Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Encefalo

Lavoro di ricerca in ambiente TEAL degli alunni Maria Letizia Raggini, Martina Fantini, Leonardo Zilioli. Classe 3^ Bc Liceo Classico Monti

  • Login to see the comments

Encefalo

  1. 1. ANATOMIA- MORFOLOGIA e Memoria EFFETTI TOSSICODIPENDENZA FISIOLOGIA PATOLOGIE
  2. 2. Dopo aver analizzato l’anatomia dell’encefalo, possiamo osservare come ad ognuna delle zone esaminate corrispondano una o più funzioni. Alcune fra queste sono controllate da aree specifiche, mentre altre, più complesse, necessitano della collaborazione di diverse sezioni anatomiche. Prendiamo in esame la corteccia celebrale, dove si concentrano la maggior parte delle attività del telencefalo. Come abbiamo già detto essa è suddivisa in 6 lobi: quali sono i principali? • Frontale • Parietale • Temporale • Occipitale • Limbico Controlla l’attività motoria e contribuisce a definire la personalità; Riceve le informazioni tattili e pressorie e interpreta gli stimoli complessi; Elabora le informazioni uditive e permette il riconoscimento dei volti; Elabora le informazioni visive primarie e poi le invia ai lobi parietale e temporale; Coinvolto nella motivazione, nell'elaborazione degli istinti e delle emozioni. FISIOLOGIA
  3. 3. DOMINANZA EMISFERI CEREBRALI Sebbene il cervello abbia una struttura simmetrica, con due emisferi dotati di aree motorie e sensoriali corrispondenti, alcune funzioni intellettive sono limitate a un solo emisfero. In ogni individuo, l’emisfero dominante presiede al linguaggio e alle operazioni logiche, mentre l’altro controlla le emozioni, le capacità artistiche e la percezione spaziale. In quasi tutti i destrimani e in molti mancini l’emisfero dominante è il sinistro. Circa il 90% degli esseri umani usa la mano destra per compiere azioni, ad esempio scrivere. Questa caratteristica, osservata in tutte le razze e le culture, è stata collegata al cervello e, in particolare, all'area deputata all'elaborazione del linguaggio. Nel 95% circa dei destrimani il linguaggio è, infatti, mediato esclusivamente dall'emisfero sinistro, che controlla la parte destra del corpo e quindi anche la mano destra. Questo fenomeno viene chiamato dominanza sinistra per il linguaggio. Nei mancini la situazione è più variegata: nel 70% dei casi la dominanza per il linguaggio è mediata dall'emisfero destro, nel 15% dal sinistro e nel restante 15% da entrambi. Tra le altre funzioni in cui un emisfero sembra essere dominante, si annoverano il riconoscimento dei volti e l'attenzione spaziale. Quando un emisfero cerebrale subisce una lesione monolaterale, queste funzioni possono andare distrutte. Gran parte delle conoscenze attuali sul funzionamento del cervello e sul modo in cui le diverse aree mediano funzioni differenti proviene dallo studio di persone che hanno subito lesioni in diverse zone cerebrali.
  4. 4. Vi proponiamo un giochettinoino… Speriamo che abbiate preso appunti perché vi serviranno! Vi verranno poste alcune domande riguardo la fisiologia dell’encefalo; alcune informazioni vi sono state fornite o vi saranno fornite durante la nostra spiegazione, altre devono essere oggetto di intuizione e ragionamento. REGOLE: • verrete divisi in 3 gruppi i cui componenti sono già stati estratti a sorte; • ogni gruppo deve eleggere un portavoce; • per rispondere alle domande il portavoce deve prenotarsi alzando la mano; • il primo a rispondere è chi ha alzato la mano più velocemente; • una volta data la risposta lo stesso gruppo non avrà diritto a una seconda possibilità per la stessa domanda; • il tempo massimo per rispondere è un minuto; Alla fine del gioco chi avrà risposto correttamente al maggior numero di domande verrà ricompensato con un PREMIO a sorpresa!
  5. 5. Lobo limbico. Quale parte dell’encefalo controlla il senso del gusto? Insula. Quale parte dell’encefalo controlla il senso dell’olfatto? Quale parte dell’encefalo controlla il senso dell’udito? Quale parte dell’encefalo controlla il senso della vista? Se alzo la mano destra sto utilizzando la parte destra o sinistra del telencefalo? Se non riesco a riconoscere i volti, quale parte dell’encefalo è danneggiata? Lobo occipitale. Lobo limbico. Lobo temporale. Lobo temporale. (Prosopagnosia) Se non mi rendo conto dellamia patologia? Lobo parietale. (Anosognosia)
  6. 6. Quale parte dell’encefalo è danneggiata se si perde la concezioni di se stessi? Quale parte dell’encefalo contribuisce a definire la personalità? Se un individuo non è consapevole degli stimoli che provengono dalla parte sinistra del corpo, quale lobo è lesionato? Le funzioni linguistiche vengono controllate nella parte sinistra o destra dell’encefalo? Quale parte dell’encefalo è stata danneggiata se si dimentica il modo in cui gli oggetti devono essere utilizzati? Quale parte dell’encefalo è danneggiata se c’è incapacità di pianificare il futuro? Lobo frontale. Lobo frontale. Sinistra. Lobo parietale. (Sindrome di negligenza spaziale unilaterale) Lobo parietale. (Aprassia) Lobo frontale.
  7. 7. https://human.biodigital.com/signin.html ANATOMIA Encefalo TRONCO ENCEFALICO TELENCEFALO DIENCEFALO CERVELLETTO PonteMesencefaloBulbo Talamo Ipotalamo Epitalamo Ipofisi Subtalamo Metatalamo Commessura Posteriore Corteccia Sistema limbicoNuclei della base Amigdala Ippocampo Fornice Sostanzanera Nucleo rosso
  8. 8. TELENCEFALO È una massa di forma quasi ovoidale, contenuta all’interno della scatola cranica. È composto da un rivestimento di sostanza grigia, chiamato corteccia telencefalica (detta anche cerebrale o pallio o mantello),posto sopra una grossa massa di sostanza bianca, cioè il centro ovale, che a proprio volta contiene specifici nuclei profondi. Come i resto del sistema si presenta avvolto da meningi. CORTECCIA La superficie ha un aspetto irregolare per la presenza di una serie di rilievi detti giri o circonvoluzioni, delimitati da depressioni più o meno profonde, chiamate solchi o scissure: - solco centrale (scissura di Rolando) che separa il lobo frontale dal lobo parietale - solco laterale (scissura di Silvio) che sta sopra il lobo temporale - solco parietoccipitale, che separa lobo occipitale da parietale e temporale - solco calcarino, chiamato così perché ha una sporgenza che ricorda l’impronta di un uccello - solco del giro del cingolo, diviso in tratto sottocalloso, sottoparietale e collaterale che si restringe nell’istmo I solchi primari individuano nella superficie di ciascun emisfero 6 lobi: frontale, parietale, temporale, occipitale, il lobo dell’insula e limbico.
  9. 9. NUCLEI DELLA BASE Si trovano in ogni emisfero e sono sei formazioni sottocorticali di sostanza grigia comprendenti in nucleo caudato, il nucleo accubens septi, il putamen, il globus pallidus, il nucleo di Lys e la sostanza nera. Contribuiscono alla regolazione dei movimenti e del tono muscolare, infatti danni a questi nuglei provocano tremore, rigidità muscolare e assenza di controllo nei movimenti e mancata genesi di fenomeni emotivo-istintivi. SISTEMA LIMBICO Con questo termine di indicano diverse formazioni nervose che circondano il diencefalo e un insieme di circuiti neuronali situati nella porzione più profonda e antica del telencefalo, la cui struttura non è conservata nella funzione. Controlla funzioni fondamentali per la conservazione della specie (l’olfatto, la formazione e consolidamento della memoria visuospaziale, l’espressione delle emozioni, il tono dell’umore, il senso di autocoscienza, la fame e sete, impulsi istintici, pulsione sessuale. Al sistema limbico appartiene il lobo limbico assieme a tutte le sue formazioni tra cui una porzione visibile posta sulla faccia mediale degli emisferi, e da una porzione nascosta. La porzione visibile inizia anteriormente, al di sotto del rostro del corpo calloso, con il giro sottocalloso, per poi continuare con il giro del cingolo. Completano il sistema limbico alcune formazioni sottocorticali come il complesso nucleare dell’amigdala, che è coinvolta nella percezione nella memorizzazione di stati di paura. Ippocampo Complessivamente ha un aspetto arrotolato in cui si distinguono tre lamine,una mesocortex (subiculum, presubiculum, parasubiculum),allocortex (corno di Ammone) e allocortex (giro dentato). Si distingue una formazione nastriforme di sostanza bianca, la fimbria, che origina delle fibre dello strato bianco superficiale (alveus). Svolge negli esseri umani il compito di trasferire le informazioni della memoria a breve termine in quella a lungo termine (ad esempio imparare un nuovo numero di telefono) Fornice È una formazione bianca sottostante il corpo calloso costituita da due fasci simmetrici che connettono l’ippocampo con l’ipotalamo.
  10. 10. DIENCEFALO ● EPITALAMO: è costituito da formazioni nervose poste sopra il talamo. Le parti più importanti sono: Commessura posteriore: robusta lamina bianca, coordina i movimenti di rotazione degli occhi, del capo e del collo, e gioca un ruolo nei riflessi pupillari alla luce. Ipofisi: o ghiandola pineale è un piccolo prolungamento del diencefalo che produce melatonina, l’ormone che regola i periodi di attività giornalieri o stagionali in base alla quantità di luce proveniente dall’ambiente. ● METATALAMO: sono i corpi genicolati, formazioni si distinguono il superiore e inferiore. ● SUBTALAMO: porzione ventrale del diencefalo e tratto di passaggio fra mesencefalo e diencefalo. Si descrivono qui diversi nuclei grigi e formazioni bianche. ● TALAMO: porzione più estesa e deriva dal greco θάλάμος=camera interna. Svolge un ruolo fondamentale nel veicolare alla corteccia il messaggio nervoso dei nuclei di base. Funge da connessione tra strutture corticali antiche, come corteccia limbico e associativa. Viene associato al decorso delle vie sensitive, tattile, termica, dolorifica, e delle vie di senso come la vista, il gusto e l’udito. Contiene i nuclei talamici di relay sono l’anticamera del cervello: rappresentano una stazione intermediaria per le vie ascendenti dal midollo spinale, dal tronco encefalico, dal cervelletto e altre zone dell’encefalo. Può selezionare la quantità di info che giungono alla corteccia e la loro influenza nel generare una percezione cosciente. Ha ripercussioni importanti sulla vigilanza, il ritmo sonno-sveglia e la genesi dell’epilessia non convulsiva. È una formazione impari e mediana che fa seguito in senso craniale al mesencefalo. Può essere definito nella pratica come l’insieme delle strutture che sono disposte intorno al III ventricolo e le sue parti varie assumono nome in base alla posizione che occupano rispetto al talamo:
  11. 11. ● IPOTALAMO: è la porzione ventrale del diencefalo, si trova al di sotto del talamo e sopra l’ipofisi. Nonostante le sue dimensioni ridotte controlla la maggior parte delle attività connesse all’omeostasi, coordinandosi con l’apparato endocrino. Controlla le attività involontarie del sistema nervoso, regola l’attività dell’ipofisi la produzione di ormoni e emozioni (con il sistema limbico), la temperatura corporea e i ritmi sonno-veglia Bilanciamento idrico: le lesione al tratto provocano una sindrome neurologica chiamata diabete insipido caratterizzata da sete intensa (polidipsia) e aumenta la secrezione urinaria (poliuria), che è dovuta alla mancata secrezione di ADH. Controllo appetito: la stimolazione dell’ipotalamo laterale aumenta la fame, quella dell’ipotalamo ventromediale promuove la sazietà e il nucleo arcuato medierebbe la regolazione fra questi due centri, in maniera alquanto complessa e ancora poco conosciuta.. I segnali di sazietà di originano nel tratto gastroenterico grazie a ormoni. Regolazione temperatura: i nuclei anteriori agiscono contro il caldo, abbassando la temperatura con un azione specifica sulla vasodilatazione e la sudorazione, quelli posteriori agiscono in maniera opposta, favorendo la vasocostrizione e il brivido contro il freddo. Regolazione SNA: agisce sui neuroni pregangliari del parasimpatico, e la sua attivazione provoca miosi, lacrimazione, vasodilatazione, salivazione, riduzione frequenza cardiaca, aumento peristalsi. Oppure agisce sui neuroni pregangliari del simpatico, stimolando sudorazione, midriasi, palpitazione, rallentamento peristalsi. Controllo ritmo sonno-veglia: lesioni all’ipotalamo posteriore provocano narcolessia (attacchi irresistibili di sonno durante il giorno), mentre lesioni all’area preottica, isonnia. Il 90% dei casi di narcolessia è dovuto a un decifit di orexin (neuromodulatore). Controllo ipofisi: l’eminenza mediana dell’ipotalamo contiene il soma dei neuroni che secernono i releasing e i inhibiting factor/hormone che controllano la funzione endocrina dell’ipofisi.
  12. 12. - BULBO: continua con il midollo spinale. Nella sostanza bianca del bulbo si trovano le vie sensoriali (ascendenti) e motorize (discendenti). Esso contiene numerosi nulei tra cui il centro cardiovascolare (che regola la frequenza e l’intensità del battito) e il centro respiratorio (che controlla il ritmo della respirazione). Lesioni a questa parte provocano una perdita di sensibilità dolorifica e termica per il tronco e gli arti e della faccia. - PONTE: consiste di una cospiqua porzione ventrale (piede o base del ponte) e una più piccola dorsal (tegmento del ponte). Si trova tra mesencefalo e midollo allungato, anteriormente al cervelletto, e comprende fasci di nuclei e fibre che connettono tra loro i vasi distretti dell’encefalo. - MESENCEFALO: porzione del tronco encefalico, college il ponte e il cervelletto con il diencefalo. Qui si trovano grossi fasci di fibre su cui viaggiano le infotra midollo spinale e le aree cerebrali superiori. I nuclei del mesencefalo comprendono…, fondamentali per regolazione dei movimenti  Nucleo rosso: (ferro) costituito da neuroni di grandi dimensioni e alcuni di piccole  Sostanza nera: è divisibile in una parte reticolare anterior, e in una parte compatta, posteriore, dove I nuclei sono densamente stipati. La degenerazione dei nuclei della sotanza nera è associate alla malattia del Parkinson. TRONCO ENCEFALICO E’ la parte di encefalo che comprende parti del sistema di deversa origine, come il bulbo (o midollo allungato od oblongata), il ponte e il mesencefalo. È attraversato le vie ascendenti e discendenti che in esso sono localizzati i nuclei dei nervi cranici. Si trova qui anche la formazione reticolare, un intreccio di neuroni e fibre nervosa che conribuisce a controllare I movimenti e regola lo stato di sonno e di veglia.
  13. 13. Si trova al di sotto del cervello in posizione posteriore rispetto al bulbo e al ponte. È una struttura a forma di cupola formata dalla stratificazione superficiale della sostanza grigia che froma la corteccia cerebellare, resa irregolare da solchi ad andamento trasversale. La corteccia riveste la sostanza bianca che al centro forma una massacontinua, il corpo midollare, in cui sono contenute 4 paia di nuclei: del tetto, globoso, emboliforme e dentate. Dal corpo midollare irradiano esili tralci che accompagnano i ripiegamenti superficiali della sostanza grigia formando nel loro insieme il cosiddetto arbor vitae. “CEREBELLUM”
  14. 14. Storicamente la prima funzione attribuita al cervelletto fu l’attività propriocettiva e quindi il controllo dell’apparato locomotore; è fondamentale infatti per il controllo del tono muscolare (postura). Inoltre essendo connesso con aree corticali motorie e con formazioni nucleri disposte lungo il decorso del sistema extrapiramidale, è fondamentale per la programmazione, l’esecuzione e la coordinazione del movimento. Si aggiungono però nuove funzioni, infatti grazie alle sue connessioni il cervelletto, controlla Il sistema nervoso vegetative e per le connessioni con la corteccia telencefalica modula le afferenze acustiche e visive ed è in grado di intervenire nell’ideazione, comprensione e produzione del linguaggio. Per le sue connessioni indirette con l’allocortex del sistema limbico, interviene nei processi di memorizzazione e apprendimento, tanto da potersi parlare di un cervelletto cognitive. Per queste considerazioni, anche se le conoscenze relative a molte di queste funzioni sono ancora frammentarie, si può dire che il cervelletto partecipi virtualmente a tutte le attività del SNC. Si può osservare l’attività del cervelletto in azione guardando un bambino di un anno che inizia a camminare: I suoi primi passi, dapprima incerti, diventano sempre più sicuri mano a mano che il cervelletto mette a punto il coordinamento tra muscoli, vista ed equilibrio. - Un segno caratteristico di lesion cerebellare è rappresentato dalla perdita di coordinazione del movimento o atassia, che può essere di generi diversi. Le lesioni della linea mediana per esempio provocano l’atassia del tronco, che come per l’ubriaco, consiste nell’avere un andatura barcollante per l’incordiazione dei muscoli del tronco e che quindi causa anche vertigini, nausea e vomito. Poichè I disturdi della cordinazione del movimento possono essere dovuti anche a aree diverse dal cervelletto, è difficile attribuire l’atassia sempre al cervelletto. - Un’altra alterazione consiste nella perdita del tono muscolare o ipotomia, pe può essere globale se è colpito tutto il cervelletto o parcellare se è colpito solo il nucleo del tetto. Se invece è lesionato il lobo anteriore si ha un abnorme aumento del tono muscolare o ipertonia.
  15. 15. MEMORIA Quello che ciascuno di noi ricorda è diverso da ciò che ricorda chiunque altro, anche nel caso si tratti di esperienze in comune. Per ricordare, il cervello ha molti sistemi con differenti caratteristiche, mediati da reti neuronali diverse. Si ritiene che la formazione di nuovi ricordi dipenda dalla plasticità sinaptica, ma siamo ancora del tutto incerti circa i meccanismi di richiamo delle informazioni. Anche se noi tutti ci lamentiamo della nostra memoria, nella maggior parte dei casi essa è abbastanza buona, e tende a diminuire solo nella vecchiaia o in alcuni stati patologici. Tutte le informazioni che abbiamo appreso non sono convogliate per essere immagazzinate in un‛unica area del cervello. La memoria a breve termine (o memoria di lavoro) mantiene le informazioni in uno stato attivo di coscienza. Il deposito più grande che le tiene immagazzinate è detto memoria a lungo termine.
  16. 16. Possiamo utilizzare questo sistema per ricordare una conversazione abbastanza a lungo da comprenderne il senso, per eseguire calcoli aritmetici a mente e per ricordare dove abbiamo lasciato le chiavi un istante prima. Il punto di forza del sistema è la sua affidabilità, una caratteristica che si paga con una capacità limitata di capienza e di durata. Si dice spesso che la memoria a breve termine dia la possibilità di ricordare 7 ± 2 elementi: questo è il motivo per cui la maggioranza dei numeri di telefono sono di 7 o 8 cifre. Un sistema esecutivo centrale controlla il flusso di informazioni, aiutato da due altri magazzini di memoria. Uno di essi e‛ un magazzino fonologico, che opera un ciclo di ricordo silente: è la parte del cervello che si usa per dire le cose a se stessi. Anche leggendo parole o numeri l‛informazione è trascritta usando un codice fonologico e immagazzinata per breve tempo in questo sistema a due compartimenti. C‛e anche un taccuino visivo che trattiene l‛immagine di un oggetto abbastanza a lungo da poterla elaborare con l‛occhio della mente. La memoria a breve termine è situata nei lobi frontali e parietali. Le aree della memoria a breve termine sono generalmente ateralizzate nel lobo frontale e parietale sinistro, dove interagiscono con le reti neurali dell linguaggio, alla pianificazione e al prendere decisioni. Memoria a breve termine (MBT) Taccuino visuo-spaziale Magazzino uditivo a breve termine Scrittura interna Ciclo di ricordo silente
  17. 17. Nella memoria a lungo termine, il cervello immagazzina informazioni attraverso il cosiddetto “potenziamento a lungo termine”, che coinvolge le vie metaboliche differenti in grado di attivare proteine che modificano l’espressione genica e rinforzano le sinapsi in maniera duratura. La parte del cervello coinvolta nel processo di formazione della memoria a lungo termine è l’ippocampo, che secondo alcuni recenti studi svolgerebbe un ruolo di ‘smistamento pacchi’ nei confronti delle informazioni ricevute e permettendo loro di essere registrate nelle aree preposte. MLT Dichiarativa Proceduale Semantica Episodica Prospettica Autobiografica Memoria a lungo termine (MLT) conoscenze generali sul mondo esterno episodi specifici episodi della vita della persona episodi che avverranno in un futuro più o meno lontano, ad esempio scadenza di una bolletta, esami ecc.
  18. 18. Ecco un piccolo “memory” solitario per provare ed esercitare la memoria a breve termine. Regole: - per 60 secondi appariranno 20 immagini che dovrete ricordare; - non appuntarsi i nomi degli oggetti durante i 60 secondi; - le immagini spariranno e sempre in 60 secondi dovrete cercare di ricordare quanti più oggetti possibile.
  19. 19. Patologie.
  20. 20. Epilessia. L'epilessia è una condizione cronica neurologica, caratterizzata da ricorrenti e improvvise manifestazioni, causate dall'eccitazione di un gruppo più o meno esteso di neuroni , che consistono in improvvisa perdita della coscienza e violenti movimenti convulsivi dei muscoli. Non è ancora conosciuta la causa scatenante dell’epilessia, ma ci sono elementi che possono favorirla: •Fattori genetici. •Traumi cranici. •Tumori cerebrali o ictus. •Malattie infettive. •Lesioni prenatali, come infezioni della madre, malnutrizione o carenza di ossigeno. •Disturbi dello sviluppo. Le crisi epilettiche possono dividersi in diverse tipologie. Convulsioni focali (parziali). Convulsioni generalizzate. -Semplici. -Complesse. -Crisi di assenza. -Convulsioni toniche. -Convulsioni atone. -Contrazioni cloniche. -Crisi miocloniche. -Crisi tonico-cloniche
  21. 21. Morbo di Parkinson. Questa patologia è dovuta alla degenerazione cronica e progressiva che interessa un'area detta “substantia nigra” in cui viene prodotta la dopamina, un neurotrasmettitore essenziale per il controllo dei movimenti corporei, nella quale svolge un'attività inibitoria. Nell'organismo si crea perciò uno squilibrio fra i meccanismi inibitori e quelli eccitatori, a favore di questi ultimi. I sintomi principali sono: •Tremore a riposo. •Aumento della tensione muscolare con rigidità. •Paralisi motoria. •Instabilità posturale. •Disturbi neuropsichiatrici. • Disturbi del linguaggio • Disturbi di cognizione. • Disturbi del comportamento. • Disturbi dell’umore. • Disturbi del pensiero.
  22. 22. Schizofrenia. La schizofrenia indica un disturbo psichico che comporta disfunzioni cognitive, comportamentali ed emotive. Tradizionalmente si distingue in: Schizofrenia di tipo Catatonico: predomina il mutismo e l’assunzione di posture anormali. È caratterizzata da un grave distacco dalla realtà e spesso si manifesta con lunghi stati di immobilità e brevi crisi di intensa agitazione. Schizofrenia di tipo Paranoide: predomina il delirio di persecuzione. In questo caso il soggetto si ritrae da un mondo da lui ritenuto ostile, in quanto pensa di essere vittima delle azioni malevole delle altre persone. Schizofrenia di tipo Disorganizzato (o tipo Ebefrenico): predominano il discorso disorganizzato, i comportamenti incoerenti, i disordini di tipo affettivo, la dissociazione del pensiero e il disinteresse per gli altri e il mondo circostante.
  23. 23. Disegno di una donna schizofrenica, ritrovato in un manicomio. Disegno di un uomo schizofrenico, rappresenta probabilmente un incubo.
  24. 24. Autismo. L’autismo è una delle patologie con la storia più recente. Difatti, non furono mai condotte ricerche in proposito fino al XX secolo, e inizialmente non venne neppure riconosciuto come una malattia a sé; alcune volte si arrivava a incolpare i genitori di una “cattiva educazione”. In seguito agli studi degli ultimi decenni, si è potuto ricavare che l’autismo è un disturbo del neurosviluppo che colpisce l’individuo nei primi tre anni di vita, caratterizzato dalla compromissione dell'interazione con il mondo esterno, e da deficit della comunicazione verbale e non verbale. Data la varietà di sintomatologie, si preferisce parlare, più correttamente, di Disturbi dello Spettro Autistico (DSA), comprendendo tutta una serie di patologie o sindromi caratterizzate da caratteristiche comuni.
  25. 25. Ci sono numerosissimi sintomi che possono aiutare a diagnosticare l’autismo; essi possono presentarsi a diverse intensità ed esprimersi in diverse maniere. • Problemi di comunicazione verbale e non verbale. • Problemi nell’interazione sociale. • Tendenza a rinchiudersi in un proprio mondo immaginario. • Repertorio di interessi ristretto e inusuale. • Maniacale attenzione all’ordine. • Comportamenti ossessivo-compulsivi. Uno dei più grandi stereotipi relativi ai bambini autistici è che non provino emozioni, o che siano violenti. In realtà, dietro ai loro comportamenti si nasconde una rete emozionale molto complessa. La mente di un autistico è solitamente dominata da: •Ansia. •Paura. •Rabbia e collera. •Sfiducia e diffidenza. •Gioia e tristezza. È essenziale ricordare che non esistono trattamenti sempre validi per curare l’autismo, ma un ambiente esterno sicuro e positivo, assieme alle adeguate terapie e a un corretto stile di vita, possono diminuire notevolmente i comportamenti negativi e permettere un’esistenza serena.
  26. 26. Sindrome di Asperger. La Sindrome di Asperger appartiene allo spettro dell’autismo, e viene anche definita “autismo ad alto funzionamento”. Ciò che distingue un autistico da un ragazzo con la sindrome di Asperger è principalmente che, mentre il primo presenta un grave ritardo nello sviluppo cognitivo, nell’Asperger l’incapacità di relazionarsi con il mondo nasconde spesso uno sviluppo intellettivo nella norma o, a volte, superiore. Un ragazzo con la sindrome di Asperger assomiglia a un ragazzo autistico nella maggior parte dei suoi comportamenti, tuttavia presenta alcune, importanti differenze: • Linguaggio caratterizzato da un vocabolario ampio (che spesso non sa utilizzare conversazioni con altre persone). •Passione quasi ossessiva per una cerchia di argomenti molto ristretta. •Volontà consapevole di relazionarsi con l’ambiente circostante, ma incapacità di farlo. I malati di Asperger manifestano spesso abilità straordinarie relative soltanto a determinati argomenti. Non è raro che alcuni di loro diventino importanti studiosi, artisti o musicisti.
  27. 27. Demenza. La demenza è un disturbo con conservazione dello stato di coscienza vigile, che porta però alla degradazione delle funzioni intellettive che sono state in precedenza acquisite: memoria (a breve e lungo termine) e almeno una tra pensiero astratto, capacità critica, linguaggio e orientamento spazio temporale. Esistono vari tipi di demenza, principalmente suddivisi in: •Demenza reversibile. •Demenza vascolare. •Demenza degenerativa.
  28. 28. Alzheimer. Il Morbo di Alzheimer è la forma più comune di demenza degenerativa progressivamente invalidante; è definibile infatti come un processo degenerativo che danneggia progressivamente le cellule cerebrali, rendendo a poco a poco l'individuo che ne è affetto incapace di condurre una vita normale. Primi sintomi. (fino a otto anni prima) 1° fase. (insorgere del morbo) 2° fase. (malattia) 3° fase. (prima della morte) Problemi di attenzione, pianificazione, pensiero astratto. Problemi relativi al linguaggio. Notevole peggioramento del linguaggio. Perdita totale del linguaggio. Problemi con la memoria a breve termine. Consistente diminuzione della memoria a breve termine. Assenza di memoria a breve e lungo termine. Incapacità di svolgere azioni primarie. Agnosia. Cambiamenti comportamentali. Apatia. Aprassia. Difficoltà nel movimento e nello svolgere semplici azioni.
  29. 29. La causa scatenante dell’Alzheimer non è ancora stata chiaramente identificata, ma esistono numerosi fattori che paiono favorire l’insorgere del morbo. •Ereditarietà genetica. •Deposito della proteina beta-amiloide tra i neuroni. •Diminuzione della produzione di acetilcolina. •Accumuli di Proteina Tau negli ‘‘ammassi neurofibrillari’’. Al giorno d’oggi esistono sistemi più o meno efficaci che permettono di migliorare le condizioni di vita di un malato, o di rallentare l’aggravarsi dei sintomi, sia a livello farmacologico che a livello psicoterapeutico. Inoltre, viene ritenuta molto importante la prevenzione; una dieta corretta, l’attività fisica, una regolare interazione sociale, e soprattutto frequenti attività intellettuali, come lettura, giochi da tavolo, cruciverba e l'esecuzione con strumenti musicali, comportano una consistente riduzione del rischio di sviluppo della malattia.
  30. 30. Sei autoritratti di un artista malato di Alzheimer.
  31. 31. Approfondimento sull’encefalo Effetti causati da cannabinoidi alcool e LSD
  32. 32. 1. Effetti della Cannabis sul sistema nervoso centrale Gli effetti del THC sull’organismo sono dovuti in gran parte alla sua interazione con i recettori cannabinoidi, sui quali agiscono anche gli endocannabinoidi, molecole endogene prodotte dal nostro organismo. Il legame del THC con gli stessi recettori che sono naturalmente preposti ad interagire con gli endocannabinoidi, interferisce così con il funzionamento corporeo e cerebrale. Il THC e gli altri fitocannabinoidi interagiscono sulle cellule nervose con gli stessi recettori, influenzando i processi psichici in cui sono coinvolti.
  33. 33. Localizzazione dei siti di legame del THC nell’encefalo. Fonte: National Institute of Drug Abuse (NIDA). Distribuzione dei ricettori cannabinoidi e funzioni associate alle varie regioni (tabella) Regione Funzioni associate Cervelletto Coordinazione dei movimenti Ippocampo Emozioni, apprendimento e memoria Corteccia cerebrale Funzioni cognitive superiori: attenzione e funzioni esecutive Nucleo accumbens Gratificazione, motivazione Ipotalamo Regolazione della temperatura corporea, bilancio idrico, controllo della fame Amigdala Risposta emotiva, paura, panico
  34. 34. • La maturazione cerebrale E’ utile sottolineare che il cervello è un organo che inizia lo sviluppo nel periodo prenatale e continua la sua maturazione dopo i 20 anni. I minorenni si trovano, quindi, in un periodo critico per quanto riguarda lo sviluppo cerebrale e per questo motivo risulta di fondamentale importanza evitare che il cervello sia esposto alla cannabis. Come mostrato nella slide precedente, l’uso cronico di cannabis causa deficit nell’attenzione, nell’apprendimento, nella memoria, nella flessibilità mentale e nella velocità di analisi delle informazioni in quanto altera il funzionamento di aree cerebrali quali corteccia prefrontale, ippocampo e cervelletto, aree cerebrali ricche di ricettori cannabinoidi.
  35. 35. • Intossicazione da cannabis Il THC e il suo metabolita attivo, agendo sul Sistema Nervoso Centrale e modificando il turnover di neurotrasmettitori quali la noradrenalina, la dopamina, la serotonina e l’acetilcolina, inducono i seguenti effetti: • Un senso di iniziale elevato benessere • Aumento del tono dell’umore • Aumento del tempo di reazione (problemi nella guida di veicoli) • Euforia con risate inadeguate • Loquacità • Sedazione, rilassamento, letargia • Disturbi della memoria breve, delle capacità cognitive, del “problem solving” • Modificazione delle capacità percettive sensoriali • Modificazione dello stato di coscienza • Può presentarsi una psicosi tossica (allucinzioni) • Possono verificarsi stati d’ansia e attacchi di panico • Alterazione dell’umore in senso depressivo e “ritiro sociale”
  36. 36. ALCOOL Effetti tossicologici e comportamentali L’alcool è la sostanza di abuso più diffusa e sicuramente la più utilizzata. Gli effetti immediati sono sull’umore e comprendono maggiore rilassatezza, senso di benessere ed anche euforia ma, al contempo, comportano la perdita della coordinazione motoria e distorsioni a carico del sistema percettivo, soprattutto visivo, ma anche uditivo e somatosensoriale; effetti che aumentano di intensità in funzione della quantità della dose di alcool assunta. Se tale dose supera un “livello critico”, gli effetti positivi dell’assunzione dell’alcool lasciano il posto a quelli negativi. L‛alcol agisce sul sistema dei neurotrasmettitori cerebrali deprimendo gli stimoli eccitatori ed inibendo l‛attività neuronale Il livello critico, dipende da diversi fattori quali: peso corporeo, sesso, età, modalità di assunzione, ecc.
  37. 37. LA DIPENDENZA L’assunzione prolungata e regolare di alcool può dare origine alla dipendenza. L’abuso di alcool determina modificazioni adattative a carico del sistema ‘gratificatore’ cerebrale (sistema meso-limbico e cortico-limbico) che si occupa di processare i rinforzi naturali; la conseguenza è l’instaurarsi di un comportamento di ricerca della sostanza e, pertanto, di dipendenza. L’azione tossicologica dell’alcool è principalmente a danno del cervello e del sistema nervoso centrale (ma anche fegato, stomaco e sistema cardiocircolatorio)
  38. 38. Acido Lisergico o LSD Il meccanismo d'azione dell'LSD è correlato, principalmente, alla sua azione da agonista parziale sui recettori serotoninergici 5-HT2A, tuttavia come la stimolazione di questi recettori possa causare gli effetti psichedelici non è ancora completamente chiarito. Una causa probabile potrebbe essere l'eccitazione di alcuni neuroni nella corteccia prefrontale stimolati dall'aumento dell'attività glutamatergica in quelle zone; altre ipotesi coinvolgerebbero anche il sistema limbico. A questa stimolazione corrisponderebbe anche l'isolamento sensoriale. Dal punto di vista clinico LSD può indurre: perdita di consapevolezza e lucidità psicofisiche, contrazioni uterine, aumento della temperatura del corpo, elevati livelli di zucchero nel sangue, secchezza della bocca, accapponamento della pelle, diverse sensazioni della temperatura corporea (caldo e freddo), aumento del ritmo cardiaco, contrazione della mandibola, forte sudorazione, dilatazione delle pupille, produzione di muco, alterazioni del sonno. Crampi e tensione dei muscoli sono abbastanza frequenti, ma piuttosto che essere effetti diretti dell'LSD nel sistema circolatorio del sangue, questi sono il risultato delle posizioni assunte dai consumatori che sperimentano oscillazioni nella loro consapevolezza durante il passare del tempo e degli effetti fisici.
  39. 39. Bibliografia ◆ Anatomia e morfologia: - Trattato di Anatomia Umana, Volume 3, di Giuseppe Anastasi (e altri 30 autori) ◆ Memoria: - http://sv.units.it/ppb/CPN/Scienza%20del%20Cervello-web.pdf - http://www.marcotogni.it/memoria-breve-termine/ - http://www.marcotogni.it/memoria-lungo-termine/ ◆ Fisiologia: • siti web: - www.filzi.it/ScuoleInRete/filzi_rovereto/home.nsf/3_sistema_nervoso_centrale_Feller.pdf; - www.akisrx.com/articoli/encefalo/encefalo.htm; - www.istitutopontano.it/files/encefalo-dettagli.pdf • libri: - Biologia.Blu, Il corpo umano, di David Sadava, C. Heller, G. Orians, W. Purves, D. Hillis ◆ Patologie: - https://www.wikipedia.org/ ◆ Effetti tossicodipendenza: - https://www.wikipedia.org/ - http://sv.units.it/ppb/CPN/Scienza%20del%20Cervello-web.pdf
  40. 40. Maria Letizia Raggini Martina Fantini Leonardo Zilioli 3BC Liceo Classico Vincenzo Monti Cesena, 01.06.2016

×