• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Montebello 29.09.09
 

Montebello 29.09.09

on

  • 1,046 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,046
Views on SlideShare
1,025
Embed Views
21

Actions

Likes
0
Downloads
9
Comments
0

1 Embed 21

http://giulianafontanella.com 21

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Montebello 29.09.09 Montebello 29.09.09 Presentation Transcript

    • Le opportunità e i finanziamenti europei per gli enti locali e le imprese 29 settembre 2009 – Montebello (VI) European Commission Enterprise and Industry
    • Nell’UE ci sono circa 23 milioni di PMI , quasi il 99% delle imprese , con circa 75 milioni di posti di lavoro. Con la programmazione 2007-2013, l’UE ha investito su tale potenziale collocando le PMI al centro dei principali programmi di finanziamento comunitari. Le PMI nell’Unione europea Le PMI sono il motore dell’economia europea. La loro presenza è garanzia di: - crescita dell’occupazione; - produzione di qualità; - miglioramento della competitività.
      • Le forme di finanziamento disponibili sono le più varie:
      • sovvenzioni , prestiti e, in alcuni casi, garanzie .
      • I contributi sono disponibili direttamente o attraverso programmi gestiti a livello nazionale o regionale , come i Fondi strutturali dell’Unione europea.
    • ▪ Ambiente - Energia - Trasporti ▪ Ricerca e sviluppo ▪ Innovazione ▪ Istruzione e formazione ▪ Cultura e media ▪ Tecnologie dell’informazione e della comunicazione ▪ Attività imprenditoriali e investimento ▪ Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA-ADRIATICO Settori interessati
    • Ambiente – Energia – Trasporti
      • LIFE +
      • Programma Quadro per l’Innovazione e la Competitività (CIP)
      • Marco Polo II
    • Life +
      • Offre sostegno specifico alle misure e ai progetti aventi valore aggiunto per l’attuazione, l’aggiornamento e lo sviluppo della politica e della normativa comunitaria in materia di ambiente.
      • Tre componenti: - Natura e Biodiversità - Politica e Governance Ambientale - Informazione e Comunicazione
      • Base giuridica: Regolamento (CE) n. 614/2007 del Parlamento europeo e del Consiglio del 23/05/2007
      • Budget 2007-13: € 2,1 miliardi
      • Sito internet:
      http:// ec.europa.eu / environment /life/ funding /lifeplus.htm#First
      • Programma indirizzato prioritariamente alle PMI e alle loro esigenze. Contribuisce alla competitività e alla capacità innovativa della Comunità, in quanto società della conoscenza promuovendo uno sviluppo sostenibile basato su una crescita economica forte e un’economia sociale di mercato concorrenziale.
      • Base giuridica: Decisione n. 1639/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 24/10/2006
      • Budget 2007-13: € 3,6 miliardi
      • Sito internet:
      Programma Quadro per l’Innovazione e la Competitività (CIP) http:// ec.europa.eu /cip/index_en.htm
      • Per le questioni ambientali ed energetiche, i sottoprogrammi interessati sono:
      • il Programma per l’innovazione e l’imprenditorialità : una parte è destinata all’innovazione ecologica per sfruttare appieno il potenziale delle tecnologie ambientali, al fine di proteggere l’ambiente contribuendo allo stesso tempo alla competitività e alla crescita economica
      • il Programma Energia Intelligente – Europa : con iniziative atte ad incrementare la domanda e l’adozione di efficienza energetica, a promuovere le fonti energetiche rinnovabili e la loro diversificazione, nonché a stimolare la diversificazione dei carburanti e l’efficienza energetica nei trasporti
      • E’ finalizzato alla riduzione della congestione stradale, al miglioramento delle prestazioni ambientali del sistema di trasporto merci nella Comunità e al rafforzamento dell’intermodalità, contribuendo in tal modo a un sistema dei trasporti efficiente e sostenibile. Il Programma sostiene iniziative nel trasporto merci, nella logistica e in altri mercati rilevanti, tra cui misure riguardanti le vie marittime e la gestione del traffico.
      • Base giuridica: Decisione n. 1692/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 24/10/2006
      • Budget 2007-13: € 400 milioni
      • Sito internet:
      Marco Polo II http:// ec.europa.eu / transport / marcopolo /index_en.htm
    • Ricerca e sviluppo
      • 7° Programma quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico
      • Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
    • 7° Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico
      • Il Programma presta particolare attenzione alle PMI attraverso i suoi diversi programmi:
      • Cooperazione
      • Idee
      • Persone
      • Capacità
      • Base giuridica: Decisione n. 1982/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 18/12/2006
      • Budget 2007-13: € 50,5 miliardi
      • Sito internet:
      http:// cordis.europa.eu /fp7/home_en.html
    • Stimola creatività e dinamismo sostenendo progetti di ricerca avviati da singole èquipe in concorrenza a livello europeo su iniziativa dei ricercatori stessi e svolti in tutti i settori. I team di ricerca delle PMI possono competere su basi meritocratiche Programma " Idee " aperto alle PMI Promuove la collaborazione tra l'industria e la ricerca accademica in tutta Europa. Offre sostegno alla cooperazione transnazionale in una serie di aree tematiche che corrispondono ai principali settori della conoscenza e delle tecnologie (salute, prodotti alimentari, agricoltura, pesca e biotecnologie, nanoscienze, nanotecnologie, materiali e nuove tecnologie di produzione, tecnologie dell'informazione e della comunicazione, ambiente, trasporti, scienze socioeconomiche e scienze umanistiche, spazio e sicurezza) Promozione della partecipazione delle PMI nel programma " Cooperazione "
    • Migliora la ricerca e le capacità d'innovazione in tutta Europa, garantendone un utilizzo ottimale per realizzare un'economia prospera basata sulla conoscenza. Mira a sviluppare una politica di cooperazione internazionale nel campo della scienza sostenendo la ricerca a vantaggio delle PMI. "Ricerca a vantaggio delle PMI" mira a rafforzare la capacità di innovazione delle PMI europee e il loro contributo allo sviluppo di nuovi prodotti e mercati basati sulla tecnologia. "Ricerca a vantaggio delle PMI" nel programma " Capacità " Nello sviluppare quantitativamente e qualitativamente il potenziale umano nel campo della tecnologia e ricerca in Europa, offre un importante contributo per incoraggiare i ricercatori europei a rimanere in Europa, rendendola così più attraente a tutti i ricercatori del mondo intero, offrendo in tal senso un efficace sostegno significativo alla mobilità e alla realizzazione della carriera. Si vuole incoraggiare una maggiore partecipazione delle PMI nell'ambito dei "Percorsi e alleanze fra l'industria e l'università". Il potenziale umano in ricerca e tecnologia nel programma " Persone "
    • Fondo europeo di Sviluppo Regionale
      • Nell’ambito della politica di coesione (stanziamento complessivo € 308 miliardi ), il FESR è il maggior strumento comunitario a vantaggio delle PMI. Lo scopo è ridurre le disparità nello sviluppo regionale e sostenere la coesione sociale ed economica all’interno dell’Unione europea.
      • I programmi dell’FESR sono gestiti dalle autorità nazionali e regionali.
      • Opera nel contesto dei tre macro obiettivi della politica di coesione:
      • Convergenza: accelerare la convergenza economica delle regioni meno sviluppate
      • Competitività e occupazione regionale: rafforzare la competitività e l‘attrattività regionale e aiutare i lavoratori e le aziende ad adattarsi ai cambiamenti economici
      • Cooperazione territoriale europea: rafforzare la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale
      • Per rafforzare la creazione e la competitività delle PMI, il FESR cofinanzia attività nei settori di:
      • spirito imprenditoriale, innovazione e competitività delle PMI (ad esempio mentoring imprenditoriale, tecnologie innovative e sistemi di gestione nelle PMI, eco- innovazione, migliore impiego delle TIC);
      • miglioramento dell'ambiente regionale e locale per le PMI nella fase di avviamento e di crescita, infrastrutture commerciali e servizi di appoggio per le PMI, RST regionale e locale e capacità innovative, cooperazione in campo e capacità innovative);
      • collaborazione interregionale e transfrontaliera delle PMI;
      • investimento nelle risorse umane (unitamente a finanziamenti del Fondo sociale europeo).
      Settori d’intervento dell’FESR
    • Innovazione
      • Programma Quadro per l’Innovazione e la Competitività (CIP)
      • eContentplus 2005-2008
      • Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
    • Programma Quadro per l’Innovazione e la Competitività (CIP)
      • Per quanto concerne l'innovazione, il CIP comprende due filoni principali:
      • il Programma per l'Innovazione e l'Imprenditorialità (PII) finalizzato al miglioramento delle condizioni per l'innovazione, ad esempio scambi delle migliori pratiche tra gli Stati membri e iniziative per migliorare, incoraggiare e promuovere l'innovazione nelle imprese. Il programma sostiene iniziative che favoriscono l'innovazione all'interno di settori specifici, i raggruppamenti, le alleanze pubblico-privato per l'innovazione e l'applicazione di una gestione dell'innovazione;
      • b) il Programma di Sostegno alle Politiche TIC, al quale sono stati destinati circa 728 milioni di euro. Il programma TIC è finalizzato a stimolare i nuovi mercati convergenti per reti e servizi elettronici, contenuti multimediali e tecnologie digitali. Esso sostiene inoltre la modernizzazione dei servizi del settore pubblico che accrescerà la produttività e migliorerà i servizi.
      Per informazioni generali: Programma Quadro per l’Innovazione e la Competitività (PIC)
    • eContentplus 2005-2008
      • Il Programma mira ad abbattere le barriere organizzative e promuovere l'adozione di soluzioni tecniche all'avanguardia per migliorare l'accessibilità e l'usabilità del materiale digitale in un ambiente multilingue.
      • Il programma è rivolto a particolari aree di mercato dallo sviluppo modesto: la copertura geografica (come elemento costitutivo essenziale dei contenuti del settore pubblico), contenuti formativi e contenuti culturali, scientifici e accademici.
      • Base giuridica: Decisione n. 456/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio del 09/03/2005
      • Budget 2007-13: € 149 milioni
      • Sito internet:
      http:// ec.europa.eu / information_society / activities / econtentplus /index_en.htm
    • Istruzione e Formazione
      • Programma d’azione integrato per l’Apprendimento Permanente
      • Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
    • Programma d’azione integrato per l’Apprendimento Permanente
      • Il Programma comprende quattro programmi specifici:
      • COMENIUS, per le attività pedagogiche generali relative agli istituti scolastici fino al livello superiore della scuola secondaria;
      • ERASMUS, per l'istruzione e le attività avanzate di formazione a un livello di istruzione superiore;
      • LEONARDO DA VINCI, per tutti gli altri aspetti dell'istruzione e della formazione professionale;
      • GRUNDTVIG, per la formazione degli adulti.
      • Il programma LEONARDO DA VINCI interessa più direttamente le imprese, in quanto sostiene le iniziative transnazionali di innovazione per promuovere le conoscenze, le abilità e le competenze necessarie a un'integrazione positiva nella vita professionale e il pieno esercizio della cittadinanza.
      • Base giuridica: Decisione n. 1720/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 15/11/2006
      • Budget 2007-13: € 6,97 miliardi
      • Sito internet:
      http:// ec.europa.eu / dgs / education_culture / newprog /index_en.html
    • Cultura e Media
      • Cultura 2007
      • Media 2007
    • Cultura 2007
      • Il Programma contribuisce alla valorizzazione di uno spazio culturale condiviso dagli europei e basato su un comune patrimonio culturale, sviluppando la cooperazione culturale tra i creatori, gli operatori culturali e le istituzioni culturali dei paesi partecipanti al programma, al fine di favorire l'emergere di una cittadinanza europea.
      • Il programma è aperto alla partecipazione delle industrie culturali non audiovisive, in particolare delle piccole imprese culturali, laddove tali industrie svolgano una funzione culturale senza scopo di lucro.
      • Obiettivi specifici del programma: a) promuovere la mobilità transnazionale degli operatori culturali; b) incoraggiare la circolazione transnazionale delle opere e dei prodotti artistici e culturali; c) favorire il dialogo interculturale.
      • Base giuridica: Decisione n. 1855/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12/12/2006
      • Budget 2007-13: € 400 milioni
      • Sito internet:
      http://ec.europa.eu/culture/eac/culture2007/cult_en.html
    • Media 2007
      • Trasversalmente, il Programma vuole incoraggiare il processo creativo nel settore e la diffusione del relativo patrimonio, potenziare la struttura di produzione del settore europeo dell’audiovisivo, in particolare le PMI, ridurre gli squilibri esistenti tra Paesi a seconda della rispettiva capacità di produzione audiovisiva, ed infine sostenere l’evoluzione del mercato in materia di digitalizzazione.
      Il Programma mira a: Base giuridica: Decisione n. 1718/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 15/11/2006 Budget 2007-13: € 755 milioni Sito internet: http:// ec.europa.eu / information_society /media/index_en.htm Rafforzare la competitività del settore nel quadro di un mercato europeo aperto e concorrenziale Accrescere la circolazione e la visibilità delle opere audiovisive europee all’interno e all’esterno dell’UE Tutelare e valorizzare la diversità culturale e linguistica europea e il suo patrimonio cinematografico ed audiovisivo
    • Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione
      • 7° Programma Quadro per la Ricerca e lo Sviluppo Tecnologico
      • Programma Quadro per l’Innovazione e la Competitività (CIP)
      • eContentplus 2005-2008
      • Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
    • Attività imprenditoriali e di investimento
      • Programma Quadro per l’Innovazione e la Competitività (CIP)
      • Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
      • Il Programma individua alcuni strumenti finanziari come risorse ripartite in tre piani, gestiti per conto della Commissione europea dal Fondo europeo per gli investimenti (FEI):
      • lo strumento a favore delle PMI innovative e a forte crescita (GIF) è finalizzato ad aumentare l'offerta di capitale netto per le PMI innovative. Il GIF condivide rischi e utili con gli investitori privati, fornendo una leva importante per la messa a disposizione di capitale netto a beneficio delle PMI innovative
      • lo strumento della garanzia alle PMI offre garanzie aggiuntive ai piani previsti, al fine di accrescere l'offerta alle PMI di finanziamenti mediante indebitamento, e si concentra sulla ricerca di soluzioni ai fallimenti di mercato in 4 aree:
        • accesso ai prestiti (o ai loro sostituti, come il leasing) da parte delle PMI con potenziale di crescita;
        • offerta di microcrediti;
        • accesso al capitale netto o al quasi capitale netto;
        • cartolarizzazione.
      • Un piano per lo sviluppo di capacità sosterrà la capacità degli intermediari finanziari in alcuni Stati membri.
      Programma Quadro per l’Innovazione e la Competitività (CIP) Per informazioni generali: Programma Quadro per l’Innovazione e la Competitività (PIC)
    • Programma di Cooperazione transfrontaliera IPA-ADRIATICO
      • Il Programma vuole rafforzare le capacità di sviluppo sostenibile delle Regioni Adriatiche attraverso una strategia di azione concertata tra i partner dei territori eleggibili. In particolare, mira a:
      • Rafforzare la ricerca e l’innovazione per facilitare lo sviluppo dell’Area Adriatica attraverso la cooperazione economica, sociale e istituzionale;
      • Promuovere, migliorare e proteggere le risorse naturali e culturali attraverso la gestione congiunta dei rischi naturali e tecnologici;
      • Potenziare ed integrare le reti infrastrutturali esistenti, promuovere e sviluppare i servizi di trasporto, di informazione e di comunicazione.
      • Base giuridica: Regolamento (CE) n. 1085/2006 del Consiglio del 17/07/2006 istitutivo dello strumento e Regolamento (CE) n. 718/2007 della Commissione
      • Budget 2007-13: € 11,5 miliardi
      • Sito internet:
      http:// ec.europa.eu / regional_policy / funds / ipa /index_it.htm
    • GRAZIE PER L’ATTENZIONE dott. Filippo Mazzariol Unioncamere del Veneto - Eurosportello Via delle Industrie, 19/D 30175, Venezia Marghera Tel. +39 041 0999411 www.eurosportelloveneto.it mazzariol @eurosportelloveneto.it