Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Le emigrazioni

459 views

Published on

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Le emigrazioni

  1. 1. Le migrazioni Le migrazioni sono spostamenti di persone da un paese all’altro. I motivi possono essere diversi o per causa di una guerra o per cause economiche.
  2. 2. • Gli effetti delle migrazioni nelle zone di esodo possono essere diversi:• Squilibri tra le fasce d’età della popolazione;• Effetti economici: rimesse degli emigranti, alleggerimento del mercato del lavoro, inflazione, nuovo mercato estero per i prodotti locali;• Abbandono delle aree agricole; effetti sociali (diminuisce il conflitto ma aumenta la disgregazione);• Maggiori conoscenze acquisite da chi rientra in patria.
  3. 3. • Le cause e gli effetti nei paesi dorigine e in quelli di arrivo• Le cause delle migrazioni internazionali sono molteplici: nel rapporto finale della Conferenza ONU sulla Popolazione e lo Sviluppo ,si individuano fra i fattori che costringono le persone a migrare, "squilibri economici internazionali, povertà e degrado ambientale insieme allassenza di pace e sicurezza, violazioni di diritti umani e livelli diversi dello sviluppo di istituzioni giudiziarie e democratiche
  4. 4. FLUSSI MIGRATORINel 2009 circa 3 milioni di persone sono immigrate in unodegli Stati membri dellUE , mentre almeno 1,9 milioni dipersone hanno lasciato uno Stato membro dellUE. Gliultimi dati disponibili mostrano un netto calodell‘immigrazione nel 2009 rispetto al 2008. È difficiletuttavia quantificare esattamente lentità di tale diminuzioneperché alcuni paesi, hanno modificato le proprie definizionidi migrazione ad esempio, gli immigrati in Germania nel2009 sono stati 347 000.
  5. 5. I VARI TIPI DI MIGRAZIONI • il nomadismo, basato sul tipo di economia del popolo che lo pratica: che siano cacciatori-raccoglitori, pastori- guerrieri, agricoltori, commercianti; • linvasione, in armi o meno, di solito dovuta da popoli nomadi di pastori-guerrieri, che invadono popolazioni sedentarizzate, soggiacendole militarmente, ma nelle quali si disperdono per inferiorità numerica e culturale; • la diaspora, per occupazione militare del territorio di un popolo da parte di un altro: diaspora ebraica, diaspora tibetana, diaspora armena, diaspora africana. • la deportazione, operata da governi militari su intere popolazioni, come lesilio babilonese degli ebrei;
  6. 6. • lesodo, una delle prime documentate migrazioni storiche (G. Andreotti, 2006);• lesilio, imposto da unautorità a singoli o a piccoli gruppi: ricordiamo lesilio di personaggi di levatura mitologica che hanno fondato città ed etnie (vedi i Nòstoi);• lemigrazione e limmigrazione, per cercare più facilmente posti di lavoro.• la migrazione turistica di persone che si spostano verso luoghi attrezzati per godere brevi o lunghi periodi di vacanza o di studio.• la migrazione stagionale di persone che hanno un posto di lavoro in un paese estero, ma vi si recano in relazione allafflusso turistico

×