MAPPE. Di un mondo che abitiamo già

960 views
877 views

Published on

Slide presentate alla tavola rotonda conclusiva di "Mappe. Percorsi di innovazione tra scienza, società e comunicazione", IX convegno di comunicazione della scienza e progetto del progetto del Laboratorio Interdisciplinare della Sissa di Trieste

Published in: Sports, Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
960
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Internet come sistema operativo per le relazioni più che come piattaforma di gestione di contenuti
    Relazioni tra persone, relazioni tra contenuti
    Non solo output diverso, parallelo, con il plus della bidirezionalità, ma ecosistema con densità e processi differente
  • Questo porta, per esempio, a considerare il nostro sito non più come un universo chiuso, a sé stante, aperto alla rete sì, ma fondamentalmente indipendente, concettualmente chiuso e sufficiente a sé stesso. La maggior parte dei siti editoriali e giornalistici, per esempio è costruita ancora così. Se pensate di fare un sito scientifico divulgativo, probabilmente riporrete molta più cura nella strutturazione del sito, nella sua confezione, nel riempirlo di contenuti vostri. La nostra idea di sito è ancora come quella di un secchio, che deve trattenere e mettere in vetrina la nostra acqua.
  • Mentre invece io vi sto parlando di siti concepiti come rubinetti, che originano contenuti, ma poi li lascia andare, liquidi e pronti a formare in modi che spesso non possiamo immaginare corsi d’acqua, mari, a volta inondazioni. I nostri contenuti sono gocce d’acqua, unità minime di contenuto.
  • Se pensiamo a una rete di comunicazione, (e questa è la visualizzazione…), noi tendiamo a concentrare l’attenzione sui nodi, mentre invece quello che sto cercando di dirvi è che il senso della rete, la sua prorompente carica innovativa sta nel groviglio di collegamenti che uniscono tra loro quei nodi, nelle relazioni
  • Internet è un mezzo di comunicazione ormai diffuso tra le masse ma a misura di individuo
  • Saltando le differenze più scontate e ripetute, come la bidirezionalità della comunicazione, la possibilità di accedere da qualunque terminale connesso a tutti i contenuti …
  • Limiti di tempo e spazio
    Modificabilità nel tempo dei contenuti
  • Selezione
  • Ognuno ha accesso a strumenti di espressione, che sono semplici, economici e diffusi
  • Condividiamo il nostro punto di vista sul mondo, le nostre esperienze, le nostre competenze
  • Interagiamo con i contenuti altrui, alimentiamo conversazioni, costruiamo ponti tra specializzazioni e sguardi sul mondo differenti
  • Perdiamo il filtro centralizzato dei media di massa, ognuno ha la responsabilità di filtrare per se stesso e, attraverso la propagazione delle proprie scelte, di contribuire alla selezione comunitaria di quanto raccoglie interesse diffuso
  • In due parole: diventiamo nodi attivi di una rete globale per l’esplorazione e la condivisione di conoscenza
  • Il punto è: non sei in rete perché pubblichi contenuti, sei in rete perché su quei e attraverso quei contenuti crei una storia condivisa, costruisci relazioni, lasci tracce
  • Difficile bere da un idrante.
    I meno ottimisti dicono anche: non è detto che quell’idrante sputi acqua.
  • Curva regolata da una legge di potenza
  • MAPPE. Di un mondo che abitiamo già

    1. 1. MAPPE. Di un mondo che abitiamo già Sergio Maistrello
    2. 2. sei chiavi di lettura
    3. 3. <1> relazioni, non contenuti
    4. 4. Ryan Jungleboy [www.flickr.com/photos/rayan_jeroen/195922799]
    5. 5. damozeljane [www.flickr.com/photos/28400761@N02/2748922925/]
    6. 6. A.S. Klovdal, The Australian National University, Camberra
    7. 7. </>
    8. 8. <2> individui, non masse
    9. 9.
    10. 10. “canali” potenziali
    11. 11. tempo e spazio
    12. 12. selezione
    13. 13. competizione
    14. 14. pubblichiamo
    15. 15. condividiamo
    16. 16. interagiamo
    17. 17. filtriamo
    18. 18. diventiamo nodi
    19. 19. </>
    20. 20. <3> nodi, non sconosciuti
    21. 21. terroristi! Rai Radio 2, Decanter del 23/11/2010:
    22. 22. Grafo sociale tratto da David Armano [http://flic.kr/p/6nZSiV]
    23. 23. Foto: Paolo Proserpio [www.myspace.com/paolop]
    24. 24. </>
    25. 25. <4> pertinenza, non qualità
    26. 26. Foto: J Stavropoulou
    27. 27. Foto: Stephen J. Sullivan
    28. 28. tutti fanno tutto
    29. 29. tutto è pubblicato
    30. 30. nessuno filtra
    31. 31. tutti filtrano
    32. 32. “I am less interested in Truth, with a capital T, and more interested in truths, plural” Kevin Kelly
    33. 33. </>
    34. 34. <5> profondità, non quantità
    35. 35. i numeri non dicono
    36. 36. Foto: J Krums [twitpic.com/135xa]
    37. 37. 180
    38. 38. nuove metriche
    39. 39. (pubblicità)
    40. 40. </>
    41. 41. <6> nicchie, non centri
    42. 42. - grandi ∞ piccoli
    43. 43. </>
    44. 44. Grazie. Sergio Maistrello sm@sergiomaistrello.it www.sergiomaistrello.it

    ×