Your SlideShare is downloading. ×
0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Aziende Fornitori Web2.0
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Aziende Fornitori Web2.0

361

Published on

Published in: Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
361
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Orientarsi in questo mare posizionamento e fornitori web in epoca 2.0
  • 2. • Per affrontare un progetto web complesso, è necessario affrontare parecchie tappe: Tappe preliminari • Coinvolgimento aziendale • Condivisione del progetto • Analisi posizionamento web • Strategie Queste mile stone preliminari sono affrontate in un ppt Web X Aziende Scettiche Prova. http://www.slideshare.net/bartocci/web-x-aziende-scettiche-prova 2 Manager alle prese con un web project GaBriella scrive:In questo documento vorrei elencare le Tappe operative di un progetto web che vuole essere virtuoso. IN SOSTANZA SPACCHETTIAMO TUTTE LE SCELTE CHE DEVE FARE UN MANAGER CHE VUOLE AFFRONTRARE UN PROGETTO WEB IN ERA MODERNA
  • 3. Dove eravamo rimasti… Sul ppt Web X Aziende Scettiche Prova http://www.slideshare.net/bartocci/web-x-aziende-scettiche-prova si erano delineate le fasi preliminari allo svolgimento vero e proprio di un progetto web lato AZIENDA. 3 GaBriella scrive: # Quindi dopo analisi, richiesta di budget e ricerca del coinvolgimento aziendale ..come se non fosse abbastanza, si passa alla fase successiva: la realizzazione. Qui ho riportato diverse fasi di un progetto posizionamento web globale e possibili strade per affrontarlo.
  • 4. 2 strade 1. Capitolato unico questa scelta presuppone un capitolato unico con cui si chiede all’agenzia web di seguire tutti gli aspetti relativi alla presenza sui canali on line del nostro marchio, compresa la strategia. 2. Capitolati spacchettati In questo caso si chiedono piu’ preventivi a diverse aziende specializzate 4 Vantaggi: • Unico referente •Riduzione ore di progettazione e coordinamento • Tempi certi Svantaggi: • Costi elevati (+35%circa) • Rischio fornitore unico • Rischio scelta strategica Vantaggi: • Riduzione costi • svincolo dai fornitori • Controllo dei processi e della strategia Svantaggi: • Tempi incerti • gestione di piu’ fornitori • Progettazione • Tempi a rischio
  • 5. Una scelta possibile: capitolato spacchettato • Analisi • Scelta fornitori (CMS, SEO, Usabilità; Consulenza Social) • Pianificazione 2 site maps • Scelta 2 grafiche • Redazione prima stesura testi • Test di usabilità • Interventi s.e.o - tecnico • Redazione testi - seconda definitiva • Strategia e presenza social network • Formazione e realizzazione Blog in fase test GaBriella scrive:Cosa possiamo fare se decidiamo di complicarci la vita?
  • 6. Dall’ Analisi dei segmenti e delle tendenze alla Strategia - al project management (vd ppt web x aziende scettiche Prova) 6 Dalla strategia si delineano gli obiettivi di lungo periodo. • Dopo avere ben chiara la strategia possiamo iniziare a ragionare sulla scelta dei fornitori, sulla site map, sulla scelta tattica degli strumenti a disposizione on-line. • In base alle attività ed ai fornitori si puo’ disporre il gantt, il piano di progetto, i documenti dei requisiti. Questi documenti diventeranno vincolanti
  • 7. Ripartiamo dall’idea di una Site map complessa •Pag 1 -sottolivelli •Pag.2 -sottolivelli •Pag.3 - sottolivelli •Pag.4 sottolivelli BTB •Localizzatore- pag.1 +60 pgg •Offerta pag.2 +60 pgg •Promozioni •Convenzioni Punti di Vendita •Area1 •Area2I Stakolder 1 •Il nutrizionista on line - calcola le calorie Tendenza mercato1 •Area1 •Area2 •Area 3 Tendenza mercato 2 •Area di ascolto con amministratore web2.0 •Collegamento ai social net •Blog Comunica •Pag. 1 •Pag.2 •Pag.3 •Pag.4 Area Stakolder 2 •Pag. 1-ERP •Pag.2 ERP Area impiego • Sviluppo vendita pasti o prodotti/servizi on lineE-commerce Area loggata e Area potenzialmente fertile per e- commerce www.camstshop Area potenzialmen te fertile per e-commerce www.camstsh op
  • 8. Le leve operative Scelta degli strumenti e dei fornitori 8 Cms Site map Usabilità S.e.o Social network Lancio GaBriella scrive: scegliere 4 o piu’ fornitori non è una passeggiata. Le decisioni da prendere sono parecchie e..in agguato l’oceano delle distorsioni comunicative presuppone un equipaggiamento di molte scialuppe. Le decisioni da prendere invece necessitano di un buon navigatore.
  • 9. 2. Scelta del CMS Content management system- scelta fornitore 1 Prima Decisione Il “ sistema di gestione dei contenuti", è uno strumento software studiato per facilitare la gestione dei contenuti di siti web: Possiamo optare per 3 soluzioni: • Open Source (gratuito)- DRUPAL/joomla!.. • Cms sviluppati da software house • Oppure Open Source customizzato Per i Blog si puo’ utilizzeare Wordpress (gratuito) Seconda Decisione riguarda la gestione del sito, dei blog e dei social: •CMS: gestione diretta interna all’azienda •CMS: gestione software house In base alla scelta si spacchetta il capitolato per i fornitori
  • 10. 2. Alberatura sitemap L’alberatura o site map è lo scheletro (scaletta) dei contenuti e dell’aspetto gerarchico di un sito web. Abbiamo cercato di “sistemare” i contenuti e le offerte in maniera efficace ed “usabile”. In base agli obiettivi possiamo immaginare due alberature del sito. 10
  • 11. Esempio sitemap 1 Il primo albero è orientato ai settori di attività: come ci percepiamo e proponiamo come azienda. • I menu’ in alto sono 2 La tendina laterale aiuta a scendere “di livello” I link interni aiutano nella profondità delle pagine 10
  • 12. Esempio sitemap 2 • Il secondo albero è orientato al cliente. Il cliente ci cerca per prodotto/offerta servizi tarati sulle proprie esigenze. • I menu’ in alto sono 2 uno dei quali è splittato per tipologia di clientela. Lateralmente la tendina aiuta a scendere “di livello” I link interni aiutano nella profondità delle pagine 11
  • 13. 3. La Grafica e l’usabilità 13 L’usabilità definisce il grado di facilità e soddisfazione con cui l'interazione uomo-strumento si compie. fonte A COSA SERVE? Un sistema internet usabile presenta numerosi vantaggi: •aumenta l'efficienza •aumenta la produttività •riduce gli errori •aumenta la sicurezza •riduce il bisogno di addestramento •riduce il bisogno di supporto all'utente •aumenta l'accettazione •diminuisce i costi di sviluppo •aumenta le vendite In sostanza piu’ un sito è usabile piu’ l’utente trova quello che cerca. L’analisi dell’usabilità è un sitema molto utilizzato negli U.S.A che testa grafica, alberatura e contenuti attraverso test e parametri OBIETTIVI E SCIENTIFICI
  • 14. 14 3. Scelta del test di usabilità – Fornitore 2 Obiettivo: Testare due alberature (site maps) e due grafiche IL TEST: L’attività di del test con ruota principalmente attorno al laboratorio di usabilità, dotato delle più recenti tecnologie hardware. fondamentali fattori: • separazione tra stanza dell’utente e stanza del test leader, per un maggiore controllo e verosimiglianza; • ambiente confortevole e informale, per non intimidire l’utente. eye tracking: monitor unico in Italia per rilevare il movimento oculare dell’utente durante il test Abbiamo scelto un target di utenti (8) e dei compiti da eseguire. es. Chiedere un preventivo. I compiti venivano svolti sulle due alberature La facilità nell’esecuzione del compito e lo studio del movimento oculare ci darà parametri oggettivi per la scelta del sito migliore possibile.
  • 15. 3. Il SEO- Fornitore 3 search engine optimization (ottimizzazione) • Il S.E.O serve per migliorare la posizione di un sito sui motori di ricerca. 1. Seo Copy: la maniera con cui abbiamo scritto i testi del sito risponde a parametri “letti” dai motori di ricerca (google) , cio’ vuol dire che altre dei nostri obiettivi aziendali, del usabilità lato visitatore, dobbiamo tenere conto della macchina (spider di google) e di come legge i titoli ed i testi. 2. Seo Tecnico: interventi massicci sul codice del csm scelto ( nostro caso drupal) 15
  • 16. 3. I blog ed i social network scelte importanti – fornitore 4 • Blog I Blog hanno il compito di approfondire temi di interesse che aumenteranno la reputazione di e possono essere sviluppati da editor interni oppure da un ‘agenzia. • Social Network La presenza dei Social network prima della costruzione del sito in fase di start-up. I social ci consentono di mantenere velocemente il contatto con l’utenza accrescendo la notorietà, dando informazioni e proponendo offerte o concorsi (sono un ottimo strumento di vendita) Bisogna anche in questo caso affrontare una strategia e una pianificazione Social. Inoltre è importante stabilire chi terrà il contatto con gli utenti e quali “poteri decisionali ha”. I tempi per le risposte sono fondamentali 16
  • 17. Lancio Sito e strategia lancio sui social network (fornitore5) 17 Questa è una fase simile al lancio di un prodotto ma con presupposti totalmente diversi. La rete è un mondo che reagisce diversamente rispetto al target off line. Servono strategie mirate, oneste e innovative. Servono idee vincenti ma anche mezzi vincenti. Inoltre la relazione fra strumenti adv on line ed off-line se pianificata bene, puo’ dare risultati efficaci. GaBriella scrive:Anche in questo caso un bivio: possiamo sfruttare gli interessi utenti e organizzare un lancio alla 2.0, coinvolgendo i leader di opinione appassionati, oppure affidarci ad agenzie specializzate. O .. entrambe le cose.
  • 18. Conclusioni 18 GaBriella scrive: anche sul gantt i tempi sono sempre vincolanti ed il mare è alto… la sensazione di stare su una scialuppa è pur sempre positiva! Alla prossima. Gabriella Bartoccelli

×