Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Commercio equo solidale
Che cosa è il commercio equo solidale• Il commercio equo e solidale vuole essere un aiuto a dare un  senso al gesto della ...
Gli scopi del FTO• Uno degli scopi principali di ogni FTO è la  riduzione della povertà tramite nuove forme  di commercio....
LE COOPERATIVE•   Le botteghe solidali sono circa seicento in tutta Italia e sono concentrate    prevalentemente nel nord-...
LE PERCENTUALI•    La vendita di riso equo solidale ha avuto un incremento del 190% tra il    2004 e il 2005. Hanno aument...
I PRODOTTI EQUO SOLIDALI IN ITALIA• I punti vendita che trattano prodotti equosolidali in Italia sono  più di cinquemila. ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Commercio equo solidale

159 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Commercio equo solidale

  1. 1. Commercio equo solidale
  2. 2. Che cosa è il commercio equo solidale• Il commercio equo e solidale vuole essere un aiuto a dare un senso al gesto della spesa quotidiana, solo apparentemente poco importante, vuole aiutare a ricordare che dietro ad un prodotto cè la storia (e la vita) di persone che lavorano per la realizzazione di quel prodotto, il commercio equo e solidale mira a creare un mercato per le merci del Sud del mondo prodotte e commercializzate in modo più equo.
  3. 3. Gli scopi del FTO• Uno degli scopi principali di ogni FTO è la riduzione della povertà tramite nuove forme di commercio. Ogni FTO garantisce supporto ai produttori economicamente svantaggiati, siano essi indipendenti, business familiari, associazioni o cooperative.
  4. 4. LE COOPERATIVE• Le botteghe solidali sono circa seicento in tutta Italia e sono concentrate prevalentemente nel nord-ovest e nel nord-est, rispettivamente il 38% e il 22,6% del totale. Sono specializzate (40% del totale) in prodotti artigianali di fascia medio-alta provenienti da più di cinquanta paesi del sud del mondo. Il 52,2% delle botteghe ha lo status di associazione mentre il 24% sono cooperative. Da notare che l88% di esse si trova nelle grandi città. Le persone coinvolte nelle botteghe tra dipendenti, volontari, soci e cooperative sono sessantamila. I prodotti del commercio equo, specialmente quelli alimentari, si trovano in molte catene della grande distribuzione come Coop Italia, Crai, Auchan, Lidl, Esselunga, Conad
  5. 5. LE PERCENTUALI• La vendita di riso equo solidale ha avuto un incremento del 190% tra il 2004 e il 2005. Hanno aumenti di vendita ragguardevoli anche caffè (+8%), tè (+11%), banane (+20%) e zucchero (+50%). Percentuali incoraggianti che però vanno controbilanciate con i dati in valore assoluto, poco edificanti se confrontati a livello europeo: ad es. in Gran Bretagna nel 2005 sono arrivate 3300 tonnellate di caffè equo solidale, mentre in Italia solo 223.
  6. 6. I PRODOTTI EQUO SOLIDALI IN ITALIA• I punti vendita che trattano prodotti equosolidali in Italia sono più di cinquemila. La Regione Liguria ha emanato una legge regionale per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Sempre nel 2005 le botteghe del mondo,a fronte di un mercato in continua espansione, sono in leggera perdita (pari a 121 000 euro): 54,51 milioni di euro i costi, 54,39 milioni di euro i ricavi.

×