Settimana Cultura Social Network

  • 1,178 views
Uploaded on

Presentazione realizzata in occasione dell'incontro sulle possibilità di business e di crescita personale insite nel fenome dei Social Network. La serata è stata promossa da LanghiranoValley.it in …

Presentazione realizzata in occasione dell'incontro sulle possibilità di business e di crescita personale insite nel fenome dei Social Network. La serata è stata promossa da LanghiranoValley.it in occasione della XI Settimana della Cultura.

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,178
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
16
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • <number><number>
  • <number>

Transcript

  • 1. Langhirano, Sala Polifunzionale P.zza Ferrari, 5 24 aprile 2009 Langhiranovalley.it Enogastronomia, cultura e natura nella terra del Crudo di Parma XI SETTIMANA DELLACULTURA 18-26 aprile 2009
  • 2. “Social Network: pericolo per la Privacy o possibilità di business? Mirco Ferrari MF Labs – Web & Software Solutions mirco.ferrari@mflabs.it – www.mflabs.it LanghiranoValley.it info@langhiranovalley.it www.langhiranovalley.it
  • 3. QUALCHE PRECISAZIONE (1) PERCHE’ PARLARE DEI SOCIAL NETWORK? •Oggi sempre più persone trascorrono tempo online producendo contenuti •Molti di questi contenuti vengono generati appositamente all’interno di siti nati e creati per socializzare •I social network sono una delle “killer application” a fare da traino per tutta una serie di servizi che ruotano attorno al mondo internet •Ci mettono a diposizione una serie di strumenti e possibilità di socializzazione difficilmente immaginabili altrimenti •E’ un fenomeno che non va idolatrato ma che è importante comprendere
  • 4. QUALCHE PRECISAZIONE (2) Vorrei inoltre smantellare quei luoghi comuni con cui troppo spesso i media tradizionali ci bombardano e secondo i quali: •Internet è la concretizzazione di quanto di più pericolo esiste al mondo •Luogo di perversione, reclusione, a-socialità, bla, bla, bla… (fonte www.tecnofobi.com) NON VORREI SEMBRARE TROPPO LEGGERO MA…STIAMO ATTENTI A NON ESAGERARE O RISCHIAMO DAVVERO DI PERDERE UNA GRANDISSIMA OPPORTUNITA’!
  • 5. Definizione DA WIKIPEDIA: Una rete sociale (spesso si usa il termine inglese social network) consiste di un qualsiasi gruppo di persone connesse tra loro da diversi legami sociali, che vanno dalla conoscenza casuale, ai rapporti di lavoro, ai vincoli familiari.
  • 6. Le reti sociali su internet DA WIKIPEDIA: La versione di Internet delle reti sociali è una delle forme più evolute di comunicazione in rete. La rete delle relazioni sociali che ciascuno di noi tesse ogni giorno, in maniera più o meno casuale, nei vari ambiti della nostra vita, si può così quot;materializzarequot;, organizzare in una quot;mappaquot; consultabile, e arricchire di nuovi contatti. Concretamente si tratta di siti internet che permettono alle persone di entrare in Contatto, di condividere passioni, pensieri, contenuti, di stabilire nuovi legami oppure di gestire legami già esistenti nel mondo reale.
  • 7. Un po’ di storia… •Il fenomeno nasce negli Stati Uniti d’America •Nel 2003 il primo grande boom con i siti Friendster, Tribe.net e LinkedIn •Nel 2004 Google lancia Orkut •Ad oggi i più rilevanti per numeri di utenti iscritti sono Facebook e Myspace
  • 8. Come funzionano? Il principio alla base del funzionamento dei social network online è sempre lo stesso e si può riassumere in due operazioni • Profilazione utente (dati anagrafici, passioni, hobby, interessi, esperienze lavorative, referenze professionali, etc) • Invito ad amici A questo punto il passaparola genera un’inarrestabile effetto catena che agisce direttamente sul nostro network personale
  • 9. Tentiamo una classificazione E’ difficile suddividere in modo netto siti di condivisione di contenuti e social network. Oggi sempre più siti offrono servizi di aggregazione e servizi aggiuntivi di condivisione. Possiamo tentare la seguente suddivisione… •Professionali •Amicizia e relazioni •Scambio di informazioni
  • 10. Qualche curiosità… (1) La “teoria dei sei gradi di separazione” Qualunque persona è collegata a qualunque altra persona attraverso una catena di conoscenze con non più di 5 intermediari
  • 11. Qualche curiosità… (2) La “teoria dei sei gradi di separazione” •proposta per la prima volta nel 1929 dallo scrittore ungherese Frigyes Karinthy in un racconto breve intitolato Catene •nel 1967 il sociologo americano Stanley Milgram trovò un nuovo sistema per testare la teoria, che egli chiamò quot;teoria del mondo piccolo“ • Milgram selezionò casualmente un gruppo di americani del Midwest e chiese loro di mandare un pacchetto ad un estraneo che abitava nel Massachusetts. Ognuno di essi conosceva il nome del destinatario, la sua occupazione e la zona in cui risiedeva, ma non l'indirizzo preciso •Ogni partecipante mandò il proprio pacchetto a una persona conosciuta che avrebbe fatto lo stesso, e così via fino a che il pacchetto non venisse personalmente consegnato al destinatario finale •I partecipanti si aspettavano che la catena includesse perlomeno un centinaio di intermediari, e invece ci vollero solo (in media) tra i cinque e i sette passaggi per far arrivare il pacchetto. Le scoperte di Milgram furono quindi pubblicate in Psychology Today e da qui nacque l'espressione sei gradi di separazione.
  • 12. Qualche curiosità… (3) La “teoria dei sei gradi di separazione” •Nel 2001 Duncan Watts, un professore della Columbia University, riprese per conto suo la ricerca e ricreò l'esperimento di Milgram su Internet •Watts usò un messaggio e-mail come quot;pacchettoquot; che doveva essere consegnato e, sorprendentemente, dopo aver analizzato i dati ottenuti dagli invii effettuati da 48.000 differenti persone residenti in 157 stati diversi, nei confronti di 19 quot;bersagliquot;, Watts trovò che il numero medio di intermediari era effettivamente sei •La ricerca di Watts pubblicata su Science nel 2003 e l'avvento dell'era del computer, permisero l'applicazione della teoria dei sei gradi di separazione anche in aree differenti, tra cui l'analisi delle reti informatiche ed elettriche, la trasmissione delle malattie, la teoria dei grafi, le telecomunicazioni, e la progettazione della componentistica dei computer. •Nonostante alcune critiche si è poi dimostrato che lo status socioeconomico dei quot;bersagliquot; non influisce in alcun modo sul numero di gradi di separazione
  • 13. Qualche curiosità… (4) Il numero di Dunbar - 150 •le dimensioni di una vera rete sociale sono limitate a circa 150 membri •Questo numero è stato calcolato da studi di sociologia e soprattutto di antropologia, sulla dimensione massima di un villaggio • secondo la psicologia evoluzionista che il numero potrebbe essere una sorta di limite superiore all'abilità media degli esseri umani di riconoscere dei membri e tenere traccia degli avvenimenti emotivi di tutti i membri di un gruppo • sembrerebbe che il capitale sociale venga massimizzato a queste dimensioni I social network basati su internet hanno infranto questo limite? SI
  • 14. Un mondo di reti sociali •Facebook non è l’unico social network •Esistono tante alternative… •…molto spesso rivolte ad un pubblico più “specializzato” •Esistono anche tante altre piattaforme (blog, microblog, etc) diverse dai social network ma con obiettivi e finalità simili… •…conoscere e farsi conoscere COMUNICARE
  • 15. MySpace.com (1) …solo per giovanissimi? •Circa 125.000.000 di utenti attivi •Social network rivolto ad un target prevalentemente giovane •Permette di stabilire contatti, creare gruppi, segnalare eventi, pubblicare blog, podcast, file musicali, immagini, video … •Molto usato in campo musicale dalle band emergenti •Ma siamo sicuri che possa essere utile solo ai giovani?
  • 16. MySpace.com (2) …solo per giovanissimi? •Può essere un valido canale di promozione effettuare del marketing “virale” e raggiungere un target ben specifico… quello giovanile!
  • 17. Anobii (1) …quando a fare rete è la passione per la lettura… •Social network specializzato nato per interconnettere persone in base ai gusti letterari •Ci permette di creare la nostra libreria personale… •…e di scoprire nuovi libri e nuove letture •Ci mette in contatto con chi ha gusti letterari simili ai nostri (o totalmente differenti perché no?)… •…e di gestire una nostra personale “lista dei desideri” •Offre anche un servizio di comparazione dei prezzi online Quando il web 2.0 incontra la carta stampata!
  • 18. Anobii (2) …quando a fare rete è la passione per la lettura…
  • 19. Anobii (3) …quando a fare rete è la passione per la lettura… •Ad oggi sono presenti 10.630.931 libri (10.632.372…) •È possibile ricevere consigli sui libri di interesse •Permette la distinzione tra amici e vicini… •…dove “Gli Amici sono persone che conosci. I Vicini sono persone che non conosci, ma dei quali vuoi seguire comunque gli aggiornamenti” •E’ possibile creare gruppi o aderire a gruppi per parlare con persone che condividono le stesse passioni e che amano gli stessi libri
  • 20. Netlog …largo ai giovani… •Il social network al momento più di tendenza tra i giovani e gli studenti •Conta circa 35 milioni di iscritti in Europa… •…di cui 2,6 milioni solo in Italia •Permette di gestire il proprio profilo… •…un diario online, un blog, la propria playlist musicale preferita •Integra un libro degli ospiti e consente di fare ricerche secondo criteri di localizzazione geografica Stringere nuove amicizie, parlare di sé, scambiarsi info su eventi
  • 21. HospitalityClub …insieme in viaggio… •Si pone come obiettivo quello di mettere in contatto persone di paesi e nazionalità diverse durante i viaggi… •Basta iscriversi per offrire ospitalità oppure richiederla •Oltre all’ospitalità vera e propria è possibile rendersi disponibili come guide turistiche o semplicemente per fare conoscenza •La filosofia alla base del “club” è la seguente: “rendere questo mondo più bello facendo in modo che chi viaggia possa venire in contatto con gli abitanti del luogo e facendo in modo che gli abitanti del luogo abbiano l'opportunità di incontrare persone di un'altra cultura” •L’Italia è al quinto posto come numero di iscritti (15.562) preceduta da Polonia (23.178), Stati Uniti (33472), Francia (33.795), Germania (72739) •All’ultimo posto Djibouti(1), Norfolk Island (1)Cook Islands (1), Ashmore and Cartier Islands (1), British Indian Ocean Territory (1), Palau (1), Solomon Islands (1), Spratly Islands (1) … dove probabilmente una persona “fidata” farebbe comodo a chiunque!
  • 22. 2spaghi.it …a tavola con “socialità”…
  • 23. Vinix.it Wine & Food Social Network Abitanti di Vinix : 4981 Abitanti italiani : 4794 Abitanti esteri : 187 Categoria con più iscritti: Aziende vinicole / olivicole Provincia con più iscritti:Roma Nazione con più iscritti: Italia Nazione estera con più iscritti: United States
  • 24. Twitter (1) …basta poco per stare inter-connessi… •Social network?!? •Nel senso largo del termine rientra di diritto nel campo delle reti sociali… •…solo per il fatto che permette alle persone che stabiliscono un contatto di restare aggiornate su ciò che si sta facendo… •…non è forse questo uno dei cardini delle relazioni tra persone?
  • 25. Twitter …basta poco per stare inter-connessi… •Permette di sfruttare il web per inviare brevi messaggi di testo (140 caratteri) •Il nostro twitter-profile può essere seguito da amici, conoscenti, curios i… •…sia attraverso il web che attraverso il cellulare •I nostri fan sapranno in ogni momento cosa stiamo facendo •Possibilità di integrazioni con blog, sito web, etc…
  • 26. LinkedIn (1) …quando il social network è al servizio della professione… •E’ un servizio di social networking online impiegato principalmente per networking professionale •A gennaio 2009 contava circa 30 milioni di utenti registrati tra America del Nord, Asia ed Europa •Il ritmo di crescita è di circa 100.000 nuovi iscritti a settimana •L’obiettivo principale è quello di mantenere una lista di contatti fidati ed affidabili in ambito lavorativo •Il network di contatti a disposizione dell'utente è costituito da tutte le connessioni dell'utente, tutte le connessioni delle sue connessioni (quot;connessioni di secondo gradoquot;) e da tutte le connessioni delle connessioni di secondo grado (quot;connessioni di terzo gradoquot;).
  • 27. LinkedIn (2) …quando il social network è al servizio della professione… A COSA SERVE? •Ottenere di essere presentati a qualcuno che si desidera conoscere attraverso un contatto mutuo e affidabile •Trovare offerte di lavoro, persone, opportunità di business con il supporto di qualcuno presente all'interno della propria lista di contatti o del proprio •I datori di lavoro possono pubblicare offerte e ricercare potenziali candidati •Le persone in cerca di lavoro possono leggere i profili dei reclutatori e scoprire se tra i propri contatti si trovi qualcuno in grado di metterli direttamente in contatto con loro
  • 28. LinkedIn (3) …quando il social network è al servizio della professione… •A Milano è attivo un club (MilanIn) che offre agli utenti la possibilità di incontrarsi di persona •L’obiettivo è di aggregare persone provenienti dai più diversi ambiti professionali che credano nel networking come strumento prezioso per il business e per il proprio lavoro •Milan-IN vuole essere soprattutto un club dove le persone si incontrano realmente. Far parte del Club significa quindi fare nuovi incontri con persone, vicine o lontane al proprio ambito professionale, con le quali stringere alleanze, accordi di business o far partire un progetto •Oggi diverse città italiane hanno il loro gruppo di riferimento su LinkedIn
  • 29. LavoriamociSu.it (1) …e se fossero i candidati a scegliere e valutare le aziende? •Non si tratta di un social network nel senso più stretto del termine ma piuttosto… •…di un luogo virtuale dove si parla di lavoro, di come trovare lavoro, di come trovare un posto di lavoro in cui vivere bene e di come vivere bene nel proprio ambiente di lavoro •Gli utenti registrati possono parlare della propria esperienza di lavoro ma soprattutto… •…posso parlare delle aziende dove hanno lavorato o dove stanno lavorando • In definitiva è una community all’interno della quale tanti sono gli strumenti (chat, forum, profilo utente…) che permettono agli utenti registrati di entrare in relazione… •…non è forse tutto questo caratteristico dei SOCIAL NETWORK?
  • 30. LavoriamociSu.it (2) …e se fossero i candidati a scegliere e valutare le aziende?
  • 31. LiveMocha (1) …A powerful opportunity for people around the world to connect with language partners … •Imparare le lingue grazie all’aiuto diretto di altri utenti… •LEARN •PRACTICE •SHARE •CONNECT
  • 32. LiveMocha (2) …A powerful opportunity for people around the world to connect with language partners … •È possibile seguire lezioni di grammatica, di pronuncia e di ascolto e comprensione •Vengono proposti degli esercizi che altri utenti possono correggere •Mette in contatto con utenti di altre nazionalità… •…per creare una rete di contatti
  • 33. Ning (1) …un mondo di reti sociali… •Un grande contenitore di social network •Possibilità di cercare ed aderire a social network già esistenti… •…oppure di crearne di propri
  • 34. Ning (2) …un mondo pieno di reti sociali…
  • 35. Ning (3) …un mondo pieno di reti sociali…
  • 36. Facebook: il fenomeno del momento •Nasce il 4 febbraio 2004 dalla mente del giovane Mark Zuckerberg • All’inizio del 2006 Viacom offre 750 milioni di dollari ma ormai FB valeva •L’idea era quella di mettere online il almeno 1mld grande libro (detto appunto in gergo •Successivamente Yahoo! Ha offerto 1,2 facebook) con i profili degli iscritti miliardi di $ ma ormai il valore stimato si all’università di Harward aggirava intorno ai 2mld •Dopo nemmeno un mese più della metà •Anche l’offerta iniziale di Google di degli scritti alla facoltà si era registrato su 2,3mld di $ viene rifiutata facebook •Oggi FB e le sue potenzialità sono stimate •Fu subito esteso ad altri istituti circa 8mld di $ •A gennaio 2008 in Italia c’erano 100.000 (Mit, Boston University, Boston College…) iscritti…1 milione a settembre 2008 e 4 •Dopo circa un anno Mark lascia milioni a dicembre 2008 l’università per dedicarsi al suo progetto •150 milioni di utenti •3 miliardi di minuti online al giorno •850 milioni di foto caricate al mese •Oltre 5 milioni di video caricati al mese •Viene speso 1mld di $ al mese in energia elettrica…500.000 dollari di connettività
  • 37. A cosa serve… •Raccontare qualcosa di noi attraverso parole, immagini oppure video •Ritrovare vecchi amici •Ricordare date importanti e ricorrenze •Condividere idee oppure passioni comuni attraverso la partecipazione alle attività dei gruppi •Dare maggior visibilità al proprio sito •Comunicare in real time con amici e conoscenti attraverso la chat •Inviare e ricevere messaggi di posta elettronica •Creare una propria rete di contatti… •…e fare nuovi incontri •Organizzare eventi, serate, appuntamenti •Giocare e sfidare i propri contatti •Svolgere attività politica •Gestire campagne pubblicitarie •Promuovere la propria attività commerciale a costo zero •Creare collezioni di fotografie •Comunicare ciò che si sta fecendo/pensando… •…e commentare ciò che stanno facendo/pensando i nostri contatti
  • 38. Passo 1 - Iscrizione Dopo aver attentamente letto le condizioni d’uso, il primo passo è quello di registrarsi gratuitamente al servizio creando il nostro profilo Al termine di questo primo passaggio verrà inviata all’indirizzo e-mail specificato una richiesta di conferma
  • 39. Passo 2 – Cerca amici Specificando un proprio account email (hotmail, yahoo!, gmail…) oppure la propria azienda, università, etc è possibile cercare automaticamente alcuni potenziali contatti già iscritti a facebook.
  • 40. Passo 3 – Completare il profilo Possiamo inserire informazioni per completare il nostro profilo come ad esempio: •Foto personale •Dati anagrafici •Orientamento sessuale •Preferenza politica •Credo religioso •Telefono, email, sito web •Info professionali •Studi effettuati •Libri, film e musica preferita
  • 41. Alcune funzioni (1) Attraverso la voce HOME Applicazione di possiamo accedere alla Da utilizzare per Gestione dei gestione delle pagina home del nostro accedere alla nostri e-mail account facebook dove ci pagina dedicata al nostro nostro contatti, già verranno mostrate le profilo inclusi nel ultime “news” postate dai nostro nostri contatti network oppure nuovi
  • 42. Alcune funzioni (2) Gestione delle proprie pagine, campagne annunci, advertising su Accesso alla zona facebook “Gruppi”, con Applicazione di l’elenco dei gruppi a gestione dei video. Applicazione di cui siamo iscritti e la Permette di gestione delle foto. possibilità di visualizzare i video Permette di accedere a nuovi caricati dai contatti e visualizzare le foto e gruppi di gestire le nostre gli album caricati dai collezioni di video contatti e di gestire Visualizza e le nostre collezioni gestisci gli Gestione delle di foto eventi “mie note”
  • 43. Facebook - Home
  • 44. Gruppi (1)
  • 45. Gruppi (2) •Dettagli e informazioni sulla natura del gruppo •Elenco dei membri del gruppo •Area discussioni •Bacheca del gruppo •Area foto •Area video •Area Link •Elenco degli eventi in quale modo collegati alla vita del gruppo •Pannello di controllo (inviare inviti a nuovi membri, inviare messaggi ai membri iscritti, abbandonare il gruppo, modificarne le caratteristiche, creare eventi, nominare incaricati…)
  • 46. Gruppi (3) La bacheca contiene uno scambio di informazioni del tipo “di tutto di più” più o meno inerenti alla natura del gruppo mentre l’area discussioni è una collezione di bacheche organizzate per argomenti
  • 47. Pagine (1) Gli utenti iscritti a facebook posso creare delle proprie pagine per pubblicizzare la propria attività commerciale o semplicemente per istituire un fans club Accedendo all’apposita sezione sarà possibile visualizzare graficamente l’andamento delle pagine create, accedere ai dettagli e creare campagne pubblicitarie mirate.
  • 48. Pagine (2) Esistono diverse tipologie di statistiche che possiamo analizzare e studiare al fine di migliore le eventuali campagne create su facebook oppure altre tipologie di comunicazione adottate E’ possibile poi esportare questi dati in formato Microsoft Excel oppure in formato .csv per utilizzarli con altri programmi al fine di produrre statistiche dettagliate oppure di integrare questi dati con altri in nostro possesso.
  • 49. Pagine (3) Una pagina si comporta in modo molto simile al nostro profilo facebook. Sarà quindi possibile scrivere messaggi in bacheca, caricare video, foto, creare eventi, inviare messaggi a tutti i fan e creare inserzioni pubblicitarie ad hoc!
  • 50. Pagine (4) Se vogliamo fare qualcosa in più possiamo creare delle campagne pubblicitarie a pagamento, personalizzando tutti i dettagli della nostra inserzione!
  • 51. Pagine (5) Il sistema è del tutto simile a quello ideato da Google con Google AdWords!
  • 52. Promuovere un evento•Possiamo creare eventi specifici ed inviare inviti di partecipazione a costo zero •Possiamo scegliere le policy dell’evento •Valutare il tasso di partecipazione •Discutere insieme agli altri invitati dell’evento stesso oppure prendere accordi per il viaggio, per l’incontro, etc… •Innescare un fenomeno di marketing virale intorno al nostro evento (usando però le dovute cautele…) •Caricare video e foto dell’evento ma soprattutto… •…raccogliere foto e video dei partecipanti ma ancora più importante… •…il loro feedback!
  • 53. Gestire liste di contatti …ovvero…”e adesso che il mio capo è su facebook cosa faccio”?... Attraverso una semplice funzione presente nella sezione “Amici” di Facebook possiamo creare delle liste mirate a raggruppare i contatti del nostro network in sottogruppi! Possiamo così decidere in modo più razionale (e forse anche conveniente) cosa mostrare a chi!
  • 54. Impostazioni dell’account Accendendo alla voce ImpostazioniImpostazion i sulla privacyProfilo possiamo personalizzare i diritti di accesso alle informazioni che ci riguardano Molto utile è la funzione “Vedi come un amico visualizza il tuo profilo” per assicurarsi che le impostazioni di privacy modificate stiano funzionando correttamente!
  • 55. Applicazioni extra (1) Uno dei grandi motivi che hanno decretato il successo di Facebook è la semplicità con cui possiamo personalizzare il nostro spazio web aggiungendo applicazioni ad hoc oltre alla possibilità di utilizzarlo attraverso una serie di dispositivi mobili e smartphone. Attraverso un semplice motore di ricerca possiamo trovare le applicazioni che maggiormente fanno al caso nostro e con pochi click installarle nel sistema! Oggi sono circa 50.000 le applicazioni disponibili!
  • 56. La Privacy di Facebook (1) •Si tratta molto probabilmente di uno dei temi più dibattuti e più scottanti di questo social network •Dovremmo tutti, prima di accettare incondizionatamente, leggere le clausole legate all’iscrizione al questo servizio gratuito i. Tutto ciò che inseriamo all’interno di Facebook, testi, commenti, foto, video, pensieri, etc rimane di nostra proprietà ma potrà essere utilizzato “a vita” dalla società che gestisce questo social network! ii. L’uso di applicazioni all’interno di Facebook ci porta ad accettare l’invio di alcune informazioni del nostro account ai programmatori dell’applicazione! iii. Se decidiamo di cancellare il nostro account facebook siamo liberi di farlo ma idati inseriti sino ad ora resteranno presenti nei server per un “tempo ragionevole”! iv. Normalmente un contratto termina per default in caso di morte del contraente. Nel caso di Facebook questo non è vero in quanto l’account in questione potrebbe essere mantenuto attivo quasi per “commemorazione”! v. Facebook permette alle società che fanno pubblicità sul suo sito di utilizzare alcuni dei dati degli utenti iscritti per customizzare gli advertising sulle nostre pagine! vi. Al termine di tutto il papiro contrattuale si legge che il contratto tradotto in italiano è approssimativo e a far fede legale è quello originale ed unico in lingua inglese!
  • 57. La Privacy di Facebook (2) i. Dal menù Impostazioni-->Impostazioni privacy controlliamo le modalità di accesso al nostro profilo ii. Possiamo scegliere che ad accedere ai nostri dati siano solo i nostri amici iii. Possiamo personalizzare il menù Ricerca per limitare al massimo le informazioni del nostro profilo visualizzate durante le ricerche degli utenti iv. Possiamo evitare che quando un nostro contatto aggiunge un amico al suo network alcune nostre informazioni vengano automaticamente trasferite al nuovo aggiunto v. Possiamo personalizzare quali variazioni del nostro account possono essere rese pubbliche (messaggi in bacheca, video aggiunti, cambiamento di status…)
  • 58. Quindi?!? “Viviamo in un’epoca in cui ogni consumatore ha un megafono. Molti lo stanno usando. E le aziende farebbero meglio ad ascoltare”. Chris Anderson Secondo una ricerca del 2008: •L’83% degli italiani utilizza i motori di ricerca per trovare informazioni decisive in merito ad un acquisto •Il 91% di questi, una o più volte, ha deciso l’acquisto di un prodotto o di un servizio basandosi sulle informazioni ottenute tramite i motori di ricerca Sems e OTO Research, Maggio 2008
  • 59. Controllare la reputation corporate (1) La reputazione di un’organizzazione è il giudizio complessivo dato da coloro che in modo diretto o indiretto ne influenzano l’operato. Abbiamo bisogno di consolidare il rapporto di fiducia con i nostri attuali clienti, dando loro il giusto spazio ed imparando sia a comunicare con loro che ad ascoltarli. Il numero dei potenziali nuovi clienti è strettamente legato a ciò che in rete si dice dei nostri prodotti e dei nostri servizi e questo accade in modo indipendente dalla nostra volontà.
  • 60. Controllare la reputation corporate (2) Quel fenomeno che oggi è conosciuto come “reputation 2.0”, costituito dall’insieme delle conversazioni che avvengono in rete, DEVE ASSOLUTAMENTE ESSERE CONTROLLATO! ? Vivendo all’interno della rete! In questo i social network possono aiutarci a perfezionare il nostro business!
  • 61. Controllare la reputation corporate (3) Davanti ai fatti attuali non possiamo quindi dire “a me i social network non interessano”! La posta in gioco e i relativi rischi sono troppo alti! I social network possono così diventare il terreno fertile sul quale, per piccoli passi, possiamo costruire giorno per giorno la nostra “reputazione” e dove possiamo costruire rapporti di fiducia più forti con i nostri “clienti”.
  • 62. Case history: Autogrill •Dialogare in modo informale con i clienti •Stimolare la loro creatività e curiosità •Verificare il livello di apprezzamento del servizio •Sfruttare i dati raccolti per migliorare il servizio •Strumento molto utile sia per l’azienda che per i clienti
  • 63. Arrivati a questo punto pensate che i social network siano solo giocattoli oppure una grossa possibilità?
  • 64. Cosa ne pensate? Attendiamo il vostro feedback! •Gruppo LanghiranoValley.it su Facebook •http://www.langhiranovalley.it •http://www.mircoferrari.it/blog •http://www.mflabs.it
  • 65. GRAZIE