Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La gabbianella e il gatto

1,620 views

Published on

Lavoro di scenografia realizzato dalle classi prime della Scuola Secondaria di San Macario

Published in: Education
  • Be the first to comment

La gabbianella e il gatto

  1. 1. Classi 1ª A e 1ª B - a. sc. 2014/15 SPETTACOLO TEATRALE Adattamento del testo e recitazione: prof. Daniela Canziani e prof. Silvia De Leo Scenografia: prof. Gianna Macchi Musiche: prof. Ilde Policarpo In questa presentazione viene documentato il lavoro di laboratorio per allestire la scenografia.
  2. 2. AMBIENTI DA RAPPRESENTARE: Mare del Nord - Chiazza di petrolio Strada - Ristorante del porto Bazar con la biglietteria, la raccolta di oggetti di mare e la biblioteca Casa del gatto Zorba Casa del poeta e della gatta Bubulina OGGETTI CHE CARATTERIZZANO I PERSONAGGI: Ciuffi di piume per i gabbiani Orecchie per i gatti e per la scimmia Mattia Mascherine per i topi
  3. 3. Cominciamo dalla BIBLIOTECA, che comprende sia libri tridimensionali sia un fondale dipinto.
  4. 4. I due volumi dell’enciclopedia ci servono grandi e apribili, perché vengono consultati dal gatto Diderot. Sono realizzati con cartoni di recupero, lastre di neoprene, carte da regalo e straccio da pavimenti per la rilegatura.
  5. 5. Le pagine di una guida telefonica diventano il testo stampato.
  6. 6. Altri libri non si devono aprire: basta del polistirolo coperto con materiale recuperato dai giornali. Le lettere per l’interno dell’enciclopedia.
  7. 7. Questo è l’atlante rosicchiato irrimediabilmente dai topi.
  8. 8. Gli OGGETTI DI MARE collezionati da Harry nel bazar.
  9. 9. Il salvagente è gonfiato con il pluriball e rifinito in cartapesta.
  10. 10. Le fascette rigide che tengono la corda sono scarti del laboratorio di informatica.
  11. 11. Una boa realizzata con materiale di recupero.
  12. 12. L’ancora di cartapesta.
  13. 13. Le conchiglie da appendere
  14. 14. Il timone e gli spessori interni.
  15. 15. Le impugnature di plastica sono state spruzzate con uno spray solo per renderle verniciabili. I tubi sono quelli della pellicola usata in cucina.
  16. 16. Il timone è reso lucido con il Vernidas e rifinito con chiodi a testa tonda. L’asola sul retro serve per appenderlo
  17. 17. Due cannocchiali da marina costruiti con tubi di recupero, cartoncino ondulato e carta.
  18. 18. Ora possiamo organizzare questa parte del bazar. Un’amaca simula una rete da pesca.
  19. 19. Utilizziamo anche dei bauli già disponibili.
  20. 20. I dorsi dei libri per la libreria.
  21. 21. Le etichette sono recuperate da riviste, calendari, confezioni di profumi, cataloghi di libri e CD, abbigliamento.
  22. 22. Su una tela da pittura si dipinge la libreria. I vani in cui inserire i libri sono contornati con lo scotch di carta per ottenere linee diritte.
  23. 23. Il colore marrone non sta bene: servono le venature del legno.
  24. 24. Dipingiamo anche una striscia di carta per coprire la cassapanca.
  25. 25. Una struttura in legno è trasformata da banco del mercato nella biglietteria del bazar.
  26. 26. Le scritte sono in tedesco perché la vicenda è ambientata ad Amburgo.
  27. 27. I musini dei TOPI sono di feltro; i baffi sono ottenuti da una scopa.
  28. 28. Ai musini cuciti dalla prof si aggiungono l’ovatta e le palline dipinte per ottenere i nasi. I nasi finiti si incollano sulle mascherine.
  29. 29. La SCIMMIA Mattia
  30. 30. Le orecchie dei GATTI in feltro: su una striscia di base si cuciono la parte esterna scura e quella interna chiara. Poi si incolla tutto sui cerchietti fermacapelli.
  31. 31. Tagliamo un pacchetto di tulle e il TNT per le piume dei GABBIANI. Sagomiamo i rettangoli e ne leghiamo 11 per ogni ciuffo. Le piume nere servono per Kengah che si sporca di petrolio.
  32. 32. Il bidone dell’immondizia nella STRADA dove si aggirano i gattacci.
  33. 33. Il retro viene rinforzato con avanzi di cartone e tenuto in piedi con una cassetta.
  34. 34. Una lisca di pesce riportata sulla gomma crepla e ritagliata completa il bidone.
  35. 35. L’insegna del RISTORANTE ricavata da una lastra di neoprene: i bordi sono smussati e induriti con una fiammella.
  36. 36. La sagoma della nave è in gomma crepla
  37. 37. Il tavolo del RISTORANTE ha un piano di cartone doppio che si aggancia su un banco.
  38. 38. L’uovo di gabbiano in cartapesta su palloncino.
  39. 39. Piante fiorite per l’esterno della CASA DI ZORBA.
  40. 40. La CASA del POETA e della gatta BUBULINA Cuscini ricavati da gomma di scarto. Balconata realizzata per un precedente spettacolo.
  41. 41. Infine il PAESAGGIO DI MARE
  42. 42. L’ONDA NERA DI PETROLIO che sommerge Kengah è realizzata con due teli di “tessuto non tessuto”.
  43. 43. Così si conclude il nostro laboratorio di scenografia. Lo spettacolo è previsto per giovedì 4 giugno alle ore 21.
  44. 44. 1ª A Andriotto Giulia Bernardinello Luca Buzzi Stefano Cattin Gabriele Cavallaro Simone Colombo Simone Duka Gabriel Ferrario Valentina Furnò Manuel Kemkam Hiba Manenti Emanuele Mannarino Noemi Mirukaj Marta Mizzi Aurora Nisar Moarij Piva Leonardo Scaldaferri Matteo Stabile Alice Zecchinato Luca Zocca Elena 1ª B Alabiso Lucrezia Aspesi Alessia Baloi Maria Nicole Benin Matteo Cangelosi Michael De Gregorio Francesco Fogliani Camilla Guerrera Alessandra Konci Rajana Massaro Kevin Meneghesso Andrea Mensah Samuel Polidori Linda Pozzi Michelle Pugliese Damiano Salvan Nicole Sbaglia Alessio Tognela Christian Zhu Rui Wa Mario

×