Your SlideShare is downloading. ×
Bozza atto costitutivo marineria montese
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Bozza atto costitutivo marineria montese

481
views

Published on

Published in: Technology, Business

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
481
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. ATTO COSTITUTIVO DELL’ASSOCIAZIONE DENOMINATA “ Marineria Montese Onlus” ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA’ SOCIALE ****Il giorno 08 del mese di luglio dell’anno 2011, presso la sede sociale della costituente associazionedenominata “Marineria Montese Onlus” con sede in Monte di Procida, cap. 80070, prov. di Napoli,Corso Garibaldi n. 16 alle ore 18,00, si sono riuniti i seguenti soggetti:a) Giovanni Mazzella di Regnella, nato a Napoli, il giorno 29/03/1961, residente a Monte di Procida (NA) via Pedecone IV traversa 80,codice fiscale MZZGNN61C29F839P, di condizione Marittimo, grado Comandante unità mercantile;b) Antonio Passione, nato a Monte di Procida (NA), il giorno 04/09/1961, residente a Monte di Procida (NA),via Pedecone IV traversa 72, codice fiscale PSSNTN61R04F488M, di condizione Marittimo, grado Comandante unità di diporto;c) Biagio Schiano Moriello, nato a Monte di Procida (NA), il giorno 03/08/1962, residente a Monte di Procida (NA), via Solferino 58 , codice fiscale SCHBGI62M03F488I, di condizione Marittimo, grado Comandante unità di diporto ;d) Umberto Del Prete, nato a Pozzuoli (NA), il giorno 18/09/1959, residente a Monte di Procida (NA),via Armando Diaz I traversa 15, codice fiscale DPLMRT59P18G964R, di condizione Marittimo, grado Comandante unità mercantile;e) Mauro Marchelli, nato a Pozzuoli (NA), il giorno 13/09/1963, residente a Monte di Procida (NA), Via Armando Diaz 7, codice fiscale MRCMRA63P13G964B, di condizione Marittimo, grado Comandante unità mercantile;f) Paolo Verace, nato a Napoli, il giorno 04/11/1962, residente a Monte di Procida (NA), via Nicola Schiano 21, codice fiscale VRCPLA62S04F839H, di condizione Marittimo, grado Com andante unità mercantile;;g) Giuseppe Pugliese, nato a Napoli, il giorno 20/01/1979, residente a Monte di Procida (NA), via Torrione 53 codice fiscale PGLGPP79A20F839L di condizione Marittimo, grado Comandante unità mercantile;h) Claudio Scotto di Fasano, nato a Roma, il giorno 27/06/1956, residente a Monte di Procida (NA), via Michele Ruoppo 8, codice fiscale SCTCLD56H27H501I, di condizione marittimo grado Direttore di Macchina unità trasporto passeggeri;i) Biagio Pasquale Mattera, nato a Monte di Procida (NA), il giorno 01/05/1957, residente a Monte di Procida (NA), via Inferno 71, codice fiscale MTTBPS57E01F488N, di condizione Ma rittimo, grado Comandante unità mercantile;j) Ciro Romeo di Santillo, nato a Monte di Procida, il giorno 18/05/1960, residente a Monte di Procida (NA), Via Bellavista II traversa 8, codice fiscale RMDCRI60E18F488A, di condizione
  • 2. Marittimo, grado Comandante unità mercantile;I presenti designano, in qualità di Presidente dell’Assemblea degli associati così riunita, il Cap.Giovanni Mazzella di Regnella , il quale accetta e nomina per assisterlo e coadiuvarlo nella riunioneil D.M. Claudio Scotto di Fasano, quale Segretario ed estensore del presente atto.Il Presidente dell’Assemblea illustra i motivi che hanno indotto i presenti a promuovere lacostituzione dell’associazione senza scopo di lucro denominata “Marineria Montese” e dà letturadello statuto sociale da considerarsi parte integrante del presente atto costitutivo. Lo statuto vieneapprovato all’unanimità.I presenti, di comune accordo, stipulano e convengono quanto segue:ART. 1 - CostituzioneFra i suindicati comparenti è costituita una libera associazione denominata “Marineria Montese”ART. 2 - SedeLassociazione ha sede in Monte di Procida, provincia di Napoli, al Corso Garibaldi 16.ART. 3 - FinalitàLAssociazione non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale. Essaintende uniformarsi, nello svolgimento della propria attività, ai principi di democraticità interna edella struttura, di elettività, di gratuità delle cariche associative e alle regole definite nello Statutoallegato al presente Atto e che ne costituisce parte integrante. Tale Associazione ha per scopo: a) promuovere, diffondere e valorizzare la cultura del mare; b) tutelare e valorizzare lambiente marino ed il rispetto del suo ecosistema, in particolare nel circondario di Monte di Procida; c) soddisfare le particolari esigenze dei soci che sono occupati nel settore marittimo attraverso il sostegno morale e l’assistenza sociale dei soci in difficoltà e delle loro famiglie, al fine di assicurarne la protezione sociale; d) tutelare il prestigio professionale della Gente di mare; e) promuovere la solidarietà tra i marittimi; f) sensibilizzare gli operatori del settore marittimo alla predisposizione degli strumenti e all’osservanza di tutte le norme necessarie a garantire la sicurezza in mare; g) informare ed indirizzare i soci occupati nel settore marittimo sulla programmazione e gestione dei Corsi Professionali di qualificazione, perfezionamento, specializzazione ed aggiornamento del settore mare, in virtù della Legge Quadro 21/12/1978 n. 845 in materia di formazione professionale, in armonia con le rispettive Leggi delle singole Regioni e loro modificazioni; h) dare ascolto ai soci e sostenere le loro problematiche attivando convegni locali e/o nazionali e confrontandosi con i vari Enti del mare;
  • 3. i) assistere e sostenere il Diporto sia esso come attività di charter commerciale e turistico che amatoriale senza scopo di lucro. j) favorire e sostenere iniziative e attività culturali, didattiche, ricreative, scientifiche, ambientali atte a sviluppare attitudini e comportamenti attivi dei soci ed a sensibilizzare gli Enti e le strutture di competenza alle problematiche della Gente di mare; k) favorire i rapporti di collaborazione con altre organizzazioni similari su basi di reciprocità.LAssociazione non può svolgere attività diverse da quelle sopra indicate ad eccezione di quelle adesse direttamente connesse o di quelle accessorie per natura a quelle istituzionali, ovvero accessoriein quanto integrative delle stesse, nei limiti consentiti dalla legge.ART. 4 - DurataLassociazione ha durata illimitata nel tempo. Per tutta la durata dell’associazione non potrannoessere distribuiti, né direttamente né indirettamente, avanzi di gestione, riserve, fondi o residui dicapitale. L’Associazione è retta dalle norme del presente atto e dello statuto che letto, approvato esottoscritto dai signori convenuti, si allega al presente atto quale parte integrante e sostanziale.ART. 5 – Organi SocialiL’Associazione è amministrata da un Consiglio direttivo composto da un minimo di 3 ad unmassimo di 7 membri, eletti per la prima volta in sede di costituzione ed in seguito dall’Assembleadei soci; i membri del Consiglio direttivo durano in carica tre anni e sono rieleggibili.A comporre il primo Consiglio direttivo, che si determina per ora composto da 6 membri, vengonoall’unanimità designati ed eletti i qui comparsi signori e tra di essi vengono nominati:Presidente: Cap. Giovanni Mazzella di Regnella;Vice presidente: Cap. Antonio Passione;Segretario: D.M. Claudio Scotto di Fasano;Tesoriere: Cap. Ciro Romeo di Santillo;Consigliere: Cap. Mauro Marchelli;Consigliere: Cap. Paolo Verace;Cap. Giuseppe Pugliese;Cap. Biagio Schiano Moriello;Cap. Biagio Pasquale Mattera;Cap. Umberto Del Prete.Il Presidente del Consiglio direttivo rappresenta l’Associazione davanti a terzi.ART. 6 - PatrimonioIl patrimonio dell’Associazione è costituito:-dal fondo di dotazione iniziale, costituito dai versamenti effettuati dai soci fondatori;
  • 4. -dai contributi versati dai soci al fine di incrementare il fondo di dotazione nonché da qualsiasicontributo o liberalità da chiunque ricevuto per la medesima finalità;-da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio;-dai beni mobili ed immobili che diverranno di proprietà dellAssociazione.Le entrate dellAssociazione sono costituite:-dalle quote sociali;-dai redditi derivanti dal suo patrimonio;-dagli introiti realizzati nello svolgimento della sua attività istituzionale e di quelle ad essadirettamente connesse o accessorie;-da elargizioni o contributi da parte di enti pubblici e privati o persone fisiche;-da contributi da pubbliche amministrazioni per lo svolgimento di attività in convenzione oaccreditamento;-dai fondi pervenuti a seguito di raccolte pubbliche occasionali di fondi anche mediante offerte dibeni di modico valore.Tutti i beni appartenenti all’Associazione sono elencati in apposito inventario, depositato presso lasede della stessa e consultabile da tutti gli aderenti.Il Consiglio direttivo annualmente stabilisce la quota di versamento minimo da effettuarsi all’attodell’adesione all’Associazione da parte di chi intende aderire all’Associazione. L’adesioneall’Associazione non comporta obblighi di finanziamento o di esborso ulteriori rispetto alversamento della quota associativa annuale. E’comunque facoltà degli aderenti all’Associazione dieffettuare versamenti ulteriori rispetto a questi.I versamenti al fondo di dotazione possono essere di qualsiasi entità e sono comunque a fondoperduto; in nessun caso, e quindi nemmeno in caso di scioglimento dell’Associazione, né in caso dimorte, di estinzione, di recesso o di esclusione dall’Associazione, può pertanto farsi luogo allaripetizione di quanto versato all’Associazione a titolo di versamento al fondo di dotazione.Il versamento non crea altri diritti di partecipazione e segnatamente non crea quote indivise dipartecipazione trasmissibili a terzi, né per successione a titolo particolare, né per successione atitolo universale; è inoltre vietata qualunque rivalutazione di quanto versato.Il primo esercizio si chiude il 31 dicembre del corrente anno; gli esercizi sociali si chiudono al 31dicembre di ogni anno, come da Statuto.Per il primo anno si determina il contributo associativo in euro 120,00.Il Cap. Giovanni Mazzella di Regnella viene delegato a compiere tutte le pratiche e le formalitàritenute necessarie per la registrazione del presente atto ed ogni altra formalità necessaria per ilrispetto delle disposizioni di legge.Le spese del presente atto e sue dipendenze sono a carico dell’Associazione, che le assume.Null’altro essendovi da deliberare l’Assemblea viene tolta alle ore 20,30 previa lettura e stesura del
  • 5. presente atto Atto costitutivo e statuto di onlus approvato e sottoscritto.Monte di Procida, 07/09/2010 I SOCI FONDATORI Cap. Giovanni Mazzella di Regnella Cap. Antonio Passione Cap. Biagio Schiano Moriello Cap. Umberto Del Prete Cap. Mauro Marchelli Cap. Paolo Verace Cap. Giuseppe Pugliese D.M. Claudio Scotto di Fasano Cap. Biagio Pasquale Mattera Cap. Ciro Romeo di Santillo
  • 6. Statuto Associazione “Marineria Montese”Art. 1 – Denominazione e sedeE’ costituita l’associazione denominata “Marineria Montese” in seguito chiamata per brevità“Associazione”.L’Associazione è apartitica, apolitica e aconfessionale, con durata illimitata nel tempo e senza scopodi lucro.Nello spirito della Costituzione Repubblicana, l’Associazione è disciplinata dagli art. 36 e seguentidel codice civile nonché dal presente Statuto.L’ associazione ha sede legale in Monte di Procida (Na) al Corso Garibaldi 16.Sedi secondarie, uffici e delegazioni possono essere istituite in Italia e all’estero su delibera delConsiglio Direttivo. L’eventuale trasferimento della sede legale non comporterà modifica statutariae verrà effettuato con delibera del Consiglio Direttivo.Art. 2 - DurataLa durata dell’Associazione è illimitata. In caso di scioglimento per qualsiasi causa o di accertataimpossibilità di conseguire gli scopi indicati nell’art. 4 del presente Statuto, si procede alloscioglimento dell’Associazione, con il rispetto delle disposizioni dell’art. 18.Art. 3 - Finalità IstituzionaliLAssociazione non ha fini di lucro. Essa persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale. Ilconseguimento degli scopi associativi è affidato in modo determinante e prevalente su ogni altroapporto, alle prestazioni personali, volontarie e gratuite degli associati.Tale Associazione ha per scopo: a) promuovere, diffondere e valorizzare la cultura del mare; b) tutelare e valorizzare lambiente marino ed il rispetto del suo ecosistema, in particolare nel circondario di Monte di Procida; c) soddisfare le particolari esigenze dei soci che sono occupati nel settore marittimo attraverso il sostegno morale e l’assistenza sociale dei soci in difficoltà e delle loro famiglie, al fine di assicurarne la protezione sociale; d) tutelare il prestigio professionale della Gente di mare; e) promuovere la solidarietà tra i marittimi; f) sensibilizzare gli operatori del settore marittimo alla predisposizione degli strumenti e all’osservanza di tutte le norme necessarie a garantire la sicurezza in mare; g) informare ed indirizzare i soci occupati nel settore marittimo sulla programmazione e gestione dei Corsi Professionali di qualificazione, perfezionamento, specializzazione ed
  • 7. aggiornamento del settore mare, in virtù della Legge Quadro 21/12/1978 n. 845 in materia di formazione professionale, in armonia con le rispettive Leggi delle singole Regioni e loro modificazioni; h) dare ascolto ai soci e sostenere le loro problematiche attivando convegni locali e/o nazionali e confrontandosi con i vari Enti del mare; i) assistere e sostenere il Diporto sia esso come attività di charter commerciale e turistico che amatoriale senza scopo di lucro. j) favorire e sostenere iniziative e attività culturali, didattiche, ricreative, scientifiche, ambientali atte a sviluppare attitudini e comportamenti attivi dei soci ed a sensibilizzare gli Enti e le strutture di competenza alle problematiche della Gente di mare; k) favorire i rapporti di collaborazione con altre organizzazioni similari su basi di reciprocità.LAssociazione non può svolgere attività diverse da quelle sopra indicate ad eccezione di quelle adesse direttamente connesse o di quelle accessorie per natura a quelle istituzionali, ovvero accessoriein quanto integrative delle stesse, nei limiti consentiti dalla legge.Per il raggiungimento delle proprie finalità istituzionali, lAssociazione potrà possedere, gestire,prendere in locazione immobili ed altre attrezzature sia mobili che immobili, stipulare contratti,accordi con altre associazioni, strutture e terzi in genere, sostenere l’attività di enti ad essa collegatio aventi le medesime finalità e provvedere ad ogni altro servizio che possa assicurare la migliorerealizzazione dei suoi scopi, secondo quanto previsto dalla legge.Art. 4 - AttivitàL’Associazione potrà svolgere ogni attività utile per il perseguimento delle proprie finalitàistituzionali. In particolare, la realizzazione delle finalità istituzionali si persegue, da un latoattraverso la valorizzazione e la diffusione della cultura del mare, la tutela del suo ambiente e lapredisposizione di iniziative tendenti a promuovere tali attività; dall’altro attraverso programmitendenti ad assistere il marittimo sia nel sociale che nel settore della formazione edell’aggiornamento professionale. In questa ottica si provvede a:  promuovere la cultura della solidarietà e di nuove forme di partecipazione ed integrazione tra i marittimi attraverso forme di auto-organizzazione ed iniziative di carattere sociale, culturale, ricreativo ed assistenziale;  promuovere iniziative di educazione al lavoro e alle regole che sottendono al rapporto lavorativo e ne costituiscono prerequisito di successo, con finalità di rendere meno traumatico il distacco del marittimo dalla propria famiglia e della famiglia dal marittimo, soprattutto quando l’imbarco è per periodi lunghi o in prossimità delle festività;  attuare, operando anche in convenzione con gli enti preposti, iniziative di orientamento, pre- formazione professionale e formazione professionale rivolte al personale navigante;
  • 8.  promuovere ad ogni livello - istituzionale e sociale - la “cultura del mare”;  tutelare i diritti dei marittimi nelle competenti sedi Istituzionali;  sollecitare la collaborazione tra le varie componenti che operano allinterno del settore marittimo per raggiungere la piena attuazione delle leggi nazionali ed internazionali che tutelano la salute fisico – psichica del marittimo, le condizioni economiche, gli standard di sicurezza sul lavoro;  promuovere iniziative che informino i marittimi sugli aspetti fiscali e contributivi connessi alla loro professione, soprattutto per coloro che imbarcano su navi battenti bandiera estera;  assistere i marittimi nel necessario iter conoscitivo riguardante la legislazione e le normative vigenti in campo sanitario, civile, amministrativo, ambientale a tutela dei loro diritti;  favorire il confronto, la collaborazione e linterscambio tra associazioni e realtà diverse impegnate nel settore marittimo;  creare un nuovo sistema sociale e culturale, che preveda il superamento delle attuali barriere che limitano il marittimo in alcuni dei suoi diritti, come il diritto di voto;  promuovere, coordinare e conseguire intese sui comuni obiettivi, curando in particolar modo i rapporti con gli enti pubblici sulla problematica del mare;  creare forme di partenariato con altri enti del settore marittimo, mediante progettazione e programmazione congiunta di attività per larea della formazione e dell’ informazione;  gestire in forma autonoma o e/o convenzionata spazi, luoghi ed ambienti (della natura e/o della costa) per limplementazione di attività ricreative a favore dei soci;  garantire consulenza legale e centri di raccolta fiscale gratuita per gli associati;  promuovere la raccolta di contributi ai fondi dell’associazione per mezzo di donazioni, sottoscrizioni, lasciti o attraverso qualsiasi altro mezzo da destinare al funzionamento delle attività dellassociazione.È fatto divieto allAssociazione di svolgere attività diverse da quelle istituzionali. LAssociazionepotrà tuttavia svolgere attività direttamente connesse a quelle istituzionali, ovvero accessorie inquanto integrative delle stesse, nei limiti consentiti dalla legge.Art. 5 - PatrimonioIl patrimonio è formato:a ) dalle quote sociali ed eventuali contributi volontari degli associati che potranno essere richiestiin relazione alla necessità ed al funzionamento dell’ associazione.b) dai contributi di enti pubblici ed altre persone fisiche o giuridichec) da eventuali erogazioni, donazioni o lasciti;d) da eventuali entrate per servizi prestati dall’ associazione;d) da quote di imposte o tasse che per legge siano destinabili a sostegno del volontariato e delleorganizzazioni di utilità sociale;
  • 9. e) da fondi raccolti con pubblica sottoscrizione con il coinvolgimento di istituzioni pubbliche eprivate, enti locali, persone fisiche, persone giuridiche, e da contributi, sussidi ed elargizioni;f) da eventuali entrate per servizi prestati dall’Associazione;g) da beni mobili e immobili divenuti di proprietà dellAssociazione;h) da eventuali fondi di riserva, costituiti con le eccedenze di bilancio.Il patrimonio sociale è anche costituito da ogni altra entrata o bene mobile o immobile che abbiaconcorso ad incrementare lattivo sociale.È fatto obbligo all’Associazione di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazionedelle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.Il patrimonio è rigidamente vincolato ai fini istituzionali e non può essere destinato a scopi diversi.Art. 6 - SociPossono essere associati tutti coloro, persone fisiche, giuridiche, associazioni o enti che, necondividono gli scopi e facciano richiesta scritta al Consiglio Direttivo, presso la sede legaledellAssociazione, fornendo le proprie generalità.Il Consiglio Direttivo, esaminata entro 30 giorni la richiesta di adesione, decide sullammissione omeno del nuovo socio, in questultimo caso ne darà motivazione con comunicazione scrittaallinteressato.Il socio ammesso sarà tenuto a versare la quota associativa e il consiglio di amministrazione cherilascerà apposita ricevuta, curerà la sua iscrizione nellapposito registro dei soci.I soci si distinguono in: 1) Soci fondatori, coloro che hanno dato vita all’Associazione; Essi verseranno una quota associativa annua di aderenza pari ad Euro 120,00; 2) Soci ordinari, tutti i marittimi appartenenti allo Stato Maggiore del naviglio; Essi verseranno una quota associativa annua di aderenza pari ad Euro 80,00; 3) Soci aderenti, tutti i marittimi non appartenenti allo Stato Maggiore, i pensionati marittimi, gli allievi nautici, i laureati in discipline nautiche, gli appartenenti al corpo delle Capitanerie di Porto, i professionisti in genere con attività specifiche nel campo marittimo. Essi verseranno una quota associativa annua di aderenza pari ad Euro 40,00; 4) Soci sostenitori, i rappresentanti di Enti ed Aziende operanti nel ramo marittimo. Essi verseranno una quota associativa annua di aderenza pari ad Euro 240,00; 5) Soci onorari, le persone particolarmente distintesi nel campo marittimo, benemeriti per la loro dedizione alle finalità dell’Associazione; sono nominati dal Consiglio Direttivo, non possono ricoprire cariche sociali, non hanno voto deliberativo e non sono tenute al versa mento della quota annuale associativa.Il contributo associativo è intrasmissibile ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non èrivalutabile.
  • 10. Il socio è tenuto al pagamento della quota sociale, ad operare per il raggiungimento delle finalitàstatutarie, ad un comportamento corretto con gli altri soci e non lesivo dellimmagine dellAssociazione.Tutti i soci hanno diritto di parola e di voto in assemblea, di frequentare i locali dellassociazione edi partecipare a manifestazioni e attività promosse dalla stessa.Art. 7 - Diritti e obblighi dei sociGli aderenti all’associazione godono del diritto di partecipazione e voto , direttamente o per delega,nelle assemblee sociali , nonché dell’elettorato attivo e passivo . Gli associati maggiorenni avrannodiritto di voto in assemblea: in particolare potranno esprimere il proprio voto per lapprovazione e lemodifiche dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dellassociazione.La qualifica di socio dà diritto a frequentare i locali sociali e il diritto all’informazione in ordineallattività dellassociazione.Il socio è tenuto allosservanza del presente Statuto, degli eventuali regolamenti interni edeliberazioni prese dagli organi direttivi, non deve svolgere attività in contrasto con le finalità e gliscopi dellassociazione. Il comportamento verso gli altri soci e all’esterno dell’organizzazione èanimato da spirito di solidarietà e attuato con correttezza, onestà e rigore morale.Art. 8 - Perdita della qualità di socioLa qualità di associato si perde per decesso, dimissioni o esclusione, o estinzione nel caso di enti epersone giuridiche.L’esclusione è deliberata dall’Assemblea dei Soci su proposta del Consiglio Direttivo con deliberamotivata per ragioni che comportino indegnità o per lo svolgimento di attività in contrasto conquella dell’Associazione, ovvero qualora il socio non ottemperi alle disposizioni statutarie o deiregolamenti o alle delibere assembleari o del Consiglio Direttivo o per la mora superiore ad un annonel pagamento delle quote annuali di associazione.Art. 9 - RecessoIl recesso da parte dei soci deve essere comunicato in forma scritta alla Associazione almeno unmese prima dell’anno in corso. Il socio receduto, decaduto o escluso non ha diritto alla restituzionedelle quote associative versate. Eventuale riammissione dovrà essere vagliata ed approvata dalConsiglio Direttivo.Art. 10 - Organi SocialiOrgani dellassociazione sono:− Assemblea generale dei soci− Il Presidente− Il Consiglio DirettivoGli incarichi degli organi sopra descritti sono gratuiti.
  • 11. Possono, inoltre, essere costituiti,secondo le modalità previste nel Regolamento di Amministrazionedell’Associazione, i seguenti organi di garanzia: - il Collegio dei Sindaci; - il Collegio dei Garanti.Art. 11 - AssembleaL’Assemblea è organo deliberante e sovrano dell’Associazione.Di essa fanno parte tutti gli associati dei quali essa rappresenta l’universalità.Tutti gli associati hanno diritto di partecipare alle assemblee e di votare direttamente o per delega.Lassemblea è convocata in sessioni ordinaria e straordinaria.Lassemblea ordinaria è convocata almeno una volta allanno, per approvare il bilancio e quando nefaccia richiesta motivata almeno un decimo degli associati, ogni volta che se ne ravvisi la necessità.Lassemblea straordinaria è convocata per la modifica dello statuto e dellatto costitutivo per la cuiapprovazione occorre la presenza di almeno tre quarti degli associati ed il voto della maggioranzadei presenti.LAssemblea è convocata dal Consiglio Direttivo mediante avviso scritto, inviato a ciascun associa-to con lettera raccomandata, fax o messaggio di posta elettronica, almeno otto giorni prima di quellofissato per l’adunanza. In caso di urgenza il predetto termine può essere ridotto a tre giorni.L’avviso di convocazione dell’assemblea sarà sottoscritto dal Presidente del Consiglio Direttivo oda altra persona delegata dall’organo di amministrazione e in nome del medesimo.LAssemblea può essere convocata in ogni luogo, sia in Italia che allestero e può riunirsi valida-mente anche in audio o audio/video conferenza.Art. 12 - VotazioniL’ assemblea è presieduta dal Presidente e dal consiglio direttivo.Le votazioni possono avvenire per alzata di mano o a scrutinio segreto, quando faccia richiestaalmeno un decimo dei soci presenti con diritto di voto.Per l’ elezione degli organi sociali la votazione avviene a scrutinio segreto, secondo le modalitàpreviste dal regolamento.Le deliberazioni assembleari e gli atti verbalizzati sono esposti all’ interno della sede ufficialedurante i quindici giorni successivi alla loro formazione, e restano successivamente agli atti adisposizione dei soci per la consultazione.Art. 13 - ConvocazioneL’assemblea si riunisce su convocazione del presidente.Il presidente convoca l’assemblea con avviso scritto affisso nella sede dell’associazione e inviato aciascun associato con lettera raccomandata, fax o messaggio di posta elettronica, almeno otto giorniprima di quello fissato per l’adunanza. In caso di urgenza il predetto termine può essere ridotto a
  • 12. tre giorni .Art. 14 - VerbaleLe discussioni e le deliberazioni dell’assemblea sono riassunte in un verbale, redatto dal segretarioo da un componente dell’assemblea, e sottoscritto dal presidente. Il verbale è tenuto, a cura delpresidente, nella sede dell’organizzazione.Ogni socio ha diritto di consultare il verbale e di trarne copia.Art. 15 - Consiglio DirettivoIl consiglio direttivo è composto da un minimo di tre membri fino ad un massimo di sette elettidall’assemblea .Il Consiglio Direttivo rimane in carica tre anni ed i suoi componenti sonorieleggibili.Qualora durante il mandato venisse a mancare uno o più membri del Consiglio Direttivo,quest’ultimo coopterà altri membri in sostituzione dei membri mancanti, i membri cooptatidureranno in carica fino alla prima assemblea in carica fino alla scadenza del consiglio direttivo cheli ha cooptati.Il Consiglio direttivo è investito di tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione inerentila gestione dell’ associazione ad eccezione di quelli che la legge e lo statuto riservano all’assemblea.Il Consiglio Direttivo elegge al suo interno un Presidente, un Vice Presidente ed un Tesoriere, cheha il compito di assistere la gestione economica e finanziaria dell’AssociazioneIl consiglio direttivo ha la facoltà di nominare consigli scientifici e ogni altro organismo per leattività di associazione stabilendo mansioni ed eventuali compensi, tenuto conto del disposto di cuialla lettera e, comma 6 dell’ art. 10 del D.lgs n.460 del 4.12.1197.Il consiglio direttivo in occasione della stesura del bilancio consuntivo in presenza del presidente edel vice-presidente, del tesoriere dell’ associazione si riunisce e sottopone l’ approvazione delbilancio all’ assemblea. Il consiglio direttivo, inoltre, determina le quote associative e stabilisce lemodalità per il reperimento dei fondi necessari per le spese ordinarie e straordinarie di gestione.Il consiglio direttivo delibera a maggioranza assoluta dei suoi membri, è convocato dal presidente,dal vice-presidente o da un terzo dei suoi componenti.Il consiglio direttivo è convocato almeno otto giorni prima della riunione mediante comunicazionescritta. In caso di urgenza, la convocazione potrà essere fatta mediante invio di telegramma o faxinoltrato almeno due giorni prima della data prevista per la riunione.Art. 16 - PresidenteIl presidente ha la rappresentanza legale dell’ ente di fronte a terzi e in giudizio e dà esecuzione alledelibere del comitato direttivo.
  • 13. Il presidente presiede l’assemblea e il consiglio direttivo, cura l’ordinato svolgimento dei lavori. Il presidente sottoscrive il verbale dell’assemblea e ne cura la custodia presso la sededell’organizzazione, dove può essere consultato dai soci.Il vicepresidente sostituisce il Presidente in sua assenza o impossibilità temporanea a presiedere gliorgani dellassociazione e/o a rappresentarla allesterno.Art. 17 - BilancioL’esercizio finanziario dell’Associazione si chiude al 31 dicembre di ogni anno. Entro il 30 aprile ilConsiglio Direttivo sottopone all’ assemblea dei soci il bilancio consuntivo relativo all’ annoprecedente ed entro il 31 dicembre il bilancio preventivo relativo all’ anno successivo.Gli eventuali utili o gli avanzi di gestione dovranno essere impiegati esclusivamente per larealizzazione delle attività di cui all’ art. 4 del presente statuto.Gli utili o gli avanzi nonché fondi, riserve o capitale non verranno distribuiti, neanche in modoindiretto, durante la vita dell’ associazione, salvo che la destinazione o distribuzione non sianoimposte dalla legge o siano effettuati a favore di altri Enti no-profitArt. 18 - Scioglimento e LiquidazioneL’Associazione si scioglie per delibera dell’assemblea o per inattività dell’assemblea protratta peroltre due anni, ovvero per accertata impossibilità di conseguire gli scopi indicati nell’art. 4 delpresente Statuto o quando il patrimonio è divenuto insufficiente rispetto agli scopi.L’assemblea che delibera lo scioglimento dell’associazione e la nomina dei liquidatori stabilirà icriteri di massima per la devoluzione del patrimonio residuo. I liquidatori, tenuto conto delleindicazioni dell’assemblea e sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3 comma 190, della legge23 dicembre 1996 n. 662, sceglieranno l’ organizzazione non lucrativa di utilità sociale operante inidentico o analogo settore o altre organizzazioni a fini di pubblica utilità , cui devolvere ilpatrimonio residuo, salva diversa destinazione imposta dalla legge vigente al momento delloscioglimento, come richiesto dall’art. 28 comma 4 lettera b) e c) Legge n. 49/87Art. 19 - Norma di chiusuraPer tutto quanto non previsto dal presente statuto si fa riferimento alle norme del Codice Civile ealle leggi in materia, ed in particolare le disposizioni contenute nel D.lgs. 4 dicembre 1997 n. 460.

×