Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
La natura dà spettacolo
Diorami
liberamente
tratti
dall’ambiente
Nella prima parte vi mostriamo i cartelloni sugli
ambienti della terra.
Li abbiamo realizzati in classe, lavorando in grup...
LA MACCHIA MEDITERRANEA - Moretti Mattia, Provasoli Luca, Rizzi Filippo
LA SAVANA - Aspesi Giorgia, Frison Sveva, Kemkam Sara
LA TAIGA - Frate Gianluca, Ciccarelli Tommaso, Cioffi Francesco
LA TUNDRA E L’AMBIENTE POLARE - Auteri Alessia, Vignati Sofia, Viviani Martina
IL DESERTO - Constantin Marina, Ferrario Luca, Terzi Matteo
IL BIOMA MARINO - Costantini Simone, Esposito Erika, Pozzi Michelle
LA FORESTA PLUVIALE - Barbierato Fabiola, Morganti Silvia, Zaupa Edoardo, Zhu Mario
LA FORESTA
DECIDUA
Catania Efrem,
Iljazi Tlaada,
Pariani Alice
IL DESERTO - Giudici Noah, Chierichetti Alice, Federico Nicolò, Grassi Sabrina
LA PRATERIA
Ciervo Alessia
Buttaci Vincenzo
Cardella Giovanni
Blanco Mattia
Scaburri Riccardo
Ponzetto Ilaria
LA TUNDRA - Aspesi Moemi, Getti Nicolò, Noris Nicole, Scicolone Rachele
L’AMBIENTE MARINO
Abouelaoud Fadi, Macchi Beatrice, Sinigaglia Gaia, Mattiazzi Benedetta, Riccardo Allieri
L’AMBIENTE POLARE
Ahmad Moiz, Baroffio Martina, Listorto Claudio, Hannachi Fedi, Mensah Samuel
Nella seconda parte vi facciamo vedere un lavoro fatto in laboratorio con
la prof. Macchi. Qui abbiamo messo alla prova la...
Ricostruiamo una palude
Iniziamo raccogliendo il materiale: rami, radici, bambù, samare, segatura, filtri già usati
di tè e tisane, rafia naturale...
Ripuliamo le cime di bambù dalle foglie e le
utilizziamo per il canneto.
Diventano CANNUCCE PALUSTRI incollando
una samara...
Con l’aggiunta della spiga in
Das colorata di marrone
otteniamo invece delle TIFE.
Prepariamo una
base di polistirene
estruso e, con una
biglia in metallo,
premiamo forte per
abbassare il livello
della zon...
Coloriamo la segatura di verde e selezioniamo tè, camomille, tisane in base ai colori.
Per realizzare gli ALBERI abbiamo utilizzato radici molto ramificate.
Abbiamo ingrossato la base per rendere realistico il...
Questo è l’unico materiale da
modellismo utilizzato: la rete
sintetica, che si aggroviglia ai
rami o alle radici per fare ...
Prepariamo anche delle ERBE BASSE con:
• un filo di carta ritorta che si può aprire;
• della rafia verde;
• i ciuffi accor...
Per l’ALBERO GRANDE serve un ramo su cui si
incollano pazientemente i ciuffetti di teloxis,
un vegetale del nord Europa.
L...
Ripetiamo questa operazione più volte, variando le tonalità di verde,
così la nostra chioma prende forma.
Finalmente si comincia a montare il diorama
partendo dal canneto:
• piantiamo le cannucce e le tife;
• creiamo un fondo ad...
Vicino allo stagno piantiamo
anche le erbe ottenute dal
levaragnatele e dal filo verde.
Sul resto del prato, ben coperto d...
Adesso si possono collocare gli
alberi e scavare lo spazio in cui
affondare il tronco di un albero
caduto.
Ritagliamo con precisione le immagini di ANIMALI e NINFEE da collocare nel diorama.
Le compagne di terza intanto ci stanno preparando un bellissimo fondale.
Il colore dello stagno è stato sfumato
ed ora si possono disegnare i riflessi
del canneto e degli animali sull’acqua.
Stendiamo del silicone trasparente per creare l’effetto dell’acqua nel nostro stagno.
È il momento di inserire gli animali,
i sassi e di scavare la tana del
furetto.
Vicino metteremo i ciuffetti di erba
reali...
Tra le canne si nasconde un TARABUSO.
Nell’acqua nuotano una coppia di GERMANI REALI, una FOLAGA e uno SVASSO.
Sull’altro lato dello stagno un
AIRONE BIANCO si ciba con
un GAMBERO.
Sull’albero morto è appostato
un MARTIN PESCATORE.
Nella zona a prato il FURETTO è nei pressi della sua tana.
Il fondale viene incollato a un pannello
rigido di poliuretano alveolare.
Un angolare in PVC fa da sostegno.
Ricostruiamo un paesaggio artico.
Prepariamo alcuni rilievi fatti con
corteccia di pino, leggerissima, e
altri con tre strati di polistirene.
Iniziamo crean...
Modelliamo pazientemente i
rilievi più grandi in polistirene.
Ritagliamo gli animali da inserire.
Sono l’ORSO, una femmina di TRICHECO con il suo piccolo, un cucciolo di FOCA, la
picco...
Incolliamo sul retro delle foto gli
stuzzicadenti per tenerle in verticale.
Copriamo con una sagoma di crepla
bianco per n...
Ritagliamo anche delle sagome in cartoncino
che riproducono tutte le basi degli animali:
serviranno per segnare nel finto ...
Il fondale intanto è già stato preparato.
Coloriamo la base del diorama con
acrilico bianco e pochissimo azzurro.
Quando il colore è asciutto
prepariamo il ghiaccio.
Il ghiaccio è un insieme di bicarbonato, vinavil ,
poca acqua e un accenno di azzurro per rendere
freddo il colore.
Si ste...
Mentre il nostro ghiaccio è ancora molle abbiamo posizionato le sagome di
cartone.
Queste poi sono state buttate perché si...
A distanza di due giorni la
base è pronta e finalmente
possiamo completare il
lavoro.
Gli specialisti del montaggio sono in
azione!
Ricostruiamo una foresta equatoriale
Questo sarà un paesaggio a
rilievo.
La mancanza di tempo e la
complessità del lavoro non ci
permettono infatti di
realizza...
Le nostre compagne di terza intanto sono già al lavoro per prepararci il fondale.
Ritagliamo l’immagine di un
albero con il GIAGUARO e
completiamo la zona mancante
con corteccia vera, quella
sottile che s...
Per popolare la foresta ritagliamo immagini
di animali e di piante.
Abbiamo anche
del muschio,
rametti lianosi di
caprifoglio, radici
di edera e una
vera epifita.
Questa volta incolliamo subito il
fondale e la base all’angolare.
Cominciamo a inserire di elementi a rilievo partendo dall’albero grande.
Incolliamo i primi animali, un BRADIPO e un serpente BOA. Posizioniamo anche dei
rametti intrecciati di caprifoglio, una p...
Copriamo la base con vinavil e vegetali
scuri ricavati dalle tisane.
Sul tronco, sfumato con un po’ di
tempera, incolliamo il muschio, le
epifite ritagliate e anche quella vera,
che è spropor...
Con un doppio strato di carta creiamo delle
foglie con inserito un filo di ferro sottile.
Forbici tagliaprezzemolo ci perm...
Sui rami della nostra
foresta abbiamo
messo un TUCANO,
un pappagallo ARA,
due CEBI, che sono
scimmie a coda
lunga.
A terra...
Scuola secondaria di primo grado
SAN MACARIO
Classi 1ª A - 1ª B
Classe 3ª B:
Anno sc. 2015/16
Canziani Elisa
Layouss Jane
...
La natura dà spettacolo.
La natura dà spettacolo.
La natura dà spettacolo.
La natura dà spettacolo.
La natura dà spettacolo.
La natura dà spettacolo.
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

La natura dà spettacolo.

330 views

Published on

Diorami liberamente tratti dall'ambiente

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

La natura dà spettacolo.

  1. 1. La natura dà spettacolo Diorami liberamente tratti dall’ambiente
  2. 2. Nella prima parte vi mostriamo i cartelloni sugli ambienti della terra. Li abbiamo realizzati in classe, lavorando in gruppo, nelle ore di scienze delle proff. Moriggi e Pariani. Abbiamo progettato l’impostazione, poi scelto gli elementi da mettere in evidenza, la tecnica da utilizzare, le didascalie da inserire. Abbiamo portato noi da casa il materiale utile.
  3. 3. LA MACCHIA MEDITERRANEA - Moretti Mattia, Provasoli Luca, Rizzi Filippo
  4. 4. LA SAVANA - Aspesi Giorgia, Frison Sveva, Kemkam Sara
  5. 5. LA TAIGA - Frate Gianluca, Ciccarelli Tommaso, Cioffi Francesco
  6. 6. LA TUNDRA E L’AMBIENTE POLARE - Auteri Alessia, Vignati Sofia, Viviani Martina
  7. 7. IL DESERTO - Constantin Marina, Ferrario Luca, Terzi Matteo
  8. 8. IL BIOMA MARINO - Costantini Simone, Esposito Erika, Pozzi Michelle
  9. 9. LA FORESTA PLUVIALE - Barbierato Fabiola, Morganti Silvia, Zaupa Edoardo, Zhu Mario
  10. 10. LA FORESTA DECIDUA Catania Efrem, Iljazi Tlaada, Pariani Alice
  11. 11. IL DESERTO - Giudici Noah, Chierichetti Alice, Federico Nicolò, Grassi Sabrina
  12. 12. LA PRATERIA Ciervo Alessia Buttaci Vincenzo Cardella Giovanni Blanco Mattia Scaburri Riccardo Ponzetto Ilaria
  13. 13. LA TUNDRA - Aspesi Moemi, Getti Nicolò, Noris Nicole, Scicolone Rachele
  14. 14. L’AMBIENTE MARINO Abouelaoud Fadi, Macchi Beatrice, Sinigaglia Gaia, Mattiazzi Benedetta, Riccardo Allieri
  15. 15. L’AMBIENTE POLARE Ahmad Moiz, Baroffio Martina, Listorto Claudio, Hannachi Fedi, Mensah Samuel
  16. 16. Nella seconda parte vi facciamo vedere un lavoro fatto in laboratorio con la prof. Macchi. Qui abbiamo messo alla prova la nostra manualità. Abbiamo provato a ricostruire i diorami di tre ambienti utilizzando quasi esclusivamente materiali di recupero portati dalla prof. Abbiamo realizzato, quando era possibile, elementi tridimensionali come si fa nel modellismo; diversamente, ci siamo serviti di immagini o sagome ritagliate. I fondali, molto belli, sono stati realizzati da alcune ragazze della classe terza B, seguite dalla prof. Azzarello.
  17. 17. Ricostruiamo una palude
  18. 18. Iniziamo raccogliendo il materiale: rami, radici, bambù, samare, segatura, filtri già usati di tè e tisane, rafia naturale, sassi leggeri di pomice, un levaragnatele di plastica verde.
  19. 19. Ripuliamo le cime di bambù dalle foglie e le utilizziamo per il canneto. Diventano CANNUCCE PALUSTRI incollando una samara di acero privata del seme.
  20. 20. Con l’aggiunta della spiga in Das colorata di marrone otteniamo invece delle TIFE.
  21. 21. Prepariamo una base di polistirene estruso e, con una biglia in metallo, premiamo forte per abbassare il livello della zona dello stagno . Modelliamo anche un rialzo del terreno.
  22. 22. Coloriamo la segatura di verde e selezioniamo tè, camomille, tisane in base ai colori.
  23. 23. Per realizzare gli ALBERI abbiamo utilizzato radici molto ramificate. Abbiamo ingrossato la base per rendere realistico il tronco e inserito una punta per fissarla alla base del plastico.
  24. 24. Questo è l’unico materiale da modellismo utilizzato: la rete sintetica, che si aggroviglia ai rami o alle radici per fare le chiome degli alberi piccoli.
  25. 25. Prepariamo anche delle ERBE BASSE con: • un filo di carta ritorta che si può aprire; • della rafia verde; • i ciuffi accorciati di un levaragnatele.
  26. 26. Per l’ALBERO GRANDE serve un ramo su cui si incollano pazientemente i ciuffetti di teloxis, un vegetale del nord Europa. La chioma così ottenuta viene spruzzata di colla e cosparsa con la segatura verde.
  27. 27. Ripetiamo questa operazione più volte, variando le tonalità di verde, così la nostra chioma prende forma.
  28. 28. Finalmente si comincia a montare il diorama partendo dal canneto: • piantiamo le cannucce e le tife; • creiamo un fondo adeguato con l’erba mate sudamericana pressata su colla vinilica.
  29. 29. Vicino allo stagno piantiamo anche le erbe ottenute dal levaragnatele e dal filo verde. Sul resto del prato, ben coperto di colla, si spandono tè, tisane e segatura di vari colori.
  30. 30. Adesso si possono collocare gli alberi e scavare lo spazio in cui affondare il tronco di un albero caduto.
  31. 31. Ritagliamo con precisione le immagini di ANIMALI e NINFEE da collocare nel diorama.
  32. 32. Le compagne di terza intanto ci stanno preparando un bellissimo fondale.
  33. 33. Il colore dello stagno è stato sfumato ed ora si possono disegnare i riflessi del canneto e degli animali sull’acqua.
  34. 34. Stendiamo del silicone trasparente per creare l’effetto dell’acqua nel nostro stagno.
  35. 35. È il momento di inserire gli animali, i sassi e di scavare la tana del furetto. Vicino metteremo i ciuffetti di erba realizzati con la rafia.
  36. 36. Tra le canne si nasconde un TARABUSO. Nell’acqua nuotano una coppia di GERMANI REALI, una FOLAGA e uno SVASSO.
  37. 37. Sull’altro lato dello stagno un AIRONE BIANCO si ciba con un GAMBERO. Sull’albero morto è appostato un MARTIN PESCATORE.
  38. 38. Nella zona a prato il FURETTO è nei pressi della sua tana.
  39. 39. Il fondale viene incollato a un pannello rigido di poliuretano alveolare. Un angolare in PVC fa da sostegno.
  40. 40. Ricostruiamo un paesaggio artico.
  41. 41. Prepariamo alcuni rilievi fatti con corteccia di pino, leggerissima, e altri con tre strati di polistirene. Iniziamo creando la base del diorama.
  42. 42. Modelliamo pazientemente i rilievi più grandi in polistirene.
  43. 43. Ritagliamo gli animali da inserire. Sono l’ORSO, una femmina di TRICHECO con il suo piccolo, un cucciolo di FOCA, la piccolissima VOLPE artica e tre uccelli: il GUFO polare, la PERNICE e la STERNA.
  44. 44. Incolliamo sul retro delle foto gli stuzzicadenti per tenerle in verticale. Copriamo con una sagoma di crepla bianco per nascondere il supporto.
  45. 45. Ritagliamo anche delle sagome in cartoncino che riproducono tutte le basi degli animali: serviranno per segnare nel finto ghiaccio le posizioni esatte prima che si indurisca.
  46. 46. Il fondale intanto è già stato preparato.
  47. 47. Coloriamo la base del diorama con acrilico bianco e pochissimo azzurro. Quando il colore è asciutto prepariamo il ghiaccio.
  48. 48. Il ghiaccio è un insieme di bicarbonato, vinavil , poca acqua e un accenno di azzurro per rendere freddo il colore. Si stende e si liscia con una spatola piccola. Abbiamo steso uno strato molto sottile perché appesantisce la base: per coprirla sono serviti circa 200 gr. di bicarbonato.
  49. 49. Mentre il nostro ghiaccio è ancora molle abbiamo posizionato le sagome di cartone. Queste poi sono state buttate perché si sono presto imbevute d’acqua, ma hanno lasciato libere le zone in cui saranno collocati gli animali. Il ghiaccio infatti, una volta seccato, non permetterebbe più di infilare gli stuzzicadenti.
  50. 50. A distanza di due giorni la base è pronta e finalmente possiamo completare il lavoro.
  51. 51. Gli specialisti del montaggio sono in azione!
  52. 52. Ricostruiamo una foresta equatoriale
  53. 53. Questo sarà un paesaggio a rilievo. La mancanza di tempo e la complessità del lavoro non ci permettono infatti di realizzare un modellino tridimensionale come abbiamo fatto con l’ambiente della palude. La nostra base di conseguenza sarà stretta. Da un foglio di crepla ricaviamo la sagoma dell’albero grande.
  54. 54. Le nostre compagne di terza intanto sono già al lavoro per prepararci il fondale.
  55. 55. Ritagliamo l’immagine di un albero con il GIAGUARO e completiamo la zona mancante con corteccia vera, quella sottile che si stacca dal tronco del caprifoglio.
  56. 56. Per popolare la foresta ritagliamo immagini di animali e di piante.
  57. 57. Abbiamo anche del muschio, rametti lianosi di caprifoglio, radici di edera e una vera epifita.
  58. 58. Questa volta incolliamo subito il fondale e la base all’angolare.
  59. 59. Cominciamo a inserire di elementi a rilievo partendo dall’albero grande.
  60. 60. Incolliamo i primi animali, un BRADIPO e un serpente BOA. Posizioniamo anche dei rametti intrecciati di caprifoglio, una pianta a portamento lianoso che cresce da noi.
  61. 61. Copriamo la base con vinavil e vegetali scuri ricavati dalle tisane.
  62. 62. Sul tronco, sfumato con un po’ di tempera, incolliamo il muschio, le epifite ritagliate e anche quella vera, che è sproporzionata ma crea un bell’effetto.
  63. 63. Con un doppio strato di carta creiamo delle foglie con inserito un filo di ferro sottile. Forbici tagliaprezzemolo ci permettono di trasformarle in felci in un attimo. Con la carta crespa invece modelliamo un altro tipo di foglie.
  64. 64. Sui rami della nostra foresta abbiamo messo un TUCANO, un pappagallo ARA, due CEBI, che sono scimmie a coda lunga. A terra invece c’è un TAPIRO.
  65. 65. Scuola secondaria di primo grado SAN MACARIO Classi 1ª A - 1ª B Classe 3ª B: Anno sc. 2015/16 Canziani Elisa Layouss Jane Garavaglia Gaia Guiotto Laura

×