Relazione laboratorio knowledge management

835 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
835
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Relazione laboratorio knowledge management

  1. 1. UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI TRENTO FACOLTA’ DI ECONOMIACorso di LS in “Net Economy: Tecnologia e Management dell’informazione e della conoscenza” Anno Accademico 2008-2009 Corso di “Laboratorio di Knowledge Management” IL PROGETTO UNISPORT Docenti: Dott. Paolo Bouquet Dott. Paolo Giorgini Studenti (gruppo 4): Andrea Casagrande 133393 Fabio Longo 137508 Stefano Brida 133645 Thomas Chini 138589
  2. 2. Il Progetto UniSportSommario1. Premessa....................................................................................................................................... 4 1.1 Descrizione generale del problema ....................................................................................... 4 1.2 Descrizione generale dell’organizzazione (AS IS) ............................................................... 5 1.2.1 Obiettivi e processi......................................................................................................... 6 1.2.2 Descrizione dei processi................................................................................................. 8 1.3 Il nuovo Progetto Sport (TO BE) ........................................................................................ 14 1.4 Stakeholders ........................................................................................................................ 14 1.4.1 Università degli Studi di Trento ................................................................................... 15 1.4.2 Opera Universitaria ...................................................................................................... 15 1.4.3 Project Manager ........................................................................................................... 16 1.4.4 Centro universitario sportivo (CUS) ............................................................................ 16 1.4.5 Comitato per lo sport universitario (CASU) ................................................................ 16 1.4.6 Utenti ............................................................................................................................ 17 1.4.7 Commissione paritetica (UniSport) ............................................................................. 17 1.4.8 CeBiSM ........................................................................................................................ 18 1.4.9 Altri attori ..................................................................................................................... 19 1.5 Sintesi del documento ......................................................................................................... 202. Obiettivi e Conoscenza .............................................................................................................. 22 2.1 Obiettivi degli stakeholders ................................................................................................. 22 2.2 Processi relativi agli obiettivi .............................................................................................. 23 2.3 Conoscenza implicita/esplicita relativa ai processi ............................................................. 253. Conoscenza (Ontologia) ............................................................................................................. 29 3.1 Ontologia di dominio........................................................................................................... 29 3.1.1 Classi principali............................................................................................................ 29 3.1.2 Sottoclassi .................................................................................................................... 30 3.1.3 Relazioni ...................................................................................................................... 33 3.1.4 Vincoli .......................................................................................................................... 34 3.2 Uso dell’ontologia e cenni sull’architettura del sistema ..................................................... 35Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 2
  3. 3. Il Progetto UniSport4. Requisiti ..................................................................................................................................... 40 4.1 Requisiti funzionali ............................................................................................................. 40 4.2 Requisiti non funzionali ...................................................................................................... 41 4.3 Vincoli ................................................................................................................................. 43 4.4 Validazione.......................................................................................................................... 43 4.5 Use case diagram – Portale Web ......................................................................................... 46 4.5.1 Lato Front-Office ......................................................................................................... 46 4.5.2 Lato Back-Office.......................................................................................................... 47 5 Il Sistema di Gestione della Conoscenza del Progetto Sport .................................................. 48 5.1 Lato Front-Office ................................................................................................................ 48 5.2 Lato Back-Office ................................................................................................................. 536 Knowledge Management ........................................................................................................... 61 6.1 Background e Research Problem ........................................................................................ 61 6.2 Approccio Razionalista: la conoscenza come mercato ....................................................... 62 6.3 Approccio Cognitivista: la conoscenza come interpretazione ............................................ 63 6.4 Approccio Pragmatico: la conoscenza come pratica ........................................................... 64 6.5 Il Knowledge Management nel Progetto Sport ................................................................... 657 Conclusioni ................................................................................................................................ 71Bibliografia ........................................................................................................................................ 75 Glossario ........................................................................................................................................ 75 Documenti utilizzati ....................................................................................................................... 75 Riferimenti ..................................................................................................................................... 75Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 3
  4. 4. Il Progetto UniSport 1. Premessa 1.1 Descrizione generale del problemaL’Università degli Studi di Trento è un Ateneo giovane di medie dimensioni, situato in una città amisura d’uomo che offre al cittadino ottime condizioni di vivibilità, e conta circa 15.000 studenti,500 tra docenti e ricercatori e altrettanti fra tecnici e amministrativi. L’Università di Trento, che dasempre si è posta come obiettivo il raggiungimento e il mantenimento di standard di qualità, èriuscita negli anni a creare delle solide basi su cui impostare una attenta politica al servizio deipropri studenti e del proprio territorio.Tra le strutture didattiche dell’Ateneo sono incluse sette facoltà, tra l’altro ritenute molto valide alivello nazionale nei ranking stabiliti dal Censis. Ad ogni modo non sono presenti né una facoltà diScienze Motorie né di una Medicina.La sua collocazione geografica è particolarmente felice in quanto chi studia nell’Ateneo trentino hala possibilità di godere dei vantaggi offerti da un territorio rinomato per l’alta qualità della vita, ilbenessere diffuso e un ambiente naturale di straordinaria bellezza che offre l’opportunità di esseresfruttato per attività sportive e ludiche.Tuttavia, in passato linvestimento sul tema sport è stato sporadico e non inserito in una strategiagenerale a livello di Ateneo probabilmente indicativo di una mentalità non eccessivamente inclinead abbinare lo studio con il divertimento e con le attività motorie.Per lattività motoria e sportiva, in passato cè stata una totale delega al Centro UniversitarioSportivo (CUS) di Trento il cui compito è stato quello di offrire una variegata serie di iniziativerivolte in primis agli studenti e poi ai dipendenti (docenti, tecnici e amministrativi) e agli esterni.Il Centro Universitario Sportivo ed è una associazione che a livello nazionale svolge la sua attivitàda più di 50 anni promuovendo la pratica, la diffusione ed il potenziamento delleducazione fisica edellattività sportiva universitaria. I CUS sono presenti in ben 47 città sedi di ateneo che nel 1968hanno ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica; sono degli organi periferici cheafferiscono ad un organismo nazionale che è il CUSI (Centro Universitario Sportivo Italiano) e permezzo di questultimo alla FISU (Federazione Internazionale Sport Universitari) ente che presiedelattività sportiva degli studenti universitari di tutto il mondo.Il CUS rappresenta dunque la società sportiva del mondo universitario, un organo indipendentedall’Università e che la normativa nazionale inerente l’attività sportiva universitaria prevede sidebba occupare dell’offerta sportiva nell’Ateneo. Annualmente Il CUS presenta all’Università unpiano relativo all’offerta sportiva e riceve un budget per organizzare e gestire le iniziative sportive.I principi cha stanno alla base del calcolo del budget si riferiscono principalmente alla spesa storicaed alla comparazione con quella che è stata l’offerta sportiva dell’anno precedente. Il CUS inoltreGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 4
  5. 5. Il Progetto UniSportha totale libertà nella spesa del budget assegnatogli e di decisione su come organizzare e gestire lerisorse e strutture messegli a disposizione. L’offerta dei servizi avviene quindi in un regime dimonopolio in cui il Centro Universitario Sportivo risulta essere l’unico fornitore con delega totale diautogestione e in cui sussiste una mancanza di controllo effettivo sull’operato dell’ente se nonattraverso la rendicontazione dei risultati conseguiti con l’offerta sportiva ex-post.Le criticità maggiori di questo modello stanno principalmente nella mancanza di controllo effettivosul CUS, assenza di incentivi validi per lo stesso di costantemente migliorare i propri servizi inquanto monopolista e di conseguenza l’impossibilità di poter scegliere un’offerta sportivaalternativa a quella proposta dal CUS. 1.2 Descrizione generale dell’organizzazione (AS IS)Come già descritto sopra, l’erogazione del servizio “sport” avviene esclusivamente ad opera delCentro Universitario Sportivo il quale opera in regime di monopolio, decidendo autonomamente laconfigurazione dell’offerta sportiva e basandosi principalmente sul principio della spesa storica pervalutareNello specifico, le linee-guida del CUS sono decise dal presidente Andrea Tomasi e dal consigliodirettivo i quali definiscono il piano generale per la strutturazione dell’offerta e l’impiego dei fondimessi a disposizione dall’Università. Il consiglio è composto da sei consiglieri, principalmente exstudenti-atleti che in passato hanno fatto sport tramite il CUS, poi sono diventati parte delladirigenza, i quali decidono le direttive dell’ente, quello che deve offrire, come e quando.Ad un livello più operativo, gran parte del lavoro viene svolto dalla segreteria e da coloro checollaborano attraverso il contratto "150 ore", il concorso bandito annualmente dall’Università.In ogni struttura ed impianto appartenente al CUS, inoltre, è presente del personale che si occupaprincipalmente della sua gestione e manutenzione. In particolare, per ognuno di questi esiste undirettore responsabile ed una segreteria che rappresentano la parte di dipendenti fissi, a cui siaggiungono tutti i docenti dellIsef, i maestri, gli istruttori specializzati ed i collaboratori cheoperano in loco.Per quanto riguarda le sezioni agonistiche, ogni squadra che compete a livello agonistico sotto ilnome del CUS, conta di un capo-sezione che si occupa dell’amministrazione della squadra a livelloformale e burocratico e che si pone come interfaccia col consiglio direttivo per quanto riguarda lelinee guida da seguire e con la segreteria per le pratiche operative.Infine, nell’organizzazione del CUS compare un’importante componente di collaboratori e volontariche danno la loro disponibilità ed aiutano l’ente nell’organizzazione e nell’erogazione del serviziosoprattutto nel caso di grandi eventi come le Facoltiadi di fine anno.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 5
  6. 6. Il Progetto UniSportLe attività sportive sono suddivise in tre principali direttrici. A livello di base gli studenti hannolopportunità di frequentare i corsi di ginnastica tenuti da docenti dellIsef o da esperti istruttori. Perchi preferisce invece misurarsi sul piano sportivo-goliardico vi sono i tornei interfacoltà (calcio,pallacanestro, pallavolo, sci). Gli atleti migliori sono inoltre inseriti nelle squadre agonisticheiscritte ai campionati o alle gare federali (pallacanestro, baseball, tennis, sci) e rinforzate dallapresenza di atleti esterni, in gran parte ex-studenti universitari.Importante è infine la partecipazione ai Campionati Nazionali Universitari, vera rassegna dellosport giovanile italiano al livello più elevato. Liniziativa che tuttavia riscuote più successo - e cheriesce a combinare lelemento ludico con laspetto agonistico - sono le Facoltiadi, tradizionaleappuntamento di inizio estate durante il quale gli studenti si sfidano a dragon boat, a calcio saponatoe a beach volley. Analogo appuntamento è stato promosso anche per i dipendenti dellUniversità edei centri di ricerca. 1.2.1 Obiettivi e processi Dipendenze con altri Obiettivo Processi attori - Gestione iscrizioni (CUS card) Utenti, Unitn - Raccogliere proposte (da studenti/istruttore) o Utenti, Personale tecnico proporre iniziativa - Ricerca delle risorse e delle strutture adatte Enti locali, Unitn - Stipulazione contratti e convenzioni con enti Enti locali, Unitn esterni - Promozione (volantinaggio, “marketing” Utenti, Unitn Organizzare e pianificare l’attività basato sull’esperienza, e-mail, “Facebook”, motoria e sportiva in ateneo (in prova pratica) regime di monopolio) - Gestione iniziative, calendari e orari Enti locali, Utenti - Definizione ed approvazione piano (consiglio Unitn direttivo) - Proporre materiale per aggiornamento sito Unitn CUS Personale tecnico - Ricerca e reclutamento del personale tecnico (istruttori e collaboratori) Unitn, Opera - Gestione studenti 150 ore - Gestione Centro tennis (di proprietà Unitn dell’Università) - Gestione Ausburgerhof (di proprietà Unitn Gestione di centri e strutture dell’Università) - Gestione Centro nautico (di proprietà del Comune di Pergine comune di Pergine) - Gestione Centro volo a vela (di proprietà Unitn dell’Università)Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 6
  7. 7. Il Progetto UniSport Costituire un tramite/punto di - Aiutare a trovare un modo a chi è interessato contatto con federazioni e istituzioni Federazione, Istituzioni per diventare istruttore o ottenere patentini per ottenere patentini e certificati sportive particolari che il CUS non può offrire specifici (istruttori ecc.) Processo Risorsa Conoscenza Conoscenze sulle immatricolazione allUniversità, Unitn, Conoscenze amministrative/procedurali di gestione CUS, Gestione iscrizioni (CUS card) iscrizioni a servizi, Conoscenze anagrafica utenti, stato di idoneità alla Utenti pratica sportiva CUS, Conoscenze su costi, disponibilità strutture, relazioni con Raccogliere proposte (da enti locali studenti/istruttore) o proporre Utenti, Preferenze personali, interessi, conoscenze specifiche iniziativa sullattività proposta Personale tecnico Conoscenze specifiche e tecniche sullattività proposta Conoscenza data da relazioni precedentemente instaurate CUS, Conoscenza sulle strutture e risorse già disponibili Ricerca delle risorse e delle strutture Unitn, Conoscenza sulle proprie strutture e le proprie risorse adatte Enti locali, Conoscenza su località e strutture e risorse da mettere a disposizione e contatti con altri enti CUS, Conoscenza data da relazioni precedentemente instaurate Unitn, Conoscenza sulle strutture e risorse già disponibili Stipulazione contratti e convenzioni Enti locali, Conoscenza sulle proprie strutture e le proprie risorse con enti esterni Conoscenza su località e strutture e risorse da mettere a disposizione e contatti con altri enti Conoscenza su promozione e canali che precedentemente CUS, ha avuto più impatto, conoscenza di base su quelle che Promozione (volantinaggio, sono le preferenze degli utenti marketing basato sull’esperienza, e-mail, “face book”, prova pratica) Unitn, Conoscenza su quelle che sono le proprie preferenze e Utenti necessità CUS, Conoscenze di carattere gestionale Enti locali, Disponibilità strutture e risorse, orari di apertura e Gestione iniziative, calendari e orari chiusura Utenti Disponibilità e tempo libero a disposizione CUS, Conoscenze di carattere amministrativo, spesa storica, Definizione ed approvazione piano budget a disposizione (consiglio direttivo) Unitn Spesa storica, budget da versare Proporre materiale per CUS, Materiale aggiornato da inserire sul sito aggiornamento sito CUS Unitn Conoscenza sulla gestione ed aggiornamento del sito Conoscenza su quello che serve e piace allutenza Ricerca e reclutamento del personale CUS, Curriculum, esperienza personale sul campo, conoscenze tecnico (istruttori e collaboratori) Personale tecnico tecnicheGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 7
  8. 8. Il Progetto UniSport Conoscenza sulle necessità di personale e su quello che CUS, devono fare Gestione studenti 150 ore Conoscenza dei vincitori del Bando e graduatoria degli Unitn-Opera idonei, conoscenza delle competenze autocertificate dagli iscritti al Bando CUS, Gestione Centro tennis (di proprietà Conoscenze di carattere gestionale - amministrativo dell’Università) Unitn CUS, Gestione Ausburgerhof (di proprietà Conoscenze di carattere gestionale - amministrativo dell’Università) Unitn CUS, Gestione Centro nautico (di proprietà Conoscenze di carattere gestionale - amministrativo del comune di Pergine) Comune di Pergine CUS, Gestione Centro volo a vela (di Conoscenze di carattere gestionale - amministrativo proprietà dell’Università) Unitn Aiutare a trovare un modo a chi è CUS, Conoscenza di attori al di fuori del sistema universitario interessato per diventare istruttore o Federazione, Conoscenza su cosa comporta ottenere certificati, ottenere patentini particolari che il Istituzioni sportive patentini particolari, costi, tempi e cosa bisogna fare CUS non può offrire 1.2.2 Descrizione dei processiL’erogazione del servizio sport si configura in una serie di processi specifici che si possonoriassumere principalmente nella “definizione del Piano Annuale”, nella funzione di “SportelloInformativo” verso gli utenti effettivi e potenziali, nella fornitura di materiale per l’ ”aggiornamentodel Sito del CUS” e nell’effettiva “istituzione e gestione delle Iniziative Sportive”. Per ognuna diquesti processi, differenti attori interagiscono tra loro con ruoli e responsabilità differenti.Nella definizione del piano annuale sono coinvolti l’Università, il Consiglio Direttivo ed ilPresidente del CUS. L’Università risulta essere formalmente responsabile del progetto in quanto èlei che mette a disposizione il budget annuale ai fini dell’attività sportiva, sono però il ConsiglioGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 8
  9. 9. Il Progetto UniSportDirettivo ed il Presidente del CUS che effettivamente definiscono il piano e le linee guida che ilCUS deve seguire.La funzione di Sportello Informativo viene svolta dal CUS nella sede di via Inama, presso laFacoltà di Economia. Il CUS è il responsabile del processo, mentre Unitn, in questo caso, risultacoinvolta in quanto mette a disposizione il locale per lo Sportello Informativo.Per quanto riguarda l’aggiornamento del Sito del CUS, l’attore di riferimento è l’Università che sioccupa operativamente di aggiornare e gestire il sito, in quanto parte del portale di Unitn. Il CUS inquesto caso si occupa di fornire il materiale necessario all’aggiornamento e non intervieneattivamente alla strutturazione del sito.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 9
  10. 10. Il Progetto UniSportIl processo di Istituzione di un’Iniziativa abbraccia principalmente l’Istituzione di un Corso, di unTorneo e la Partecipazione ad una Squadra.L’Istituzione di un Corso prevede diverse fasi e sottoprocessi. Lo schema sottostante riproponequelli che sono i principali processi. In generale sono previsti l’Individuazione delle Risorsenecessarie per l’istituzione del corso, tra cui le infrastrutture per l’effettivo svolgimento dell’attivitàsportiva ed il personale tecnico per l’acquisizione delle competenze tecniche, uno Studio diFattibilità che prende in esame i costi e i fondi a disposizione e l’Iscrizione vera e propria deifruitori del servizio che possono essere studenti, personale dell’Università o persone esterne.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 10
  11. 11. Il Progetto UniSportAnche nel caso di istituzione di un Torneo sono previsti processi chiave come lo Studio diFattibilità e l’Iscrizione.La partecipazione ad una Squadra rientra nell’ambito che fa riferimento all’attività agonistica di cuiil CUS si occupa.Il CUS inoltre si occupa di organizzare eventi specifici, le Facoltiadi ne sono l’esempio piùimportante. Anche in questo caso sussiste uno studio di fattibilità che permette di capire quali sonole risorse necessarie, i costi e se l’evento può avere luogo.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 11
  12. 12. Il Progetto UniSportNello specifico, l’iter tipico che nella situazione AS-IS un’iniziativa promossa dal CUS compie, dallancio dell’idea alla sua concreta realizzazione, può essere riassunto in questo modo:  L’idea di proporre una nuova iniziativa tendenzialmente può nascere o dal CUS stesso secondo le linee guida del piano e le risorse disponibili, o dagli Utenti che la richiedono esplicitamente oppure da un istruttore che offre le proprie competenze e disponibilità per attivare una nuova iniziativa;  In secondo luogo il CUS si occupa di come organizzare l’iniziativa analizzando quelle che sono le risorse necessarie, chi le può offrire ed ha disponibilità, dove, quando e come il tutto deve avvenire. In particolare si cercano le infrastrutture necessarie considerando innanzitutto quelle di cui il CUS già dispone ed eventualmente rivolgendosi ad enti locali. Gli istruttori ed il personale tecnico vengono reclutati sulla base di un curriculum; alcuni si offrono personalmente, altri devono essere ricercati. Successivamente, vengono calcolati i costi che l’iniziativa comporta, si definisce un minimo di iscrizioni per coprirli stabilendo le tariffe differenziate tra studenti ed esterni.  Per quanto riguarda la promozione di un’iniziativa il CUS si appoggia prevalentemente all’invio di e-mail a tutti coloro sono iscritti ad Esse3 e che hanno fornito il proprio indirizzo e-mail in fase di iscrizione. Ad inizio anno inoltre il CUS distribuisce volantini riguardanti l’offerta sportiva all’interno dell’Ateneo seguendo delle strategie di marketing basate sull’esperienza passata (si utilizzano metodi che in passato sono risultati essere efficaci). Costituisce un altro canale promozionale per le iniziative il fatto che attualmente il CUS sia presente anche su Facebook, dove si può sfruttare la rete di contatti. Attraverso la promozione si forniscono già alcune informazioni su quelli che saranno i costi di iscrizione;  Una volta che l’iniziativa è pronta si provvede a fare una incontro di prova allo scopo di permettere al potenziale utente di rendersi conto di quello che sarà il corso. Vengono così raccolte le ipotetiche adesioni ed eventualmente un feedback sul servizio proposto. Il quorum minimo viene tenuto volutamente basso al fine di permettere l’avvio del corso.  Superata questa fase si pensa ad organizzare un calendario, eventualmente considerando le richieste specifiche che gli utenti hanno espresso nell’incontro di prova. Ad ogni modo il calendario sportivo non prende in considerazione quelli che sono gli orari ed il calendario universitario, in quanto il sistema universitario e quello del CUS risultano essere completamente scollegati sia a livello gestionale che di database. Inoltre le fasce orarie in cui i corsi possono avere luogo sono quelle che gli impianti e le strutture hanno a disposizione;  Successivamente l’iniziativa viene nuovamente pubblicizzata attraverso e-mail fornendo informazioni più dettagliate sul calendario del corso ed eventuali avvisi al fine di raccogliereGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 12
  13. 13. Il Progetto UniSport iscrizioni successive. Agli iscritti vengono distribuiti degli utili gadget allo scopo di promuovere ulteriormente l’iniziativa.Nello schema sottostante viene riassunta l’intera gerarchia dei processi che riguardano l’erogazionedell’offerta sportiva nella situazione AS-IS.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 13
  14. 14. Il Progetto UniSport 1.3 Il nuovo Progetto Sport (TO BE)Vista l’inefficienza della situazione attuale il Rettore ha ritenuto che ci fosse la necessità di unprogetto più strutturato, in grado di assegnare allo sport un ruolo più rilevante all’interno dellacarriera universitaria.Per realizzare questo obiettivo è stato costituito un gruppo di lavoro informale, poi diventatoCommissione di Ateneo di nomina rettorale. Questa commissione ha definito i macro obiettivi delprogetto:  Imporre il tema dello sport e dell’attività fisica come uno degli aspetti caratterizzanti dello studiare e del vivere a Trento. Si vuole scalzare il modello italiano in cui lo sport universitario ha scarsa importanza, cercando di andare su un modello stile americano, dove lo sport è al centro della carriera universitaria (si tratta di un obiettivo a lungo termine). È quindi un approccio di tipo push verso lo studente, l’Università incentiva l’attività fisica;  Far emergere in modo chiaro e riconoscibile un’offerta didattica legata al tema dello sport, montagna e società;  Creare un’organizzazione unica in grado di essere il punto di riferimento unico per tutte le iniziative legate allo sport.Per rendere operativo il progetto è stato definito un modello organizzativo comune fra Università eOpera per organizzare e gestire il sistema universitario sportivo (UniSport). UniSport si occuperàquindi di diverse attività: gestire l’offerta sportiva di Ateneo, curare marketing e comunicazione,definire le collaborazioni con altri enti sportivi, ecc.L’Università, attraverso questo progetto, si aspetta di incrementare la partecipazione di studenti edipendenti alle attività sportive (con un target del 30% del bacino di utenza totale). Si attendeinoltre una gestione più efficiente delle attività sportive (in particolare dal punto di vistaeconomico), nonché un’offerta sportiva più ampia e variegata rispetto all’attuale. Inoltre, il progettoha l’obiettivo di favorire l’emersione di meccanismi di tipo bottom-up per la proposta di nuoveiniziative (in particolare da parte degli studenti). Infine, sarà di fondamentale importanza riuscire aplasmare l’offerta sulla base della domanda effettiva al fine di minimizzare gli sprechi (a questoscopo risulterà utile un sistema puntuale di feedback e sondaggi agli utenti). 1.4 StakeholdersVediamo brevemente quali sono gli attori coinvolti nel nuovo progetto sport e quale sarà il lororuolo nell’organizzazione delle attività sportive.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 14
  15. 15. Il Progetto UniSport 1.4.1 Università degli Studi di TrentoL’Università degli Studi di Trento è l’attore che ha dato il via al nuovo progetto sport. Vistal’inefficienza della situazione attuale e considerando i tagli delle risorse alle Università a livellonazionale, il rettore ha individuato nella gestione delle attività sportive un’area di miglioramento.Nella situazione attuale il ruolo dell’Università nella gestione dello sport è molto limitato,l’organizzazione e la gestione dell’attività sportiva è delegata interamente al CUS. La funzioneattuale dell’Università consiste nella sola approvazione del piano annuale presentato dal CUS,approvazione che è sempre stata concessa senza interrogarsi sulla reale utilità ed efficacia delleattività organizzate dal CUS e senza un controllo rigoroso delle spese.Oggi questa situazione non è più sostenibile, l’Università vuole avere un maggior controllo sulleattività che finanzia. Inoltre, il coinvolgimento di altri attori nell’organizzazione delle attivitàsportive permetterà di avere a disposizione un budget maggiore (essenzialmente le risorseaggiuntive messe a disposizione dall’Opera Universitaria). Con questo nuovo modelloorganizzativo l’Università avrà quindi un maggior controllo sulle attività sportive organizzate epotrà garantire agli utenti un sistema più efficiente, innescando un circolo virtuoso che sia in gradodi catturare una più alta percentuale di studenti (l’obiettivo è coinvolgere il 30% degli studentidell’Ateneo trentino).Infine, un altro punto chiave su cui l’Università vuole investire è la creazione di una carrierasportiva dello studente, una certificazione delle attività sportive svolte durante il percorso di studi,con l’obiettivo di inserire questo attestato nel diploma di laurea.Con questo nuovo progetto l’Università si pone quindi l’obiettivo di creare una relazione piùprofonda e organizzata fra studio e sport, prendendo spunto dal modello americano. 1.4.2 Opera UniversitariaIl ruolo dell’Opera Universitaria all’interno dell’Ateneo è la gestione di attività/iniziative chegarantiscano una compiuta realizzazione del diritto allo studio. Il nuovo progetto sport intendecollocare fra queste anche le attività sportive studentesche, attività fino ad oggi completamente al difuori delle competenze dell’Opera e gestite esclusivamente dal CUS con risultati pocosoddisfacenti. Come ente strumentale della Provincia autonoma di Trento l’Opera ha infatti anche ilcompito di garantire le attività sportive nell’ambito del diritto allo studio con riferimento al sistemaeducativo provinciale1.Il coinvolgimento diretto dell’Opera Universitaria nell’organizzazione dello sport in Ateneo vuolefavorire una gestione più oculata delle attività sportive, sfruttando le risorse amministrative e1 Art.70 l.p. 5/2006Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 15
  16. 16. Il Progetto UniSportcontabili a disposizione dell’ente, nonché garantire una migliore promozione degli eventi in mododa coinvolgere un numero maggiore di utenti nelle attività sportive.L’ingresso dell’Opera Universitaria nella gestione delle attività sportive garantisce inoltre unvantaggio economico non indifferente: oltre al budget messo a disposizione dall’Università si potràinfatti contare sulle disponibilità finanziarie dell’Opera Universitaria.L’Opera andrà a rivestire un ruolo centrale all’interno del progetto in quanto sarà sede organizzativae operativa del sistema Universitario sportivo. L’Opera si occuperà inoltre di tradurre gli obiettividefiniti dalla Commissione paritetica in un “piano di interventi”, affidando poi l’organizzazionedelle attività al CUS. 1.4.3 Project ManagerL’Università ha deciso di coinvolgere nel progetto una persona esperta in ambito sportivo, con unabuona conoscenza della realtà sportiva trentina, a cui affidare il compito di pianificare le attivitàsportive universitarie. Questa figura è stata individuata nella persona di Filippo Bazzanella, che conla sua ottima conoscenza del mondo sportivo al di fuori del contesto universitario sarò in grado diportare una visione esterna ma fresca del sistema. Il dottor Bazzanella si è unito al progetto da pocotempo, il suo primo compito sarà fotografare nei dettagli la situazione attuale, per poter poi definireun piano di sviluppo preciso, che possa garantire la definizione di un programma annuale da attivaregià per il prossimo anno accademico. 1.4.4 Centro universitario sportivo (CUS)Il Centro Universitario Sportivo è una associazione con il ruolo di promuovere la pratica, ladiffusione ed il potenziamento delleducazione fisica e dellattività sportiva universitaria. Il ruoloattuale del CUS di Trento è molto ampio, si occupa infatti di tutti gli aspetti legatiall’organizzazione delle attività sportive in Ateneo (figura 1).Il nuovo progetto prevede un ridimensionamento delle attività svolte dal CUS, in particolare gliviene sottratta tutta la parte amministrativa e di pianificazione, relegandolo ad un ruolo di semplicefornitore di attività sportive nel rispetto del piano organizzativo sviluppato dall’Opera in accordocon l’Università. 1.4.5 Comitato per lo sport universitario (CASU)Il CASU ha il compito di controllare luso del contributo finanziario che lUniversità assegna alCUS (si tratta di una somma di circa 170.000 euro). Il CASU cerca di essere il tramite fra leesigenze degli studenti e le scelte del CUS. Il Comitato è composto dal rettore, dal direttoreamministrativo, dal presidente, da un rappresentante dei soci del CUS e da due studenti.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 16
  17. 17. Il Progetto UniSportNell’ottica del nuovo progetto il CASU rimane l’organo di pianificazione, decisione e controllodelle attività agonistico/sportive, proponendone i criteri di finanziamento. 1.4.6 UtentiTra gli obiettivi principali che l’Università di Trento si è posta con la definizione di questo nuovoprogetto vi è sicuramente quello di garantire un miglior servizio agli utenti a cui le attività sportivesono rivolte. Inserire lo sport tra le attività formative costituirà per l’utente un fattore di crescitapersonale e di miglioramento delle capacità di collaborazione. Attraverso un più ampiocoinvolgimento degli studenti l’Università potrà contare sullo sport anche come veicolo dimarketing per la promozione dell’Ateneo trentino. Attraverso lo sport, gli utenti potranno inoltreincrementare comunicazione, integrazione, socializzazione e coesione all’interno dell’Ateneo.Gli utenti a cui il progetto è rivolto sono essenzialmente di tre tipi. I 15.000 studenti dell’Ateneomeritano sicuramente una grande attenzione in quanto costituiscono un bacino di utenti potenzialemolto ampio e diversificato da utilizzare come fattore di forza nello stipulare contratti e convenzionicon i fornitori di strutture sportive. Non vanno comunque trascurate le altre due tipologie di utenti,che in questi anni si sono dimostrate presenti nello sport in buon numero. 1.4.7 Commissione paritetica (UniSport)Per garantire un corretto allineamento fra i vari attori coinvolti e per avere un controllo più direttosulla gestione sportiva è stata istituita una Commissione paritetica Università-Opera, presieduta daGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 17
  18. 18. Il Progetto UniSportuna persona (dott. Paolo Bouquet) designata di comune accordo tra il Rettore ed il presidentedell’Opera.La Commissione definirà anno per anno gli obiettivi che verranno poi tradotti dall’Opera in unpiano di interventi, tenendo conto degli indirizzi emersi in altri attori (CASU). La Commissionesvolgerà un ruolo di coordinamento dell’attività sportiva di Ateneo, curando anche aspetti comecomunicazione, marketing, informazione all’utente, potrà inoltre stipulare accordi/convenzioni conaltri enti sportivi. La Commissione si occuperà inoltre di verificare le modalità di attuazione e irisultati conseguiti.La Commissione fa parte di un soggetto superiore (UniSport) che comprende anche una sezioneOpera Universitaria, sotto la quale operano il Project Manager e il personale di segreteria messo adisposizione dall’Opera. 1.4.8 CeBiSMIl CeBiSM (Centro Interuniversitario di Ricerca in Bioingegneria e Scienze Motorie) svolge attivitàdi formazione e di ricerca nei settori delle Tecnologie Biomediche. Il suo ruolo all’interno delProgetto Sport sarà fornire un servizio di monitoraggio della condizione fisica e psicologica distudenti e atleti. Le attività previste sono:  Monitoraggio iniziale della condizione;  Supporto psicologico motivazionale;  Monitoraggio periodico della condizione fisica e psicologica;  Valutazione dell’efficacia del monitoraggio rispetto ai risultati sportivi.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 18
  19. 19. Il Progetto UniSportAttraverso il servizio di monitoraggio fornito dal CeBiSM si vuole arrivare a definire programmisportivi personalizzati per il singolo utente. Attraverso il controllo costante di indicatori di attivitàed efficienza sarà possibile valutare la reale efficacia dell’attività motoria svolta ed eventualmentecorreggere il programma di allenamento. 1.4.9 Altri attoriIl progetto sport coinvolge anche altri attori che sono in un ruolo di secondo piano rispetto a quellivisti finora. L’Università non ha ancora le strutture necessarie per accogliere tutti gli utenti deiservizi sportivi, per questo sono necessari accordi per l’utilizzo di strutture esterne. Accordi diquesto tipo coinvolgono attori come Enti locali proprietari di strutture sportive (piscine, campi dagioco, ecc.) e proprietari di strutture private (palestre).Inoltre, il progetto prevede di stringere accordi di sponsorizzazione con società sportive (ad esempiola squadra di pallavolo ITAS Trento) e con società commerciali (negozi di sport per fornireabbigliamento e attrezzature agli utenti).Infine, sono coinvolti nel progetto anche allenatori e istruttori, con i quali si punta ad avere unrapporto più profondo, coinvolgendoli maggiormente all’interno della comunità sportivauniversitaria.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 19
  20. 20. Il Progetto UniSport 1.5 Sintesi del documentoIl sistema di fornitura di servizi legati allo sport per l’Ateneo di Trento è attualmente gestito inmodo unico e monopolistico dal Centro Universitario Sportivo (CUS) il quale è un organoindipendente dall’Università. Il CUS annualmente presenta all’Università un piano relativoall’offerta sportiva che intende offrire e riceve da essa un budget per organizzare e gestire iniziativesportive.L’obiettivo del “Progetto Sport” che si vuole realizzare è quello di passare ad un’organizzazione piùstrutturata, trasparente ed efficace per la fornitura e la gestione di servizi legati allo sport in ambitouniversitario. Inoltre si vuole che lo sport e l’attività fisica diventino uno degli aspetti caratterizzantiper gli studenti trentini grazie ad un’offerta migliore e più completa rispetto a quello che èattualmente fornito.Gli attori coinvolti nella realizzazione e successivamente gestione del “Progetto Sport” sonol’Università, l’Opera universitaria, un Project Manager, il CUS, il CeBiSM. L’Università degliStudi di Trento partecipa in qualità di committente del Progetto Sport.L’Opera Universitaria che ora si occupa della gestione di attività/iniziative legate al diritto allostudio unirà anche quelle legate allo sport. Inoltre l’Opera sarà sede organizzativa e operativa delSistema Universitario Sportivo che verrà creato.Gli altri stakeholders sono un Project Manager (Filippo Bazzanella), coinvolto per la pianificazionedi tutte le attività e per la promozione dei nuovi servizi offerti; il CUS, che avrà unicamente unruolo operativo pratico nel progetto; una Commissione Paritetica (UniSport), Università-Opera chesvolgerà un ruolo di coordinamento dell’attività sportiva di Ateneo, curando aspetti dicomunicazione, marketing, informazione all’utente e anno per anno definirà gli obiettivi e neverificherà la realizzazione; il CeBiSM (Centro Interuniversitario di Ricerca in Bioingegneria eScienze Motorie) che dovrà fornire un servizio di monitoraggio della condizione fisica e psicologicadi studenti e atleti.Nell’immagine che segue vediamo un’analisi SWOT di quella che è la situazione attuale.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 20
  21. 21. Il Progetto UniSportGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 21
  22. 22. Il Progetto UniSport 2. Obiettivi e Conoscenza 2.1 Obiettivi degli stakeholders Attore Obiettivi 1. Divulgare la cultura dello sport in Ateneo Università (rettore e 2. Inserire l’attività fisica e sportiva tra le attività formative delegato per lo sport) 3. Utilizzare lo sport come veicolo di promozione per l’Ateneo 4. Avere un maggior controllo sulle risorse assegnate allo sport 1. Garantire le risorse (finanziare, amministrative) necessarie per realizzare a pieno il progetto Opera Universitaria 2. Essere il fornitore di tutti i servizi allo studio (sport, alloggi, mensa, ecc.) 3. Attuare il piano di sviluppo 1. Effettuare uno studio della situazione attuale 2. Rendere disponibili le proprie conoscenze della realtà sportiva locale 3. Definire un piano di sviluppo per raggiungere gli obiettivi del progetto Project Manager 4. Avviare la realizzazione del progetto (Filippo Bazzanella) 5. Realizzare effettivamente il progetto 6. Una volta che il sistema è realizzato seguire le operazioni di avvio, gestire il funzionamento del sistema e monitorare i risultati. 1. Mantenere un ruolo centrale nell’organizzazione dello sport in Ateneo 2. Organizzare e gestione operativa principalmente delle iniziative sportive Centro universitario agonistiche e potenzialmente anche di quelle non agonistiche (possono essere anche sportivo (CUS) affidate ad altri) sulla base delle linee guida indicate da Unitn e Opera 3. Gestione operativa di centri e strutture 1. Essere l’organo di pianificazione, decisione e controllo delle attività sportive ed Comitato per lo sport agonistiche universitario (CASU) 2. Proporre i criteri di finanziamento delle attività sportive e agonistiche 1. Fungere da organo di allineamento fra Università e Opera 2. Proporre un piano di sviluppo annuale delle attività sportive Commissione paritetica 3. Valutare l’attuazione degli obiettivi (UniSport) 4. Gestire promozione, marketing, pubblicità 5. Gestire convenzioni con altri enti sportivi e sponsor 1. Essere coinvolti nel processo di selezione delle attività sportive da avviare 2. Avere a disposizione strumenti online per iscrizione/pagamento dei corsi e che Utenti facilitino la comunicazione con i vari attori coinvolti 3. Avere a disposizione un sistema di feedback puntuale 1. Fornire un servizio di monitoraggio dello stato fisico dell’atleta CeBiSM 2. Fornire un programmi di allenamento personalizzati sul singolo utente 3. Verifica dei dati allo scopo di valutare l’efficacia della pratica motoriaGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 22
  23. 23. Il Progetto UniSport 2.2 Processi relativi agli obiettiviUniversità (rettore e delegato per lo sport)Obiettivo Processi Dipendenze con altri attori UniSport, opera, PM, CUS,Divulgare la cultura dello sport in Ateneo - Promozione delle attività sportive utentiInserire l’attività fisica e sportiva tra le - Introduzione del curriculum sportivo Utenti, opera, CeBiSM, CUSattività formative nel diploma di laureaUtilizzare lo sport come veicolo di - Continuare l’opera di Opera, UniSport, PMpromozione per l’Ateneo internazionalizzazione dell’AteneoAvere un maggior controllo sulle risorse - Valutare periodicamente l’andamento Opera, UniSport, PM,assegnate allo sport delle attività sportive CeBiSM, CUSOpera UniversitariaObiettivo Processi Dipendenze con altri attori - Gestione amministrativa delle strutture diGarantire le risorse (finanziarie e proprietà dell’Ateneoamministrative) necessarie per Università, provincia TN - Gestione amministrativarealizzare il progetto - Gestione portale Web (caricamento dati corsi) - Erogare tessera sportEssere il fornitore di tutti i servizi - Servizio informativo sullo sport in ateneo Università, CUS, sportelloallo studio (sport, alloggi, mensa) - Gestione iscrizioni sport - Gestione pagamentiAttuare il piano di sviluppo - Attuare operativamente il piano di sviluppo Università, CUSProject Manager (Filippo Bazzanella)Obiettivo Processi Dipendenze con altri attoriEffettuare uno studio della situazione - Fare una fotografia dello stato dell’arte CUSattuale attualeDefinire un piano di sviluppo per - Concordare assieme a CUS, Opera CUS, opera, Università,raggiungere gli obiettivi del progetto Universitaria e Università gli obiettivi del CeBiSMAvviare la realizzazione del progetto progetto Sport e delineare un piano di lavoro - Seguire tutte le fasi della realizzazione del CUS, opera, Università,Realizzare effettivamente il progetto progetto CeBiSMUna volta che il sistema è realizzatoseguire le operazioni di avvio, gestire CUS, opera, Università, - Seguire le fasi di avvio il sistemail funzionamento del sistema e CeBiSMmonitorare i risultatiGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 23
  24. 24. Il Progetto UniSportCentro universitario sportivo (CUS)Obiettivo Processi Dipendenze con altri attori - Proporre iniziative sportive sulla base Utenti, Personale tecnico dellesperienza passata - Promozione (“face book”, prova pratica) Utenti, Unitn, OperaOrganizzare e gestione operativa - Gestione iniziative, calendari e orari Enti locali, Utenti, Opera,principalmente delle iniziative - Organizzazione di attività agonistiche a Unitnsportive agonistiche e carattere universitario e nellambito delle Federazioni sportive, Opera,potenzialmente anche di quelle non Federazioni sportive Unitnagonistiche (possono essere anche - Proporre materiale per aggiornamento sito Operaaffidate ad altri) sulla base delle linee CUS Personale tecnicoguida indicate da Unitn e Opera - Ricerca e reclutamento del personale tecnico (istruttori e collaboratori) - Gestione studenti 150 ore Unitn, Opera - Gestione e manutenzione ordinaria Centro volo a vela (di proprietà dell’Università)Gestione operativa di centri e Unitn - Gestione spazi per il ricovero dellestrutture imbarcazioni Ausburgerhof (di proprietà dell’Università)Costituire un tramite/punto di - Aiutare a trovare un modo a chi è interessatocontatto con federazioni e istituzioni Federazione, Istituzioni per diventare istruttore o ottenere patentiniper ottenere patentini e certificati sportive particolari che il CUS non può offrirespecifici (istruttori ecc.) ???Comitato per lo sport universitario (CASU)Obiettivo Processi Dipendenze con altri attoriEssere l’organo di pianificazione, decisione e - Valutare l’andamento delle attività Università, CUScontrollo delle attività sportive ed agonistiche sportiveProporre i criteri di finanziamento delle - Definizione budget annuale Universitàattività sportive e agonisticheCommissione paritetica (UniSport)Obiettivo Processi Dipendenze con altri attoriFungere da organo di allineamento fra CUS, Università, Opera, - Riunioni fra i vari attoriUniversità e Opera studenti, PM - Definire budget Università, CUS, PM, utenti,Proporre un piano di sviluppo annuale per - Definire piano annuale corsi e attività attori esterni (enti sportivi,le attività sportive agonistica strutture private, ecc.) - Valutare proposte utenti - Valutazione del bilancio annuale delleValutare la realizzazione degli obiettivi Opera, Università, CUS, PM attività sportiveGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 24
  25. 25. Il Progetto UniSport - Promozione eventi, corsi, attivitàGestire promozione, marketing, pubblicità Opera, Università, CUS, PM agonistica - Stipulare accordi con attori esterniGestire convenzioni con altri enti sportivi (convenzioni con strutture, sponsor, Opera, Università, PMe sponsor ecc.)UtentiObiettivo Processi Dipendenze con altri attoriEssere coinvolti nel processo di selezione delle - Inviare proposte su nuovi corsi da UniSport, CUS, opera, PMattività sportive da avviare avviareAvere a disposizione strumenti online per - Iscrizione online ai corsiiscrizione/pagamento dei corsi e che facilitino Opera - Pagamento online dei corsila comunicazione con i vari attori coinvoltiAvere a disposizione un sistema di feedback Opera, Università, CUS, - Compilare questionaripuntuale UniSport, CeBiSMCeBiSMObiettivo Processi Dipendenze con altri attoriFornire un servizio di monitoraggio - Test fisico CUS, utentedello stato fisico dell’utente - Analisi dei dati raccolti nel primoFornire un programmi di allenamento test CUS, allenatori/istruttori, utentepersonalizzati sul singolo utente - Definire programma personalizzato - Analisi dei dati raccolti duranteVerifica dei dati allo scopo di valutare l’intera carriera sportiva dell’utente Utentel’efficacia della pratica motoria - Verifica dei miglioramenti 2.3 Conoscenza implicita/esplicita relativa ai processiUniversità (rettore e delegato per lo sport)Processo Risorsa Conoscenza Opera, Sportello unico sport, Conoscenza di tutte le attività,Promozione delle attività sportive Project Manager, portale Web iniziative, eventiIntroduzione del curriculum sportivo nel Conoscenze amministrative del Opera, portale ESSE3diploma di laurea personale Opera Universitaria Conoscenze della gestione delleContinuare l’opera di Opera, Project Manager attività sportive universitarie a livellointernazionalizzazione dell’Ateneo europeo e mondiale Dati aggiornati su costi,Valutare periodicamente l’andamento Opera, Project Manager, Università partecipazione e soddisfazione deglidelle attività sportive utentiGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 25
  26. 26. Il Progetto UniSportOpera UniversitariaProcesso Risorsa ConoscenzaGestione amministrativa delle Conoscenze amministrative del personale Opera (personale amministrativo)strutture di proprietà dell’Ateneo Opera Universitaria Conoscenze amministrative del personaleGestione amministrativa Opera (personale amministrativo) Opera UniversitariaGestione portale Web (caricamento Opera (personale amministrativo) Conoscenza del programma dei corsidati corsi) Conoscenza sull’afflusso di studentiErogazione tessera sport Sportello unico sport (derivata dall’esperienza del CUS)Servizio informativo sullo sport in Conoscenza delle attività sportive offerte Sportello unico sportateneo e dei processi di gestione Conoscenze amministrative/proceduraliGestione iscrizioni Opera, sito Web di gestione iscrizioni a servizi Conoscenze amministrative e proceduraliGestione pagamenti Opera, sito Web di gestione pagamenti di serviziProject Manager (Filippo Bazzanella)Processo Risorsa Conoscenza Conoscenza delle attività degli anniFare una fotografia dello stato dell’arte CUS precedenti, delle convenzioni, delattuale numero di soci, dei costi sostenutiConcordare assieme a CUS, Opera Conoscenza di tutto ciò che è stato svoltoUniversitaria e Università gli obiettivi CUS, opera, Università fino ad ora e degli obiettivi che gli attoridel progetto Sport e delineare un piano desiderano raggiungere.di lavoroSeguire tutte le fasi della realizzazione CUS, opera, Università, Conoscenza delle attività svolte nelle fasidel progetto CeBiSM di realizzazione del progetto. Conoscenza dei primi dati sul numero di CUS, opera, Università,Seguire le fasi di avvio il sistema soci, sulle attività programmate e sui CeBiSM costi.Centro universitario sportivo (CUS)Processo Risorsa Conoscenza Conoscenze specifiche maturate sulProporre iniziative sportive sulla base CUS campo nel corso degli annidellesperienza passata Personale tecnico Conoscenze specifiche e tecniche sullattività proposta Conoscenza derivata da contattoPromozione (“face book”, prova CUS, direttopratica) Utenti Conoscenza su quelle che sono le proprie preferenze e necessitàGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 26
  27. 27. Il Progetto UniSport Conoscenze di carattere gestionale CUS, Disponibilità strutture e risorse, orari Enti locali, di apertura e chiusuraGestione iniziative, calendari e orari Utenti, Disponibilità e tempo libero a Opera, Università disposizione Linee guida da seguire Conoscenza gestionaleOrganizzazione di attività agonistiche CUS, Conoscenze specifiche sullargomentoa carattere universitario e nellambito Federazioni sportive, (regolamenti...)delle Federazioni sportive Opera, Università Conoscenza sulle iscrizioni Materiale aggiornato da inserire sulProporre materiale per CUS, sitoaggiornamento sito Web Università Conoscenza sulla gestione ed aggiornamento del sito Conoscenza su quello che serve eRicerca e reclutamento del personale CUS, piace allutenzatecnico (istruttori e collaboratori) Personale tecnico Curriculum, esperienza personale sul campo, conoscenze tecniche Conoscenza sulle necessità di personale e su quello che devono fare CUS, Conoscenza dei vincitori del Bando eGestione studenti 150 ore Unitn-Opera graduatoria degli idonei, conoscenza delle competenze autocertificate dagli iscritti al BandoGestione e manutenzione ordinaria CUS, Conoscenze di carattere gestionale -Centro volo a vela (di proprietà Unitn amministrativodell’Università)Gestione spazi per il ricovero delle CUS, Conoscenze di carattere gestionale -imbarcazioni Ausburgerhof (di Unitn amministrativoproprietà dell’Università) Conoscenza di attori al di fuori delAiutare a trovare un modo a chi è CUS sistema universitariointeressato per diventare istruttore o Federazione, Conoscenza su cosa comporta ottenereottenere patentini particolari che il Istituzioni sportive certificati/patentini particolari, costi,CUS non può offrire tempi e cosa bisogna fareComitato per lo sport universitario (CASU)Processo Risorsa Conoscenza Dati aggiornati su costi,Valutare l’andamento delle attività Opera, CUS, Project Manager partecipazione e soddisfazione deglisportive utenti Dati anni passati, e informazioni sui Opera, Università, Project Manager,Definizione budget annuale costi delle attività che si vogliono Commissione paritetica, CASU proporreGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 27
  28. 28. Il Progetto UniSportCommissione paritetica (UniSport)Processo Risorsa Conoscenza Condivisione delle conoscenze di tutti gli attoriRiunioni fra i vari attori UniSport coinvoltiDefinire budget UniSport Andamento ricavi/costi negli anni precedenti Questionari sulle necessità/preferenze degli utentiDefinire piano annuale corsi UniSport Esperienze degli anni passatiValutare proposte utenti UniSport Processo di studio di fattibilità di un’attività Conoscenza della realtà sportiva trentina del PMStipulare accordi con attori esterni UniSport, PM Conoscenza di attori che hanno già stretto accordi(convenzioni con strutture, sponsor, ecc.) con CUS e UniversitàPromozione eventi, corsi, attività UniSport Dati studenti, canali di comunicazioneagonisticaValutazione del bilancio annuale delle UniSport Dati a consultivoattività sportiveUtentiProcesso Risorsa Conoscenza Informazioni minime su attività che si vuole proporreInviare proposte su nuovi corsi da Opera, CUS con eventuali strutture disponibili e costiavviare approssimativiIscrizione online ai corsi Portale Web Conoscenze minime di navigazione in internet Conoscenza del sistema di pagamento informatizzatoPagamento online dei corsi Portale Web universitario Portale Web, questionariCompilare questionari Conoscenza riguardante le attività frequentate cartaceiCeBiSMProcesso Risorsa ConoscenzaTest fisico Laboratorio di test Pratiche di test fisico/motorio Conoscenze mediche sugli indicatoriAnalisi dei dati raccolti nel primo test Laboratorio analisi dati di salute della persona Conoscenza delle attività motorieDefinire programma personalizzato CeBiSM e allenatore/istruttore adatte al miglioramento degli indicatori da migliorareAnalisi dei dati raccolti durante Conoscenze mediche sugli indicatori Laboratorio analisi datil’intera carriera sportiva di salute della personaGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 28
  29. 29. Il Progetto UniSport 3. Conoscenza (Ontologia) 3.1 Ontologia di dominioCon la definizione di un’ontologia di dominio è possibile modellare le relazioni tra le variecomponenti del sistema, creando così la base di conoscenza per il sistema informativo che andrà asupportare il Progetto Sport, offrendo diversi servizi online e creando un punto d’incontro fra i variattori. 3.1.1 Classi principaliIl primo passo verso la costruzione dell’ontologia è stato la definizione delle classi principali deldominio. Sono state individuate sette classi principali; le vediamo nella tabella sottostante con unabreve descrizione e le relative proprietà (datatype):Classi Descrizione Proprietà (datatype) - nome - cognome - indirizzo Identifica tutte le persone fisiche coinvolte nel progetto: - data di nascitaPersona studenti, dipendenti, soci esterni, volontari, istruttori, - codice fiscale allenatori, ecc. - numero di telefono - possesso tessera sport (si/no) - numero tessera sport Contiene tutti i luoghi/strutture nei quali verranno - indirizzo organizzate iniziative, attività, corsi, eventi, ecc. VengonoLuogo - proprietario distinti i luoghi di proprietà dell’Università da quelli di - interno/esterno proprietà privata/pubblica Definisce le tipologie di sport che sono attivate all’internoSport - nominativo (calcio, pallavolo, ecc.) del progetto Identifica le tipologie di iniziative proposte da UniSport - nominativoIniziativa alle quali possono partecipare le persone in possesso della - data inizio tessera sport - data fine - nominativo Definisce le attività sportive che compongono le iniziativeAttività sportiva - data inizio (lezione, partita, ecc.) - data fine Contiene tutte le organizzazioni che sono coinvolte - ragione sociale nell’organizzazione delle iniziative. Vengono distinte le - indirizzoOrganizzazione organizzazioni interne al progetto (Università, opera, CUS, - numero di telefono CASU, CeBiSM, UniSport) da quelle esterne (sponsor, - interna/esterna SAT, coni, ecc.) Include tutte le squadre che partecipano a iniziative - nomeSquadra organizzate all’interno dell’Ateneo - numero di componentiGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 29
  30. 30. Il Progetto UniSport 3.1.2 SottoclassiPer le seguenti classi sono state individuate delle sottoclassi:  Persona o La sottoclasse studenti unitn ha come datatype numero di matricola; o Le sottoclassi istruttore e “allenatore” hanno come datatype abilitazione alla professione di; o La sottoclasse dipendenti unitn ha come datatype tipologia dipendente (professore, assistente, amministrativo, ecc.).  LuogoGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 30
  31. 31. Il Progetto UniSport  Iniziativa  Attività sportiva o La sottoclasse partita ha come datatype tipo partita (andata, ritorno, partita unica)  SportGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 31
  32. 32. Il Progetto UniSport  SquadraUna visione d’insieme dell’ontologia:Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 32
  33. 33. Il Progetto UniSport 3.1.3 RelazioniUna volta definite classi e sottoclassi con le relative proprietà (datatype) sono state definite lerelazioni che intercorrono fra i vari oggetti dell’ontologia.Ecco una visione d’insieme dell’ontologia con le relazioni fra i vari elementi:Vediamo quindi le relazioni che collegano le varie classi e sottoclassi (per le relative immagini siveda l’Appendice A): Classe Relazioni - è effettuata in un luogo - è gestita da un’organizzazione Iniziativa - è organizzata da staff e organizzazione - ha dei fruitori - è composto da lezioni, Corso - ha un istruttore - ha dei fruitoriGruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 33
  34. 34. Il Progetto UniSport - è composto da una competizione Evento - vi partecipano delle squadre - è composto da partite Torneo - vi partecipano delle squadre Attività sportiva - è effettuata in un luogo - fa parte di un corso Lezione - avviene in un luogo Competizione - fa parte di un evento - fa parte di un torneo Partita - vi partecipano due squadre - avviene in un luogo - accoglie un’iniziativa Luogo - accoglie una partita - accoglie una lezione - gestisce un’iniziativa Organizzazione - organizza un’iniziativa - ha un allenatore - è composta da persone Squadra - appartiene a uno sport - si iscrive a un’iniziativa - partecipa a un torneo o a un evento Persona - fa parte di una squadra - si iscrivono a un’iniziativa Fruitori - partecipano a un corso Staff - organizza un’iniziativa Allenatore - allena una squadra Istruttore - insegna un corso Sport - ha delle squadre 3.1.4 VincoliA questo punto ci siamo soffermati sulla definizione di alcuni vincoli:  Un torneo/evento deve avere almeno 3 squadre;  Una partita ha sempre due squadre;  Un corso deve avere almeno 5 fruitori, almeno un istruttore e deve essere composto da almeno 5 lezioni.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 34
  35. 35. Il Progetto UniSport 3.2 Uso dell’ontologia e cenni sull’architettura del sistemaL’ontologia rappresenta un ottimo strumento per la rappresentazione di “concetti” appartenenti adun determinato dominio. Nella fattispecie garantisce un livello di meta-dati comune a tutti idatabase pre-esistenti al progetto sport stesso garantendo inoltre una (probabile) maggioreflessibilità rispetto a modello logico basato sul classico database relazionale. Chiaramente laccessoai dati non è garantito dalla sola attività di modellazione, è necessaria la costruzione di uno o piùmiddleware in grado di reperire i “dati grezzi” modellati attraverso lo strumento dellontologia.Questo tipo di attività non è per nulla scontato o semplice, infatti, i dati risiedono su più databaseesterni nel senso che non sono modificabili in alcun modo per uniformarsi alle nuove esigenze delprogetto. In tal senso si pensi al database di Esse3, questultimo può essere usufruito con accesso insola lettura, non è pensabile cioè la modifica di questultimo da parte degli applicativi web delprogetto.In primis però è opportuno evidenziare alcune scelte cardine nella creazione del sistema nel suocomplesso, in particolare si fa riferimento alla scelta di compiere una dicotomia tra:  La parte di front-office: contraddistinta da un portale web pensato sostanzialmente per soddisfare lobiettivo dellutente (il fruitore del servizio) che si ritiene sia quello di accedere al portale come ogni altro sito associato allateneo. In particolare la strada percorsa e stata quella di “proporre” lofferta sportiva in modo similare a quanto avviene nel caso dellofferta formativa. Questa scelta trova applicazione in particolare nellinterfaccia utente che ricalca in modo similare quanto offerto da altri siti dellateneo.  La parte di back-office: determinata da un applicativo web concettualmente staccato dal primo (portale di front-office) nel quale accedono solo gli “addetti ai lavori”, intesi in senso ampio cioè considerando possibili utilizzatori anche coloro i quali fanno parte di organizzazioni “esterne” allUniversità. Ad esempio si intendono possibili utenti del sistema anche membri di organizzazioni/associazioni quali ad esempio SAT e CeBiSM.Il collegamento tra i due applicativi può apparire non scontato, lintento del seguente diagramma èquello di definire meglio le dinamiche di condivisione e gestione della conoscenza:Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 35
  36. 36. Il Progetto UniSportLapplicativo web che si ritiene più interessante e che di fatto rappresenta un vero sistema diknowledge management è lapplicativo di back-office.Ritornando alla tematica primaria ovvero come di fatto utilizzare da un lato lontologie e comeassociare effettivamente i dati grezzi a questultima si rende opportuno evidenziare due soluzioni,entrambe “tecnicamente” sostenibili: 1. Database TripleStore ad hoc (consente la memorizzazione di sole triple RDF in modo particolarmente efficiente). 2. Database TripleStore costruito sopra un DBMS relazionale (che consentirebbe anche la possibilità di accedere al database relazionale sottostante).Una volta stabilito quale tra le due sia più consona, rimane da portare a termine una scelta ancorapiù importante ovvero decidere se: A. Duplicare i dati in un database di appoggio. Questo tipo di approccio prevede una duplicazione dei dati pre-esistenti ed un regolare caricamento (la prima volta) e aggiornamento (le altre) dei dati ad intervalli di tempo regolari. Questo tipo di approccio ricalca di fatto quanto avviene nei datawarehouse dove viene messa in essere unomogeneizzazione dei dati provenienti da più fonti di dati esterni. B. Accedere direttamente ad un database esterno tramite un interfaccia ad hoc. Chiaramente deve essere prevista ed implementate uninterfaccia per ogni database esterno gestito. Questo tipo di approccio non prevede di fatto una duplicazione dei dati stessi.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 36
  37. 37. Il Progetto UniSportSketch Architettura Soluzione – 2A – Applicativo di Back OfficePro:  Soluzione più facile a livello implementazione.  Rischio nullo di rendere inconsistente i database esterni.Contro:  Ridondanza dei dati  Richiede un aggiornamento di dati periodico  Possibilità di dati Obsoleti  L’ingresso di un nuovo database dall’esterno potrebbe provocare un cambiamento a tutta la base di dati. Anche la modifica di uno dei database già “collegato” comporta la probabile modifica in blocco della base di dati centrale.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 37
  38. 38. Il Progetto UniSportSketch Architettura Soluzione – 2B – Applicativo di Back OfficePro:  Nessuna duplicazione dei dati  Dati sicuramente non obsoleti  Scalabile: in caso di aggiunta di un nuovo database esterno basterebbe implementare solo una nuova interfaccia. In caso di modifica di un db esterno si modifica solo l’interfaccia di riferimento.Contro:  Rischio non nullo di modificare i database esterni in seguito ad errori di interfacciamento  Difficoltà nell’implementare le interfacce (in particolare esistono dei problemi nel mapping delle interrogazioni da SPARQL ad SQL)  Tempo di accesso/risposta, ogni nuova interrogazione deve accedere all’esterno  Maggiore difficoltà nella correlazione di dati provenienti da fonti (db) diverse.Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 38
  39. 39. Il Progetto UniSportIn entrambe le soluzioni testé riportate si e’ scelto di impiegare un Database TripleStore costruitosopra un DBMS relazionale. La freccia tratteggiata uscente dall’interfaccia grafica nella quale e’inserita, per semplicità rappresentativa, anche la parte di business logic termina in entrambi casi adun DBMS relazionale. In entrambi i casi si e’ ritenuto opportuno mantenere un database relazione asupporto dell’applicativo in modo da poter gestire alcune funzionalità indipendenti dall’esterno(cioè dai dati esterni) in maniera più efficiente.Allo stato attuale delle cose stabilire quale “architettura” sia da preferire può essere prematuro oquantomeno una scelta implementativa posticipabile nel processo di sviluppo del software vero eproprio. Infine si propone un component diagram con lo scopo di evidenziare alcuni componentinon riportati negli sketch precedenti:Gruppo 4 Anno Accademico 2008/2009 pag. 39

×