WTM | C-Magazine n 27

980 views

Published on

Published in: Travel
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
980
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
15
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

WTM | C-Magazine n 27

  1. 1. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketingWTM | C-Magazine n.27Un anno di WTM: festeggiato con abbiamo presentato a nome del WTM sulle note di Chaiyya Chaiyya Bollywood Joint.la nostra prima ricerca presentataal BTO! C’è nel turismo un’evoluzione in atto che sta profondamenteNovember 30th, 2010 cambiando il modo di viaggiare delle persone. Un’evoluzione che molti interpretano con una chiave di tipo economico ma che in realtà ha una spiegazione più complessa che trae origine da un profondo cambiamento valoriale. Il viaggiatore no cost non è infatti un turista che non vuole spendere. E neppure un turista che viaggia con mezzi e modi illegali che favoriscono l’evasione fiscale di chi offre ospitalità. Il turista no cost è invece una persona che ha scelto, con molta consapevolezza, di riscoprire lessenza del viaggio inteso come esperienza autentica finalizzata ad esplorare nuovi luoghi, conoscere e capire nuove culture, stringere amicizie e legami. Potrà sembrare strano ma applica nella sua vita un concettoIl  WTM è nato un anno fa in occasione del BTO da un’idea quello della “fiducia sociale” che lo predispone a creare retidi Antonello Maresca che pensò di far convergere in un sociali e a condividere aspetti intimi della sua vita con deglimagazine collaborativo conoscenza, esperienza e passione sconosciuti. E’ disposto a fidarsi di persone che non ha maidi   un gruppo di blogger sparsi un po’ in tutta Italia ma visto a condizione che siano simili a lui. Viaggia usando retiaccomunati dall’interesse personale e professionale per il di relazione e collaborazione; cerca ospitalità basandosi sulweb 2.0 e il turismo variamente coniugati. A un anno esatto giudizio espresso da persone simili a lui; cerca ospitalità dadalla sua nascita il WTM ha presentato pubblicamente la sua persone che condividono i suoi interessi; condivide le sueprima ricerca al BTO in un panel animato dalla preparatissima esperienze e influenza altri viaggiatori. Ma in questo “modo diGiovanna Manzi, Ceo Best Western Italia e dall’esperto di viaggiare” che cosa c’è di nuovo o di innovativo? Niente.social media Gianluca Arnesano di Frozenfrogs.Titolo e argomento della ricerca non erano certo facili perchéagli operatori del turismo che non hanno ancora smaltito Niente perlomeno che non sia ciò che ha favorito la nascitale scorie del low cost non è facile raccontare che adesso stessa del turismo e che con gli anni l’industria turistical’evoluzione potrebbe portare verso il no cost. Ma qualcuno lo ha invece trascurato, dimenticato o semplicemente ignorato.doveva pur fare (Carniani dixit) e il nostro gruppo WTM non Per questo oggi, favoriti dal web e dalla tecnologia, sisi è tirato indietro. Ecco che cosa emerge nella ricerca “Dopo stanno affermando e diffondendo modelli di viaggio che siil viaggio low cost il viaggio no cost?” che con Arturo Salerno alimentano di parole chiave come comunità, fiducia, scambio, condivisione e collaborazione. Oggi sono diffuse nel mondo 1
  2. 2. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketingdiverse piattaforme web dove le persone si incontrano, si far sì che tutto questo possa contribuire a dare maggiorefidano e decidono di condividere un’esperienza di viaggio e vigore alleconomia e visibilità alla nostra regione."amicizia. E un evento a tutto tondo perché si rivolge a tutti: istituzioni, appasionati, imprese appartenenti a tutti i livelli.Nella ricerca fatta dal Gruppo WTM ne abbiamo analizzate Non solo buoni propositi, ma anche fatti concreti che spero siquattro, molto diverse fra loro. Una ad esempio permette a moltiplichino e diventino prassi comune nel realizzare quellapersone di tutto il mondo di scambiarsi ospitalità sul divano rete ideologica più che strutturale. Internet è uninfrastrutturadi casa (Couchsurfing). Un’altra permette di affittare qualsiasi e la Calabria necessita di infrastrutture. La rete è latipo di spazio extra sia esso una stanza a New York, un soluzione. Immaginate più giovani dislocati in diverse città oappartamento a Copenhagen, o un igloo in Norvegia a un comuni calabresi con un "progetto" condiviso e condivisibileprezzo accessibile (Airbnb). Un’altra ancora di viaggiare per da altri; immaginate si incontrino ad un evento comelunghi periodi soggiornando in fattorie dove avere vitto e WWW CALABRIA, questi smetterebbero di essere isole ealloggio in cambio di un aiuto in casa o nei campi (Helpx.net). comincerebbero a creare "ponti" grazie alla rete. Basta pensare al ponte sullo stretto che ormai è diventato virtuale ed obsoleto, ma apriamoci ai ponti sulla rete cheLa quarta piattaforma analizzata quella del Roadsharing è paradossalmente sono più reali.invece quella che permette di condividere   un passaggio inauto con altri viaggiatori. Ovviamente in questi quattro modelli Vorrei invitare anche i curiosi a partecipare, perché magaridi viaggio la componente “no cost” varia a seconda della possono incubare tra i loro pensieri qualcosa di bello epiattaforma e del modello di business. In alcuni casi si paga positivo. Partecipate, vi prego di partecipare...non perdiamoper poter farte della comunità (helpx.net), in altri è totalmente questa occasione. E grazie ad un eventi del genere che sigratuita (roadsharing e couchsurfing), e in altri casi come cresce, é grazie ad eventi del genere che nascono le idee,quello di Airbnb si paga un prezzo di affitto molto contenuto é grazie ad eventi del genere che io sono qui a chiedervi die accessibile. partecipare, perchè a me sono serviti. Grazie.Il fenomeno è ancora di nicchia ma è comunque fortementein crescita e soprattutto si sta diffondendo in tutti i paesi del Zoover Travel Lounge TweetUp #ztlmondo. Ad esempio in Italia ci sono oltre 68.000 iscritti alla By Robi_Veltroni on November 30th, 2010piattaforma di Couchsurfing, 150 Ospitanti per la piattaformaHelpX.net e centinaia di spazi di diverso tipo in affitto nellapiattaforma Airbnb.L’evoluzione in atto è quindi imponente ma non devespaventare: il turismo tradizionale non sarà certo messo in crisida questi fenomeni, anzi. A nostro parere potrà invece venirnefuori rinvigorito soprattutto se gli operatori turistici capirannoche il vero passaggio non è dal low cost al no cost, ma dalturismo “di valore” al turismo “dei valori”. E qui la partita èancora tutta da giocare. Zoover Travel Lounge TweetUp è lultima diavoleria inventata da Michele Aggiato responsabile della community italiana di MyZoover . Cosa è ZTL? In pratica è un meeting on line che si svolgerà tutti i martedi dalle 14 alle 15:30 suWWW CALABRIA: un "ponte" Twitter. La partecipazione ovviamente è gratuita, in praticaverso il futuro Zoover lancerà un tema di discussione che potrai seguire su Twitter con lhashtag #ztl (per ricordartelo fissati in menteBy Giovanni Cerminara on November 30th, 2010 Zoover To Love). Martedì 30 primo test per la communityQuesto non è un semplice post come tutti gli altri, ma forse zooveriana: i mercatini di natale. Ecco le info e laè tra i più importanti. Un post che parte dalla pancia, passa pagina dove, utilizzando la funzione commenti, puoi indicareper il cuore e termina con leditare questo insieme di parole. un tema da proporre nei prossimi appuntamenti. Quindi ciVorrei veramente far passare il messaggio e non la mera vediamo martedi prossimo, chissà che non appaia anchepubblicazione di un evento. Un evento, che per me ha una @babbonatale. Ho strappato una promessa a Michele, unavalenza molto più significativa, una valenza che aiuta a Zoover t-shirt per il tweet più bello!!!credere che anche in Calabria, la mia terra, si possano buttare Ci vediamo a ZTL... e vinca il migliore!le basi per creare qualcosa di bello e positivo attraverso laiutodi Internet, del web e del social.WWW CALABRIA questo è il nome dellevento "Si pone comeobiettivo principale quello di creare o elaborare soluzioniapplicabili a quel meraviglioso "strumento" che è internet, per 2
  3. 3. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketingThink Tank Umbria: "qualcosa" dibuono si sta [s]muovendoBy alessioc83 on November 30th, 2010 Aspetto molto importante emerso dai gruppi di lavori è quello relativo alle PROFESSIONALITA . Stanno emergendo nuovi profili professionali, nuove "figure" che devono essere "formate. Il prof ha più volte  ribadito  la parole "FORMAZIONE": senza di essa non si andrà moltoSi è concluso sabato scorso,   il quinto seminario lontano.dapprofondimento tematico sul turismo, tenutosi dal 25 al 27novembre presso Palazzo Vignola, nellincantevole scenario • Community manager : colui che risponde e interloquiscedella città di Todi. e implementa la community online, ma soprattuttoQuestanno il tema è stato "Qualità e turismo: rispondere oggi ascolta il buzz intorno al brand di destinazione.alle sfide di domani", argomento discusso attraverso il format • Fundraising manager: addetto al reperimento di "fondi",del Think Tank. • Visual Manager: ha il compito di veicolare "limmagine"Sai cosa è il Think Tank? dellUmbria in Rete attraverso foto, video, ed icone.Sono (serbatoi di pensiero) seminari interattivi che hanno • Manager del territorio:  unificare le caratteristiche e lelobiettivo di individuare eventi non ancora venuti in essere e molteplici offerte del territorio in un appetibile formatdefinire scenari futuri, il tutto, individuando quattro obiettivi: turistico 1. identificazione delle forze che influenzano il settore Qui sono sintetizzate gli obiettivi   strategici   emersi dai 6 turismo gruppi di lavoro che hanno composto  il Think Tank....davvero 2. stimare limpatto e il timing delle forze al punto interessanti ;) precedente 3. creare metodi competitivi che si basino esclusivamente sullanalisi dei punti 1 e 2 4. individuare le nuove competenze di base che saranno necessarie per sviluppare i metodi competitiviLa cosa interessante che i partecipanti vengono selezionatinon solamente in qualità dei rappresentati del settore maanche e soprattutto di altri settori [es comandante poliziamunicipale] ed organizzazioni che influenzano lesperienza delviaggiatore, anche in modo "indiretto".[La costellazione delvalore di Normann].Sabato sono stati presentati i lavori della due giorni [25e 26 novembre] presieduti dal professore Sandro Formica, docente della Florida International University. Gli scenari diriferimento iniziali sono: Le idee emerse, vanno da un portale di destination management system, ad idee di mobilità alternativa e • socio-culturale sostenibile, [pedane risparmio energetico], per poi passare al • tecnologico TravelMate [un approccio innovativo di scoperta del territorio: basandosi su tecnologia di   Augmented reality:   in Toscana • ecologico è stata già sperimentata], ed infine  un canale YOUMBRIA : canale tematico di raccolta di eventi e comunicazione nellomonimo canale You Tube. 3
  4. 4. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketingDalla due giorni sono emerse idee illuminati, sostenibili e processo di prenotazione di un agriturismo. Un raro caso dilungimiranti, ora è il "momento" di passare dalla fase di disintermediazione spontanea e …rurale.ideazione a quella [critica] di realizzazione. Probabilmente chi preferisce prenotare un agriturismo si affidaHo avuto il sensore, di un certo "attivismo" bottom up, di al canale diretto ed al contatto personale complice anche launa "concreta" voglia di cambiare, di evolvere...si, di un scarsa presenza di strumenti e risorse per la prenotazionevero e proprio switch off  da una fase "medievale" a quella diretta sui siti istituzionali delle strutture. "rinascimentale". Non mi dilungo e vi affido alle note relative alla ricerca cheESEMPIO VIRTUOSO: TORRACA potete scaricare in pdf qui.Qui sotto un esempio, illustrato dal prof Formica e dai suoi La “Radiografia del Turista Rurale 2010” e le abitudini deiragazzi [un complimento per entrambi], di come unidea turisti ruralisostenibile e innovativa, possa beneficiare [in]direttamente sul Informazione, decisione e prenotazione di un agriturismo: ilturismo. ruolo della ReteLa cittadina in questione è Torraca, comune di 1300 anime,nella provincia di Salerno, divenuto famoso a livello mondialeper essere   la prima cittadina "LED CITY", dotandosi di Sito turistico o sito per il turista?unimpianto di illuminazione a LED. Questa scelta, ha scaturito By Giovanni Cerminara on November 30th, 2010un passaparola, che perfino testate come lEconomist hannoriportato la  notizia, alimentando curiosità , ma sopratuttoincrementando le visite turistiche.Mi piace concludere con una frase simbolica,  dell assessoreregionale al turismo, Fabrizio Bracco,  che estrinseca ilpensiero del think tank umbro,   Il passato appartiene aglistorici, oggi contano il futuro e le prospettive. Ben dettoassessore!Agriturismi: pronto c’è posto?By Antonello Maresca on November 30th, 2010 Hotel Internet Site oppure Hotel Internet Site per il turista? Una domanda che mi è venuta in mente facendo surfing nella rete, osservando diversi siti alberghieri, ed ho notato che sostanzialmente esistono due tipologie di siti per hotel: Hotel Internet Site che fondamentalmente basano il loro pay-off su una comunicazione che tende esclusivamente a descriversi, quindi i classici siti autoreferenziali, ed Hotel Internet Site focalizzati sul turista e caratterizzati da una serie di elementi che pongono al centro tre elementi: - Motivazione - Partecipazione - PersonalizzazioneLucio Colavero mi ha appena inviato un’interessante indagine [Questo post, non ha lo scopo di illustrare come funzionacondotta dal portale TopRural. tecnicamente, ma lapproccio logico utilizzato per la costruzione che a parer mio è molto più importante, anche perché tecnicamente ognuno avrebbe da obiettare]. Ma oltreLa “Radiografia del Turista Rurale 2010” e le abitudini dei a queste tre prerogative il sito in questione tende a mettereturisti rurali -  Informazione, decisione e prenotazione di un in luce, alcune variabili che gli psicologi chiamano, bisogniagriturismo: il ruolo della Rete questo il tema dell’indagine secondari [o soggettivi] di un individuo che sono determinantisvolta su un campione di circa 1000 interviste. per la scelta di una vacanza.Dalla ricerca emergono dei fattori interessanti. La rete svolge Aquisresorts.com, realizzato da un team di esperti (tra cuiun ruolo fondamentale nella ricerca delle informazioni e il Prof. Buhalis presente sul palco della BTO dello scorsonel processo di scelta delle strutture però la prenotazione 18-19 Novembre) è un sito internet  per hotel  che trovasi concretizza per telefono. L’altro fattore evidenzia la fondamento su alcuni aspetti di psicologia turistica, che stannoquasi totale esclusione degli intermediari tradizionali dal caratterizzando gli scenari attuali. Un sito costruito per il 4
  5. 5. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketingturista dove si riescono ad osservare a chiare letterere sia la si! Molti degli albergatori che mi contattano mi dicono chepartecipazione sia il coinvolgimento del turista nel processo vogliono avere più visibilità sui motori di ricerca e piùdi composizione della propria vacanza, tutte prerogative che prenotazioni, ma poi mi specificano che il loro sito attuale vasono delle vere e proprie strategie di marketing. benissimo e non può essere modificato.Apparentemente potrebbe apparire macchinoso, ma se Mi spiace ma non è così che funziona, un sito vecchio di 5consideriamo il profilo del nuovo turista questo è il futuro o addirittura 10 anni fa  ha una grafica e delle caratteristiche[presente!] e molti turisti sono pronti da un pezzo ad utilizzare obsolete, che molto probabilmente non sono in linea con gliqueste tecnologie. standard odierni e che gli impediscono di ottenere dei risultati soddisfacenti sia in termini di visibilità che di prenotazioniLa vacanza deve quindi essere sempre più un prodotto generate.di esperienza memorabile, ad alto coinvolgimento emotivo,e non un semplice insieme organizzato di beni e servizi 3. Booking engine mancantestandardizzati venduto a basso prezzo. Correlato al punto precedente, il booking engine è consideratoBisogna offrire al turista una certa indipendenza nel proprio da alcuni un sovrappiù, un’opzione in fin dei conti superflua.sito, con un alto valore aggiunto e puntare su fattori L’altro giorno una direttrice di un albergo di Roma, composto[chiamiamoli] critici che non tengano solo conto delle tasche da 26 stanze mi ha detto la seguente frase: “a noi il bookingdel turista ma anche del suo lato emotivo ed esperenziale. engine non serve, i clienti del nostro hotel preferiscono inviarciCosa rispondo alla domanda? Sito internet per il turista tutta una mail, vogliono il contatto diretto con noi…”. Niente di piùla vita :) sbagliato, perché la possibilità di prenotare online da subito, senza aspettare la risposta dell’albergatore, dà al potenziale cliente un vantaggio: l’immediatezza. Questo però non vuolI 10 errori più comuni commessi dire che si preclude la possibilità dell’utente di chiamare o mandarci una richiesta per e-mail se lo preferisce, anzi con undagli albergatori booking engine si fornisce un’alternativa a questo sistema cheBy Enrico Ferretti on November 30th, 2010 comporta una perdita di tempo.Quali sono gli sbagli commessi più di frequente dagli Con un booking engine in qualunque momento l’utente puòalbergatori nel gestire online la propria struttura ricettiva e sapere se è disponibile la stanza di cui ha bisogno, se inperché stilare una classifica? quel periodo dell’anno è tutto esaurito ecc., questo non soloLa risposta è che penso possa essere utile: grazie facilita il turista, ma consente all’albergatore di incentivareall’esperienza acquisita lavorando nel settore e incontrando le prenotazioni e di risparmiarsi parecchio lavoro grazie admolti operatori turistici in occasione di convegni, corsi e unprocesso di vendita automatizzato.seminari, ci siamo resi conto che gli errori più gravi, quelli che 4. Non conservare i dati dei clienti soprattutto l’e-mailimpediscono di valorizzare il proprio hotel o b&b, sono sempregli stessi. Non occorre dire quanto sia importante rimanere in contattoProviamo a elencarli e a sviscerare le cause e le con i visitatori del vostro sito che effettuano una richiestapossibili soluzioni, l’intento è di sensibilizzare quanti ancora di disponibilità… Sembra incredibile, ma spesso non vienesottovalutano l’importanza della propria presenza sul web. realizzato un database nemmeno dei clienti che hanno soggiornato nell’albergo e hanno lasciato volontariamente i1. Totale assenza di statistiche propri contatti.Molti albergatori hanno un sito web, magari anche aggiornato Gestire un database, sia dei clienti fidelizzati, sia degli utentie completo di tutte le informazioni, però non hanno disponibili generici che hanno semplicemente richiesto informazioni,le statistiche relative agli accessi degli utenti. E’ paradossale, consente di avere sempre a portata di mano un elenco dima vi assicuro che almeno la metà dei miei clienti o non contatti altamente profilati.avevano le statistiche installate sul loro sito, o non avevano 5. Direct Email Marketing questo sconosciutoaccesso diretto a questi dati, i quali erano custoditi sotto chiavedalla web agency di turno. Non essere in possesso di queste Questo punto va a braccetto con il precedente. Il Directinformazioni, è come possedere un teatro e non sapere il Email Marketing è un utile alleato per promuovere la proprianumero di paganti degli  spettacoli. struttura ricettiva, attraverso l’invio di newsletter contenenti offerte, pacchetti, o news di vario genere. Le statistiche diControllare le statistiche di accesso al sito della propria settore indicano che tali newsletter sono un ottimo incentivostruttura è piuttosto semplice (spesso sono comprese nel per stimolare le prenotazioni di clienti già acquisiti (repeaters),servizio di hosting) ed è il primo passo per conoscere lo stato ma soprattutto di clienti potenziali.di salute del proprio sito. Grazie alle statistiche potrete infatticapire quanti utenti visitano giornalmente il sito, da quale parte Spedire delle e-mail tramite un semplice programma di postadel mondo provengono le visite, quali sono le pagine più (Outlook, Windows Mail, ecc.) non è il modo migliore divisualizzate, il numero di conversioni generate e molto altro sfruttare questa forma di comunicazione, anzi ne vanificaancora. gli effetti. Oggi esistono dei software dotati di caratteristiche avanzate, che garantiscono una maggiore penetrazione del2. Un sito web poco accattivante messaggio (altrimenti spesso viene filtrato da antivirus edQualcuno, lì fuori, pensa ancora che una volta fatto un sito antispam), e che consentono all’utente di disiscriversi inquesto possa rimanere così com’è per millenni? Purtroppo qualsiasi momento. Tali software hanno inoltre un sistema 5
  6. 6. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketingditracking integrato, che permette di conoscere quanti utenti la propria audience, ed un piccolo paracadute per situazioni dihanno aperto effettivamente la mail, quanti l’hanno cestinata, emergenza, come nel caso di grosse cancellazioni.ma soprattutto in quanti hanno cliccato sui vari link interni che Esempio: Qualche mese fa a causa dell’eruzione del  vulcanorimandano alle landing page del nostro sito. islandese dal nome inpronunciabile, mi chiamò un amico6. Zero investimenti in Web Marketing albergatore disperato, il quale aveva ricevuto una disdetta di 15 camere in un sol colpo, 48 ore a ridosso dalla data diPer chi gestisce una struttura ricettiva ci sono una serie di arrivo.Per tappare il buco realizzammo un’offerta veramentespese obbligate da non mettere in discussione, tipo bollette, speciale con uno sconto del 60% e la pubblicammo oltre checosto del personale e forniture varie. Purtroppo la voce Web sul sito ufficiale dell’hotel, anche su tutte le Olta in cui eraMarketing che a mio avviso è necessaria come le altre, presente. In 48 ricevemmo 11 prenotazioni, di cui 2 dirette e 9purtroppo non è tra queste, e i risultati negativi si sentono. da Bookings e altri portali minori, senza i quali avremmo fattoDopo aver realizzato un sito efficiente è opportuno migliorarne ben poco.la visibilità, l’unico modo per farsi trovare dai potenziali clienti. 9. Investimenti sbilanciati per il tipo di struttura ricettivaInvestire risorse nel web marketing (Search EngineOptimization, Keyword Advertising, ecc.) significa pensare al Naturalmente ogni struttura ricettiva è diversa e richiedepresente e non al futuro come molti credono, perché già oggi investimenti equilibrati. Purtroppo c’è chi impiega risorsela visibilità sui motori di ricerca è il primo fattore determinante senza aver impostato alcuna strategia. Così accade che unper ottenere la giusta occupazione. Conosco albergatori che piccolo b&b faccia investimenti come se fosse un hotel a 5si sono cullati sugli allori per anni, uno di questi incontrato stelle, e all’inverso un albergo di lusso spenda come unaqualche mese fa mi è rimasto impresso, perché durante un struttura a gestione familiare. Conosco albergatori che hannoconvegno mi disse “nel 2000 noi eravamo sempre pieni, ora la deciso di non lavorare con gli intermediari, ma che poi hannosituazione peggiora di anno in anno, dobbiamo fare qualcosa”. effettuato iniziative di advertising sballate, ottenendo risultatiMa io dico ci volevano dieci anni per capirlo? Mentre ti giravi paragonabili all’indotto che avrebbero generato le Olta, ma ai pollici i tuoi competitors più lungimiranti si sono mossi nella fronte di un costo superiore rispetto alle commissioni.maniera giusta e ti hanno surclassato, e da leader che eri ora Caso contrario ci sono hotel di un certo calibro o con capienzeti tocca rincorrere di brutto… importanti, che investono talmente poco da vanificare il7. Sottovalutare la reputazione successo di ogni possibile iniziativa di web marketing. Sorrido ancora se ripenso ad un 4 stelle in Costiera AmalfitanaUna delle domande che rivolgo ai miei clienti prima di che spendeva solo 5 Euro di pay per click al giorno,impostare una strategia di web marketing è “come siete messi andando a competere su parole chiave da 1 euro l’una.dal punto di vista della reputazione online?” Una volta mi è Ovviamente quella campagna ppc era sbilanciata verso ilcapitato di ricevere questa risposta: “così e così, ormai non basso poichè poteva generare massimo 5 click al giorno,controlliamo più per non avvelenarci le giornate!”. massa critica insufficiente per ottenere delle conversioni,La web reputation è un tema centrale, perché sempre più quindi un investimento completamente inutile. In tali casipersone, prima di fare un acquisto sul web, cercano opinioni, quando non ci sono budget adeguati meglio non far niente,consigli e informazioni condivise da altri utenti. Molto spesso piuttosto che dissanguarsi lentamente.questo accade non attraverso i canali ufficiali, bensì tramitecommunity, forum di settore, blog e social network. Perciò è 10. Gestione errata del pricing e zero revenueimportante che gli operatori turistici si interessino di cosa si Last but not least, il prezzo è un fattore decisivo, che va taratodice in rete, perché è qui che le conversazioni nascono, per con cura. Bisogna tenere conto dei competitors, dei servizipoi amplificarsi all’esterno. offerti, del fatto che il prezzo non è più un elemento immutabile.Monitorare la propria reputazione vuol dire controllare le Da numerose statistiche emerge che un prezzo vantaggiosorecensioni su siti come Zoover, Tripadvisor, Tripwolf e simili, convince a prenotare anche utenti che in prima battuta nonpresidiare dei social network tramite dei profili social su avevano scelto quella destinazione.Facebook e Twitter, così da poter rispondere nel caso Vi racconto questa storia per spiegare meglio il concetto: undi controversie e recensioni negative, ma anchedimostrarsi cliente che tutt’ora seguo si era affidato alla mia web agencyattenti, ricettivi e disponibili. Qualità rare e preziose, che per la promozione del suo hotel che aveva pochissimi visitatorivengono sempre premiate, credetemi…. dai motori di ricerca. Grazie al nostro intervento dopo circa 68. Strategic Placement inesistente mesi il sito della sua struttura era arrivato a fare la media di 4.500 accessi mensili, ma le prenotazioni nonostante questaAncora a proposito di promozione, molti albergatori non considerevole mole di utenti erano ancora insoddisfacenti.sono presenti su alcun portale turistico, come se ciò noninfluisse sulle prenotazioni e sulla promozione del proprio Dopo un’attenta analisi sulle possibili cause di questobrand. Qualunque tipo di struttura, grande o piccola, di lusso fenomeno, abbiamo verificato che nel raggio di 10 km dalo economica, richiama clienti differenti, ed essere inseriti suo hotel c’erano almeno altre 20 strutture di pari livellosu alcuni portali molto frequentati come quelli delle OLTA o superiore, con prezzi medi inferiori del 30%. Insomma(Expedia, Venere o Bookings), ma anche su portali tematici di il problema erano i prezzi troppo alti. Effettuando unnicchia, consente di ampliare di molto la propria visibilità. allineamento dei prezzi con la concorrenza, il sito dell’hotel ha cominciato ad ottenere le conversioni sperate ed il problemaLe OLTA se ben gestite “non cannibalizzano la disponibilità è stato risolto.delle camere”, ma diventano uno strumento utile per ampliare 6
  7. 7. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketingOltre a ciò va detto che rispetto al passato le tariffe devono Questo percorso potrebbe anche essere diverso e prevedereessere flessibili per generare un buon numero di prenotazioni,   come primo step la ricerca dell’hotel tramite una OTA pernon è possibile avere delle rack rates fisse per 12 mesi l’anno. poi  ricercare sul motore di ricerca il brand name dell’hotel eSeppur minimamente l’albergatore deve cominciare a fare concludere la prenotazione direttamente sul web site ufficialerevenue management, applicando scontistiche e promozioni dell’hotelallettanti per gli utenti in base a stagionalità ed occupazione Cosa fare quindi per disintermediare sfruttandodell’hotel. l’intermediazione?Mi auguro che i miei lettori non abbiano commesso questi Le cose da fare sono secondo me principalmente 5:errori, ma se leggendo questo articolo a qualcuno è venuta lacoda di paglia, sappia che allora si trova in buona compagnia. - Ottimizzare la presenza sui portali -Ottimizzare la propria visibilità on-lineDisintermediare Intermediando? se -  Implementare un Sito web efficacene parla al WHR - Gestire la brand reputaionBy Fabrizio on November 30th, 2010 - Possedere un buon bookin engine. Ottimizzare la presenza sui portali Anche sui portali non è facile ottenere visibilità, il ranking di una struttura è determinante per farvi essere subito visibili a potenziali clienti che in quel momento stanno utilizzando un portale per ricercare una sistemazione. E’ importanteDisintermediare intermediando, ecco uno degli argomenti quindi ottimizzare la propria presenza sui portali, per faredel ricchissmo programma che seguirò al WHR Seminar ciò bisogna  mantenere la disponibilità di camere anche(Web Hotel Revenue) evento che si svolgerà presso l’Hotel in periodi di alta stagione, aggiornare costantemente la  Conference Le Capanelle di Roma dal 9 al 11 Dicembre tariffa magari gestendola in ottica revenue,    aggiornare i2010. contigenti anche nel lungo periodo, tenere qualche cameraSi può disintermediare intermediando? Può sembrare disponibilie  a tariffa piena (rack) anche quando non si hannostrano ma la risposta è Si. Più volte su questo blog ho più disponibilità, ottimizzare la propria scheda (descrizione,parlato di disintermediazione è la mia posizione è sempre foto, servizi). Vi segnalo anche questo interessante articolostata abbastanza chiara per me disintermediare vuol dire di booking blog Come ottimizzare il posizionamento suriequilibrare e ottimizzare i canali di vendita cercando di Expedia: attenzione a recensioni e tariffe .spingere quando più possibile la vendita sul canale diretto. Ottimizzare la propria visibilità on-lineDisintermediare non significa mettersi in competizione con i E’ assolutamente indispensabile comparire in prima posizionepropri intermediari ma cercare di gestire la propria presenza in sui motori con il vostro brand name, questa è la primamodo da aumentare la visibilità e sfruttare il cosidetto effetto clausola imprescindibile per sfruttare la visibilità dei portali ebilboard. Le OTA garantiscono una visibilità globale alle incrementare le prenotazioni dirette.strutture ricettive affiliate ed inoltre investono pesantementein pubblicità on-line (anche se su questo si sarebbe un bel Un Sito web efficacepò da discutere su alcune tecniche non  proprio “eticamente” Il vostro sito web è l’hub di tutte le vostre attività sia on-linecorrette), inoltre le prenotazioni provenienti dai portali possono che off-line, avere un sito web semplice, pulito, persuasivopoi successivamente trasformarsi in prenotazioni dirette, di e graficamente accattivante, vi aiuterà sicuramente adsolito l’utente che prenota tramite un intermediario non è mai aumentare le vostre conversioni e a favorire anche lastato nella struttura… disintermediazione…In molti casi inoltre i portali sono utilizzati come meta motore Brand reputationdi ricerca per la ricerca della soluzione  e la tariffa migliore. La vostra reputazione rappresenterà anche in questo caso unaPer esempio un utente che ricerca un hotel a Bologna chiave di successo, poichè oltre a consentirvi di aumentare il1 effettua una ricerca generica su Google, del tipo “hotel a ranking all’interno dei portali potrà contribuire ad aumenterà laBologna”, fiducia nei confronti del vostro brand, in questo modo gli utenti2 Entra in siti generici di recensioni o comparazione prezzi, tra saranno più disposti ad effettuare una prenotazione diretta.cui anche OTA Possedere un buon booking engine3 Prende nota degli hotel che soddisfano meglio le proprie Il  booking engine è forse uno degli aspetti più determinanti peresigenze facilitare la prenotazione diretta. Vi rimando ad un post che ho4 Torna a cercare sul motore di ricerca il brand name degli fatto qualche mese fa. Booking engine quale scegliere?hotel che gli sono piaciuti di più ed entra nei siti ufficiali Insomma apparire sui portali online porta anche i suoidove concluderà la prenotazione se troverà le condizioni ideali vantaggi e paradossalmente, può aiutare proprio il(stessa tariffa e sistema di prenotazione semplice) processo di disintermediazione 7
  8. 8. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketingTi aspetto al WHR dove ci sarà sicuramente modo di discutere 1)Ciao Fabio, innanzitutto mi devo complimentare con voi persu questo e su altri interessanti argomenti,  se ancora non hai la bellissima strategia di marketing non convenzionale checonfermato la tua partecipazione iscriviti subito! state intraprendendo, specie in un settore quale il turismo ,un pò "lontano" da queste nuove forme di comunicazione! voi siete tra i primi in italia, se non i primi [ mi riferisco nellhotellerieTrends booking engine per le delle pmi]catene alberghiere Perchè avete scelto questo tipo di   di comunicazioneBy Arturo Salerno on November 30th, 2010 "innovativa"?Quali sono le principali funzionalità di un motore diprenotazione? Come possono i motori di prenotazione Ciao Alessio, credo che il settore turistico abbia tutte lemigliorarsi usando la voce accogliente di una receptionist? potenzialità, ma anche la necessità di affacciarsi a nuoveLo studio dell’Università della Svizzera Italiana   indaga forme di comunicazione. Sia una struttura alberghiera, comesulle funzionalità dei booking engine misurando l’interattività nel nostro caso, sia una compagnia aerea, possono trovaree il design dei sistemi di prenotazione per 162 catene nuovi canali per intercettare il pubblico coinvolgendolo in modoalberghiere per aiutare a capire come progettarlo o come differente dal solito. Questo non vuole dire che bisogna fare unmigliorarlo. I risultati dello studio mostrano un basso grado salto nel buio accantonando tutte le forme promozionali finoradi interazione con i potenziali clienti e auspica un sistema conosciute, le due realtà possono tranquillamente coesisterecon una diretta interazione umana. In altre parole: un e continuare a convivere.motore di prenotazione deve passare da essere solo un Il marketing non convenzionale è in continua evoluzione, adsistema di gestione dell’inventario fino a diventare un azioni spot si affiancano strategie crossmediali, che puntano asistema di raccomandazione. La quota sempre più crescente generare attenzione nel medio e lungo periodo. E un passo indell’intermediazione sui canali di viaggi on-line può spingere avanti che gli operatori del settore possono fare, non toglieràgli hotel sempre di più ad investire nel proprio motore di tempo alle iscrizioni su siti e Wholesaler distribuiti online.prenotazioni.Per scaricare gratuitamente il documento basta accedere allapagina dell’ Università della Svizzera Italiana. 2)Ci puoi spiegare cosa state facendo e cosa andrete a fare nel dettaglio?  [magari una piccola anticipazione per i nostri lettori...piccola]Hotel del divertimento: un nuovomodo di " concepire" la tua Studiando il territorio veronese, abbiamo cercato di trarrevacanza. a vantaggio dellhotel la sua vicinanza strategica a parchiBy alessioc83 on November 30th, 2010 di divertimento quali Gardaland e Movieland. Siamo stati avvantaggiati dallaver trovato persone che non ci hannoHo più volte affrontato largomento del marketing non posto limiti di fattibilità. Ecco che "LHotel del divertimento"convenzionale, nel turismo, un approccio innovativo che  va vuole essere un nuovo approccio alla clientela, sia dal vivooltre il solito modo di comunicare una destinazione o una sia sui social media, tutte le attività saranno interattive,struttura turistica,  andando   un pò a rivedere il concetto di coinvolgendo in prima persona lutenza o anche il semplicemarketing nellattuale contesto. curioso. Domenica scorsa, in occasione della Fiera del Riso,Oggi,vorrei segnalarvi unazione innovativa di marketing abbiamo realizzato la nostra prima performance che haturistico nel panorama italiano. sancito ufficialmente il lancio dellintero progetto. Una performance itinerante andata in scena tra i locali dellaCi troviamo in un hotel vicino a Verona, "Hotel Montemezzi", Fiera, partita improvvisamente da uno dei nostri attori, chehotel, che ispirato dalla vicinanza dei parchi tematici di iniziando a ridere fragorosamente ne ha coinvolti altri appostatiGardaland e di Movieland, ha deciso di "taggarsi" come nelle vicinanze e nascosti tra la gente. La risata ha iniziato a"hotel del divertimento" : attraverso   un approccio nuovo diffondersi, fino allarrivo di un curioso personaggio, che conallaccoglienza della clientela; sia dal vivo che sui social media, unespressione tra il serioso e il dubbioso ha dato vita a un in cui tutte le attività saranno interattive, coinvolgendo in prima dialogo con dei balloon, chiamando in causa a turno gli altripersona lutenza o anche il semplice curioso. attori presenti.Una vera e propria attività di comunicazione nonconvenzionale nel turismo [italiano] che merita di essere Nei prossimi mesi, infatti, lhotel si renderà protagonista diapprofondita. una lunga serie di attività a sorpresa, divertenti, insolite, sia alE in che modo? suo interno, tra le 97 stanze e le altre sale dellhotel, sia nel territorio veronese in occasione di particolari manifestazioni. ISemplice....attraverso unintervista che Fabio Antonacci  di social media saranno il motore portante di tutte le iniziative, laMagillaGuerrilla [ideatore e curatore della campagna]   mi clientela sarà stimolata a giocare direttamente sulla Fan Pageha gentilmente concesso. o con i 140 caratteri di un tweet.                                         Se ti capita di passare a Verona per i primi di novembre potresti assistere a qualcosa di insolito. 8
  9. 9. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketing Su quali principi si fonda Google3) Quali sono gli obiettivi di questa strategia? Hotpot? Il primo l’ho scritto poco più su, ovvero la CONDIVISIONE.Lobiettivo è quello di dotare lhotel di un attributo di Ma vi è anche un secondo principio ugualmente importante,forte rottura rispetto alle strategie comunicative dei diretti ovvero il “TRUST”, inteso però come fiducia.concorrenti nel territorio veronese, offrendo esperienze ai Quando ti muovi per il mondo infatti, ancor prima di partire,clienti dell’hotel in modo da rendere significativo il soggiorno immagino che anche tu ti informi attraverso internet sul cosanella struttura. fare/vedere/mangiare presso la tua prossima meta.I clienti dovranno diventare i primi "fan" dellhotel stesso,moltiplicando così la rete di contatti sulle piattaforme social E, se a consigliarti un delizioso ristorantino o un economicomedia. Ogni contenuto proposto, sia online sia offline, vuole e confortevole B&B proprio in centro è un “amico”, di sicuroaumentare linterazione e lengagement con gli utenti che ti sentirai più sicuro sulla veridicità delle sue affermazioni,saranno i protagonisti diretti delle iniziative e non dei meri tenderai a fidarti di più, ad avere maggiore “trust” quindi.osservatori. Da dove prende i dati GoogleRingrazio  Fabio e gli    faccio i complimenti   per questa Hotpot?bellissima idea "innovativa" di comunicazione turistica. Hotpot prende le recensioni daGoogle Places, aggiungendoInoltre con questa intervista, specialmente nellultima ovviamente una certa personalizzazione e gli utenti sarannodomanda ha enfatizzato la potenzialità del nuovo marketing/ (soprattutto nelle prossime settimane) incoraggiati a votare ecomunicazione turistica che sta "emergendo". recensire direttamente dal proprio profilo Google. A chi si rivolge Google Hotpot ? A differenza dell’austero Google Places, Hotpot haGoogle Hotpot: alla scoperta di un’interfaccia user-friendly che rispecchia proprio le ultime tendenze delle web app e delle social app: è rivolto quindiquesto sconosciuto al consumatore medio, che non vive per la ricerca ma cheBy Salvatore on November 30th, 2010 secondariamente potrà trarre ausilio da Google Hotpot perL’ultima novità “sfornata” da Google si chiama Hotpot e – perfezionare la stessa.sulla falsariga delle tendenze SOCIAL- ha lo scopo di renderemaggiormente rilevanti e pertinenti i risultati delle ricerche Come funziona Google Hotpot?locali grazie ai feedback ed alle recensioni degli amici facenti Il sistema è relativamente semplice. Una volta che vi accediparte della propria rete sociale. (www.google.com/hotpot), nella tua dashboard puoi ricercare un luogo o un esercizio commerciale (es: bed and breakfast Roma, ristorante Napoli) e vedere i numerosi suggerimenti e consigli proposti da altri utenti.Google Hotpot Google HotpotMa cosa è Google Hotpot? Allo stesso modo potrai votare un esercizio che conosci e dopoPotremmo definire tale applicazione come un “nuovo servizio ogni voto vedrai un contatore di voti che piano piano aumentasocial” che, grazie al principio della condivisione, cataloga di numero: c’è anche la possibilità di lasciare una recensione.i commenti e le opinioni degli amici (facenti parte della tua La novitànon è la possibilità di votare o lasciarerete) sui locali (hotel, ristoranti, B&B tanto per citare qualche recensioni ma piuttostol’algoritmo della “profilazione”.esempio) e i luoghi di interesse. Attraverso le tue votazioni infatti Google traccerà pian piano un profilo personale dei tuoi gusti, riuscendo così a profilare gli stessi in maniera veramente precisa. 9
  10. 10. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketingCosì facendo, d’ora in poi, ogni volta che cercherai un’attivitàsu Google Map o Google Search, i risultati saranno filtrati emostrati secondo i tuoi gusti o i suggerimenti dei tuoi amici !Cambieranno quindi indirettamente l’ordine e i criteri diposizionamento sulle Google Map, almeno per coloro i qualisaranno utenti di Google Hotpot.Integrazione con gli Smart PhoneOvviamente sarà possibile aggiungere commenti dal propriosmarth phone utilizzando l’apposita applicazione di GoogleMaps e sarà anche possibile a breve twittare verso la stessaapplicazione.Le lacune di Hotpot Qualora quindi tu avessi predisposto una campagna di G.A.Ce ne sono ovviamente, ma ogni prodotto e servizio nella voglio darti alcuni consigli su come cercare di massimizzarenorma è sempre migliorabile, se poi è made in Google di certo le prenotazioni e cercare di raggiungere un maggior numeroci sarà la volontà di “raffinare” quanto prima lo stesso. di utenti.In primis bisogna coinvolgere meglio gli utenti: al primo log in Pur rivolgendomi sempre alla categoria albergatori, i consigliinfatti, soprattutto per chi è meno pratico, la dashboard può che ti darò potrebbero tornare utili anche per qualsiasi altràapparire poco comprensibile. attività.Anche dal punto di vista interazione vi è tanto da fare: Ti premetto che i suggerimenti che stilerò fanno riferimentopersonalmente, dopo le prime 2 votazioni, mi sono un po’ alle campagne Adwords che vengono però realizzate sullastufato, in quanto non vi è stata interazione. rete di ricerca Google. I più esperti sanno infatti che suMa il principale problema per ora è quello della correttezza e Adwords è possibile impostare campagne non solo sulla retedella veridicità delle valutazioni. di ricerca Google ma anche su quella Display. Ma non voglioSi vota con estrema facilità e sembra che non vi sia un addentrarmi troppo in questa differenziazione, sarei costrettocontrollo preventivo sui giudizi degli utenti. ad entrare in considerazioni molto più specifiche. Sono certo comunque che qualora avessi anche tu la tua campagnaSi, è scritto nelle policy che “i commenti che violeranno Adwords, inevitabilmente l’avrai attrezzata e avviata per la retele policy verranno cancellati”, ma mi sembra blando come di ricerca Google, che è quella che ti interessa in questo caso.rimedio: sicuramente infatti sarà difficile monitorare migliaia di Che cosa ti consiglio di fare per la tua campagna?commenti giornalieri. Al momento quindi preferisco non fornire ancora 1. Cercare tutte le parole chiave utili a ciò che si vuole un giudizio su Google Hotpot: dal punto di vista promuovere e cerca di sfruttare al massimo la coda utente non vedo ancora una reale utilità, ma lunga. Non solo parole secche e composizione di due o probabilmente nelle prossime settimane ci saranno tre parole, ma anche keywords del tipo “settimana bianca diverse implementazioni volte a migliorare il servizio. hotel a 3 stelle a Canazei“. Per ceracre le tue parole usa lo strumento per le parole chiave di Google.Di certo, già da ora, Google Hotpot è un ottimo strumento dibusiness per Google: avere infatti milioni di utenti profilati in 2. Se da anni vendi un pacchetto turistico abbastanzabase a gusti, età e provenienza non è certo poca roba ! conosciuto, allora potresti inserire come keyword il nome del pacchetto. Perchè ti dico questo? Ad esempio nel caso degli ecommerce, se vengono venduti prodotti10 Consigli su come puoi sfruttare con un nome riconoscibile, l’utente è portato a digitare il nome esatto del prodotto. In tal modo potrebbeAdwords a Natale notare subito l’annuncio di testo ad esso dedicato. MiBy Danilo Pontone on November 30th, 2010 rendo conto che comunque nel caso degli hotel è piùSi sta avvicinando il Natale e questo periodo per molte complicato vendere “prodotti preconfezionati” :)strutture alberghiere è un periodo ottimale per sfruttare alcune 3. Di sicuro avrai annunci di testo abbastanza generici.promozioni presenti nella struttura. Sarebbe opportuno che tu li sostituissi appositamenteDurante il Natale, secondo me, Google Adwords può diventare per il Natale. Se ad esempio parli di “Vacanza inun ottimo mezzo per far conoscere agli utenti le proprie montagna in hotel a 4 stelle”, potresti farlo diventareofferte. Ipotizziamo che la tua struttura sia ubicata in zona di “Vacanza di Natale in montagna in hotel a 4 stelle“.montagna, dove poter sciare, dove trascorrere una settimana Sfrutta quindi il periodo natalizio.bianca. Ma anche in città storiche come Roma, Firenze, 4. Cerca di creare gruppi di annunci specifici per il NataleVerona, Napoli etc. si può concentrare la propria promozione o per le festività. Potresti ad esempio sfruttare ancheweb con Google Adwords per avere un ritorno efficace nel keywords come “regalo di natale”, “idee regalo natale”breve periodo di tempo. e far trovare come annuncio di testo della campagna 10
  11. 11. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketing qualcosa che inviti a “regalare un soggiorno presso il tuo invito ad integrare anche questa strategia nelle tue campagne hotel“. Adwords. 5. Non dimenticarti di impostare le tue campagne anche In che modo? verso i dispositivi mobili, che soprattutto in questi Sono certo che la tua località turistica è famosa per qualche periodi dell’anno registrano un picco di ricerche piuttosto evento natalizio, per qualche cenone di Capodanno in Piazza, elevato. per qualche sciata notturna in montagna etc. Potresti creare 6. Usa lo strumento di anteprima degli annunci per vedere anche in questo caso, un gruppo di annunci dedicato alla in che posizione solitamente compaiono i tuoi annunci. tua località turistica. Sono infatti tanti gli utenti a consocenza Fai in modo che si visualizzino nelle prime posizioni. delle tradizioni di alcuni luoghi del nostro Paese. Se tali utenti Per migliorare il posizionamento dei tuoi annunci dovrai ricercano un evento in particolare, potrebbero trovare utile aumentare, laddove necessario, il CPC (costo per clic). leggere un annuncio di testo che promuovendo il territorio E’ un’operazione necessaria per due motivi: in questo offre anche una soluzione di soggiorno presso la tua struttura modo potrai sfruttare al meglio il periodo natalizio che ricettiva turistica. prevede un incremento del tasso di conversione e potrai anche importi sulla concorrenza. Per gli hotel, nel periodo natalizio, c’è una forte concorrenza. Social Media Marketing: facile fare, 7. Conseguenza del punto precedente sarà anche difficile essere. individuare il budget giornaliero da investire. E’ quasi By Davide Basile on November 30th, 2010 scontato ricordarti che il budget dovrai aumentarlo per poter competere con la concorrenza. Non è detto comunque che i costi della campagna debbano aumentare vertiginosamente. Una campagna ben impostata con buoni punteggi di qualità per keywords e annunci, e con una buona storicità, potrebbe anche mantenere invariati i costi nonostante la fitta “guerra di vendite/prenotazioni natalizie”. 8. Quando saremo nel mese di Dicembre, sfrutta le keywords e annunci di testo che menzionano “last minute”, “offerta/e hotel”, “last minute natale” etc. In questo modo potresti andare a colpire tutti gli utenti ritardatari. Ricordati semrpe della coda lunga però :) 9. Dopo il Natale che cosa arriva? Il Capodanno! E allora fai le stesse cose che hai fatto precedentemente. Imposta le tue campagne per andare a colpire gli utenti che stanno cercando “offerte in hotel per capodanno“. Quindi dovrai nuovamente sfruttare il periodo festivo di riferimento con keywords specifiche e nuovi annunci di testo.10. Terminato il Natale e il Capodanno, arriva il cosiddetto momento dei saldi con le offerte di Vacanze per il mese di Gennaio. Sono tanti gli utenti che non Se vi racconto da dove è partita questa riflessione potendosi permettere ferie a Natale e Capodanno probabilmente rischio di non farvi più leggere il resto del aspettano la chiusura delle festività per aprofittare di post… Ma chissenefrega… Tutto è partito da un’omelia prezzi più favorevoli alle proprie esigenze. Riorganizza ascoltata domenica scorsa a Messa (ebbene sì, ci vado…). Si nuovamente le tue campagne per questo specifico parlava della differenza tra essere e fare. Del come è facile target. fare, mascherarsi da, assumere il ruolo di (padre, madre, cristiano in quel caso) e del come è invece complicatissimoCome puoi notare il periodo in cui cercare di ottimizzare “essere” (padre, madre, cristiano in quel caso).la tua campagna va in particolar modo da fine Novembre,Dicembre e Gennaio. Cerca di sfruttare al meglio l’occasione Siete scappati? No? Ok allora, andiamo avanti.e soprattutto imposta al meglio la tua strategia di vendita. Bene, forse per deformazione professionale, forse perNon ho volutamente entrare nel merito di dati troppo tecnici problemi mentali (sic!), riflettendo riflettendo dai padri, le madrirelativi ad Adwords, delineandoti piuttosto un quadro di e i cristiani sono passato ad aziende, manager e socialpromozione web che potrebbe aiutarti nella promozione media…turistica della tua struttura ricettiva. Sempre di più si parla (ebbene sì, anche qui in Italia) diNB: dato che in questi ultimi giorni, dopo la BTO -Buy Tourism social media, di Facebook, di socializzazione dei brand.Online di Firenze dello scorso 18 e 19 Novembre, ho avuto Proprio l’altro giorno leggevo su WeAreSocial che anche imodo di approfondire con Roberta Milano, Fabio Curzi e dati confermano che il rapporto dell’Italia con il social web èPaolo Iabichino alcuni aspetti del marketing territoriale, ti molto più che una tendenza del momento: ormai il 78% della 11
  12. 12. November 30th, 2010 Published by: webtravelmarketingpopolazione dichiara di avere un profilo su un social networke il 76% vi accede più volte al giorno. Di più: il 50% degliintervistati è interessato alle informazioni sui prodotti e sulleaziende, il 29% si dichiara follower di un’azienda o di unamarca. CC Creative CommonsLa domanda però è: le aziende SONO social o FANNO finta? C-Magazine non rappresenta una testata giornalisticaSolo nel primo caso, infatti, la conversazione cercata dagli ma è un mero aggregatore di notizie presenti sul web. Non puòutenti si attiverà e porterà frutti al brand. La finzione prima o poi quindi considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge delverrà, invece, smascherata rivelandosi un enorme boomerangper la reputazione delle marche. 07-03-2001. Questo Magazine può essere liberamente divulgato, pubblicato,condiviso citandone la fonte. Facebook: http://www.facebook.com/web.travel.marketingPer essere in linea con il programma TV del momento (Vienivia con me), ho pensato quindi di stilare il mio personalissimoelenco dei “facile fare, difficile essere” relativo al mondo delSocial Media Marketing: • Facile fare una pagina su Facebook, difficile essere davvero presenti su Facebook. • Facile fare i numeri comprando i fan, difficile essere interessante e conquistarli. • Facile fare spam, difficile essere produttori di contenuti stimolanti. • Facile fare rumore, difficile essere buzzing brand. • Facile fare video “virali”, difficile essere “Virali”. • Facile fare errori, difficile essere in grado di gestirli in maniera ottimale. • Facile fare social media marketing, difficile essere brand “sociali”.Che dite, Fazio e Saviano mi inviteranno a leggerlo nellaprossima puntata? 12

×