Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Social media e ong in italia

2,837 views

Published on

I risultati della ricerca sull'uso dei social media

Published in: News & Politics

Social media e ong in italia

  1. 1. 26 febbraio 2013 Ong e social media in Italia Risultati dellinchiesta
  2. 2. 76 ong italiane• 65,3% ong registrate secondo la legge 49/87• 28% onlus Dimensioni dellong• 28% associazioni di (personale a contratto) volontariato • 38,7% = 1-5 • 8% altro • 30,7% = 6-15 • 8% = 16-30 • 22,7% = più di 30
  3. 3. Sito internet ecoinvolgimento degli utenti Ong 2.0 = organizzazionicon una struttura semplice e trasparente. Coinvolgono i sostenitori nel definire e condividere progetti per promuovere laconsapevolezza attorno ad alcuni temi sociali.
  4. 4. 1. Sito internet e coinvolgimento degli utenti • 81,3% bottone "dona ora"• 28,1% permette i commenti• 24,7% ha un blog• 16,4% ha uno o più blog• 16% bottone per condivisione articoli• 9,4% spazio forum
  5. 5. 2. Frequenza di aggiornamento del blog38,5% una volta alla settimana 10,3% due volte al mese17,9 % una volta al giorno 12,8% una volta al mese
  6. 6. 2.1 Chi si dedica allaggiornamento del blog? • 70% Lufficio comunicazione e promozione • 26,5% Un team di blogger dedicati • 20% Cooperanti espatriati • 11% Volontari in servizio civileSolo 1 delle organizzazioni rispondenti fa partecipare i beneficiari dei progettinella scrittura del blog, 3 ong chiedono invece agli stagisti di occuparsene
  7. 7. 3. SOCIAL MEDIA
  8. 8. 3.1 Profili delle ong 92,6% ha almeno un profilo attivosui social media• Facebook > 92,5%• Youtube > 76,4%• Twitter > 69,8%• Linkedin > 32,5%• Google Plus > 27, 9%• Pinterest > 8,6%• Foursquare > 2,8%
  9. 9. 3.2 Perché le ong hannoattivato profili sui SM?• Velocità, semplicità e immediatezza del mezzo (9)• per raggiungere target diversi di persone allo stesso tempo (7) • per il loro effetto moltiplicatore (4)• per aumentare la propria visibilità/per promozione (16)• per informare (3)• facilitare la comunicazione con gli stakeholders (2)• per raggiungere i giovani in particolar modo (2) • perché ritenuto indispensabile/fondamentale (3) • per l’interazione e il networking (informare e ricevere nuovi input) (9)• per il contatto diretto con i volontari/simpatizzanti (7) • trasparenza (1)
  10. 10. Social media = old Old media = broadcasting media?
  11. 11. Social media is "social" Nuovi media = media conversazionali! FIRST
  12. 12. 3.3 Che tipo di informazioni condividono le ong suisocial media?• Comunicazione ed eventi in Italia (57,1%)• Notizie sul mondo della cooperazione internazionale (47,2%)• Contest e domande per coinvolgere i fan e sostenitori (3,7%)• Raccolta fondi (28,1%)• Aggiornamento in caso di emergenze o crisi (14,5%)• Storie dal field (18,2%)• Aggiornamento sullandamento dei progetti (21,8%)• Vacancy (10,6%)
  13. 13. 3.4 Chi gestisce ilprofilo dellong sui SM
  14. 14. 3.4 Chi gestisce ilprofilo dellong sui SM La responsabilità non dovrebbe essere data al membro più giovane dello staff
  15. 15. 3.4 Chi gestisce ilprofilo dellong sui SM• 73,2% ufficio comunicazione• 21,4% tutti i lavoratori dellong• 10% social media manager dedicato• 10% i volontari dellassociazione
  16. 16. 3.5 La percezione dei SM nel lavoro degli operatoridel non profit e nel fundraising
  17. 17. 3.5 La percezione dei SM nel lavoro degli operatoridel non profit e nel fundraising• "la presenza di un profilo è fondamentale per raggiungere i sostenitori della propria organizzazione" (57,4%)• "la gestione dei social network va affidata solamente a personale specializzato" (35,2%)• "il personale non facente parte dell’ufficio stampa non dovrebbe essere autorizzato a usare i social network per divulgare informazioni sull’attività dell ong" (15,21%)
  18. 18. 3.5 La percezione dei SM nel lavoro degli operatoridel non profit e nel fundraising• "la dirigenza della propria ong non riconosce il valore del tempo e delle risorse impiegate nella gestione dei social" (25,8%)• "ogni cooperante espatriato dovrebbe gestire un blog o un account personale per eliminare le distanze tra gli operatori umanitari e i sostenitori delle ong" (41,1%)• "la trasparenza sulla gestione dei fondi potrebbe migliorare se ogni progetto venisse condiviso con i sostenitori delle ong attraverso i social network" (34,4%)
  19. 19. 4. Fundraising online
  20. 20. 4.1 Fundraising /Crowdfunding• 92% non ha mai usato piattaforme di crowdfunding• 28,6% crede che il crowdfunding sia "il fundraising del futuro"
  21. 21. 5. Newsletter ebollettini • 50% pubblica e manda ai sostenitori un bollettino cartaceo (75% digitale - Pdf)• 72% invia newsletter periodiche
  22. 22. Come si diventa ONG 2.0?
  23. 23. ONG 2.0:• Condividono i loro successi ma anche i loro fallimenti• Tutto lo staff è "allineato" sullobiettivo della campagna in corso. E tutti sanno come usare i social media per coinvolgere la comunità dei sostenitori.
  24. 24. ONG 2.0:• La comunicazione è vista come core capacity: il settore comunicazione non deve lottare per avere risorse• Le ong 2.0 sono vicine ai sostenitori, si confrontano continuamente con loro e a volte seguono i suggerimenti che arrivano dal basso
  25. 25. Le ONG 2.0 non lavorano di più o più duramente delle altre. Lavorano in modo differente.
  26. 26. Le ONG 2.0 non lavorano di più o più duramente delle altre. Lavorano in modo differente. Donata Columbro Ong 2.0 - Volontari per lo Sviluppo Grazie!

×