Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Intelligenza emotiva

7,152 views

Published on

  • DOWNLOAD THIS BOOKS INTO AVAILABLE FORMAT (2019 Update) ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... Download Full PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download Full doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download PDF EBOOK here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download EPUB Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... Download doc Ebook here { https://soo.gd/irt2 } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ................................................................................................................................... eBook is an electronic version of a traditional print book THIS can be read by using a personal computer or by using an eBook reader. (An eBook reader can be a software application for use on a computer such as Microsoft's free Reader application, or a book-sized computer THIS is used solely as a reading device such as Nuvomedia's Rocket eBook.) Users can purchase an eBook on diskette or CD, but the most popular method of getting an eBook is to purchase a downloadable file of the eBook (or other reading material) from a Web site (such as Barnes and Noble) to be read from the user's computer or reading device. Generally, an eBook can be downloaded in five minutes or less ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks .............................................................................................................................. Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .....BEST SELLER FOR EBOOK RECOMMEND............................................................. ......................................................................................................................... Blowout: Corrupted Democracy, Rogue State Russia, and the Richest, Most Destructive Industry on Earth,-- The Ride of a Lifetime: Lessons Learned from 15 Years as CEO of the Walt Disney Company,-- Call Sign Chaos: Learning to Lead,-- StrengthsFinder 2.0,-- Stillness Is the Key,-- She Said: Breaking the Sexual Harassment Story THIS Helped Ignite a Movement,-- Atomic Habits: An Easy & Proven Way to Build Good Habits & Break Bad Ones,-- Everything Is Figureoutable,-- What It Takes: Lessons in the Pursuit of Excellence,-- Rich Dad Poor Dad: What the Rich Teach Their Kids About Money THIS the Poor and Middle Class Do Not!,-- The Total Money Makeover: Classic Edition: A Proven Plan for Financial Fitness,-- Shut Up and Listen!: Hard Business Truths THIS Will Help You Succeed, ......................................................................................................................... .........................................................................................................................
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Dating for everyone is here: ♥♥♥ http://bit.ly/2F90ZZC ♥♥♥
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Sex in your area is here: ❤❤❤ http://bit.ly/2F90ZZC ❤❤❤
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

Intelligenza emotiva

  1. 1. Intelligenza Emotiva Veronica Verlicchi Digital Media Strategis www.veronicaverlicchi.it
  2. 2. Che cos’è?• è la capacità che di percepire, identificare e riconoscere i sentimenti propri ed altrui in maniera precisa nel momento stesso in cui sorgono• È anche la capacità di auto-motivarsi e gestire le proprie emozioni in modo costruttivo.
  3. 3. E’ indispensabile:• Per poter conoscere a fondo i sentimenti degli altri è necessario innanzitutto conoscere i propri.
  4. 4. Le 3 sotto competenze:• Lauto-conoscenza è la consapevolezza delle nostre emozioni.• Questa auto-conoscenza comprende anche la corretta “lettura” del linguaggio del corpo
  5. 5. • Lauto-regolazione, cioè la capacità di gestire efficacemente le proprie emozioni.
  6. 6. • Lauto-motivazione, che è la capacità di rimanere motivati nonostante le inevitabili difficoltà, crisi e frustrazioni che comporta il raggiungimento di un obiettivo importante per noi o la nostra esperienza di vita in generale.
  7. 7. Esprimere le proprie emozioni• Una madre che insegna al bambino a non mostrare la sua delusione per un regalo non gradito della nonna, ma a sorridere e ringraziare. In questo caso sta insegnando a suo figlio la sostituzione di un sentimento con un altro. Ma il modo in cui gli insegna questa norma di espressione, influirà sulla maniera in cui il bambino imparerà e metterà in pratica la regola.
  8. 8. • Altra norma è quella di minimizzare lespressione dellemozione: per esempio quando si rimprovera il bambino di fronte ad altre persone e questultimo comincia a piangere in modo irrefrenabile, gli chiediamo di calmarsi e di non piangere.
  9. 9. • L esagerazione consiste invece nell amplificare lemozione che si sta sentendo, come per esempio quando i genitori invitano un bambino timido a sorridere di più per apparire più socievole e amichevole nei confronti degli altri.
  10. 10. • Seguire correttamente queste regole significa migliorare le relazioni con gli altri, farlo male significa invece fomentare il caos emozionale.
  11. 11. Il conflitto• E’ normale che anche persone molto simili, che vanno spesso d’accordo, prima o poi vivano situazioni in cui le loro intenzioni, desideri, esigenze o opinioni non collimano.• Si parla di conflitto per indicare una divergenza nella quale ciascuno degli attori vuole imporre il proprio punto di vista senza fare concessioni allaltro.
  12. 12. corretti per gestire il conflitto• Cancellazione . Quando non si menziona affatto che esista un problema.• Distorsione . Non ritenersi responsabili del problema, perché lo si attribuisce a cause esterne.• Generalizzazione . Dire allinterlocutore frasi del tipo “Sei SEMPRE il solito…” “Tu non vieni MAI” ecc… generalizzando comportamenti che magari laltro non sempre manifesta.
  13. 13. • Distrazione . Iniziare una accessa discussione, ubriacarsi, guardare troppa TV, fuggire ecc… sono tutti esempi di questa strategia.• Finzione . Fingere sentimenti che non si provano per evitare di avvertire quelli che si sentono veramente (la rabbia ad es. è un emozione che spesso sostituisce il dolore).• Negazione . Non sentire nulla e non sapere nulla a proposito di ciò che comunica linterlocutore. Atteggiamento spesso accompagnato dallalcool.
  14. 14. • Distanziamento . Prendere le distanze dal problema, essere mentalmente “altrove• Acting out . Lacting out consiste nel rompere oggetti, percuotere qualcuno, correre via o addirittura compiere azioni per le quali ci possono essere sanzioni penali.
  15. 15. Come risolvere un conflitto• Affrontare e gestire efficacemente un conflitto implica grandi capacità dascolto , apertura , flessibilità , creatività e maturità emotiva
  16. 16. Atteggiamenti positivi per risolvere il conflitto• Distaccarsi emotivamente dalla spirale negativa di attacchi e contro-attacchi di cui un conflitto e spesso costituito . Per raggiungere questo obiettivo, si può ricorrere ad un piccolo “trucco”: semplicemente, respirare molto lentamente e profondamente. Cercare di vedere la scena del conflitto da lontano, come se fossimo in cima ad una montagna o su di un balcone. Questo ci permette di non rimanere “intrappolati” nel circolo vizioso comunicativo che spesso i conflitti comportano.
  17. 17. • Rimanere focalizzati sui nostri veri obiettivi nel breve e lungo periodo . Spesso nei conflitti si perde di mira il problema vero, e si divaga in una spirale senza fine di recriminazioni reciproche particolarmente distruttive. E bene invece rimanere focalizzati sul problema che causa il conflitto e lavorare insieme alla sua soluzione
  18. 18. • Immaginare il proprio interlocutore coinvolto nel conflitto come un potenziale alleato. In questi casi è inutile visualizzare una situazione del genere: noi ed il nostro collega ci troviamo su di unisola deserta e dobbiamo cooperare per continuare a sopravvivere.
  19. 19. • Ascoltare il nostro interlocutore e sottolineare tutto ciò con cui siamo daccordo. Questo permette di individuare delle aree di comune interesse tra noi ed il nostro interlocutore e contribuisce a migliorare la qualità della conversazione, oltre che facilitare la risoluzione del conflitto.
  20. 20. • Riconoscere i propri errori e scusarsene. Ciò stimolerà laltro a fare altrettanto. Evitare di difendere errori passati, potrà permettere alle parti coinvolte di vedere la loro situazione da nuovi punti di vista.
  21. 21. • Riassumere i pensieri, sentimenti e punti di vista dellinterlocutore, prima di esprimere i nostri. Questo permette allaltro di sentirsi ascoltato per davvero, ed aumenta di molto la probabilità che anche noi siamo ascoltati.
  22. 22. • Concentrarsi su obiettivi positivi per il presente ed il futuro, invece di colpevolizzare laltro per errori passati. Una corretta gestione del conflitto mira a creare migliori condizioni per il presente ed il futuro, non a rimproverare, rimpiangere o lamentarsi per ciò che è passato.
  23. 23. • Formulare delle richieste specifiche , invece che criticare linterlocutore o affibbiargli etichette negative del tipo “Sei un irresponsabile”, “Sei un disonesto ” ecc… Suggerire esattamente allaltro che azioni concrete vogliamo che intraprenda, invece che criticarlo negativamente.
  24. 24. Cooperare e non competere• concepiamo il conflitto come un “sfida” tra due contendenti, che porta alla vittoria delluno e alla sconfitta dellaltro.
  25. 25. Visione a tunnel:• ci si concentra solo sul proprio punto di vista e si è assolutamente incapaci di vedere le cose dal punto di vista altrui.
  26. 26. Cooperiamo!• La cooperazione è il motore dello sviluppo, è ciò che rende possibile che lesigenze di tutti vengano tenute in considerazione e vengano soddisfatte.
  27. 27. • Ogni volta che entriamo in disaccordo con gli altri non chiediamoci: chi ha ragione? ma: come possiamo trovare una soluzione che possa soddisfare entrambi?• quale soluzione risulta vincente per entrambi?
  28. 28. Thomas Gordon• Il vero problema, secondo Gordon, non è tanto lesistenza dei conflitti in sé, quanto il numero di conflitti non risolti ed i metodi impiegati per risolverli.• I conflitti rappresentano infatti una componente del tutto normale o “fisiologica” di tutte le relazioni, anche delle migliori.• I problemi sorgono solo quando le persone coinvolte nel conflitto non hanno gli strumenti adeguati per far fronte ad una situazione conflittuale.
  29. 29. • diffusa aspettativa irrealistica relativa alle relazioni interpersonali : che un rapporto, per essere positivo, non debba contenere traccia di conflitti. Secondo questa concezione lassenza di conflitti sarebbe una “prova” che una relazione (professionale o personale) sta funzionando.
  30. 30. • il successo di una relazione non deriva dallassenza di conflitti, ma dalluso di modalità efficaci per la loro• Tutto dipende dalle strategie usate per la loro gestione: se si usano strategie costruttive e si coopera per arrivare ad una soluzione condivisa da entrambi o per lo meno soddisfacente, allora il conflitto sarà stato positivo.
  31. 31. Joan Galtung• ogni conflitto presenta tre componenti, che vanno a costituire il cosiddetto “ABC del conflitto” , e cioè:• Attitudes (A), cioè atteggiamenti;• Behaviors (B), cioè comportamenti;• Contradictions (C), cioè contrasti di interessi
  32. 32. • Naturalmente, non è sempre detto che A determini B e B sua volta influenzi C, come se si trattasse di una sequenza fissa.• Può ben succedere che il problema nasca da C (contrasto di interessi), che alimenta A (atteggiamenti di ostilità) ed infine B (violenza). Oppure che parta da B (atto di violenza), che ingenera un contrasto (C), che a sua volta si ripercuote su A, alimentando atteggiamenti di ostilità.
  33. 33. Il metodo “Trascendent”• Ovvero la trasformazione creativa dei conflitti• • L empatia , per ciò che riguarda A (attitudes)• • la non-violenza , per quanto riguarda B (behaviors)• • la creatività , per ciò che riguarda C (contradiction)
  34. 34. Gestire efficacemente i conflitti• ascolto attivo, che si utilizzare per permettere allaltro di esprimere il suo disagio e pertanto favorire lattivazione di risorse adeguate per superarlo.
  35. 35. • Ciò permetterà ad entrambi gli interlocutori di sentirsi veramente considerati e compresi.
  36. 36. Come si attua l’ascolto attivo?• Passo #1: ascolto passivo , momento iniziale di uninterazione durante il quale si ascolta laltro in silenzio e senza interromperlo, permettendogli di esprimersi;• Passo # 2: messaggi di accoglimento , si inviano allaltro messaggi sia verbali ( “ti ascolto, sto cercando di capire…” ) sia non verbali (cenni del capo, protendersi verso linterlocutore, ecc…) che comunicano un atteggiamento di ascolto;
  37. 37. • Passo #3: inviti calorosi , si inviano allaltro messaggi verbali come “Dimmi, spiegami meglio…” per fargli approfondire quanto dice, senza valutarlo o giudicarlo;• Passo #4: lascolto attivo propriamente detto : lascoltatore “riflette” il contenuto espresso dallaltro restituendoglielo con parole proprie, per verificare che abbia ben compreso. Il messaggio implicito di chi pratica questa tecnica e`: “ti considero, ti comprendo e ti accetto come persona, al centro ci sei tu, io sono qui per ascoltarti…”.
  38. 38. Esempi di ascolto attivo:• -“Vediamo se ho ben capito…”• -“Quindi mi stai dicendo che…”• -“Secondo te, allora…”• -“Dal tuo punto di vista quindi…”
  39. 39. Conflitto=Opportunità• Questa tecnica ha il merito di permettere a chi esprime un messaggio di sentirsi compreso e non giudicato.• Rappresenta pertanto lantidoto perfetto alla nascita e allo sviluppo di conflitti distruttivi.
  40. 40. • In un conflitto salutare le nostre idee vengono messe alla prova in modo che possano essere individuati nuovi modi di essere e di agire.• Un conflitto sano ci permette di renderci conto di quali ripercussioni il nostro comportamento sta avendo sugli altri in modo che tutti possiamo collaborare meglio e creare tra di noi un vero spirito di squadra.
  41. 41. I conflitti possono ancheessere molto distruttivi…• Come facciamo a stabilire la differenza?• Quali fattori contraddistinguono un conflitto che ci aiuta a crescere insieme da uno che impoverisce e persino minaccia le relazioni?
  42. 42. 5 strategie:• Non attaccare la persona ma il problema
  43. 43. • Non cercare di vincere facendo perdere laltro, ma vincere insieme a lui/lei
  44. 44. • Non cercare di dominare, intimidire o manipolare, ma discutere in modo diretto, onesto ed assertivo.
  45. 45. • Non cercare nascostamente di bloccare il processo di risoluzione dei problemi, ma farli affiorare in modo che siano risolti in modo collaborativo.
  46. 46. • Non concetriamoci solo sulle nostre necessità senza tenere in considerazione quelle degli altri. Cerchiamo piuttosto di vedere il mondo con gli occhi dellaltro, ascoltandolo attivamente. (vedi visione tunnel)
  47. 47. “Visioni di saggezza” Dalai Lama• “Non giudicare le azioni di qualcuno, senza conoscere le sue vere motivazioni”.• “A volte non si è in grado di riconoscere la propria aggressività perché si è troppo occupati ad avere ragione”.• “Evidenzia le qualità positive quando parli di qualcuno”.• “E molto importante il modo in cui si comunica, non sempre le parole sono il giusto mezzo”.• “Non lasciare che un problema diventi il punto centrale della tua vita”.
  48. 48. • “Nella tua mente cè abbastanza spazio per trovare nuove soluzioni”.• “I conflitti più pericolosi sono quelli che avvengono dentro di te”.• “Smettila di trovare mille scuse per le tue cattive abitudini”.• “I blocchi interiori rendono aggressivi e creano difficoltà. Fermati, guarda dentro di te e troverai la risposta.”
  49. 49. • “Identificati con la soluzione, non con il problema”.• “ Cerca di avere costantemente una buona relazione con gli altri. Evidenzia sempre le loro qualità”.• “Se sorge un problema affrontalo senza paura, accettalo e senza esitare lo supererai”.• “Osserva la tua mente quando sei da solo e le tue parole quando sei con gli altri”.

×