Evoluzione dei delitti e persone denunciate dalle forze dell'ordine all'autorità giudiuziaria in italia. Anno 1990-2003

  • 230 views
Uploaded on

Titolo della mia tesi anno 2006. Presso facolta di Scienze Statistiche. Sintesi

Titolo della mia tesi anno 2006. Presso facolta di Scienze Statistiche. Sintesi

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
230
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. METODOLOGIA DELLA RICERCA Delitti denunciati dalle Forze dell’Ordine Delitti e persone denunciate Attività delle Forze dell’ordine Tipologia dei delitti Analisi territoriale Analisi territoriale Delitti contro la persona Delitti contro il patrimonio Analisi territoriale Analisi territoriale
  • 2. Le persone denunciate presentano un aumento del 48% rispetto al 1990, si registra invece una diminuzione nei quozienti concernenti i delitti denunciati.
  • 3. La Liguria è la Regione che nel periodo (1990-2003) registra il tasso medio più alto dei delitti denunciati . La Calabria è la Regione che nel periodo (1990-2003) registra il tasso medio più alto delle persone denunciate.
  • 4. L’Italia Nord-Occidentale registra i quozienti più alti dei delitti denunciati. A partire dal 2000 , l’Italia Centrale e dal 2003 l’Italia Nord- Orientale tendono all’uniformità con l’Italia Nord-Occidentale
  • 5. L’Italia Meridionale registra fino al 2001, tassi delle persone denunciate molto più elevati rispetto alle altre aree geografiche. Dopo il 1999 si approssima al resto del paese. Dal 2000 è particolarmente significativa la tendenza all’aumento per l’Italia Centrale.
  • 6. Cosa s’intende per Attività delle Forze dell’Ordine ?
    • AUTOMEZZI CONTROLLATI
    • PERSONE IDENTIFICATE
    • PERSONE ARRESTATE
    • Rappresenta il controllo del territorio da parte delle Forze dell’ordine
  • 7. Costante il quoziente relativo agli automezzi controllati ed un aumento più deciso dell’indicatore persone identificate
  • 8. In ascesa il quoziente delle persone arrestate in seguito ai controlli delle Forze dell’ordine (+115,48%), nel periodo considerato, con una leggera flessione nel biennio 1999-2001.
  • 9. Sono le Regioni demograficamente più significative ad essere le meno controllate e nello stesso tempo ad avere i tassi medi più alti per le persone arrestate.
  • 10. Tipologia dei delitti
    • Contro la persona
    • Omicidi Volontari, Lesioni Volontarie e Violenze Carnali
    • Sono stati ulteriormente scomposti gli Omicidi per Mafia , Camorra e N’drangheta
    • Contro il patrimonio
    • Furti, Rapine, Estorsione, Sequestro di persona e Truffa.
  • 11. I delitti contro la persona fanno registrare un aumento del 54%, rispetto al 1990. Al contrario il quoziente relativo ai delitti contro il patrimonio indica una contrazione del – 9.8%.
  • 12. Tipologia dei delitti contro la persona : le Violenze Carnali presentano un incremento rispetto al 1990 del 296%!
  • 13. Tipologia dei delitti contro il patrimonio : le Truffe fanno registrare un incremento del 516%.
  • 14. Tipologia dei delitti contro la persona: Graduatorie Regionali
    • Calabria, Campania e Sicilia sono le Regioni che presentano i quozienti medi regionali più elevati per la categoria omicidi volontari e per motivi di mafia ma scorporando questi ultimi si segnala il balzo in avanti della Sardegna .
    • Il Trentino, Friuli ed Emilia Romagna sono le Regioni che presentano i tassi medi più alti per le Violenze Carnali .
    • Ancora il Friuli,ed il Piemonte per le Lesioni Volontarie
  • 15. Tipologia dei delitti contro il patrimonio: Graduatorie Regionali
    • Il Lazio, Liguria e Lombardia sono le regioni che denunciano i tassi medi regionali più alti nel periodo per i Furti;
    • Campania, Sicilia e Lazio per le Rapine ;
    • Calabria Sicilia e Puglia per le Estorsioni ;
    • Lombardia, Emilia Romagna e Marche per le Truffe ;
    • Campania, Lazio ed Emilia Romagna per i Sequestri di Persona .
  • 16. CORRELAZIONE
  • 17. CORRELAZIONE
    • L’indicatore delitti denunciati: presenta una correlazione quasi nulla con l’indicatore persone denunciate e negativamente correlato con le voci che caratterizzano l’attività delle Forze dell’ordine
    • L’indicatore persone denunciate: è correlato positivamente con l’attività delle Forze dell’ordine
    • L’indicatore automezzi controllati :è correlato positivamente con le persone denunciate
  • 18. Analisi di correlazione: secondo tipologia dei delitti, persone denunciate ed attività delle Forze dell’ordine
    • L’indicatore delitti contro il patrimonio: è negativamente correlato con l’indicatore delitti contro la persona ed aumenta rispetto al totale dei delitti denunciati la correlazione negativa sia con l’indicatore persone denunciate che con gli indicatori dell’ attività delle Forze dell’ordine
    • L’indicatore delitti contro la persona: è positivamente legato con le persone denunciate ed in misura maggiore con le persone identificate ed arrestate
  • 19. Analisi di Correlazione :legami tra tipologie dei delitti contro la persona e contro il patrimonio
    • L’indicatore omicidi volontari : si segnala la forte relazione con gli omicidi per mafia etc., ma è anche legato positivamente con l’indicatori furti
    • L’indicatore lesioni volontarie: correlazione quasi massima con l’indicatore violenze carnali e cresce linearmente anche con gli indicatore rapine, estorsioni e sequestri di persona ma anche con le persone identificate ed arrestate
    • L’indicatore violenze carnali: alta correlazione positiva con gli indicatori sequestri di persona, rapine ed estorsioni