1 Dott. Antonio Fortarezza
Procedura per la valutazione del rischio
Corso di formazione:
Antiriciclaggio:
Le regole normat...
2 Dott. Antonio Fortarezza
Tema della discussione:
Art 20 D.Lgs. 231/2007 – Approccio basato sul rischio
Gli  obblighi  di...
3 Dott. Antonio Fortarezza
Chiarimento operativo:
Nelle  procedure  di  controllo  negli  studi  professionali  della  Gua...
4 Dott. Antonio Fortarezza
Criteri generali previsti dalla legge:
L’art. 20 del decreto detta una serie di criteri general...
5 Dott. Antonio Fortarezza
Quale modello di valutazione del rischio utilizzare?
Ogni professionista, nel rispetto dei crit...
6 Dott. Antonio Fortarezza
Cosa dice sul punto la Guardia di Finanza nella circolare sui controlli?
“…in particolare, i so...
7 Dott. Antonio Fortarezza
Estratto da:
8 Dott. Antonio Fortarezza
9 Dott. Antonio Fortarezza
10 Dott. Antonio Fortarezza
11 Dott. Antonio Fortarezza
12 Dott. Antonio Fortarezza
13 Dott. Antonio Fortarezza
14 Dott. Antonio Fortarezza
15 Dott. Antonio Fortarezza
16 Dott. Antonio Fortarezza
17 Dott. Antonio Fortarezza
18 Dott. Antonio Fortarezza
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Antiriciclaggio la verifica del rischio

8,508 views

Published on

Gli obblighi di adeguata verifica della clientela sono assolti commisurandoli al rischio associato al tipo di cliente.
Ogni professionista, deve dimostrare in base al rischio di riciclaggio associato ad ogni cliente, le misure che nel proprio studio professionale ha adottato.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
8,508
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7,051
Actions
Shares
0
Downloads
20
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Antiriciclaggio la verifica del rischio

  1. 1. 1 Dott. Antonio Fortarezza Procedura per la valutazione del rischio Corso di formazione: Antiriciclaggio: Le regole normative da rispettare e l’operatività pratica  nello studio professionale. Milano, 21/03/2013 Relatore: Dott. Antonio Fortarezza
  2. 2. 2 Dott. Antonio Fortarezza Tema della discussione: Art 20 D.Lgs. 231/2007 – Approccio basato sul rischio Gli  obblighi  di  adeguata  verifica  della  clientela  sono  assolti  commisurandoli al rischio associato al tipo di cliente,  Quindi: Ogni professionista, deve dimostrare in base al rischio di riciclaggio  associato  ad  ogni  cliente,  le  misure  che  nel  proprio  studio  professionale ha adottato. Come fare per …stabilire per  ogni  cliente  una  misura  del  rischio di riciclaggio e poterla documentare in  caso di controllo?
  3. 3. 3 Dott. Antonio Fortarezza Chiarimento operativo: Nelle  procedure  di  controllo  negli  studi  professionali  della  Guardia  di  Finanza,  è previsto che venga richiesto al professionista il livello di rischio associato ad ogni  cliente.  •La legge non stabilisce una procedura, ma soltanto alcuni criteri di carattere generale; •L’approccio basato sul rischio previsto dalla norma, si fonda, sulla necessità da parte del  professionista, di graduare il comportamento nei confronti del cliente, in relazione alla  valutazione del rischio che ha effettuato.  •In pratica, è necessario stabilire una procedure con cui associare ad ogni cliente un livello di  rischio e articolare in modo consequenziale i relativi adempimenti. •Questa procedura di misurazione del rischio si deve basare su regole generali, soggettive e  oggettive, contenute nella legge. Per questo motivo si rende necessaria l’adozione di una procedura tale da  associare a ciascun cliente, sulla scorta dei parametri previsti, un determinato livello  di rischio.
  4. 4. 4 Dott. Antonio Fortarezza Criteri generali previsti dalla legge: L’art. 20 del decreto detta una serie di criteri generali per la valutazione del rischio di riciclaggio. In relazione al cliente (profilo soggettivo), per il professionista rilevano i seguenti elementi: 1. natura giuridica; 2. prevalente attività svolta; 3. comportamento tenuto al momento del compimento dell’operazione o dell’instaurazione della prestazione professionale; 4. area geografica di residenza o sede del cliente o della controparte; In relazione all’operazione o alla prestazione professionale (profilo oggettivo), sono oggetto di valutazione: 1. tipologia; 2. modalità di svolgimento; 3. ammontare; 4. frequenza (delle operazioni) e durata (della prestazione professionale); 5. ragionevolezza in rapporto all’attività svolta dal cliente; 6. area geografica di destinazione del prodotto/oggetto (dell’operazione). • Degli elencati criteri generali il professionista deve servirsi per associare a ciascun cliente un determinato rischio di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo.
  5. 5. 5 Dott. Antonio Fortarezza Quale modello di valutazione del rischio utilizzare? Ogni professionista, nel rispetto dei criteri generali previsti dalla legge, può utilizzare un modello di approccio basato sul rischio a sua scelta, quindi potrà elaborare una serie di indicatori a cui associare un punteggio e al termine stabilire un determinato livello di rischio per ogni cliente. Il CNDCEC nelle linee guida per l’adeguata verifica della clientela, ha sviluppato un modello che può essere utilizzato dai professionisti.
  6. 6. 6 Dott. Antonio Fortarezza Cosa dice sul punto la Guardia di Finanza nella circolare sui controlli? “…in particolare, i soggetti in questione dovranno essere in grado di dimostrare alle Autorità competenti che la portata delle misure adottate sia adeguata all’entità del rischio di riciclaggio…
  7. 7. 7 Dott. Antonio Fortarezza Estratto da:
  8. 8. 8 Dott. Antonio Fortarezza
  9. 9. 9 Dott. Antonio Fortarezza
  10. 10. 10 Dott. Antonio Fortarezza
  11. 11. 11 Dott. Antonio Fortarezza
  12. 12. 12 Dott. Antonio Fortarezza
  13. 13. 13 Dott. Antonio Fortarezza
  14. 14. 14 Dott. Antonio Fortarezza
  15. 15. 15 Dott. Antonio Fortarezza
  16. 16. 16 Dott. Antonio Fortarezza
  17. 17. 17 Dott. Antonio Fortarezza
  18. 18. 18 Dott. Antonio Fortarezza

×