benchmarking giochi on line ecologia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

benchmarking giochi on line ecologia

on

  • 1,467 views

analisi di alcuni giochi on line relativi l'educazione ecologica e ambientale.

analisi di alcuni giochi on line relativi l'educazione ecologica e ambientale.

Statistics

Views

Total Views
1,467
Views on SlideShare
1,466
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
5
Comments
0

1 Embed 1

http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft Word

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    benchmarking giochi on line ecologia benchmarking giochi on line ecologia Document Transcript

    • Il mio lavoro di benchmarking si è concentrato sull’analisi di alcuni giochi con caratteristiche molto diverse tra di loro ma che hanno in comune il volere insegnare il rispetto per l’ambiente in maniera ludica. Ognuno dei giochi racchiude delle peculiarità - negative e positive - che mi son sembrate utili come punto di partenza per sviluppare il mio progetto.
      I giochi online possono essere sia un utile strumento per approcciarsi alle tecnologie da parte di coloro che per diversi motivi non hanno mai interagito con esse. Attraverso la realizzazione di giochi specificatamente pensati per sviluppare non solo, l’uso di programmi ludico-didattici può favorir l’apprendimento in maniera soggettiva. A prescindere dai ritmi di apprendimento della classe, usando il computer e i giochi online vi è la possibilità di far seguire a ciascun bambino il proprio ritmo.
      Videogiocare può cambiare il mondo, se si parte dal presupposto che il videogioco è in grado di stimolare la riflessioni su temi seri.
      Abodo
      Sito: http://www.myabodo.com/
      Il primo gioco che ho analizzato si chiama My Abodo, è pensato per far imparare ai bambini il rispetto per l’ambiente. E’ possibile accedere al gioco collegandosi al sito web http://myabodo.com/, da questa piattaforma è possibile costruire la propria casa scegliendo tra i diversi modi più o meno ecologici.
      Interessante è che oltre a costruire la casa si può definire un vero e proprio stile di vita. Le opzioni tra cui si può scegliere sono tante è in base alle soluzioni che si scelgono che si capisce quali sono quelle migliori per migliorare il clima del pianeta e diminuire l’inquinamento.
      Una volta terminata la casa, verrà posta in un isolato dove tutti potranno vederla e , inoltre, può essere inserita in un sito poiché viene creato un codice embed.
      Per capire bene il gioco è necessario capire l’inglese, in tal senso questo gioco potrebbe essere utile sia per imparare l’uso della lingua inglese sia per imparare a capire le dinamiche ecostostenibili.
      Il gioco potrebbe essere utile se usato nelle scuole per far imparare ai bambini qualcosa di importante divertendosi e apprendendo le nove tecnologie di internet.
      2.Honoloko
      sito: http://honoloko.eea.europa.eu/Honoloko.html
      Il secondo gioco che coniuga il divertimento con le conoscenze ambientali è Honoloko. Nato come gioco da tavolo, destinato ai bambini dagli 8 e i 12 anni, è ora disponibile su internet gratuitamente. Il giocatore viene trascinato in un isola immaginaria, dove riceve sia notizie che riguardano le cause e i rimedi circa l’inquinamento. Il giocatore viene aiutato dal coniglietto, dalla macchina della salute, dal robot dell’energia per superare le difficoltà che incontra nel percorrere l’isola. Ciò che trovo interessante in questo gioco è il rendere partecipe colui che ci gioca attraverso un interazione educativa fatta di domande sul comportamento ambientale; infatti è sulla base delle corrette risposte che poi si ottiene il punteggio. La risposta alle domande è aiutata dalle informazioni che aiutano a rispondere alle domande che riguardano quattro categorie: energia, benessere, salute, uso delle risorse. In base alle risposte e ai comportamenti adottati sull’isola a fine partita avremo un resoconto degli effetti che i nostri comportamenti hanno provocato sull’ambiente di Honoloko. Il gioco per quanto sia destinato ai bambini potrebbe essere degno di nota anche per gli adulti, mi son accorta, provando il gioco, di come non sempre un adulto possa essere informato sul miglior comportamento ambientale da adottare e di come le pillole di informazioni che aiutano a trovare la soluzione alle domande possano essere utili non sono per i bambini ma anche per i “grandi”.
      3. Electrocity
      Sito: http://electrocity.co.nz/
      Questo gioco insegna ad amministrare una città cercando il giusto compromesso tra sviluppo e sostenibilità.
      Giocando si impara a sfruttare meglio le fonti energetiche alternative per un ambiente più pulito.
      Il sito dove è presente il gioco è diviso in sezioni: register now, finisched cities, how to play, prizes teacher resources. Quest’ultima sezione riguarda la possibilità da parte degli insegnanti di registrarsi in modo che le migliori città create dagli studenti possono vincere dei premi scolastici.
      Una volta registrati al sito, viene inviato un codice per poter iniziare a costruire la propria città nei panni di sindaco e bisogna governare assicurandosi che la popolazione abbia le risorse energetiche, tutto ciò rispettando l’ambiente. Bisogna amministrare la città cercando di aumentare la popolazione, Il principio di questo gioco finanziato da un’azienda NeoZelandese è molto simile a Sim city, un famoso gioco di simulazione della realtà cittadina. Dopo aver dato il nome alla propria città si inizia col costruire campeggi, solo una volta raggiunto un certo numero di popolazione sarà possibile costruire fabbriche.
      La cosa interessante riguarda gli “inconvenienti” che si presentano cercando di costruire la propria città ideale, è possibile che i cittadini blocchino i cantieri, che gli scienziati inventino nuove strutture che portano a un peggioramento del benessere cittadino.
      4.Eco-agent
      Sito: http://ecoagents.eea.europa.eu/index.html
      E’ un sito che permette di imparare e partecipare a un concorso rivestendo i panni di un Eco-agent.
      Appena si accede al sito è necessario registrarsi, una volta inseriti i dati : nome, cognome, mail, stato e una piccola presentazione di se stessi. A questo punto l’utente deve creare il proprio personaggio utilizzando le diverse possibilità presenti. Una volta creato il proprio personaggio si può iniziare i due quiz : uno sul cambiamento climatico e uno sull’acqua. Ogni quiz contiene dieci domande, a seconda delle risposte giuste date si ottiene il punteggio , dieci punti per ogni domanda a cui si è risposto esattamente.
      Il gioco ha dei lati positivi ma altrettanti negativi. Per quel che concerne i lati positivi è la possibilità di crearsi il proprio personaggio e di sfidare un altro personaggio, la competizione potrebbe stimolare il bambino a giocare e a volere imparare per rispondere correttamente ed aumentare il suo punteggio. Per quel che riguarda invece le negatività, vi è sicuramente la difficoltà di capire come funziona il gioco, e tutte le sezioni dell’Home Page ,il sito non dispone di un tutorial, e ritengo non permetta a un bambini di comprendere lo scopo del gioco né le modalità.
      5. Mini ambiente
      Sito: http://reg.habitatheroes.com/reg/view/index.php
      Si tratta di un gioco creato dal ministero dell’ambiente e della tutela del territorio creato per far imparare ai bambini i comportamenti che dovrebbero avere nell’interazione con l’ambiente.
      Il gioco è molto semplice e intuitivo, adatto soprattutto ai bambini piccoli, sia la grafica che le i meccanismi sono facilmente comprensibili.
      Bisogna scegliere quale degli animali già esistenti si vuol essere per far il percorso nel bosco , cliccando sugli animali appare una scheda con alcune informazioni sull’animale scelto. cliccando sui cartelli col numero verranno