Slide seminari Marketing

860 views
763 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
860
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Slide seminari Marketing

  1. 1. IL FUTURO APPARTIENE LABORATORIO A COLORO Marketing e CHE Comunicazione d impresa d’impresa CREDONO Modena Formazione NELLA Appunti integrativi di documentazione all’intervento del relatore Tino Ferrari. BELLEZZA Vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin it – www tinoferrari it tinoferrari@tin.it www.tinoferrari.it DEI PROPRI SOGNI Testi di riferimento “ Comunicare l’impresa”(2005) ”Marketing e Comunicazione non convenzionale” Guerrilla,Virale,Polisensoriale (2009) di tino Ferrari , ed. CLUEB , Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna. (Eleonor Roosvelt)© Tino Ferrari – vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it © Tino Ferrari – vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it 1
  2. 2. 1980 Italia: Primavera 2008 : 300 spot Microsoft offre 44,6, Oggi oltre gg miliardi di $ per Yahoo, 2600 il secondo motore di ricerca su Internet... Un bambino italiano vede una pubblicità ogni 5 minuti per un totale di 32.850 all’anno. Un bambino europeo ogni 10 minuti. Fascia oraria: dalle 16 alle 19 ....AirFrance 15 anni fa, occorrevano 3 spot per offre 1,3 raggiungere il 50% della popolazione: miliardi di € per oggi ne occorrono 85 Alitalia... 33.000 gli spot sugli alimentari su Italia 1 nel 2006© Tino Ferrari – tinoferrari@tin.it © Tino Ferrari – vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it 2
  3. 3. MARKETING “ il marketing è il processo attraverso cui la domanda di prodotti e servizi è prevista, soddisfatta e accresciuta IL PUNTO DI con la creazione , la promozione e la distribuzione fisica.” PARTENZA “Marketing: attività umana diretta a “Vado al mercato a vedere soddisfare bisogni ed esigenze Di quante cose non ho bisogno” attraverso processi di scambio.” p (Socrate) ( ) (Philip Kotler)ESTRATTO DA “COMUNICARE L’IMPRESA,” DI TINO FERRARI, ED.CLUEB- COOPERATIVA LIBRARIA UNIVERSITARIA EDITRICEBOLOGNA, 2005 © vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it tinoferrari@tin.it 3
  4. 4. IL MARKETING E’ UN PROCESSO ATTRAVERSO IL QUALE L’ORGANIZZAZIONE RAGGIUNGE IL SODDISFACIMENTO MUTAMENTI DEI BISOGNI E DEI DESIDERI DI UN PUBBLICO, CREANDO, OFFRENDO, CREANDO OFFRENDO SCAMBIANDO PRODOTTI, SERVIZI, IDEE.(Philip Kotler) OSSERVARE I SEGNALI IMPRESE-ENTI E CLIENTI-CITTADINI COMUNICANO FRA LORO INTERPRETARE I SEGNALI VENGONO SCAMBIATI SERVIZI - VALORI IN LUOGHI DEFINITI MODIFICARE ATTEGGIAMENTI (Innovare prodotto/servizio) ACCETTAZIONE DELLO SCAMBIO SODDISFAZIONE RECIPROCA Wdoc976 ©Tino Ferrari - Vietata la riproduzione non autorizzata©Tino Ferrari - vietata la riproduzione non autorizzata - tinoferrari@tin.it 4
  5. 5. Le 4P del MARKETING MIX S.W.O.T. ANALYSIS PLACE PRODUCT (LOGISTICA, BENE O DISTRIBUZIONE SERVIZIO CHE ALL’INGROSSO, PROMOTION SI VENDE PER PRICE IMPRESA AMBIENTE SODDISFARE I VENDITA AL INSIEME DELLE CORRISPETTIVO DETTAGLIO, DETTAGLIO ATTIVITA ATTIVITA’ DI BISOGNI DEI IN DENARO CHE IL ETC..) COMUNICAZIONE CONSUMATORI •STRENGHTS- punti di CONSUMATORE E’ PER PROMUOVERE •OPPORTUNITIES- DISPOSTO A IL PRODOTTO/ forza opportunità PAGARE PER IL SERVIZIO BENE/ SERVIZIO •WEAKNESSES- punti di p •THREATS- minacce THREATS debolezza Alle storiche 4P si aggiungono : ll i h i i SERVIZIO e PERSONALE Estratto dal capitolo 2 DI “Marketing: il punto di partenza” di “Comunicare l’impresa, realtà e trend polisensoriale – emozionale” di Tino Ferrari, ed. Clueb – Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna, 2005© Estratto dal capitolo 2 DI “Marketing: il punto di partenza” di “Comunicare l’impresa,” di Tino Ferrari, ed. Clueb – Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna, 2005©©Tino Ferrari - Vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it 5
  6. 6. CICLO DI VITA DEL PRODOTTO Immagine I i e Posizionamento ESTRATTO DAL CAPITOLO 2 (PAG.37) “MARKETING: IL PUNTO DI PARTENZA” DI “ COMUNICARE L’IMPRESA, REALTA’ E TRENDPOLISENSORIALE - EMOZIONALE” DI TINO FERRARI, ED.CLUEB- COOPERATIVA LIBRARIA UNIVERSITARIA EDITRICE BOLOGNA, 2005 © 6
  7. 7. IMMAGINE METODOLOGIA DI UN PIANO OPERATIVO DI PRODOTTO ISTITUZIONALE DEFINIRE L’OBIETTIVO (concreto, misurabile) 1. ANALISI SCENARIO - ANALISI DEI NOSTRI PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA. - ANALISI DELLA SITUAZIONE DI MERCATO: OPPORTUNITA’ E PERICOLI. - CONCORRENZA 2. A QUALI PUBBLICI MI RIVOLGO? ( IMMAGINE VISIVA Pubblici destinatari e complementari 3. QUALI SONO GLI ARGOMENTI FORTI CHE VOGLIO COMUNICARE? 4. CON QUALE “TONO - STILE” LI COMUNICO? - E IL VOLUME ? IMMAGINE COORDINATA 5. CON QUALI MEZZI? (piano operativo) ( ) - CARTACEI: biglietti visita – volantini – pieghevole – brochure –affissioni, etc - MASS MEDIA: – radio – tv – giornali – internet, etc. CODICE/MANUALE DI STILE - ATTIVITA’: pubblicità – promozione – relazioni con la stampa e attività di relazioni pubbliche, passaparola – direct marketing (per posta e telefono), organizzazione eventi, etc… © Tino Ferrari – Vietata la riproduzione non autorizzata- tinoferrari@tin.it 14IP28 - Tino Ferrari - tinoferrari@tin.it - Vietata la riproduzione non autorizzata 7
  8. 8. OBIETTIVI Analisi scenario territorio scenario- LE RELAZIONI CON I CONSUMATORI Pubblici da intercettare gli argomenti forti “Se non sapete sorridere, non aprite un negozio.” (Proverbio Zen) Tono e volume: come li comunico T l i PIANO DI AZIONE ESTRATTO DA “COMUNICARE L’IMPRESA, REALTA’ E TREND POLISENSORIALE-EMOZIONALE” DI TINO FERRARI, ED.CLUEB- COOPERATIVA LIBRARIA UNIVERSITARIA EDITRICE BOLOGNA, 2005 © vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.ittinoferrari@tin.it 8
  9. 9. RELAZIONI CON IL CONSUMATORE I MEZZI “MECCANICI” DI COMUNICAZIONE SONO MOLTO IMPORTANTI,MA SONO SOLTANTO STRUMENTI AUSILIARI. Anni ’80: CONSUMISMO NULLA PUÒ SOSTITUIRE Inizio anni ’90: LA CRISI LINCONTRO PERSONALE FRA ESSERI UMANI. Anni ’90 nn 90 oggi: CONSUMERISMO ogg ONSUME ISMO (W.G. Werner) ( ) 9
  10. 10. IL “NUOVO” CLIENTE/CONSUMATORE IMMAGINE - POSIZIONAMENTO PERFORMANCE DI PRODOTTO E DI SERVIZIO IL CLIENTE E’ UN SOCIO IN AFFARI - E’ UNA PERSONA Il consumatore etico: Movimenti di difesa del consumatore particolarmente consumatore RELAZIONI CON IL CONSUMATORE attento ai risvolti sociali di una determinata azione di marketing Trasmissioni TV NUOVE FRONTIERE: e alle condizioni con cui vengono g DALLE 4 P (PRODUCT PRICE PLACE, PROMOTION) (PRODUCT, PRICE, PLACE realizzati i prodotti. Il Salvagente (in edicola ALLE 4 C (COSTO, CUSTOMER VALUE, CONVENIENZA, COMUNICAZIONE) Banca etica al giovedì) e riviste di MULTISENSORIALITA’ ED EMOZIONALITA’ movimenti Marchio sociale L’ESPERTO DEL FATTORE UMANO STRATEGIA D’ASCOLTO Commercio equo e solidale Rubriche fisse in periodici CULTURA DEL SERVIZIO – LA QUALITA’ PERCEPITA …… …… FORMAZIONE - SELF ANALYSIS …… …… PASSAPAROLA - COSTI CLIENTE PERSO WEB COMMUNICATIONWdoc936 © Tino Ferrari - - Vietata la riproduzione non autorizzata - tinoferrari@tin.it tinoferrari@tin.it 10
  11. 11. PERCEZIONI DELLA QUALITA’ IL CLIENTE L AZIENDA L’AZIENDA •Prodotto/servizio •Esperienza •Performance del pregressa personale di front •Necessità attuali office (credibilità, attenzione, sorriso, cortesia, empatia) ) QUALITA’ ATTESA PASSAPAROLA QUALITA’ OFFERTA È LO STRUMENTO PIÙ EFFICACE DI PUBBLICITÀ INDIRETTA, POICHÉ SI REGGE SULLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE È IL FATTORE CHE PIÙ INFLUENZA IL CONSUMATORE QUALITA’ PERCEPITA NELL’ACQUISTO DI UN PRODOTTO dal cliente È UN MECCANISMO LENTO MA MOLTO ECONOMICO E, UNA VOLTA ATTIVATO, DÀ OTTIMI RISULTATIESTRATTO DAL CAPITOLO 11 (PAG.122) “RELAZIONI CON IL CONSUMATORE” DI “COMUNICARE L’IMPRESA, REALTA’ E TREND POLISENSORIALE-EMOZIONALE” DI TINO FERRARI, ED.CLUEB - COOPERATIVA LIBRARIA UNIVERSITARIA EDITRICE BOLOGNA, 2005 © tinoferrari@tin.it 11
  12. 12. “NON ESISTE UNA SECONDA POSSIBILITÀ DI DARE LA PRIMA IMPRESSIONE” MARKETING E COMUNICAZIONE NON CONVENZIONALE I PRIMI MINUTI CHE CI PIACCIA O NO, CHE CI LAVORIAMO SOPRA COSCIENTEMENTE O NO, INCONTRANDO DELLE PERSONE CI FORMIAMO Testo di riferimento UN’IMPRESSIONE L’UNO DELL’ALTRO. L’IMPRESSIONE CHE RICAVIAMO ”Marketing e Comunicazione non convenzionale” VICENDEVOLMENTE AL PRIMISSIMO CONTATTO, NEI PRIMISSIMI CONTATTO Guerrilla,Virale,Polisensoriale (2009) MINUTI, E’ PARTICOLARMENTE IMPORTANTE. LE NOSTRE di tino Ferrari , ed. CLUEB , Cooperativa Libraria Universitaria Editrice Bologna. TRANSAZIONI, I RICONOSCIMENTI, LE PAROLE ED IL LINGUAGGIO DEL CORPO NEI PRIMI QUATTRO MINUTI SONO ESSENZIALI PER L’IMPRESSIONE CHE “L’ALTRO” AVRA’ DI NOI E PER LE SUCCESSIVE COMUNICAZIONI.Wdoc1503 ©Tino Ferrari - Bologna - Vietata la riproduzione non autorizzata © Tino Ferrari – vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it 12
  13. 13. MARKETING NON CONVENZIONALE Budget di Eccesso di comunicazione Eccesso di prodotto ridotto id tt informazione i f i Impermeabilizzazione del consumatore in crisi per iperconsumo e iperinformazione Tribal Marketing e comunicazione Ecc.. MKT non convenzionale MKT Viral Guerrilla Entertainment Polisensoriale MKT MKT MKT emozionale©Tino Ferrari - Vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it © Tino Ferrari – vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it 13
  14. 14. Vista Olfatto Udito Tatto Polisensorialità Gusto Emozionalità 27 28©Tino Ferrari - vietata la riproduzione non autorizzata - tinoferrari@tin.it © Tino Ferrari- Vietata la riproduzione - tinoferrari@tin.it - 14
  15. 15. MUSICA MARKETING OLFATTIVO COMUNICAZIONE D’ IMPRESA OLFATTO Profumare PRODOTTO CORPORATE USARE L’OLFATTO SPAZI PUBBLICI-LOCALI INTENZIONALMENTE E IN MODO PROGRAMMATO PER ESPERIENZA SENSORIALE CREARE IMPATTO EMOZIONALE, COLLETTIVA RICORDO, BENESSERE DA “NON LUOGO” A “LUOGO” 29 30 ©Tino Ferrari - vietata la riproduzione non autorizzata - tinoferrari@tin.it© Tino Ferrari – vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it 15
  16. 16. MARKETING TRIBALE Pulsione affettiva che porta a svolgere azioni collettive intensamente vissute (Cova, Marketing Tribale) Enfatizza il legame tra gli stessi consumatori intorno ad un prodotto, all’interno di una comunità (“community mktg”), caratterizzata da interessi, stili di vita, passioni. LOVEMARK 31 32©Tino Ferrari - vietata la riproduzione non autorizzata - tinoferrari@tin.it © Tino Ferrari – vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it 16
  17. 17. Marketing Tribale - Lovemark RISPETTO Performance, etica INTIMITA’ MISTERO LOVEMARK Empatia LOVEMARK Storia passione immagine SENSUALITA’ Design, polisensorialità Lovemarks,kevin RobertsESTRATTO DAL CAPITOLO 14 (PAG. 152) “MARKETING E COMUNICAZIONE EMOZIONALE E POLISENSORIALE” DI “ COMUNICARE L’IMPRESA, REALTA’ E TREND POLISENSORIALE- EMOZIONALE” DI TINO FERRARI, ED.CLUEB - COOPERATIVA LIBRARIA UNIVERSITARIA EDITRICE BOLOGNA, 2005 © 17
  18. 18. LOVEMARK© Tino Ferrari – vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it © Tino Ferrari – vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it 18
  19. 19. passaparola è 5 volte più efficace della pubblicità 40% dei consumatori è spinto a comprare un prodotto dal passaparola 55% dei consumatori si avvicina ai prodotti dopo averne sentito parlare © Tino Ferrari – vietata la riproduzione non autorizzata – tinoferrari@tin.it©Tino Ferrari - tinoferrari@tin.it - vietata la riproduzione non autorizzata I.O. 16/4/2008 19
  20. 20. ESTRATTO DAL CAPITOLO 4 “PUBBLICITA’” DI “COMUNICARE L’IMPRESA, REALTA’ E TREND POLISENSORIALE-EMOZIONALE” DI TINOFERRARI, ED.CLUEB- COOPERATIVA LIBRARIA UNIVERSITARIA EDITRICE BOLOGNA, 2005 © tinoferrari@tin.it 40 20
  21. 21. VENEZIA CASINO’ Nastro dei bagagli aeroporto Venezia: pubblicità casinò. 41 Assicurazione spese odontoiatriche 42tinoferrari@tin.it tinoferrari@tin.it 21
  22. 22. 43 44tinoferrari@tin.it tinoferrari@tin.it 22
  23. 23. ADVERTISING + GAME ADVERGAME “Forse l necessità “ la à Gioco reale o virtuale è la madre dell’ingegno, ma il gioco utilizzato per comunicare prodotti/servizi EFFETTO VIRALE è certamente il padre.“ ( Roger Van deck) Il messaggio una volta in circolazione si gg riproduce come un virus. Il “rispedisci a un amico” è un moltiplicatore del messaggio. 45 46©Tino Ferrari - vietata la riproduzione non autorizzata - tinoferrari@tin.it ©Tino Ferrari - vietata la riproduzione non autorizzata - tinoferrari@tin.it 23
  24. 24. A PARTE L’UOMO TUTTI GLI ANIMALI SANNO CHE LO SCOPO PRINCIPALE DELLA VITA E’ GRAZIE PER L’ATTENZIONE E BUON LAVORO, AMICI ! GODERSELA! tinoferrari@tin.it Samuel Butler www.tinoferrari.it 47tinoferrari@tin.it 24

×