Boom in borsa titoloi Prelios - Ricapitalizzazione Prelios Massimo Caputi

291 views
249 views

Published on

Procede positivamente il piano di rilancio di Prelios condotto da Massimo Caputi - Prelios ancora in rialzo a Piazza Affari dopo approvazione da parte dell’assemblea dei soci di Prelios del nuovo vertice e dell’aumento di capitale.

Published in: Real Estate
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
291
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Boom in borsa titoloi Prelios - Ricapitalizzazione Prelios Massimo Caputi

  1. 1. Rassegna stampa - PRELIOS
  2. 2. Prelios, sì dei soci allaumentoImmobiliare. Feidos in ingresso nel capitale - Perdite trimestralia 18,5 milioni. Lassemblea ha approvato una ricapitalizzazione da185 milioni e lemissione di un convertendo fino a massimi 269milioniVia libera dellassemblea al piano di rafforzamento e rilancio diPrelios, che sarà finalizzato entro luglio con laumento di capitale da185 milioni a seguito della pubblicazione del prospetto informativo.Archiviati anche i dati del primo trimestre, ancora debole per via di unmercato che stenta a riprendersi in Italia. I risultati del primotrimestre approvati sono stati sostanzialmente in linea con quelli delloscorso anno, con un lieve peggioramento del risultato operativo a -3,4(lo scorso anno era positivo, ma beneficiava di un provento nonricorrente da 3,3 milioni), dovuto alle attività di investimento, a lorovolte connesse con lulteriore deterioramento del contesto economico-finanziario. La piattaforma di servizi ha invece chiuso a break even,mentre migliora di 5 milioni il risultato netto a -18,5. Su questorisultato hanno impattato oneri finanziari per oltre 10 milioni, che però- come la Pfn negativa per 543 milioni - non beneficiano ancora deglieffetti del riassetto. Sono stati chiusi i "contratti" relativi ai duetermsheet alla base del riassetto: laccordo con i finanziatori per larimodulazione dellattuale debito (da 561 attuali, oneri inclusi, a 250di debito e massimi 269 di convertendo a 7 anni) ma anche quello per lacostituzione della newco (veicolo formato da UniCredit, Intesa Sanpaolo ePirelli & C assieme allinvestitore industriale Feidos 11) chesottoscriverà la quota parte dellaumento di capitale riservato (conazioni di categoria B, non votanti e non quotate). Loperazioneconsentirà lingresso in Prelios di Feidos 11, cui andranno leresponsabilità nella gestione e sviluppo.Lassemblea ha approvato laumento di capitale per complessivi 185milioni (115 milioni in azioni ordinarie in opzione ai soci e 70 inazioni senza diritto di voto riservate alla newco): un aumento cheporterà almeno 100 milioni di liquidità, al servizio del nuovo pianoindustriale disegnato con il contributo del nuovo socio Feidos e chepunta a fare delllimmobiliare della Bicocca un polo europeo di serviziimmobiliari e finanziari. Nellambito della operazione sono statiapprovati anche la riduzione del capitale sociale ed il raggruppamentoazionario (in ragione di 1:10) ed è stata conferita la delega al Cda perlemissione del convertendo (fino a massimi 269 milioni).Infine lassemblea ha nominato il nuovo Cda: alla presidenza è statonominato Giorgio Bruno, vice-presidente con deleghe al business saràMassimo Caputi, mentre al ruolo di ad è confermato Sergio Iasi. Infine,il Cda di Prelios Credit Servicing, la società del gruppo specializzatanella gestione dei crediti in sofferenza, ha nominato Riccardo Serrinicome ad.
  3. 3. MF - Andrea Montanari - 09/05/2013 pg. 1 ed. NazionaleBoom in borsa per la Prelios targata Caputi(Boom in borsa per la Prelios targata Caputi a pag. 17) Migliordebutto non si poteva immaginare: la ristrutturazione e ilrafforzamento patrimoniale legati al contestuale ricambioazionario e manageriale di Prelios, deliberato ufficialmentedallassemblea dei soci di ieri, è stato accolto da Piazza Affaricon un netto rialzo. Il titolo del gruppo immobiliare ha chiuso laseduta a 0,081 euro (+11,1%) viaggiando a un prezzo che è più altomediamente del 50% rispetto a quello di sottoscrizionedellaumento di capitale che ha visto lingresso in scena dellacordata capeggiata dalla Feidos 11 di Massimo Caputi. Loperazioneapprovata ieri al termine dellapprovazione dei conti 2012(perdita di 241,7 milioni) prevede il lancio di un aumento dicapitale da 185 milioni e lattribuzione al board dellapossibilità di emettere altre azioni fino a un massimo di 269milioni al servizio di un prestito convertendo. Laricapitalizzazione sarà proposta per entrambe le tranche (la primada 115 milioni, la seconda da 70 milioni con azioni di categoria Bdestinate a una newco partecipata da Feidos 11, Pirelli, Intesa eUnicredit) al prezzo di sottoscrizione unitario di 0,5953 euro,dopo il raggruppamento delle azioni attualmente in circolazionenella misura di un nuovo titolo ogni dieci vecchi. Gli impegniassunti dai vari soggetti in campo portano ad assicurare allasocietà un aumento per cassa di almeno 100 milioni di nuoverisorse. «Si compie un giro di boa fondamentale per la vita dellasocietà che finalmente potrà cogliere in pieno il progetto dirilancio industriale», ha commentato lazionista e vice presidente(con delega) Caputi. «In un triennio, con la collaborazione ditutti i soci abbiamo lambizione di rimettere a posto il gruppoche merita un ruolo di primo piano nel settore del real estate inItalia e in Europa. Con lobiettivo finale di tutelare azionisti,lavoratori e investitori». Adesso la strategia di Prelios,presieduta da Giorgio Bruno e guidata dallad Sergio Iasi, prevedelo snellimento della holding, il rilancio delloperatività suscala europea del business dei servizi, la creazione di ottosocietà ad hoc, lincremento dellautonomia manageriale e laricerca di partner internazionali. Oltre allo sviluppodellattività di gestione dei non performing loan bancari.Contestualmente al rinnovo dei vertici e del cda (15 membri, deiquali sette indipendenti e cinque donne), il gruppo immobiliare haapprovato i conti del primo trimestre che si è chiuso con ricaviper 24,8 milioni, un ebit negativo per 3,4 milioni, una perdita di18,5 milioni e un debito di 543,1 milioni.
  4. 4. RADIOCOR, venerdì 10 maggio 2013, 12:15:43Borsa: Prelios (+5% ) continua a festeggiaredecisioni assembleariIn tre sedute le azioni sono salite del 18%(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 10 mag - Prelios ancorain rialzo a Piazza Affari, con i titoli che segnano un +5,5%conquistando quota 0,08 euro. Dall assemblea di mercoledi leazioni hanno vantato un progresso complessivo del 18%.Evidentemente il mercato ha accolto positivamente ledecisioni dell assise dei soci in merito al nuovo topmanagement (Giorgio Bruno presidente, Massimo Caputi vicepresidente esecutivo, Sergio Iasi ad), all assettosocietario e all aumento di capitale di 185 milioni. Sebbenel aumento di capitale sia previsto a 0,059 euro per azione,livello inferiore agli attuali corsi di Borsa. Il mercatopercepisce forti potenzialita per il nuovo modello dibusiness varato che prevede il distacco da attivita diinvestimento e snellimento della Holding, la forteintegrazione dei servizi immobiliari.Il Resto del Carlino 09/05/2013 pg. 25 ed. NazionalePrelios, sì allaumentoCAPUTI AL VERTICE, TRONCHETTI LASCIASI concluderà entro fine luglio loperazione di ricapitalizzazione(aumento da 185 milioni) approvata ieri dall assemblea diPrelios, che rinnova il cda nel segno di Massimo Caputi ( foto ).Esce Tronchetti Provera: «È giusto che dopo tanti anni si passi lamano. I nuovi azionisti hanno contribuito a un piano che consentedi guardare al futuro». Lex Pirelli Re archivia il trimestre conun rosso di 18,5 milioni, su ricavi scesi da 32,9 a 26,1 milioni.
  5. 5. QUOTIDIANO IMMOBILIARE - Leditoriale di Guglielmo PelliccioliPrelios, mission not impossibleFeidos S.p.A., Prelios S.p.A., Caputi MassimoItalia • La mission impossible di Massimo Caputi ha raggiunto unprimo traguardo con l’approvazione da parte dell’assemblea deisoci di Prelios del nuovo vertice e dell’aumento di capitale. Perla verità, in precedenza c’erano già stati diversi traguardi ditappa che in alcuni casi si sono tagliati sul filo di lana della‘non continuità aziendale’ dopo che la società, leader di settorein Italia fino al 2007, era incappata in investimenti che avevanorichiesto un utilizzo elevato e spregiudicato della levafinanziaria.A memoria di quanti desiderano ripercorrere le tappe intermedieche hanno portato alla situazione di oggi menzioniamo alcunipassaggi significativi della nuova marcia impressa al gruppo daMarco Tronchetti Provera che, a inizio 2012, affida a Lazard ilcompito di trovare un partner industriale e finanziario per ilrilancio della società di cui è presidente.La ricerca porta dopo poche settimane a individuare due potenzialipartner: il fondo americano Fortress presente in Italia nelsettore dei Npl con Italfondiario; la società Feidos 11 guidata daMassimo Caputi, che ha aggregato una serie di investitori facenticapo alla famiglia Rovati, Diaz della Vittoria e a CornettoBourlot. Altri operatori non si presentano in quanto giudicano lasorte di Prelios ormai segnata.La scelta degli azionisti di maggioranza di Prelios, formalizzataad ottobre, preferisce puntare su Feidos 11 che, pur presentandoun’offerta meno aggressiva, ha dalla sua una maggiore e piùspecifica conoscenza del mercato italiano ed europeo. Il mesesuccessivo viene firmato un Memorandum of understanding e adicembre l’Accordo Quadro. Dopodiché si arriva al 27 marzo con ipatti definiti e l’impegno a finalizzare l’operazione entro maggio2013. Nel frattempo Prelios si presenta, con una certa sorpresadegli operatori internazionali, al Mipim di Cannes riscuotendo unindubbio interesse soprattutto per il suo portafoglio tedesco.Abbiamo descritto questi elementi nel dettaglio per far capirequanto l’operazione sia stata laboriosa e complessa.Chi scrive è stato buon testimone delle difficoltà incontrate finoall’ultimo dal management per appianare le difficoltà diristrutturazione del debito con le banche. Oggi Prelios èimpegnata in un aumento di capitale di 185 milioni sottoscrittoper cassa per 100 milioni da Feidos 11, Pirelli, Unciredit, Intesae il patto guidato da Camfin, a cui si aggiungerà un senior loan
  6. 6. da 250 milioni e un convertendo da 280 milioni. La società , dopogli smagrimenti degli anni passati, ha in carico circa 1.000dipendenti di cui la metà operativi in Italia, un patrimonio dicirca 600 milioni, costituito per lo più da quote di Fondi eVeicoli con scarsi flussi di cassa che l’hanno costretta a nonpagare gli interessi sui 570 milioni di debito, 7 società diservizio, l’esagerazione di ben 207 veicoli societari, 23 fondiimmobiliari e un patrimonio sotto gestione di 11,5 miliardi (dicui 1,1 di Npl) distribuito tra Italia e Germania. Gli obiettividel nuovo piano triennale sono stati determinati tenendo conto diquale sia la situazione attuale del mercato:. Gli investimenti immobiliari istituzionali in Italiacontinueranno a scendere e i prezzi del 2007 difficilmente sirivedranno;. Nel settore commerciale si stanno affermando nuove forme divendita (per es. i negozi virtuali) a vantaggio del clientefinale, che faranno diminuire i valori degli immobili commerciali;. L’Italia per i prossimi anni sarà assente dai programmi degliinvetitori istituzionali esteri, tranne che per alcuni settori dimercato. Questo anche a causa delle perniciose variazioninormative introdotte sui fondi nel 2011 che hanno creato un climadi inaffidabilità verso il Paese.Secondo quanto viene annunciato dal nuovo management della societàverranno di conseguenza adottate le seguenti misure: rafforzamentodelle società operative; snellimento della holding confocalizzazione sui servizi integrati di real estate e abbandonodella politica di investimenti diretti inclusa l’Europa con lacreazione di un ‘Desk Europa’ basato a Londra; attivazione di 8società di servizi su prodotti innovativi sia per gli investitorisia per i grandi proprietari pubblici e privati;responsabilizzazione e autonomia dei top manager a capo dellesuccitate società e infine la funzione di coordinamento strategicodella holding (finanza, sviluppo strategico, controllo, audit) ela ricerca di alleanze con partner europei (alcuni giàindividuati).Come abbiamo scritto più volte, il Paese ha bisogno di iniezionidi fiducia e se Prelios riuscirà ad attuare i suoi programmi saràun incentivo per tutta l’industria di settore e un modello disalvataggio da manuale.
  7. 7. La Repubblica - Affari Finanza - 13/05/2013 pg. 4Gestire i grandi portafogli immobiliari lascommessa di Prelios formato CaputiIL NEO-AZIONISTA, NOMINATO VICEPRESIDENTE CON LA DELEGA ALLOSVILUPPO, STUDIA IL MODO PER AUMENTARE I RICAVI ANCHE ATTRAVERSOLA GESTIONE DEI PATRIMONI DI BANCHE, ASSICURAZIONI, ENTI PUBBLICI.INTANTO LAMMINISTRATORE DELEGATO SERGIO IASI AVVIA LOPERA DELTAGLIO DEI COSTI A PARTIRE DAI DIPENDENTI. QUATTRO ANNI PERREALIZZARE IL PIANOMilano In tempi grami per il settore immobiliare e ancora di piùper i mercati finanziari, le azioni di Prelios sfidano la forza digravità e viaggiano ampiamente sopra il prezzo dellaumento dicapitale, fissato a 0,059 euro, che verrà perfezionato a giugno. Equesto perché gli investitori, che sullItalia e sul mattone nonsono molto positivi, scommettono che la gestione di Sergio Iasiper un verso e quella di Massimo Caputi per un altro, riuscirannoa fare dellex Pirelli Re un gruppo di servizi capace di gestire iportafogli immobiliari di banche, enti pubblici e assicurazioniche presto dovranno essere messi a reddito. Caputi, che è vicepresiedente con le deleghe allo sviluppo, dovrà studiare il mododi aumentare i ricavi, mentre allamministratore delegato Iasispetta tra le altre cose il compito di tagliare i costi, ainiziare da Prelios Holding che ha 140 dipendenti contro i 50stimati a fine ristrutturazione. Le attività estere, attualmenteconcentrate sulla Germania e sulla Polonia, continueranno a esseregestite da Amsterdam, ma Prelios ha aperto una sede a Londra perstringere nuove alleanze con i potenziali investitori esteri. Aquesto proposito Caputi starebbe già prendendo contatti con alcunipossibili interlocutori pronti a sviluppare servizi immobiliariinsieme a Prelios e a far aumentare le masse in gestione. I 185milioni che saranno raccolti con laumento di capitale in parteandranno a ripianare i debiti, mentre in parte serviranno sia ainvestire nelle nuove attività, sia a dare al gruppo più tempo pervendere il portafoglio immobiliare, fatto di palazzi e quote difondi. Dal 2008 quando dopo la gestione di Carlo Puri Negri,Prelios lanciò un aumento di capitale da 400 milioni, la societàha operato circa un miliardo di svalutazioni. E così ilportafoglio immobiliare in gestione ammonta a circa 10 miliardi,ma la sua quota parte si è ridotta a 600 milioni di asset. Iasinel corso dei prossimi quattro anni dovrà vendere al meglio questoportafoglio, cercando di evitare nuove perdite di valore. Ma anchein caso di nuove e inattese crisi, Prelios ha una sorta diparacadute che è rappresentato dai 269 milioni del prestitoconvertendo a sette anni. Se il mercato immobiliare dovesse ancorapeggiore, gli analisti stimano che grazie al convertendo il gruppo
  8. 8. potrebbe sopportare nuove ed eccezionali svalutazioni pari a circala metà dellattuale prezzo di carico degli asset di proprietà. Unfattore che rassicura gli investitori sul fatto che quello digiugno sarà anche lultimo aumento di capitale necessario perrisanare lazienda, che nel frattempo ha ristrutturato i debitiriducendo gli oneri finanziari. Per risanare Prelios, Caputi esoci della Feidos, vale a dire le famiglie Diaz, Cornetto Bourlote Rovati, si sono dati quattro anni di tempo. La governanceprevede infatti che Fenice - il cui nome è tutto un programma -potrà cedere il suo 29% di Prelios a partire dallapprovazione dibilancio 2016. E anche in questo caso la governance di Fenice(veicolo partecipato da Feidos, Pirelli, Intesa Sanpaolo eUnicredit) prevede che alla presidenza vada uno dei soci diFeidos, ovvero Giuseppe Cornetto Bourlot. La gestione del gruppo èquindi completamente affidata ai manager e ai soci di MassimoCaputi, ed è destinata a rimanere tale per i prossimi 5 anni, ameno che Feidos e Fenice nel frattempo non vendano le loro quotein Prelios. A dare continuità al gruppo resteranno invece i vecchisoci di Camfin, ma soprattutto Pirelli, che immediatamente tramitelaumento di capitale di giugno, e a tendere nel caso in cui innon venisse rimborsato il prestito convertendo, tornerà ad esserelazionista di riferimento del gruppo immobiliare che era statoscorporato nel 2009.Advisor 10/05/2013 pg. 23 ed. N.5 - maggio 2013Prelios si rafforza con 185 milioniPrende il via il piano di rilancio di Prelios. Il cda dellasocietà ha approvato il bilancio e contestualmente ha approvato ilpiano strategico 2013-2016 che prevede la ristrutturazione e ilrilancio del gruppo come polo europeo di riferimento nel mercatodei servizi immobiliari e finanziari. Inoltre è stata approvataloperazione straordinaria finalizzata al rafforzamentopatrimoniale con un aumento di capitale di 185 milioni. Per quantoriguarda il 2012 il risultato netto è negativo per 241, 7 milioni,rispetto ai -289,6 milioni di dicembre 2011. Sul risultato pesanole svalutazioni di partecipazioni e investimenti immobiliari per86 milioni; oneri finanziari per 52 milioni e oneri diristrutturazione per 21,4 milioni. Il risultato operativo ènegativo per 72,1 milioni condizionato dalle perdite di valore delportafoglio NPL per 61,1 milioni. Dal punto di vista dei ricavi ilgruppo ha registrato 131 milioni, in flessione rispetto ai 177,8dello stesso periodo del 2011. Per quanto riguarda il patrimonionetto il dato è pari a 80,4 milioni contro i 362,2 milioni a fine2011. La posizione finanziaria netta è passiva per 520,5 milionicontro i 513,2 milioni. Intanto è iniziata la "caccia" al nuovo
  9. 9. a.d. per la SGR. La società immobiliare nellambito del piano dirilancio dalla società si sta muovendo per la ricerca di un nuovoamministratore delegato, dopo luscita di Dario Frigerio. Secondoi rumors di mercato in pole position ci sarebbe Paolo Scordino,che lo scorso 24 aprile è entrato nel cda e che nel passato haricoperto ruoli di primo piano in diversi gruppi immobiliari: comeZero SGR (nel ruolo di a.d.), e in Idea Fimit dove è statoresponsabile del business devetopment. fra laltro ha già lavoratonel passato con Massimo Caputi (netta foto), ai tempi di FIMIT. Eoggi Caputi riveste un ruolo importante in Prelios, come nuovosocio di riferimento della cordata che ha rilevato la società daPirelli.

×