Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

A. Rossi Customer Satisfaction Pro Attiva Nellera Del Web 2.0 13.05.2009 Rev.1

1,137 views

Published on

Convegno Assolombarda AISM "Gestire i Clienti con un approccio Proattivo" - 13.05.2009 - Milano

Published in: Business, Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

A. Rossi Customer Satisfaction Pro Attiva Nellera Del Web 2.0 13.05.2009 Rev.1

  1. 1. Customer Satisfaction Pro-attiva nell’Era del Web 2.0 Ing. Andrea Rossi Amministratore Unico innovActing srl - Gruppo CSE-Crescendo a.rossi@cse-crescendo.com Milano - Assolombarda – Sala Falck TrediciMaggio2009
  2. 2. PERCHE’ CI DOVREBBE INTERESSARE LA CUSTOMER SATISFACTION? “Lo stato in cui i bisogni, i desideri e le aspettative del Cliente, mediante il prodotto o servizio, sono soddisfatti o superati e che dà come risultato l’acquisto ripetuto, la lealtà e un passa-parola positivo (*)” (*) Brown, Stanley A. (1992), quot;Total Quality Service: How Organizations Use It to Create a Competitive Advantagequot;, Prentice Hall Canada Inc, Scarborough, Ontario, Canada. 2 Fonte immagine: images.google.it TrediciMaggio2009
  3. 3. IL VALORE PER I CLIENTI COME LEVA DI FIDELIZZAZIONE Valore Percepito Customer Satisfaction Customer Loyalty/ Retention Customer Risultato Engagement Aziendale 3 TrediciMaggio2009 Fonte: Andrea Rossi e innovActing
  4. 4. IL VALORE DELLA CUSTOMER LOYALTY • Un’analisi di Bain & Company in diversi settori industriali ha verificato che un incremento del 5% nella Customer Retention può incrementare il margine aziendale dal 25 al 100% e una perdita del 5% nella Customer Retention provoca un calo fino al 50% della marginalità Tratto da: T. M. Siebel – “Taking Care of e-Business” – Currency/Doubleday - 2001 4 Fonte immagine: images.google.it TrediciMaggio2009
  5. 5. I CLIENTI VOGLIONO ATTENZIONE (E OGGI POSSONO AVERLA!) • I Clienti hanno sempre voluto attenzione • Customer Relationship Management, Relationship Marketing, etc, sono entrati nel lessico manageriale • Questo spesso non è sufficiente, perché ci si ferma alle dichiarazioni… • OGGI, però, i Clienti possono ottenere l’attenzione che vogliono, grazie al Web 2.0 5 Fonte immagine: images.google.it TrediciMaggio2009
  6. 6. I CLIENTI ENTRANO IN AZIENDA • I Clienti vogliono esprimere il proprio parere, segnalare le loro frustrazioni, comunicare la loro esperienza e definire quale livello di servizio e di qualità vogliono • Il fenomeno è diffuso e lo sarà sempre di più • Per essere allineati con i Clienti non è più sufficiente comunicare in maniera mondirezionale (come in passato), ma è necessario anche ascoltare e partecipare alla discussione  Customer Satisfaction Pro-attiva 6 Fonte immagine: images.google.it TrediciMaggio2009
  7. 7. NON SI PUO’ IMPEDIRE AI CLIENTI DI COMUNICARE • Oggi, i Clienti hanno la possibilità di comunicare con moltissime altre persone (altri Clienti, potenziali Clienti, influenzatori, detrattori,…) mediante l’abbondanza e la facilità di strumenti Web 2.0 disponibili, che allargano il raggio d’azione del “passaparola” tradizionale • PERTANTO, non sta più nelle mani della imprese consentire o meno ai Clienti di comunicare • CASOMAI, la scelta sta tra “mettere la testa sotto la sabbia” o gestire attivamente le conversazione • La gestione della conversazione, tra l’altro, può comportare ENORMI VANTAGGI per le aziende che la sapranno affrontare con capacità 7 Fonte immagine: images.google.it TrediciMaggio2009
  8. 8. NON SIAMO PERFETTI! 8 Fonte immagine: images.google.it TrediciMaggio2009
  9. 9. LA SFIDA DELLA CUSTOMER SATISFACTION La vera sfida dei programmi di Customer Satisfaction è ottenere che l’intera organizzazione usi le informazioni ottenute per migliorare la soddisfazione dei Clienti, mediante il miglioramento dei processi interni 9 Fonte immagine: images.google.it TrediciMaggio2009
  10. 10. LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA DI MARKETING MARKETING KNOWLEDGE GOVERNANCE CONCORRENTI ASCOLTO ATTIVO CLIENTI AZIENDA MARKETING AMBIENTE ESTERNO COMUNICAZIONE ATTIVA MACRO-AMBIENTE PARTNER, FORNITORI Marketing Knowledge Governance = E RISORSE ESTERNE Ascolto Attivo + Comunicazione Attiva Fonte: Andrea Rossi e innovActing 10 TrediciMaggio2009
  11. 11. ESEMPIO DI FEED-BACK E GESTIONE NEGATIVA: IL CASO KRYPTONITE INDIFFERENZA 11 TrediciMaggio2009 Fonte video: http://www.youtube.com/watch?v=t8XxcOj3Seo Fonte immagine: images.google.it
  12. 12. ESEMPIO DI FEED-BACK E GESTIONE NEGATIVA: MOSAICO ARREDAMENTI NEGAZIONE/ CONFLITTO 12 Fonte: www.google.it TrediciMaggio2009
  13. 13. ESEMPIO DI FEED-BACK E GESTIONE POSITIVA: IL BLOG DI SKYPE /1 DIALOGO ATTIVO Comunicazione aperta, trasparente e solidale 13 TrediciMaggio2009 Fonte: share.skype.com/sites/it/
  14. 14. ESEMPIO DI FEED-BACK E GESTIONE POSITIVA: IL BLOG DI SKYPE /2 DIALOGO ATTIVO Comunicazione aperta, trasparente e solidale 14 TrediciMaggio2009 Fonte: share.skype.com/sites/it/
  15. 15. ESEMPIO DI FEED-BACK E GESTIONE POSITIVA: IL BLOG DI SKYPE /3 DIALOGO ATTIVO Comunicazione aperta, trasparente e solidale 15 TrediciMaggio2009 Fonte: share.skype.com/sites/it/
  16. 16. ALTRI ESEMPI DI FEED-BACK E GESTIONE POSITIVA Fonte: blog.ducati.com Fonte: www.fiat500.com Fonte: www.lavazza.com Fonte: lightcampus.iguzzini.com Fonte: www.nelmulinochevorrei.it 16 TrediciMaggio2009
  17. 17. LE OPPORTUNITA’ DELLA GESTIONE DEI FEED-BACK • L’Ascolto Attivo è una grande opportunità per lavorare sulla dimensione della Customer Satisfaction Pro-attiva, sotto diversi punti di vista: – Analisi (sia formale e strutturata, sia informale e destrutturata) della soddisfazione e dell’identità dei ns. Clienti; – Analisi delle cause di insoddisfazione; – Presidio e compensazione dell’insoddisfazione dei Clienti; – Prevenzione del ripetersi di casi simili; – Miglioramento interno. 17 Fonte immagine: images.google.it TrediciMaggio2009
  18. 18. LA GESTIONE DELL’ASCOLTO ATTIVO NEI SOCIAL NETWORK • Inoltre, è consigliata una presenza attiva nei social network, anche al di fuori della ns. community “ufficiale” • Per ottenere un presidio efficace dei social network, occorre: – Tracciare una mappa dei social network che ci riguardano (ad es. le community su Facebook) e tenerla aggiornata – Verificare in rete periodicamente dove si parla di noi – Monitorare periodicamente le conversazioni on-line e intervenire quando occorre 18 Fonte immagini: images.google.it TrediciMaggio2009
  19. 19. LA GESTIONE DELLE COMMUNITY • Per gestire le community, sta emergendo una figura professionale specifica: il Community Manager • Community Manager: progetta la struttura della community, in base ad eventuali richieste di utenti o agli obiettivi di un committente; definisce le modalità di aggregazione, sceglie gli strumenti, i servizi, le categorie di discussione e se necessario, può anche avvalersi di moderatori o altre figure, che lo affiancano nella gestione della comunità stessa al fine di creare un ambiente in cui i membri si sentano liberi e sicuri di esprimersi, dialogare, comunicare, collaborare al fine di contribuire alla crescita e allo sviluppo di una buona comunità virtuale. IWA Italy Web Skills Profiles Primer – Draft Fonte: http://skillprofiles.eu/wd/primer.html 19 Fonte immagine: images.google.it TrediciMaggio2009
  20. 20. LA RICERCA ATTIVA DI FEED-BACK • Sebbene i feed-back spontanei possano essere molto importanti per “sentire il polso” dei ns. Clienti e Stakeholder, può rivelarsi utile stimolare la community a fornire pareri in forma strutturata • Pertanto, si può ricorrere a: – discussioni on-line – survey – contest – games – User Generated Content (Enriched) • Tali strumenti on-line non sono eccessivamente costosi e hanno il vantaggio secondario di segnalano l’interesse per il punto di vista e la collaborazione della community Prof. Maurizio Goetz 2009 Fonte immagine: 20 TrediciMaggio2009
  21. 21. ESEMPIO DICUSSIONE ON-LINE: CITTA’ DI VIGEVANO 21 TrediciMaggio2009 Fonte: www.comune.vigevano.pv.it
  22. 22. ESEMPIO SURVEY: LIBERO COMMUNITY 22 Fonte: www.libero.it TrediciMaggio2009
  23. 23. ESEMPIO SURVEY: DELLAMODA.IT 23 Fonte: dellamoda.it TrediciMaggio2009
  24. 24. ESEMPIO CONTEST: FEELDUDE /1 24 Fonte: www.feeldude.com TrediciMaggio2009
  25. 25. ESEMPIO CONTEST: FEELDUDE /2 25 Fonte: www.feeldude.com TrediciMaggio2009
  26. 26. ESEMPIO CONTEST: CARDESIGNNEWS.COM /1 26 Fonte: www.cardesignnews.com TrediciMaggio2009
  27. 27. ESEMPIO CONTEST: CARDESIGNNEWS.COM /2 27 Fonte: www.cardesignnews.com TrediciMaggio2009
  28. 28. ESEMPIO UGC (enriched): WARNER BROS. 28 TrediciMaggio2009 Fonte: http://current.com/topics/88836242/the_warner_bros_85th_anniversary_vcam/default/0.htm
  29. 29. ESEMPIO UGC (enriched): ALFA MITO CLIP /1 29 Fonte: www.alfamitoclip.com TrediciMaggio2009
  30. 30. ESEMPIO UGC (enriched): ALFA MITO CLIP /2 30 Fonte: www.alfamitoclip.com TrediciMaggio2009
  31. 31. ESEMPIO UGC (enriched): ALFA MITO CLIP /3 31 Fonte: www.youtube.com TrediciMaggio2009
  32. 32. IL BUZZ MONITORING • Esistono società e strumenti che analizzano le conversazioni on-line etc… 32 TrediciMaggio2009
  33. 33. CONCLUSIONI /1: CREARE VALORE DALL’ASCOLTO ATTIVO • L’Ascolto Attivo consente di crearsi una rappresentazione più realistica dei ns. Clienti e Stakeholder • La difficoltà di definire con chiarezza le caratteristiche e i bisogni delle ns. audience può essere mitigata mediante il loro continuo ascolto • In questo modo l’azienda “apprende” sempre più la natura dei propri Clienti (learning organisation) e costruisce con essi un rapporto sempre più profondo e una value proposition sempre più mirata Strategia di Comunicazione Conoscere i tgt Apprendimento comunicazione e Ascolto attivo nuova conoscenza nuova conoscenza dei tgt di noi stessi, come veniamo percepiti TARGET KNOWLEDGE GOVERNANCE Strategia di miglioramento 33 TrediciMaggio2009 Fonte: Andrea Rossi e innovActing
  34. 34. CONCLUSIONI /2: LA RACCOLTA DEI FEED-BACK • I feed-back rappresentano il punto di vista dei ns. Clienti (o Stakeholder in genere), relativamente alla ns. azienda, i ns. prodotti, la ns. identità  ossia, i feed-back ci aiutano a capire come gli altri ci percepiscono • Pertanto è importante raccoglierli in maniera sistematica per cogliere i messaggi sottostanti e le opportunità di miglioramento • E’ importante individuare quali sono i temi ricorrenti, realizzando una vera e propria “tassonomia” dei feed-back • Inoltre è fondamentale stimare il grado di importanza attribuito all’argomento e del livello di soddisfazione/insoddisfazione espresso • IMPORTANZA Si può così realizzare una matrice dei feed- back, che consente interessanti valutazioni circa il ns. miglioramento in ottica di Customer Satisfaction Pro-attiva SODDISFAZIONE 34 Immagine quadro: www.salvocaramagno.it/album_web/quadri.htm TrediciMaggio2009
  35. 35. CONCLUSIONI /3: OPPORTUNITA’ DI CRESCITA MEDIANTE LA RACCOLTA DI FEEDBACK Alta DEBOLEZZA FORZA ELEVATA ELEVATA IMPORTANZA 1 2 4A DEBOLEZZA FORZA 3A MARGINALE MARGINALE 3C 4B 3B 4C Bassa Alta Bassa SODDISFAZIONE LEGENDA STRATEGIE: 1) Presidiare il vantaggio competitivo e allungare la distanza dai competitor / Continuous Improvement 2) Acquisire/Sviluppare le competenze / Re-engineering 3) A. Valorizzare le caratteristiche (comunicazione) / (B. Mantenere) / C. Ridurre BDGT e riallocare 4) A. Valorizzare (comunicazione) e investire / B. Mantenere / C. Disinvestire 35 TrediciMaggio2009 Fonte: Andrea Rossi e innovActing
  36. 36. Customer Satisfaction Pro-attiva nell’Era del Web 2.0 Ing. Andrea Rossi Amministratore Unico innovActing srl - Gruppo CSE-Crescendo a.rossi@cse-crescendo.com Milano - Assolombarda – Sala Falck TrediciMaggio2009

×