La dimensione sociale della stategia Euaropa 2020

573 views

Published on

LA DIMENSIONE SOCIALE
DELLA STRATEGIA EUROPA 2020
RELAZIONE DEL COMITATO
PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011)
SINTESI

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
573
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La dimensione sociale della stategia Euaropa 2020

  1. 1. ISSN 1977-2106LA DIMENSIONE SOCIALEDELLA STRATEGIA EUROPA 2020RELAZIONE DEL COMITATOPER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011)SINTESI
  2. 2. Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell’Unione europea per l’occupazione e lasolidarietà sociale Progress (2007-2013).Si tratta di un programma attuato dalla Commissione europea. È stato istituito per sostenerefinanziariamente la realizzazione degli obiettivi dell’Unione europea nel settore dell’occupazione,degli affari sociali e delle pari opportunità e contribuisce quindi alla realizzazione degli obiettiviEuropa 2020 in questi settori.Il programma settennale si concentra su tutte le parti interessate che possono contribuire a pla-smare lo sviluppo di un’occupazione adeguata ed efficace nonché di politiche e legislazionesociale attraverso l’UE-27, i paesi dell’EFTA-SEE nonché i paesi candidati e pre-candidati all’UE.Per ulteriori informazioni consultare il sito http://ec.europa.eu/progress
  3. 3. LA DIMENSIONE SOCIALEDELLA STRATEGIA EUROPA 2020 RELAZIONE DEL COMITATO PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011) SINTESI Commissione europea Direzione generale per l’Occupazione, gli affari sociali e l’inclusione Unità D.1 Manoscritto terminato nel marzo 2011
  4. 4. Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europeaè responsabile dell’uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presentepubblicazione.© Copertina: Unione europea Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull’Unione europea Numero verde unico (*) 00 800 6 7 8 9 10 11 (*) Alcuni gestori di telefonia mobile non consentono l’accesso ai numeri 00 800 o non ne accettano la gratuità.Numerose altre informazioni sull’Unione europea sono disponibilisu Internet consultando il portale Europa (http://europa.eu).Una scheda catalografica, con un sommario, figura alla fine del volume.Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dell’Unione europea, 2011ISBN 978-92-79-20384-8doi:10.2767/37281© Unione europea, 2011Riproduzione autorizzata con citazione della fonte.Printed in BelgiumSTAMPATO SU CARTA SBIANCATA SENZA CLORO ELEMENTARE (ECF)
  5. 5. IndiceIntroduzione 5L’obiettivo di riduzione della povertà e inclusione sociale 6Povertà ed esclusione sociale nell’UE:situazione attuale e recenti tendenze 7 Percentuale del rischio di povertà 8 Grave deprivazione materiale 9 Persone che vivono in famiglie con un’intensità di lavoro molto bassa 9 Chi è a rischio di povertà ed esclusione? 9 Migliorare la misurazione della povertà ed esclusione sociale 10Politiche per prevenire e ridurre la povertà 12 Promuovere una crescita inclusiva 12 Strategie di inclusione attiva per sostenere le misure occupazionali 12 Istruzione e competenze come fattori determinanti dell’inclusione sociale 13 Protezione sociale adeguata e sostenibile 14 Politiche di inclusione sociale 15 Strumenti finanziari UE per combattere la povertà 16Prospettive per il futuro: principali messaggi 17 Approfondimenti 20 3
  6. 6. Il comitato per la protezione sociale Il comitato per la protezione sociale (CPS) riunisce i rappresentanti degli Stati membri dell’Unione europea (UE) e della Commissione europea dal 2000. Si tratta di un forum di alto livello sulla politica che consente agli Stati membri e alla Commissione europea di cooperare e condividere idee nel contesto del metodo aperto di coordinamento sociale (MAC sociale). Il CPS prepara relazioni, formula pareri e svolge altre attività nella propria sfera di competenza, su richiesta del Consiglio e della Commissione oppure di propria iniziativa. A partire dal 2011, il comitato redige una relazione annuale che valuta gli aspetti sociali della strategia Europa 2020. Il metodo aperto di coordinamento sociale L’approccio UE alla politica sociale si basa sul MAC. Si tratta di un mecca- nismo per coordinare le politiche sociali degli Stati membri. La finalità è di lavorare per il raggiungimento degli obiettivi comuni europei tramite un processo di scambio di politiche e apprendimento reciproco consentendo agli Stati membri di definire le proprie politiche per il conseguimento degli obiettivi. Attraverso il MAC sociale, gli Stati membri redigono piani d’azione a livello nazionale, definendo le priorità e le azioni pianificate. La Commis- sione europea sostiene e supervisiona i progressi sulla base di obiettivi, indi- catori e standard comuni. Nel 2011, gli obiettivi e metodi di lavoro del MAC sociale saranno adeguati al fine di conformarsi agli obiettivi stabiliti dalla strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.4
  7. 7. IntroduzioneEuropa 2020 è la strategia di crescita dell’UE per il prossimo decennio. Consentiràall’UE di trasformarsi in un’economia intelligente, sostenibile e inclusiva.Il suo successo dipende da azioni che si sostengono reciprocamente in tutte le areedi priorità. Questo dovrebbe consentire all’UE e ai suoi Stati membri di garantire altilivelli di occupazione, produttività e coesione sociale.Concretamente, l’UE ha stabilito cinque ambiziosi obiettivi, relativi a occupazione,innovazione, istruzione, inclusione sociale e clima/energia, da raggiungere entro il2020. Gli Stati membri adotteranno i propri obiettivi a livello nazionale per ciascunadi queste aree. Azioni concrete a livello nazionale e dell’UE sosterranno la strategia.Il CPS ha pubblicato una relazione che valuta gli aspetti sociali della strategia Europa2020. Questo opuscolo contiene una sintesi della relazione 2011. 5
  8. 8. L’obiettivo di riduzione della povertà e inclusione sociale Una persona su cinque all’interno dell’UE è a rischio di povertà o esclusione sociale. Un livello così elevato di persone che vivono ai margini della società compromette la coesione sociale e limita le potenzialità degli europei. Ciò è particolarmente dannoso in un periodo in cui gli Stati membri stanno lavorando per garantire la ripresa dalla crisi economica e finanziaria. I capi di Stato o di governo dell’UE si sono impegnati a sottrarre almeno 20 milioni di persone al rischio di povertà ed esclusione sociale entro il 2020. La realizzazione di questa aspirazione richiede obiettivi nazionali ambiziosi in linea con gli obiettivi dell’UE, nonché le misure necessarie per realizzarli. Questo farà in modo che la lotta contro la povertà diventi un elemento chiave della strategia globale di ripresa.6
  9. 9. Povertà ed esclusionesociale nell’UE: situazioneattuale e recenti tendenzeL’obiettivo principale relativo alla povertà ed esclusione sociale in Europa è stato sta-bilito sulla base di tre indicatori congiunti: il numero di persone a rischio di povertà,i livelli di grave deprivazione materiale e il numero di persone che vivono all’interno dinuclei familiari fortemente caratterizzati dalla sottoccupazione. Questi indicatori pren-dono in considerazione le varie caratteristiche di povertà ed esclusione in tutta Europae le diverse situazioni e priorità tra gli Stati membri. Insieme, i tre indicatori riflettonol’obiettivo della strategia Europa 2020 di garantire che i vantaggi della crescita sianoampiamente condivisi e che le persone che si trovano attualmente ai margini possanosvolgere un ruolo attivo all’interno della società.114 milioni di persone a rischio di povertà o esclusione (2009) A rischio dipar la pauvreté, Menacées povertà, in condizioni di deprivazione, non disoccupati vivant dans le dénuement, avec emploi, A rischio di povertà, Non a non in condizioni rischio di di deprivazione, povertà, in In condizioni di grave non disoccupati 12,1 condizioni di deprivazione, deprivazione materiale 48,7 non disoccupati (40 milioni) Menacées A rischio 18,8 par la di povertà 6,7 A rischio di povertà, in condizioni pauvreté 2,3 di deprivazione, disoccupati (80 milioni) 12,8 Non a rischio di povertà, in condizioni (80 millions) 12,5 di deprivazione, disoccupati A rischio di povertà, Non a rischio di povertà, In famiglie con intensità non in condizioni non in condizione di deprivazione, disoccupati di deprivazione, di lavoro molto bassa disoccupati (34 milioni)Fonte: EU-SILC (2009). Anno di riferimento del reddito: 2008.Nota: I dati relativi al reddito e alla bassa intensità di lavoro si riferiscono all’anno precedente (2008) ad eccezione di Irlanda (2008-2009) e Regno Unito (2009). I dati relativi alla deprivazione materiale si riferiscono all’anno del sondaggio (2009). 7
  10. 10. Quote di persone a rischio di povertà; in grave deprivazione materiale ma non a rischio di povertà; che vivono in una famiglia con intensità di lavoro molto bassa o nulla ma né a rischio di povertà né in grave deprivazione materiale (2009) 50 In una famiglia con intensità di lavoro nulla o molto bassa, non a rischio di povertà e non in grave deprivazione materiale 40 In grave deprivazione materiale, non a rischio Percentuale della popolazione totale di povertà % of total population A rischio di povertà 30 20 10 0 EU-27 CZ NL SE FI AT SI DK LU FR SK DE BE MT UK CY EE ES IT PT IE EL PL LT HU LV RO BG Fonte: EU-SILC (2009). Anno di riferimento del reddito: 2008, ad eccezione di Irlanda (2008-2009) e Regno Unito (2009). I progressi maturati verso tale obiettivo saranno monitorati sulla base delle prece- denti tendenze di una serie di persone a rischio di povertà o esclusione, sia per tutta la popolazione sia per i principali gruppi a rischio. Percentuale del rischio di povertà Le persone il cui reddito disponibile è inferiore al 60 % del reddito medio nel pro- prio paese sono considerate a rischio di povertà. Si tratta di una misura relativa della povertà, collegata alla distribuzione del reddito e che prende in considerazione tutte le fonti di reddito monetario. Politiche sociali, di occupazione e istruzione a livello nazionale volte a combattere la povertà possono avere un considerevole impatto sui livelli di rischio.8
  11. 11. I livelli di rischio di povertà variano a seconda dei diversi standard di vita in tutta l’UE.La soglia di povertà è dalle quattro alle cinque volte superiore in Austria, nei PaesiBassi e a Cipro rispetto a Romania e Bulgaria.Grave deprivazione materialeQuesto indicatore descrive la situazione di persone che non possono permettersi beniconsiderati essenziali per condurre una vita dignitosa in Europa. Esso riflette sia la distri-buzione di risorse all’interno di un paese sia le differenze negli standard di vita e nelprodotto interno lordo (PIL) pro capite in tutta Europa. In media, l’8 % degli europeisoffre di grave deprivazione materiale, ma in alcuni paesi la percentuale sale al 30 %.Persone che vivono in famigliecon un’intensità di lavoro molto bassaQuesto indicatore descrive la situazione di persone che vivono in famiglie in cuinessuno lavora (o in cui i membri della famiglia lavorano molto poco), ma che nonnecessariamente percepiscono un reddito molto basso. Un posto di lavoro rimanelo strumento migliore contro la povertà e l’esclusione. Il rischio di povertà a cui sonoesposti gli adulti disoccupati in età da lavoro è più di cinque volte superiore rispettoa quello affrontato da coloro che lavorano (il 44 % contro l’8 %), mentre per le personeinattive (esclusi i pensionati) è tre volte superiore a quello degli occupati (il 27 % control’8 %). L’uso di questo indicatore riflette gli sforzi degli Stati membri per affrontarel’esclusione dal mercato del lavoro.Chi è a rischio di povertà ed esclusione?I bambini, gli anziani, le donne single, le famiglie monoparentali, le persone pocoqualificate, disoccupate o inattive in età da lavoro, compresi coloro con disabilità, lepersone che vivono in zone rurali e i migranti sono soggetti al più alto rischio di povertào esclusione. Le minoranze etniche, compresi i rom, non possono essere identificatetramite statistiche UE ufficiali, ma alcune fonti nazionali indicano che anche esse sonoad elevato rischio di esclusione. 9
  12. 12. Rischio di povertà o esclusione dei principali gruppi a rischio e quota di questi gruppi rispetto all’intera popolazione a rischio (UE-27, 2009) Risk of poverty Rischio di povertà o esclusione Share in population Quota rispetto or exclusion for specific population per specifiche fasce at risk of poverty alla popolazione a rischio sub-groups, % di popolazione (%) or exclusion, % di povertà o esclusione (%) Total population Popolazione totale 100 Non-EU migrants Immigrati extra-UE 6 Single male Uomini single 7 Single parent 9 Famiglie monoparentali households Unemployed Disoccupati 10 Single female Donne single 11 Children Bambini 22 Working Occupati 22 Inactive Non attivi (non (not retired, 27 pensionati, non bambini) not children) 0 10 20 30 40 50 60 70 80 Fonte: EU-SILC (2009). Anno di riferimento del reddito: 2008, ad eccezione di Irlanda (2008-2009) e Regno Unito (2009). Nota: Il 63 % dei disoccupati è a rischio di povertà o esclusione e rappresenta il 10,5 % della popolazione a rischio di povertà o esclusione. Migliorare la misurazione della povertà ed esclusione sociale È necessario lavorare ulteriormente sugli indicatori affinché riflettano pienamente la natura multidimensionale della povertà ed esclusione sociale e si possano valutare al meglio il ruolo e l’efficacia delle politiche per combatterle. È necessaria un’accurata misurazione della povertà, dell’esclusione dal mercato del lavoro e dell’impatto dei regimi fiscali e previdenziali.10
  13. 13. Apprendere dalle valutazioni inter pares:utilizzo in Belgio dei bilanci di riferimentoUn recente studio intitolato «Minibilanci: qual è il reddito necessario per viveredignitosamente in Belgio?» ha stabilito un paniere mensile realistico di prodottie servizi al fine di stabilire il bilancio necessario per determinati tipi di famiglie.I ricercatori si sono concentrati su prodotti e servizi considerati essenziali per unavita sana e indipendente. Un aspetto interessante dello studio è che consentivaalle persone che vivono in povertà di dare un feedback sui risultati ottenutiutilizzando una metodologia scientifica.Lo sviluppo di bilanci di riferimento può aiutare a valutare l’adeguatezza dei livelliminimi di reddito e potrebbe sostenere la consulenza sociale e finanziaria. Perpoter essere accurati, i bilanci di riferimento dovrebbero essere determinati sullabase di dati scientifici con input da parte di un’ampia sezione trasversale dellasocietà, comprese le persone in povertà. Tali bilanci possono indicare soglie dipovertà sulla base del reddito e migliorare la comprensione dei livelli di inclu-sione sociale negli Stati membri. 11
  14. 14. Politiche per prevenire e ridurre la povertà Europa 2020 è una strategia integrata, il cui successo dipende dal fatto che tutte le sue azioni si sostengano a vicenda. Questo è particolarmente importante nelle aree relative a occupazione, istruzione e povertà. La crescita economica e l’elaborazione di politiche dell’occupazione e istruzione efficaci svolgono un ruolo fondamentale nel combattere la povertà e l’esclusione sociale. La riduzione della povertà migliorerà le opportunità lavorative e le possibilità dei bambini di andare bene a scuola. Promuovere una crescita inclusiva Nonostante la presenza di sistemi di protezione sociale, la crisi finanziaria ha colpito più duramente le fasce più vulnerabili, aumentando così le disuguaglianze. Malgrado la necessità di rafforzare le finanze pubbliche, in particolare nel contesto di una società che invecchia, i vantaggi della ripresa devono essere condivisi nel modo più ampio possibile. Strategie di inclusione attiva per sostenere le misure occupazionali I paesi con alti tassi di occupazione tendono ad avere livelli inferiori di povertà ed esclusione. Tuttavia, un lavoro non rappresenta sempre una garanzia contro la povertà e gli occupati costituiscono il 24 % di coloro che sono a rischio di povertà ed esclu- sione nell’UE. Nel 2009, l’8,4 % delle persone occupate viveva al di sotto della soglia di povertà. Questo dato non migliora dal 2005. È perciò importante che le politiche occupazionali garantiscano una retribuzione dignitosa a chi ha un impiego, affron- tando i problemi della segmentazione del mercato del lavoro, dei bassi salari e della sottoccupazione e aiutando i giovani, le famiglie monoparentali e il «second earner» del nucleo familiare ad accedere al mercato del lavoro.12
  15. 15. Apprendere dalle valutazioni inter pares: il programma nazionale finlandese per ridurre il problema dei senzatetto a lungo termine A febbraio 2008 il governo finlandese ha adottato un programma volto a dimez- zare a lungo termine il problema dei senzatetto entro il 2011. Garantire alloggi adeguati è considerato un prerequisito per la risoluzione di altri problemi sociali e sanitari. Il programma ha aiutato i senzatetto a ottenere una sistemazione permanente attraverso contratti di affitto e ricoveri convertiti in unità in affitto. Ha fornito consulenza in materia di alloggi, sostegno finanziario per aiutare ad evitare lo sfratto e guida all’utilizzo dei servizi sociali. Sono stati anche elaborati piani di riabilitazione e per l’erogazione di servizi ai senzatetto. La prima valu- tazione del programma ha riscontrato che esso aveva consentito un risparmio di 14 000 euro a persona, oltre il 50 % del costo medio totale dei senzatetto per il governo. Il governo finlandese stima che il raggiungimento dell’obiettivo del programma di creare 1 250 nuovi alloggi, alloggi sovvenzionati o centri di assistenza per i senzatetto a lungo termine potrebbe garantire un risparmio di 17,5 milioni di euro all’anno.Istruzione e competenze come fattorideterminanti dell’inclusione socialeMigliorare i livelli di istruzione e garantire l’accesso all’apprendimento permanentecontribuirà a ridurre la povertà nel medio e lungo termine. Come evidenziato nellafigura sottostante, il livello di rischio di povertà ed esclusione per le persone pocoqualificate è del 10 % superiore rispetto a chi possiede un livello medio di istruzione,e più del 20 % superiore rispetto alle persone altamente qualificate. 13
  16. 16. Persone dai 18 anni in su a rischio di povertà o esclusione per livello di istruzione (%), (UE-27, 2009) % of population 59 anni per (agedintensità di low work intensity) 35 ELEVATO: istruzione terziaria HIGH: Tertiary education MEDIUM: Upper secondaria and MEDIO: istruzione secondary superiore post-secondary non-tertiary education e post-secondaria non universitaria Percentuale della popolazione al di sopra dei 18 anni 30 BASSO: istruzione prescolastica, primaria LOW: Pre-primary, primary and lower secondary education (dai 18 ai aged 18+ bassa 18-59 for lavoro) e secondaria inferiore All (18 yearsanni in su) Tutti (dai 18 and over) 25 20 15 10 5 0 A rischio di povertà A rischio Grave deprivazione Famiglie con intensità At risk of poverty o esclusione sociale At risk povertà di of poverty Severe material materiale Households with di lavoro molto bassa or social exclusion deprivation very low work intensity Fonte: EU-SILC (2009). Protezione sociale adeguata e sostenibile La protezione sociale assicura le persone contro il rischio sociale e contribuisce a ridurre la povertà. Al tempo stesso, è di vitale importanza adeguare i sistemi di protezione sociale in modo che essi incoraggino l’attività e l’inclusione. Questo dovrebbe andare di pari passo con le strategie per la crescita e per nuovi e migliori posti di lavoro. L’elaborazione di regimi fiscali e previdenziali determina il modo e la misura in cui essi influenzano le disuguaglianze di reddito e aiutano i poveri. Importanti elementi sono la progressività di imposte e sussidi e l’individuazione di condizioni collegate ai sussidi, in quanto, se non adeguatamente progettati, essi potrebbero costituire un disincentivo a lavorare. Sono state riscontrate ampie variazioni tra gli Stati membri relativamente al sostegno monetario netto per le famiglie a basso reddito.14
  17. 17. Nell’UE, le spese pensionistiche rappresentano in media il 43 % della spesa lorda persussidi di protezione sociale e, insieme a regimi generali basati sul reddito, la garanziadi un reddito minimo per gli anziani svolge un ruolo essenziale nel ridurre il rischio dipovertà tra i soggetti più anziani. Sono in corso revisioni dei sistemi pensionistici inmolti Stati membri. Le principali tendenze della riforma pensionistica riguardano ilrafforzamento del collegamento tra i contributi e i sussidi, l’aumento dell’età pensio-nistica effettiva e legale, la creazione di meccanismi di adeguamento automatico cheprendano in considerazione l’aspettativa di vita e gli sviluppi del PIL e l’ampliamentodel ruolo dei regimi pensionistici privati.Per quanto riguarda l’assistenza sanitaria, investire nella sensibilizzazione circa i van-taggi della salute e della prevenzione delle malattie fisiche e mentali, nonché garantirel’accesso universale a un’assistenza di qualità, sono elementi di vitale importanza peraumentare l’efficienza. Finanziamenti sostenibili al settore, utilizzo di un’assistenzaefficiente dal punto di vista dei costi, maggiore ricorso a interventi ambulatoriali,integrazione dei servizi ospedalieri e approcci innovativi alle prestazioni assistenzialipotrebbero contribuire a rafforzare il servizio.Politiche di inclusione socialeInterrompere la trasmissione intergenerazionale della povertà e garantire eque pos-sibilità per tutti è di importanza fondamentale. Le azioni in quest’area dovrebberoiniziare dalle famiglie e dai bambini. È necessario rafforzare gli interventi durante laprima infanzia in aree quali l’assistenza sanitaria e l’istruzione. È essenziale garantireun adeguato equilibrio tra il lavoro e la vita privata e promuovere la partecipazionedei genitori al mercato del lavoro. La disponibilità e un’elevata qualità dei servizi perl’infanzia nonché un adeguato sostegno economico alle famiglie, tramite una combi-nazione di sgravi fiscali e sussidi universali mirati e ben progettati, sono uno strumentoessenziale in tal senso.L’inclusione attiva è un elemento chiave per il raggiungimento dell’obiettivo UE di ridu-zione della povertà e per garantire che i vantaggi della crescita e dell’occupazione sianoequamente condivisi. Essa consiste in strategie che combinano un adeguato sostegnodei redditi, accesso al mercato del lavoro, specialmente per coloro che vivono ai marginidella società, e servizi di qualità. Si tratta di strumenti necessari per prevenire l’esclusionea lungo termine e per aumentare l’efficienza della spesa sociale. La copertura delle reti disicurezza sociale dovrebbe essere migliorata garantendo un finanziamento sostenibiledei servizi sociali e si ritiene inoltre necessario aumentare la qualità degli interventi. 15
  18. 18. Strumenti finanziari UE per combattere la povertà Il Fondo sociale europeo (FSE) è il principale strumento finanziario a livello UE per promuovere l’occupazione, l’inclusione sociale e le pari opportunità e per sviluppare le abilità e le competenze. Con un bilancio totale di 76 miliardi di euro per il periodo 2007-2013, il FSE sostiene direttamente le azioni volte al conseguimento degli obiettivi Europa 2020 nei settori dell’istruzione, occupazione e inclusione sociale e offre inoltre un contributo per il raggiungimento degli obiettivi di ricerca e sviluppo. Il programma Progress sostiene progetti che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi UE e a sviluppare conoscenze nei settori della politica occupazionale, inclu- sione sociale, riforme di protezione sociale e pari opportunità, nonché all’attuazione della politica sociale dell’UE. Lo strumento europeo di microfinanza mira a contribuire allo stanziamento di circa 500 milioni di euro in prestiti alle piccole imprese fino al 2020. Il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) mira a ridurre le disparità tra le regioni e a combattere i per- sistenti alti livelli di povertà. Il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) finanzia lo sviluppo di infra- strutture e servizi sociali e di istruzione e, più in generale, miglioramenti alla qualità di vita e gestione dell’attività economica nelle zone rurali. Il programma quadro di ricerca sostiene la ricerca socio-economica europea avan- zata, in particolare tramite lo sviluppo di nuove metodologie, indicatori di progresso e infrastrutture di ricerca.16
  19. 19. Prospettive per il futuro:principali messaggiI seguenti messaggi emergono dalle scoperte della relazione annuale del CPS e sonostati adottati dal Consiglio «Occupazione, politica sociale, salute e consumatori» nell’in-contro del 7 marzo 2011 (1).• Una persona su cinque nell’UE è esposta al rischio di povertà o di esclusione sociale e 40 milioni di persone si trovano in uno stato di grave deprivazione. I capi di Stato o di governo dell’UE si sono impegnati a sottrarre almeno 20 milioni di europei al rischio di povertà e di esclusione sociale entro il 2020. La realizzazione di questa aspirazione richiede obiettivi nazionali ambiziosi nonché le misure necessarie per realizzarli al fine di far sì che la lotta contro la povertà rientri nella strategia complessiva finalizzata alla ripresa economica. Occorre inoltre la mobilitazione di tutti gli attori interessati.• Un rapido ritorno alla crescita e politiche ben concepite in tema di occupazione e istruzione sono essenziali per ridurre la povertà e l’esclusione sociale. Nel con- tempo, gli sforzi volti al risanamento delle finanze pubbliche e alla riforma dei sistemi di protezione sociale dovrebbero mirare ad assicurarne la sostenibilità e l’ade- guatezza. Ciò contribuirà anche a preservarne il ruolo importante di stabilizzatori automatici. Così facendo, gli Stati membri dovrebbero fare in modo di combinare l’efficacia, l’efficienza e l’equità. I gruppi più vulnerabili dovrebbero essere tutelati dal rischio di essere proprio loro a pagare lo scotto delle misure di risanamento.• Nel momento in cui gli Stati membri si adoperano per assicurare la ripresa, occor- rono strategie di inclusione attiva che combinino il sostegno ai redditi, l’accesso al mercato del lavoro e ai servizi socio-sanitari per prevenire l’esclusione di lungo termine e accrescano nel contempo l’efficienza della spesa sociale. Ciò comporta che si agevoli per tutti la partecipazione al mercato del lavoro, in particolare per le donne e i giovani, si correli l’assistenza sociale alle misure di attivazione e all’ac- cesso a servizi abilitanti e si migliori la copertura e l’adeguatezza delle reti di sicurezza sociale ove necessario. È anche essenziale assicurare il finanziamento sostenibile di servizi sociali di elevata qualità. (1) http://www.consilium.europa.eu/uedocs/cms_data/docs/pressdata/it/lsa/120430.pdf 17
  20. 20. • 25 milioni di bambini sono esposti al rischio di povertà o di esclusione nell’UE. Per spezzare la trasmissione intergenerazionale della povertà, gli Stati membri devono dare la priorità a interventi precoci a sostegno dell’infanzia in ambiti quali la salute e l’istruzione, aumentare la disponibilità di servizi di custodia dei bambini quali- tativamente validi e servizi abilitanti, promuovere la partecipazione dei genitori al mercato del lavoro e garantire un opportuno sostegno dei redditi alle famiglie con bambini mediante una combinazione di adeguate prestazioni universali e mirate. • Le politiche volte ad affrontare le forme più gravi e persistenti di povertà ed esclusione sociale richiedono una combinazione di strategie universali e mirate. Si dovrebbe riservare un’attenzione specifica alla prevenzione e alla lotta contro la condizione di senza casa e l’esclusione abitativa, affrontare il problema della precarietà energetica e dell’esclusione finanziaria. La promozione dell’inclusione sociale e la lotta contro la discriminazione dei gruppi a rischio deve essere l’ele- mento centrale delle politiche sociali. • Massimizzare gli anni di occupazione e minimizzare gli effetti delle interruzioni delle carriere è essenziale per assicurare la futura adeguatezza delle pensioni e la sostenibilità finanziaria di lungo termine dei sistemi pensionistici. Ciò richiede che si innalzino i tassi di occupazione e la copertura pensionistica, in particolare dei giovani e delle donne, accreditando ad esempio le interruzioni volontarie di car- riera e aumentando l’età effettiva di pensionamento, compresi la restrizione dei prepensionamenti e il miglioramento delle condizioni e degli incentivi per indurre i lavoratori anziani a rimanere più a lungo nel mondo del lavoro, oltre a trovare soluzioni per adattare i diritti pensionistici all’evoluzione della speranza di vita. • Il fatto di assicurare un accesso universale a un’assistenza di qualità per tutti richie- derà sforzi rinnovati per mantenere l’efficienza del settore sanitario. Alla luce delle misure di austerità e dell’invecchiamento demografico, occorrerà accrescere l’effi- cacia, la sostenibilità e la reattività dell’assistenza sanitaria e dell’assistenza di lungo periodo anche mediante sistemi innovativi e coordinati di prestazione di assistenza sanitaria e sociale, come, ad esempio, percorsi integrati per il trattamento delle malattie croniche. L’investimento nella promozione della salute e nella preven- zione delle malattie (comprese quelle mentali) può avere importanti ricadute in termini sia sociali sia economici.18
  21. 21. • Il successo della strategia Europa 2020 è legato ad un approccio integrato e coe- rente tra tutti i pertinenti ambiti politici, in particolare quelli delle politiche sociali, occupazionali ed economiche, nonché ad una stretta cooperazione tra tutti i livelli di governo, le parti sociali e la società civile. Creare una correlazione tra i finanzia- menti dell’UE e le priorità di Europa 2020 e dare sostegno all’innovazione sociale sono iniziative utili per accrescere l’efficacia.• La Commissione e gli Stati membri dovrebbero contemplare la necessità di raf- forzare la loro capacità di valutare gli impatti sociali delle loro principali politiche e delle loro decisioni di spesa nel contesto delle valutazioni d’impatto generali, in linea con l’articolo 9 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea e nel con- testo della piattaforma europea contro la povertà e l’esclusione sociale. È anche essenziale migliorare la tempestività delle statistiche sociali e accrescere la capa- cità analitica.• Il CPS fornirà il suo input sul modo migliore per assicurare la coerenza tra gli obiet- tivi e i metodi operativi del MAC sociale e il nuovo contesto della strategia Europa 2020 e della sua governance, sulla base dell’esperienza maturata nel primo semestre europeo di Europa 2020 (2). (2) I semestri europei si terranno annualmente a partire dal 2011 e sono periodi di sei mesi durante i quali si rivedono le politiche di bilancio e strutturali degli Stati membri al fine di individuare incoerenze e squilibri. 19
  22. 22. Approfondimenti Comitato per la protezione sociale: http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=758 Strategia Europa 2020: http://ec.europa.eu/europe2020/index_it.htm Protezione sociale e integrazione sociale: http://ec.europa.eu/social/main.jsp?langId=it&catId=750 Piattaforma europea contro la povertà e l’emarginazione: http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=961&langId=it Anno europeo della lotta alla povertà e all’esclusione sociale: http://www.2010againstpoverty.eu/?langid=it Fondo sociale europeo: http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=325&langId=it20
  23. 23. Commissione europeaLa dimensione sociale della strategia Europa 2020Relazione del comitato per la protezione sociale (2011)SintesiLussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dell’Unione europea2011 — 20 pagg. — 14,8 × 21 cmISBN 978-92-79-20384-8doi:10.2767/37281 Il comitato per la protezione sociale, un forum politico al quale partecipano gli Stati membri e la Commissione europea, ha pubblicato la sua relazione annuale 2011 sulla dimensione sociale della strategia Europa 2020. La presente pubblicazione offre una sintesi della relazione presentando il lavoro del comitato per la protezione sociale, descrivendo gli obiettivi riguardanti la povertà e l’esclusione sociale nell’UE e analizzando la situazione attuale e le tendenze future in questo campo. Esso esamina inoltre le politiche di riduzione e prevenzione della povertà e riporta i messaggi più importanti adottati dal comitato per la protezione sociale. Sono altresì specificati i programmi nazionali e gli strumenti offerti dall’Unione europea per combattere la povertà e l’esclusione sociale. Questa pubblicazione è disponibile in formato cartaceo in tutte le lingue ufficiali dell’Unione europea. Come ottenere le pubblicazioni dell’Unione europea Pubblicazioni gratuite: • tramite EU Bookshop (http://bookshop.europa.eu); • presso le rappresentanze o le delegazioni dell’Unione europea. Per ottenere indicazioni e prendere contatto collegarsi a http://ec.europa.eu o inviare un fax al numero +352 2929-42758. Pubblicazioni a pagamento: • tramite EU Bookshop (http://bookshop.europa.eu). Abbonamenti a pagamento (ad esempio serie annuali della Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, raccolte della giurisprudenza della Corte di giustizia): • tramite gli uffici vendita dell’Ufficio delle pubblicazioni dell’Unione europea (http://publications.europa.eu/others/agents/index_it.htm).
  24. 24. KE-BB-11-001-IT-CSiete interessati alle pubblicazioni della direzione generale per l’Occupazione, gli affari sociali e l’inclusione? Potete scaricarle o abbonarvi gratuitamente sul sito: http://ec.europa.eu/social/publications Potete inoltre abbonarvi gratuitamente alla Social Europe e-newsletter della Commissione europea sul sito http://ec.europa.eu/social/e-newsletter http://ec.europa.eu/social www.facebook.com/socialeurope ISBN 978-92-79-20384-8

×