Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Email Marketing:
errare è umano,
perseverare è diabolico
Roberto Ghislandi
Web Marketing Garden
Formazione e consulenza pe...
Gli errori piùGli errori più
comunicomuni
1.Liste fredde
2.Generalismo
3.Email non decifrabili
Liste freddeListe fredde
Raccogliere indirizzi in targetRaccogliere indirizzi in target
• Su internet sembra funzionare bene la
filosofia del FREE
...
Qualche cosa di interessante: DownloadQualche cosa di interessante: Download
• Ricerche di settore
• Approfondimenti
• Mat...
Caso RealeCaso Reale
• Da 02/2009 a 9/2010 (20 mesi)
• Visitatori Unici: circa 65 persone al
giorno (feriale)
• Circa 2.82...
Gli errori piùGli errori più
comunicomuni
1.Liste fredde
2.Generalismo
3.Email non decifrabili
Spedire tutto a tuttiSpedire tutto a tutti
200 persone 2.000 persone
Prodotto per l’infanzia
Dove volantinare?
Quante sono...
• Demografica, Geografica, Psicografica
• Comportamentale (Behavioral): come hanno interagito con noi (web,
email, deplian...
Fonte: Sherpa
10 volte tanto!
Spedire tutto a tuttiSpedire tutto a tutti
• Mandare meno email ma di interesse.
• Segmentazione in base alle informazioni che si hanno o in
base al comportamento.
•...
Gli errori piùGli errori più
comunicomuni
1.Liste fredde
2.Generalismo
3.Email non decifrabili
Progettato dall’art director, realizzato dal grafico,Progettato dall’art director, realizzato dal grafico,
approvato dal r...
Visto dal 40% dei destinatariVisto dal 40% dei destinatari
Oltre il 40% degli
utenti internet ha
il download delle
immagin...
Per farli leggere …Per farli leggere …
…… in realtà …in realtà …
Il 90% del messaggio poteva
essere fatto in Html e sarebbe
risultato visibile al 40% delle
persone in più!
•Uso limitato delle immagini ma
html sbagliato.
•Avendo definito le dimensioni
della tabella e delle colonne in %
invece c...
Ottima impaginazione.
Anche con il download delle
immagini disabilitate il
messaggio risulta chiaro e
comprensibile.
L’errore piùL’errore più
gravegrave
Non avere una strategia
StrategieStrategie
• Mandare email indistinte a tutto il proprio
database serve poco
• Occorre individuare una strategia c...
Newsletter mensile
Click su Link
Sì
Leads
NO
Cliente
Contatti
Brochure
Prodotto
Apre Offerta particolare Apre
Telefonata
U...
Es. 2: Studio medico per trattamenti di bellezzaEs. 2: Studio medico per trattamenti di bellezza
Nuovi iscrittiNuovi iscri...
ConcludendoConcludendo
• L’email marketing dà risultati molto
interessanti se:
– Si mandano email solo a chi le ha richies...
Roberto Ghislandi
Email Marketing: Guida pratica
per fare business con l’email
Seconda Edizione: 2009
Editore: Alpha Test
...
Grazie a tutti
Roberto Ghislandi
Web Marketing Garden
Formazione e consulenza per aziende e manager
http://www.webmarketin...
Email Power 2010: Email marketing: errori da evitare di Roberto Ghislandi
Email Power 2010: Email marketing: errori da evitare di Roberto Ghislandi
Email Power 2010: Email marketing: errori da evitare di Roberto Ghislandi
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Email Power 2010: Email marketing: errori da evitare di Roberto Ghislandi

3,024 views

Published on

Slide dell'intervento tenuto da Roberto Ghislandi di Web Marketing Garden a Email Power 2010 il 14 ottobre 2010 a MIlano.
3 Errori + 1 da evitare per ottenere ottimi risultati da una campagna di email marketing.

Published in: Business, Technology

Email Power 2010: Email marketing: errori da evitare di Roberto Ghislandi

  1. 1. Email Marketing: errare è umano, perseverare è diabolico Roberto Ghislandi Web Marketing Garden Formazione e consulenza per aziende e manager http://www.webmarketinggarden.it http://www.emailcaffe.it http://www.ghislandiweb.it roberto.ghislandi@webmarketinggarden.it Email Power 2010Email Power 2010 13 ottobre 2010
  2. 2. Gli errori piùGli errori più comunicomuni 1.Liste fredde 2.Generalismo 3.Email non decifrabili
  3. 3. Liste freddeListe fredde
  4. 4. Raccogliere indirizzi in targetRaccogliere indirizzi in target • Su internet sembra funzionare bene la filosofia del FREE • Occorre offrire un “dono di valore” in cambio dei propri dati • Tanto più il dono è specifico tanto più gli indirizzi saranno in target • Evitare: crociere, viaggi, auto, oggetti non in target e di grande richiamo
  5. 5. Qualche cosa di interessante: DownloadQualche cosa di interessante: Download • Ricerche di settore • Approfondimenti • Materiali interessanti • Materiali divertenti • Materiali esclusivi • Test
  6. 6. Caso RealeCaso Reale • Da 02/2009 a 9/2010 (20 mesi) • Visitatori Unici: circa 65 persone al giorno (feriale) • Circa 2.820 richieste (10,5% dei visitatori unici) • Di questi il 6% ha successivamente chiesto info • Di questi circa 1/4 ha acquistato un corso.
  7. 7. Gli errori piùGli errori più comunicomuni 1.Liste fredde 2.Generalismo 3.Email non decifrabili
  8. 8. Spedire tutto a tuttiSpedire tutto a tutti 200 persone 2.000 persone Prodotto per l’infanzia Dove volantinare? Quante sono in target? Quante stanno pensando ad altro? Cosa succede dopo 3 mesi che volantinate?
  9. 9. • Demografica, Geografica, Psicografica • Comportamentale (Behavioral): come hanno interagito con noi (web, email, depliant) da quanto sono clienti, come e cosa acquistano ecc. – Inviare le email solo a chi ha aperto o non aperto una email precedente o più email – Inviare solo a chi ha cliccato un particolare link o più link o non ha cliccato – Inviare a chi ha navigato su certe landing page – Inviare a chi ha / non ha acquistato ecc – Fare aumentare la spesa media dei clienti – Incrementare la frequenza di acquisto Individuare uno o più criteri “comportamentali” in base a cui raggruppare i propri contatti Spedire tutto a tuttiSpedire tutto a tutti
  10. 10. Fonte: Sherpa 10 volte tanto! Spedire tutto a tuttiSpedire tutto a tutti
  11. 11. • Mandare meno email ma di interesse. • Segmentazione in base alle informazioni che si hanno o in base al comportamento. • I destinatari che ricevono email poco interessanti smettono di aprirle e il database non risponde più. • Da ogni newsletter devo apprendere qualche cosa di nuovo (focus group). QuindiQuindi
  12. 12. Gli errori piùGli errori più comunicomuni 1.Liste fredde 2.Generalismo 3.Email non decifrabili
  13. 13. Progettato dall’art director, realizzato dal grafico,Progettato dall’art director, realizzato dal grafico, approvato dal responsabile comunicazione …approvato dal responsabile comunicazione …
  14. 14. Visto dal 40% dei destinatariVisto dal 40% dei destinatari Oltre il 40% degli utenti internet ha il download delle immagini disabilitato.
  15. 15. Per farli leggere …Per farli leggere …
  16. 16. …… in realtà …in realtà …
  17. 17. Il 90% del messaggio poteva essere fatto in Html e sarebbe risultato visibile al 40% delle persone in più!
  18. 18. •Uso limitato delle immagini ma html sbagliato. •Avendo definito le dimensioni della tabella e delle colonne in % invece che in pixel anche se le immagini sono poche l’email risulta impaginata male e tutto il testo scorre nella parte destra dello schermo non visibile”
  19. 19. Ottima impaginazione. Anche con il download delle immagini disabilitate il messaggio risulta chiaro e comprensibile.
  20. 20. L’errore piùL’errore più gravegrave Non avere una strategia
  21. 21. StrategieStrategie • Mandare email indistinte a tutto il proprio database serve poco • Occorre individuare una strategia che crei un percorso da far compiere all’utente • L’utente va convinto poco a poco e accompagnato verso lo scopo del nostro sito
  22. 22. Newsletter mensile Click su Link Sì Leads NO Cliente Contatti Brochure Prodotto Apre Offerta particolare Apre Telefonata Utente Silente Interesse prodotto No NO … NO Interesse per L’Azienda Abbandono Lead Sì Sì SìNO Scarica Brochure Sì Scarica Success Story Dopo 7 giorni Success Story 7 gg 2 gg Sì No Sì No Telefonata per vendere 7 gg 2 gg
  23. 23. Es. 2: Studio medico per trattamenti di bellezzaEs. 2: Studio medico per trattamenti di bellezza Nuovi iscrittiNuovi iscritti FreddiFreddi Argomento1Argomento1 Argomento 2Argomento 2 Argomento 3Argomento 3 Molto reattiviMolto reattivi Invio di 3 newsletter a cadenza settimanaleInvio di 3 newsletter a cadenza settimanale Invio newsletter a temaInvio newsletter a temaTelefonata per “svegliarli” o eliminarli Telefonata per “svegliarli” o eliminarli Telefonata per vendere Telefonata per vendere FreddiFreddi ClientiClienti Molto reattiviMolto reattivi Ogni 4 mesiOgni 4 mesi Invio newsletter a tema per mantenimento trattamento fatto + eventuali altri consigli Invio newsletter a tema per mantenimento trattamento fatto + eventuali altri consigli
  24. 24. ConcludendoConcludendo • L’email marketing dà risultati molto interessanti se: – Si mandano email solo a chi le ha richieste e con contenuti di interesse • Occorre: – avere una strategia – spedire email comprensibili
  25. 25. Roberto Ghislandi Email Marketing: Guida pratica per fare business con l’email Seconda Edizione: 2009 Editore: Alpha Test Pagg: 479 Prezzo: 24,90 € Con lo sconto del 10% viene meno di 5 centesimi a pagina! http://www.alphatest.it/libri/libro.php? codice=978-88-483-1144-1 Come fare per sbagliare di meno? Formazione http://www.webmarketinggarden.it e buone letture! Un consiglio?
  26. 26. Grazie a tutti Roberto Ghislandi Web Marketing Garden Formazione e consulenza per aziende e manager http://www.webmarketinggarden.it http://www.emailcaffe.it http://www.ghislandiweb.it roberto.ghislandi@webmarketinggarden.it I diritti di tutte le immagini sono dei rispettivi proprietari

×