primitive di comunità, le prime due sono più istintive, la terza più umana. COMUNITA SOCIETA antica recente convivenza durevole convivenza passeggera convivenza genuina convivenza apparente (confidenziale, intima, esclusiva) (pubblica)
  • 60. Tönnies (1855-1936)COMUNITA’ Rapporto madre-figlio (comunità di sangue) Comunità corrispondenti interdipendenti e Rapporto marito-moglie compresenti (comunità di vicinato) legate al territorio Comunità di Rapporto fratello-sorella spirito, non (comunità di amicizia) necessariamente legata al territorio Nella comunità gli uomini vivono uniti nonostante tutto ciò che li divide
  • 61. Tönnies (1855-1936) 2.• I rapporti di affermazione reciproca, se positivi, danno origine ad associazioni: la comunita e unassociazione organica (sentita dai partecipanti), la societa e unassociazione meccanica, artificiale e recente. LAutore distingue comunita di lingua, di costume, di fede; societa di profitto, di viaggi, di scienze.• La societa e il pubblico, il mondo: "in una comunita con i suoi una persona si trova dalla nascita, legata ad essi nel bene e nel male, mentre si va in societa come in terra straniera". La societa implica delimitazione dei campi di attivita e prestazioni reciproche di pari entita (concetti di scambio e valore).• La comunita e caratterizzata dal diritto familiare, la societa dal diritto delle obbligazioni. In societa gli individui rimangono "separati nonostante tutti i legami". Il potere nella societa e a vantaggio di chi lo detiene, nella comunita e finalizzato alleducazione ed allinsegnamento.
  • 62. Tönnies (1855-1936): Società e Comunità sono due concetti e due categorie, due strumenti di analisi della realtàCOMUNITA’ Si fonda su idee CONCORDIA persone luoghi idee COSTUME persone luoghi idee RELIGIONE persone luoghi Nella comunità gli uomini vivono uniti nonostante tutto ciò che li divide
  • 63. Tönnies (1855-1936) 3.rapporto comunità dignita istinto parentela casa padre giustiziamaterno di sangue delletarapporto comunità dignita abitudine vicinato villaggio principe forzaconiugale di luogo ducalerapporto comunità dignita ricordo amicizia città maestro saggezzafraterno di spirito sacerdotale
  • 64. Tönnies (1855-1936): Società e Comunità sono due concetti e due categorie, due strumenti di analisi della realtàSOCIETA’ È e si definisce come volontà sociale È una CONVENZIONE È fatta di È regolata da Pensa con POLITICA Agisce tramite Condiziona / è condizionata Si manifesta con OPINIONE PUBBLICA Condiziona È condizionata da Nella società gli uomini sono divisi nonostante tutto ciò che li lega
  • 65. Tönnies (1855-1936) 4.La volontà comunitaria implica comprensione (consensus, che ha natura singola)e concordia (unita di cuore, che ha natura complessiva). La comprensione deriva dalla conoscenza reciproca che a sua volta richiede partecipazione e quindi vita comune, e richiede anche somiglianza (linguaggio). Sono leggi fondamentali della comunita: - lassuefazione (parenti, coniugi, vicini, amici); - la comprensione; - la vita comune (concordia). La comprensione e tacita, "la concordia non puo venire costruita" La comunita e unita nel differente, in essa le diseguaglianze reali non possono pero essere troppo accentuate. Lamicizia si fonda su un modo di pensare concorde e dalla comunanza di arti eprofessioni; i compagni darte sono compagni di fede e cooperano ad una stessa opera. I rapporti di amicizia sono i meno istintivi e i meno condizionati dallabitudine. Luomo si lega con le proprie opere, con il territorio, con la casa: possesso e godimento reciproco di beni comuni caratterizzano la vita comunitaria.
  • 66. Gemeinshaft e Gesellshaft non sono due parti dicotomiche e contrapposte,autoescludentesi, antitetiche, ma interdipendenti, interconnesse e compenetranti (P.Donati -1991 - da una rilettura di Tönnies) Gemeinshaft Gesellshaft Vissuto comunitario società
  • 67. Max Weber nasce a Erfurt inTuringia nel 1864 e muore nel 1920
  • 68. Max Weber (1864-1920): la Comunità non può essere definita oggettivamente, né da un punto di vista ecologico, né da un punto di vista socioculturale a) La comunità domestica b) La comunità del vicinato Comunità economica c) La città COMUNITÀ POLITICA d) Il comune Comunità sociali o società e) La nazione Comunità politica per Weber “il cui agire è rivolto a conservare un territorio con la forza fisica o con le armi”
  • 69. Talcott Parsons (1902-1979) - la comunità è: “quella collettività in cui i membricondividono un’area territoriale comune come loro base di operazioni per le attività quotidiane”.La comunità come aspetto o dimensione analitica della società ed è caratterizzata da quattro elementi strutturali: •La collocazione territoriale Luogo fisico ruoli e sede •L’occupazione e la sede di lavoro •La giurisdizione LexLinguaggio, tel., •Il complesso comunicativoPosta, mezzi di trasporto
  • 70. Robert Ezra Park (1864-1944) – il più importante rappresentante della scuola di Chicago Intende la comunità come un “sistema di interazioni” Con Bugess conia il termine di “Ecologia Umana” Ernst Haeckel coniò il termine ecologia nel 1869 oikos = casa o posto per vivere e logos = studio, ‘studio degli organismi nella loro casa’ Park ha una concezione dualistica (ecologica). La comunità è una popolazioneterritorialmente organizzata, radicata nel suolo e che occupa e in cui le unità individuali si trovano in una relazione di mutua dipendenza (simbiosi). Piramide ecologica = Piramide sociale Società = Livello culturale Visione organicistica ed ecologica di Park Comunità = livello biotico Territorio = nicchia ecologica
  • 71. MacIver (1949) sostiene che esite una Comunità quando i membri di un gruppo, piccolo o grande, vivono insieme in modo tale da condividere non questo o quel particolare interesse, ma le condizioni di base di una vita in comune Comunità totalizzante per gli individui, Comunità esiste solo se c’è autarchia MacIver descrive la comunità mediante due elementi: •Località o area territoriale (Aspetto fisico) •Sentimento (aspetto psico-socio-culturale)
  • 72. Secondo Berger e Luckman “la realtà è una costruzione sociale” La comunità è ciò che la gente pensa che sia Interazionismo simbolico Le concezioni di comunità emergono da:Tra residenti a) Interazione di reti di comunicazione e Formali o informali istituzioni b) Flussi informativi tra vari soggetti Secondo Webber (1970) ormai siamo nella dimensione della Comunità senza prossimità o comunità di interessi In un mondo globalizzato e con una forte diffusione dei mezzi di trasporto e di comunicazione, non esistono più condizionamenti territoriali
  • 73. Comunità come sistema La comunità può essere vista come un insieme di parti o di elementi fra i quali intercorrono fitte transazioni; tale esigenza è nata dalle nuove discipline scientifiche. Un sistema come insieme di parti correlate tra loro e funzionanti come un tutto. Ilsistema chiuso quando lo scambio con l’ambiente è limitato o nullo (è un sistema quasidel tutto teorico); sistema isolato cioè parzialmente aperto con l’esterno; sistema aperto è quello che ha un costante rapporto con l’esterno. Questa teoria è un “evoluzione” della comunità ecologica. Parole chiave: omeostasi
  • 74. La psicologia ecologico-transazionale studia le transazioni, gli scambi tra gli individui, piccoli gruppi e sistemi. I principi della teoria:a) l’obiettivo di un intervento sociale è il cambiamento del sistema; il cambiamento è il processo fondamentale; il cambiamento inizia da dove si è e avviene in funzione di uno scopo; ogni cambiamento implica turbolenza; b) La complessità è una caratteristica fondamentale di tutti i fenomeni; c) L’incertezza è la caratteristica fondamentale del mondo in cui viviamo. Long (1986) ha elaborato la teoria della Comunità come ecologia dei giochi. Il giococome comprensione e prevsione del comportamento degli individui. Conoscendo il ruolo e il gioco in corso, possiamo predire in modo efficace il comportamento dell’individuo. L’uomo è un animale che progetta e crea giochi e li gioca. I gruppi e le organizzazionisociali creano soddisfazioni, sia attraverso i loro scopi che attraverso il processo, il gioco come mezzo. Gioco politico, economico, bancario, ecclesiastico, etc.
  • 75. Newbrought (1989) è un gruppo di individui che vivono insieme. C’è un territorio, un senso di appartenenza, dei riti; la comunità come relazione dell’individuo con il gruppo sociale, definito come il problema dell’uno e dei molti. COMUNITA’ ORGANICA --- le api e l’alveare COMUNITA’ PER CONTRATTO SOCIALE --- c’è un contratto tra l’individuo e il collettivo, visione illuminista, legata ai gruppi di interesseCOMUNITA’ ELEMENTO DI UN SISTEMA SOCIALE UMANO --- il modello organico econtrattuale sono incompleti, è necessario avere una verità di molti che integra e rende interdipendente l’uno. Il principio ispiratore è che l’uno è sempre insufficiente e imperfetto e ha bisognodell’aiuto di altri, tale dipendenza è risolta in vari modi: la comunità organica enfattizza l’esserne parte e la lealtà; la comunità per contratto cocialeenfatizza l’eroe, attivo e indipendente, oggi diremmo il leader; la comunità del sistema sociale umano tende all’integrazione e all’interdipendenza di tutti nella società creando così legami. Libertà, fraternità,uguaglianza come base per una teoria della comunità per valutare l’impatto delle politiche sociali.
  • 76. La comunità a responsabilità limitata C’è chi sostiene da tempo che non ha senso chiedersi se la comunità locale esiste o no,ma piuttosto chiedersi per chi e in che misura essa esiste, diventano determinanti aspetti quali: • I bisogni delle persone e le alternative possibili di soddisfazione; •La capacità della comunità di soddisfare questi bisogni; •La compatibilità o l’accomodamento dei bisogni delle persone e delle capacità della comunità.Aziende, partiti, sindacati, associazioni culturali, gruppi di volontariato, etc. sono entità comunitarie anche se non hanno base territoriale ?
  • 77. D. Chavis e D. McMillan (1986) hanno elaborato una teoria integrata di diversi approcci: ecologico, sistemico, interazionista simbolico e ecologico/transazionale che viene definita Senso di comunitàGli individui, per superare solitudine e isolamento a cui sono condotti dall’assotigliarsi dei legami familiari, parentali e di vicinato, sono alla ricerca di appartenenze e di legami significativi, di contesti cioè che consentano di vivere il senso del “noi” a) Il senso di comunità è una forza che agisce all’interno, influisce positivamente sugli individui e della comunità, influenzata da altre forze; b) Il senso di comunità è un vissuto sperimentato da alcuni e trasmigrato agli altri appartenenti alla comunità (legame affettivo, di appartenenza, di aiuto, etc.)c) Il senso di comunità è il risultato affettivo di un investimento individuale e collettivo e un fatto di motivazione per l’individuo e i membri che vi appartengono Tutto ciò viene a fondersi in quattro elementi: senso di appartenenza e di connessione personale, influenzamento e potere, integrazione e soddisfazione dei bisogni e connessione emotiva condivisa.
  • 78. Senso di Appartenenza Territorio Integrazione e SENSO diPotere Soddisfazione COMUNITA’ dei bisogni Connessione emotiva condivisa
  • 79. SICUREZZA CONFINI EMOTIVA senso di appartenenza e di connessione personale SISTEMAIDENTIFICAZIONE DI SIMBOLI COMUNI INVESTIMENTO PERSONALE AFFETTIVO
  • 80. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Corso di Laurea in Educatore Sociale, culturale e Territoriale influenza e potere individuo PICCOLO GRUPPO COMUNITA’
  • 81. integrazione e soddisfazione dei bisogni status Nutrimento successo dell’autostima Protagonismocompetenza
  • 82. integrazione e soddisfazione dei bisogni Valori condivisi Bisogni/desideri legittimi illegittimi Scala di priorità negati Modalità di soddisfazionelegIttIme IllegIttImeaccettate rIfIutate
  • 83. connessione emotiva condivisa Senso di comunità Accettazione Forte alto controllo delle sociale rifiuto differenze della diversitàtolleranza tolleranza alta bassaIndifferenza Solitudine Liberi ma disgregazione soli Senso di comunità basso
  • 84. connessione emotiva condivisaContatto fra le persone Significatività della relazione fattori positivi Fattori negativi • eventi conclusi con successo • ambiguità delle relazioni • valenza degli eventi • umiliazioni inflitte ai membri • condivisione degli eventi • riconoscimenti dati ai membri
  • 85. C.L. e ricerca della felicità• Chi siamo • Azioni• Cosa facciamo • Obiettivi• Dove andiamo • Visione
  • 86. La comunità locale non è un unica “comunità”.Esistono delle sotto-comunità o comunità di settore: - Famiglia - Associazioni di volontariato - Condominio - Parrocchia - Scuola - Ospedale - Immigrati
  • 87. E’ interessante studiare queste comunità di settore con il senso della comunità locale e realismo, ci porta a modificare la qualità percettivadelle stesse, consentendoci di cogliere aspetti sottovalutati o nascosti, dando senso nuovo, un ottica nuova. Questo può consentirci di apprendere e relazionarci tra persone e/p coordinare il lavoro delle stesse comunità con nuovi elementi di comprensione e pertanto portarci ad analizzare le caratteristiche e conseguentemente svolgere un’azione più efficace.
  • 88. Famiglia Base e fondamento della comunità: Comunità familiare in Europa (cristiana) Comunità familiare in USA (qui, quo, qua) Comunità familiare in America latina (favelas) Comunità familiare in CINA (individuo - collettività) Comunità familiare in Idia (individuo – gruppo/casta) Comunità familiare in Africa (carpe diem) Comunità familiare in Europa Comunità familiare in Italia, Francia, Germania e Gran Bretagna, etc.Impostazione della morale familiare cristiana (nelle varie modifiche e diversità: protestante, luterana, anglicana, cattolica è presente e innegabile)
  • 89. Famiglia In estrema sintesi si possono individuare tre orientamenti di politica sociale familiare: Orientamento privatistico: famiglia come entità isolata, che si rivolgonodirettamente al mercato (fatto salvi alcuni servizi pubblici) per soddisfare i propri bisogni. Viene meno la funzione di mediazione del terzo settore e la forbice economica si manifesta marcatamente. Orientamento istituzionale: privilegia il soggetto pubblico come rogatore di prestazioni e servizi e si appoggia sul terzo settore (soggetti sociali). Famiglia come portatrice di esigenze e bisogni, valore positivo ridotto. Orientamento societario/relazionale: in cui vengono a crearsi rapporti bi o plurirelazionali, tra Stato e famiglia, tra famiglie e tra istituzioni pubbliche; la famiglia ha un ruolo attivo e lo Stato ne regola le competenze
  • 90. Associazioni di volontariato Sociale e socio-assistenziale Ambientale Sportivo Ricreativo Culturale, musicale, etc.GRUPPI DI CONSUMO CRITICO http://www.altromercato.it/ http://www.retegas.org/
  • 91. CondominioIl problema della qualità della vita è uno dei grandi temi, in particolarmodo legata alla “sub-urbe” cioè alla vita condominiale. E’ sicuramentel’unità base di vita urbana, a cui alcuni per ceto, per scelta e percircostanza scelgono o anelerebbero allontanarsi, altri traggono daquesta esperienza dimensioni psicologiche di sicurezza, dominio econtrollo dell’intorno, se così non fosse non ci si spiegherebbe le realtàdelle metropoli. Il condominio così come nella accezione più in uso è unedificio in proprietà comune, in tutto o in parte: ingresso, le scale,l’ascensore, il giardino, il tetto, la CT, etc.E’ una comunità possibile, ma spesso non diviene quasi mai una comunitàreale. Ci sono condomini molto diversi tra loro, per dimensioni, luoghi esituazioni, basti pensare ai condomini CITA di Marghera, o i condominidi città giardino a Padova. Ci sono condomi costruiti per essere e farecomunità e ci sono dei condomini dormitorio. L’urbanistica e la qualitàdell’edificato condizionano le relazioni e ovviamente la privacy…. (unmuro in carton gesso…)
  • 92. Condominio 2Alcuni condomini sono caratterizzati da avere un nome, altri no e sonoidentificati solo con la via e il numero civico. Alcuni evocano simboli altriinvece sono anonimi e identificano nel loro insieme anche un quartiere (viaAnelli…)I condomini hanno confini fisici evidenti, la presenza o meno di un custode odi un portiere ne identifica la tipologia e anche le problematiche.Una delle problematiche condominiale è la gestione degli spazi comuni:interni o esterni, la loro fruizione e il loro utilizzo è fonte di mediazioni e ….Le riunioni di condominio sono disciplinate dal Codice Civile, tale èl’importanza e l’articolazione delle problematiche, che possono essereaffrontate nella sala condominiale o in altri spazi idonei a seconda del numerodei convenuti.L’amministratore condominiale è una figura professionale specifica oggi piùdi ieri, necessita di competenze, accuratezza e precisione, qualità non facilida individuare, reperire e mantenere!!!
  • 93. ParrocchiaLa parrocchia è una delle “unità di base” della Chiesa cattolica. Leparrocchie sono territoriali e distribuite nel territorio storicamenteassegnato ad un Vescovo, facenti parte di una Diocesi (dal latino diocesi,dal greco dióikésis, da dioikéó = “amministro”). Ogni vescovo regge una diocesied esercita il suo ministero in seno al colelgio episcopale (CEI), incomunione con il vescovo di Roma, I sacerdoti esercitano il loroministero in seno al presbiterio (dal latino presbyterium, dal greco presbùteron =“consiglio degli anziani”) della diocesi, sotto la direzione del Vescovo.La parrocchia è un punto importante per i fedeli ma non solo, inparrocchia si trovano vari “servizi” e attività di volontariato. E’ unacomunità territoriale, in quanto ha nome, confini, la festa, la chiesa, ilpatronato, l’integrazione dei bisogni e la connessione emotiva.La parrocchia è retta da un parroco, o da un laico, soprattutto per gliaspetti amministrativi. C’è un consiglio pastorale eletto tra iparrocchiani che partecipano e appartengono alla parrocchia, confunzioni amministrative, ma non solo, anche di scelta e condivisione emetabolizzazione dei percorsi.
  • 94. Parrocchia 2 La parrocchia è la casa comune: il luogo della catechesi, è il cuore della vita liturgica delle famiglie cristiane. La casa comune ègeneralemente composta dalla chiesa, dal campanile, dal patronato, le sale parrocchiali, dalla canonica, dal “campetto”. La chiesa e il campanile sono simboli forti da qui il Campanilismo. Le celebrazioni o feste liturgiche, nel corso dell’anno vi sono in tre tempi distinti: ordinario, avvento e quaresima, si rievoca la vita, le azioni e il pensiero di Cristo con la simbologia, la preghiera, l’ascolto. Le feste sono un legame temporale e fisico importante della comunitàcosì come le consacrazioni: battesimi, comunioni, cresime, matrimoni e funerali. Il parroco è il “pastore”, il padre spirituale della parrocchia. Con lui e attraverso lui la parrocchia cammina, grazie ad una attività pastoraleche coinvolge e coordina le varie attività. Il consiglio parrocchiale ha il compito di coadiuvare il parroco nelle scelte amministrative e gestionali, con specifiche deleghe da parte del parroco.
  • 95. Parrocchia 3La parrocchia crea una comunità nella comunità locale, crea occasioni per le persone, di incontro, condivisione, crescita. Crea la possibilità di avere deiruoli sociali e comunitari, che possono gratificare le persone e i gruppi attivi Il legame spirituale e le tensioni etiche e morali tengono unite le persone,accomunando i credenti, rinforzando il loro legame, ovviamente con elementi di continuità e di discontinuità. La parrocchia, specie in alcune realtà, è l’unico centro di aggregazione che coinvolge fasce d’età eterogenee. E’ un ottimo osservatorio sulla comunità Più parrocchie possono identificarsi e costituire un vicariato, sono aree territoriali omogenee per problematiche, in cui opera un vicario del vescovo, un consiglio vicariale e una comunità vicariale. Parrocchie e vicariati costituiscono la diocesi, lediocesi e i loro vescovi costituiscono la Conferenza Episcopale Triveneta, la CEI, che ha un presidente, delle commissioni episcopali, degli organismi e uffici, la Curia Romana con la segreteria di Stato, le Congregazioni (per la dottrina e la fede, per lecheise orientali,etc., i Tribunali (tra cui la Sacra Rota Romana, i Pontifici Consigli (per i laici, per la famiglia, dei migranti, etc., le Nunziature Apostoliche.
  • 96. ScuolaIl mondo della scuola è un molto articolato: pubblica o privata?La scuola è una vera e propria comunità. Lo è la scuola d’infanzia, lo èquella elementare, media, superiore, l’università. Ha un nome, deiconfini, un sistema di norme e di valori, che accomunano il “sistemascolastico” differenziandosi per plesso, città, provincia, regione, stato.Nella scuola e alla scuola ci si riferisce come comunità non soloperché si erogano dei servizi, scambio di nozioni e capacità, modelliculturali, valori, norme, modalità relazionali e lavori.La comunità scolastica e la comunità locale sono in un rapporto diinterdipendenza e si influenzano reciprocamente, mentre però i modellidi un ente locale sono rigidi e poco modificabili, quelli scolastici sonoper necessità ed esigenza più elastici e proprio per tali ragionipossono fare e fanno cultura.
  • 97. ScuolaLa dinamica di percezione, monitoraggio, azione di comportamenti“devianti”, è si da un lato un problema per il mondo degli “adulti”, manon solo, può presentarsi anche come occasione di modifica ecambiamento dei modelli e della scala dei valori, nonché la percezionedegli stessi.La comunità scolastica e la comunità locale, nella loro interazioneconducono a:- discutere e approfondire i modelli comportamentali;- tutte le componenti hanno una quota di “potere” tale da indurrecambiamenti;- tutti possono avere lo spazio attivo, e non passivo, di assumerecomportamenti ricercando soluzioni.Tali elementi che potrebbero sembrare banali o addirittura irrilevantisono, invece, la base della convivenza civile e della democrazia.
  • 98. Scuola La democrazia educativa nella comunità scolastica è un percorsoarticolato, complesso, necessario per una democrazia reale, sia nei rapporti verticali (insegnante/alunno), orizzontali (insegnanti/insegnanti, allievi/allievi) e intersistemici (insegnanti/genitori, scuola/comunità locale). Le decisioni in seno alla classe, al consiglio d’istituto riguardano direttamente le problematiche di gestione del potere e della partecipazione. Consiglio di circolo Consiglio d’istituto Distretto scolastico
  • 99. Immigrati La sensazione più comune, legata alla parte animale dell’essere umano è quella di minaccia, invasione di un territorio, incapacità di accettar e riconoscere le diversità, come sfide, ricchezza, capacità.Non tutti gli immigrati sono organizzati in comunità, anche se si fa sempre più strada in loro che il costituirsi inassociazioni e e gruppi organizzati li rende meno vulnerabili.Le comunità di immigrati si contraddistinguono per luogo di residenza (sia di provenienza o attuale), per relazioni (comunità/gruppi aperti e gruppi chiusi), per attività lavorativa (tessile/cinesi, trasportatori/ganesi, filippini/domestici ….).
  • 100. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Stato Federale soluzione LE SCELTE caratterizzato dallUnione di intermedia DEI COSTITUENTI Stati membri sovrani "Stato del 48 Regionalista" Stato accentrato privo di forme di autonomia 1) bisogno di democraticità - avvicinamento del potere politico alla collettività; IL PERCORSO 2) garanzia di possibili degenerazioni autoritarie NORMATIVO LO STATO mediante la contrapposizione di governi DELLIDEA REGIONALISTA regionali a quello centrale;REGIONALISTA 3) diversi bisogni delle aree regionali; 4) particolari situazioni etnico linguistiche per le regioni speciali A Statuto Speciale - Leggi Costituzionali n. 2 - 3 - 4 - 5 del 26/02/1948 LE REGIONI A Statuto Ordinario - Indicate nellart. 131 della Costituzione nel numero 14 - Il Molise si aggiunse nel 1963 con Legge Costituzionale n. 3 del 27/12/1963
  • 101. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Dal 1948 al 1970 solo un provvedimento normativo venne emanato per lattuazione dellOrdinamento Regionale, la legge 10/02/81953 n. 62. le tre fasi storiche del decentramento Amministrativo 1970 - 1977 - 1997 le tre modifiche costituzionali 1/99 - 2/01 - 3/01 L.C. 1/99 1) Elezione del Presidente della Regione 2) Maggiore autonomia Statutaria 3) Allo Statuto le cause di ineleggibilità e incompatibilità 4) Definire la forma di governo LE TAPPEFONDAMENTALI 5) Nuovo procedimento di formazione dello Statuto regionale L.C. 2/01 Regioni Statuto Speciale L.C. 3/01 a) capovolta lelencazione degli Enti Territoriali, dal Comune allo Stato b) viene riconosciuta una piena autonomia agli Enti (salvo i principi costituzionali) c) diversa e rovesciata ripartizione della potestà legislativa d) riconoscimento costituzionale alle Regioni della condizione di una certa forma politica estera e) attuazione dei principi di sussidiarietà - differenziazione e adeguatezza nellesercizio delle funzioni amministrative f) costituzionalizzato nellart. 119 il "federalismo fiscale".
  • 102. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Ente territoriale costituzionale dotato di autonomia NATURA GIURIDICA statutaria - politica - legislativa - amministrativa e finanziaria - Ente ad appartenenza necessaria LAREGIONE CONSIGLIO REGIONALE ORGANI DELLA GIUNTA REGIONALE REGIONE PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE CONTROLLO STATALE SUGLI ORGANI REGIONALI (art. 126 Cost.)
  • 103. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – ORGANI DELLA REGIONE CONSIGLIO REGIONALE Organi interni:funzioni:legislativa e regolamentare Presidentedi controllo Ufficio di Presidenzadi indagine I Consiglieri godono: Commissioni Consiliaridi inchiesta a) dellinsindacabilità (art. 122, 4 c. Cost.) Gruppi Consiliari b) libertà del mandato politico Conferenza Capigruppo c) particolare trattamento economico d) non godono di immunità penali composizione - da 30 a 80 Consiglieri durata - 5 anni elezione - proporzionale con premio di maggioranza Cause di ineleggibilità: L. 55/98 - Condanne definitive Leventuale elezione è nulla e lOrgano che lha deliberato è tenuto a revocarla con ammissione di ricorso al Tribunale Civile. Sospensione di diritto in presenza di condanne non definitive. Lincompatibilità genera la scelta dellinteressato e poi, se permane, la dichiarazione di decadenza
  • 104. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – ORGANI DELLA REGIONE GIUNTA REGIONALE organo esecutivo di iniziativa legislativa regolamentare predispone bilanci predispone programmi di sviluppo
  • 105. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – ORGANI DELLA REGIONE PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Rappresenta la Regione Presiede la Giunta Capo dellAmministrazione CONTROLLO STATALE SUGLI ORGANI REGIONALI (art. 126 Cost.)Scioglimento del Consiglio Regionale • atti contrari alla Costituzione nei casi di: • gravi violazioni di leggeRimozione del Presidente della Giunta • ragioni di sicurezza nazionale con decreto motivato del Presidente della Repubblica sentita la Commissione per le questioni regionali
  • 106. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – 1) STATUTARIA AUTONOMIA 2) LEGISLATIVAdelle REGIONI 3) AMMINISTRATIVA
  • 107. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Natura Giuridica dello Statuto: sono leggi sostanzialmente e formalmente regionali AUTONOMIAdelle REGIONI Statuto steso in armonia con la Costituzione. Determina - la forma di Governo - i principi fondamentali di organizzazione 1) STATUTARIA - i principi fondamentali di funzionamento Art. 114 c.2 e 123 c.1 - il diritto di iniziativa legislativa e referendaria - la pubblicazione delle leggi e dei regolamenti Approvato dal Consiglio con maggioranza assoluta e con due deliberazioni successive in due mesi. Può essere sottoposto a referendum da 1/50 degli elettori o da 1/5 dei Consiglieri.
  • 108. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – dello Stato - Primaria vincolata al rispetto della Costituzione dell’Ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali ESCLUSIVA - ripropone l’elencazione di cui all’art. 1 c. 3 L. 59/97 esemplificativamente: Art. 117 c. 2 - rapporti internazionali (dello Stato) - politica economica e monetaria - sicurezza dello Stato (Difesa – Interni e Forze Armate) - giustizia - dogane, pesi e misure Regioni = Residuale = - livelli essenziali delle prestazioni, profilassi internazionale, Primaria, Vincolata al opere dell’ingegno. 2) rispetto della - Porti, aeroporti, grandi reti di trasporto e di navigazioneLEGISLATIVA Costituzione all’Ordinamento Comunitario e agli dello Stato e delle Regioni obblighi internazionali Spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei principi fondamentali per i quali dispone legislativamente lo Stato. Esemplificativamente: - Rapporti internazionali e con l’Unione Europea CONCORRENTE - Commercio con l’estero Art. 117 c. 3 - Tutela della salute - Istruzione e formazione professionale - Alimentazione - Ordinamento sportivo - Valorizzazione dei beni culturali e ambientali
  • 109. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Negoziare con lo Stato altre forme particolari di autonomia sia sul versante legislativo che amministrativo Il Regionalismo differenziato Art. 116 c. 3 1) Possibilità di passare dalla concorrente alla esclusiva su tutte le materie del 3 c. del 117; 2) Addirittura per alcune materie riservate allo Stato (2 c.) passare alla esclusiva regionale: a)organizzazione del giudice di pace b)norme generali sull’istruzione c)tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali.LEGISLATIVA Complessità del procedimento per il riconoscimento delle più ampie forme di autonomia (rileggere pag. 295) 1) Partecipare alle decisioni dirette alla formazione degli atti normativi comunitari l’attività nelle relazioni 2) Procedere direttamente all’attuazione degli accordi internazionali – Art. 117 c. 5 e 9 internazionali; 3) Concludere accordi con Stato; 4) Concludere intese con enti territoriali interni ad altro Stato; Sempre nelle materie di legislazione concorrente ed esclusiva.
  • 110. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – - IniziativaPROCEDIMENTO di FORMAZIONE - Istruttoria (Commissari in sede referente delle Leggi regionali - Fase deliberativa (articolo per articolo) - Promulgazione - Pubblicazione Solo sotto il profilo della legittimità costituzionale “quando ecceda la competenza della Regione” davanti alla CONTROLLO SULLE LEGGI Corte Costituzionale su ricorso dello Stato REGIONALI - Art. 127 o di altre Regioni
  • 111. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – LIMITI all’ATTIVITA’ LEGISLATIVA REGIONALE - Rispetto della Costituzione - Ordinamento Comunitario e obblighi internazionali - territoriale - delle materie - dei principi fondamentali (per la concorrente) - delle riforme economico-sociale (elaborata dalla Corte Costituzionale) LA POTESTA’ REGOLAMENTARE Art. 117 c. 6Spetta alle Regioni in via generale. Allo Stato solo nelle materie di sua competenza legislativa esclusiva salvo che, in queste, non proceda alla delega alle Regioni. Organi competenti – Consiglio e Giunta.
  • 112. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Le tre fasi del trasferimento di funzioni Dal parallelismo alla sussidiarietà verticale (Comune, soggetto a competenza generale3) AMMINISTRATIVA art. 13, L. 267/00) - l’adeguatezza - la differenziazione La sussidiarietà orizzontale (art. 118 c. 4 Cost. e art. 3 c. 5 L. 267/00)
  • 113. TRASFE- 1° FASE L. 281/70 e decreti delegati del 1972 in numero di 11 RIMENTO DELLE 2° FASE L. 382/75 e decreti delegati in numero di 3 nel 1977 – 616 FUNZIONI – 617 –618 AMMINI- 3° FASE STRATIVE L. 59/97 e decreti legislativi vari tra cui il 112/98 Attenuazione trasferimento del principio Conferimento deleghe del paralleli- attribuzione smo Sviluppo economico e attività produttive Conferma 4 Settori Territorio, ambiente e infrastrutture Organici come regola il Servizi alla persona e alla Comunità livello locale Polizia regionale e locale per l’esercizio di compiti e funzioniLa “ratio” della L.C. 3/01 consiste nel garantire la copertura costituzionale ai contenuti della Riforma Bassanini che ha rappresentato lamassima concessione di autonomia da parte dello Stato, attribuita con legge ordinaria (a Costituzione invariata).
  • 114. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – LE MATERIE DEL DECENTRAMENTOSviluppo economico e Territorio e ambiente Servizi alla persona e Polizia attività produttive a)Territorio e alle Comunità Amministrativa a)Artigianato Urbanistica a) Tutela dell’ambiente Regionale e Locale b)Industria b)Edilizia Residenziale b) Servizi Sociali c)Energia Pubblica c) Istruzione Scolastica d)Miniere e risorse c)Protezione della d) Formazione geotermiche cultura Professionale e)Fiere, Mercati e d)Tutela e) Mercato del Lavoro Commercio dell’inquinamento f) Beni, attività f)Turismo (idrico, acustico, culturali e sportiveg)Agricoltura e Pesca atmosferico, del suolo ed elettromagnetico) e)Risorse idriche f)Opere Pubbliche g)Viabilità h)Trasporti i)Protezione Civile
  • 115. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Art. 4 – Ruolo propulsore delle Regioni Nel D.L.vo Art. 5 – Principi di cooperazione – forme 267/00 di partecipazione alla formazione dei piani e programmi regionaliRAPPORTI FRA Nel nuovo Pari dignità; con attribuzione però delle REGIONI E sistema funzioni amministrative ai Comuni (salvo ENTI LOCALI costituzionale assicurare l’esercizio unitario) Il Consiglio delle Art. 123 u.c Autonomie Locali
  • 116. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – immigrazione Funzione di Ex art. 118 c. 3 Cost. ordine pubblico e sicurezza indirizzo e tutela dei beni culturali coordinamento Precedenti storici: art. 17 L. 281/70 art. 3 L. 382/75, oggi art. 8 L. 59/77 La Conferenza Istituita nel 1983 Stato - Regioni Conferenza dei Presidenti delle Regioni RAPPORTI FRA REGIONI La Conferenza Istituita nel 1996 disciplinata ENTI Stato Città e compiutamente con D.Lvo 281/97SOVRAORDINATI Autonomie Locali La Conferenza Istituita con D.Lvo 281/97 Unificata La Commissione Parlamentare per le art. 126 Costituzione questioni regionali L. 341/95 Coordinamento fondi e la Cabina di Regia Europei strutturali
  • 117. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – POTERI SOSTITUTIVI dello STATO (Art. 120 Cost.) nei confronti di Organi di Regioni, Province, Comuni E PARTECIPAZIONE delle REGIONI all’ATTIVITA’ LEGISLATIVA STATALE • Mancato rispetto di norme e trattati internazionali o della normativa comunitaria; • Pericolo grave per l’incolumità e la sicurezza pubblica;• Quando lo richiedono la tutela dell’unità giuridica, dell’unità economica e la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni civili e sociali; ---------------***---------------***--------------- 1. L’iniziativa legislativa regionale – 2° c. art. 121 Cost. 2. La richiesta di referendum abrogativo Art. 75 c. 1 Costituzione e costituzionale Art. 135 c. 2 Costituzione (500.000 elettori o 5 Cons. Regionali)3. La partecipazione alle elezioni del Presidente della Repubblica (tre delegati per ogni Regione)4. La partecipazione alle modificazioni territoriali Regioni e Provinciali (1 c. dell’art. 132 Cost.) 5. La partecipazione alla programmazione nazionale (art. 41 u.c. Cost.)
  • 118. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – AUTONOMIA FINANZIARIA E CONTABILE art. 119 Cost1) di entrata e di spesa (c.1) gli enti locali hanno risorse autonome e possono stabilire e applicare tributi e entrate proprie. Agli stessi sono riconosciute compartecipazioni al gettito dei tributi erariali riferiti al loro territorio (c.2)2) fondo di perequazione dello Stato per integrare le risorse finanziarie dei territori con minore capacità fiscale per abitanti (c. 3)3) risorse aggiuntive ed interventi speciali dello Stato a favore di determinati enti per promuovere lo sviluppo economico e rimuovere gli squilibri (c. 5)4) tali risorse devono consentire agli Enti di finanziare integralmente le funzioni pubbliche loro attribuite (c. 4), con esclusione di quelle del precedente n. 4
  • 119. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – AUTONOMIA FINANZIARIA E CONTABILE art. 119 Cost TRIBUTI PROPRI 1. IRAP (aliquota 4,25%)2. tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche (TOSAP) appartenenti alla Regione 3. Imposta sulle concessioni statali (applicata all’uso e all’occupazione di beni demaniali e patrimoniali indisponibili dello Stato) 4. tasse sulle concessioni regionali5. addizionale regionale all’imposta di consumo sul gas metano e imposta sulla benzina per autotreni 6. tasse automobilistiche regionali 7. tassa regionale per il diritto allo studio universitario 8. tassa speciale per il deposito di discarica di rifiuti solidi 9. addizionale regionale all’IRPEF 10. compartecipazione regionale all’IVA
  • 120. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – AUTONOMIA FINANZIARIA E CONTABILE art. 119 Cost Legge finanziaria Bilancio Pluriennale Bilancio Annuale principi di bilanciogestione provvisoria e esercizio provvisorio variazioni (G.R. e fino al 30/11) assestamento (entro il 30/6) rendiconto/consuntivo (entro 30/6)
  • 121. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – • La provincia Ente territoriale costituzionale dotato di autonomia NATURA GIURIDICA politica - amministrativa e finanziaria - Ente ad appartenenza necessaria LAPROVINCIA CONSIGLIO PROVINCIALE ORGANI DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA PRESIDENTE
  • 122. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Territorio Popolazione Personalità giuridica
  • 123. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Efficienza Efficacia Economicità Trasparenza
  • 124. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Organi Presidente della Provincia Consiglio Giunta Presidente del Consiglio
  • 125. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Territorio Popolazione Personalità giuridica Efficienza Efficacia Economicità Trasparenza
  • 126. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – • IL COMUNE: • elementi costitutivi e funzioni • autonomia statutaria del comune• autonomia regolamentare del comune • gli organi • gli atti del comune • il controllo sugli organi
  • 127. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – •Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267•Testo unico delle leggi sullordinamento degli enti locali.
  • 128. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Ente territoriale costituzionale dotato di autonomia NATURA GIURIDICA politica - amministrativa e finanziaria - Ente ad appartenenza necessaria ILCOMUNE CONSIGLIO COMUNALE ORGANI DEL GIUNTA COMUNALE COMUNE SINDACO
  • 129. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – elementi costitutivi e funzioni autonomia statutaria del comuneautonomia regolamentare del comune
  • 130. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – • ente locale; LA NATURA GIURIDICA DEL COMUNE • ente territoriale; art. 114 Cost. Ente più vicino ai cittadini • ente autarchico; • ente necessario; • ente ad appartenenza necessaria; • ente esponenziale; • ente autonomo • la popolazione; ELEMENTI COSTITUTIVI DEL COMUNE • il territorio; • la personalità; • il patrimonio Listituzione di nuovi Comuni o la modifica delle MODIFICHE TERRITORIALI loro circoscrizioni e denominazioni sono riservate alla legge regionale Limite dei 10.000 abitanti i principi di sussidiarietà, adeguatezza e differenziazioneFUNZIONI DEL COMUNE art. 118 - Le funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni
  • 131. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo –LAUTONOMIA STATUTARIA QUALE ESPLICAZIONE DELLA POTESTA NORMATIVA DEL COMUNE Art. 4 L. 131/2003 contenuti degli Statuti procedimento di approvazione (2/3 dei consiglieri) AUTONOMIA REGOLAMENTARE DEL COMUNE POTESTA REGOLAMENTARE DEL COMUNE atti formalmente amministrativi atti sostanzialmente normativi
  • 132. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – gli organi Sindaco Giunta comunale Consiglio Comunale Commissioni Consiliari Capi gruppo
  • 133. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Sindaco Competenze e ruolo Il Sindaco rappresenta la comunità e lAmministrazione comunale. E lorgano responsabile dellAmministrazione del Comune, spetta al Sindaco, oltre allesercizio delle competenze attribuitegli dalla legge e da altri articoli dello statuto: formulare gli indirizzi generali dellazione politica e amministrativa del Comune, nominare gli assessori e coordinarne l’attività; revocare uno o più assessori, dandone motivata comunicazione al Consiglio; distribuire gli affari sui quali la Giunta deve deliberare tra i membri della Giunta stessa, in relazione alle funzioni individuate nel documento programmatico e alle deleghe rilasciate; concordare con la Giunta il contenuto di dichiarazioni che impegnino la politica generale del Comune; impartire direttive al Segretario generale e ai dirigenti per l’attuazione degli obiettivi e dei programmi definiti con atti di indirizzo;verificare lo stato di attuazione del documento programmatico e dei programmi approvati dal Consiglio adottando gli strumenti opportuni; conferire la procura alle liti a seguito di apposita deliberazione della Giunta comunale; provvedere, secondo gli indirizzi stabiliti dal Consiglio, alle nomine, alle designazioni e alle revoche deirappresentanti del Comune presso enti, aziende, istituzioni e società, non attribuite dalla legge e dallo statuto alla competenza del Consiglio; informare la popolazione di situazioni di pericolo o comunque connesse con esigenze di protezione civile, avvalendosi dei mezzi tecnici individuati nei piani provinciali di protezione civile e raccordandosi con i competenti organi statali, regionali e provinciali nonché con le associazioni di volontariato.Il Sindaco, quale ufficiale del governo, svolge i compiti affidatigli dalla legge e in particolare adotta i provvedimenti contingibili ed urgenti in materia di sanità, igiene, edilizia e polizia locale per prevenire ed eliminare gravi pericoli all’incolumità dei cittadini e sovrintende all’espletamento delle funzioni statali attribuite al Comune.
  • 134. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Giunta Il Sindaco e gli Assessori ricevono i cittadini previo appuntamento con le rispettive segreterie. La Giunta comunale si riunisce, di norma, il xxxxxxxxx ed è così composta: Sindaco es.: •affari generali - bilancio - relazioni esterne - programmazione e controllo - servizi informatici e telematici - protezione civile VICE-SINDACO •servizi sociali - servizi sportivi e impianti sportivi - manifestazioni sportive ASSESSORI e relative deleghe es.: •urbanistica - edilizia privata - stage•partecipazione - decentramento - politiche di pace - relazioni internazionali - ufficio relazioni con il pubblico - rete civica - servizi demografici e cimiteriali - città sane - progetti comunitari •commercio - turismo e attività produttive •mobilità - città metropolitana - verde - acque fluviali - arredo urbano •tributi - patrimonio - rapporti con il mondo del lavoro - manutenzioni - provveditorato - polo catastale •lavori pubblici – edilizia comunale - infrastrutture - edilizia monumentale - •servizi scolastici - edilizia scolastica - qualità urbana - politiche giovanili •ambiente - parchi urbani - culture ed integrazioni - agenda 21 - cooperazione internazionale •risorse umane - polizia municipale - avvocatura - contratti •politiche culturali e spettacolo - musei •politiche abitative e politiche dell’accoglienza e dell’immigrazione - edilizia residenziale
  • 135. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Consiglio comunale Il Consiglio comunale di Padova è composto dal Sindaco e da 40 consiglieri.Su convocazione del Presidente si riunisce di norma nella giornata di xxx, alle ore xx:00, presso la sala consiliare. Le sedute sono pubbliche. Lordine dei lavori, stabilito dalla conferenza dei capigruppo, è affisso allalbo pretorio il giorno precedente a quello stabilito per la riunione ed è consultabile online.COMPOSIZIONE E DURATA IN CARICA (5 anni)ELEZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE maggioritario secco ad unico turno (sotto i 15.000 abitanti) proporzionale corretto con premio di maggioranza (sopra i 15.000 abitanti)LE CAUSE DI INELEGGIBILITA, INCANDIDABILITA E DI INCOMPATIBILITA (capi della Polizia, Prefetti,Generali Sacerdoti, Magistrati, condannati penalmente, colui che ha debiti col Comune)LO STATUS DEL CONSIGLIEREIL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALEATTRIBUZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE
  • 136. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Commissioni consiliariIl Consiglio comunale istituisce nel suo ambito le commissioni consiliari permanenti per materia, o gruppi di materie affini o complementari, con compiti istruttori o di controllo. I componenti della commissione, compresi i loro presidenti e i vice presidenti, sono nominati con provvedimento del presidente del Consiglio comunale. Le commissioni svolgono una funzione consultiva e preparatoria degli atti di competenza delConsiglio nonché vigilanza sullattività amministrativa del Comune ed hanno facoltà propositiva nei riguardi della Giunta. Le riunioni vengono tenute normalmente nei giorni feriali. Alle sedute delle commissioni possonoprendere parte il sindaco, gli assessori competenti per materia e i capigruppo consiliari. Le sedute delle commissioni sono pubbliche. Sono tenute in forma segreta nei casi in cui vengono trattati argomenti che possano pregiudicare il diritto di riservatezza di persone, di gruppi o di imprese, o compromettere linteresse dellamministrazione comunale. es: Commissione I - politiche della qualità della vita e della partecipazione Commissione II - politiche economiche Commissione III - politiche culturali Commissione IV - politiche educative e scolastiche Commissione V - politiche del territorio e delle infrastrutture Commissione VI - politiche per la promozione dei servizi alla persona Commissione VII - politiche del controllo e di garanzia
  • 137. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Conferenza Capigruppo La conferenza dei capigruppo svolge un lavoro preparatorio al consiglio in quanto stabilisce sia il calendario dei lavori, sia lordine degli argomenti da trattare. Può assumere decisioni in merito ad argomenti proposti dal presidente e attinenti allorganizzazione del consiglio o delle commissioni consiliari che non siano già definitedal regolamento del consiglio stesso. La conferenza ha inoltre competenza in merito alla revisione dello statuto e alla predisposizione e aggiornamento dei regolamenti del Comune di Padova. Composizione La conferenza dei capigruppo è formata dai capigruppo di ciascun gruppo consiliare, èconvocata e presieduta dal presidente del consiglio, affiancato dai due vice presidenti; vi partecipa il sindaco o suo delegato.
  • 138. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Difensore civico LAmministrazione comunale ha istituito lufficio del Difensore civico per garantire la legalità, il buon andamento e la trasparenza dellazione amministrativa del Comune e delle sue istituzioni. I cittadini possono rivolgersi al Difensore civico per: - segnalare abusi, disfunzioni, irregolarità, carenze, omissioni, negligenze e ritardi dellattività degli organi e degli uffici comunali, durante il procedimento amministrativo e nellemanazione di singoli atti anche non definitivi;- richiedere assistenza e tutela nellesercizio del diritto di accesso agli atti e ai documenti amministrativi del Comune e servizi collegati. Gli interessati possono rivolgere le proprie istanze direttamente al Difensore civico negli orari di ufficio oppure presentare domanda scritta. Il Difensore civico comunica al richiedente lesito del proprio intervento.
  • 139. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – gli atti del comune e della PAtutto ciò che viene protocollato e registrato è potenzialmente un atto … Vengono definiti atti: Lettere formali protocollate Pareri formali protocollati Ingiunzioni Determine o Decreti Delibere di Giunta Delibere di Consiglio Cosa contengono gli atti: Data, n° progressivo, protocollo Chi li fa e chi li ha istruiti Le norme di riferimento Le decisioni assunte
  • 140. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – LEGGE 7 agosto 1990 n. 241 e succ. modifiche .Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi
  • 141. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – ACCESSO AGLI ATTI E possibile prendere visione e/o avere copia di atti quali: - ordinanze contingibili ed urgenti e a carattere generale; - decreti di nomina assessori comunali e attribuzione deleghe; - decreti di nomina dei rappresentanti del Comune presso enti ed istituzioni pubbliche; - decreti di nomina dei dirigenti. La conoscibilità si estende per ciascun atto anche ai documenti richiamati ed allegati.Per prendere visione e/o avere copia è sufficiente fare richiesta al Settore Organi Istituzionali e Affari Generali del Comune di Padova. LAmministrazione ha facoltà di non esibire quegli atti e/o quei particolari che comportino una chiara e ingiustificata violazione del diritto alla riservatezza delle persone. Modalità Per prendere visione e/o avere copia degli atti è necessario presentare richiesta scritta (o verbale non sempre). CostiPer il rilascio di copie autentiche di atti e documenti è dovuto il pagamento dellimposta di bollo (salvo eccezioni di legge) e dei diritti di segreteria, nonché il rimborso delle spese di riproduzione e di ricerca.Possono essere rilasciate copie non autentiche, non assoggettate allimposta di bollo né ai diritti di segreteria, con pagamento delle sole spese di riproduzione e di ricerca, secondo il tariffario vigente. TempiImmediatamente per gli atti raccolti nella biblioteca del servizio, o entro un termine massimo di 5 giorni nel caso di copie di atti particolarmente complessi e riproducibili in automazione dufficio; entro 5 giorni nel caso di atti conservati presso larchivio corrente della Segreteria Generale; entro 15 giorni per gli atti in Archivio Generale o per atti non riproducibili in automazione.
  • 142. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – il controllo sugli organi IL CONTROLLO SUGLI ORGANISCIOGLIMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE - Artt. 141 - 142 - 143 TU.EE.LL.POTERI SOSTITUTIVI PER OMISSIONI O RITARDO DI ATTI OBBLIGATORI PER LEGGE (Art. 136 T.U.) POTERI SOSTITUTIVI DEL GOVERNO (Art. 137 T.U.) ANNULLAMENTO STRAORDINARIO (Art. 138 T.U.)
  • 143. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo –CITTA METROPOLITANE, COMUNITA MONTANE
  • 144. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo –Tab. 1.1 - Totale entrate effettive e partite di giro - milioni di euro - 2004 Competenza Residui Cassa Regioni e province autonome Partite Partite Partite Entrate Totale Entrate Totale Entrate Totale effettive di giro generale effettive di giro generale effettive di giro generale (1) (1) (1)Valle DAosta 1.436 672 2.108 742 179 922 1.731 809 2.540Bolzano 4.373 320 4.693 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.Trento 3.520 760 4.280 3.619 91 3.710 n.d. n.d. n.d.Friuli - VeneziaGiulia 4.308 3.544 7.852 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.Sicilia 15.723 0 15.723 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.Sardegna 7.948 23 7.971 4.210 0 4.210 n.d. n.d. n.d.Piemonte 8.846 5.694 14.540 4.063 284 4.348 12.910 5.978 18.888Lombardia 19.279 20.098 39.377 25.494 13.350 38.844 44.773 33.448 78.221Veneto 10.008 6.023 16.031 3.777 1.353 5.130 13.785 7.376 21.161Liguria 4.843 2.889 7.733 3.190 333 3.524 8.034 3.223 11.256
  • 145. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – • Unione Europea NATURA Ente territoriale convenzionato dotato di autonomia GIURIDICA politica - amministrativa e finanziaria UNIONEEUROPEA CONSIGLIO PRINCIPALI ORGANI DELL’UNIONE EUROPEA COMMISSIONE PRESIDENTE 3
  • 146. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Ente territoriale costituzionale dotato di autonomia NATURA GIURIDICA politica - amministrativa e finanziaria - Ente ad appartenenza necessaria LOSTATO CAMERA LEGISLATIVO: PARLAMENTO SENATO I POTERI DELLO ESECUTIVO: STATO GOVERNO GIUDIZIARIO: MAGISTRATURA 5
  • 147. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – lo stato ed i suoi elementi costitutivi CONCETTO DI STATO COMUNITA di individui (popolo), stanziata su un determinato territorio e organizzata secondo un ordinamento giuridico indipendente ed effettivo. ACCEZIONI DEL TERMINE "STATO" Stato - COMUNITA (Popolo) Stato - APPARATO (Stato - Governo)Stato - AMMINISTRAZIONE (organi esecutivi, amministrativi, giudiziari) Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 6
  • 148. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – COSTITUENTE LEGISLATIVA FUNZIONI DELLO STATO GIURISDIZIONALE AMMINISTRATIVA POLITICA originarietà dellordinamentoELEMENTI COSTITUTIVI DELLO STATO (trae origine da sé stesso) la sovranità (art.1 C; art.11 C) potestà di governo cittadinanza assoluta il popolo sudditanza •la terraferma; •il mare territoriale (12 miglia dalla costa); •la piattaforma continentale (200 miglia zona economica il territorio esclusiva); •il sottosuolo e lo spazio aereo; •il territorio in senso lato (territorio fluttuante) - oggi criterio meno rigido per navi e aerei militari e mercantili. Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 7
  • 149. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – FORME DI STATO (rapporto fra governanti e governati) UNITARIO STATI UNITI – GERMANIA FEDERALE (a seguito progressiva unione di Stati autonomi) CANADA - AUSTRIA – BRASILE (a seguito di un processo di robusto decentramento) ITALIA - SPAGNA – BELGIOREGIONALE (nei limiti del carattere derivato dagli ordinamenti, pur autonomi, delle Regioni) Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 8
  • 150. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – FORME DI GOVERNO(rapporto fra gli organi supremi dello Stato) Costituzionale pura (Statuto Albertino) MONARCHIA Parlamentare (Inghilterra) Presidenziale (Stati Uniti) REPUBBLICA Direttoriale (Svizzera) Parlamentare (Italia) Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 9
  • 151. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – le fonti dellordinamento giuridico italiano di produzione (organi o soggetti)RAPPORTI TRA LE FONTI di cognizione (atti o documenti) grado superiore gerarchia grado inferiore pari grado - criterio temporale Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 10
  • 152. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – LA COSTITUZIONE generalità (votata, rigida, lunga, scritta) OTTRIATA (Statuto) nozione - procedimento aggravato LE LEGGI DI Art. 138 Costituzione REVISIONECOSTITUZIONALE E LE LEGGICOSTITUZIONALI limiti espliciti i limiti della revisione costituzione i limiti impliciti (la forma diritti fondamentali delluomo repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale) lunità e lindivisibilità della Repubblica Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 11
  • 153. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – in senso formale♦LE LEGGI ORDINARIE in senso materiale in senso meramente formaleGLI ATTI CON FORZA DI i decreti legislativiLEGGE atti del Governo deliberati dal art. 76 Cost. Consiglio dei Ministri edpur non essendo leggi delParlamento ne hanno la emanati dal Presidente della i decreti leggeRepubblicamedesima efficacia art. 77 Cost. gli Statuti delle Regioni speciali♦LE FONTI REGIONALI gli Statuti delle Regioni ordinarie le leggi potestà legislativa esclusiva regionali potestà legislativa concorrente i regolamenti regionali - la potestà regolamentare spetta alle Regioni, anche nelle materie di esclusiva competenza statale previa delega RegolamentiLE NORME DELLE COMUNITA EUROPEEhanno capacità di abrogare e modificare le norme nazionali Decisioni Direttive (vanno recepite) Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 12
  • 154. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – lorganizzazione costituzionale italiana ed i principi fondamentali POTERE LEGISLATIVOIL PRINCIPIO DELLA SEPARAZIONE DEI POTERI Montesquieu 1748 POTERE ESECUTIVO POTERE GIUDIZIARIO♦CONCETTO DI "POTERE DELLO STATO" - SETTORI dellordinamento ORGANI COSTITUZIONALI E DI RILIEVO COSTITUZIONALE - Sono individuati dalla Costituzione ma la loro disciplina è rinviata al legislatore ordinario: C.N.E.L. Corte dei Conti Consiglio di Stato Consiglio Superiore della Magistratura Consiglio Supremo di Difesa Direttamente previsti e disciplinati dalla Costituzione (COSTITUZIONALI): Presidente della Repubblica Camera dei Deputati e del Senato Governo Corte Costituzionale Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 13
  • 155. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA la funzione presidenziale nel nostro ordinamentoGENERALITA Tutore della Costituzione e arbitro tra i partiti caratteri della figura è Capo dello Stato rappresenta lunità nazionale VICENDE DELLA CARICA Eleggibilità: cittadinanza italiana ; età 50 anni Nomina: è eletto dal Parlamento e dura in carica sette anni cessazione della carica: morte, termine dei sette anni, dismissioni, impedimento permanente, destituzione Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 14
  • 156. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – RESPONSABILITA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA responsabilita giuridicaArt. 90 - Non è responsabile degli atti compiuti nellesercizio delle sue funzioni tranne che per: alto tradimento: comportamento doloso teso alla violazione del dovere di fedeltà alla Repubblica attentato alla Costituzione: fatti diretti a mutare la Costituzione o la forma di Governo Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 15
  • 157. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – POTERI DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA (Art. 87 Cost.) ATTRIBUZIONI RELATIVE ALLA FUNZIONE LEGISLATIVA•indice le elezioni delle nuove Camere e ne fissa la prima riunione;•può inviare messaggi alle Camere;•autorizza la presentazione alle Camere dei disegni di legge di iniziativagovernativa;•può convocare in via straordinaria ciascuna Camera;•può sciogliere le Camere, o anche una sola di esse;•promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti;•indice il referendum popolare nei casi previsti dalla Costituzione;•nomina i cinque senatori a vita. Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 16
  • 158. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – POTERI DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA (Art. 87 Cost.) ATTRIBUZIONI RELATIVE ALLA FUNZIONE ESECUTIVA• nomina il Presidente del Consiglio dei Ministri, e su proposta di questi, i Ministri; • nomina i funzionari dello Stato, nei casi stabiliti dalla legge; • controfirma gli atti ministeriali che sono emanati con suo decreto; • nomina gli esperti del C.N.E.L.; • dichiara lo stato di guerra deliberato dalle Camere; • ha il comando delle forze armate e presiede il Consiglio supremo della difesa; • ratifica i trattati internazionali e accredita e riceve i rappresentanti diplomatici; • conferisce le onorificenze della Repubblica; • può sciogliere i Consigli regionali e rimuovere il Presidente della Giunta. Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 17
  • 159. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo –POTERI DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA (Art. 87 Cost.)ATTRIBUZIONI RELATIVE ALLA FUNZIONE GIURISDIZIONALE • nomina cinque giudici della Corte costituzionale; • preside il Consiglio Superiore della Magistratura; • può concedere la grazia e commutare le pene. Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 18
  • 160. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – il parlamento Organo rappresentativo del corpo elettorale legislative di controllo politico funzioni giurisdizionali elettorato attivoSTRUTTURA DEL PARLAMENTO: elettorato passivodifferenziazione delle due Camere diversi per numero al Senato membri non elettivi ORGANI INTERNI DELLE CAMERE organi strumentali (Ufficio di Presidenza, Conferenza dei Capigruppo) organi operativi (Commissioni parlamentari) LE CAMERE RIUNITE IN SEDUTA COMUNE per lelezione del Presidente della Repubblica Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 19
  • 161. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – CONDIZIONI PER IL CONFERIMENTO DELLUFFICIO PARLAMENTARE • cause di incapacità: (il minore di età) • cause di ineleggibilità: (magistrati, ufficiali, diplomatici) • Incompatibilità: (membro di Consiglio o Giunta regionale) • prerogative dei parlamentari: (immunità, insindacabilità….. ATTRIBUZIONI DELLE CAMERE • Funzione legislativa; • Funzioni non legislative: (elezione del P.d R., di 5 Giudici Cost.)GLI ATTI ISPETTIVI • laccordo o la revoca della fiducia del Governo; • interrogazioni, interpellanze, mozioni, esame delle petizioni; • le inchieste parlamentari Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 20
  • 162. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – PROCEDIMENTO LEGISLATIVO PER LE LEGGI ORDINARIE •Governo LINIZIATIVA LEGISLATIVA •Parlamentari •CNEL (in materia di economia e lavoro) •Il corpo elettorale (almeno 50.000 elettori) •Consigli Regionali - Consigli Comunali (solo per il mutamento dei loro territoriLISTRUTTORIA - Le Commissioni legislative permanenti (esaminano e riferisconoallAssemblea) - Le Commissioni in sede deliberanteLA FASE COSTITUTIVA E LA FASE DI INTEGRAZIONE DELLEFFICACIA -Promulgazione - Visto del Guardasigilli - Pubblicazione - Entrata in vigoreLE LEGGI DI DELEGAZIONE e la CONVERSIONE DEI DECRETI LEGGEGOVERNATIVIIL DIVERSO PROCEDIMENTO LEGISLATIVO PER LE LEGGI COSTITUZIONALI E DIREVISIONE DELLA COSTITUZIONE Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 21
  • 163. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – il governo•Massima espressione del Potere Esecutivo•Scaturisce dalla volontà della maggioranza politica espressa dal Corpo elettoraledi cui deve godere la fiduciaORGANI DEL GOVERNO - Formazione (consultazioni, ruolo del P.d.R.,giuramento) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI • direzione della politica generale del Governo; • mantenimento dellunità di indirizzo politico e amministrativo del Governo; • promozione dellattività dei Ministri; • rapporti con il Presidente della Repubblica - Controfirma; • rapporti con la Corte Costituzionale, con le Comunità Europee, con le Regioni; Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 22
  • 164. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – I MINISTRIsono a capo dei Ministeri, complessi organi centrali dello Stato, ciascuno dei quali amministra un particolare settore della P.A. • nominati dal P. d R. su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri • responsabilità giuridica civile e penale • ministri senza portafoglio IL CONSIGLIO DEI MINISTRI determina la politica generale del GovernoAssume gli atti più rilevanti nonché quelle espressamente riservatigli dalla legge Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 23
  • 165. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – LA CORTE COSTITUZIONALENOZIONE E NATURA GIURISDIZIONALE DELLA SUA ATTIVITA - Il suo compito è quello di giudicare dellalegittimità costituzionale delle leggi.La Corte Costituzionale non appartiene alla magistratura ordinaria. Gode di autonomia regolamentare, amministrativa,finanziaria, inviolabilità della sede (Palazzo della Consulta). 5 delle Supreme Magistrature (3 Corte Cassazione., 1 Cons. di Stato, 1 CorteCOMPOSIZIONE - 15 giudici dei Conti) 5 dal Parlamento 5 dal Presidente della Repubblica •durano in carica 9 anni •Sono incompatibili con la carica di parlamentare, consigliereLO STATUS DI GIUDICE COSTITUZIONALE regionale, avvocato •possono essere iscritti a partiti politici ma non possono svolgere attività politica •immunità penale (autorizzazione della Corte….) insindacabilitàIL SINDACATO DI COSTITUZIONALITA DELLE LEGGI - Consiste nel raffronto tra norma costituzionale e norma ordinaria.Può essere attivato in via incidentale o in via principale (art.127). Le decisioni possono essere di accoglimento o di difetto.Contro le decisioni della Corte non è ammessa impegnativa. Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 24
  • 166. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – LA MAGISTRATURA TIPI DI GIURISDIZIONE artt. 101 e 111 giurisdizione penale, amministrativa, civile, costituzionaleIL PUBBLICO MINISTERO NELLA COSTITUZIONE art. 107 Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – © 25
  • 167. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – IL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURAAl fine di garantire lautonomia assoluta del potere giudiziario dagli altri poteri. COMPOSIZIONE 27 Membri - Presieduto dal Presidente della Repubblica. Durano in carica quattro anni. Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – ©
  • 168. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Vi siete mai chiesti il perché del proliferare di così tanti Enti e strutture pubbliche e parapubbliche?La gestione del potere nella comunità locale e nella società esula le nostre lezioni o approfondimenti? MANUALE PER “L’USO” delle strutture pubbliche regionali, provinciali e comunali Sociologia delle Comunità Locali – prof. Silvio Bartolomei – ©
  • 169. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – I livelli delle organizzazioni pubbliche:– Mondiale: ONU, UNEP– Europeo: Consiglio d’Europa, UE, AIEA,– Statale: Ministeri, APAT,– Regionale– Provinciale– Comunale
  • 170. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – I media Da qualunque approccio o prospettiva si osservino le ricerche sui media, risulta evidente la rilevanza che in essa ha avuto e ha il problema deglieffetti dei mezzi di comunicazione di massa sugli individui, sui gruppi, sulle istituzioni, sul sistema sociale. E’ difficile sottovalutare il rilievo e la dominanza di tale questione. (Mauro Wolf Gli effetti sociali dei Media, Bompiani)Il reale potere della televisione di modellare nel pubblico la percezione della realtà sociale, consiste nella rappresentazione simbolica delle norme e dei valori socioculturali che il mezzo televisivo attraverso la sua fruizione regolar e cumulativa, fa assorbire nella mente degli spettatori (Gunter 1988). Ogni epoca trova sgradevole la propria modernità, preferendo un epoca passata a se stessa (Chenu, 1966) – prof. Silvio Bartolomei – ©
  • 171. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – “Bisognerebbe mandare a picco la televisione o sarà il definitivo sonno dell’intelligenza, della memoria” (Sciascia 1988) Studi sugli aspetti macrosociali: nella società moderna sempre più differenziata, i media sarebbero un sostituto funzionale dei legami digruppo, prendendo il posto di ciò che non è più realizzabile concretamente, cioè il radunarsi di tutto il corpo sociale.Studi sull’effetto di atomizzazione che i media hanno sulla percezione dellavita sociale … può produrre un’integrazione sociale, anche se con caratteri peculiari (Alexander 1981)Il termine “effetto” parlando di media ha una sua specifica area di studio e ricerca, sicuramente la più rilevante. In particolare l’evoluzione delle tecniche e sistemi di comunicazione al mutare dei sistemi culturali, come la percezione dello spazio e del tempo (Ferguson 1990). Studi sulla dimenticanza e oblio indotto dalla televisione. – prof. Silvio Bartolomei – ©
  • 172. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Chiavi di lettura sul tema degli effetti dei MEDIAI° legame tra: temi e procedure di ricerca // il contesto economico, politico e culturale; Gli studiosi in questa sfera di problematiche si sono concentrati su cercare di capire e limitare i danni provocati dai media nell’agire sociale (dipendenza bambini – TV, etc.; comportamenti e violenza;) II° processo della “Comunication research” come disciplina autonoma; Tale campo di indagine è necessariamente multidisciplinare, progressivamente strutturatosi con un proprio vocabolario terminologico, creazione dun nucleo tematico fondamentale e lacreazione di una concezione standard; es: lo schema lasswelliano 1936 (chi dice cosa, attraverso quale canale, a chi, con quale effetto) – descrizione dell’atto comunicativo. III° rapporti tra tecniche di indagine e modelli teorici; – prof. Silvio Bartolomei – ©
  • 173. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – • linterconnessione tra tutte le pubbliche amministrazioni e tra le pubbliche amministrazioni e i cittadini attraverso la definizione di standard di sicurezza e performance comuni;• lindividuazione di caratteristiche certe e sicure per gli strumenti di accesso ai servizi erogati in rete;• la definizione di un modello comune per la creazione dei siti e dei portali che erogano i servizi on line; • la garanzia della interoperabilità dei fornitori dei servizi on line; • la realizzazione dei più importanti "sistemi federati", quali ad esempio il sistema del lavoro, della sanità, del fisco, ecc. anche attraverso il riuso delle soluzioni già realizzate; • la realizzazione di architetture di sistema condivise. – prof. Silvio Bartolomei – ©
  • 174. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Gestione di un processo di e-Government di un Ente Locale 1ª fase Aprire un sito internet Avvisare che si esiste Informare quali progetti sono approvati Informare quali progetti sono “in progress” Quando si pensa di riunirsi o fare una riunione o un convegno Quali sono i centri della Comunità locale Istituire una commissione permanenteMettere in rete le conoscenze dai piani territoriali alle banche dati 2ª fase: una visione condivisa, una realizzazione cooperativa tra enti di livello diverso Creazione di un piano annuale e pluriennale tra Enti Locali con specifiche sezioni di approfondimento per ciascun servizio Sviullapare la e-Democracy Rimettere in rete (riuso) delle soluzioni adottate – prof. Silvio Bartolomei – ©
  • 175. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo –http://www.cnipa.gov.it/site/it-IT/ http://www.italia.gov.it – prof. Silvio Bartolomei – ©
  • 176. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – – prof. Silvio Bartolomei – ©
  • 177. INTERNET EL’E-GOVERNMENT
  • 178. IndiceInternet oggi in Italia e nel mondoE-government oggi e domaniEsempi da seguire e cose da migliorare
  • 179. Internet oggi in Italia e nel mondo La rete e le differenze culturali L’approccio differente ad internet e all’e-commerce La rete ha sempre avuto uno sviluppo commerciale moltomaggiore in paesi come gli Stati Uniti dove esistono delle difficoltàoggettive date dal territorio, enormi distanze, temperature proibitiveetc. In Italia sono ancora pochi i settori merceologici con una elevatapercentuale di vendite on-line
  • 180. Internet oggi in Italia e nel mondo La rete e le differenze culturali Bisogna inoltre tenere presente che Internet, venduto per annicome uno strumento con costo contatto vicino allo zero, con il rapidosviluppo di informazioni e di presenze si è presto dimostrato inalcuni casi costoso più di altre forme di comunicazione. Oggi sempre meno risorse si impiegano per la realizzazione dei sitie sempre maggiori vengono dedicate al Marketing, cioè allamaggiore reperibilità, visibilità e facilità di recupero delle informazioniin rete.
  • 181. Internet oggi in Italia e nel mondo La rete e le differenze culturali Le differenze culturali e le problematichetecnologiche Culturalmente noi vogliamo “toccare con mano”, compriamo on-linesoprattutto elettronica, viaggi, componentistica, oggetti cioè di cuibastano le caratteristiche tecniche. A questo si aggiunge una problematica tecnica riguardante ladiffusione dei PC, l’educazione all’uso e la lentezza della diffusionedelle bande larghe di connessione.
  • 182. Internet oggi in Italia e nel mondo La rete e le differenze culturali La similitudine con i centri commerciali e lanostra cultura La rete è oggi quello che erano in america i centri commerciali neglianni ‘60, arrivati da noi dopo circa 20 anni. I centri commerciali rispondono a delle precise esigenze territoriali eduplicati da noi, al di la del loro successo economico, mancano dialcune ragioni principali della loro esistenza trasformandosi in bruttisurrogati.
  • 183. Internet oggi in Italia e nel mondo La rete e le differenze culturali I settori merceologici d’eccellenza Un’altra similitudine interessante riguarda il settore produttivo.Il nostro paese è indiscutibilmente leader in alcuni settori merceologiciquali la moda, i manufatti, l’arte e la cultura, la gastronomia, etc.Si sopravvive solo se si concentrano le risorse per lo sviluppo e lacrescita di queste eccellenze non se si compete in ambiti dove siamocommercialmente svantaggiati. La Cina non “copia” ma realizzaprodotti migliori a minor prezzo. Lo stesso ragionamento va portato sulla rete, quali sono i settori dieccellenza in questo ambito?
  • 184. Internet oggi in Italia e nel mondo La rete e le differenze culturali Si possono ipotizzare altri due settori di interesse:Aggregazione e Servizi. Nel nostro Paese si sta verificando un esplosione di community, blog,chat ed altre forme di aggregazione soprattutto giovanili.Queste nuove realtà rappresentano un interessantissimo “nuovomedia” per la veicolazione di messaggi sia di natura commerciale siadi natura educativa o di servizio.
  • 185. Internet oggi in Italia e nel mondo La rete e le differenze culturali Nell’ambito dei servizi esiste la reale occasione di crescita per larealtà internet nel nostro paese. L’unica reale difficoltà consiste nella differenza generazionale trachi usufruisce della rete e chi necessita dei servizi. Questo gap è destinato a rientrare nei prossimi anni, bisogna perquindi essere pronti per quello che potrebbe diventare unaseconda rivoluzione industriale.
  • 186. E-government oggi e domani L’e-governments in Italia Una possibilità di crescita Sono stati oltre 9 milioni, il 53% dei navigatori italiani attivi, icittadini del Belpaese che nel trimestre settembre-novembre 2003hanno visitato i siti delle Pubbliche amministrazioni, rispetto al 40%dello stesso periodo del 2002. Questo andamento ci pone, in Europa, davanti al 52% deinavigatori francesi, al 45% di quelli inglesi ed al 35% di quello deitedeschi.
  • 187. E-government oggi e domani Una possibilità di crescita I siti di e-government in Italia sono inoltre al 6° posto fra quelli piùvisitati dagli italiani: 16,3 milioni hanno navigato nei motori di ricerca e portali; 14,2 milioni in quelli dei servizi di telecomunicazioni e internet; 12,3 milioni nei siti dedicati al tempo libero ed altrettanti per lanavigazione nell’informatica e nell’elettronica di consumo; oltre 11 milioni nelle aree dei Media e dell’informazione; 9,1 milioni nei siti dell’e-Government.
  • 188. E-government oggi e domani Una possibilità di crescita l’Italia conferma il miglior posizionamento europeo poiché i siti die-Government sono invece fra le categorie meno visitate negli altriPaesi, superati da altri tipi di siti, come quelli della finanza in rete, iviaggi ed il commercio. Tanto che i siti della Pubblicaamministrazione sono al 12° posto in Francia per numero dinavigatori; al 13° nel Regno Unito ed al 14° in Germania”.
  • 189. E-government oggi e domani Una possibilità di crescita I progetti di Riforma Digitale nel nostro Paese Il progetto di Riforma Digitale in Italia ha sicuramente miglioratouna situazione di arretratezza rispetto agli altri paesi, ma vede ancorauna lunga strada soprattutto per un’attuazione più capillare, per unadeguamento uniforme di base e differenziato poi per le singolenecessità regionali.
  • 190. E-government oggi e domani Una possibilità di crescita Lo stato reale dell’informatizzazione degli EntiLocali Ad oggi infatti si può osservare una situazione “a macchia dileopardo” con delle punte di eccellenza interessanti ma ancora conmolte zone di assoluto svantaggio e precarietà nello sviluppo. Chiaramente gli Enti Locali sono il primo osservatorio di questasituazione.
  • 191. E-government oggi e domani Una possibilità di crescita La necessità di una standardizzazione deiprocessi Bisogna, a mio parere, creare quindi una base comune duplicabilerapidamente che comprenda l’erogazione on-line dei servizi comuni,da integrare poi con particolari esigenze diverse tra gli enti.
  • 192. E-government oggi e domani Una possibilità di crescita Creare la cultura Contemporaneamente dobbiamo cominciare a creare una cultura diutilizzo dei servizi offerti. Oggi assistiamo ancora molto spesso a diffidenze legate ad interneto alla mancanza della “fisicità” del contatto umano o della carta. Creare una cultura dell’informatizzazione vuole però dire investire instrumenti di comunicazione adeguati.
  • 193. E-government oggi e domani Una possibilità di crescita E’ di questi giorni la legge che obbliga gli enti che erogano servizi dipubblica utilità tramite la rete ad avere una navigabilità semplice echiara ed una maggiore facilità di reperimento delle informazionidesiderate. La creazione di una nuova cultura sull’utilizzo degli strumentiinformatici non è semplice e veloce ma assolutamente necessaria. Gli attuali trentenni, hanno cominciato a lavorare già con ilcomputer, al loro primo impiego. Su questo segmento di mercato ledifficoltà sono minori.
  • 194. E-government oggi e domani Una possibilità di crescita Ma oggi in Italia il target di riferimento dei servizi in generale ènettamente più vecchio. Queste persone utilizzeranno ancora peranni i servizi tramite strumenti tradizionali, non sfruttando quindiappieno le potenzialità e le comodità generate dalle nuovetecnologie.
  • 195. E-government oggi e domani Una possibilità di crescita Un azzardo sul futuro Ma come si convincono le persone ad avvicinarsi a cose che nonconoscono e che, per mentalità e cultura, considerano ostili? Ed inoltre quali sono i vantaggi da parte degli Enti erogatori deiservizi di veicolare maggior traffico nelle nuove tecnologie a discapitodella maniera classica?
  • 196. E-government oggi e domani Una possibilità di crescita Le persone, adolescenti esclusi, cambiano PERCHE’ CONVIENE Bisogna quindi fare in modo che convenga. Richiedere un documento, pagare quietanze, prenotare servizi,etc, deve costare meno se fatto attraverso la rete. Purtroppo la più vecchia regola del marketing è anche la piùattuale e la più spietata.
  • 197. E-government oggi e domani Una possibilità di crescita Per quello che riguarda i vantaggi di chi eroga il servizio c’è solo dascatenare la fantasia. Pochi anni fa il telelavoro o la possibilità di interagire direttamentedurante corsi di formazione a distanza era fantascienza, ora per noi èrealtà, per i giovanissimi è ovvio. Pensare ad enti senza sede fisica, a strutture esistenti solo in rete,può non essere così lontano......
  • 198. Il Sistema Informativo è l’insieme degli strumenti applicativi utilizzati per la gestione e la soluzione delle richieste dei Cittadini. Il Sistema web integrato si compone di due applicazioni: CRM - Citizien Relantionship Management: il sistema informativo digestione dei contatti, di raccolta e di trattamento dei dati finalizzato ad ottimizzare le relazioni con i Cittadini.  KM - Knowledge Management: il sistema di gestione della conoscenza che consente un rapido accesso alle informazioni sui Servizi e sulle Strutture dell’Amministrazione.
  • 199. La comunicazione Contenuto 7%Paraverbale 38% Linguaggio del corpo 55%
  • 200. La comunicazioneLinguaggio del corpo ContenutiSguardo ChiarezzaEspressione SintesiGestualità Coinvolgimento sensorialePostura/atteggiamento Coinvolgimento emotivoDistanza Gestione domandeStretta di mano e obiezioniRespirazione Linguaggio paraverbale Volume Tono Timbro Ritmo Velocità 21.15
  • 201. I 6 segreti della comunicazione efficace 1° segreto Ascoltare 2° segreto Capire 3° segreto Non prendere mai niente (o nessuno) per scontato 4° segreto Chiedere l’opinione dell’altro 5° segreto Chiedersi sempre quali siano i benefici per l’altro 6° segreto Descrivere i propri sentimenti, non esprimerli 22.00
  • 202. Motivazione MotivazioneDOLORE PIACERE Bisogno Desiderio
  • 203. Il ciclo di persuasione BISOGNI DESIDERIVANTAGGI PROBLEMABENEFICI SOLUZIONE
  • 204. Significato Fiducia Struttura MOTIVAZIONE Relazione
  • 205. Fiducia e credibilità CredibilitàCompetenza Fiducia • Integrità• Conoscenza • Carattere• Capacità • Capacità di• Professionalità creare rapporto
  • 206. Fiducia e credibilità CredibilitàCompetenza Fiducia • Integrità• Conoscenza • Carattere• Capacità • Capacità di• Professionalità creare rapporto
  • 207. I 4 livelli di comunicazioneCoinvolgimento ContributoStati emozionali Informazioni
  • 208. L’assertività Trasmettere - Ricevere AssertivitàPassività AggressivitàRicevere Trasmettere
  • 209. Oltre i risultatiScopo Far felici gli altriVisione Come voglio essereObiettivi Il lungo sentiero con tappe intermedieStrategie Dove vadoStato attuale Come sono
  • 210. I tre livelli operativi per ottenere risultati Significato Struttura Relazione
  • 211. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – PERCHE’ PROFILI o METADATI di una COMUNITA’ Si costruiscono con una : Ricerca bibliografica (leggere x conoscere) Ricerca scientifica (cercare x trovare) Ricerca partecipata (agire e interagire x conoscere) Conoscere la Comunità è condizione essenziale per imprimere intenzionalità e direzione alle energie professionali e per governare i processi di cambiamento Per conoscere è necessario considerare il maggior numero divariabili e profili possibili, per semplificazione analizziamo i più importanti.
  • 212. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – PROFILI o METADATI di una COMUNITA’ Territoriale Descrive le caratteristiche fisiche e urbanistiche del territorio DemograficoDescrive le caratteristiche della popolazione che risiede nella Comunità Occupazionale Cosa fanno le persone per vivere Dei servizi Tipologie e organizzazione dei servizi Psico-sociale Attori sociali e qualità delle loro relazioni Istituzionale Istituzioni del territorio Antropologico-culturale Cultura della Comunità, sistema dei valori e modelli
  • 213. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – DATI o METADATI ? ? Metadato dallinglese: "metadata" (pl.), a sua volta formato dal greco meta- e dal latino"data", pl. di "datum" "informazione", letteralmente "dato circa un (altro) dato", è linformazione che descrive un altro insieme di dati. Un esempio tipico di metadati è costituito dalla scheda del catalogo di una biblioteca, la quale contiene informazioni circa il contenuto e la posizione di un libro: questi sono dati riguardanti i dati nel libro cui si fa riferimento mediante la scheda. Altro contenuto tipico dei metadati può essere rappresentato dalla fonte o dallautore dellinsieme di dati descritto, dalle modalità daccesso con le eventuali limitazioni. I contenuti insieme ai relativi metadati formano il cosiddetto pacchetto di contenuto.
  • 214. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – DATI o METADATI ? ?I Metadati sono divenuti sempre più importanti con lavvento del World Wide Web per la necessità di trovare informazione utile nella massa di informazione disponibile. Allo stato attuale del ritrovamento mediante parole chiave, se una singola pagina web riguardante un certo argomento contiene una parola o una frase, allora tutte le altrepagine sullo stesso argomento dovrebbero contenere quella stessa parola. Questo sistema assicura anche una certa varietà nellespressività, affinché se un argomento ha due nomi entrambi potranno essere usati. Ad esempio ad un articolo sul Calcio potranno esere assegnate anche come metadati la parole chiave "4 football ", "soccer" e "e" come questo sport viene chiamato in altre nazioni o in maniera informale. I sistemi di metadati strutturati in modo gerarchico sono più propriamente noti come schemi od ontologie. Entrambi i termini esprimono “quello che esiste” per determinare degli scopi o per rendere possibili azioni. Ad esempio, lorganizzazione dei titoli delle tematiche nel catalogo di una biblioteca serve non solo come guida al ritrovamento dei libri su una particolare tematica, ma anche come guida a quelle che sono le tematiche “esistenti” nell“ontologia” di una biblioteca e comeargomenti più specifici siano correlati a (o derivati da) i più generici titoli delle tematiche.
  • 215. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – DoVE TRoVIAMo I DATI ? ? La ricerca dei dati non è semplice !!! Soprattutto di quelli più aggiornati!! I Metadati costituiscono in qualche modo il curriculum vitae dei dati, ovvero raccolgono le informazioni relative al dove, al quando, al come e da chi i dati sono stati ottenuti. Si trattaquindi di un corredo indispensabile per rendere tali dati fruibili correttamente da chiunque, anche a distanza di tempo e di spazio. • Ricerca bibliografica • Istat - Istituto Nazionale di Statistica Via Cesare Balbo 16 00184 - Roma tel. +39 06 46731 http://www.istat.it/ • Università • Regioni, Province, Comuni, Istituti pubblici • per esempio dati sulla laguna di Venezia: http://www.istitutoveneto.it/venezia/dati/metadati/metadati1.htm
  • 216. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – DoVE TRoVIAMo I DATI ? ?per es. dati ambientali:• AGENZIA EUROPEA PER L’AMBIENTE http://local.it.eea.eu.int/• AGENZIA NAZIONALE PER AMBIENTE E TERITORIO http://www.apat.gov.it/site/it-IT/• ARPA VENETO http://www.arpa.veneto.it/• per es. i dati statistici sulla criminalità:http://www.interno.it/http://www.poliziadistato.it/pds/online/datistatistici.htm
  • 217. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – DoVE TRoVIAMo I DATI ? ?Acli – Lega consumatorihttp://www.legaconsumatori.it/Sede Nazionale e Regionale - Via Orchidee 4/a20147 MilanoTel. 02/48.30.36.59Acu (Associazione consumatori utenti)http://www.acu.it/Sezioni/Home/Default.aspACU-Associazione Consumatori Utenti OnlusVia Padre Luigi Monti 20/c20162 MilanoTel. 02/6615411 - Fax 02/6425293numero verde 800/009955Adiconsum (Associazione difesa consumatori e ambiente)http://www.adiconsum.it/via g. m . lancisi, 2500161 ROMAtel. 064417021fax 0644170230
  • 218. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – DoVE TRoVIAMo I DATI ? ?Aduc (Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori)http://www.aduc.it/Aduc, via Cavour 68,50129 FirenzeAdusbefhttp://www.adusbef.it/Via C. Farini, 6200185 RomaTel.:06.4818632 - Fax:06.4818633Altroconsumo (Comitato Consumatori Altroconsumo)http://www.altroconsumo.it/Via Valassina, 2220159 MILANOTel. 02/668901; fax 02/66890288
  • 219. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – DoVE TRoVIAMo I DATI ? ?Codacons (Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dellAmbiente)http://www.codacons.it/viale Gran Sasso 1020131 Milanotel. 02.29525168 - fax. 02.29404135Federconsumatorihttp://www.federconsumatori.it/ www.federconsveneto.itVia Peschiera, 5Mestre (VE) 30170tel. 041 5497831 fax 041 5497917Movimento Difesa del Cittadinohttp://www.mdc.it/Via Aleardi, 4130172 Mestre (Venezia)Tel: 041.961484 Fax: 041.950734Unc (Unione Nazionale Consumatori)http://www.consumatori.it/
  • 220. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo territoriale della Comunità Descrive le caratteristiche fisiche e urbanistiche del territorio: Dati strutturali, che definiscono l’aspetto geografico e fisico • superficie • lineamenti idrografici • lineamenti orografici • clima • risorse naturaliDati semistrutturali, che definiscono l’interazione ambiente – natura (urbanizzazione primaria) •Strade •Ferrovie •Aeroporti •Porti •Fognature Dati sul degrado ambientale, che definiscono stato dell’ambiente
  • 221. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo demografico Descrive le caratteristiche della popolazione che risiede nella Comunità Dati relativamente permanenti, si distinguono in: Rilevazioni di stato – censimenti Ammontare della popolazione Densità Affollamento Incremento o decremento annuo medio Indice di popolamento Distribuzione per età e per sesso Rilevazioni di movimento – il movimento demografico (A+B) Movimento naturale della popolazione – nascite e morti (A) Movimento migratorio – immigrazioni ed emigrazioni (B) Le misure di movimento sono i quozienti demografici denominati tassiDurata media di vita è la media degli anni vissuti da una determinata popolazione = Vita media = speranza di vita alla nascita, o ad età successive.
  • 222. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo demografico Descrive le caratteristiche della popolazione che risiede nella Comunità Dati relativamente permanenti, si distinguono in:Rilevazioni di stato: i censimenti ci forniscono l’ammontare della popolazione riferita al momentodel censimento o residente. La densità è il numero (oggettivo) di persone che vivono in un’unità di spazio. L’affollamento è il numero (soggettivo) di persone correlato con i bisogni, la cultura, le norme. Incremento e decremento medio annuo sono parametri di comunità molto importanti per capire se una comunità aumenta o diminuisce e di quanto. L’indice di popolamento è il rapporto tra ammontare della popolazione e la superficie abitabile. Importante dato comunitario è la distribuzione per età e per sesso. Indici sintetici sono: età media (media ponderata dell’età degli individui che la compongono); indice di vecchiaia è il rapportotra > a 65 anni) e < 15 anni; percentuale degli anziani: indica il peso per classi di età dei soggetti oltre 65 anni rispetto al totale della popolazione; indice di dipendenza mette in relazione i soggetti (<14 anni e >65) con quello della popolazione parzialmente produttiva.Rilevazioni di movimento – il movimento demografico sono le trasformazioni (naturali, biologiche, sociali) nel tempo della popolazione. Le naturali sono nascite e morti le quali determinano il movimento naturale della popolazione. Le cause sociali sono immigrazioni ed emigrazioniforniscono il movimento migratorio. Movimento demografico in una data area geografica, in un dato periodo di tempo fra nascite, morti, immigrazione e emigrazione. Gli uffici dello stato civile dei Comuni rilevano annualmente questi dati. Le unità di misura, i tassi, sono rapportati generalmente a 1.000
  • 223. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo occupazionale Cosa fanno le persone per vivere = il lavoroIl lavoro rappresenta anche un momento fondamentale di integrazione sociale dell’individuo, tanche che le categorie a >> rischio, sotto questo profilo, sono anziani e disoccupati. Forze lavoro > a 14 anni occupati o in cerca di lavoro Non-forze lavoro: casalinghe, studenti, pensionati e inabili 1.Occupazione per settori di attività economiche (primario, secondario, terziario, ~ agricoltura, industria, etc..)2.Posizione professionale (autonomo o dipendente, tempo pieno, part-time, 2° lavoro, lavoro nero, 3° lavoro) 3.Disoccupazione: • disoccupati in senso stretto – che hanno perduto una precedente occupazione; • in cerca di prima occupazione; • altre persone che cercano occupazione (casalinghe, studenti, pensionati) 4.Pensioni • di vecchiaia • di invalidità
  • 224. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo occupazionale 1. Occupazione per settori di attività economiche Il settore Primario, culminato in Italia a cavallo della prima guerra mondiale, è costituito dall’agricoltura, boschi, allevamento e pesca;Il settore secondario, culminato in Italia negli anni ’60, è quello dell’industria: agro- alimentare, tessile, metallurgica, energetica, mineraria, etc.; Il settore terziario oggi prevalente in Italia è composto dal turismo (oggi definita anche industria turistica), dagli uffici pubblici, dalla televisione, dai media, dalle banche, etc.Le modificazioni dell’apparato produttivo provocano profonde modifiche nella comunità e nella società. I processi macro e micro economici in parte o totalmente correlati tra loro creano influssi certi e determinati sull’assetto sociale. Oggi sempre più si parla di filiere produttive o di filiere di prodotto. Tale terminologia è da intendersi legata ad un comparto o un prodotto quasi mai disgiunto dall’insieme per l’alta professionalità o specializzazione di quel comparto. Filiera del surgelato …. Filiera/comparto del mobile … Filiera/comparto dell’auto..
  • 225. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo occupazionale 2. Posizione professionale Nell’universo degli occupati capire e comprendere in comunità o società le professioni e le propensioni ad esse contribuisce a determinare il quadro del dato acquisito.Sulle diverse categorie professionali molto è stato scritto soprattutto per la loro influenza nel sistema paese e nell’assetto dello stesso rapportato ad altri. Lavoratore autonomo: sapevate che il medico condotto è un lavoratore autonomo? Lavoratore dipendente: settore pubblico, settore privato, settore sociale, settore cooperativo Lavoratore a tempo pieno o lavoratore part-time, con diverse percentuali di possibilità occupazionali, Lavoratore occasionale, lavoratore precario, CoCoCo, CoCoPro, CoCoOb, Il 2° e 3° lavoro, è un dato rilevante come tale fenomeno in Italia sia particolarmente consolidato, come il lavoro nero che si caratterizza in alcune aree geografiche del nostro paese e della nostra regione e in alcuni ambiti sociali.
  • 226. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo occupazionale 3. Disoccupazione: È uno dei fattori di disagio più diffusi della società, della comunità, della famiglia e dell’individuo.Il tasso di disoccupazione è = al numero di persone in cerca di lavoro rispetto al totale della forza lavoro. • disoccupati in senso stretto, coloro che hanno perduto una precedente occupazione; • persone in cerca di prima occupazione, che per la prima volta si affacciano al mercato del lavoro; • altre persone in cerca di occupazione (casalinghe, studenti, pensionati) cercano attivametne un’occupazione e sono disponibili a lavorare.
  • 227. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo occupazionale 4. Pensioni La pensione è una ridistribuzione del reddito tra generazioni al fine di tutelare la capacità di sussistenza degli individui al termine dell’attività lavorativa.Solidarietà intergenrazionale che aumentando l’età media e diminuendo il numero delle nascite è entrata in una forte e complessa fase di tensione in tutta Europa e in Italia in particolare. Il problema delle pensioni è articolatissimo, e complesso. Le pensioni sono: • di vecchiaia • di invalidità
  • 228. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo dei servizi Tipologie e organizzazione dei servizi Individuo Gruppo Numero, tipologia e ubicazione Famiglia Comunità SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI SocietàSERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI E SANITARI SERVIZI RICREATIVO-CULTURALI SERVIZI di TRASPORTO PUBBLICO SERVIZI VARI
  • 229. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo dei servizi SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI Sono parametri oggettivi di qualità e quantità del servizio la presenza delle scuole di ogni ordine e grado, dall’asilo all’università; in particolar modo costituiscono oggi elemento aggregante e discriminante per una comunità la presenza di asili nido, scuole materne (scuole per l’infanzia) e scuole di primo grado;Le scuole di secondo grado sono sicuramente il maggior centro, oggi, di aggregazione giovanile. Vi sono poi dei servizi “non istituzionali” determinanti per una comunità:il centro parrochiale, gli Scout, le associazioni di volontariato continuative e pedagogiche. Corsi di formazione “evoluta” ed università rivestono ruoli e strategie diverse a seconda dell’ubicazione e dell’orientamento.
  • 230. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo dei servizi SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI E SANITARI Il Centro Ospedaliero è definibile come Comunità nella Comunità; i comuni e conosciuti sono i distretti socio-sanitari, consultori, centri per le famiglie,poliambulatori che costituiscono l’asse portante del sistema sociosanitario di base. Centri diurni, strutture residenziali, protette e non, di comunità per tossicodipendenti, per malati psichiatrici, per extracomunitari, etc. la loro presenza è un indice di rilievo per comprendere la Comunità e la società.Comprendere e riconoscere le tipologie d’utenza dei servizi erogati non è un vezzometodologico, ma un certo e sicuro parametro per oggettivare il soggettivo parerecirca la qualità e la quantità del servizio erogato (una mammografia … si aspetta 6-12 mesi? Certo se si vuole sottocasa e con l’esperto ….) Vi è inoltre un insieme di servizi, spesso poco noti, per i fortunati che non nehanno bissogno, che sono i servizi domiciliari per anziani o per inabili, affianco a quelli istituzionali vi sono quelli del volontariato + o – strutturato: Croce Verde, Confraternite, etc.
  • 231. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo dei servizi SERVIZI RICREATIVO-CULTURALI Sono molto eterogenei e articolati vanno dai centri di ritrovo per ragazzi, allepedonali, ciclabili, spazi verdi e attrezzati per i bambini e gli adulti: la palestra, ilcampetto di gioco o del pallone, la biblioteca, il cinema, il teatro, lo sport e il tempo libero. In tale settore in Italia primeggiano le associazioni filantropiche, culturali, enogastronomiche, soprattutto il volontariato. Il settore pubblico è ancora molto impreparato per gestire e organizzare la complessità delle forze in gioco, così numerose e complesse che coinvolgono, l’individuo, le famiglie, la comunità e la società.
  • 232. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo dei servizi SERVIZI di TRASPORTO PUBBLICO LA qualità della vita di una comunità, di un individuo e anche di una famiglia oggi si misura in termini di mobilità individuale, di gruppo e collettiva,Nel non lontano passato alcune scelte industriali e strategiche hanno condizionato non solo le comunità delle città della pianura padana, ma anche un po’ tutte le città più o meno metropolitane. Lo stereotipo che in Italia l’edificato si è molto distribuito nel territorio in modo orizzontale più che verticale, il fatto che la mobilità del singolo a discapito della mobilità collettiva, ha condizionato Lo sviluppo e l’armonizzazione del trasporto correlato con l’urbanistica
  • 233. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo dei servizi Tipologie e organizzazione dei servizi SERVIZI VARI Da quelli bancari e postali Agli uffici decentrati dell’amministrazione pubblica Ai centri di assistenza Alle parrocchie Alle chieseCostituiscono dei parametri circa la qualità della vita espressa in indici a cui spesso le statistiche e gli studi di settore fanno riferimento, indicandone come parametro numerico rapportato per abitante.
  • 234. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo psico-sociale Attori sociali e qualità delle loro relazioni = stakeholders Rubin (1986) cataloga definendo categorie non “pure”: La comunità al suo interno è come un campo energetico, con atomi e componenti che si influenzano, si attivano, si attraggono e si respingono, come cariche elettriche. Si si toglie allacomunità alcuni formalismi, si arriva ai centri “energetici” della stessa, di difficile individuazione,non sono mai in omeostasi perfetta così come non sono stabili, ma sono in perenne movimento e mutamento. La comunità non è la somma algebrica degli individui. + fattori e la loro interdipendenza nel tempo crea la comunità Il senso di appartenenza ad una comunità è determinante per la vita della stessa. LAcomunità è un insieme di gruppi formali o informali che possono essere definiti attorisociali. Conoscere i gruppi e le loro interazioni è fattore determinante per conoscere la comunità. I vari gruppi sono in competizione tra loro e si proiettano positivamente e negativamente nel tempo e nello spazio
  • 235. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo psico-sociale Secondo Alinsky (1971) per leggere la comunità dal punto di vista psicosociale, si possono fare le seguenti azioni : I) mappare i soggetti collettivi o attori sociali individuando i gruppi che “hanno”, quelli che “non hanno” e quelli che “hanno poco” (risorse e potere).II) Descrivere il processo o i processi di comunicazione tra gli attori sociali, le influenze reciproche; III) Descrivere le relazioni tra i diversi attori sociali in funzione della cooperazione, collaborazione e competizione e/o conflitto; IV) Individuare le forze di coesione che tengono unita la comunità (la paura per una comunità criminale; la fede per una comunità monastica, etc); V) Analizzare i processi di consenso, di devianza, di emarginazione, decisionali, di problem solving, di cambiamento; VI) Analizzare e descrivere la cultura, comportamenti, l’insieme delle norme e dei valori; la cultura come modalità di gestione delle differenze che essitono. VII) Analizzare l’identità e glòi elementi che la compongono, le difese psicologiche, i miti, i tabu.
  • 236. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo psico-sociale Le persone possono stare assieme per ragioni affettive o perché hanno una convenienza di una qualche natura o per entrambi i motivi. Ci sono due tipi di legami (in politica, tra amici, infamiglia): legami affettivi e gli interessi. Analizzare questi legami è determinante x capire una comunità. I legami affettivi sono in genere profondi, sentiti e radicati (sono inclusi vincoli etnici, nazionalità). I legami di interesse consentono una vasta gamma di scelta (relazioni sul lavoro, commerciali, problemi o attività comuni). Non esistono mai solo gli uni o solo gli altri ma un continuum! Le varie forme di comunità secondo Rubin (1986)Comunità tradizionale: corrisponde alla comunità organica, individui nati nello stesso posto, hanno valori comuni, si riconoscono spesso in un unico leader e si conoscono reciprocamente;b) Comunità solidale: simile ad a) ma il coinvolgimento è legato ad aspetti particolari, settoriali; per esempio gli italiani che vivono in una città vasta come New York; c) Vicinato: il territorio e la residenza costituiscono base comune che costringono a condividere stili di vita e problematiche; l’elevata mobilità del vicinato costituisce ilnemico principale a questo tipo di comunità, facendo perdere senso di appartenenza e lealtà verso la Comunità …. Via Anelli a Padova …
  • 237. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo psico-sociale Le varie forme di comunità secondo Rubin (1986)d) Comunità a responsabilità limitata: indica una comunità in cui non esistono fortilegami affettivi, ma vi sono interessi comuni specifici che possono produrre qualche integrazione; e) Comunità di interesse latente: è una comunità potenziale. Esistono degli interessicomuni ma le persone non li vedono e non li sentono. Nello stesso territorio o sotto lo stesso tetto come un condominio, ma non riescono a comunicare e a integrarsi. L’esperienza euganea..)
  • 238. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo psico-sociale Le varie forme di comunità secondo Rubin (1986)f) Rete: rappresenta un legame reale fra persone che hanno interessi comuni. Una rete è costituita da individui che condividono interessi su problemi specifici e si sono mese insieme in virtù di questo o quei interessi – rete del commercio equo e solidale; g) Classe sociale: è una base di integrazione potenziale più che reale; le persone appartengono alla stessa classe sociale (comunità per ceto sociale) con atteggiamenti, redditi, lavoro, condizioni di vita comuni; h) Comunità di interessi: è il risultato sociale di una comunità che ha una situazionedella comunità a responsabilità limitata d) ma è riuscita strutturarsi e sfrutta l’elemento comune per organizzare la comunità.
  • 239. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo istituzionale Istituzioni nel territorioOrganizzazioni concrete che si costruiscono e disciolgono attraverso la dialettica politica, sociale, etica, religiosa, culturale che si evolve negli eventi della storia.Tutto ciò va a costituire, come definito dai giuristi, lo Stato di apparato e Stato di comunità Comuni Province Regioni Stato Istituzioni
  • 240. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo istituzionale Comuni Province Regioni Comunità Montane, Camera di Commercio Industria e Artigianato, Enti strumentali e partecipati Stato Forze armate, Forze di polizia, etc. Istituzioni economiche (imprese, cooperative, banche, etc.) Istituzioni politiche (partiti, sindacati, comitati, etc.) Istituzioni educative (le scuole presenti nella comunità) Istituzioni religiose (le chiese..)La vita, lo sviluppo, il futuro di una comunità è fortemente condizionata dalla presenza, dal funzionamento e dalla rilevanza delle istituzioni presenti nel territorio e nella comunità stessa.
  • 241. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo antropologico-culturale Cultura della Comunità, sistema dei valori e modelli Per capire una comunità non si può prescindere dall’analisi della sua cultura, cioè dai suoi atteggiamenti nei confronti della realtà e le predisposizioni tipiche della sua specificità.Capire la storia di una comunità è fondamentale per capirla e capire perché è diventata quella che è; sapere quando una comunità è nata, in quale modo, quali sono state le sue trasformazioni nel tempo, quali sono i personaggi che l’hanno caratterizzata e vi hanno lasciato un’impronta, l’origine delle feste popolari, le tradizioni …VALORE CULTURALE è il punto di riferimento principale per una comunità e può essere definito come “concezione del desiderabile”, l’insieme dei suggerimentio che porta gli individui a comportarsi e agire “naturalmente” cioè nel modo più legato al loro sistema di valori.
  • 242. Università di Padova – Consorzio Universitario di Rovigo – Profilo antropologico-culturale Cultura della Comunità, sistema dei valori e modelli Kluckhon (1961) individua cinque orientamenti di valore principali: 1. Predisposizioni innate dell’uomo (come ci si comporta sotto stress..)2. Rapporto uomo – natura (fattori naturali come terremoti, alluvioni, modificano …) 3. Concezione del tempo (ripetitività degli eventi, durata, etc.) 4. Concezione della personalità umana (solidarietà, aiuto concreto, “predatori”…) 5. Prevalente tipo dir apporto dell’uomo con i suoi simili (ingresso di immigrati, conflitti di ruolo, tra vicini, tra fazioni,
  • 243. MODELLI di analisi …. PROBLEM SETTING / SOLVING
  • 244. 2
  • 245. Design For Manufacturing and Assembly (DFMA) Quality function deployment29. HAZOP - HAZard and OPerability analysis30. FMEA - Failure modes and effects analysis 3
  • 246. Complessità ed esperienza nella PA LEADERSHIP VANTAGGI COMPETITIVI Tempo & conoscenze nella PA © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 247. Complessità ed esperienza LEADERSHIP VANTAGGI COMPETITIVI Tempo & conoscenze © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 248. Project management
  • 249. DAILY ROUTINE WORK (DRW) strumento gestionale per il mantenimento delle prestazioni di qualsiasi unitàorganizzativa dell’azienda e per il miglioramento, a piccoli passi, delle attività correnti. Sostanzialmente è un’applicazione su base giornaliera del PDCA a tutte le attività aziendali di tipo ripetitivo. BENCHMARKINGIl benchmark è un banco di collaudo, dove si fa funzionare un meccanismo per uncerto periodo, confrontandolo con un meccanismo simile che fa da campione. Ilconfronto delle prestazioni permette di valutare il livello del meccanismo in esame. Perestensione, il benchmarking consiste nel confrontarsi con quelli che sono più bravi dinoi, che hanno risolto bene problemi simili a quelli che noi stiamo affrontando. I piùbravi possono essere sia concorrenti (ma è più difficile procurarsi i loro dati), siaorganizzazioni diverse dalla nostra.Per esempio, se vogliamo migliorare un processo logistico, possiamo confrontarci concorrieri postali, che sono specializzati nello smistamento e distribuzione dei plichi.Il benchmarking può aiutarci nella definizione dei problemi, perché un nostro disagiopuò essere stato già definito e risolto da altri, anche in campi molto lontani dal nostro.
  • 250. ANALISI SWOT o Matrice TOWS Serve per valutare un progetto o unimpresa o ogni altra situazione in cui unorganizzazione o un individuo devono prendere una decisione Analisi Interna SWOT - analysis Debolezze - Forze - Strengths WeaknessesA Strategie S-O:n Strategie W-O:a Sviluppare nuove Eliminare le debolezzel Opportunità - Opportunities metodologie in gradoi per attivare nuove di sfruttare i punti dis opportunità. forza dellazienda.i Strategie W-T:Es Strategie S-T: Individuare piani dit Sfruttare i punti di difesa per evitare chee Minacce - Threats forza per difendersi le minacce esterner dalle minacce. acuiscano i punti dina debolezza.
  • 251. Quando si trova una soluzione, con questo strumento si capiscese essa può ottenere il supporto necessario, dove è il caso diconcentrare le energie trainanti, quali sono gli ostacoli, che cosasi deve fare per ridurre la forza degli ostacoli. Spesso quando ci siinnamora di unidea si tende a sottovalutare le forze frenanti e adiniziare unattività che nel suo procedere rivela difficoltà maggioridi quanto ci si aspettava.Per evitarlo si riunisce un gruppo che va dalle 4 alle 10 persone, acui viene dato un foglio predisposto, con una tabella a destra perle forze trainanti, una tabella a sinistra per le forze frenanti.Lavorando in gruppo, si scrivono le forze e si valutano da 1 a 3.Si fanno le somme delle valutazioni e si vede se prevalgono leforze trainanti o frenanti.
  • 252. o matrice dei costi della non qualitàsi costruisce secondo le seguenti fasi:1. La prima cosa è la stima complessiva dei costi di non qualità, che di solito variano dal5 al 15 per cento.2. Se si assume un valore del 10 per cento, esso viene ripartito attraverso un dibattitotra i vari responsabili di funzione in tre parti: quota parte dovuta ai rapporti con i fornitori,quota parte dovuta ai rapporti con i clienti e quota parte dovuta ai rapporti interni.3. Le tre componenti così stimate vengono ripartite, sempre mediante un dibattito tra ivari addetti, in cinque componenti che sono:•costi di non qualità dovuti ai materiali;•costi di non qualità dovuti agli impianti;•costi di non qualità dovuti al personale;•costi di non qualità dovuti ai servizi;•costi di non qualità dovuti ad altri motivi.4. Si costruisce così una matrice di 15 voci che, in modo certamente approssimativo, madi solito interessante per gli addetti ai lavori, consente di conoscere gli ordini digrandezza dei costi della non qualità, e di decidere sullattuazione di programmi dimiglioramento mirati.
  • 253. o matrice dei costi della non qualità rapporti con i fornitori rapporti con i clienti rapporti internimaterialiimpiantipersonaleservizialtroTutto il segreto nellapplicazione della matrice sta nelpilotare il dibattito tra le varie persone per far emergere iconflitti e sviluppare consenso intorno a determinateproposte.
  • 254. Ishikawa, padre fondatore della qualità, dice chel’applicazione ripetuta del PDCA porta al raggiungimento di qualsiasi obiettivo, anche se per piccoli passi
  • 255. Gli otto principi di gestione per la qualità costituiscono la base per le norme sui sistemi di gestione per la qualità nell’ambito della famiglia ISO 9000.1) Orientamento al clienteLe organizzazioni dipendono dai propri clienti e dovrebbero pertanto capire leloro esigenze presenti e future, soddisfare i loro requisiti e mirare a superare leloro stesse aspettative.2) LeadershipI leader stabiliscono unità di intenti e di indirizzo dell’organizzazione. Essidovrebbero creare e mantenere un ambiente interno che coinvolga pienamentele persone nel conseguimento degli obiettivi dell’organizzazione.3) Coinvolgimento delle personeLe persone, a tutti i livelli, costituiscono l’essenza dell’organizzazione ed il loropieno coinvolgimento permette di porre le loro capacità al serviziodell’organizzazione.4) Approccio per processiUn risultato desiderato si ottiene con maggiore efficienza quando le attività e lerelative risorse sono gestite come un processo. © Sociologia di comunità e del territorio con elementi di diritto pubblico – dott. Silvio Bartolomei
  • 256. Gli otto principi di gestione per la qualità costituiscono la base per le norme sui sistemi di gestione per la qualità nell’ambito della famiglia ISO 9000.5) Approccio sistemico alla gestioneIdentificare, comprendere e gestire, come fossero un sistema, processi tra lorocorrelati contribuisce all’efficacia e all’efficienza dell’organizzazione nelconseguire i propri obiettivi.6) Miglioramento continuoIl miglioramento continuo delle proprie prestazioni complessive dovrebbeessere un obiettivo permanente dell’organizzazione.7) Decisioni basate su dati di fattoLe decisioni efficaci si basano sull’analisi di dati e di informazioni.8) Rapporti di reciproco beneficio con i fornitoriUn’organizzazione ed i suoi fornitori sono interdipendenti ed un rapporto direciproco beneficio migliora, per entrambi, la capacità di creare valore.
  • 257. La rappresentazione schematica in quattro settori circolari ha dato al metodo il nome dedicato ad Edwards Deming, che nel 1946 introdusse in Giappone il controllo di qualità. PLAN La fase di Plan consisteDO nell’identificare il problema,La fase di Do consiste nel nell’analizzarlo, nell’individuarepreparare e applicare le le cause reali, nel definire eazioni pianificate, a livello di pianificare le azioni correttive. Iltest. Il problem solving problem setting appartiene aappartiene a questa fase. questa fase.
  • 258. ACTLa fase di Act consiste nello standardizzare e consolidare se ilcheck è stato positivo, introducendo le modifiche nel cicloproduttivo, oppure nel preparare un nuovo ciclo PDCA se ilcheck ha rilevato nuovi inconvenienti CHECKLa fase di Checkconsiste nelverificare i risultatidelle azioniintraprese,confrontandoli congli obiettivi attesi.
  • 259. ciclo di DemingMiglioramento continuo 19
  • 260. ANALISI INIZIALE ACT LOCALE PLANCHECK DO 20
  • 261. EFQM ha dato vita al Modello EFQM per lEccellenza e allEuropean Quality Award(Premio Europeo per la Qualità) per le grandi imprese. EFQM insieme ad EOQ(European Organization for Quality) e allUnione Europea, ha personalizzato il modelloper le esigenze delle Piccole e Medie Imprese ed anche per le AmministrazioniPubbliche.LEccellenza è basata su otto concetti fondamentali:1. Orientamento ai risultati: lEccellenza consiste nel conseguire risultati in grado di soddisfare tutti gli stakeholder dellorganizzazione;2. Attenzione rivolta al cliente: lEccellenza consiste nel creare valore per il cliente e sostenerlo nel tempo;3. Leadership e coerenza negli obiettivi: lEccellenza consiste in una leadership "visionaria" e capace di ispirare, associata a coerenza negli obiettivi;4. Gestione in termini di processi e fatti: lEccellenza consiste nel gestire lorganizzazione mediante un complesso di sistemi, processi e fatti interdipendenti e interrelati;5. Coinvolgimento e sviluppo delle persone: lEccellenza consiste nel massimizzare il contributo dei dipendenti attraverso il loro sviluppo e coinvolgimento;6. Apprendimento, innovazione e miglioramento continui: lEccellenza consiste nel porre in discussione lo status quo e nel realizzare il cambiamento facendo leva sullapprendimento per generare innovazione e creare opportunità di miglioramento;7. Sviluppo della partnership: lEccellenza consiste nello sviluppare e mantenere rapporti di partnership in grado di aggiungere valore;8. Responsabilità pubblica: lEccellenza consiste nel superare i requisiti normativi minimi dellambiente sociale nel quale lorganizzazione opera e nello sforzarsi di comprendere le attese degli stakeholder sociali e di rispondervi adeguatamente.
  • 262. • CAF - Common Assessment Framework
  • 263. Letteralmente significa "Diagramma causa-effetto con cartellini aggiunti".E utilizzato per coinvolgere il personale operativo, si propone di stimolare eindirizzare in modo operativo la formulazione di idee per risolvere un problemadeterminato.Il diagramma è fisicamente rappresentato da un tabellone esposto nellufficiodove si genera il problema. Questo tabellone monitora continuamente ilproblema ed è accessibile a tutti i collaboratori coinvolti, i quali, mediantecartellini autoadesivi, segnalano ipotesi di soluzioni ed interventi molto specificie mirati collocandoli in corrispondenza della specifica causa sulla qualeintendono impattare. Questi cartellini, di diverso colore, mettono in rilievoostacoli, cause reali e conseguenti idee di miglioramento per superare ilproblema. Di volta in volta si procede alla sperimentazione dei diversisuggerimenti raccolti e alleventuale standardizzazione.Operativamente: si scrive leffetto (lo "spreco") in un rettangolo a destra, e sitraccia una linea verso sinistra. Su questa linea, tutte le persone coinvolte,applicano cartellini con le cause, e cartellini di colore diverso con le soluzioni.Dopo un certo tempo si raccolgono e si analizzano i cartellini, e si riesce cosìad impostare la soluzione del problema come risultato del lavoro di tutto ilgruppo, non delle idee del più autorevole. (non sono così nesessarie riunionicome nel Brainstorming.
  • 264. La cosiddetta "legge 80/20", una legge empirica che fu formulata da Joseph M. Juran, ma che è nota anchecon il nome di principio di Pareto, e che è sintetizzabile nellaffermazione: la maggior parte degli effetti èdovuta ad un numero ristretto di cause (considerando grandi numeri).Secondo la "legge 80/20" (i valori 80% e 20% sono ottenuti mediante osservazioni empiriche di numerosifenomeni e sono solo indicativi), in genere l80% dei risultati dipende dal 20% delle cause.Questo principio può avere diverse applicazioni pratiche in diversi settori, ad esempio:economia : l80% delle ricchezze è in mano al20% della popolazione (ma ovviamente i valorireali variano a seconda dei paesi e dei periodi).Oppure: il 20% dei venditori fa l80% dellevendite, ed il restante 80% dei commerciali fa soloil 20% delle vendite; oppure l80% dei ricavideriva dal 20% dei centri di profitto, e l80% deicosti deriva dal 20% dei centri di spesa. qualità :il 20% dei tipi possibili di guasto in un processoproduttivo genera l80% delle non conformitàtotali. Oppure: l80% dei reclami proviene dal20% dei clienti. In Italia: per treni e aerei l80%dei ricavi deriva da un 20% di rotte non inperdita; l80% del deficit sanitario italiano èlocalizzato in un 20% di ASL sparse sul 24territorio.
  • 265. Serve ad individuare gli aspetti prioritari di un problema, su cui concentrare gli sforzi: riordina i dati in ordine decrescente e li visualizza sotto forma di diagramma di Pareto, consente di selezionare la visualizzazione delle quantità o delle percentuali, visualizza la curva cumulativa dei dati.
  • 266. Esso consente di descrivere le differenti operazioni sotto forma di uno schema in cui le diverse fasi del processo e le differenti condizioni che blocco iniziale devono essere rispettate vengono rappresentati da simboli grafici detti blocchi elementari. I blocchi sono collegati tra loro tramite frecce che indicano la cronologia. blocco iniziale e finale: dal blocco iniziale devessere possibileblocco azione blocco di raggiungere ogni altro blocco; lettura/scrittura da ogni blocco devessere possibile raggiungere il blocco finale; blocco azione e blocco lettura/scrittura: hanno un solo input e un solo output blocco di controllo blocco di controllo: ha un solo input e due output condizioni sugli input ed output (frecce): ogni input/output o entra in un blocco o confluisce in un input/output blocco finale 26
  • 267. causa causa causa causa causa causa causa causa EFFETTO causa causa causa causa causa causaAiuta a risalire alle vere cause, e quindi ai veri problemi da risolvere. Le relazionicausa/effetto sono la base della gestione di una organizzazione. L’obiettivo è l’effetto diuna serie di cause. In genere gli effetti vengono spesso confusi con le cause, e si corresubito agli effetti senza studiare bene le cause.Se di fronte ad un inconveniente si domanda: chi è stato? si considera l’effetto.Se ci si chiede: perché è successo? si considerano le cause.Kuaouru Ishikawa, guru giapponese della Qualità Totale, dice che di fronte ad uninconveniente dovremmo domandarci quattro volte PERCHE’.Inconveniente --> perché? Perché A --> perché A? B --> perché B? C --> perché C?A tal proposito ha ideato un diagramma che, dato un effetto, serve a conoscerne lecause.Il diagramma si chiama diagramma causa/effetto, diagramma di Ishikawa o diagrammaa lisca di pesce, dalla sua forma.
  • 268. Serve per verificare unipotesi di correlazione tra due variabili: visualizza il Diagramma di Correlazione, completo della retta di regressione, verifica e segnala lesistenza di correlazione tra le due variabili (ad un livello di significatività del 5%), calcola il coefficiente di correlazione e lequazione della retta di regressione.
  • 269. Serve per visualizzare la distribuzione di un insieme di dati e verificare se un processo è instato di controllo statistico:ottimizza i limiti delle classi, arrotondandone i valori, per una più agevole comprensione deldiagramma,visualizza una curva gaussiana di riferimento, confrontabile con la distribuzione dei dati,verifica e segnala la "normalità" della distribuzione (ad un livello di significatività del 5%).
  • 270. Serve per visualizzare landamento nel tempo della variabilità di un processo everificarne lo stato di controllo statistico: traccia carte di controllo Xm-R per campioni di numerosità da 1 a 10, segnala automaticamente le condizioni di fuori controllo dovute ad andamenti irregolari delle sequenze di punti
  • 271. Serve per visualizzare landamento nel tempo delle non conformità e verificare lo stato dicontrollo statistico del processo: attraverso una tendina, consente di selezionare e personalizzare il tipo di diagramma desiderato, segnala automaticamente le condizioni di fuori controllo e gli andamenti irregolari delle sequenze di punti.
  • 272. Il brainstorming funziona focalizzando un problema, e poi lasciando emergere -deliberatamente senza un ordine prestabilito - tante soluzioni originali quantesia possibile, spingendole quanto più lontano sia possibileIl brainstorming (letteralmente: tempesta cerebrale) è una tecnica di creativitàdi gruppo per far emergere idee volte alla risoluzione di un problema.Sinteticamente consiste, dato un problema, nel proporre ciascuno liberamentesoluzioni di ogni tipo (anche strampalate o con poco senso apparente) senzache nessuna di esse venga minimamente censurata. La critica ed eventualeselezione interverrà solo in un secondo tempo, quando la seduta dibrainstorming è finita.Il risultato principale di una sessione di brainstorming, che apparentementesembra un metodo sciocco e quasi infantile, è invece in genere moltoproduttivo: può consistere in una nuova e completa soluzione del problema, inuna lista di idee per un approccio ad una soluzione successiva, o in una lista diidee che si trasformeranno nella stesura di un programma di lavoro per trovarein seguito una soluzione.Il metodo del brainstorming iniziò a diffondersi nel 1957, grazie al libro "AppliedImagination" di Alex Faickney Osborn, un dirigente pubblicitario.
  • 273. Nel brainstorming di gruppo, i commenti degli altri partecipanti stimolano le ideedi ognuno, in un sorta di reazione a catena delle idee.Certamente i gruppi non sono imprescindibili per stimolare il pensiero creativo.Anche da soli si puo’ fare brainstorming. Un’altra variabile interessante eproduttiva e’ generare l’idea centrale da soli, e poi farla sviluppare da altri indiverse direzioni: di solito si ottengono degli ottimi risultati.In un gruppo, si devono ascoltare gli altri e utilizzare il tempo per ripensare allenostre idee, per ricevere sufficiente attenzione dagli altri.Opportuno analizzare i risultati di un brainstorming in un secondo gruppo e in unsecondo tempo, per cercare le migliori soluzioni anche con altri strumenti.La fase di generazione delle idee deve essere separata dalla fase di giudizio delpensiero.La fase di giudizio non e’ meno importante. La mappa di idee risultante deveessere studiata ed elaborata, annotando gli elementi, collegando informazionilocali o in rete, e classificando i nodi fino a raggiungere uno stato valutato comeaccettabile, idoneo per trarre le necessarie conclusioni.Alcune persone sono intuitive e flessibili, altre rigide e logiche. Il pensatorecreativo può essere più produttivo nella fase iniziale del brainstorming, ilpensatore critico nel valutare le possibilità realizzative.
  • 274. NON CONOSCENZA CONOSCENZAINCONSCIA INCONSCIANON CONOSCENZA CONOSCENZACONSCIA CONSCIA
  • 275. La Work Breakdown Structure è un albero gerarchico orientato al prodotto (odeliverable) che viene suddiviso nel materiale, nel software, nei servizi, nei dati e nelleattrezzature che lo compongono. Lalbero viene strutturato in base allingegneria disistema che è sviluppata nella fase iniziale dellapertura del progetto. La WBSdefinisce il prodotto, o i prodotti, da sviluppare o da produrre. Essa mette in relazionecon il prodotto finale e fra di loro gli elementi di lavoro che sono necessari alla suarealizzazione. La WBS può articolarsi in un numero qualsiasi di livelli.Uno dei più importanti principi alla base della WBS è noto come Regola del 100%. LaPractice Standard for Work Breakdown Structures (Second Edition), edita dal ProjectManagement Institute (PMI - http://www.pmi.org) definisce questa regola così: La regola del 100%... precisa che la WBS debba includere il 100% del lavorodefinito dal progetto e includere TUTTO il necessario - interno, esterno e appaltato -alla realizzazione del progetto, inclusa la gestione del progetto stesso. La regola del100% è una delle più importanti linee guida per lo sviluppo, la decomposizione e lavalutazione della WBS. La regola si applica a tutti i livelli della gerarchia: la somma dellavoro dei livelli "figli" deve essere uguale al 100% del lavoro rappresentato dal loro"padre" e la WBS non dovrebbe includere alcun lavoro al di fuori dai limiti del progetto,ovvero non può includere più del 100% del lavoro. È importante ricordare che laregola del 100% si applica anche al livello di attività, Il lavoro rappresentato dalleattività in ciascun pacchetto di lavoro devono dare, sommate, il 100% del lavoronecessario per completare il pacchetto."
  • 276. PERT - Program Evaluation and Review TechniqueÈ una tecnica (formalismo grafico) di project management sviluppata nel 1958 dalla Booz, Allen & Hamilton, Inc. (una ditta diconsulenza ingegneristica), per lufficio Progetti Speciali della Marina degli Stati Uniti. Lobiettivo era quello di ridurre i tempi ed icosti per la progettazione e la costruzione dei sottomarini nucleari, coordinando nel contempo diverse migliaia di fornitori e disubappaltatori. Con questa tecnica si tengono sotto controllo le attività di un progetto utilizzando una rappresentazione reticolare chetiene conto della interdipendenza tra tutte le attività necessarie al completamento del progetto. Va evidenziato che lalgoritmo PERTnon schedula (cioè non elabora una sequenza temporizzata delle attività stesse), perché non tiene conto della disponibilità dellerisorse; considera cioè che le risorse siano a disponibilità infinita.Varianti del PERT:• Lalgoritmo PERT-Tempi Semplice calcola i tempi minimi e massimi per la realizzazione di ogni attività.• Lalgoritmo Full PERT-Tempi è lo stesso del PERT Semplice, ma considera la durata delle attività in forma probabilistica.• PERT Costi e CPM consentono di effettuare analisi considerando anche i costi associati alle attività.CPM è lacronimo di Critical Path Method, ovvero "metodo del percorso critico". È uno strumento di gestione progetti sviluppato nel1957 dalla Catalytic Construction Company per la manutenzione degli impianti della Du Pont de Nemours. Si tratta di una tecnicausata per individuare, nellambito di un diagramma a rete (del tipo PERT), la sequenza di attività più critica (massima durata) ai finidella realizzazione di un progetto. Individuato il percorso critico si tengono sotto stretto controllo le attività che lo compongono, inquanto un ritardo (maggiore durata del previsto) di una qualsiasi di queste comporta inevitabilmente un ritardo dellintero progetto.La rappresentazione del progettoUn progetto consiste, essenzialmente, di una serie di attività interdipendenti che devono essere eseguite con una precisa sequenza.Con la tecnica PERT/CPM si rappresenta il flusso logico delle attività mediante un reticolo. Il tipo di reticolo più adottato è quellocosiddetto "ad arco" ed formato da:• frecce, che rappresentano le attività• nodi, punti di inizio/fine delle attività, che rappresentano eventi nel tempoIl primo nodo è sempre quello di inizio progetto; lultimo è sempre quello di fine progetto. Questo tipo di reticolo è molto adatto adessere trattato con soluzioni informatiche. I nodi possono essere identificati con un numero e le attività con la coppia dei numericorrispondenti ai nodi di inizio e fine. Naturalmente a queste informazioni vengono collegate le descrizioni e, nel caso delle attività,anche le durate. I percorsi sono identificati mediante la lista dei nodi attraversati ed assumono, come durata (minima - intermedie -massima) la somma dei tempi delle attività comprese nel percorso.
  • 277. GANTT• Il diagramma di Gantt è uno strumento di supporto alla gestione dei progetti, così chiamato in ricordo dellingegnere statunitense che si occupava di scienze sociali che lo ideò nel 1917, Henry Laurence Gantt (1861 - 1919).
  • 278. TRIZTRIZ è lacronimo del russo Teoriya Resheniya Izobreatatelskikh Zadatch, traducibile initaliano come Teoria per la Soluzione dei Problemi Inventivi. È al tempo stesso un metodoeuristico ed un insieme di strumenti sviluppati in Russia a partire dal 1946 da GenrichSaulovich Altshuller (1926-1998), con lobiettivo di catturare il processo creativo in ambitotecnico e tecnologico, codificarlo e renderlo così ripetibile e applicabile: una vera e propriateoria dellinvenzione.
  • 279. ANALISI DELLE ESIGENZE DEL CLIENTE
  • 280. CRM - Customer relationship management
  • 281. AUTOVALUTAZIONE E BENCHMARKING NELLA PUBBLICHE AMMINISTRAZION….. Ambiente Università Cultura Sviluppo P.A. locale Sanità Area controlli interni
  • 282. Che cos’è il Benchmarking ” Un processo continuo, sistematico, per valutare i prodotti, i servizi ed i processi operatividelle organizzazioni che sono riconosciute quali rappresentanti delle prassi migliori allo scopo di operare confronti e conseguire miglioramenti” Modalità Livelli •Benchmarking interno: confronto tra funzioni/attività simili in unità operative differenti della stessa Data Process organizzazioneBenchmarking Benchmarking •Benchmarking funzionale: confronto con altre organizzazioni di specifiche funzioni indipendentemente dal settore di appartenenza Confronto su Confronto tra •Benchmarking competitivo: indicatori di processi benchmarking esterno focalizzato sui performance competitors •Benchamrking Best-in-class: confronto con organizzazioni eccellenti in particolari funzioni, processi o strategie.
  • 283. Che cos’è l’autovalutazione e l’autodiagnosiA che cosa serveQuali sono gli obiettivi del processo di autodiagnosiQual è l’oggetto dell’autodiagnosiCome fare l’autodiagnosi, con quali strumenti e come collegarei risultati con i progetti di benchmarking
  • 284. FORNIRE SERVIZI DI QUALITÀ E CREARE VALORE per il cliente non è una prerogativa delle sole organizzazioni private ma anche FINALITÀ PRIORITARIA DI QUELLE PUBBLICHEAlla necessità delle aziende private di perseguire PROFITTO, fa riscontro quella della PA di realizzare CAMBIAMENTI GENERATIVI DI VALORE per il Sistema Paese Al positivo e corretto impatto sull’ambiente e sul contesto socio economico che l’impresa privata deve realizzare oltre al profitto, si deve affiancare l’impatto esteso e pervasivodella PA sull’intero contesto di riferimento comprese tutte le organizzazioni economiche che operano sul mercato
  • 285. Orientare l’organizzazione pubblicaal raggiungimento del risultato(e non solo al rispetto della norma),alla soddisfazione del cittadino,all’efficienza,all’efficaciae alla economicità della gestione
  • 286. Per raggiungere concreti RISULTATI occorrono metodologie, strumenti, modelli di analisi compatibili con le peculiarità delle PA e coerenti con le missioni delle stesseMetodologie e strumenti devono essere atti ad innescare PROCESSI DI MIGLIORAMENTO A CATENACAMBIAMENTI GENERATIVI in grado di provocare ulteriori cambiamenti sbloccando risorse e mettendone in campo di nuove
  • 287. L’autodiagnosi e il benchmarking possono essere strumenti per attuare cambiamenti generativi di valore per il cliente e per l’Ente MODELLO del personale REALE COINVOLGIMENTO delle organizzazioni sindacali CONCRETO IMPEGNO dei dirigentiespresso nei momenti di confronto e di assunzione di decisioni analisi condivisa dei risultati conseguiti in relazione alla missione gerarchizzazione delle priorità di intervento di miglioramento utilizzo del benchmarking quale strumento per individuare le prassi eccellenti, adattarle migliorandole e adottarle per conseguire concreti risultati atti ad aumentare la qualità e il valore dei servizi determinazione e condivisione di nuovi obiettivi da raggiungere
  • 288. abbiamo fissato un tema strategico ? abbiamo delineato una mappa della strategia ? abbiamo definito obiettivi, indicatori, target ? abbiamo pianificato le iniziative necessarie ?dove siamo rispetto a dove dobbiamo andare?stiamo seguendo la strada più corta e meno dispendiosa?le condizioni esterne ci hanno portato fuori rotta?(tempesta e mare forza 8)le condizioni interne (la nave, la ciurma, i motori, ecc.)ci hanno portato fuori rotta?di quanto siamo fuori rotta?
  • 289. LA PA È ORGANIZZATA PER FUNZIONIcosì come nel privato anche nella PAIl maggior potenziale di miglioramento è nascosto nei confini tra i regni funzionali L’effetto regno riduce le prestazioni Le funzioni sono dominio di manager NESSUNO NESSUNO NESSUNO Nessuno si preoccupa SI SI SI PREOCCUPA PREOCCUPA PREOCCUPA degli spazi interfunzionali DI QUESTI DI QUESTI DI QUESTI SPAZI SPAZI SPAZI I processi sono gestiti da procedure I PROCESSI SONO GESTITI DA PROCEDURE
  • 290. Tradizionalmente le gestioni e i miglioramenti sono stati impostati per funzioni Ma … l’impresa genera valore e profitto attraverso i suoi processi e non mediante le sue funzioniL’elemento chiave FORNITORI CLIENTI SONO I PROCESSI A CREARE VALORE
  • 291. Fattori Realizzazione missioni Processiabilitanti e obiettivi DALLE CAUSE AGLI EFFETTI
  • 292. Visione strategica: sviluppo del reddito Mappa strategica Obiettivo Indicatore Target Azione Aumentare il Crescita del reddito Finanziario + 25% xx annuo espansione reddito derivante del reddito da nuovi Reddito percentuale derivante da nuovi 30% xx prodotti servizi Soddisfare le Fidelizzazione 80% Programma di Cliente gestione delle relazioni Servizi esigenze dei clienti Programma di innovativi in materia di Quota di clientela 40% compartecipazione ai capacità evolute guadagni Accelerare lo Funzionalità del 1° del Collegamento con le Interno Alto sviluppo prodotto università / trasferimento sviluppo di settore di tecnologia del reddito nuovi servizi 9 mesi Riprogettazione del Time to Market tempo di ciclo di sviluppoApprendimento Disponibilità di 100% Modello delle competenze Acquisire, sviluppare e crescita Forza lavoro competenza e mantenere le specializzata 95% Nuovo programma di stabile e assunzioni competenze qualificata Mantenimento del strategiche personale chiave Programma di benefit
  • 293. Visione strategica: sviluppo del reddito Mappa strategica Obiettivo Indicatore Target Azione Finanziario espansione del reddito mezzo per Cliente Servizi non cosa faccio innovativi ma dove voglio arrivare realizzare l’obiettivo e il target Interno Alto sviluppo chiarisce l’obiettivo del redditoApprendimento e crescita Forza lavoro stabile e valore dell’indicatore qualificata
  • 294. Visione Ambiente esterno Strategie e obiettivi Dimensioni (aree) di eccellenza per la creazione del valore CRESCITA E RISORSE EFFICIENZA SODDISFAZIONE ECONOMICO / INNOVAZIONE UMANE E QUALITA’ DEL CLIENTE FINANZIARIO Fattori di eccellenzaLeadership Politiche Gestione Soddisfazione Risorse Processi Soddisfazione Impatto sulla Risultati e strategie del personale del personale degli stakeholders società Fattori critici di successo Misure
  • 295. sul versante strategicoRIPOSIZINAMENTO DI OGNI PA IN RELAZIONE AGLI OBIETTCOMPLESSIVI DELLA PA NEL SUO COMPLESSOINTEGRAZIONE, SINERGIE E ORIENTAMENTOVERSO OBIETTIVI STRATEGICI COMUNIOGNI FUNZIONE (SINGOLA PA) DEVE FORNIREIL SUO CONTRIBUTO IN MODO SINERGICOperchéridisegnare la catena del valore
  • 296. Come vorremo e VISIONE dove vogliamo e dobbiamo dovremmo essere Ciclo di controllo strategico Andare quale strada dobbiamo percorrere AUTODIAGNOSI analisi della Come siano (ciclo CA)Ciclo di benchmarking situazione di partenza: dove ci troviamo, di che cosa disponiamo Quale è il divario SISTEMA DI MISURE Come colmare il divario STRATEGIE E POLITICHE ricerca cosciente e deliberata di un piano d’azione PIANIFICAZIONE Pianificazione (ciclo PD) OPERATIVA E ANALISI Il benchmarking come strumento di miglioramento
  • 297. Che cos’è l’Autovalutazione UNA ANALISI ESAURIENTE, SISTEMATICA E PERIODICA DELLE ATTIVITÀ E DEI RISULTATI DELL’AMMINISTAZIONE NEL SUO COMPLESSO O DI UNA SUA STRUTTURA TERRITORIALE Il processo di autovalutazione deve consentire all’Amministrazione o ad una sua struttura territoriale di distinguere chiaramente i propri punti di forza individuare le aree nelle quali possono essere attuati miglioramentiL’autovalutazione deve tradursi e culminare in azioni di miglioramentopianificate e monitorate nel tempo allo scopo di verificarne l’andamento
  • 298. sintomi L’analisi diagnostica parte dai risultati, per poi passare Approccio ai processi che generano tali processo risultati, quindi ai fattori di sistemici che si materializzano attraverso: norme e procedure, comunicazione formale e informale, formazione, documentazione varia causeI processi rappresentano tutte le attività dell’azienda che portano ai risultati (interni e esterni ) Le cause di problemi in relazione all’esecuzione si possono trovare nei processi
  • 299. Valutazione Valutazione Valutazione fattori sistemici processi risultati Processi AUTOVALUTAZIONE Fattori risultati destra / sinistra sistemici primari dagli effetti alle cause Individuazione Individuazione aree di aree di Individuazione miglioramento miglioramento risultati criticisui fattori sistemici sui processi DIREZIONE EFFETTI - CAUSE
  • 300. Obiettivi piani AUTO OBIETTIVI PIANIFICAZIONE STRATEGICA VALUTAZIONE STRATEGICI C miglioramento attuale Clienti E PRIORITA’ RISULTATI A Risultati istituzionali Stakeholder Debolezze / forze processi e fattori sistemici Risultati altre PA Proposte, conferma o cambiamento obiettivi Rilevanza strategica Risposta Pianificazione strategica a proposte D del miglioramento Goal deployment Pianificazione operativa Pianificazione del miglioramento operativa attività P Monitoraggio esecuzione esecuzione A successivo ciclo di autovalutazioneLe relazioni tra la pianificazione strategica, l’autovalutazione e la pianificazione strategica operativa delmiglioramento
  • 301. OBIETTIVI DELL’AUTOVALUTAZIONE 1. INDIVIDUARE I PUNTI DI FORZA 2. INDIVIDUARE LE AREE DI MIGLIORAMENTO PIANIFICARE LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO E DEFINIRE I CRITERI IN BASE AI QUALI VERIFICARE I PROGRESSI
  • 302. I benefici dell’autovalutazione individuazione dei punti di forza e delle aree di miglioramento fornisce un approccio altamente strutturato e basato sui fatti alla definizione e valutazione dell’Amministrazione o di una sua struttura territoriale, consentendo inoltre una misura periodica dei progressi compiuti crea un linguaggio e un quadro di riferimento concettuale comuni e condivisi nella gestione e nel miglioramento dell’Amministrazione o di sue strutture familiarizza il personale con i Concetti fondamentali dell’Eccellenza e ne evidenzia i rapporti con le responsabilità dei singoli coinvolge il personale di tutti i livelli e di tutte le unità di processo nel miglioramento consente di valutare le strutture dell’Amministrazione in modo omogeneo e coerente sia a livello generale, sia negli aspetti più particolari e specifici individua e permette la condivisione degli esempi di “prassi migliori” (best practice”) all’interno dell’Amministrazione e nell’ambito pubblico / privato agevola i confronti con altre PA o privati di natura simile o diversa avvalendosi di un insieme di criteri ampiamente accettati in Europa
  • 303. L’approccio all’autovalutazioneIndicazioni preliminari per la scelta dell’approccio IMPEGNO scarso medio elevatoMATURITÀ Questionario schede con simulazione premio ad hoc auto coinvolgimento dei colleghiSTADIO questionario e schede simulazione premioINTERMEDIO workshop (pilota) matrice e workshop schede e workshop workshop facilitatiPRIMI questionario questionario questionario moltoPASSI base standard dettagliato matrice standard matrice ad hoc
  • 304. Il processo generale di autovalutazionenon esiste un modo giusto per realizzare l’autovalutazionedipende dalla CULTURA e dagli OBIETTIVILA FASE PiÙ CRITICA DEL PROCESSO È LA PIANIFICAZIONE EL’ATTUAZIONE DELLE AZIONI DI MIGLIORAMENTODopo aver completato la fase diagnostica, sarà utile considerare le rispostealle seguenti domande? Quali punti di forza, tra quelli individuati, è indispensabile mantenere e utilizzare al meglio per massimizzare gli effetti?? Quali punti di forza, tra quelli individuati, è necessario sviluppare e sfruttare ulteriormente?? Su quali aree suscettibili di miglioramento, tra quelle individuate, non si intende intervenire specificatamente in quanto non essenziali alle attività dell’Amministrazione o di una sua struttura?? Su quali aree suscettibili di miglioramento, tra quelle individuate, si intende intervenire specificatamente in quanto giudicate prioritarie?? Come si verificheranno i progressi relativi alle azioni di miglioramento pianificate?
  • 305. LE FASI DEL CICLO DI AUTOVALUTAZIONE (Self-assessment) CONDURREOTTENERE L’ACCETTAZIONE L’AUTOVALUTAZIONE SECONDO DELLA DIREZIONE IL METODO SELEZIONATO INDIVIDUARE AREE DI PIANIFICARE MIGLIORAMENTO RISPETTO AL L’AUTOVALLUTAZIONE MODELLO DI RIFERIMENTO SCEGLIERE IL METODO STABILIRE IL PIANOADDESTRARE LE PERSONE DI MIGLIORAMENTO COINVOLTE COMUNICARE IL PIANO IMPLEMENTARE IL PIANO DI VALUTAZIONE D’AZIONE VERIFICARE I RISULTATI E I MIGLIORAMENTI RISPETTO AGLI OBIETTIVI STABILITI
  • 306. Esperienze di IndividuazioneBenchmarking dei problemi(applicazioni) Aspetti critici miglioramenti da CHECK - ACT autovalutazione sottoporre a benchmarking Processo continuo di benchmarking Piano di benchmarking PLAN Raccogliere Analizzare Adattare Realizzare Controllare e DO mettere a punto Ricalibrare
  • 307. Sintesi del processo di Autovalutazione Azioni di Piano di miglioramento miglioramento Benchmarking rispetto a Revisione Unità di Processo Best in class Standard di areaRaccolta Punti di forza ed Valutazione AUTOVALUTAZIONE dati aree di miglioramento condivisa Il modello di riferimento
  • 308. Finalità dell’autodiagnosi, approccio e tipo di benchmarking Finalità 1 Identificare macroproblematiche relativamente Livello autodiagnosi ad approccio, diffusione, riesame, eccellenza Direzione Generale e grado di copertura dei risultati dell’Istituto Approccio Simulazione di partecipazione all’Award Benchmarking Gestionale / Strategico Finalità 2 Facilitare l’interscambio delle conoscenze relative autodiagnosi ai processi identificati come prassi migliori (best practice) all’interno dell’Ente Livello Livello Strutture Strutture Approccio Coinvolgimento dei direttori territoriali territoriali Benchmarking Gestionale Finalità 3 Incoraggiare e stimolare le attività di miglioramento autodiagnosi continuo e il lavoro in gruppo Livello Livellooperativo operativo Approccio QuestionarioUdP/team UdP/team Benchmarking Operativo
  • 309. Correlazione tra Autovalutazione benchmarking e Controllo di Gestionenelle strutture territoriali: Direzioni Provinciali e Agenzie Processo di Dati Pianificazione Autovalutazione e Controllo di GestioneIdentificazione e definizione Definizione del piano delle priorità delle azioni di strategico da parte del miglioramento (piano di vertice come input per miglioramento annuale) il piano aziendale Produzione del piano integrato Attuazione e riesame
  • 310. è un elemento di miglioramento sistemicoIl benchmarking in quanto può spingere per la P.A. all’emulazione attraverso la divulgazione di esperienze positive MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONIOBIETTIVI dell’INPSall’avvio delle l’attività o AUMENTO DEL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI PROPRI CLIENTIdi benchmarking o ESEMPIO PER LE ALTRE P.A.
  • 311. Il benchmarking per le PA può essere definito come:Il processo, continuo e sistematico, attraverso il quale le PA.partendo da una approfondita fase di analisi finalizzata adindividuare le aree di miglioramento, attuano:  confronti interni, a tutti i livelli: nel loro ambito, tra di loro, a livello territoriale nazionale ed internazionale;  confronti esterni con aziende private;Con l’obiettivo di realizzare:  integrazione d’azione su obiettivi comuni;  coerenza con gli obiettivi generali dello Stato;  cooperazione (amministrazioni a rete - uffici virtuali) finalizzata a fornire maggiore valore ai clienti (riduzione dei costi, eliminazione di ogni duplicazione di attività);  pianificazione del miglioramento.
  • 312. Processi Processi primarioperativi (di soddisfazione della domanda - processi market - driven) finalizzati al raggiungimento della missione fondamentale della Amministrazione e alla soddisfazione dei clienti (processi svolti prevalentemente nelle strutture territoriali delle PA)
  • 313. Processi gestionaliDirezionali o Facilitativi Supporto o Abilitativi Sono processi infrastrutturaliSono processi di Pianificazione al soddisfacimento dei bisognie governo, del cliente interno - cioè deifinalizzati responsabili dei processi market-driven,alla definizione delle strategie finalizzati ad offrire servizidi servizio alle strutture e ai ruoli interni, allo scopoe al coordinamento, di acquisire, gestire e svilupparecontrollo le risorse necessariee supervisione dei processi ai processi primari; sono tutti quelli che si devono svolgere per garantire l’operatività, l’efficienza e l’efficacia dei processi primari
  • 314. Processi strategici Processi istituzionali e di rappresentanza esterna alle politiche e alle strategie complessive dell’amministrazioneFinalizzati ai rapporti di partnership con altre pubbliche amministrazioni e alla cura dell’immagine all’esterno
  • 315. Il benchmarking operativo si focalizza sui processi primario su fasi significative dello stessoI processi primari sono alla basedell’attività di qualsiasi tipo di organizzazioneAttraverso i processi primari la PA svolge le attivitàper cui è stata costituitaAttraverso tali processi il cittadinoriconosce ed individua la funzione, l’utilitàe l’efficienza della singola amministrazione
  • 316. Il benchmarking operativo è un metodo di comparazioneparticolarmente utile nella PA che induce a mantenerela amministrazione permanentemente orientata versoil miglioramento, attraverso processi di autovalutazionecontinua dei propri prodotti/servizi e metodi, in rapportoa quelli di altre amministrazioni comparabili, riconosciutecome leaderProgetti di benchmarking operativo possono essere attivati,in modo coordinato e organizzato, da tutte le struttureterritoriali di una amministrazione
  • 317. Ricerche di benchmarking operativo possono riguardareconfronti:tra unità territoriali della stessa amministrazione sui processiprimari o su fasi significative degli stessi;tra più amministrazioni che svolgono le stesse tipologiedi processi primari o che sono soggetti alla stessa normativao che sono collegati in un rapporto di cliente / fornitoretra più amministrazioni, a livello internazionale, che hannomissioni similari e svolgono processi primari paragonabiliconfronti con realtà esterne su processi che possonoavere qualche analogia con i processi dell’amministrazione
  • 318. Fasi di attività di un progetto di benhcmarking operatAutodiagnosi e scelta dell’oggetto di benchmarkingCostituzione del Gruppo di Progetto Il Gruppo di Progetto, coordinato da un Dirigente responsabile delle attività di benchmarking, dovrà essere composto, prevalentemente, da personale che opera nel processo sottoposto ad analisi Compito del dirigente definire obiettivi e target in modo preciso e puntuale condividere gli obiettivi con il gruppo di benchmarking accertandosi della piena comprensione e interiorizzazione degli stessi da parte dei componenti del gruppo impostare il progetto insieme con il gruppo e con la consulenza del “Team di benchmarking c dare inizio ai lavori del gruppo fornire supposto e sostegno al gruppo mettendo a disposizione le risorse necessarie emanare le “disposizioni operative” a conclusione del progetto; le disposizioni operative devono contenere i cambiamenti (prassi, comportamenti operativi, ecc.) che è necessario introdurre per conseguire il miglioramento e si configurano come “nuovo manuale procedurale” nel cui ambito vengono dettati i nuovi comportamenti che gli operatori dovranno attivare; le disposizioni operative costituiscono il vero output di tutta l’attività di benchmarking curare la corretta applicazione delle “disposizioni operative” e monitorare i risultati conseguit attivare ulteriori cicli di miglioramento
  • 319. Fasi di attività di un progetto di benhcmarking operati Pianificazione delle attività del gruppo di benchmarking PRIMA FASE Raccolta di dati e informazioni (quali-quantitative: indagini sui livelli di soddisfazione dei clienti), CdG, e Mappatura e documentazione del processo finalizzata a definire compiutamente il processo: come e c entra nel processo (input), sequenza delle attività con i relativi attributi di tempi di esecuzione e costi, funzionamento, tempi di risposta, attività di controllo con descrizione entità da controllare e livelli di s e controllo, attori coinvolti e relazioni organizzative con le attività, cosa viene prodotto (output), a chi v fornito l’output, misure di prestazioni Analisi su un campione significativo di pratiche degli anni più recenti per rilevare le cause che hanno determinato le performance Individuazione di uno o più fattori ritenuti essenziali per conseguire risultati positivi (FCS: esempio tem della comunicazione) Raccolta dati e informazioni a carattere quantitativo e qualitativo di tipo preliminare e finalizzate alla individuazione dei partner Predisposizione, sulla base dei risultati delle rilevazioni di cui ai punti precedenti, di un questionario da ad altre strutture territoriali per richiedere notizie sulle prassi seguite nell’ambito del processo Individuazione di strutture del territorio alle quali chiedere notizie e con le quali effettuare i confronti Invio dei questionari
  • 320. Fasi di attività di un progetto di benhcmarking operati Pianificazione delle attività del gruppo di benchmarking SECONDA FASE Ricevimento dei questionari di risposta Determinazione dei criteri per la scelta dei partner eccellenti Elaborazione dei risultati dei questionari finalizzata alla individuazione di un numero ristretto partner eccellenti possibili “best in class” con i quali analizzare in modo più approfondito le prassi operative e i risultati conseguiti Individuazione di 2- 3 partner eccellenti Organizzazione di visite in loco presso le strutture individuate come eccellenti, per approfon la conoscenza delle prassi seguite, per osservare l’organizzazione del lavoro e per chiedere spiegazioni e chiarimenti con riferimento alle informazioni raccolte con il questionario Descrizioni delle migliori prassi
  • 321. Fasi di attività di un progetto di benhcmarking operati Pianificazione delle attività del gruppo di benchmarkingTERZA FASE Stesura del rapporto conclusivo che deve illustrare: le prassi / comportamenti organizzativi eccellenti di cui si è venuti a conoscenza attraver i questionari o concretamente osservate presso le strutture visitate le modifiche / cambiamenti da introdurre nell’ambito delle prassi seguite dalla struttura che ha attivato il progetto di benchmarking piano delle azioni di intervento per l’attuazione del cambiamento: definizione degli obiettivi pianificazione di riunione con gli operatori del processo pianificazione degli interventi formativi per gli operatori di processo Presentazione al Dirigente committente del rapporto conclusivo
  • 322. Modalità di svolgimento delle attività di benchmarkingIl gruppo di benchmarking si riunirà periodicamente su indicazione del RESPONSABILE DEL PROGper analizzare lo stato di avanzamento dei lavori e per verificare l’allineamento con i tempi progA conclusione di ciascuna fase di lavoro il gruppo predisporrà un report, condiviso da ogni compillustrando i risultati del lavoro effettuatoIl report finale, una volta condiviso dalla dirigenza e dalle OOSS, verrà reso pubblico e messoa disposizione di tutte le strutture del territorioI dirigenti delle strutture interessate, ricevuto il report finale con le proposte di cambiamento dapredisporranno, di concerto con il gruppo di benchmarking, le specifiche “DISPOSIZIONI OPERATSUI MIGLIORAMENTI DA REALIZZARE E SUGLI OBIETTIVI DA CONSEGUIRE”La preparazione del PIANO OPERATIVO è affidata al personale delle UdP (Unità di Processo) coinnei cambiamenti da realizzareIl piano dovrà essere condiviso dai dirigenti interessati e dovrà essere divulgato a tutte le struttuinteressate
  • 323. I processi gestionali devono produrre valore per il cliente interno sono al servizio dei processi primari Esempi di processi gestionali controllo di gestione amministrazione del personale budgeting sviluppo delle competenze controllo qualità percorsi di carriera valutazione dei risultati modalità di reclutamento outsourcing gestione risorse finanziarie marketing gestione risorse tecnologiche change management gestione materiali
  • 324. Il confronto sui processi gestionali può essere compiuto con diverse tipologie di partner, trattandosi di procedimenti che non sono peculiari di un determinato settore, ci si può confrontare con qualsiasi tipo di organizzazione, fermo restando i vincoli strutturali e ambientalii progetti di benchmarking gestionale possono essereattivati prioritariamente dalle direzioni generali delleamministrazioni quando è necessario attuare deimiglioramenti che riguardano un gran numero di strutture delterritorio relativamente ad uno specifico fattorea carattere gestionale
  • 325. è un processo sistematico inteso a valutare migliorarele alternative le performance realizzare le strategie mediante la comprensione e l’adattamento delle strategie di successo
  • 326. Il benchmarking strategico si concentra su quellescelte che ogni organizzazione complessa si trovaa dover fare quando il mondo esterno la ponedi fronte a nuovi problemi, a nuovi pericoli, a nuove sfide,a nuove opportunità, che potrebbero mettere a rischiola sua stessa esistenzaL’attività di benchmarking strategico, a supporto delledecisioni degli Organi Istituzionali, è propria delleDirezioni generali
  • 327. Fattori Realizzazione missioni Processisistemici e obiettivi DALLE CAUSE AGLI EFFETTI Missioni LEADERSHIP Strategie Risorse Umane Processi e Architetture Organizzative Altre risorse obiettivi
  • 328. Modello di auto valutazione diagnostico Risorse Umane Preferenza dei clienti Unione Europea P r o c e s s i Stato Strategie e Piani Architetture Obiettivi Altre P.A. organizzative di servizio e di immagine Centro - Periferia Personale Altre risorse Contributo da Tecniche e soddisfazione Clienti -Cittadini Finanziarie Informatiche di stakeholder Partner Società / comunità FATTORI SISTEMICI PROCESSI MISSIONI
  • 329. Scenari esterni Capability Capability Attese management (azienda) Attese mercato Attese/contributi stakeholder Strategie e Piani Altri Processi fattori sistemici Risultati di: business soddisfazione clienti Valutazione Misure soddisfazione da e verso stakeho performance performanceFase di pianificazione
  • 330. FATTORI SISTEMICI PROCESSI RISULTATI Gestione, Soddisfazione clienti, Gestione, misura, risultati di business, correzione, correzione, soddisfazione da e verso miglioramento miglioramento stakeholder Misure Feed-back sistematiciFase di esecuzione
  • 331. FATTORI SISTEMICI PROCESSI RISULTATI Adeguatezza dei uAdeguatezza dei uSoddisfazione clienti fattori sistemici al processi uRisultati di Business perseguimento uRisultati e stato uSoddisfazione da e verso delle missioni di presidio stakeholder e al raggiungimento degli obiettivi Sondaggi specifici, Analisi, valutazioni, più raccolta interviste, questionari Misure e audit di tutti i dati disponibili Raccolta e analisi dati DiagnosiEvidenziazione Diagnosi trasversali (destra - sinistra) da risultati a processi a fattori aree dimiglioramento Fase di autovalutazione
  • 332. Le misure, i rilievi e le elaborazioni tipiche della fase di autovalutazione FATTORI SISTEMICI PROCESSI RISULTATI Consuntivazione misure Misure correnti su indicatori Misure correnti sui risultati correntiMisure Rilievi / misure Valutazione rispetto al modello Audit su stato governo specifici della (approccio, estensione, efficacia)processi autovalutazione Sondaggi e misure particolari Elaborazioni Delta risultati / obiettivi Delta risultati / obiettivi Delta risultati / obiettiviAnalisi elaborazioni relative a ciascuna Aree debolezza fattori Trend miglioramento Trend miglioramento Trend miglioramento Allineamento con risultati Confronti con best-in-class componente Diagnosi trasversale Cause nei fattori sistemici Cause nei processi Risultati
  • 333. FATTORI SISTEMICI PROCESSI RISULTATI Diagnositrasversale Voce dei processi AUTOVALUTAZIONE Voce dei Voce di • Scostamenti risultati-obiettivi e destinatari chi opera risultati propri/risultati concorrenti risultati dei in azienda • Cause degli scostamenti aziendali • Trend • Disallineamento, Obiettivi indicatori interni/esterni piano correnteL’autovalutazione e i suoi input
  • 334. Il processo di autovalutazione 2 Obiettivi piano Feed-back 3 miglioramento attuale da autovalutazione Lista obiettivi prioritari Risultati relativi ai clienti relativi Insieme  al business, obiettivi 1 Lista obiettivi prioritari ai clienti prioritari relativi al business e agli stakeholder Lista obiettivi prioritari relativi agli stakeholder Fattori sistemici processi Performance gapL’autovalutazione deve partire da una definizione prioritaria degli obiettivi strategici dell’aziene dagli obiettivi del piano di miglioramento in corso 2); a questi si aggiunge il feed back dai riscritici dell’autovalutazione 3) non compresi in 1) e 2). Dalle misure dei risultati emergono i “peche sono i punti di partenza per le analisi diagnostiche nelle aree dei processi e dei fattori siste
  • 335. Benchmarking Confronti con precedente con processi simili Trend di miglioramento autovalutazione 6 5 3Risultati audit di processo Autovalutazione Livello customer satisfaction processo Allineamento 4 Consuntivi 1 misure correnti Indicatori Indicatore Customer di processo finale satisfaction Cliente Processo del processo 2 Audit di processoI principali input all’autovalutazione di un processo
  • 336. voce del mercato voce dei dirigenti Visione Benchmarking Stato desiderato Obiettivi strategici voce del cliente voce dell’Ente Analisi di Sistema Maggiori soddisfazione problemi dei clienti di ascolto esistenti COSA COME voce dello stato (obiettivi (obiettivi voce della comunità quantitativi) tecnici culturali Missione organizzativi) Autodiagnosi obiettivi – equilibrio con modello dieconomico / finanziario riferimento MISSIONE STAKE HOLDERS BASED PLAN
  • 337. PIANIFICAZIONE GLOBALE / EFFICACE (gli ingredienti) PIANO ANALISI AUTODIAGNOSI IN OBIETTIVIECONOMICO SODDISFAZIONE BENCHMARKING STRATEGICIFINANZIARIO CLIENTI OBIETTIVI DI BUSINESS, CAMBIAMENTI OBIETTIVI DI ECONOMICI E NECESSARI PERFORMANCE FINANZIARI MAGGIORI COSA COME PROBLEMI ESISTENTI (obiettivi quantitativi) (obiettivi tecnici / culturali / organizzativi) A B C PIANO POLIENNALE AUTODIAGNOSI ASPETTI DEBOLI OBIETTIVI DI PIANI OPERATIVI PIANO ANNUALE SVILUPPOCOSA COME BUDGET COSA COME PIANO INVESTIMENTI VISION / GRIGLIA PIANO PRIORITA’ Piano dei PIANO INIZIATIVE VISION DEPLOYMENTmiglioramenti (Piano dei Breakthrough)
  • 338. Che cosa è l’analisi swot• è UN’ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN’ESIGENZA DI RAZIOALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI• è una tecnica sviluppata più di 50 anni come supporto alla definizione di strategie aziendali in contesti caratterizzati da incertezza e forte competitività• L’ANALISI SWOT È UN’ANALISI RAGIONATA DEL CONTESTO SETTORIALE O TERRITORIALE IN CUI SI REALIZZA UN PROGRAMMA DI INTERVENTO
  • 339. Che cosa è l’analisi swot• a partire dagli anni ‘80 è stata utilizzata come supporto alle scelte di intervento pubblico per analizzare scenari alternativi di sviluppo oggi l’uso di questa tecnica è stato esteso alle diagnosi territoriali e alla valutazione dei programmi regionali i regolamenti comunitari ne richiedono l’utilizzo per la valutazione di piani e programmi
  • 340. Che cosa è l’analisi swot• Lo scopo dell’analisi è quello di definire le opportunità di sviluppo di un’area territoriale o di un settore o ambito di intervento, che derivano da una valorizzazione dei punti di forza e da un contenimento dei punti di debolezza alla luce del quadro di opportunità e rischi che deriva, di norma, dalla congiuntura esterna.• viene condotta sui punti di forza (strenghts) debolezza (weaknesses) propri del contesto di analisi e sulle opportunità (opportunities) e minacce (threats) che derivano dal contesto esterno cui sono esposte le specifiche realtà settoriali o territoriali analizzate
  • 341. Che cosa è l’analisi swotI PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA• sono propri del contesto di analisi e sono modificabili grazie alla politica o all’intervento propostoLE OPPORTUNITÀ E LE MINACCE• derivano dal contesto esterno e non sono quindi modificabili
  • 342. Che cosa è l’analisi swot• Evidenzia i principali fattori, interni ed esterni al contesto di analisi, in grado di influenzare il successo di un programma/piano• Consente di analizzare scenari alternativi di sviluppo• Supporta l’impostazione di una strategia coerente rispetto al contesto su cui si interviene• L’analisi SWOT consente di identificare le principali linee guida strategiche in relazione ad un obiettivo globale di sviluppo economico o settoriale
  • 343. Che cosa è l’analisi swot• il suo utilizzo è raccomandato soprattutto in fase ex-ante per migliorare l’integrazione del programma nel suo contesto;• in fase intermedia consente di verificare se, in relazione ai cambiamenti intervenuti nel contesto, le linee di azione individuate siano ancora pertinenti e fornisce uno strumento per decidere modifiche al programma;• ex post serve a contestualizzare i risultati finali dei piani e programmi;
  • 344. Come viene realizzata• A tavolino (desktop)• I punti di forza, debolezza, e le opportunità e minacce vengono determinati dal ricercatore sulla base dei dati di contesto• la previsione degli scenari si basa su “saperi esperti” neutrali ed oggettivi• Con lavori di gruppo (partecipata)• I punti di forza, debolezza, e le opportunità e minacce vengono messi a fuoco mediante l’uso di tecniche partecipate (dal Delphi al Focus)• la previsione di scenari condivisi si basa sull’analisi congiunta tra esperti e stakeholders dei dati di contesto
  • 345. Come funziona• Raccoglie in una matrice gli elementi critici di un intervento e del territorio in cui viene realizzato;• La matrice è organizzata in quattro sezioni che raccolgono le caratteristiche identificate come punti di forza, punti di debolezza, opportunità e rischi;• …alcune modalità di rappresentazione
  • 346. • PUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA• OPPORTUNITA’ RISCHI• La matrice è organizzata in quattro sezioni e si riferisce:• al territorio oggetto di intervento;• al settore interessato e/o ai singoli comparti;• agli assi prioritari in cui si articola un programma;
  • 347. …alcune modalità di rappresentazioneAmbiente La matriceAgricoltura Evidenzia i punti salienti dell’analisi delle Trasporti peculiarità del territorio interessato dalPopolazione programma;Occupazione Riporta per area tematica i punti di forza eRedditi di debilezza, ponendoli in rapporto conTurismo eventuali minacce ed opportunitàTrasporti
  • 348. Le fasiPrima fase:• ricognizione del contesto territoriale in cui viene realizzato il programma (costruzione di indicatori socio-demografici ed economici) e identificazione dei principali trend e problematiche;Seconda fase:• identificazione delle possibili azioni in relazione alle principali problematiche evidenziate;
  • 349. Le fasiTerza fase:• analisi del contesto esterno e identificazione delle opportunità e delle minacce (O&T);Quarta fase:• analisi del contesto del programma e identificazione dei fattori, anche solo parzialmente sotto il controllo del gestore del programma, che possono agevolare o ostacolare lo sviluppo (S&W);
  • 350. Le fasiQuinta fase:• classificazione/selezione delle possibili azioni in base alla loro rilevanza ossia : identificazione di quelle azioni (linee guida strategiche) che, facendo leva sui punti di forza, tentando di ridurre quelli di debolezza massimizzando le opportunità e minimizzando le minacce, siano maggiormente in grado di ridurre i problemi di sviluppo ;Sesta fase:• serve per giudicare la rilevanza di una strategia già attuata o pianificata (verifica rilevanza interventi rispetto agli elementi di contesto -SWOT);
  • 351. Vantaggi• l’analisi in profondità del contesto orienta nella definizione delle strategie ;• la verifica di corrispondenza tra strategia e fabbisogni consente di migliorare l’efficacia;• consente di raggiungere un consenso sulle strategie (se partecipano all’analisi tutte le parti coinvolte dall’intervento);• flessibilità;
  • 352. Svantaggi• rischio di procedure soggettive da parte del team di valutazione nella selezione delle azioni;• può descrivere la realtà in maniera troppo semplicistica;• se non viene attuata in un contesto di partnership esiste il rischio di scollamento tra piano scientifico e politico pragmatico;
  • 353. Temi Importanti  Quale qualità vogliamo migliorare?  Come determinare:  misure ed indicatori della qualità?  strumenti di valutazione della qualità?  il ruolo degli attori interni ed esterni nella valutazione della qualità di un’organizzione pubblica?  Come condurre valutazioni della « qualità totale »?
  • 354. Lo sviluppo della qualità nel settore pubblicoL ’evoluzione del concetto nel settore privato: conformità con norme tecniche (ingegneria) ‘fitness for purpose’ (analisi di sistemi) rispondere alle domande dei clienti (psicologia)
  • 355. Lo sviluppo della qualità nel settore pubblicoL ’evoluzione del concetto nel settore pubblico: rispetto delle norme giuridiche e dei processi amministrativi (giurisprudenza) effettività (« Management by Objectives ») soddisfazione dei clienti («Public Marketing »)
  • 356. Lo sviluppo della qualità nel settore pubblico la qualità non è un fenomeno nuovo nel settore pubblico solo la definizione è cambiata nel tempo
  • 357. Determinare misure ed indicatori della qualitàA. La qualità come concetto soggettivo:Qualità dei servizi pubblici:… = differenza tra aspettative di clienti - percezioni soggettive della qualità
  • 358. Determinare misure ed indicatori della qualitàB. Dimensioni della qualità dei servizi (secondo Zeithaml, Parasuraman and Berry, 1990): Caratteristiche tangibili del servizio Credibilità Securezza Accesso Comunicazione ...
  • 359. Determinare misure ed indicatori della qualitàDeterminando livelli di qualità si deve considerare: Un livello minimo o un livello competitivo? Quali sono gli incentivi per il personale e per le organizzazioni per soddisfare livelli di qualità (nel caso di incentivi finanziari quali sono le implicazioni di bilancio?) Conseguenze nel caso della non-realizzazione del livello di qualità?
  • 360. Alcuni strumenti per valutare laqualità Caratteristiche di ‘Excellence Models’:  Misurano la qualità di un’organizzazione  Sono composte come funzione di ‘inputs’ (fattori) ed ‘outputs’ (risultati)  Formano un quadro generale per strumenti piu specifici
  • 361. EFQM ‘Excellence’ Model Investor s in People Carta dei servizi ISO 9000 BALANCED SCORECARD
  • 362. Alcuni strumenti per valutare laqualità  ISO 9000: il focus è sui processi all ’interno dell ’organizzazione  Carta dei servizi: il focus è sulla qualità dei servizi  ‘Excellence Models’ (CAF, European Excellence Model, etc.): il fuoco è sui processi e sui risultati
  • 363. Alcuni strumenti per valutare laqualità Livelli di Qualità strumenti di valutazione ISO 9000-9004 CAF EFQM Model
  • 364. Alcuni strumenti per valutare laqualità  Il CAF nasce dal modelo EFQM e dal concorso della qualità di Speyer (Germania) con un’elenco di criteri sviluppati per il settore pubblico  Il CAF ha la stessa struttura del modello EFQM  ma presenta alcuni nuovi criteri più adatti per le organizzazione pubbliche  ed un processo di valutazione più semplice
  • 365. Il ruolo degli attori nella valutazione di qualitàCaratteristiche di Servizi Serviziservizi semplici complessiServizi personali Utenti ‘front-line employees’Servizi sociali politici esperti
  • 366. Valutazioni della « qualità totale »Problema: l’eccellenza della qualità dei servizi nongarantisce la soddifazione dei cittadini (non esisteuna relazione lineare tra eccellenza esoddisfazione!) l’eccellenza della della qualità dei servizi non èsufficienteLa “qualità totale” deve includere e misurare la “qualitàdella vita” dei cittadini (impatto delle politiche pubbliche –”outcomes” e qualità delle relazioni esterne di unaorganizzazione pubblica con attori importanti)
  • 367. I processi della conoscenza … • non conoscenza esplicita o conscia • non conoscenza esplicita o inconscia • conoscenza esplicita o conscia • conoscenza implicita o inconsciaincremento e distribuzione della conoscenza
  • 368. NON CONOSCENZACONOSCENZA INCONSCIA INCONSCIA NON CONOSCENZACONOSCENZA CONSCIA CONSCIA
  • 369. gli obiettivi … produttività, efficienza e precisionerisparmio dei costi, più sicurezza nei dati migliore qualità del lavoro fornire un servizio migliore ai cittadini ed alle imprese
  • 370. ma … come misurareil miglioramento ? Quindi … come agire ?
  • 371. Il taylorismo è una teoria riguardante il managementFrederick Winslow Taylor (1856-1915)monografia del 1911: The Principles of Scientific Management Modello lavorativo secondo quattro fasi: 1. analizzare le caratteristiche della mansione da svolgere 2. suddividere ciascuna attività in maniera atomica 3. perfezionare e concatenare ogni singola attività 4. formare ogni lavoratore a queste attività così semplificate
  • 372. Produzione basata principalmente sullutilizzodella tecnologia della catena di montaggio o lineadi produzioneIntrodotta a partire dal 1913 dallindustrialestatunitense Henry Ford (1863 – 1947)
  • 373. Manager dei Laboratori Bell che per primo creò le basi delle tecniche delControllo QualitàLottimizzazione del sistema ed il conseguente miglioramento dellaproduttività dipendono dalla riduzione della variabilità nei processiPer conseguire questa diminuzione è necessario il controllo statistico deiprocessiDeming afferma che il management è responsabile al 94% dei problemi diqualità, dal momento che è il management stesso a determinare i sistemi
  • 374. Automazione e miglioramento continuo … (Ciclo di Deming – ISO IEC 17799:2005) Organizzare automatizzare misurare migliorare
  • 375. L’area dei serviziLa “produzione” di ciascun Ente della PA è,fondamentalmente, attività di erogazione diservizi al cittadino ed alle impreseLa fornitura di un servizio è anch’essariconducibile ad uno o più processiOggi sono disponibili le tecnologie checonsentono di introdurre le stesse logiche diautomazione e di efficienza della produzioneindustriale anche ai servizi della PA
  • 376. Per esempio nell’area dei servizi della PA assume un ruolo centrale il … il documento nelle varie forme (cartaceo, fax, elettronico, email) rappresenta spesso… l’unica fonte di informazione accessibile uno strumento per prendere le decisioni e lo step di ogni procedimento il mezzo per la memorizzazione, la distribuzione e la condivisione della conoscenza
  • 377. Per cui nell’area dei servizi alla PAun ruolo fondamentale lo ha il protocollo trasparenza e garanzia ricostruzione storica degli eventi è il primo tassello di un procedimentoma… solo il 50 – 60 % dei documenti che concorronoalla trasmissione delle informazioni e la gestione deiprocedimenti di un Ente vengono protocollati
  • 378. Passaggio obbligato per l’automazionedei procedimenti nella PA è l’introduzione dellaGestione Elettronica dei Documenti integra il Protocollo con tutti i documenti che concorrono alla “produzione” delle attività di un Ente integrata con i sistemi di comunicazione (fax, e-mail, PEC, firma digitale, SMS, office, ecc.) in grado di gestire e rendere disponibile il contenuto informativo dei documenti
  • 379. … non solo dematerializzazionema strumenti di gestione dei procedimenti con l’introduzione di procedure di workflowintegrate nella Gestione Documentale e con gli altri sistemi ICT dell’Ente ogni documento che entra nell’Ente quasi sempre genera un flusso di lavoro ogni flusso di lavoro è quasi sempre accompagnato da un documento
  • 380. L’introduzione di un sistema di gestione documentale e dei procedimenti tramite workflow permette di: automatizzare una parte considerevole delle attività controllare in maniera analitica i processi misurare l’organizzazione delle attività svolte dai componenti dell’Ente sia all’interno dell’organizzazione sia verso l’esterno (i cittadini e le imprese)
  • 381. soluzioni event driven … si basano sul concetto cardine di evento generato da un sistema informatico (non quindi di dato) un evento si caratterizza nelle tre dimensioni: CHI – COSA – QUANDO permettendo di “creare un’evidenza informatica del lavoro intellettivo, di collocare quest’ultimo in un preciso momento temporale e di misurarne quantità e durata”
  • 382. BPM e BPI …Business Process Management eBusiness Process Intelligence strumenti in grado di gestire ed analizzare queste informazioni ed a migliorare le prestazioni delle organizzazioni complesse nell’area dei servizi permettono di: misurare per cambiare
  • 383. BPM / BPI …i vantaggi attesi sono molto simili a quellidell’automazione industrialeAumentare la quantità di lavoro da svolgere, riducendone il costo,non dovendo perdere tempo nel capire e ricordare cosa si deve fareAumentare la qualità del lavoro svolto, evitando di cadere in erroriche provengano da sviste, dimenticanze ed errate interpretazioniOggettivizzare le competenze slegandole dalle abilità individuali(aumento della conoscenza esplicita)Ridurre e misurare i tempi per lo svolgimento di un processo equindi fornire un servizio migliore
  • 384. e-Governmente-Democracy …i risultati verso i cittadini e le imprese trasparenza tempi certi no code agli sportelli
  • 385. e-Governmente-Democracy …i risultati verso l’interno dell’Ente più conoscenza esplicita semplificato il cambio generazionale aiuto per i manager: i sistemi incorporano la conoscenza lavoro più semplice ed efficiente possibilità di misurare le performances possibilità di incentivare il lavoro
  • 386. OBIETTIVI• Illustrare i concetti fondamentali relativi aisistemi di gestione per la qualità• Trasferire la comprensione dei requisiti dellanorma UNI EN ISO 9001 edizione 2000
  • 387. PROGRAMMA• Normazione, accreditamento e certificazione• Evoluzione del quadro normativo di riferimento• La famiglia ISO 9000:2000: la coppia coerente, i principi di gestione per la qualità• La struttura della norma UNI EN ISO 9001:2000• I requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2000
  • 388. NORMAZIONE,ACCREDITAMENTO E CERTIFICAZIONE
  • 389. ENTI DI NORMAZIONE Tutti i settori Elettrotecnico TelecomunicazioniLivello ISO - International IEC - International ITU - Internationalmondiale Organization for Electrotechnical Telecommunication Standardization Commission UnionLivello CEN - European CENELEC - ETSI - Europeaneuropeo Committee for Comité Européen de Telecommunications Standardization Normalisation Standards Institute ElectrotechniqueLivello UNI - Ente CEI - Comitatonazionale Nazionale Italiano Elettrotecnico(Italia) di Unificazione Italiano
  • 390. UNI• Associazione privata senza fine di lucro, riconosciuta dalla direttiva CEE 83/189 del 28/3/83 (recepita in Italia con la legge 21/6/86 n. 317) con sede a Milano fondata nel 1921• Opera in stretto contatto con il Ministero dell’Industria, del Commercio, dell’Artigianato ed ha rapporti di assidua collaborazione con diversi Ministeri, tra cui quelli degli Interni, dei Lavori Pubblici, delle poste e telecomunicazioni, della Difesa, del Commercio con l’Estero, dell’Ambiente e, inoltre, con CNEL, CNR, ENEA e ISPESL
  • 391. CONSEGUENZE DELLA NORMAZIONE Armonizzazione: condivisione del contenuto della norma da parte di più paesi aderenti ai comitati tecnici Riduzione della proliferazione di norma specifiche per ogni paesi Adozione di terminologia universalmente riconosciuta
  • 392. ACCREDITAMENTO E CERTIFICAZIONE IAF EA SINCERT SIT SINAL UNI CEI EN 45003 Organismi di Organismi di Organismi di certificazioneOrganismi di ispezione certificazione dei sistemi certificazione dei prodotti del personale UNI CEI EN 45004 qualità UNI CEI EN 45011 UNI CEI EN 45013 UNI CEI EN 45012attività di ispezione sistemi qualità prodotti personale Laboratori di prova prodotti, impianti, aziendali DP - Norme - DT UNI EN 30011-2 UNI CEI EN 45001 processi, servizi ISO 9001-2-3
  • 393. ACCREDITAMENTO = attestazione di parte terzacostituente formale dimostrazione della competenza di unOrganismo a svolgere specifiche attività di valutazionedella conformità (ISO/IEC 17000:2004)CERTIFICAZIONE = attestazione di parte terza dellaconformità di prodotti, processi, sistemi o persone(ISO/IEC 17000:2004)
  • 394. SINCERT Sistema Nazionale per l’accreditamento degli Organismi di CertificazioneNasce per iniziativa UNI e CEI con il patrocinio delMinistero dell’Industria Commercio e Artigianato, del CNR,dell’ENEA, e delle CAMERE DI COMMERCIOÈ un’associazione senza scopo di lucro Verifica e vigila sul rispetto dei requisiti organizzativi e procedurali secondo le prescrizioni di norma (UNI / CEI), in armonia con gli indirizzi comunitari
  • 395. SINAL Sistema Italiano Nazionale di Accreditamento dei Laboratori Costituito nel 1988 per iniziativa di UNI e CEI, sotto il patrocinio del Ministero dellIndustria, del Commercio e dellArtigianato, del CNR, dellENEA e delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura.Accredita i laboratori di prova in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 e alle prescrizioni SINAL, operando in conformità alla norma EN 45003
  • 396. SIT Sistema Italiano Nazionale di Taratura Il sistema nazionale di taratura è costituito dagli istituti metrologici primari e dai centri di taratura e ha il compito di assicurare la riferibilità ai campioni nazionali dei risultati delle misurazioniSvolgono le funzioni di istituti metrologici primari:a) l’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (I.N.RI.M.) costituito dalla fusione dell’istituto elettrotecnico nazionale "Galileo Ferraris" (IEN) e dell’istituto di metrologia "G. Colonnetti" (IMGC) (operativo dal 1° gennaio 2006)b) lIstituto Nazionale di Metrologia delle Radiazioni Ionizzanti (INMRI-ENEA)
  • 397. FIDEAFederazione Italiana degli Enti di Accreditamento Costituita il 21 Maggio 2004 da SINCERT e SINAL ed è prevista a breve l’adesione da parte del nuovo Istituto Metrologico Nazionale Unificato (INRIM)Assicura lespressione di una rappresentanza unitaria del sistema italiano di accreditamento a livello nazionale ed internazionale, con particolare riferimento alle Organizzazioni che gestiscono gli Accordi di Mutuo Riconoscimento quali EA, ILAC e IAF
  • 398. L’EVOLUZIONE DELQUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO
  • 399. EVOLUZIONE DELLE NORME PER L’ASSICURAZIONE QUALITÀANNO ENTE NORMA1987 ISO ISO 90001988 UNI UNI EN 290001994 ISO ISO 9000 (1.a revisione)2000 ISO ISO 9000 (forma unica)
  • 400. IL TITOLO: DA ASSICURAZIONE DELLAQUALITÀ A GESTIONE PER LA QUALITÀ ISO 9001 Ed. 1987 – Sistemi Qualità – Criteri per l’assicurazione (o garanzia) della qualità nella progettazione, sviluppo, fabbricazione, installazione ed assistenza ISO 9001 Ed. 1994 – Sistemi Qualità - Modello per l’assicurazione della qualità nella progettazione, sviluppo, fabbricazione, installazione ed assistenza ISO 9001 Ed. 2000 – Sistemi di gestione per la qualità – Requisiti ISO 9001 Ed. 2005 – modifica ISO 9001 Ed. 2008 – modifica ISO 9004 Ed. 2009 – Sistemi di gestione per la qualità – Linee guida
  • 401. UNI EN 29002:1987 INDICAZIONI SCOPORequisiti del SAQ da Evitare nonutilizzare quando sia conformità durantecontrattualmente previsto la fabbricazione eche il fornitore debba dare l’installazione eevidenza della propria mettere in atto lecapacità di tenere sotto misure necessarie acontrollo i processi che prevenire il lorodeterminano l’accettabilità ripetersidei prodotti forniti
  • 402. UNI EN ISO 9001:1994 INDICAZIONI SCOPORequisiti del SAQ da Ottenere lautilizzare quando occorre soddisfazione deldimostrare la capacità di cliente attraversoun fornitore nel la prevenzioneprogettare e fornire un delle nonprodotto conforme conformità in tutte le fasi a partire dalla progettazione fino all’assistenza
  • 403. UNI EN ISO 9001:2000 INDICAZIONI SCOPORequisiti di un SGQ quando Accrescere la soddisfazioneuna organizzazione ha dei clienti tramitelesigenza di dimostrare la l’applicazione efficace delsua capacità di fornire, con sistema, ivi inclusi i processiregolarità prodotti che per il miglioramentoottemperino ai requisiti dei continuo del sistema eclienti ed a quelli cogenti l’assicurazione dellaapplicabili conformità ai requisiti del cliente ed a quelli cogenti applicabili
  • 404. LA FAMIGLIA ISO 9000:2000: LA COPPIA COERENTE, IPRINCIPI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ
  • 405. LA FAMIGLIA UNI EN ISO 9000: 2000 UNI EN ISO 9000 ---------------------- Fondamenti e vocabolarioUNI EN ISO 9004 UNI EN ISO 9001 UNI EN ISO 19011---------------------- ---------------------- ----------------------Linee guida per il Sistemi di gestione Linea guida per gli audit miglioramento per la qualità dei SGQ e/o SGAdelle prestazioni
  • 406. UNI EN ISO 9000:2005 - FONDAMENTI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ• Motivazioni alla base dei sistemi di gestione per la qualità• Requisiti per i sistemi di gestione per la qualità e requisiti per i prodotti• Approccio dei sistemi di gestione per la qualità• Approccio per processi• Politica ed obiettivi per la qualità• Ruolo dellalta direzione nellambito del sistema di gestione per la qualità• Documentazione• Valutazione dei sistemi di gestione per la qualità• Miglioramento continuo • Ruolo delle tecniche statistiche • Sistemi di gestione per la qualità ed altri obiettivi del sistema di gestione • Relazione tra i sistemi di gestione per la qualità ed i modelli di eccellenza
  • 407. UNI EN ISO 9000:2005 TERMINI E VOCABOLARIOTermini relativi alla qualitàTermini relativi alla gestioneTermini relativi all’organizzazioneTermini relativi al processo e al prodottoTermini relativi alle caratteristicheTermini relativi alla conformitàTermini relativi alla documentazioneTermini relativi all’esameTermini relativi alla verifica ispettivaTermini relativi all’assicurazione della qualità peri processi di misurazione
  • 408. LA FAMIGLIA ISO 9000La ISO 9001 specifica i requisiti dei SGQ da utilizzarsi quandoun’organizzazione debba dimostrare la propria capacità a fornireprodotti che soddisfino i requisiti dei clienti e quelli cogentiapplicabili e miri a conseguire la soddisfazione dei clienti. Essafocalizza lattenzione sullefficacia del sistema di gestione per laqualità nel soddisfare i requisiti del clienteLa ISO 9004 fornisce delle linee guida che tengono conto siadell’efficacia sia dell’efficienza dei SGQ. Lo scopo è ilmiglioramento continuo delle prestazioni dell’organizzazione ela soddisfazione dei clienti e delle altre parti interessateLa ISO 19011 fornisce una guida sugli audit di sistemi di gestioneper la qualità ed ambientali
  • 409. RELAZIONE TRA UNI EN ISO 9001:2000 E UNI EN ISO 9004:2000Le norme ISO 9001 e ISO 9004:• sono state sviluppate come una “coppia coerente” di norme sui Sistemi di Gestione per laQualità • sono concepite per complementarsi lun laltra • sono utilizzabili in modo indipendente • hanno finalità differenti • identica struttura ed identica numerazione dei paragrafi • i requisiti significativi della 9001 sono riportati in riquadri ben evidenziati nella 9004
  • 410. I PRINCIPI DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀUn principio di SGQ è una convinzione completa eprofonda per condurre le organizzazioni, ispirata alcontinuo miglioramento delle prestazioni nel lungotermine, focalizzata sul cliente e nello stesso tempo ingrado di soddisfare le necessità di tutte le partiinteressate UNI EN ISO 9004:2000
  • 411. GLI 8 PRINCIPI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. Organizzazione orientata al cliente 2. Leadership 3. Coinvolgimento del personale 4. Approccio basato sui processi 5. Approccio sistemico alla gestione 6. Miglioramento continuo 7. Decisioni basate su dati di fatto 8. Rapporti di reciproco beneficio con i fornitori Il successo dell’utilizzazione degli Otto principi da parte di un’organizzazione si traduce in benefici per le parti interessate, in ritorni di natura monetaria migliorati, di creazione di valore e di aumento della stabilità.
  • 412. LA STRUTTURA DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2000
  • 413. CONCETTO DI PROCESSO “Tutto il lavoro è realizzato attraverso un processo”Non solo da processi tecnici o di produzione.La logica del processo, del suo controllo emiglioramento, diventano in prospettiva, la logicafondamentale della ISO 9000 per tutte le attivitàdell’azienda.Congruentemente la nuova definizione di prodotto quiadottata è:“il prodotto è il risultato di attività o di processi”
  • 414. OGNI ATTIVITÀ È REALIZZATA TRAMITE UN PROCESSOEntità in ingresso Entità in uscita Processo ♦ ♦ ♦ Esempi: Trasformazione Fattura che dà valore aggiunto Software per calcoli e coinvolge personale Combustibili liquidi ed altre risorse Dispositivo medico Servizio bancario Prodotto intermedio ♦ = Possibilità di misurazione
  • 415. VINCOLI Regole Prassi INPUT OUTPUTInformazioni PROCESSO risultati materiali RISORSE Persone strumenti
  • 416. APPROCCIO BASATO SUI PROCESSIUn’organizzazione, per funzionare efficacemente, deve individuare e gestirenumerose attività collegate tra loro.Unattività, che utilizza risorse e che è gestita per consentire latrasformazione di elementi in ingresso in elementi in uscita, può essereconsiderata come un processo.Spesso lelemento in uscita da un processo costituisce direttamentelelemento in ingresso per un processo successivo.Lapplicazione di un sistema di processi nellambito di unorganizzazione,unitamente allidentificazione e alle interazioni di questi processi nonché allaloro gestione, viene denominata “approccio per processi” L’approccio per processi permette di mantenere, con continuità, un controllo sui legami fra i singoli processi, come pure sulle loro combinazioni ed interazioni
  • 417. APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI Un risultato desiderato si ottiene con maggioreefficienza quando le relative attività e risorse sono gestite come un processo
  • 418. PROCESSI PRINCIPALI R&SC prod stocc CL LI Progr IE comm Trasp E prod consegnaN NT approv TE E Allest logist carico
  • 419. ANALISI DEI PROCESSI– Individuare i processi e i loro confini– Identificare i clienti con i rispettivi output– Identificare i fornitori con gli input– Definire gli operatori coinvolti e le interfacce Definire la mappa dei processi aziendali
  • 420. CLASSIFICAZIONE DEI PROCESSI• I processi comunemente definiti “primari” sono quelli direttamente connessi alla realizzazione del prodotto. Hanno carattere “verticale” in quanto risultano assolutamente essenziali (hanno un impatto diretto e determinante sulla capacità di soddisfacimento dei requisiti del cliente)• I processi definiti di “supporto” non sono di per sé indispensabili per la realizzazione di prodotti e servizi ma sono di necessario “supporto” ai processi primari. Hanno carattere “orizzontale” e senza di questi, non potrebbe, di fatto, essere conseguita la qualità dei prodotti
  • 421. CORRISPONDENZA TRA I PROCESSI “PRIMARI” ED I REQUISITI DELLA NORMA ISO 9001:2000 PROCESSI PRIMARI Processo Rif.to ISO Pianificazione della realizzazione del prodotto 7.1 Processi relativi al cliente 7.2 Progettazione e sviluppo 7.3 Approvvigionamento, con esclusione sia della (esclusi 7.4.1- valutazione dei fornitori sia della verifica dei 2.o capoverso prodotti approvvigionati e 7.4.3 Produzione ed erogazione di servizi 7.5
  • 422. PROCESSI DI SUPPORTO Processo Rif.to ISOTenuta sotto controllo dei documenti 4.2.3Tenuta sotto controllo delle registrazioni 4.2.4Pianificazione 5.4Comunicazione interna 5.5.3Riesame da parte della Direzione 5.6Messa a disposizione delle risorse 6.1Gestione delle risorse umane 6.2Gestione delle infrastrutture 6.3Valutazione dei fornitori 7.4.1Tenuta sotto controllo dei dispositivi di monitoraggio e misurazione 7.6Soddisfazione del cliente 8.2.1Verifiche ispettive interne 8.2.2Monitoraggio e misurazione dei processi 8.2.3Monitoraggio e misurazione dei prodotti 7.4.3 e 8.2.4Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi 8.3Analisi dei dati 8.4Miglioramento 8.5
  • 423. MODELLO PDCA – PLAN: stabilire gli obiettivi ed i processi necessari per fornire risultati in accordoCERCHIO DI DEMING con i requisiti del cliente e con le politiche dellorganizzazione ACT: adottare azioni per Act Plan migliorare in • Come migliorare • Cosa fare? • Come farlo? modo continuo le Check Do prestazioni • Si è fatto quanto pianificato? • Fare quanto pianificato dei processi DO: dare attuazione ai processi CHECK: monitorare e misurare i processi e i prodotti a fronte delle politiche, degli obiettivi e dei requisiti relativi ai prodotti e riportarne i risultati
  • 424. I REQUISITI DELLA NORMAUNI EN ISO 9001:2000
  • 425. PRESENTAZIONE DEI REQUISITI DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2000
  • 426. APPLICAZIONELa norma UNI EN ISO 9001 specifica i requisiti di unsistema di gestione per la qualità quando una organizzazione:a) ha lesigenza di dimostrare la sua capacità di fornire, conregolarità prodotti che ottemperino ai requisiti dei clienti eda quelli cogenti applicabili, eb) desidera accrescere la soddisfazione dei clienti tramitel’applicazione efficace del sistema, ivi inclusi i processi peril miglioramento continuo del sistema e l’assicurazionedella conformità ai requisiti del cliente ed a quelli cogentiapplicabili
  • 427. APPLICAZIONETutti i requisiti della norma sono di carattere generale epredisposti per essere applicabili a tutte le organizzazioni,indipendentemente dal tipo, dimensione e prodotti fornitiQualora alcuni requisiti non possano trovare applicazione acausa della natura dellorganizzazione e dei suoi prodotti, puòessere esaminata la possibilità di una loro esclusione Esclusioni di questo tipo sono limitate ai soli requisiti del Punto 7 della Norma UNI EN ISO 9001:2000
  • 428. ESCLUSIONIEsclusioni di requisitiAlcuni dei requisiti della Norma possono risultare non applicabili a causadella natura della Organizzazione e dei suoi prodotti. Tali requisiti possonoessere esclusi, purché la relativa esclusione non comprometta la capacitàdell’Organizzazione di fornire prodotti rispondenti ai bisogni e aspettativedei clienti ed ai requisiti cogenti applicabili Esclusioni di “prodotti” È possibile (ancorché non raccomandabile) che talune linee di prodotto vengano, per motivazioni varie, escluse dall’applicazione del sistema di gestione per la qualità. Tale tipologia di esclusione deve essere chiaramente evidenziata nella definizione del campo di applicazione del sistema e relativo scopo di certificazione
  • 429. ESCLUSIONIL’Organizzazione deve aver definito in modo chiaro, sia neidocumenti relativi all’iter di certificazione (Questionario,Domanda, ecc.), sia ovviamente nel Manuale Qualità,l’oggetto delle proprie attività, chiarendo i casi in cui nontutti i processi, prodotti e servizi rientrino nell’ambito delSGQ (esclusioni di linea di prodotto)Ogni esclusione di requisiti (di cui al Cap. 7 della Norma),deve essere documentata e adeguatamente motivata nelManuale Qualità
  • 430. 4. SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ4.1 REQUISITI GENERALI4.2 REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE
  • 431. 4.1 REQUISITI GENERALIL’organizzazione deve:a) identificare i processi necessari per il sistema di gestione per la qualità e laloro applicazione nellambito di tutta lorganizzazione (vedere punto 1.2)b) stabilire la sequenza e le interazioni tra questi processic) stabilire i criteri e i metodi necessari per assicurare l’efficacefunzionamento e l’efficace controllo di questi processid) assicurare la disponibilità delle risorse e delle informazioni necessarie persupportare il funzionamento e il monitoraggio di questi processie) monitorare, misurare ed analizzare questi processi f) attuare le azioni necessarie per conseguire i risultai pianificati ed il miglioramento continuo di questi processi Questi processi devono essere gestiti dallorganizzazione in accordo ai requisiti della presente Norma Internazionale
  • 432. OUTSOURCINGQualora lorganizzazione scelga di affidare allesterno processi cheabbiano effetti sulla conformità del prodotto ai requisiti, essa deveassicurare il controllo di tali processi. Nellambito del sistema digestione per la qualità devono essere definite le modalità per teneresotto controllo tali processi affidati allesterno Un metodo efficace per dare evidenza del controllo delle attività affidate in outsourcing può essere quello di implementare Piani della Qualità applicabili a queste attività, inclusivi di: - interfacce - responsabilità - modalità di esecuzione e controllo dei processi/prodotti - modalità di monitoraggio da parte dell’azienda della rispondenza del Soggetto affidatario ai piani stessi
  • 433. PROCESSI AFFIDATI A TERZIQualora lorganizzazione scelga di affidare allesternoprocessi che abbiano effetti sulla conformità del prodottoai requisiti, essa deve assicurare il controllo di taliprocessi. Nellambito del sistema di gestione per laqualità devono essere definite le modalità per teneresotto controllo tali processi affidati allesterno I processi affidati in outsourcing non possono essere gestiti solamente nell’ambito del requisito 7.4 “Approvvigionamento”, ma devono essere applicati i punti 4.2.2 c, 7.5.2 e 8.2.3 della Norma
  • 434. PROCESSI AFFIDATI A TERZISe l’Organizzazione dispone del know-how,l’Organismo di Certificazione deve verificareche tale know-how sia applicato al fine diassicurare un governo efficace e reale deiprocessi affidati in outsourcing UNI EN ISO 9001:2000
  • 435. PROCESSI AFFIDATI A TERZISe invece l’Organizzazione non dispone del know-how e dellacompetenza tecnica specifica, è necessario verificare che il sistema digestione sopperisca a questa mancanza, mediante azioni sistematiche,quali: - l’adeguata valutazione dell’affidatario - la definizione precisa degli aspetti contrattuali (aspetti tecnici, sia volontari che cogenti, il piano dei controlli e le responsabilità delle parti) - il controllo dei processi sub-contrattati da un punto di vista gestionale (es. redazione di un Piano della Qualità con la definizione di istruzioni e procedure che descrivano e gestiscano i processi affidati, i monitoraggi, ecc..) - gli audit SINCERT
  • 436. APPROCCIO SISTEMICO DELLA GESTIONE Identificare, capire e gestire (come fossero un sistema) processi tra loro correlati contribuisce all’efficacia eall’efficienza dell’organizzazione nel conseguire i propri obiettivi
  • 437. 4.2 REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE4.2.1 GENERALITÀLa documentazione del sistema di gestione per la qualità deveincludere:a) dichiarazioni documentate sulla politica per la qualità e degliobiettivi per la qualitàb) un manuale della qualitàc) le procedure documentate richieste dalla presente NormaInternazionaled) i documenti necessari allorganizzazione per assicurare, l’efficacepianificazione, funzionamento e controllo dei suoi processie) le registrazioni richieste dalla presente Norma Internazionale(vedere 4.2.4) UNI EN ISO 9001:2000
  • 438. TIPOLOGIE DI DOCUMENTAZIONE 3.4.5 PROCEDURA: modo specificato per svolgere un’attività o un processo Nota 1 le procedure possono essere documentate o no Nota 2 quando una procedura è documentata, si adotta spesso l’espressione “procedura scritta” o “procedura documentata”. Il documento che contiene una procedura può essere chiamato “documento di procedura”3.7.3 SPECIFICA: documento che stabilisce i requisiti3.7.2 DOCUMENTO: informazioni (dati significativi) con il loromezzo di supportoEsempio: registrazione, specifica, documento di procedura, disegno, rapporto,norma 3.7.6 REGISTAZIONE: documento che riporta i risultati ottenuti o fornisce evidenza delle attività svolte UNI EN ISO 9000: 2000
  • 439. 4.2.2 MANUALE DELLA QUALITÀ- Descrivere lo scopo/campo di applicazione del SGQ- Specificare eventuali esclusioni (di linee di prodotto o di requisiti), illustrandone adeguatamente le motivazioni- Contenere un’adeguata descrizione dell’organizzazione aziendale- Fornire una descrizione delle interazioni tra i processi del sistema di gestione per la qualità- Contenere le procedure documentate o i riferimenti alle stesse
  • 440. 4.2.3 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTIStabilire le modalità necessarie per:approvareriesaminare, aggiornare (quando necessario) e riapprovare i documenti stessiidentificare le modifiche e lo stato di revisionerendere disponibili i documenti sui luoghi di utilizzoidentificare documenti obsoleti Documenti di origine esterna: - identificati - distribuzione sia controllata
  • 441. 4.2.4 TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONILe registrazioni devono essere predisposte e conservate perfornire evidenza della conformità ai requisiti e dell’efficacefunzionamento del sistema di gestione per la qualità. Leggibili, Facilmente identificabili Rintracciabili Stabilire le modalità necessarie per l’identificazione, la archiviazione, la protezione, la reperibilità, la definizione della durata di conservazione e le modalità di eliminazione di tali registrazioni
  • 442. DOCUMENTAZIONE RICHIESTA ESPLICITAMENTE DALLA NORMA• Dichiarazioni documentate sulla politica e sugli obiettivi per la qualità• Manuale Qualità• Sei procedure documentate: – tenuta sotto controllo dei documenti (4.2.3) – tenuta sotto controllo delle registrazioni relative alla qualità (4.2.4 ) – audit interni (8.2.2 ) – tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi (8.3) – azioni correttive (8.5.2 ) – azioni preventive (8.5.3 ) • Documenti necessari per assicurare la pianificazione, il funzionamento ed il controllo dei processi
  • 443. REGISTRAZIONI RICHIESTE ESPLICITAMENTE DALLA NORMA• Risultati dei riesami della Direzione (5.6.1)• Registrazioni per il personale (6.2.2)• Registrazioni necessarie a fornire fiducia sulla conformità dei processi e dei relativi prodotti (7.1.d)• Risultati dei riesami dei requisiti (7.2.2)• Requisiti di ingresso per la progettazione (7.3.2)• Risultati dei riesami della progettazione (7.3.4)• Risultati delle verifiche della progettazione (7.3.5)• Risultati delle validazioni della progettazione (7.3.6)• Risultati del riesame delle modifiche alla progettazione (7.3.7)
  • 444. REGISTRAZIONI RICHIESTE ESPLICITAMENTE DALLA NORMA• Risultati delle valutazioni dei fornitori (7.4.1)• Risultati della validazione dei processi (7.5.2)• Registrazioni relative alla rintracciabilità (quando richiesta) (7.5.3)• Registrazioni relative alla preservazione della proprietà del cliente (7.5.4)• Risultati delle tarature e verifiche (7.6)• Risultati degli audit interni (8.2.2)• Evidenze di conformità dei prodotti (8.2.4)• Registrazioni relative ai prodotti non conformi (8.3) • Risultati delle azioni correttive (8.5.2) • Risultati delle azioni preventive (8.5.3)
  • 445. 5. RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE5.1 IMPEGNO DELLA DIREZIONE5.2 ATTENZIONE FOCALIZZATA AL CLIENTE5.3 POLITICA PER LA QUALITA’5.4 PIANIFICAZIONE5.5 RESPONSABILITA’, AUTORITA’ E COMUNICAZIONE5.6 RIESAME DA PARTE DELLA DIREZIONE
  • 446. 5 RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE5.1 IMPEGNO DELLA DIREZIONEL’alta direzione deve fornire evidenza del suo impegno nellosviluppo e nella messa in atto del sistema di gestione per la qualità enel miglioramento continuo della sua efficacia:a) comunicando allorganizzazione l’importanza di ottemperare airequisiti del cliente ed a quelli cogenti applicabilib) stabilendo la politica per la qualitàc) assicurando che siano definiti gli obiettivi per la qualitàd) effettuando i riesami da parte della direzionee) assicurando la disponibilità di risorse
  • 447. 5.2 ATTENZIONE FOCALIZZATA AL CLIENTEL’alta direzione deve assicurare che i requisiti delcliente siano definiti e soddisfatti allo scopo diaccrescere la soddisfazione del cliente stesso(vedere 7.2.1 e 8.2.1)
  • 448. “Solo i clienti possono dare la sicurezza del posto di lavoro, non le imprese!” Jack Welch – General ElectricL’attenzione al cliente costituisce parte integranteed essenziale delle responsabilità della Direzione
  • 449. ORGANIZZAZIONE ORIENTATA AL CLIENTE Le organizzazioni dipendono dai clienti e perciòdovrebbero capire le loro esigenze correnti e future, soddisfare le richieste e mirare a superare le loro stesse aspettative
  • 450. 5.3 POLITICA PER LA QUALITÀL’alta direzione deve assicurare che la politica per la qualità:a) sia appropriata agli scopi dell’organizzazioneb) sia comprensiva dell’impegno al soddisfacimento deirequisiti ed al miglioramento continuo dellefficacia delsistema di gestione per la qualitàc) preveda un quadro strutturale per definire e riesaminare gliobiettivi per la qualitàd) sia comunicata e compresa allinterno dell’organizzazionee) sia riesaminata per accertare la sua continua idoneità
  • 451. 5.4 PIANIFICAZIONE 5.4.1 OBIETTIVI PER LA QUALITÀ Stabiliti per i pertinenti livelli e funzioni dellorganizzazione Comprensivi di quelli necessari per ottemperare ai requisiti dei prodotti Misurabili Coerenti con la politica per la qualità.
  • 452. OBIETTIVI PER LA QUALITÀ S M A R TS Specifici: identificare chiaramente cosa si vuole ottenere (miglioramento di un processo, aumento di quote di mercato, riduzione di non conformità …)M Misurabili: identificare quali indicatori dicono se gli obiettivi sono stati raggiunti o meno (potrebbero essere dati numerici o dati discreti <si-no>)A Acquisibili: obiettivi concretamente raggiungibili a fronte della realtà organizzativa e delle risorse dell’Organizzazione Realistici: devono tener conto della realtà di mercato/settore in cuiR si posiziona l’Organizzazione, del livello della concorrenza, delle opportunità di businessT Tempificati: devono prevedere un quadro temporale di riferimento entro cui valutare il loro raggiungimento
  • 453. 5.4.2 PIANIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀL’alta direzione deve assicurare che:a) la pianificazione del sistema di gestione per la qualitàsia condotta in modo da ottemperare ai requisiti riportatiin 4.1 e conseguire gli obiettivi per la qualitàb) lintegrità del sistema di gestione per la qualità siaconservata quando sono pianificate ed attuate modificheal sistema stesso
  • 454. 5.5 RESPONSABILITÀ, AUTORITÀ E COMUNICAZIONE- Definire le responsabilità e le autorità- Renderle note nellambito dellorganizzazione Rappresentante della direzione: componente della propria struttura direzionale designato dall’alta direzione a) Assicura che i processi siano predisposti, attuati e tenuti aggiornati b) Riferisce all’alta direzione sulle prestazioni del sistema di gestione per la qualità, e su ogni esigenza per il miglioramento c) Assicura la promozione della consapevolezza dei requisiti del cliente nellambito di tutta l’organizzazione
  • 455. 5.5.3 COMUNICAZIONE INTERNAL’alta direzione deve assicurare che siano attivatiadeguati processi di comunicazione allinternodellorganizzazione e che siano fornite comunicazioniriguardanti lefficacia del sistema di gestione per laqualità UNI EN ISO 9001:2000
  • 456. 5.6 RIESAME DA PARTE DELLA DIREZIONE5.6.1 GENERALITÀL’alta direzione deve, ad intervalli prestabiliti , riesaminare ilsistema di gestione per la qualità dellorganizzazione perassicurarsi della sua continua idoneità, adeguatezza ed efficacia.Questo riesame deve comprendere la valutazione delleopportunità per il miglioramento e le esigenze di modifiche delsistema di gestione per la qualità, politica ed obiettivi per laqualità inclusi. Le registrazioni dei riesami effettuati dalladirezione devono essere conservate (vedere 4.2.4) UNI EN ISO 9001:2000
  • 457. RIESAME DELLA DIREZIONE Lo stato delle azioni Le azioni a seguire da correttive e preventive precedenti riesami effettuati dalla Le prestazioni dei direzione Miglioramento processi e la dellefficacia conformità dei del SGQ e prodotti dei suoi processi OUTPUT Miglioramento deiLe raccomandazioni INPUT Riesame del prodotti in relazioneper il miglioramento sistema qualità Azioni relative a ai requisiti del clienteI risultati degliaudit Bisogni di risorse Le informazioni di Le modifiche che ritorno da parte del potrebbero avere effetti cliente sul SGQ
  • 458. LEADERSHIPI capi stabiliscono unità di intenti e di indirizzo dell’organizzazione. Essi dovrebbero creare e mantenere un ambiente interno che coinvolgapienamente il personale nel perseguimento degli obiettivi dell’organizzazione
  • 459. 6. GESTIONE DELLE RISORSE6.1 MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE6.2 RISORSE UMANE6.3 INFRASTRUTTURE6.4 AMBIENTE DI LAVORO
  • 460. COINVOLGIMENTO DEL PERSONALE Le persone, a tutti i livelli, costituiscono l’essenzadell’organizzazione ed il loro pieno coinvolgimento permette di porre le loro capacità al servizio dell’organizzazione
  • 461. 6.GESTIONE DELLE RISORSE6.1 MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSEL’organizzazione deve individuare e renderedisponibili le risorse necessarie per:a) attuare e tenere aggiornato il sistema di gestione perla qualità e migliorare in modo continuo la suaefficaciab) accrescere la soddisfazione dei clienti, ottemperandoai requisiti del cliente UNI EN ISO 9001:2000
  • 462. 6.2 Risorse umaneIl personale che esegue 6.3 Infrastruttureattività che influenzano la L’organizzazione deve definire,qualità del prodotto deve predisporre e mantenere leessere competente sulla infrastrutture necessarie per 6.4 Ambiente di lavorobase di un adeguato grado ottenere la conformità ai requisitidi istruzione, dei prodotti. Le infrastruttureaddestramento, abilità ed comprendono secondo i casi: