Presentazione Wap Vs I Mode
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Presentazione Wap Vs I Mode

on

  • 1,010 views

Tecnologie WAP e i-mode a confronto per il collegamento in rete di dispositivi mobili

Tecnologie WAP e i-mode a confronto per il collegamento in rete di dispositivi mobili

Statistics

Views

Total Views
1,010
Views on SlideShare
1,010
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
5
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Presentazione Wap Vs I Mode Presentazione Wap Vs I Mode Presentation Transcript

  • Università Ca’ Foscari Venezia Dipartimento di Informatica   Anno Accademico 2008-2009 Corso di Reti di calcolatori Reti di calcolatori 1
  •  Acronimo di Wireless Application Protocol  Standard formato da una pila di protocolli che permettono la navigazione con dispositivi wireless come se utilizzassimo un PC, mediante specifici software  Nasce nel 1998 grazie al WAP Forum (Ericsson, Motorola, Nokia e Unwired Planet) che cerca di portare la rete Internet su dispositivi con display piccoli, con poca memoria e con un processore di limitate capacità Reti di calcolatori 2
  • I risultati che emersero dal lavoro del WAP Forum furono: Il rilascio della prima versione WAP (superata nel 1999 da WAP 1.1 incompatibile con la 1.0) La creazione di un nuovo linguaggio di markup simile al HDML (precedentemente creato da Unwired Planet) che sfruttava la ridotta banda radio disponibile (9,6 kb/s per GSM) e derivato dal HTML, per la creazione di pagine web compatibili: il WML Reti di calcolatori 3
  • Il lavoro del consorzio fu complicato dalle pesanti restrizioni imposte dalla rete via etere Lato rete oMinore larghezza di banda oMinore stabilità di connessione oMinore previsione sull’affidabilità del servizio oMaggiore latenza di sistema Lato terminale oDisplay piccoli oDispositivi input poco utili (12 tasti) oMinore potenza di CPU e minore memoria Reti di calcolatori 4
  • Il modello WAP è molto simile al WWW, cercando di replicarne architettura fin dove WWW possibile: Gli URL identificano i dati sul server d’origine I dati WAP sono compatibili con WWW per visualizzarli e elaborarli correttamente Formati basati su tecnologia Internet Tra client e server è posto un gateway che ha i compiti di: Convertire i protocolli Internet in protocolli WAP, se il server supporta il WAP invia subito la richiesta Codificare la risposta del server in formato binario Compilare gli script delle pagine WML Reti di calcolatori 5
  •  In Internet molti server con funzionalità WAP gateway (Nokia: 193.64.89.161)  Per connettere un dispositivo si usa ISP.  Larete GSM offre il servizio dati CSD (Circuit Switched Data) a commutazione di circuito. circuito  Il collegamento è fatto con il PPP connettendosi all’ISP con ID e password, per avere un indirizzo IP.  Una volta connesso entra in gioco il WAP Massolin Enrico Reti di calcolatori 6
  • Bearer: reti wireless per il trasporto fisico dell’informazione, con diversi Bearer livelli di qualità del servizio in base a throughput, error-rate e ritardo WDP: livello di trasporto dell’informazione adattato a ogni bearer. Il WDP gateway compie gli adattamenti prelevando i dati dal Bearer e passandoli al sottolivello Tunnel che li adatta per il server WAP. Necessita di numero porta di destinazione, si sorgente e del servizio di segmentazione. Usa il WCMP per la gestione degli errori Massolin Enrico Reti di calcolatori 7
  •  WTLS (opzionale): livello di sicurezza derivato da TLS e utilizza gli (opzionale) schemi di crittografia del SSL  Privacy  Integrità delle informazioni  Autentificazione Composto da due sottolivelli:  Record protocol: gestisce frammentazione messaggi per gli algoritmi di cifratura  Change Cipher protocol: segnala transazione dalla certificazione a trasmissione  Alert Protocol: gestisce gli avvisi per i problemi nelle sessioni di sicurezza  Handshake protocol: con la connessione effettua l’autenticazione e si selezionano algoritmi di crittografia Gli ultimi tre sono tutti allo stesso livello  WTP: gestisce la destinazione dei messaggi dei livelli superiori. Gestisce WTP quattro fasi:  Invio e ricezione dei pacchetti  Ri-trasmissione pacchetti non correttamente ricevuti a destinazione  Gestione degli acknowledgements  Segmentazione e ri-assemblaggio dell’informazione (opzionale) Offre tre classi di servizio di transizione: Reti di calcolatori 8
  •  WSP: offre servizi per il livello superiore orientati allo scambio dei WSP contenuti in modo bidirezionale, come HTTP. Si fa carico di:  Stabilire e rilasciare le sessioni  Sospendere e riattivare le sessioni aperte  Scambiare dati con codifiche compatte  Accordarsi sui meccanismi di negoziazione Gestisce interruzione transazioni in corso, le Push information e le negoziazioni per sessioni multiple. La gestione delle Push gestita in tre modalità:  Confermando al server la possibilità di fare push avendo una sessione aperta  Senza conferma al server con sessione aperta  Senza confermare al server e senza una sessione aperta Reti di calcolatori 9
  •  WAE: si focalizza sul lato client e realizza le varie applicazioni. I suoi WAE principali elementi sono:  Interfaccia utente: il browser che permette di visualizzare pagine il WML  Generatore di contenuto: applicazione che produce dati standard come risposta a una richiesta  Codifica standard dei dati: per navigare tra i dati web  Wireless Telephony Application: specifiche telefoniche per le chiamate Il WAE è diviso in due livelli: • User agents: software che interpreta le informazioni dello strato sottostante • Servizi e formati: modalità con cui è strutturata l’informazione Reti di calcolatori 10
  • Reti di calcolatori 11
  •  Inventato in Giappone e promosso da NTT DoCoMo  Nel giro di pochi anni ebbe 35 milioni di abbonati e più di 60.000 siti i-mode  È un servizio multimediale che permette di accedere a una vasta gamma di servizi tematici semplicemente premendo un tasto del cellulare Reti di calcolatori 12
  • • sito aziendale: promuovere un'azienda o un servizio • sito commerciale o di eCommerce: per l'acquisto di beni e/o servizi. • sito comunitario: dove persone con interessi simili comunicano. • forum: spazio per lo scambio di idee tra utenti su uno o più temi. • sito informativo: ospita contenuti per informare il visitatore. • motore di ricerca: fornisce informazioni per accedere ad altri siti. • Database: per ricercare e mostrare il contenuto di un database. • sito ludico: può essere un gioco in sé o un’arena. • sito personale: contiene informazioni sui contenuti che l'individuo vuole trattare. Ognuno può creare in proprioReti di calcolatori sito i-mode basta che utilizzi il 13
  •  Utilizza un network a commutazione di pacchetto  Gli utenti non pagano per il tempo di connessione ma per il numero di pacchetti ricevuti  Il servizio necessita di: ◦ un terminale mobile che supporti voce e comunicazione a pacchetti con un microbrowser installato, ◦ il network a pacchetti, ◦ un server i-mode Reti di calcolatori 14
  • Lo strato inferiore è un semplice sistema operativo in tempo reale per il controllo dell’hardware. Il secondo è un modulo per eseguire la comunicazione di rete con il protocollo LTP proprietà di NTT DoCoMo. Segue un semplice gestore di finestre che si occupa del testo e della grafica tramite file GIF. Il quarto strato è l’interprete delle pagine web, cioè il browser basato su HTML 1.0. e consente di usare applicazioni helper(interprete per una versione modificata di JVM) e plug-in come nei browser domestici. La parte superiore si occupa della comunicazione con l’utente. Reti di calcolatori 15
  • IlcHTML simile all'HTML ma impoverito di tavole e frame. Consente ai terminali mobili lenti, di supportare velocità di trasferimento accettabili. IlcHTML è un sottoinsieme dell'HTML 2.0, 3.2 e 4.0 ed alcuni tag di programmazione sono i medesimi. Attualmente i microbrowser i-mode interpretano i tag HTML della versione 1.0. Una lista dei tag è reperibile sia sul sito del W3C che in quello di NTT DoCoMo Reti di calcolatori 16
  • La applicazioni possono essere le più svariate:  Prenotare biglietti aerei e dei concerti  Trovare un ristorante  Online banking  Controllare gli orari dei treni e le mappe cittadine  Inviare e ricevere email a Internet  Accesso ad Internet diretto e continuo  Ricezione continua delle informazioni selezionate Il costo varia da operatore a operatore ma in Italia Wind fa pagare 0,3 centesimi di euro per KB ricevuto Reti di calcolatori 17
  • Il WAP 2.0 è il WAP di seconda generazione ed è stato migliorato tenendo conto anche degli aspetti del suo rivale i-mode. I cambiamenti più significativi sono:  Modello “push” oltre al modello “pull”  Supporto per l’integrazione della telefonia nelle applicazioni  Messaggistica multimediale  Inclusione di 264 pittogrammi  Interfaccia verso una periferica di archiviazione  Supporto per plug-in nel browser Reti di calcolatori 18  Supporto sia delle pila dei protocolli WAP 1.0 sia di Internet