I.M.S. “MAFFEO VEGIO”
26900 LODI
Via Carducci, 3 -  0371/420361 -  0371/421745
http://www.bdp.it./˜mipm0001/welcome.htm ...
•

Proseguimento dell’attività interdisciplinare di riflessione, ricerca e
sperimentazione sul territorio già sviluppata l...
La metodologia operativa verrà affrontata attraverso:
- lezioni effettuate dai docenti delle singole
discipline, in costan...
- ricerca di documentazione relativa ai vari
percorsi didattici sopraindicati;
- compresenza tra docenti, e in particolare...
M a p p a d e lle p r in c ip a li a r e e v e r d i d i L o d i
P ia n t a d e lla c it t à
F a u s t in a
g ru p p o 2

...
Il lodigiano percorso
dell’Adda
L’Adda è forse il più lombardo dei
fiumi: passa per il centro della Regione,
si getta nel Po nel punto in cui la pianura
p...
Il lodigiano
Pulignano
Visita dell’area naturalistica e della Cascina Coscia Tovaiera

Il Parco del Pulignano è situato nel quadrante o...
P e r c o r s i c ic lo c u lt u r a li d e l
L o d ig ia n o
A re a d e l
P u lig n a n o

A r e a B e lg ia r d in o e
N...
Il Parco del Pulignano è residuo della attività di modificazione
delle aree golenali e fluviali, protetta
da VINCOLO
AMBIE...
Mulino Sandone
•Di fronte alla casa del mulino,
un bosco di pioppi, “POPULUS
ALBA” originari dell’Asia ,
dell’Africa sette...
PULIGNANO
CASCINA
GISSARA
Filari di platani
Il territorio è a ferro
di cavallo. La zona
superiore ha un
terreno
sabbioso,
...
A sinistra: la strada sterrata che porta alla cascina Gissara
A destra: Paolo fa un prelievo di acqua dalla roggia per le ...
Pulignano
•una tana di nutria
(sopra)
Lungo il pendio della
capezzagna, una nutria
decapitata, in una prima
fase di decomp...
Una lucertola e una
farfalla (Vanessa), sul
muro della cascina
Gissara, si riscaldano al
sole.
“Vanessa Io”
(lepidottero)
...
Pulignano: sullo sfondo il quartiere Fanfani
primo piano di due puledri al pascolo
In questa
immagine si
possono
notare le
diverse
fasce che
compongon
o la
campagna
lodigiana,
passando
per i
casolari fino
...
Dalla semplicità
dell’architettur
a rurale con le
sue forme ben
disegnate
emerge la
particolarità di
un camino che
si sta ...
L’immagine
dell’albero che
con la sua
voglia di
crescere
sembra aver
distrutto con
grande forza le
ormai deboli
tegole del...
Mulino
della cascina Sandone
Struttura produttiva molto
importante nei tempi passati
la forza motrice delle
macchine era l...
Mulino
della cascina Sandone
Palazzina padronale annessa.
Cascina Gissara
Questa struttura è stata utilizzata dagli abitanti della zona
come rifugio durante la seconda guerra mondi...
DEPRESSIONE NATURALISTICA DEL PULIGNANO
Questa era una piana alluvionale nel periodo in cui vi erano boschi, zone palustri...
DEPRESSIONE NATURALISTICA DEL PULIGNANO
Luogo silenzioso dal quale si può osservare l’estrema periferia della città Quest’...
DEPRESSIONE NATURALISTICA DEL PULIGNANO
Il Pulignano può essere definito come il paesaggio tipico del parco lodigiano, dov...
La cascina lodigiana era il tipico insediamento agricolo della Pianura Padana definito a
più corti, sorgeva isolata tra i ...
DEPRESSIONE NATURALISTICA DEL PULIGNANO
La rete idrografica è rappresentata da scoline e rogge, da rami secondari che serv...
DEPRESSIONE NATURALISTICA DEL PULIGNANO
La zona del lago Gerundo è un bacino nato in seguito all’opera di scavo dell’Adda.
Cascina Tovaiera – Coscia: la sua struttura ha subito delle modifiche sostanziali, per
adeguarsi alle esigenze delle moder...
La classe e il proprietario Coscia
IL TORO
È isolato dal resto
della mandria
SALA
MUNGITURA
Nell’aspetto rustico di quest’immagine sembra di intravedere quella dura vita a cui
sono costretti i contadini.
I proprietari “Coscia”
Invitano gli alunni e insegnanti all’assaggio
del latte “appena munto”
Una bottiglia da un litro vi...
BELGIARDINO
Co2 lodi - pulignano
Co2 lodi - pulignano
Co2 lodi - pulignano
Co2 lodi - pulignano
Co2 lodi - pulignano
Co2 lodi - pulignano
Co2 lodi - pulignano
Co2 lodi - pulignano
Co2 lodi - pulignano
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Co2 lodi - pulignano

394 views

Published on

Progetto Chini, Pulignano; archivio Chini

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
394
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • DEPRESSIONE DEL PULIGNANO
    Le acque sono discretamente pure (c’è un fontanile). Il pH , determinato con la cartina al tornasole, risulta debolmente acido.
    Vi sono: salici, tipici di zone umide, canne palustri ippocastani, pioppi e della vegetazione spontanea.
  • Co2 lodi - pulignano

    1. 1. I.M.S. “MAFFEO VEGIO” 26900 LODI Via Carducci, 3 -  0371/420361 -  0371/421745 http://www.bdp.it./˜mipm0001/welcome.htm -  mvegio@tin.it
    2. 2. • Proseguimento dell’attività interdisciplinare di riflessione, ricerca e sperimentazione sul territorio già sviluppata lo scorso anno, articolata nei seguenti percorsi fondamentali. • .Territorio e ambiente. • .Territorio, cultura, arte, mestieri e tradizioni. • .Territorio e paesaggi umani. Vengono perseguite le finalità espresse nel piano di lavoro 98-99 con l’obiettivo di rendere la classe protagonista della creazione o riscoperta di itinerari cicloturistici ambientali. L’attività “ciclo-osservatorio a due ruote” viene promossa dal CREA (Centro di Riferimento Educazione Ambientale) del Lodigiano e trasmessa dal Provveditorato agli Studi di Lodi (Circ. n. 216 – Prot. n. 5671)
    3. 3. La metodologia operativa verrà affrontata attraverso: - lezioni effettuate dai docenti delle singole discipline, in costante raccordo nei diversi ambiti culturali e linguistici; Per da ogni tema affrontare si seguirà il seguente percorso: - osservazione diretta del luogo (naturalistico, artistico, storico) e percezione sensitiva; - valenza storica ( cultura, arte, mestieri e tradizioni); - analisi e distinzione del territorio osservato.
    4. 4. - ricerca di documentazione relativa ai vari percorsi didattici sopraindicati; - compresenza tra docenti, e in particolare con il docente dei linguaggi; - ricerca di iconografia in ambito artistico, storico e di informazione in ambito tecnico e scientifico; - ricerche sul territorio; - uscite didattiche sul territorio; - metodiche di laboratorio; - esperienza di laboratori creativi: scelta dei testi, animazione musicale, - costruzione di oggetti, drammatizzazione………
    5. 5. M a p p a d e lle p r in c ip a li a r e e v e r d i d i L o d i P ia n t a d e lla c it t à F a u s t in a g ru p p o 2 V ia le 4 N o v e m b r e g ru p p o 1 V illa B r a ila g ru p p o 3 I s o la C a r o lin a g ru p p o 4 P a rc h e tto S . F ra n c e s c o g ru p p o 6 P a rc h e tto v ic in o p o s t e c e n t r a li g ru p p o 5
    6. 6. Il lodigiano percorso dell’Adda
    7. 7. L’Adda è forse il più lombardo dei fiumi: passa per il centro della Regione, si getta nel Po nel punto in cui la pianura padana è più ricca e fertile. Il corso del Fiume nell’alta Valtellina è lungo e diritto, mentre – passato il lago di Como – il corso del fiume torna ad essere più naturale; poi sbuca nella pianura, dove comincia a divagare come fanno i fiumi una volta entrati in zone pianeggianti. Qui sorgono i due Parchi dell’Adda Nord e dell’Adda Sud, due zone ben distinte, sia territorialmente che come popolamenti vegetali e animali. L’Adda Sud ha un ricchissimo patrimonio di ville e “castelli” che ricordano momenti della storia in cui l’agricoltura era la vera dominatrice dell’economia lombarda. Il territorio protetto comprende, oltre a boschi rivieraschi, anche zone palustri costituite da “ lanche e morte “che il fiume ha formato nel tempo cambiando percorso.
    8. 8. Il lodigiano
    9. 9. Pulignano Visita dell’area naturalistica e della Cascina Coscia Tovaiera Il Parco del Pulignano è situato nel quadrante occidentale del territorio comunale di Lodi, in posizione di margine rispetto ai tessuti edificati della città.
    10. 10. P e r c o r s i c ic lo c u lt u r a li d e l L o d ig ia n o A re a d e l P u lig n a n o A r e a B e lg ia r d in o e N u o v o P o n te A d d a A re a " L a M o r t a d i S o lt a r ic o "
    11. 11. Il Parco del Pulignano è residuo della attività di modificazione delle aree golenali e fluviali, protetta da VINCOLO AMBIENTALE, costituente un pregiato morfotipo. E’ un’area naturalistica e faunistica, con presenza di marcite e campi a foraggere. E’ situato nel quadrante occidentale del territorio comunale di Lodi, in posizione di margine rispetto ai tessuti edificati della città.
    12. 12. Mulino Sandone •Di fronte alla casa del mulino, un bosco di pioppi, “POPULUS ALBA” originari dell’Asia , dell’Africa settentrionale e dell’Italia, riconoscibili per la corteccia e le foglie a terra. Il pioppeto sicuramente non è spontaneo, la successione degli alberi, infatti, è regolare, hanno tutti la stessa età, riconoscibile dal diametro del tronco. Questo pioppeto è stato piantato dall’uomo almeno 10-12 anni fa. Oggi, infatti, nella nostra regione l’uomo pianta pioppi non solo per ripristinare l’ecosistema, ma anche per ricavare dopo 15-20 anni, legna, carta, legname e utensili vari.
    13. 13. PULIGNANO CASCINA GISSARA Filari di platani Il territorio è a ferro di cavallo. La zona superiore ha un terreno sabbioso, limoso di origine glaciale. Ha una discreta permeabilità. La zona inferiore e’ argillosa. Vi sono marcite e graminacee. Il prato è umido.
    14. 14. A sinistra: la strada sterrata che porta alla cascina Gissara A destra: Paolo fa un prelievo di acqua dalla roggia per le analisi di laboratorio . Le acque sono discretamente pure. Il pH , determinato con la cartina al tornasole, risulta debolmente acido. Vi sono: salici, tipici di zone umide, canne palustri ippocastani, pioppi e della vegetazione spontanea.
    15. 15. Pulignano •una tana di nutria (sopra) Lungo il pendio della capezzagna, una nutria decapitata, in una prima fase di decomposizione, “Myocastor coypus”, il suo aspetto è quello di un grosso topo, in realtà, è un castorino, roditore che vive lungo le sponde dei fiumi e rogge o nelle paludi.
    16. 16. Una lucertola e una farfalla (Vanessa), sul muro della cascina Gissara, si riscaldano al sole. “Vanessa Io” (lepidottero) appartenente alla famiglia delle ninfalidi, superfamiglia dei papilionoidei Con ali rosso ruggine bordate di grigio-bronzo e 4 vistosissimi ocelli simili a quelli del pavone;
    17. 17. Pulignano: sullo sfondo il quartiere Fanfani primo piano di due puledri al pascolo
    18. 18. In questa immagine si possono notare le diverse fasce che compongon o la campagna lodigiana, passando per i casolari fino ad arrivare al paesaggio di confine : le montagne.
    19. 19. Dalla semplicità dell’architettur a rurale con le sue forme ben disegnate emerge la particolarità di un camino che si sta perdendo sempre di più nel nostro tempo .
    20. 20. L’immagine dell’albero che con la sua voglia di crescere sembra aver distrutto con grande forza le ormai deboli tegole della cascina che l’uomo ha costruito sulla sua vita e poi ha abbandonato.
    21. 21. Mulino della cascina Sandone Struttura produttiva molto importante nei tempi passati la forza motrice delle macchine era legata all’acqua. Questo impianto risulta essere uno dei mulini più antichi del territorio lodigiano
    22. 22. Mulino della cascina Sandone Palazzina padronale annessa.
    23. 23. Cascina Gissara Questa struttura è stata utilizzata dagli abitanti della zona come rifugio durante la seconda guerra mondiale. Appare trascurata e maltenuta (il tetto è fortemente deteriorato e invaso dalle erbacce
    24. 24. DEPRESSIONE NATURALISTICA DEL PULIGNANO Questa era una piana alluvionale nel periodo in cui vi erano boschi, zone palustri, lanche morte dell’Adda. Vi sono: salici, tipici di zone umide, canne palustri ippocastani, pioppi e della vegetazione spontanea.
    25. 25. DEPRESSIONE NATURALISTICA DEL PULIGNANO Luogo silenzioso dal quale si può osservare l’estrema periferia della città Quest’area andrebbe recuperata organizzando spazi per la sosta, per la riflessione e per il tempo libero, attrezzandola adeguatamente.
    26. 26. DEPRESSIONE NATURALISTICA DEL PULIGNANO Il Pulignano può essere definito come il paesaggio tipico del parco lodigiano, dove prati incolti si alternano a zone coltivate e dove cascine isolate spuntano tra zone verdeggianti. Sembra quasi di respirare un’altra aria, pura, ma man mano che lo sguardo si sposta all’orizzonte si vedono palazzi, edifici e case l’una diversa dall’altra nel colore, dal giallo al rosso, dal rosa al marrone. La nostra proposta è la piantumazione di alberi ad alto fusto, che armonizzino più correttamente il paesaggio naturale con quello antropico. Questa nostra idea prende spunto dalla tradizione urbanistica di usare il verde come quinta correttiva rispetto alle imperfezioni strutturali che la città può offrire.
    27. 27. La cascina lodigiana era il tipico insediamento agricolo della Pianura Padana definito a più corti, sorgeva isolata tra i campi.Era costituita da un’aia, dalla casa padronale, dalle abitazioni dei contadini, dalla stalla e dal fienile. Le case coloniche presentavano inoltre un pollaio, un magazzino e una scuderia per i cavalli da tiro.
    28. 28. DEPRESSIONE NATURALISTICA DEL PULIGNANO La rete idrografica è rappresentata da scoline e rogge, da rami secondari che servono per l’acqua in superficie. L’uomo ha sfruttato la pendenza per i conchi (circondavano in senso rettangolare la proprietà agricola.
    29. 29. DEPRESSIONE NATURALISTICA DEL PULIGNANO La zona del lago Gerundo è un bacino nato in seguito all’opera di scavo dell’Adda.
    30. 30. Cascina Tovaiera – Coscia: la sua struttura ha subito delle modifiche sostanziali, per adeguarsi alle esigenze delle moderne gestioni aziendali. In particolare risulta evidente l’aggiornamento delle nuove tettoie metalliche e delle nuove pavimentazioni con canalizzazione di deflusso, adibite alla gestione del bestiame; soprattutto le nuove attrezzature ubicate sulla grande aia della corte interna, che hanno radicalmente modificato la vecchia funzione.
    31. 31. La classe e il proprietario Coscia
    32. 32. IL TORO È isolato dal resto della mandria
    33. 33. SALA MUNGITURA
    34. 34. Nell’aspetto rustico di quest’immagine sembra di intravedere quella dura vita a cui sono costretti i contadini.
    35. 35. I proprietari “Coscia” Invitano gli alunni e insegnanti all’assaggio del latte “appena munto” Una bottiglia da un litro viene utilizzata per le analisi di LABORATORIO.
    36. 36. BELGIARDINO

    ×