• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Plone.4.ita
 

Plone.4.ita

on

  • 514 views

Università di Roma La Sapienza. Laboratorio Editoria e Scrittura (Prof. Lariccia

Università di Roma La Sapienza. Laboratorio Editoria e Scrittura (Prof. Lariccia

Statistics

Views

Total Views
514
Views on SlideShare
514
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Plone.4.ita Plone.4.ita Presentation Transcript

    • Manuale Plone 4 in italianoManuale Plone utente sul CMS Plone 4,per imparare a gestire in maniera facilee autonoma i contenuti di un sito web.
    • • 1. Introduzione a Plone 4 Una prima panoramica su Plone 4: linterfaccia principale, cosè un account e come si accede ad un sito Plone, la bacheca e le preferenze personali.• 1.1. Struttura di Plone 4 Che cosè Plone? È un CMS open che permette di realizzare e gestire applicazioni web. Vediamo comè strutturato il potente sistema del nuovo Plone 4. Cosè Plone? Plone è un software per la gestione dei contenuti (CMS, Content Management System) che puoi utilizzare per realizzare siti web. Con Plone chiunque può contribuire ai contenuti di un sito web senza laiuto di un esperto. Inoltre Plone si utilizza via web, quindi non devi installare alcun software particolare sul tuo computer. In questo contesto il termine "contenuti" è da intendersi in generale, in quanto puoi pubblicare diversi tipi di informazioni, tra cui:
    • Un sito web Plone puòquindi contenere diversi tipidi contenuti, tra cui testi,fotografie ed immagini.Questi possono esserepresenti in più forme:documenti, notizie, eventi,video, file audio e qualsiasitipo di file e di dati che possaessere caricato dalla rete ocreato su un sito web. Ilcontenuto può anche esserecaricato dal tuo computer:creando cartelle sul sitoPlone in cui vuoi inserire icontenuti puoi creare unastruttura di navigazione.
    • Se ami le farfalle...Ad esempio, per inserire unnuovo contenuto sullefarfalle, puoi creare unacartella dal nome "Farfalle" epoi aggiungere del testo inuna pagina web allinternodella cartella:
    • Puoi anche aggiungerealcune fotografie difarfalle nella cartella:
    • Inoltre puoi inserire molti altri tipi di contenutinelle cartelle, tra cui delle sottocartelle. Dopoaver creato alcune notizie e video sulle farfallenella cartella "Farfalle", il contenuto potrebbeessere organizzato in questo modo, con duesottocartelle allinterno della cartella "Farfalle": Cosa accade dietro le quinte Potresti chiederti come avvenga tutto ciò. Un tipico sito web Plone esiste come installazione del software Plone su un server. Il server potrebbe essere ovunque, spesso allinterno di unazienda che ospita server dedicati a siti web:
    • Questo diagramma mostra i molti cavi che connettono i computer serverindividuali ad internet attraverso connessioni di rete veloci. Il tuo sitoPlone è solamente un software e un database per immagazzinare i datiinstallati su uno dei computer. Mentre scrivi o clicchi sul tuo computer, idati vengono mandati su e giù per i cavi di rete e nei canali dicomunicazione di internet per interagire con linstallazione del tuosoftware Plone sul server.
    • Semplifichiamo un po il diagramma che riassume linterazione tra te e Plone:Utilizzi il tuo browser -- Firefox, Safari, Internet Explorer, ecc. -- pervisualizzare ed editare il tuo sito web Plone e le modifiche vengonosalvate dal software Plone nel suo database.Ad esempio, immagina che il tuo sito web Plone delle farfalle si trovisu mysite.com. Digita www.mysite.com sul tuo browser. Dopo averpremuto Invio, il browser comunica con il server di mysite.com e siinnesca la seguente catena di eventi:
    • Il software Plone risponde:Plone legge il suo database per cercare informazioni memorizzate su mysite.com.Poi rimanda la pagina web al tuo computer in un codice chiamato HTML. LHTML èun linguaggio per computer che descrive come una pagina web appare. Include,ad esempio, testi, grafica, font, il colore dello sfondo e tutto ciò che compone unapagina web. Ci sono molte risorse online che ti possono insegnare i dettagli dellinguaggio HTML, ma uno dei vantaggi di Plone sta nel non dover conoscerequesto linguaggio (o quasi). Questo è uno dei punti di forza di Plone e similisoftware: puoi concentrarti interamente sui contenuti e sulla grafica del tuo sito,anziché imparare un nuovo linguaggio informatico.
    • Torniamo alla nostra visione dinsieme. Il tuo browser "renderizza"(traduce) lHTML e tu visualizzi, come risultato, la pagina web:Visualizzando la pagina web sulle farfalle, puoi decidere se modificarla o aggiungerenuove informazioni. Puoi anche caricare fotografie, documenti, ecc. in qualsiasimomento:
    • Dopo che avrai apportato modifiche e cliccato suSalva modifiche, la nuova versione saràimmediatamente disponibile per chiunquenavighi sul sito:
    • 1.2. Design grafico di un sito PlonePlone consente al designer di personalizzarecompletamente laspetto grafico. Ecco una panoramicadel layout base di Plone ed alcuni esempi di design.Che aspetto ha un sito web Plone? Per anni vi è statoun design coerente per laspetto di default di Plone. Sipresenta generalmente così:
    • Il sito web Plone che utilizzi potrebbe avere un design radicalmente differente da questo, ma dovresti poter trovare elementi comuni, come il link di log-in e il pannello di navigazione o il menù. Nel design di default, il menù di navigazione si trova nellarea di sinistra e solitamente appare come una lista ordinata di cartelle. Ci può anche essere un insieme di tab vicino al log-in - "briciole di pane", nella parte alta del portale.Bisogna distinguere tra il design di un sito web e la funzionalità di un sito web. E megliofocalizzarsi sulla funzionalità e non preoccuparsi troppo dellaspetto e del layout del sito.Un punto di forza del sistema di organizzazione dei contenuti di Plone sta nel poterridisegnare un sito web e creare un nuovo look senza coinvolgerne il contenuto di fondo ela funzionalità. Per fare un semplice esempio, il menù di navigazione può essere spostatodallarea sinistra a quella destra, oppure larea destra può essere cancellata nel caso in cuinon sia necessaria. Le aree sinistra, centrale e destra, come raffigurato sopra e sotto,possono essere spostate nella parte alta, intermedia e bassa, ma la struttura sottostantesarà sempre un sito web Plone.
    • Useremo il layout di default di Plone come esempio della tipica suddivisione dello schermo:Nella progettazione del tuo sito web Plone potresti aver bisogno di modificaretutti questi elementi che abbiamo appena visto. Potresti incontrare vari terminiper descrivere le parti dello schermo, come gli "slot" destro e sinistro per learee destra e sinistra e "portlet" o "viewlet" per particolari aree o box.
    • 1.3. Account degli utenti e ruoli in PloneBasi per luso di un account web Plone; distinzione tra navigazione anonima elavoro sul sito effettuando il log-in; descrizione dei ruoli dellutente.I siti Plone possono essere molto diversi: si può partire dai siti web personalicon un solo utente fino ad arrivare ai siti di community, organizzazioni,aziende, che possono avere centinaia di utenti. Chiunque aggiunga deicontenuti ad un sito web Plone ha il proprio account utente. Un accountutente comprende un nome utente e una password. Alcuni siti Ploneconsentono di identificarsi visitando il sito, cliccando sul link "Join" ("Accedi")e fornendo le informazioni base dellutente. Altri siti hanno degli accountutente che sono creati dagli amministratori del sito, in tal caso le personenormalmente ricevono une-mail con i dettagli dellaccount utente.In qualunque modo venga creato, un account utente Plone consente ad unapersona di fare il log-in digitando il suo nome utente e una password. Lepassword sono case-sensitive, il che significa che bisogna fare attenzione allelettere maiuscole e minuscole. Ad esempio, se la vostra password è xcFGt6v,dovrete digitarla esattamente perché funzioni. Sono da preferirsi passwordcon caratteri diversi fra loro e scelti casualmente rispetto a password come"mamma" o "navigare", dal momento che sono più difficili da indovinare edunque più sicure.
    • Navigazione web anonima vs autenticataLa distinzione tra attività web anonima ed autenticata (logged-in) è importante:Navigazione anonimaQuesta è lesperienza consueta per una persona che naviga in rete. Digitate lindirizzo diun sito web sul vostro browser e visualizzate le pagine web, guardate video, immagini,ma non dovete fare il log-in. Questo è il motivo per cui questa modalità è detta anonima:chiunque può navigare liberamente, senza farsi riconoscere. Notate la presenza del linklog-in nellimmagine della schermata sottostante (in alto a destra). Se compare un linklog-in significa che non avete fatto il log-in -- e state navigando in forma anonima -- comevisibile nella seguente schermata di un nuovo sito Plone:
    • Navigazione autenticata (logged-in)Avete già sperimentato la modalità autenticata di navigazione web se avete utilizzato il sito di una banca o diuna carta di credito, o qualsiasi altro sito che preveda un account utente. Il sito di una banca vi consente divisualizzare le informazioni del vostro conto, compilare moduli di raccolta di informazioni, trasferire fondi e farealtre operazioni, ma soltanto dopo aver fatto il log-in. Un sito Plone non è molto differente, tranne per il fattoche potete fare operazioni più complesse. Prendiamo ad esempio la schermata sottostante, catturata dopo chelutente di nome "John Smith" ha fatto il log-in: in cima a destra vedete i link del nome di John Smith e del log-out. Cè unatra importante differenza che si nota in seguito al log-in: larea principale al centro ora presentauna barra di intestazione verde con dei comandi. Questa sorta di barra di intestazione viene visualizzata quandolutente ha diritto a modificare unarea del sito. John Smith ha diritto, come utente, a modificare questareaprincipale. Questi comandi nella barra dellarea principale potranno variare, ma riconoscerete sempre questainterfaccia a comandi di un particolare colore verde. Nella seguente schermata, lutente Ludovico Spagnolo hafatto il log-in in un nuovo sito Plone:
    • • Ruoli dellutente• Altrettanto importante è la distinzione tra differenti ruoli dellutente in un sito Plone. Per illustrare il caso più semplice, consideriamo due ruoli dellutente, uno detto member e laltro manager. Considerate i diversi diritti o "poteri" di questi due ruoli:• Member• possiede un account utente, dunque può fare il log-in• può aggiungere contenuti, ma solo in specifiche aree, non può modificare nulla al di fuori di esse; spesso agli utenti viene assegnata una "home area", da utilizzare come uno spazio personale dove possono aggiungere dei contenuti• non può pubblicare contenuti che siano visibili ai navigatori anonimi, nemmeno i contenuti aggiunti da lui stesso; in quanto una persona con il ruolo di manager deve approvare i contenuti prima della loro pubblicazione.• Manager• possiede un account utente, dunque può fare il log-in• può aggiungere contenuti ovunque e ha la facoltà di cambiare tutto• può pubblicare qualsiasi tipo di contenuto• Quando ottenete il vostro nuovo account su un sito Plone, dovreste ricevere informazioni che indichino dove avete il diritto di aggiungere contenuti, dopo aver fatto il log-in. Una volta effettuata lidentificazione, se accedete ad una cartella dove avete il diritto di "agire", vedrete la barra di intestazione verde di cui abbiamo parlato, coi comandi principali Contenuti, Visualizza, Modifica, Regole, Proprietà, e Condivisione:
    • Sarete in grado da soli di esplorare questi comandi per scoprirne le differenze, ma qui trovate delle descrizioni per aiutarvi ad iniziare:• Contenuti (Contents) - mostra una lista degli elementi in una cartella• Visualizza (View) - mostra ciò che visualizzerebbe un navigatore anonimo• Modifica (Edit) - mostra un pannello per modificare i contenuti• Regole (Rules) - mostra un pannello per controllare in che modo un elemento viene creato e gestito• Condivisione (Sharing) - mostra un pannello per stabilire i diritti degli altri utenti a vedere o editare i contenuti Sono presenti anche dei menù nella parte bassa della barra di intestazione verde, Vista, Aggiungi un nuovo elemento e Stato:Questi menù e comandi offrono i principali modi di interazione con Plone.Diventeranno sempre più familiari col crescere delle vostre esperienze nellagestione di un sito basato su Plone.
    • 1.4. Il log-inCosa significa effettuare il log-in in un sito webPlone? Vediamo come usare username e passwordper accedere a un sito Plone e potervi agire.Quando visiti un sito web Plone anonimamente, o tiviene dato lindirizzo web per la manutenzione delsito, vedrai unicona di log-in (Fatti riconoscere)simile a questa nellangolo in alto a destra delloschermo:
    • Dopo aver cliccato il link di log-in, vedrai un pannello di input dove inserire il tuo nome utente e password:Dopo aver effettuato il log-in su un sito web Plone, vedrai alcune indicazioni sul tuonome, in genere posizionate in alto a destra. Puoi cliccare sul tuo nome perorganizzare le tue preferenze personali. Nel prossimo paragrafo vedremo comefare. A partire da Plone 4 sarà possibile per gli utenti utilizzare il loro indirizzo e-mail come nome utente quando si effettua il log-in. È comunque possibiledisattivare questa funzione dal pannello di controllo Sicurezza. Così facendo ilcampo dove inserire il nome utente non comparirà nel form di registrazione. Permaggiori informazioni a riguardo consultare la guida Fare log-in in Plone conlindirizzo e-mail sul sito ufficiale di Plone 4.
    • 1.5. Impostare le preferenzeDopo aver effettuato il log-in, potrai cambiare le tuepreferenze personali, inserire informazioni sulla tuaidentità e modificare alcune impostazioni.Dopo aver effettuato il log-in, il tuo nome verràriportato per intero sulla destra della bandasuperiore. Apri il menù a tendina e clicca suDashboard per accedere alla tua area personale:
    • Il pannello della tua bacheca apparirà allincircacosì:Quando effettui il log-in per la prima volta, latua bacheca sarà vuota, come indicato dalmessaggio di informazione (Info). I portlet, oriquadri, sono "viste" specifiche per le diversetipologie di contenuto. Puoi scegliere qualiavere nella tua bacheca cliccando su Modifica,ma ci arriveremo tra un secondo.
    • Prima, diamo uno sguardo ai link Preferenzepersonali nel precedente munù a tendina, il qualei permetterà di modificare le impostazioni del tuoaccount:
    • I campi di inserimento dati comprendono:• Nome e cognome - Se il tuo nome è comune, includi il tuo secondo nome o liniziale.• Indirizzo posta elettronica - OBBLIGATORIO - Potresti ricevere e-mail dal sistema del sito web o da un sistema di messaggistica ("message board"), se installato, ecc. Quando un campo è obbligatorio, compare un quadratino rosso accanto alla voce.• Località - Riguarda il nome della tua città, provincia, stato o qualsiasi cosa tu pensi di dover inserire.• Lingua - Plone offre un ottimo supporto multilingue.• Biografia - Inserisci una breve descrizione di te stesso, lunga circa un paragrafo.• Pagina personale (Home page) - Se hai un tuo sito web personale o unarea di sito web, in cui per esempio condividi fotografie, inserisci qui lindirizzo web, se lo desideri, così le persone potranno conoscere qualcosa in più su di te.• Editor del contenuto - Puoi scegliere, ad esempio, Kupu, che ti permette di realizzare pagine web con una piacevole interfaccia grafica, o un pannello di editing di base, che conviene usare se pensi di dover scrivere pagine web in HTML (il codice in cui sono scritte le pagine web). Limpostazione di default prevede lutilizzo di Kupu, a cui verrà fatto riferimento in questo manuale.• Abilita la modifica con leditor esterno - Serve a dare o a negare il permesso ad un editor "esterno", nel caso in cui ne sia stato installato uno dallamministratore del sito web. Luso di un editor "esterno" avviene principalmente per web designer e programmatori che realizzano più editing del codice attuale, ma potrebbe essere utile anche per la creazione di una pagina utilizzando particolari linguaggi "mark-up" (non preoccuparti di questa impostazione se non ne hai mai sentito parlare dallamministratore del tuo sito web).• Ritratto (inserimento della fotografia) - La fotografia apparirà come unimmagine di piccole dimensioni, o unimmagine grande quanto lunghia di un pollice; quindi conviene usare la foto del viso o al massimo dalle spalle in su. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento vorrai.
    • 1.6. La bachecaTutti gli utenti di un sito Plone hanno una propria personale bacheca daorganizzare in base alle proprie esigenze. Scopriamo come configurarla.Plone mette a disposizione dei riquadri dedicate a notizie, eventi,elementi recentemente modificati, ecc; sono collocati in areerettangolari di medie dimensioni chiamate "portlet" o "riquadri"appunto. Pensa ad una portlet come ad uno spazio dedicato ad un datotipo di contenuto. Per esempio, la portlet delle notizie offre unpanorama delle notizie recentemente pubblicate.Puoi controllare quali riquadri visualizzare nella tua bacheca("dashboard" in inglese), e dove posizionarli. La seguente raffigurazionemostra ciò che lutente Elizabeth Smith visualizza quando esegue il log-ine clicca sul suo nome in alto a destra per accedere alla sua areapersonale:La bacheca di un nuovo utente risulta vuota.
    • Cliccando sul tab (ovvero letichetta checontrassegna un pannello) Modifica dellabacheca, verrà mostrato che ci sono dei riquadrigià impostati -- la bacheca mostrata sopra risultavuota solo perché non sono ancora stati inseritidei contenuti nei riquadri. Questi sono i riquadridi default:Abbiamo i riquadri delle news e degli eventi nellacolonna di sinistra, a fianco quello dei contenutirecenti, nella colonna di destra il riquadro dellerecensioni. Alla terza colonna non è assegnatonessun riquadro.
    • Un nuovo utente, in un sito web Plone di base, avrà unabacheca come quella mostrata sopra, ma in un sito che è giàstato personalizzato con funzionalità aggiuntive, potrebberotrovarsi altri riquadri tra cui scegliere, e una bacheca puòapparire molto più ricca, con più riquadri nelle colonne. Peresempio, possono esserci dei riquadri per le condizionimeteorologiche, o per la teleborsa, o per il pensiero delgiorno, ecc., a seconda di ciò che è stato impostato nel sito(alcune funzioni potrebbero richiedere del softwareparticolare). Lutente può in genere sistemare i riquadricome desidera, scegliendo dove posizionarli allinterno dellecolonne.Nellaccount di un utente Plone di base, la bacheca quindiapparirà come quella mostrata sopra, ma potrà in seguitoessere popolata sempre di più man mano che vengonoaggiunti elementi, eventi e altri contenuti nel sito web.
    • 2. Aggiungere contenuti in Plone 4Popolare il tuo sito Plone è facilissimo: scoprile caratteristiche di ogni tipo di contenuto,come gestire la loro organizzazione eaggiungere metadati.
    • 2.1. Aggiungere nuovi contenutiPlone 4 ha a disposizione diversi tipi di contenuti.Scopriamo insieme come aggiungere nuovi contenuti inPlone 4 e che differenza cè tra luno e laltro. Per inserire dei nuovi elementi apri il menù a tendina Aggiungi...: Quando si aggiunge un nuovo elemento è necessario prima posizionarsi nella sezione del sito Plone dove si desidera che esso compaia, e successivamente agire tramite il menù a tendina Aggiungi.... Naturalmente è possibile tagliare, copiare e incollare i vari elementi da una sezione allaltra se necessario.
    • • Tipi di contenuto In Plone esistono diverse opzioni per caricare diversi Tipi di Contenuto. Ad esempio se desideriamo caricare unimmagine dovremo selezionare il tipo di contenuto Immagine. In questo capitolo affronteremo i principali contenuti che formeranno il nostro sito Plone 4, tranne il contenuto Collezione, che come vedremo in uno degli ultimi capitoli rappresenta un caso particolare, in quanto non è un semplice contenuto ma un raccoglitore con meccanismi particolari.• Collezione Le collezioni si usano per raggruppare e visualizzare contenuti in base ad una serie di criteri disponibili. Nel loro funzionamento le collezioni assomigliano quindi alle query di una base dati.• Evento LEvento è un tipo di contenuto simile ad una pagina ma specifico per la pubblicazione di informazioni legate ad un determinato evento, come ad esempio una conferenza, o semplicemente una festa di compleanno. Questo tipo di contenuto inoltre permette allutente di aggiungere levento al proprio calendario sul desktop nei formati iCal e vCal. Un evento può quindi essere aggiunto a Google Calendar, Outlook, Sunbird e altri ancora. Per aggiungere un singolo evento al calendario è sufficiente cliccare sui link vCal o iCal che si trovano di fianco alla scritta "Aggiungi levento al calendario".
    • Dalla versione Plone 3.3 in avanti è possibile aggiungere alproprio calendario tutti gli eventi di una cartella in una voltasola (al momento solo in formato iCal). Per scaricare il file iCalè necessario inserire @@ics_view alla fine dellURL dellacartella contenente gli eventi. Se ad esempio vogliamoscaricare scaricare tutti gli eventi presenti nella cartella eventinella root del nostro sito, lURL dovra essere simile a questo:http://miodominio.tld/eventi/@@ics_view. Non èattualmente previsto linserimento di link a questo calendarioiCal allinterno dellinterfaccia utente nelle future versioni.
    • • File Per File in Plone 4 si intende qualunque file binario che si desidera caricare affinché possa essere in seguito scaricato dai visitatori del sito. Gli esempi classici sono file PDF, Documenti di Word e fogli elettronici.• Cartella In Plone le cartelle funzionano in modo molto simile a quelle presenti su qualsiasi computer. Le cartelle possono essere utilizzate per organizzare contenuti e per dare al vostro sito Plone una struttura di navigazione.• Immagine Questo tipo di contenuto viene utilizzato per caricare immagini (formati JPG, GIF, PNG) cos da poterle poi inserire nelle pagine o in altri elementi simili.• Collegamento Da non confendersi con i collegamenti che si creano utilizzando gli editor di testo di Plone 4 (TinyMCE o Kupu), dato che si tratta in realtà di un vero e proprio oggetto. Il tipo di contenuto Collegamento viene spesso usato per includere un link ad un altro sito web nella Navigazione, ma ha anche altri utilizzi.• Notizia Questo tipo di contenuto è per caratteristiche simile allEvento, e si utilizza esclusivamente per pubblicare notizie. Ad esse è possibile aggiungere unimmagine che poi apparirà sotto forma di miniatura.• Pagina In Plone il tipo di contenuto Pagina è forse il più semplice tra quelli a disposizione. Da utilizzare per creare la maggior parte delle pagine web di un sito Plone. Nota: a seconda degli plugin aggiuntivi che avrete deciso di installare potrebbero apparire ulteriori opzioni allnterno del menù a tendina Aggiungi... . Per maggiori informazioni sui tipi di contenuto aggiuntivi fare riferimento a documentazioni specifiche.
    • TitoloIn Plone quasi tutti i tipi di contenuto hanno in comune due campi: Titolo e Descrizione.Nel campo Titolo dei vari oggetti (incluse cartelle, immagini, pagine, ecc...) potete inserirequello che volete ed usare qualsiasi carattere della tastiera, inclusi gli spazi. Il Titolodiventa parte integrante dellindirizzo web di ogni singolo elemento creato in Plone. Gliindirizzi web, o URL, vengono digitati in un browser web per accedere ad uno specificoelemento di un sito web; un esempio:www.miosito.com/about/personale/dario/biografiaoppurewww.miosito.com/immagini/farfalle/skipper/skipper-coda-lungaA differenza dei Titoli, le URL presentano delle restrizioni per quanto riguarda i caratteri datastiera utilizzabili: ad esempio gli spazi non sono ammessi. In questo senso Plone ci aiutaa mantenere le URL corrette sostituendo i caratteri non supportati, traformandolemaiuscole in minuscole, e convertendo gli spazi con i trattini.In Plone 4 la URL di ogni oggetto viene chiamata nome breve. Cliccando sul tastoRinomina sarà possible modificare sia il nome breve che il titolo.I campi possono variare a seconda del tipo di contenuto. Ad esempio il contenutoCollegamento presenta il campo URL invece che Titolo, mentre File presenta il campo File.DescrizioneIl campo Descrizione compare nella parte alta di una pagina, sotto il campo Titolo. Spessole Descrizioni vengono utilizzate unitamente a varie viste di Collezioni e Cartelle (come adesempio le viste Standard e Riassuntiva). La Descrizione di un tipo di contenuto appareanche nei risultati di ricerca effettuati con il motore di ricercanativo di Plone 4.
    • 2.2. Aggiungere nuove cartelleLaggiunta di cartelle rappresenta la modalitàbase con la quale controllare lorganizzazionedei contenuti in un sito web realizzato conPlone 4.Avrete sicuramente già creato cartelle(directory) allinterno del vostro computer. SuPC equipaggiati con Windows ci si imbattespesso in cartelle disposte in manieragerarchica allinterno delle unità C: o D:, oppureallinterno della cartella Documenti. Su Mac ealtri sistemi, le cartelle sono create e utilizzatein maniera piuttosto simile. Bene, le cartelle inPlone funzionano sostanzialmente nello stessomodo, con la differenza che sono createnellambito di un sito web, e lobiettivo è diorganizzare i contenuti nello storage system(sistema di immagazzinamento) di Plone.È possibile aggiungere nuove cartelle attraversoil menù Aggiungi (attenzione, dovete eseguire illog-in per poter vedere tale menù):
    • Dopo un click su Cartella avrete accesso a quantomostrato dalla seguente immagine:Riempite il campo Titolo, che è obbligatorio, comeindicato dal quadratino rosso. Il campo Descrizione,invece, è opzionale: avete sempre la possibilità diriempirlo in un secondo momento, se necessario.
    • Tenete tuttavia conto che le decrizioni sono utili quando il visitatoredel sito usa lo strumento di ricerca messo a disposizione da Plone: irisultati infatti mostrano titolo e descrizione di ogni elemento.Avrete anche notato, un po più sopra, alcune voci: il pannello Default,per inserire Titolo e Descrizione della cartella, Categorizzazione, perspecificare categorie da applicare alla cartella (precedentemente alposto del termine "categorie" veniva usato "keyword"), Date, perdefinire per quanto tempo la cartella debba essere visibile agli utentidel sito, Possessore, per specificare lutente creatore e/o icollaboratori che hanno contribuito alla realizzazione dei contenuti, edImpostazioni, per permettere la pubblicazione di commenti sulcontenuto della cartella e scegliere se esso debba comparire nel menùdi navigazione del sito. Queste schede sono standard allinterno diPlone e dunque le ritroverete ogni volta che avrete a che fare con uncontenuto.I tab qui descritti sono standard, li ritroverai quindi anche quandoclicchi su altri tipi di contenuti. Sarà compito di unaltra sezione diquesto manuale illustrare nel dettaglio il funzionamento di ognisingolo pannello.Quando hai terminato di lavorare sullelemento, assicurati sempre dicliccare su Salva, al fondo del pannello: solo così infatti la creazionedelle cartelle andrà a buon fine.
    • 2.3. Titoli e indirizzi web in Plone 4Gli elementi di un sito Plone possiedono un proprio indirizzo web univoco: Plone logenera in maniera automatica, ma puoi anche modificarlo manualmente.I titoli degli elementi, comprese le cartelle, le immagini, le pagine e quantaltro,non pongono vincoli al momento della loro composizione: nel definire un titolo,infatti, potete utilizzare tranquillamente tutti i caratteri della tastiera, spazi inclusi.Tuttavia, i titoli diventano parte integrante dellindirizzo web del vostro sito Plone.Gli indirizzi web, conosciuti anche come URL (da Universal Resource Locators),rappresentano ciò che voi digitate allinterno del vostro browser per raggiungereuna sezione specifica di un sito web, come: www.miosito.it/info/staff/antonio/bio www.miosito.it/immagini/farfalle/cavolaie/cavolaia-lunghe-aliQuesta tipologia di indirizzi, contrariamente ai titoli, presenta delle restrizionirelativamente ai caratteri utilizzabili e non ammette luso di spazi. Plone fa unottimo lavoro nel seguire queste restrizioni, generando indirizzi web ammissibili apartire da quello che voi scrivete nella composizione dei titoli, convertendo tutto inminuscolo e facendo uso di trattini al posto della punteggiatura.
    • A titolo di esempio, si considerino i due indirizzi web sopra citati. È possibileprodurre lelenco delle loro singole componenti:www.miosito.it/info/staff/antonio/bio^nome del sito ^ cartella di nome Info ^ cartella di nome Staff ^ cartella di nome Antonio ^ cartella di nome BioIn questo primo esempio non è stato necessario fare molto: Plone cambia inminuscolo tutti i nomi delle cartelle (come da Staff a staff). Non vipreoccupate dei dettagli: Plone gestisce gli indirizzi in maniera trasparenteed automatica, consentendo a voi di scrivere titoli in qualunque modovogliate.
    • Lindirizzo web del secondo esempio mostra come Plone si occupi della seccatura dellagestione di indirizzi complessi:www.miosito.it/immagini/farfalle/cavolaie/cavolaia-lunghe-ali^nome del sito ^ cartella di nome Immagini ^ cartella di nome Farfalle ^ cartella di nome Cavolaie ^ cartella di nome Cavolaia Lunghe-aliCome nel primo esempio, Plone si occupa di convertire i nomi di tutte le cartelle inminuscolo: lultima cartella fa eccezione, poiché il suo nome è composto da più di unaparola e contiene un trattino al suo interno. Tale trattino allinterno di "Cavolaia Lunghe-ali" è utilizzabile in un indirizzo web e dunque viene conservato: lo spazio presente vieneinvece convertito in un ulteriore trattino. Anche in questo caso le maiuscole (C e L)vengono convertite in minuscole. In questa fase è bene capire cosa Plone fa per voi, nontanto come lo faccia: vi basta sapere che se scrivete "Cavolaia Lunghe-ali", Plone sioccuperà di convertirlo in un indirizzo ammissibile. In gergo, quanto prodotto da Plone inquesta fase è indicato come "Nome breve" (short name) del contenuto: quandorinominate un contenuto potete leggerne il nome breve accanto al titolo.
    • 2.4. Aggiungere nuove immaginiAggiungere immagini emappe in un sito Plone èunoperazione importante,ma che potrebbe richiederequalche passo in più sulvostro pc. Ecco come fare.Quando volete aggiungereunimmagine, utilizzate ilmenù Aggiungi... allinternodella cartella (come sempre,vedrete il menù solo dopo illog-in):
    • Dopo un click su Immagine avrete accesso al pannello Aggiungi immagine:I campi Titolo e Descrizione sono presenti così come accadeva per le cartelle, mentrenella parte inferiore del pannello è presente un campo per il caricamento (lupload)dellimmagine. Passiamo a unanalisi individuale dei vari campi:• Titolo - Utilizzate tutti i caratteri che volete, compresi spazi e punteggiatura (Plonegestisce automaticamente la generazione di indirizzi web ammissibili, come abbiamovisto nel capitolo precedente);• Descrizione - È un campo opzionale, ma è sempre buona norma riempirlo;• Immagine - È composto da un campo di testo e dal pulsante Sfoglia. Non dovetescrivere nulla nel campo di testo, vi basta fare click sul pulsante per poter sfogliare lecartelle del vostro computer alla ricerca dellimmagine da pubblicare.
    • Per le immagini, dunque, dovete necessariamenteindicare dove si trova, sul vostro computer, il filegrafico da pubblicare; infine, fate click sul pulsanteSalva per avviare lupload del file. Dopo qualchesecondo di attesa (dipendente dalla velocità dellavostra connessione) Plone vi mostrerà limmagine, aindicare il corretto completamento delloperazione.In Plone 4, le immagini e i files che sono caricati suPlone hanno i loro ID (URL) basati sul titolo datoallimmagine (invece del nome originario del file). Dalmomento che il campo "titolo" non è obbligatorio, senon volete compilarlo, il nome dellelemento sarà lostesso del file originario.
    • 2.5. Aggiungere nuove pagineAggiungere nuove pagine web al tuo sito Plone èmolto semplice, potrai poi personalizzarle inmodo molto intuitivo grazie alleditor visuale.Per aggiungere unapagina, utilizzate il menùAggiungi... nellambito diuna cartella:
    • Selezionate la voce Pagina per accedere alpannello Aggiungi pagina, mostrato qui di seguito:
    • I campi Titolo e Descrizione sono posizionati nella parte superiore delpannello. È presente, in basso, anche il campo Commento allemodifiche, da utilizzare per inserire appunti e descrizioni dellemodifiche apportate al documento man mano che le realizzate: moltocomodo se state creando il contenuto in collaborazione con altrepersone.Al centro del pannello è posizionato il campo Testo del documento, incui si inserisce il contenuto testuale principale della pagina. Il softwareutilizzato nellambito di Plone per creare il contenuto delle pagine,chiamato genericamente visual editor, e nello specifico costituito dauno strumento chiamato TinyMCE, rappresenta la possibilità di scriveredel testo in modalità WYSIWYG (da What You See Is What You Get, "ciòche vedi è come apparirà il tuo documento"). Tale modalità descrivecome lavorano i moderni software per lelaborazione di testi: peresempio, nel momento in cui associate il grassetto a un carattere,vedete immediatamente applicate tali modifiche allinterno deldocumento; è Plone che si occupa di agire adeguatamente sul codiceHTML.Solitamente gli utenti trovano più naturale lapproccio WYSIWYG, chesarà descritto a fondo più avanti. Lamministratore del tuo sito potrebbeinoltre attivivare i cosiddetti linguaggi di markup per il tuo sito.
    • 2.6. Aggiungere nuovi fileAi siti Plone possono essere aggiunti in uploaddiversi tipi di file, tra cui PDF, Documenti Word,database, file zippati e altri ancora. Per aggiungere un file allinterno di una cartella, fai clic su File nel menù Aggiungi...:
    • Vedrai comparire il pannello Aggiungi file:Fai clic sul pulsante Sfoglia per navigare fino al file che vuoi caricare dal tuo computer. Scegliun titolo (volendo, puoi usare lo stesso nome del file usato sul tuo computer: se non inseriscinessun titolo ciò avverrà in automatico). Se lo desideri, inserisci anche la descrizione. Quandoclicchi il pulsante Salva il file sarà aggiunto alla cartella.Le tipologie di file che possono essere caricati nel tuo sito possono includere PDF, DocumentiWord, database, file zippati... - praticamente qualunque cosa. I file in un sito web Plone sonoconsiderati solo come file e sono inseriti nelle liste di contenuti delle cartelle, ma non ci sarànessun tipo di visualizzazione particolare. Appariranno con il loro nome e saranno disponibiliper il download cliccandoci sopra.Ci sono strumenti specifici per laggiunta di file nei siti web Plone che ricercano i contenuti deifile. Se sei interessato a questa funzionalità chiedi allamministratore del tuo sito web Plone.
    • 2.7. Aggiungere nuovi collegamenti Per i collegamenti è importante avere dei Oltre ai link esterni ed buoni titoli, perché saranno visualizzati in interni che si possono liste, inoltre ci può essere un numero aggiungere nei contenuti, è possibile piuttosto grande di link elencati in una inserire collegamenti cartella. Incolla lindirizzo web nel campo sotto forma di piccoli URL oppure scrivilo al suo interno. In questa elementi di sezione non cè la possibilità di anteprima, contenuto. Per aggiungere un quindi sarebbe meglio incollare direttamente Collegamento fai clic lindirizzo web dalla finestra browser in cui sul menu Aggiungi...: stai visualizzando il target per il link.Comparirà il pannello Aggiungi Collegamento:
    • Funzionamento delloggetto-collegamentoUn oggetto-collegamento funzionerà con queste modalità, aseconda dei permessi che avete e del fatto che siate loggati o meno:• Se siete autorizzati a modificare loggetto collegamento, quandofate clic su quelloggetto collegamento sarete condotti direttamentealloggetto stesso, in modo tale che possiate modificarlo (inalternativa verreste portati alla destinazione del link e non potrestemai accedere al pannello di modifica!)• Se invece non siete autorizzati a modificare loggetto, quando fateclic sulloggetto collegamento sarete portati alla destinazionedelloggetto collegamento. Allo stesso modo, se digitate lindirizzoweb delloggetto collegamento direttamente nel vostro browser,sarete portati direttamente alla destinazione del link. Loggettocollegamento in questo caso si comporta come un redirect.
    • 2.8. Aggiungere nuovi eventiI siti Plone hanno un sistema al lorointerno per gestire e visualizzare glieventi presenti a calendario. Crea i tuoiappuntamenti con tutti i dati utili. Usate il menù Aggiungi... per creare un evento:
    • Apparirà il pannello Aggiungi evento: Partendo dallalto, sono presenti i seguenti campi:• Titolo dellevento (obbligatorio)• Descrizione dellevento• Luogo in cui si terrà levento• Inizio dellevento (obbligatorio)• Termine dellevento (obbligatorio)• Testo dellannuncio (pannello di editor visuale)• Partecipanti• Tipo di evento• URL dellevento• Nome contatto• Indirizzo di posta elettronica per contatti• Telefono contatto• Commento alle modifiche
    • Notare che solo tre campi (Titolo, Inizio e Termine evento)sono obbligatori. Quindi nonostante questo sia un pannellodi input piuttosto vasto, se avete fretta inserite solo il titolo,i tempi di inizio e fine e salva. Ovviamente sarebbe meglioinserire anche le altre informazioni.Una parte del pannello ha bisogno di un minimo dispiegazione in più: i tempi di inizio e finedellappuntamento. Lanno, il mese, il giorno e altri campisono semplici menù a scorrimento. Ma per il giorno, spessonon lo si ricorda con esattezza e cè bisogno di consultareun calendario. Esiste un calendario pop-up manuale cheoffre un modo alternativo per selezionare il giorno. Secliccate su una delle piccole icone calendario adiacenti almenù di scorrimento del giorno
    • vedrete comparire questo calendario pop-upBasta cliccare sul giorno e sarà impostato. Compilate i campi deiquali avete qualche informazione e salvate lappuntamento, maricordate che lappuntamento non verrà visualizzato sul calendarioprincipale del sito web finché non sarà pubblicato.
    • 2.9. Aggiungere nuove notiziePubblica notizie e articoli sul tuo sito Plone 4:potrai presentarli con unimmagine e tenere i tuoivisitatori sempre aggiornati sulle ultime novità. Servitevi del menù Aggiungi... per aggiungere una notizia:
    • Vedrete così comparire ilpannello Aggiungi Notizia:I campi standard che sonovisualizzabili allinterno del pannellosono Titolo, Descrizione e Commentoalle modifiche, assieme ad unarea dieditor visuale per il testo deldocumento e i campi Immagine eDidascalia immagine. Potete esserecreativi quanto volete nellarea Testodel documento; potete inoltre usare lafunzione di inserimento immagine peraggiungere tutte le illustrazioni chedesiderate far apparire nel vostroarticolo. Le immagini sarannoridimensionate e caricateautomaticamente, e aggiunte nellacartella in cui si sta creando la notizia.IMPORTANTE: Le notizie non sarannovisibili sul sito principale nella sezionenotizie o sul portale delle notiziefinché non saranno pubblicate.
    • 2.10. Impostare le proprietà baseI pannelli corrispondenti ai tab di ogni elemento hanno dei campi per leinformazioni base. È importante aggiungere metadati ai tuoi contenuti,scopri come.Quando un utente, con i permessi necessari, clicca su un elemento dicontenuto, viene mostrata una serie di pannelli dispostaorizzontalmente in alto, grazie ai quali si possono impostare leproprietà di base:I pannelli di base delle proprietà sono: • Default (Predefinito): viene visualizzato il pannello per linserimento dei dati principali dellelemento • Categorizzazione: viene visualizzato un pannello che permette di creare e impostare le categorie (parole chiave) per lelemento • Date: viene visualizzata la data di pubblicazione e di scadenza dellelemento • Possessore: viene visualizzato un pannello che permette di inserire informazioni sui creatori e sui collaboratori, e ogni informazione sul copyright dellelemento. • Impostazioni: viene visualizzato un piccolo tab che permette di impostare se lelemento apparirà o meno nei menù di navigazione e se è possibile inserire commenti o meno sullelemento.
    • I campi di input contenuti allinterno diquesti pannelli ricoprono informazioni base di descrizione chiamatemetadati. Un metadato èanche chiamato "dato di un dato". Plone usa imetadati in diversi modi. Questo è il pannello di Categorizzazionemostrato per una pagina (sarà lo stesso per altri tipi di contenuto):Nota: le categorie eranoprecedentemente chiamate"parole chiave" in Plone, fino allaversione 3.0.
    • • Il campo di input principale del pannello serve a specificare le categorie. Per crearne di nuove è sufficiente inserire parole o frasi, una per linea, nel riquadro Nuove categorie. Quando si salva, le nuove categorie saranno create allinterno del sistema di categorie del sito Plone e questo elemento di contenuto sarà archiviato sotto di esse. Se modificate nuovamente questo o qualunque altro elemento, le nuove categorie che avevato inserito saranno mostrate sotto la voce Categorie esistenti.• Il campo Elementi correlati vi permette di creare link tra diversi elementi, che appariranno come link al fondo, quando lelemento viene normalmente visualizzato. Ciò è utile quando non si vogliono usare categorie esplicite per connettere contenuti.• Il campo Località è una funzione di geolocalizzazione: essa si rivela particolarmente utile con i sistemi di mappazione, ma anche per unarchiviazione generale.• Lopzione della Lingua normalmente è legata alla lingua utilizzata di default nel sito, ma nei siti multilingue è possibile impostare diverse lingue per i contenuti.• Il tab Date fornisce campi in cui inserire le date pubblicazione e la scadenza, quindi volendo si possono impostare le date effettive di inizio e fine della pubblicazione del contenuto:
    • Nel pannello Possessorepotete notare tre campi liberi per inserire i creatori, icollaboratori e informazioni sul copyright o diritti di proprietà del contenuto:
    • Il pannello Impostazioni fornisce dei campi che possonoleggermente variare tra diversi tipi di contenuto, masolitamente sono presenti campi di input che controllanose gli elementi appaiano o meno nella navigazione, o sesono consentiti commenti o altri controlli di questo tipo:
    • • Raccomandazioni Anche se non è necessario inserire tutte le informazioni previste da questi pannelli, è una buona abitudine farlo. Fornire dati sul Possessore è importante in situazioni in cui nella creazione del contenuto sono coinvolte più persone, in particolar modo se ci sono più creatori e collaboratori che lavorano in gruppo. Non è sempre necessario compilare i campi come le date di pubblicazione e di scadenza, lingua e copyright, ma questi dati dovrebbero sempre essere specificati quando sono utili. Un CMS (Content Management System) può funzionare bene solo se i dati sono sufficientemente completi. Specificare le categorie richiede attenzione, ma se si riesce ad entrare nellottica, e ci si impegna con zelo nel processo di creazione di un significativo set di categorie, lo sforzo è ricompensato da grandi vantaggi. Il profitto si noterà nelluso della ricerca di contenuti e di altri strumenti di Plone che lavorano attraverso la categorizzazione. Lo stesso vale per limpostazione di elementi correlati. Sarete presto capace di metterci le mani per ottenere esattamente ciò di cui avete bisogno, e potrete scoprire e usare utili relazioni allinterno del contenuto del vostro sito internet.• Esposizione delle proprietà dei metadati come metatag nel codice HTML A partire da Plone 4, in Configurazione del sito → Sito, è comparsa una casella selezionabile che espone le proprietà dei metadati secondo il sistema Dublin Core. Selezionando questo riquadro saranno esposti il titolo, la descrizione e altri metadati come metatags allinterno della sezione <head> del codice HTML. Ecco un esempio <meta content="short description" name="DC.description" /> <meta content="short description" name="description" /> <meta content="text/html" name="DC.format" /> <meta content="Page" name="DC.type" /> <meta content="admin" name="DC.creator" /> <meta content="2009-11-27 17:04:03" name="DC.date.modified" /> <meta content="2009-11-27 17:04:02" name="DC.date.created" /> <meta content="en" name="DC.language" />a Il generatore verificherà e rispetterà le impostazioni allowAnonymousViewAbout e interesserà le proprietà Creatore, Collaboratori ed Editore. Per ulteriori informazioni, vi invito ad approfondire la conoscenza di Dublin Core e dei Metatags HTML.
    • 2.11. Limitare i tipi di contenuto in una cartellaPersonalizza le tue cartelle: è possibile limitare i tipi di contenuto chepossono essere aggiunti a una cartella, con pochi semplici passi.La riduzione dei generi di documenti inseribili in una cartella è la manierapiù semplice per controllare la creazione di contenuti su un sito web Plone.Potreste voler limitare i tipi di contenuto da inserire, se sul sito lavorerannopiù persone. In questo modo si possono attuare buone ed utili pratiche, adesempio aggiungere solo immagini nella cartella delle immagini. Per prima cosa, selezionate Restrizioni..., che è lultima voce nel menù Aggiungi...:
    • Esistono tre possibilità per limitare i tipi di documenti nella cartella:La prima opzione permette di aggiungere i tipi di contenuto standard per lacartella in cui si sta lavorando. La seconda scelta invece consente dispecificare manualmente i tipi di contenuto ammessi, selezionabiliallinterno di una lista:
    • I tipi classificati sotto Tipi consentiti sono quelli disponibili sul sito web. Come potete notarenellimmagine, lopzione predefinita è permettere tutti i tipi, tuttavia si possono selezionaree deselezionare le varie scelte come si desidera, creando la combinazione migliore in basealle proprie esigenze. I tipi permessi possono quindi essere spostati dentro e fuori dallacartella.Per esempio, molti utenti Plone preferiscono salvare le immagini in ununica cartella anzichéspargerle in cartelle diverse; può essere creata una cartella "immagini" impostando questotipo di contenuto come unico tipo permesso. Allo stesso modo si potrebbe desiderare cheallinterno dellla cartella "Eventi dellAzienda" contenga solo contenuti del tipo "evento": seimpostato in questo modo, i creatori di contenuti (o un singolo proprietario del sito web) sitrovano obbligati a seguire questo schema di restrizioni.Per avere un controllo più dettagliato si può sfruttare il campo Tipi supplementari. I tipi dicontenuto selezionati saranno presenti nel sottomenù Altri..., invece che nel menùprincipale. Questo torna utile quando si vuole segnalare che i tipi selezionati qui non sonoquelli più indicati per la cartella, ma che sono comunque consentiti se servono. Può essereinfatti utile un po più di flessibilità, ad esempio per le immagini: selezionando il tipo"immagini" dalla lista dei Tipi supplementari della cartella "Eventi dellAzienda", le immaginipossono essere aggiunte se cè effettivo bisogno, usando il sottomenù Altri... che appariràquando è in funzione questo meccanismo.Alcuni preferiscono un mix di contenuti eterogeneo allinterno del sito web, senza restrizioni.Altri preferiscono un approccio più rigido e controllato, che prevede la limitazione dei tipi didocumenti in uno schema organizzativo piuttosto che in un altro. Plone è caratterizzato dauna flessibilità sufficiente a supportare una varietà di progetti diversi.
    • 3. Gestire i contenuti in Plone 4Tramite il tab dei contenuti puoi organizzare ivari elementi di una cartella (copiare, tagliare,incollare, rinominare, gestire gli stati...).
    • 3.1. Tagliare, copiare e incollare gli elementiLe operazioni di taglia, copia eincolla consistono nello spostareuno o più elementi da una cartellaallaltra. Scopriamo come fare inpochi click.Taglia/IncollaSuccede frequentemente di doverspostare un elemento da unarea adunaltra in un sito web. Altrettantospesso capita che un documento sitrovi nella cartella sbagliata. Peresempio, se lautore della seguentecartella Benvenuti in Plone 4 siaccorge che ha erroneamenteincluso la sottocartellaCollaboratori, tale sottocartella puòessere agevolmente rimossa con unoperazione di taglia e incolla:
    • Potete notare che la cartella Collaboratori è stata spuntata, ed è statocliccato il pulsante Taglia. Di seguito comparirà sullo schermo un nuovopulsante Incolla. La cartella Collaboratori e tutto il suo contenuto sonoora depositati nella "memoria" del sito; la cartella comunque nonsparisce immediatamente dallo schermo, in attesa delleffettivocompimento delloperazione Incolla, e il relativo pulsante è oraevidenziato per segnalare lo svolgimento delloperazione.
    • Il pulsante Incolla ora è attivo. Il prossimo passo da eseguire èraggiungere la cartella di destinazione, nel caso dellesempio quellatitolata Cosa cè di nuovo in Plone 4?Dopo aver cliccato sulla cartella Cosa cè di nuovo in Plone 4?,continuerà ad apparire il pulsante Incolla, perché loperazione non èancora stata completata. A questo punto si può cliccare sul pulsanteIncolla e la cartella Collaboratori sarà aggiunta nella cartella correttaCosa cè di nuovo in Plone 4?, la sua destinazione finale, mentre èstata eliminata dalla erronea collocazione precedente.
    • Ora loperazione di taglia e incolla è completata:Il pulsante Incolla rimane tuttavia attivo, perché potreste decidere di volerincollare la stessa cartella anche in un altro luogo, per esempio se avete necessitàdi copiare un modello o un documento base in diverse cartelle.Copia/IncollaUnoperazione di copia e incolla è identica a una di taglia e incolla, con ladifferenza che la cartella che viene selezionata non viene eliminata dal luogo diorigine. Quindi, al termine delloperazione sarà presente sia nel luogo iniziale sia inquello (o quelli) di destinazione.
    • 3.2. Modificare i contenutiModificare un contenuto e aggiungere un contenuto in Plone 4 sonoazioni molto simili. Potrai aggiornare il tuo sito con semplicità, quando edove vuoi.Quando si modifica un contenuto, ovviamente, il documento su cuioperare già esiste. Se si clicca sul pannello Modifica, si vedrà comparirà laschermata per linserimento dei dati, contenente le informazioni giàesistenti riguardanti i contenuti del documento.Loperazione Modifica assomiglia molto alloperazione Aggiungi: vediamopasso passo un esempio di come si può modificare una cartella.Il pannello Modifica mostra le aree in cui si inseriscono il titolo e ladescrizione di una cartella. Spesso non si desidera scrivere unadescrizione per una cartella, quindi il titolo può essere lunico elementopresente, ed è obbligatorio inserirlo (come indicato dal quadratino rosso).Se al contrario si desidera inserire anche la descrizione, che è una buonaabitudine perché permette di distinguere le diverse cartelle in una lista,sappiate che tale descrizione può contenere solo testo: non cè lapossibilità di decidere lo stile del testo, come grassetto, corsivo, o altreopzioni. La descrizione di un contenuto Plone si presenta così nel modopiù semplice possibile.
    • Questa è la schermata di Modifica di una cartella, in questocaso della cartella Cosa cè di nuovo in Plone 4?:È possibile modificare ciò che si desidera e confermare (cliccando su Salva); ilcontenuto dellelemento selezionato verrà aggiornato nel sistema diimmagazzinamento di Plone. I contenuti possono essere cambiati ripetutamente, nellostesso modo in cui si possono ripetutamente modificare i documenti del tuo computer.Plone immagazzina i contenuti come entità separate, come i file di un computer, maquesto non è il modo migliore per immaginarsi il suo funzionamento. Plone è unContent Management System, quindi un sistema di gestione dei contenuti, in cui ognidocumento è costituito da numerosi elementi che possono essere separatamentemodificati, fino al cuore del suo contenuto.
    • Per fare un esempio dimodifica di un contenuto,leggermente diversodalloperazione Aggiungivista prima, si può analizzareil processo di modifica diunimmagine. Per cambiareunimmagine si raggiungeuna figura e si clicca sulpulsante Modifica. Appariràuna schermata simile aquesta:Si possono cambiare il titolo e ladescrizione, come visto prima; inquesto caso normalmente simantiene limpostazione Mantienilimmagine corrente. Si può anchecambiare limmagine stessascegliendo lopzione Sostituiscicon la nuova immagine.
    • Inoltre, esiste anche il pannello Trasforma, in alto, di fianco alpannello Modifica, che riguarda specificamente le immagini eoffre una serie di opzioni per modificarle:Rispetto alloperazione di aggiunta, modificare unimmagine è leggermentedifferente, ma non molto. Le schermate che consentono di modificare i contenutisono generalmente uguali a quelle per laggiunta.
    • Inline Editing (Modifica veloce)La procedura classica per procedere alla modifica di un contenuto è fare clic sulpannello Modifica e compilare i singoli campi con le informazioni. Esiste un modoveloce di apportare modifiche a quei campi che prevedono solo testo, comeTitolo, Descrizione, Corpo del Testo e simili. Si chiama inline editing e si usa nellostesso tempo in cui si sta visualizzando un testo (è attivo il pannello Visualizza),ma per modificarlo è necessario che lutente sia autorizzato ad apportarecambiamenti e che abbia effettuato lidentificazione (Log-in).Nel momento in cui ilcursore passa sopra partidi testo modificabile, unsottile riquadro ne tracciail contorno. Nella seguentefigura, il cursore non sitrova sopra parti di testomodificabile, quindi sivedono il titolo ed il testoprincipale come appaiononormalmente:
    • Tuttavia, nel momento in cui il cursore vieneposizionato sopra il corpo del testo, un riquadro locirconda, rendendolo modificabile:
    • Infatti, se provate a fare clic allinterno del riquadro, apparirà ilpannello di editor di testo:Una volta che avrete cambiato o aggiuntoal testo ciò che desiderate, dovrete salvarele modifiche per poter tornare allanormale visualizzazione. Con questaprocedura si possono apportare modifichein maniera rapida, impiegando pochi click emeno tempo di attesa; la procedurastandard invece è più complessa e quindipiù lunga, in quanto prevede di scegliere iltab Modifica e raggiungere la schermataintera, dalla quale si potranno svolgeretutte le operazioni di revisione dellapagina.Il tasto Annulla vi permette di tornare allamodalità visualizzazione senza salvare lemodifiche che avete apportato: si tratta diuna funzionalità molto comoda nelmomento in cui vi doveste accorgere dinon aver bisogno di cambiare il contenutooriginario della pagina.
    • Anche il titolo è modificabile nello stesso modo: èsufficiente posizionarvi sopra il cursore per vederecomparire un box come il precedente:
    • Facendo clic allinterno del riquadro che racchiude iltitolo si attiverà un campo molto semplice, dal qualesarà possibile modificare e salvare:Cambiate iltitolo e salvate.I vantaggi e lavelocitàdellinlineediting sonoapprezzabilisoprattutto conun elementosemplice comeil titolo.
    • 3.3. Visualizzare le cartelleLe cartelle sono fornite di un tab Vista che controlla idiversi modi in cui possono essere elencate. Scegli lavisualizzazione più adatta al tuo scopo.Nella maggior parte dei casi, se si desidera cambiarecome appaiono alcuni elementi, si modificadirettamente il contenuto. Ma le cartelle sono unaspecie a sé. Essendo contenitori di altri elementi, lecartelle possono mostrare ciò che contengono in unavarietà di modi differenti. In questa sezionepresenteremo ogni opzione.
    • Si consideri uno scenario in cui un appassionato di Plone si èconnesso al suo sito web per lavorare sulla parte dedicataalle caratteristiche di Plone 4. Admin (questo il suo nome)raggiunge quindi la cartella "Cosa cè di nuovo in Plone 4?"cliccando sui pannelli presenti nella parte superiore dellapagina del sito, oppure scorrendo il menù di navigazione,che si trova sulla sinistra nellimpostazione originale del suosito Plone. Quando clicca sulla cartella "Cosa cè di nuovo inPlone 4?" appare la visualizzazione standard della cartella:
    • Il tab Vista presenta la maniera in cui la cartella vienemostrata ad un visitatore anonimo. Clicca il tabVisualizza ogni qual volta desideri vedere come appareun contenuto dopo aver apportato delle modifiche.Quando si tratta di cartelle, verrà mostrata una listadegli elementi che contiene. La visualizzazione didefault è chiamata "Standard":
    • Questa è invece è la visualizzazione "riassuntiva":
    • E ancora, una visualizzazione "tabellare":
    • ... E infine la visualizzazione "provini", utile soprattutto per le fotografie, ma funzionale anche per altri elementi: Creare un album fotografico è facile. Basta aggiungere le foto (immagini, o files di immagine, il formato più comune è .jpg) ad una cartella e scegliere la visualizzazione "provini". La visualizzazione si aggiornerà automaticamente man mano che le foto vengono aggiunte alla cartella, presentando una divisione su più pagine delle immagini, se necessario, man mano che il loro numero cresce. Se si stanno caricando le immagini da una macchina fotografica digitale o da uno scanner, conviene probabilmente controllare la loro dimensione e sceglierne una adatta, lavorando a questo scopo sul proprio computer, prima di caricarle sul sito, perché altrimenti normalmente occupano troppo spazio.
    • Impostare un singolo elemento come visualizzazione per una cartella La normale lista di elementi contenuti da una cartella è adatta a rappresentare il modo in cui generalmente pensiamo alle cartelle -- come contenitori di elementi -- ma Plone offre anche uninteressante possibilità per impostare la visualizzazione di una cartella in modo che essa mostri solo uno dei singoli elementi contenuti. Ciò è possibile grazie a come Plone aggiorna automaticamente il menù di navigazione man mano che le cartelle vengono create (quindi, non appena una cartella viene creata, viene anche automaticamente visualizzata nel menù di navigazione). Possiamo immaginare diversi scenari in cui questo tipo di visualizzazione personalizzata può essere utile:
    • • Immaginiamo di voler creare una gerarchia di pagine web, composte da testi e i link ad altre pagine. Questo è un caso in cui il designer della pagina web probabilmente desidera avere la possibilità di controllare come appaiono le pagine e i vari link, magari desidera che questi siano organizzati in una tabella o visualizzati come icone con un particolare disegno grafico. Può quindi creare una pagina web personalizzata che contenga tutti i link ad altre pagine web, aggiungerla in una cartella e poi selezionare lopzione Scegli un elemento come vista predefinita per la pagina creata, così da impostarla appunto come visualizzazione della cartella. Il menù Vista è uno dei menù base riguardanti una cartella (è mostrato in tutte le immagini precedenti). La visualizzazione standard della cartella verrà quindi annullata, e quando si cliccherà sulla cartella nel menù di navigazione, apparirà la pagina creata prima con i link alle altre pagine web. Tutta questa spiegazione può sembrare un po scoraggiante, ma chi si è trovato a creare gerarchie di pagine web piuttosto complicate apprezza la funzionalità di questa possibilità, grazie alla praticità dei sistemi di navigazione dei siti web Plone. Una pagina web personalizzata per la visualizzazione di una cartella può avere una grafica elaborata, oppure può essere una semplice descrizione di solo testo con istruzioni su come usare il menù di navigazione.• Unaltra situazione in cui questa funzione può essere utile è il caso in cui si abbia una cartella contenente documenti che vengono aggiornati periodicamente. Potrebbero quindi esistere venti versioni del documento nella cartella, ma solo uno è aggiornato e attuale. La visualizzazione della cartella potrebbe essere stata impostata per mostrare la prima versione del documento, la prima ad essere stata creata. Ma, man mano che gli aggiornamenti vengono inseriti, la cartella viene reimpostata ogni volta sul nuovo documento, mantenendo quello vecchio in consultazione per chi vi fosse interessato, ma impostato come elemento privato, che non compare nel menù base.
    • Questa duplice natura delle cartelle Plone, che possono costituire un generico contenitoreoppure punti navigazione in una gerarchia, permette di gestire il sito con molta flessibilitàe libertà di movimento. Man mano che il sito viene creato, le cartelle nascono secondo losviluppo delle esigenze del lavoro. I file, le immagini, le pagine web già esistenti vengonocaricati o nuovamente creati in cartelle direttamente nel sito web. La praticità del sistemasta nel fatto che limmagazzinamento dei contenuti avviene in simultanea con il processodi formazione del sito, proprio come se aggiungeste ed organizzaste dei file sul vostrocomputer senza stare troppo a pensarci su. Senza accorgervene, avrete così un vastosistema di cartelle sistemate in una gerarchia, che conterranno ogni sorta di documenti.Così è formato un sito web Plone, dopo tutto è un content management system, unsistema di gestione di contenuti appunto. Una singola cartella può contenere ogni generedi vecchie pagine, di dati, o documenti, o file grafici originali, ecc., ma se la visualizzazionedella cartella è impostata su una singola pagina tra il mucchio di quelle esistenti, tutte lealtre non verranno mostrate agli utenti che navigano sul sito, ma saranno disponibiliquando, ad esempio, a distanza di un anno ci si chiede: "Dove avrò messo la versioneoriginale di Adobe Illustrator di quella grafica?", e sarà possibile rispondere: "Oh, sì, è inquella cartella con tutta quellaltra roba su quel progetto". Questo modo di lavorare --sfruttare i vantaggi offerti dal sistema di immagazzinamento di Plone -- diventa moltoimportante quando più persone condividono laccesso alle cartelle di un sito web elavorano assieme, ma può essere utile anche per chi gestisce da solo il proprio sito.La flessibilità di Plone è un punto fondamentale nel content management system.A seguire, prendiamo in esame il tab dei Contenuti per comprendere importanti funzioniper gestirli.
    • 3.4. Contenuto delle cartelleIl tab Contenuti mostra una lista deglielementi presenti nella cartella. Puoi eseguiresemplici azioni come taglia, copia, incolla,rinomina e riordina.Il tab Contenuti per le cartelle è molto simile aisistemi di "Gestione risorse" o "My Computer"dei desktop di Windows o Linux e il "Finder" inMac OS X, che funzionano in modo simile.
    • Cliccando sul tab Contenuti di una cartella, come per esempio lacartella "Cosa cè di nuovo in Plone 4?" qui sotto, appare laschermata desiderata:È facile riconoscere laschermata dei Contenuti,grazie alle caselle poste asinistra, attraverso le qualisi possono selezionare edeselezionare gli elementi(uno o più alla volta) inelenco, o svolgereoperazioni come taglia,copia, rinomina, elimina,oppure cambia stato.Plone dispone di una memoria Appunti per le operazioni di copia e taglia. Nel momento incui si selezionano uno o più elementi e si preme una delle opzioni di copia o taglia,comparirà anche lopzione Incolla. Una volta aperta una nuova cartella, sarà quindipossibile incollarvi gli elementi precedentemente copiati o tagliati. Se si opta perloperazione Taglia, tutto ciò che è selezionato rimarrà nella cartella dorigine, senzascomparire, fino a quando non saranno incollati altrove.
    • Quando si sceglie loperazione Rinomina, comparirà una schermata in cui èpossibile inserire titolo e denominazione che comparirà nellURL dellelemento. Ladistinzione tra questi due nominativi diventa chiara e facilmente comprensibile soloquando si esegue loperazione di Rinomina, dato che Plone nella maggior parte deisiti web crea automaticamente la denominazione dellelemento partendo dal titoloche gli è stato dato. Ma se si rinomina un elemento appaiono appunto entrambe, inmodo da poterle cambiare tutte e due. Si consideri lesempio seguente: Se si vuole cambiare il titolo in "Nuove caratteristiche di Plone 4", bisognerebbe cambiare anche il nome breve in "nuove-caratteristiche-di-plone-4". Il nome breve apparirà nellURL, in maniera tale da mantenere coerenza e ordine rispetto alle attuali caratteristiche date allelemento.Notate che la denominazione per lURL non dovrebbe contenere spazi, per cui verrà usato iltrattino lungo ogni volta in cui si vorrà indicare la presenza di uno spazio nel titolo, mentreper il resto si tratterà di una copia esatta del titolo. Inoltre, si devono usare solo lettereminuscole per la denominazione . Si può anche consultare la sezione "Titoli e indirizzi web"per una descrizione di come Plone si comporta con gli indirizzi web e le denominazioni deglielementi.
    • Loperazione Elimina è molto semplice: basta selezionare uno opiù elementi e di seguito premere Elimina, così gli elementiverranno eliminati.Loperazione Cambia stato offre invece la possibilità dimodificare lo stato di pubblicazione di uno o più contenuti dellacartella. Nellesempio seguente, viene modificato lo stato dipubblicazione di una cartella dal titolo "Caratteristiche di Plone4". Selezionando lopzione "Includi gli elementi della cartella"("Include Folder Items") le operazioni di Cambia stato avrannoeffetto su tutti gli elementi contenuti nella cartella. Nondimenticare che ciò si può fare anche con tre cartelle alla volta,includendo tutti gli elementi ed eventualmente le sottocartellecontenute in esse, così che con uno o due veloci passi sipossono pubblicare, rendere privati, ecc., tutti i contenuti che sidesidera.Oltre alle semplici operazioni descritte, si possono riordinarefacilmente i contenuti grazie alluso del mouse, come vienedescritto nel prossimo capitolo.
    • 3.5. Riordinare gli elementiIl tab Contenuti contiene delle funzioni che permettono di riordinare inmodo preciso e veloce gli elementi di una cartella e svolgere altreoperazioni.Consideriamo la seguente cartella, chiamata "Cosa cè di nuovo in Plone4?" e contenente informazioni sulle nuove caratteristiche di Plone 4.Spesso, nel momento in cui aggiungiamo degli elementi, inizialmente nonsiamo attenti al loro ordine, anche se vorremmo che ne avessero uno. Spesso non è quello alfabetico, maponiamo il caso in cui sia così, e notiamo che nellesempio sottostante gli elementi contenuti nella cartella non sono ordinati alfabeticamente:
    • Per spostare il secondo elemento in cima alla lista, sipuò fare clic nella colonna Ordine, la prima sulla sinistra(che contiene simboli composti da punti) e trascinare lariga nella posizione desiderata:
    • Si possono trascinare e rilasciare elementi tenendocliccato il mouse mentre si sposta lelemento stesso,che durante questa operazione diventa giallo:
    • Quando si smette di premere il pulsante del mouse,lelemento rimane dove è stato rilasciato:
    • 3.6. Link precedente - successivoAttraverso il tab Impostazioni (Settings) è possibile attivareautomaticamente dei link per giungere ad elementiprecedenti o successivi in una cartella.Allinterno del pannello Modifica di una cartella, potetetrovare il pannello Impostazioni ("Settings"). Trovate quiunopzione con cui attivare o disattivare la navigazione adelementi precedenti o successivi della cartella:
    • Quando questa funzione è attiva, man mano che nuovicontenuti vengono aggiunti nella cartella, vengonoautomaticamente aggiornati i collegamenti relativi aglielementi precedenti e successivi:Nella cartella "Cosa cè di nuovo in Plone 4?" dellesempio sonostate create tre pagine, ed è stata cliccata la Pagina 2, titolata "Èuscita la nuova release di Plone" e in questo caso priva di testa. Alfondo della pagina in corso si trovano i due link alla Precedente:Caratteristiche di Plone 4, e alla Successiva: Logo di Plone.
    • 3.7. Eliminare gli elementiGli elementi di una cartella, se non servono più, possono essereeliminati con facilità, anche più elementi contemporaneamente.A volte si ha bisogno di eliminare un elemento contenuto in unacartella, spesso per sostituirlo con una versione più aggiornata, osemplicemente perché non serve più. Nellesempio, poniamo cheallinterno della cartella "Cosa cè di nuovo in Plone 4?" non ci servapiù limmagine del "Logo di Plone": invece di tagliare lelemento eincollarlo altrove, lo si può eliminare:
    • Nellesempio precedente, il file "Logo diPlone" sta per essere eliminato.Possono essere eliminate intere cartelle, amaggior ragione bisogna quindi fareattenzione quando si svolgono operazioni diquesto tipo: ma ciò vale in generale quandosi lavora con un computer, quindi siamo giàabituati ad effettuare un ultimo controlloquando intendiamo cancellare qualcosa.
    • 3.8. Locking e unlocking (blocco e sblocco) automaticoTramite un messaggio Plone ti informa se un documento è stato bloccato, da chi equanto tempo fa - in questo modo saprai se qualcun altro ci sta lavorando.Quando si clicca sul tab Modifica, lelemento diventa immediatamente "bloccato"(locked). Nellesempio seguente, Utente ha iniziato a rimaneggiare la cartella"Cosa cè di nuovo in Plone 4?". Se Admin (ha anchegli il permesso di modificarequel documento) nel mentre lo visualizza, gli apparirà questo: Quando Utente finisce di lavorare sul documento e lo salva, questo si sblocca automaticamente e sarà possibile per altri membri modificarlo (ovviamente a patto che essi siano autorizzati a farlo). Se però Admin si accorge che Utente non sta più effettivamente lavorando sul documento (per esempio notando che è stato bloccato molti giorni prima), può forzarne lo "sblocco" (unlock), in modo da poterci lavorare.
    • 3.9. Il versioning di un elemento Con Plone 4 è possibile visualizzare la storia di un elemento, comparare le varie versioni esistenti, visionare quelle antecedenti e ripristinarle. Creare una nuova versione Ogni volta che si modifica un elemento, si genera una nuova versione dello stesso. Definiamo come "storia" tutte le varie versioni di uno stesso elemento. Plone 4 offre la possibilità di visualizzare la storia di un elemento. Di default, lopzione è disponibile per i seguenti tipi di contenuti:• Pagine• Notizie• Eventi• Link Nota:tutti gli altri tipi di contenuto tengono traccia della cronologia del workflow. Gli elementi possono essere configurati in modo da offrire o meno questa opzione attraverso il pannello Configurazione del sito / Configurazione di Plone, sotto Tipi ("Types"). Quando modifichi un documento, puoi usare il campo "Commento alle modifiche" ("Change note") al fondo della schermata; il Commento alle modifiche verrà immagazzinato nella storia dellelemento. Se invece il campo viene lasciato vuoto, Plone includerà di default la nota: "Revisione iniziale" ("initial revision" in inglese) per un elemento appena creato, "Modificato" ("edited") per le modifiche successive. Ogni volta che lelemento viene salvato, viene creata una nuova versione. Il versioning tiene traccia di tutti i tipi di modifiche: dei contenuti, metadati, impostazioni, ecc.
    • Visualizzare la storia delle diverse versioniDopo aver modificato un elemento per la prima volta,puoi usare il link Storia per visualizzare la sua storia: èsufficiente cliccarci sopra per visualizzare lo storico: La versione più recente è la prima della lista. Per ogni elemento ci vengono date diversi informazioni: • Che tipo di modifica è stata effettuata (contenuto o workflow) • Quale utente ho fatto lultima modifica • Quando lultima modifica è stata effettuata
    • Comparare le diverse versioniDalla linguetta Storia puoi comparare qualsiasi versioneprecedente con quella attuale, oppure una qualsiasiversione con quella immediatamente precedente.Per effettuare la comparazione è sufficiente cliccare sullink Confronta che si trova tra due versioni adiacenti.
    • Cliccando su di esso infatti apparirà una schermatariportante le differenze tra le due versioni:
    • In questo esempio, in rosso abbiamo la parte di testo che è stata cancellata, e in verde quelle che è stata aggiunta nella nuova versione. È possibile visualizzare le informazioni e le differenze tra le versioni sia in linea che come codice.È infine possibile confrontare ciascuna versione precedente con quella attualesemplicemente cliccando sul link Confronta con versione attuale dal pannello dellostorico delle versioni, posizionato a destra di ogni versione in lista. Anteprime eripristino di versioni precedentiPuoi visualizzare unanteprima di qualunque versione precedente cliccando sul link"Visualizza" che trovi sulla destra di ogni versione in lista.Per ritornare ad una versione particolare, devi solo cliccare sull link "Ripristinaquesta revisione" che trovi sempre sulla destra di ogni versione in lista.
    • 3.10. Modalità presentazionePlone 4 è equipaggiato con un nuovo strumentoche permette di creare semplici presentazioni.Scopriamo insieme come funziona.La Modalità Presentazione è una specialefunzione del tipo di contenuto Pagina. Quando simodifica una pagina è possibile attivare laModalità Presentazione accedendo alla tabImpostazioni e selezionando il relativo checkbox.Una volta fatto ciò, nella vista della paginaapparirà un link che se cliccato permetterà divedere la pagina sotto forma di presentazione.
    • Come creare le slide di una presentazioneLintero contenuto di una presentazione si trova su una singola pagina, non è quindinecessario creare una pagina per ogni slide. Una nuova slide verrà creata ogni volta cheuserete lo stile (h1) nella formattazione del testo. Ogni qual volta Plone troverà ilformato h1 nel codice HTML della pagina, allora saprà che dovrà creare una nuova slide.Una presentazione in Plone 4 può essere formata da quante slide si desiderano, bastaaggiungere altri tag h1 al testo della pagina e il testo tra luno e laltro andrà a formareuna nuova slide.Nota: lo stile h1 potrebbe non essere presente nel vostro editor di testo; in questo caso potete aggiungerlo dalleimpostazioni di TinyMCE, oppure modificate direttamente il codice HTML. Come formattare una slideImportante: lo stile Paragrafo Normale non rende visibile alcun contenuto quando sientra in modalità presentazione. Lo scopo delle slide è quello di mostrare un riassuntodi informazioni, non interi paragrafi di testo. Pertanto è necessario assegnare uno stilediverso da Paragrafo Normale a tutti i contenuti che si vogliono visualizzare nelle slide. Diseguito una lista degli stili disponibili: • Intestazione (h2) • Clear floats • Sottotitolo (h3) • Selezione • Preformattato • Nota (testo piccolo) • Pull-quote • Evidenziato • Call-out
    • 3.11. Copia lavoro (Working Copy)La copia lavoro permette di avere in parallelo due versioni del tuodocumento.Puoi così lavorare sul tuo computer mentre la vecchiaversione rimane online.È probabile che vi sia già capitata una situazione simile: avetepubblicato sul web un documento, ma ora avete bisogno diaggiornarlo e intendete mantenere sul web la vecchia versione finoa quando non avrete completato quella nuova. Desiderate ancheche la nuova versione, una volta terminata, vada a sostituire quellavecchia. Tuttavia, non volete che questultima venga eliminata persempre, ma vorreste mantenerla in archivio per ogni eventualità. Lacopia lavoro vi permette di fare tutto questo.In sostanza si esegue loperazione Estrai versione per la versione deldocumento attualmente pubblicato, creandone così una copialavoro, modificabile secondo le vostre esigenze. Quando sarà prontala nuova versione potrete selezionare Crea versione e renderlapubblica. "Dietro le quinte", Plone sostituisce il documentooriginale con quello nuovo nello stesso indirizzo web e archivia ilprimo nellapposita sezione.
    • Estrai versionePer prima cosa, raggiungete la pagina cheintendete rivedere. Dal menù Azioniselezionate la voce Estrai versione:
    • Cliccando Estrai versione, automaticamenteappare la copia lavoro su cui potete agire apiacimento:
    • Ora potete liberamente lavorare sul documento,mentre la versione originale risulta bloccata: ciòsignifica che nessuno può manipolarla mentre voi lastate modificando. In questo modo si evita chevengano apportati cambiamenti alla versione originale.
    • Crea versioneQuando avrete terminato le vostre modifiche, dovrete soloselezionare Crea versione (Check in) dal menù Azioni:
    • Vi verrà suggerito di inserire un messaggio diCheck in. Una volta fatto premete Crea Versione:
    • Il vostro documento aggiornato sostituirà quello vecchio, diventando così pubblico. Noterete che ora la posizione del vostro nuovo lavoro è cambiata: corrisponderà infatti a quella del documento originale.E infine noterete che il documento non esiste più nella vostra cartella personale, luogoin cui lavevate posto per poterci lavorare.Nota bene: non è necessario (anzi è sconsigliabile) usare il menù Stato per una copialavoro. Ma se accidentalmente vi capitasse, niente paura: semplicemente tornate allacopia lavoro e usate il Check in dal menù Azioni.
    • Cancellare un Check outSe per qualsiasi ragione avete bisogno di cancellare unCheck out, e non desiserate che alcuna delle vostremodifiche venga salvata, semplicemente raggiungete lavostra copia lavoro e selezionate Annulla il check-out:
    • Vi verrà chiesto di confermare la scelta Cancella ilcheckout oppure di mantenere la copia lavoro,tramite lopzione Mantieni Check out:Nota bene: se lutente che ha effettuato il Check out (Estraiversione) per un documento non è disponibile per eseguire ilCheck in (Crea versione) o il Cancella Check out, possonoagire in questo senso sulla copia di lavoro gli utenti con ruolodi Manager.