Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Transurfing Pratico – Suggerimenti di ZeRo

335 views

Published on

I seguenti appunti erano inizialmente rivolti ad alcune persone che stavo e sto tuttora guidando personalmente in un percorso di addestramento spirituale, mentale, emotivo, fisico.

Termini come GPS (Grande Presenza Silenziosa), sogno planetario, coscienza in via di risveglio, etc. sono termini che ho coniato durante la stesura delle mie tre trilogie:
1. Risveglio dal sogno planetario
2. Mente Vuota in Corpo Pieno
3. Senz’io si vive da Dio

Published in: Self Improvement
  • DOWNLOAD THIS BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THIS can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THIS is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THIS Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THIS the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THIS Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • DOWNLOAD THIS BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THIS can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THIS is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THIS Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THIS the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THIS Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

Transurfing Pratico – Suggerimenti di ZeRo

  1. 1. Titolo: Transurfing Pratico – Suggerimenti di ZeRo Autore: ZeRo © Tutti i diritti riservati all’Autore Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta senza il preventivo assenso dell’Autore.
  2. 2. PREMESSA I seguenti appunti erano inizialmente rivolti ad alcune persone che stavo e sto tuttora guidando personalmente in un percorso di addestramento spirituale, mentale, emotivo, fisico. Termini come GPS (Grande Presenza Silenziosa), sogno planetario, coscienza in via di risveglio, etc. sono termini che ho coniato durante la stesura delle mie tre trilogie: 1. Risveglio dal sogno planetario 2. Mente Vuota in Corpo Pieno 3. Senz’io si vive da Dio
  3. 3. CEDERE Dare Ragione = CEDERE intellettualmente Dare il CONTROLLO = CEDERE la Volontà Personale = AFFIDARSI alla CORRENTE, all’intenzione esterna Cedere l’intenzione interna = affidarsi all’intenzione esterna Impara a dare il permesso all’intenzione esterna (volontà impersonale) di sostituire la tua ottusa e controproducente intenzione interna (volontà personale). Vedrai che a lungo andare la Sua imprevedibile sceneggiatura sarà più conveniente del tuo prevedibile copione quotidiano. Non si tratta di cedere la volontà al primo che capita – al primo personaggio che incontri nel sogno planetario – ma di cederla a qualcosa di IMPERSONALE, all’intelligenza superiore, al GPS (Grande Presenza Silenziosa) al Flusso di energia che percepisci a mente vuota (senza pensieri).
  4. 4. DARE IN AFFITTO Dare in affitto è come dare il BENVENUTO… dare il benvenuto all’ignoto, a qualcosa che non conosci, qualcosa che non sia il tuo intelletto o la tua volontà personale. Devi renderti conto che a questo punto della tua esistenza ti conviene dare in affitto il tuo spazio mentale, darlo in affitto a nuove idee, lasciare che un’intelligenza superiore entri e rimanga nel tuo spazio mentale, come un nuovo e gradito ospite. Le vecchie idee non devono più occupare la tua testa. Finora hai voluto occupare la tua testa soltanto con i tuoi pensieri, le tue idee, le tue convinzioni… cioè con il tuo intelletto. E tendenzialmente tu vorresti occupare la tua testa soltanto con le tue idee… su tante – troppe – cose non vuoi ancora cambiare idea. Per di più tendi a occupare la testa con strani pensieri, grottesche fantasie, inutili preoccupazioni. Vuoi occupare soltanto tu il tuo spazio mentale però non ti accorgi di quanti danni hai fatto, di quanto malessere ti sei provocato occupando la testa con tutti quei contenuti mentali.
  5. 5. Fregatene del bisogno di avere sempre ragione. La ragione è un terribile pendolo. Impara a dare ragione senza dare importanza. Se vuoi ragione allora stai dando importanza. Se dai ragione allora non dai importanza… e se non dai importanza non ti fai agganciare dal pendolo della ragione. Regala la ragione al primo presuntuoso che incrocia la linea della tua vita. Cedi un po’ di ragione ai saputelli che ti circondano. Cedendo la ragione alleggerisci l’anima da un sacco di pesanti contenuti mentali. Lascia che siano gli altri ad appesantire il loro intelletto e a gonfiare il loro ego.
  6. 6. Voler avere sempre ragione è sintomo di insicurezza… più si vuole ragione, più si vuole sembrare importanti, sicuri, apprezzati dall’esterno. Tante volte la ragione non serve praticamente a niente… anzi spesso ti impedisce di goderti tutto ciò che si discosta dallo scenario della tua ragione. Cosa succede di male se dici – magari scherzosamente – “hai ragione”? In fondo, se dai ragione, cosa ci perdi? Quasi niente… a parte un dibattito, una discussione, un confronto in cui male che ti vada hai fatto la figura di chi non informazioni oppure di chi è disinteressato. Per l’uomo comune non aver ragione significa fare la figura dell’ignorante, e questo per molta gente è insopportabile… quindi vuole dimostrare di sapere anche quando non sa niente oppure vuole dire assolutamente la sua, costi quel che costi… piuttosto che tacere vuole dire una fesseria o raccontare una menzogna. Eppure nei fatti la cosa più grave che ti possa succedere quando non usi la ragione è semplicemente che non hai ragione… Se il non aver ragione viene da te considerato come qualcosa di grave, allora vuol dire che ci tieni ancora troppo alla tua ragione (volontà personale). Se invece non ci tieni affatto, se hai intravisto l’illusione delle parole e dei pensieri, se riesci a dimorare stabilmente in una mente vuota, allora congratulazioni… hai affossa il pendolo della ragione.
  7. 7. AFFOSSARE ➔ I pendoli fanno leva sul disappunto, l’irritazione o la scontentezza che provi. o I pendoli sono indifferenti se sei pro o contro, vogliono solo l’energia che fornisci con la tua partecipazione, manifestazione di opposizione o adesione. 1° STRATEGIA DI AFFOSSAMENTO → Ridurre l’importanza interna ed esterna. 2° STRATEGIA DI AFFOSSAMENTO → Ridurre il controllo = ridurre la pressione esercitata sul pendolo (sul mondo, sugli altri, su una situazione, sul corpo…) ▪ → Se allenti la presa, tutto si dispone nel migliore dei modi… ▪ L’energia libera, sbloccata e svincolata dalla tua rigida ragione, si sposta da sola sulle linee della vita ottimali, quelle più favorevoli…
  8. 8. 3° STRATEGIA DI AFFOSSAMENTO → FERMARSI
  9. 9. 4° STRATEGIA DI AFFOSSAMENTO → Se te ne infischi, il pendolo non ti aggancerà, affonderà semplicemente nel vuoto… come nell’Aikido, lasci che l’avversario cada da solo, che venga sbilanciato dalla sua stessa pesantezza. Lasci che il pendolo ceda e crolli su se stesso.
  10. 10. 5° STRATEGIA DI AFFOSSAMENTO → RIFIUTO TRANQUILLO → ASTENSIONE senza contrarietà… è sufficiente un semplice “No, GRAZIE…” 6° STRATEGIA DI AFFOSSAMENTO → Gioisci dell’insuccesso = accetta serenamente ciò che una volta non volevi accettare. o Abbandonati alla corrente e SBARAZZATI del disappunto… o Alimenta dentro un focherello di festa e afferrati a ogni pagliuzza di calma. o Permettiti il lusso di essere te stesso, di staccarti dal gregge, dissociarti dal dialogo esterno e interno.
  11. 11. 7° STRATEGIA DI AFFOSSAMENTO o → Lascia che siano gli altri a sbattersi per te, lascia che loro sbattano le braccia contro l’acqua della corrente, lascia che loro forniscano energia ai pendoli. ▪ Se c’è la possibilità di risparmiare energia, risparmiala. ▪ Se puoi rinunciare a qualcosa di inutile o poco importante, rinuncia ▪ Se puoi rinunciare a una situazione pressante, qualcosa di troppo impegnativo e al contempo insignificante, allora rinuncia. ➔ IGNORA intenzionalmente, A VISTA, più pendoli possibili (individui, vampiri energetici, gruppi, siti internet cioè tutto ciò che vuole agganciarti, catturando la tua attenzione e prendendo la tua energia). o Non dimostrare interesse o Mostra, in maniera indiretta, il tuo disinteresse
  12. 12. 8° STRATEGIA DI AFFOSSAMENTO → SGAMBETTO Agisci in modo furbesco, gioca d’anticipo, colpisci da dietro – quando meno se lo aspetta. Fai buon viso a cattivo gioco. Metti intenzionalmente i bastoni tra le ruote… Assesta un abile e leggero colpetto al pendolo indesiderato e poi lascia che oscilli per i fatti suoi.
  13. 13. 9° STRATEGIA DI AFFOSSAMENTO → AZZERAMENTO!
  14. 14. ANIMA E RAGIONE ➔ La ragione ha BISOGNO dell’anima per sentire e percepire. ➔ La ragione non può sentire o percepire… riesce solo a fare calcoli, ragionare… ➔ L’anima invece è la parte che riesce a percepire all’istante il benessere o il malessere, le sensazioni, la natura, l’atmosfera di un ambiente, l’emozione di una persona, etc. o Quando l’anima dice “Sì” non hai alcun bisogno di autoconvincerti o di persuadere gli altri. Non c’è incertezza, dubbio, non ti servono garanzie, promesse, ragionamenti. ▪ Se ti senti costretto a fare qualcosa, a convincere qualcuno o a convincere te stesso allora vuol dire che l’anima sta dicendo NO… ▪ È soltanto la ragione che si ostina a voler pensare e a confrontare tutti gli scenari immaginabili. L’anima intuisce al volo lo scenario migliore, quello che si allinea meglio all’attuale linea della vita. ▪ La ragione tende a farti agire o reagire male, ignorando stupidamente tutti i messaggi del corpo. ▪ Quando il corpo non si senta bene, l’anima – l’inconscio – lo avverte immediatamente e cerca di intervenire tempestivamente. La ragione invece non tiene conto delle sensazioni fisiche, vuole solo assecondare i suoi capricci, ignorando qualsiasi segnale, anche i più eclatanti ed allarmanti per la propria salute. →La ragione, usata adeguatamente, consente di collaborare con i propositi dell’anima… quando la ragione vuole forzare le cose andando contro-corrente oppure quando la ragione vuole andare contro le sensazioni del corpo allora sta producendo un conflitto che porta malessere.
  15. 15. Dal punto di vista della ragione la convenienza/vantaggio si ha quando tutto procede secondo lo scenario pianificato. Tutto quello che non concorda con i TUOI PIANI (la tua volontà personale) viene percepito come qualcosa di indesiderato, un ostacolo, un problema. E nel tentativo di risolvere ciò che viene ritenuto un problema (ma che nei fatti non è un problema) la ragione genera nuovi problemi. La ragione da sola non sa risolvere i problemi: moltiplica le preoccupazioni e quindi moltiplica i problemi. Anche il sistema sociale inventa spesso degli pseudo-problemi al solo scopo di vendere delle pseudo-soluzioni, dei rimedi costosi e proficui. Il sistema cognitivo e il sistema sociale funzionano allo stesso modo; tendono a complicare, a inventare problemi e a incasinarsi nelle situazioni che loro stessi hanno prodotto. L’incapacità della ragione di ACCETTARE i cambiamenti di piano o le deviazioni dal suo scenario, non le permette di sfruttare le soluzioni contenute nel Flusso. La ragione vuole governare la corrente stessa, il Flusso della vita, l’Universo.
  16. 16. STRATEGIA CORRETTA = Sposta il centro di gravità dal controllo all’osservazione… cerca più di osservare che di controllare. L’osservatore esterno (neutrale, poco coinvolto) ha sempre più vantaggi del diretto partecipante (troppo coinvolto). o Dai alla situazione la possibilità di risolversi senza il tuo intervento frenetico, costante, massiccio. o Rinunciando al controllo otterrai un controllo sulla situazione maggiore di quello che avevi prima, quando volevi manipolare da solo la situazione. Per controllo qui s’intende capacità di gestione.
  17. 17. o L’unico controllo personale che vale la pena valutare è il controllo del livello di importanza interna (personale) ed esterna (assegnata all’esterno, agli altri). →La ragione può essere utile quando ti aiuta a capire come ti senti, a definire lo stato di benessere della tua anima. Ad es. grazie alla ragione puoi indagare sulle tue condizioni e porre domande utili come queste: “Mi sento bene?” → “C’è qualcosa che mi fa sentire meglio?” → “Mi sento a mio agio?” ➔ Se la risposta è sì, cioè se stai benone o comunque non troppo male, allora “anima e ragione” stanno collaborando, stanno andando d’accordo, cioè in te non ci sono conflitti tra pensieri e sensazioni fisiche oppure vuol dire che la ragione (intenzione interna) non sta andando contro la corrente (intenzione esterna, influsso superiore alla volontà personale).
  18. 18. → Se decidessi di cedere un po’ di controllo alla corrente, sarebbe una negoziazione vantaggiosa? o Sì… perché in cambio verresti trasportato con leggerezza, senza la tensione e la pesantezza della ragione, cioè senza dover pensare a tutto e tutti. A quel punto, affidandoti alla corrente, tante decisioni non dovrebbero più essere prese da te. o Non sbattere la tua ragione contro la corrente… la ragione verrà sempre travolta dalle ondate della corrente.
  19. 19. ➔ Non deviare dal flusso ottimale… assecondalo più che puoi. o Impara a riconoscere i segni conduttori, gli indizi che indicano una svolta, un cambiamento positivo, un passo in avanti… o I segni conduttori vengono segnalati da un indizio, da alcune variazioni interne (atteggiamento, sensazioni) o esterne (relazioni). Questi segni sono come sfumature che ti mostrano delle piccole alterazioni nel tuo modo di vedere, pensare, percepire, reagire… te ne accorgi perché in questi casi è come se qualcosa non andasse come al solito. Questi segni indicano lo spostamento su altre linee della vita, il passaggio da una fase all’altra, come il passaggio da coscienza addormentata a coscienza in via di risveglio. o Questi segnali interni ed esterni sono come cartelli che ti confermano che sei sulla buona strada e ti aiutano a progredire, a continuare su quella direzione. Se non fai attenzione o se non riconosci i segnali, rischi di prendere la strada sbagliata e di non arrivare a destinazione, cioè al benessere stabile e alla pace profonda.
  20. 20. ALTERNATIVA MIGLIORE ➔ Puoi scegliere di meglio… hai sempre delle alternative. o Prima credevi di non avere alternative (alla sofferenza)… ora sai che puoi camminare su altre linee della vita. o Hai già preso tante volte quella scelta (copione della ragione/intelletto) e sai già a cosa ti porta (sofferenza). o Ora puoi fare un’altra scelta… adesso puoi scegliere diversamente, subito, tutti i giorni, in qualunque momento della giornata. o Innanzitutto è sufficiente non prendere la vecchia strada, la scelta che portava alla sofferenza. E visto che il cervello deve necessariamente fare una scelta, se fai in modo che venga esclusa quella vecchia farà un’altra scelta, prenderà un’altra strada… e qualsiasi scelta è migliore di quella del malessere. o L’alternativa può essere qualsiasi cosa, non devi neppure analizzarla a lungo, poiché qualsiasi alternativa alla sofferenza è una buona alternativa. o Spesso è come se tu non vedessi che ci sono altre urne ed è come se tu votassi sempre per quel partito (malessere, ansia, frenesia)… fai sempre quella scelta perché credi che esista soltanto il partito della ragione oppure il partito del malessere. o Il partito alternativo è sempre esistito, solo che non te ne sei accorto. o Il nuovo copione è pronto, già disponibile, devi soltanto sceglierlo… devi scegliere ripetutamente un copione diverso da quello abituale. Di base si tratta semplicemente di scegliere l’alternativa più accessibile. o BUTTATI SULLA PRIMA, SEMPLICE, IMMEDIATA OPZIONE A TUA DISPOSIZIONE… e stai a vedere cosa succede. Se non ti garba passa tranquillamente alla prossima opzione, ricordandoti che QUALSIASI SCELTA (ALTERNATIVA) È MIGLIORE RISPETTO ALLA VECCHIA, STANANTE SCELTA (QUELLA DELLA FRENESIA, DELL’ANSIA, DELLA SOFFERENZA).
  21. 21. I seguenti due capitoli (“CREDO –> CEDO –> CREO” e “SPIN”) sono tratti dalla mia prima trilogia “Risveglio dal sogno planetario”.
  22. 22. CREDO –> CEDO –> CREO Nella precedente lezione abbiamo visto che esistono due sistemi. Il primo è il sistema fallimentare dall’agente, il piccolo gps (goffo personaggio strillante) o semplicemente ego. Il secondo sistema, quello del GPS (Grande Presenza Silenziosa), è straordinariamente potente ed efficace. Voi potete scegliere a quale dei due dare la precedenza. Inutile ribadire che di norma viene data la priorità al piccolo gps, non per niente l’agente è la gente cioè si trova nella stragrande maggioranza della popolazione. Soltanto una piccola minoranza dà la priorità alla Grande Presenza Silenziosa. Il vostro compito è quello di rientrare in questa élite che ha preso piena consapevolezza della futilità e pericolosità del piccolo gps. Per capire ancora meglio quanto è nocivo il piccolo gps guardate il seguente schema: Ed ora guardate questo.
  23. 23. Quando vi lasciate guidare dalla Grande Presenza Silenziosa percorrete le vie preferenziali della vostra vita, viaggiate in maniera agevole e celere senza inutili interferenze. Questo vale in tutti i campi: sentimentale, ludico, relazionale, lavorativo, spirituale. Quando invece vi fate guidare dal piccolo gps non arrivate mai al dunque, siete perennemente disorientati e quando avanzate venite respinti da forze antagoniste, distrazioni, dubbi, paure, insicurezze. Una rappresentazione ancora più azzeccata del piccolo gps è questa: Il loop intermedio è una spirale profondissima di abitudini, pensieri, emozioni depotenzianti in cui venite risucchiati ogni qual volta cedete la vostra energia al piccolo gps. Questo loop può durare mesi, anni o vite intere.
  24. 24. Vi può rovinare letteralmente l’esistenza e il peggio è che non vi rendete conto di quanta energia avete già investito nel sistema fallimentare dell’agente. Cedere energia equivale all’atto di dare in appalto un progetto, in questo caso il progetto della vostra vita. Cedere energia al piccolo gps è come far vincere il concorso a un’associazione mafiosa, finanziare i suoi loschi intenti e di conseguenza incasinare e rovinare la propria esistenza. Cedere energia al GPS significa investire in un’organizzazione no-profit, il cui unico scopo è quello di favorire al massimo il vostro reale benessere. L’andamento della vostra esistenza dipende dal sistema in cui credete maggiormente. Non a caso questa lezione è intitolata “Credo –––> Cedo –––> Creo”. Questo apparente gioco di parole sintetizza in maniera perfetta il processo di manifestazione della vostra Realtà. 1) La prima fase (credere) corrisponde alla scelta del sistema su cui andrete a riporre la vostra fiducia e quindi ad investite la vostra energia. Questa decisione iniziale è quella più decisiva: è come un gioco d’azzardo ma con il notevole vantaggio che voi sapete già qual è il numero vincente. Sarebbe sciocco puntare tutto sul perdente (piccolo gps) eppure molti lo fanno e per giunta ripetono più volte la stessa pessima giocata. Altri invece puntano semplicemente le loro fiches (cioè la loro attenzione, fiducia) sulla Grande Presenza Silenziosa… e ovviamente vincono il jackpot. 2) Il secondo passaggio è il cedere, ovvero l’atto tramite il quale indirizzate effettivamente la vostra energia sottile. Prima avete mobilitato soltanto l’attenzione mentre ora mettete a disposizione tutte le vostre risorse interiori. A questo punto autorizzate il sistema che avete appena eletto ad intervenire direttamente nella vostra vita. Vi può essere un arricchimento costante (GPS) o un graduale decadimento (piccolo gps). 3) L’ultimo punto è la realizzazione del progetto in cui avete creduto. Assieme a quelle interiori vengono adoperate tutte le risorse esteriori a vostra disposizione. In questa fase finale si materializzano le idee del piccolo gps oppure quelle della Grande Presenza Silenziosa. In tal senso il principio corrisponde alla fine: se i vostri principi erano quelli del GPS in futuro otterrete i benefici corrispondenti, altrimenti subirete i soliti pacchi (in tutti i sensi) del piccolo gps.
  25. 25. CONCETTI CHIAVE 1) Le manifestazioni della vita seguono una semplice regola: CREDERE ––> CEDERE ––> CREARE La prima fase riguarda l’energia psichica del piano mentale. La seconda riguarda il movimento dell’energia sul piano emozionale. La terza riguarda la discesa dell’energia dal piano superiore a quello inferiore, ovvero la materializzazione sul piano fisico. Se non fosse per l’intervallo temporale che distanzia una fase dall’altra la formula diventerebbe: CREDO = CEDO (attenzione, energia) = CREO quindi: CREDO = CREO 2) A voi è data la possibilità di scegliere tra due sistemi: Il sistema vincente del GPS Il sistema fallimentare del piccolo gps La scelta sembrerebbe scontata e invece non avete idea di quanta venerazione ci sia nei confronti del goffo personaggio strillante.
  26. 26. 3) Il vecchio paradigma dava potere all’esterno, il nuovo paradigma restituisce il potere che si trovava già dentro di voi. Il vostro sistema di pensiero dominante determina l’esito degli eventi in cui siete coinvolti. Inoltre il sistema di credenze determina il vostro sistema percettivo. Il sistema di credenze basato su una visione limitata come quella dell’agente produce una percezione della Realtà altrettanto limitata. Il sistema di credenze fondato sulla Grande Presenza Silenziosa produce un’espansione della vostra coscienza e quindi un potenziamento della vostra capacità percettiva ed espressiva.
  27. 27. SPIN A voi potrebbe sembrare che il mondo giri da solo ma se le cose stessero al contrario? Se foste voi a far girare il vostro mondo? Per mondo mi riferisco soprattutto al mondo delle vostre esperienze quotidiane, all’insieme delle vostre impressioni, emozioni, sentimenti e sensazioni fisiche. Senza tali sensazioni non ci sarebbe alcun mondo esterno. Il mondo cosiddetto fisico è in realtà la somma delle vostre sensazioni fisiche. MONDO = AGGREGATO DI SENSAZIONI FISICHE Quel che fa girare il vostro mondo è una ruota panoramica composta da energia sottile (impressioni mentali, desideri, convinzioni, opinioni). A seconda dello spin interiore (rotazione mentale) il vostro mondo si muoverà in una direzione o in un’altra.
  28. 28. La disposizione dell’energia sottile determina il modo in cui il vostro corpo agisce. Il vostro comportamento, le vostre reazioni, le vostre decisioni più banali dipendono dagli spin interiori. SOMMATORIA SPIN INTERIORE –––> RISULTATI ESTERNI, MATERIALI Prima c’è lo spin interiore e poi l’effetto esteriore. Prima c’è l’azione sottile poi la reazione grossolana. Il ‘mi piace’ (attrazione) o ‘non mi piace’ (repulsione) viene predeterminato dal vostro spin interiore... così l’attrazione o repulsione che altri provano per voi dipende dal loro specifico spin interiore. In realtà non è che vi piaccia o meno qualcuno bensì seguite inconsciamente lo spin interiore del momento: lo assecondate in automatico, senza consapevolezza quindi senza volontà.
  29. 29. Per estremizzare, se Buddha vi è più simpatico di Gesù avete semplicemente uno spin preferenziale di stampo buddhista. Quando invece prendete coscienza di questi meccanismi non mettete più in atto quel genere di automatismi. Non preferite più Gesù perché siete stati battezzati e plagiati dalla Chiesa oppure non cantate i mantra perché da piccoli siete cresciuti in un monastero buddhista. Quando diventate consapevoli degli spin interiori non assecondate passivamente lo spin dell’uno o dell’altro, ma date retta all’insegnamento che risuona realmente dentro di voi. Magari scoprite che alla fine entrambi promuovevano gli stessi principi. Quando sorge questa nuova consapevolezza i vostri interessi potrebbero cambiare radicalmente; ciò che prima vi affascinava potrebbe improvvisamente perdere la sua attrattiva. Scendendo nei dettagli il processo è pressappoco così: 1) Mediante la consapevolezza osservate con distacco il vecchio spin. 2) Smettete di assecondarlo. 3) Il vecchio spin interiore si esaurisce perché non viene più alimentato. 4) Sempre grazie alla nuova consapevolezza vi sintonizzate con un nuovo spin. 5) Vi lasciate guidare dal nuovo spin. Prendiamo l’esempio dei gps. Quando lo spin dominante è il piccolo gps (goffo personaggio strillante) siete caduti in una spirale depotenziante: tutto vi infastidisce, avete i nervi a fior di pelle, siete irrequieti, sfiduciati e quindi continuamente insoddisfatti. Quando lo spin dominante è il GPS (Grande Presenza Silenziosa) venite sollevati e sospinti da una corrente benefica che vi infonde serenità, allegria, armonia, profonda gratitudine e fiducia.
  30. 30. Per lasciarsi condurre dal GPS occorre prima smettere di seguire acriticamente lo spin depotenziante (piccolo gps). Una volta constatata sulla vostra pelle la nocività di quell’atteggiamento verrete inevitabilmente attratti dall’altra modalità operativa. Dopo aver visto che il piccolo gps vi avrebbe fatto precipitare nel baratro, lo lascerete spontaneamente andare, smetterete di alimentarlo. In assenza della vostra energia lo spin girerà a vuoto fino a dissipare le proprie riserve. A quel punto lasciate semplicemente che si scarichi, non alimentatelo con il suo pasto preferito: vizi, desideri e pensieri morbosi. Ora che lo spin dominante si è consumato potete agganciarvi al nuovo spin e alimentarlo quel tanto che basta per farlo diventare il nuovo spin dominante. Per alimentarlo basta fare la stessa cosa che facevate in precedenza: dategli un briciolo di attenzione, fiducia, energia. È sufficiente veramente poco per sintonizzarsi con la Grande Presenza Silenziosa, tuttavia quel minimo di fiducia e attenzione deve essere autentico e costante. Lo spin del GPS rinnova automaticamente la propria energia quindi non vi depaupera, come faceva il piccolo gps, anzi più vi fidate del GPS e più vi arricchisce in termini di esperienze significative. Nel frattempo ricordatevi di non riaccordare la fiducia al piccolo gps, cioè non tornate sui vecchi passi… anche perché ora sapete che vi portano soltanto verso il baratro. Adesso facciamo un passo oltre e proviamo a trascendere anche la dualità tra piccolo gps e GPS. Finora abbiamo ragionato in termini di spin arricchente/costruttivo e spin depotenziante/distruttivo, come se uno fosse realmente migliore dell’altro.
  31. 31. La vera auto-realizzazione non avviene quando vi sforzate di mantenere uno spin positivo e vi affannate per escludere quello negativo, ma quando trascendete la distinzione (spesso morale) tra positivo e negativo. L’auto-realizzazione consiste in un senso di pienezza interiore grazie alla quale potete affrancarvi dal bisogno di ricerca materiale/spirituale, ricerca intesa come senso di mancanza e quindi bisogno di qualcuno/qualcosa di speciale che ci completi. CERCARE = ‘girare in tondo’ = ruotare su di sé illudendosi di trovare gli altri Quando la vostra mente è in modalità ‘ricerca’ state aggirando la vostra essenza. Inconsciamente voi cercate la vostra autentica identità, sempre e dovunque. La ricerca (mondana o spirituale) è sempre un girare in cerchio, rivivere le solite dinamiche replicate a distanza di tempo, le quali anche se sembrano diverse rappresentano in verità lo stesso contenuto vissuto dalla medesima mentalità duale tipica di una coscienza addormentata o non auto-realizzata. AUTO-REALIZZAZIONE = cessazione della ricerca = non cercare né fuori (mondo esterno) né dentro (mondo interiore) Quando vi auto-realizzate le dinamiche di una volta non si ripetono più semplicemente perché non sentite il senso d’incompletezza che in precedenza vi muoveva come burattini. La mente disattiva automaticamente la precedente modalità operativa e quindi non ricerca più la vostra essenza né fuori né dentro.
  32. 32. Perché smettete di cercare l’essenza? Perché avete realizzato che voi siete quell’essenza! Avete compreso che l’essenza coincide con la vostra vera identità. Non solo lo avete compreso ma lo percepite sotto forma di quiete e beatitudine. A quel punto il senso d’incompletezza non alberga più nel vostro cuore, la ruota mentale decelera (non macina pensieri inutili) e gli spin emotivi si smorzano spontaneamente. Questo livello auto-realizzativo è estremamente avanzato. L’ho citato solamente per completare il discorso e chiudere in bellezza questa lezione. CONCETTI CHIAVE 1) Volete far girare la vostra vita nel verso giusto? Scoprite il vostro ‘spin preferenziale’! Una volta individuato lo spin migliore dovete solo imparare ad assecondarlo. Gli altri spin – in assenza della vostra attenzione ed energia – verranno automaticamente smorzati, annullati o sostituiti. Lo spin preferenziale è garanzia di successo per due ragioni: in primo luogo è lo spin naturale, conforme alle vostre autentiche inclinazioni; in secondo luogo è in grado di inserirsi perfettamente in qualsiasi contesto. Lo stesso discorso vale per gli spin esterni: se lo spin preferenziale di una persona o di una situazione è ‘nero- destra’ è inutile incaponirsi nel verso opposto e cercare di imporre lo spin ‘rosso-sinistra’. Imparare a distinguere gli spin preferenziali esterni (ambiente circostante, eventi, relazioni) vi aiuta sia ad intervenire con successo, sia ad accettare gli insuccessi, cioè accettare ciò che in quel dato momento non può essere modificato. 2) Le variazioni del mondo esterno sono sempre precedute da un impercettibile movimento dell’energia sottile correlata a sua volta alla vostra attenzione. È sufficiente una sottile impressione (spin interiore) per dare il là e far girare prima la ruota mentale, poi quella emotiva e infine quella fisica.
  33. 33. L’impressione dominante (spin dominante) della coscienza ordinaria è il senso d’incompletezza, l’impressione di aver bisogno di qualcosa o qualcuno di speciale. Senza questo senso di mancanza non scatterebbe l’attività di ricerca che caratterizza i vostri vissuti quotidiani. Se al posto dell’impressione di bisogno ci fosse l’impressione di essere già pienamente soddisfatti, allora non si scatenerebbe lo spin o spinta neurale-chimica-ormonale che vi istiga a cercare una persona, un’attività, un evento speciale. Lo spin ruota con più vigore ogni volta che viene alimentato da una vostra convinzione, ad esempio dalla convinzione che vi manchi qualcuno o qualcosa di speciale. Questa convinzione vi dà l’impressione che una particolare esperienza o un’attività esterna possa realmente colmare l’apparente vuoto interiore. Nel momento in cui realizzate che quel senso d’incompletezza era soltanto un’impressione e comprendete che quel qualcosa di speciale siete proprio voi stessi, allora smettete di ragionare e agire in modalità “mancanza e scissione interiore/esteriore” e attivate la modalità “prosperità e condivisione”. Esempi di spin in modalità “mancanza e scissione”: bisogno di una partner, bisogno di sesso, bisogno di internet, bisogno di fumare, bisogno di bere, bisogno di giocare, bisogno di spettegolare, bisogno di sapere, bisogno di spiegare o insegnare, bisogno di mostrarsi attraenti, bisogno di un maestro spirituale, bisogno del pensiero positivo, bisogno di trasmettere la verità, bisogno di ricevere la verità, etc. Quando invece vi sentite pienamente appagati a prescindere da quel che accade all’esterno o da ciò che la mente vi dice allora vi avvicinate all’auto-realizzazione. Questo senso di pienezza infonderà una calma profonda che arresterà la ruota mentale e vi consentirà di vedere chiaramente il modo in cui le vecchie impressioni vi facevano girare a vuoto, come pungolavano i vostri nervi, come alteravano le sensazioni e le reazioni. Vi renderete conto di come i bisogni fisici erano soltanto un’estensione di una specifica spinta interiore. Per dirla alla Kafka: “Non c’è bisogno che usciate dalla stanza. Restate seduti alla scrivania ad ascoltare. Non ascoltate nemmeno, aspettate semplicemente. Non aspettate nemmeno. Restate del tutto immobili e soli. Il mondo vi si offrirà liberamente. Per essere smascherato, non ha scelta. Rotolerà in estasi ai vostri piedi”.
  34. 34. Altri libri dello stesso autore (ZeRo) UCIM, suggerimenti Pratici - Vol. Primo Le illusioni non possono trionfare sulla verità, né la possono minacciare in alcun modo. […] La verità non combatte contro le illusioni, né le illusioni combattono contro la verità. Le illusioni battagliano solo tra di loro. […] Osserva come il conflitto delle illusioni scompare quando è portato al cospetto della verità! Anteprima
  35. 35. Perché (il conflitto) sembra reale solo fintantoché viene visto come una guerra tra verità in conflitto: la vincitrice sarà la più vera, la più reale, e trionfatrice sull'illusione che era meno reale, resa illusione dalla sconfitta. Così, il conflitto è la scelta tra due illusioni, una da incoronare come reale, l'altra sconfitta e disprezzata. […] Le illusioni possono essere in conflitto perché le loro forme sono differenti. Ed esse combattono solo per stabilire quale forma sia vera. Le illusioni incontrano illusioni, la verità se stessa. Le illusioni sono investimenti. Dureranno fino a quando darai loro valore. […] Il modo per correggere le distorsioni è ritirare la tua fede in esse e investirla solo in ciò che è vero. […] Mettere in discussione le illusioni è il primo passo per disfarle. […] Allontanati fermamente da ogni illusione.
  36. 36. UCIM, suggerimenti Pratici - Vol. Secondo AFFIDATI ALLA CONOSCENZA (alla Verità), NON ALLE PERCEZIONI (illusioni sensoriali) Ricordati che la vera causa è a livello di pensiero: occorre correggere prima di tutto la tua mentalità. Anteprima
  37. 37. SCELTA SBAGLIATA = Tutte le volte che non sei in pace (oppure tutte le volte che non sei gioioso) Ricorda a te stesso → “Devo aver deciso erroneamente, perché non sono in pace… Ma posso decidere diversamente. Voglio decidere diversamente perché voglio essere in Pace.” Percepisci i pensieri dell’ego come deliranti, INDESIDERABILI. DIMENTICANDO CIÒ CHE NON SEI RICORDI CIÒ CHE SEI
  38. 38. PRIMA TRILOGIA Risveglio dal sogno planetario La vita è una successione di impressioni. Le impressioni sono i mattoncini che costituiscono le vostre esperienze quotidiane. La sommatoria di un’impressione visiva, uditiva, olfattiva, tattile e gustativa danno come risultato quel che chiamate ‘esperienza reale’. Anteprima
  39. 39. ESPERIENZA = sommatoria di impressioni L’esperienza che considerate oggettiva e reale non lo è veramente... lo è soltanto per voi mentre siete identificati e assuefatti da quelle impressioni. Le sensazioni sono un aggregato di impressioni. SENSAZIONI = LUNGHE E INTENSE IMPRESSIONI Una sensazione fastidiosa oppure una sensazione piacevole rimangono pur sempre delle impressioni, anche se sembrano altro o sembrano una diversa dall’altra. Se volete trasformare la vostra vita dovete cominciare a prendere coscienza delle vostre impressioni. Dovete interrompere due pessime tendenze inconsce: – generare inutili impressioni; – assimilare passivamente le impressioni del mondo esterno. Le impressioni inconsce precedono il vostro apparente volere, desiderare, pensare conscio. Voi non reagite alla Realtà ma alle vostre impressioni in merito a ciò che credete reale. Non interagite con il mondo, ma con le impressioni che inconsciamente vi siete fatti del mondo. Il vostro giudizio sugli altri in realtà riguarda le vostre impressioni sugli altri. Allo stesso modo gli altri non reagiscono davvero a voi ma alle impressioni che si sono fatti su di voi o che voi avete provocato (volontariamente o meno) in loro. Finché il vostro sistema di valori si basa su buone o cattive impressioni sarà un sistema fallimentare. Il vostro metro di valutazione – per essere valido – dovrebbe fondarsi su qualcosa che vada oltre le impressioni mondane, cioè dovrebbe puntare oltre il sogno collettivo dell’umanità. Per intraprendere la via del Risveglio dovete individuare, osservare e trascendere qualsiasi genere di impressione. Non dovete farvi sedurre nemmeno dalle impressioni più sensuali di questo mondo. Parte del lavoro interiore che dovrete fare consiste nel purificare e trasformare le impressioni contaminate da fattori esterni, cioè quelle che vi hanno inculcato tramite una serie di condizionamenti. Non fatevi influenzare negativamente dalle impressioni altrui o da quelle della vostra stessa mente, le più insidiose di tutte.
  40. 40. La maggioranza delle persone sono dei sognatori ad occhi aperti che si lasciano impressionare con niente: nella loro psiche s’imprime facilmente qualsiasi pensiero, fantasia, paura, suggestione, sogno. Sono molto volubili, si fanno influenzare dalle impressioni interne (mentali) ed esterne (sensoriali). Avvertono la costante esigenza di dover impressionare positivamente gli altri e – come i bambini – si sentono vive soprattutto quando sono immerse in una marea di stimoli impressionanti. Un risvegliato non si lascia impressionare da niente e nessuno: nella sua psiche non s’imprime nemmeno una traccia karmica. Può vivere benissimo senza impressioni e quindi non sente il bisogno di impressionare nessuno.
  41. 41. SECONDA TRILOGIA Mente Vuota in Corpo Pieno Solitamente come puoi sapere che un viaggio è finito? Quando arrivi a destinazione e fermi la macchina. La destinazione – in questo caso – è la fine del viaggio! Fine del viaggio significa fine delle pratiche, fine della ricerca spirituale, fine del desiderio di nuove esperienze spirituali, fine del confronto con altri ricercatori, fine della necessità di Maestri, fine del sorgere dei pensieri spirituali, fine del farsi domande spirituali. Ti rendi conto che il tuo viaggio spirituale è davvero finito quando la tua macchina (psicologica) si ferma, non macina più certi pensieri, non s’interessa più di certe questioni... semplicemente il motore di ricerca si arresta! A quel punto la mente si placa del tutto, sospende il 99% del dialogo interno, dimentica il 100% dei precedenti pseudo- problemi. Questo arresto del motore di ricerca è un segnale inequivocabile. E in questa condizione di pace profonda, dove credi che voglia andare la mente liberata? Anteprima
  42. 42. Da nessuna parte! Ha realizzato che si trova a Casa e che non si è mai mossa da lì. E quale ennesimo viaggio spirituale credi che vorrà intraprendere? Nessun viaggio spirituale. È libera da tutta quella robaccia che di solito riempie e tiene occupata la mente ordinaria.
  43. 43. TERZA TRILOGIA Senz’io si vive da Dio Anteprima
  44. 44. L’uomo che vedi in fotografia si chiamava Pasqual Penon, era nato in Messico nel 1862 e come ‘professione’ faceva il fenomeno da baraccone esibendo la sua seconda testa agli spettatori del circo. Una volta terminato il suo tour circense, Pasqual utilizzò il ricavato per farsi rimuovere l’enorme ciste. Come vedi dalla fotografia, il tumore di Pasqual aveva assunto la sembianza di una vera e propria testa umana: aveva due occhi, due sopracciglia, un naso… era una vera e proprio testa! In un certo senso era un parassita, cioè un’entità che viveva a spese del soggetto, in questo caso a spese di Pasqual. Ora immagina che quell’entità abbia una volontà personale che la fa sentire separata e autonoma. Cosa ti ricorda questo fenomeno? L’ego! Il senso dell’io! L’intelletto! Nel caso di Pasqual la neocorteccia si era sviluppata in maniera abnorme dando addirittura vita ad un’altra entità.
  45. 45. Quella protuberanza è una perfetta rappresentazione del concetto di proiezione mentale. In questo caso la proiezione ha assunto la forma umana! Quella proiezione si è cristallizza e consolidata a tal punto d’apparire come un’entità dalle sembianze umane! Quell’entità si nutre del dialogo interno, dei pensieri, delle fantasie. Quell’entità vuole avere il controllo della tua vita. Quell’entità è quello che altrove definisco ‘ridicolo personaggio’ ed è quello con cui molto probabilmente sei identificato anche in questo momento. Si, perché ti ricordo che anche dentro di te si è sviluppato quel piccolo parassita, soltanto che nel tuo caso non è fuoriuscito dal cranio come nel caso di Pasqual. Nel tuo caso, molto probabilmente, è ancora dentro la testa, è invisibile e quindi per te è come se non ci fosse. Eppure quel parassita è proprio lì con te e si nutre proprio della tua attenzione. La tua attenzione è la sua energia, è ciò che lo alimenta, lo nutre, lo fa crescere, gli dà vita, gli dà continuità. Memorizzati bene la fotografia di Pasqual perché quella è una delle migliori rappresentazioni che potrai avere del famigerato ego. La forza di questa presunta entità separata stava nel fatto che non era visibile e quindi non era identificabile. Poteva operare liberamente passando sempre inosservato. Il soggetto predato finiva così per credere di essere lui stesso il fautore dei pensieri e delle azioni del parassita. Quel tipo di parassita è molto astuto e ti ha manipolato per anni. Ma ora tu sai della sua esistenza.
  46. 46. Non sei più una preda ignara del proprio predatore. A questo punto il tuo compito consiste nel vederlo per quel che è veramente: un nanetto minuscolo e debole. Rispetto a lui tu sei un grande e fortissimo gigante. La sua abilità manipolativa era dovuta alla tua ignoranza: il nemico faceva leva sul fatto che tu credessi di essere lui oppure approfittava del fatto che tu avessi paura di lui e lo considerassi un’entità più forte di te; ma se lo vedi nella sua vera natura lo privi automaticamente del potere che inconsciamente continuavi a cedergli! Agli occhi della tua mente lui era il gigante e tu eri solo un nanerottolo impotente. In realtà il nanerottolo è lui. Se volgiamo fargli un complimento possiamo dire che il suo unico punto di forza è stata l’astuzia con cui ti ha ingannato, persuaso, ipnotizzato, incantato. È riuscito addirittura a fare in modo che tu ti identificassi con lui. Ma ora che lo hai sgamato le cose non dovrebbero più andare come prima. Lui non voleva essere visto, non voleva essere fotografato! Se ti dimentichi di ciò che hai appena visto lui potrebbe di nuovo manipolarti come prima. Ricordati sistematicamente del parassita. Non abbassare mai la guardia. Questo vuol dire auto-osservarsi correttamente! Questo vuol dire non identificarsi! Ma senza un autentico riconoscimento non puoi osservare come stanno davvero le cose e quindi non riesci a rompere l’incantesimo. Purtroppo molte scuole e tradizioni spirituali non si rendono conto dell’importanza dell’osservazione e del riconoscimento. Se anziché scrivere milioni di libri sull’ego si fossero limitati a mostrare un’immagine chiara e semplice come quella che ho mostrato a inizio capitolo, allora la matassa dell’ego si sarebbe sbrogliata più facilmente. Molti invece si perdono nelle speculazioni filosofiche e anziché semplificare la situazione complicano ogni cosa, perdendosi in una ragnatela metafisica… una ragnatela che ovviamente è stata intessuta proprio da quella stessa entità apparentemente separata.
  47. 47. Se alcuni presunti Maestri invece di raccontare o di scrivere centinaia pagine sull’ego o sul libero arbitrio vi avessero mostrato quella semplice fotografia avreste potuto comprendere istantaneamente il concetto di ‘entità apparentemente separata’. Quell’entità non solo si sente separata ma vuole anche avere una volontà tutta sua! Vuole essere indipendente dal resto del corpo, dalla natura, dalla vita stessa. L’umanità è identificata con quel parassita e tutta quella sofferenza che dilaga ovunque dovrebbero averti dimostrato quali sono i suoi effetti! Tutto il malessere e la sofferenza inutile viene dal parassitario senso dell’io. E tu probabilmente stai difendendo il tuo stesso parassita senza nemmeno accorgetene. Stai continuamente rafforzando ciò da cui vorresti liberarti.
  48. 48. P.S. Castaneda si riferiva a quel corpo estraneo in termini d’installazione di una mente aliena (vedi prossimo capitolo).

×