Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Charles Darwin Teoria dell’evoluzione
Evoluzione delle specie <ul><li>Che cosa vi ha colpito della visita guidata alla mostra di Darwin? </li></ul><ul><li>Che c...
Contesto storico - culturale <ul><li>Nel 1600 la maggior parte dei naturalisti credeva che il mondo avesse solo qualche mi...
Thomas Malthus <ul><li>L’opera più famosa di Malthus, Saggio sul principio della popolazione e i suoi effetti sullo svilup...
Thomas Malthus <ul><li>La popolazione tenderebbe a crescere in progressione geometrica, quindi più velocemente della dispo...
Jean Baptiste Lamarck <ul><li>Alla fine del 1700 i paleontologi avevano arricchito le collezioni di fossili europee:  la v...
Jean Baptiste Lamarck <ul><li>Lamarck (1801) credeva che i lunghi colli delle giraffe fossero la conseguenza del fatto che...
Selezione naturale <ul><li>I geologi ed i paleontologi avevano dimostrato che la vita sulla Terra esisteva da moltissimi a...
 
Selezione naturale <ul><li>La visita alle Isole Galapagos nel 1835 aiutò Darwin a formulare le sue idee sulla selezione na...
Selezione naturale <ul><li>Dalla teoria di Malthus:  le specie non possono riprodursi al massimo delle loro potenzialità. ...
Selezione naturale <ul><li>SELEZIONE ARTIFICIALE : allevatore di piccioni selezionava alcuni individui per la riproduzione...
Selezione naturale <ul><li>Analogamente la natura inconsciamente “seleziona” gli individui più adatti per sopravvivere in ...
L’origine delle Specie <ul><li>Nel 1959 Darwin pubblicò il libro   L’Origine delle Specie </li></ul><ul><li>Fu uno dei più...
<ul><li>Solo con la scoperta dei  geni e delle mutazioni  nel 1900 la selezione naturale fu dimostrata sperimentalmente </...
Ereditarietà, geni e mutazioni <ul><li>FARFALLA :  Biston betularia   vive sul tronco delle betulle </li></ul><ul><li>Form...
Ereditarietà, geni e mutazioni <ul><li>Con l'avvento della Rivoluzione Industriale (XVIII secolo), nei dintorni di Londra,...
Ereditarietà, geni e mutazioni <ul><li>La forma scura della  Biston betularia  acquisì un vantaggio sulla forma chiara, pe...
Ereditarietà, geni e mutazioni <ul><li>Pertanto, l’ereditarietà è il nocciolo dell’evoluzione.  </li></ul><ul><li>Le varia...
Evoluzione delle specie <ul><li>Quale   figura rappresenta correttamente l’evoluzione delle specie? </li></ul>
L’Origine dell’Uomo <ul><li>Nel 1871 pubblicò  L’origine dell’uomo , in cui sosteneva che tutte le prove conosciute confer...
 
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Charles Darwin

4,407 views

Published on

  • Be the first to comment

Charles Darwin

  1. 1. Charles Darwin Teoria dell’evoluzione
  2. 2. Evoluzione delle specie <ul><li>Che cosa vi ha colpito della visita guidata alla mostra di Darwin? </li></ul><ul><li>Che cosa è, secondo voi, l’evoluzione? </li></ul><ul><li>Qual era il contesto storico culturale del 1700? </li></ul><ul><li>Chi ha studiato l’evoluzione? </li></ul><ul><li>Quali sono le prove a favore dell’evoluzione? </li></ul><ul><li>Quali sono i capisaldi di questa teoria? </li></ul>
  3. 3. Contesto storico - culturale <ul><li>Nel 1600 la maggior parte dei naturalisti credeva che il mondo avesse solo qualche migliaio di anni (Bibbia: 6000 anni ) - CREAZIONISMO </li></ul><ul><li>Le specie fossero state create separatamente e quindi organizzate in una scala gerarchica immutabile, nella quale gli umani occupavano lo scalino immediatamente inferiore agli angeli ( FISSISMO ). </li></ul><ul><li>Nel 1800 Darwin descrisse un mondo incredibilmente antico, un mondo nel quale la vita cambiava gradualmente da una forma all’altra senza la necessità di interventi soprannaturali. </li></ul>
  4. 4. Thomas Malthus <ul><li>L’opera più famosa di Malthus, Saggio sul principio della popolazione e i suoi effetti sullo sviluppo futuro della società, fu pubblicata nel 1798. </li></ul>
  5. 5. Thomas Malthus <ul><li>La popolazione tenderebbe a crescere in progressione geometrica, quindi più velocemente della disponibilità di alimenti, che crescono invece in progressione aritmetica </li></ul>
  6. 6. Jean Baptiste Lamarck <ul><li>Alla fine del 1700 i paleontologi avevano arricchito le collezioni di fossili europee: la vita non aveva una forma fissa, immutabile . </li></ul><ul><li>Quando le condizioni ambientali cambiavano , gli organismi dovevano mutare per poter sopravvivere. </li></ul>
  7. 7. Jean Baptiste Lamarck <ul><li>Lamarck (1801) credeva che i lunghi colli delle giraffe fossero la conseguenza del fatto che per generazioni questi animali avevano teso il collo per raggiungere foglie sempre più alte. </li></ul>Perché questa teoria non è valida, secondo voi?
  8. 8. Selezione naturale <ul><li>I geologi ed i paleontologi avevano dimostrato che la vita sulla Terra esisteva da moltissimi anni, che si era trasformata nel corso del tempo e che molte specie si erano estinte. </li></ul>All’età di 22, Darwin fece un viaggio di 5 anni intorno al mondo, con mansioni di naturalista, a bordo del Beagle
  9. 10. Selezione naturale <ul><li>La visita alle Isole Galapagos nel 1835 aiutò Darwin a formulare le sue idee sulla selezione naturale. </li></ul><ul><li>Riscontrò che molte specie di fringuello si erano adattate a diverse nicchie ambientali. </li></ul><ul><li>I fringuelli differivano anche per forma del becco, tipo d’alimentazione e modo di procurarsi il cibo. </li></ul>
  10. 11. Selezione naturale <ul><li>Dalla teoria di Malthus: le specie non possono riprodursi al massimo delle loro potenzialità. </li></ul><ul><li>Molti muoiono prima di diventare adulti, sono vulnerabili alla siccità, agli inverni freddi e ad altri fattori ambientali. </li></ul><ul><li>Le risorse non sono infinite : gli individui devono competere, sebbene inconsciamente , per il poco cibo a disposizione. </li></ul>
  11. 12. Selezione naturale <ul><li>SELEZIONE ARTIFICIALE : allevatore di piccioni selezionava alcuni individui per la riproduzione allo scopo di ottenere un collare. </li></ul>Il piccione viaggiatore (in basso a sinistra) e il piccione dal gozzo (in basso a destra) derivano dal piccione selvatico delle rocce (in alto).
  12. 13. Selezione naturale <ul><li>Analogamente la natura inconsciamente “seleziona” gli individui più adatti per sopravvivere in determinate condizioni ambientali . </li></ul><ul><li>In questa lotta per l’esistenza, la sopravvivenza e la riproduzione non avvengono per puro caso. </li></ul><ul><li>Darwin capì che se un animale aveva qualche carattere che lo aiutava a sopravvivere nell’ambiente o a riprodursi con maggiore successo, esso poteva lasciare una discendenza più numerosa rispetto agli altri animali. </li></ul><ul><li>Quindi quel carattere sarebbe diventato più comune nella generazione seguente e in quelle successive. </li></ul>
  13. 14. L’origine delle Specie <ul><li>Nel 1959 Darwin pubblicò il libro L’Origine delle Specie </li></ul><ul><li>Fu uno dei più influenti libri scientifici di tutti i tempi. </li></ul><ul><li>Pochi decenni dopo la sua pubblicazione, la maggior parte degli scienziati ritenevano l’evoluzione e la discendenza delle specie da antenati comuni una verità assodata, ma la tesi della selezione naturale non venne accettata così facilmente. </li></ul><ul><li>Alla fine del 1800 molti scienziati che si definivano darwinisti preferivano di fatto la spiegazione di Lamarck sulle modalità di trasformazione delle forme di vita nel corso del tempo. </li></ul>
  14. 15. <ul><li>Solo con la scoperta dei geni e delle mutazioni nel 1900 la selezione naturale fu dimostrata sperimentalmente </li></ul>
  15. 16. Ereditarietà, geni e mutazioni <ul><li>FARFALLA : Biston betularia vive sul tronco delle betulle </li></ul><ul><li>Forma chiara (normale) e scura ( mutata ) </li></ul>
  16. 17. Ereditarietà, geni e mutazioni <ul><li>Con l'avvento della Rivoluzione Industriale (XVIII secolo), nei dintorni di Londra, iniziarono ad essere immesse nell'atmosfera ingenti quantità di polveri scure derivanti dalla combustione del carbone . </li></ul><ul><li>Nelle aree industriali, di conseguenza, le cortecce degli alberi (incluse le betulle), iniziarono a diventare più scure. </li></ul>
  17. 18. Ereditarietà, geni e mutazioni <ul><li>La forma scura della Biston betularia acquisì un vantaggio sulla forma chiara, perché si mimetizzava sul tronco della betulla, diventando in breve tempo numericamente prevalente. </li></ul>
  18. 19. Ereditarietà, geni e mutazioni <ul><li>Pertanto, l’ereditarietà è il nocciolo dell’evoluzione. </li></ul><ul><li>Le variazioni genetiche in ogni generazione sono la materia grezza sulla quale agiscono le forze della selezione naturale </li></ul><ul><li>Sopravvivono le mutazioni vantaggiose che rendono gli organismi più adatti all’ambiente in quel momento, mentre le mutazioni svantaggiose vengono eliminate con la morte degli individui meno adatti all’ambiente </li></ul>Che cosa successe quando Londra fu ripulita dall’inquinamento?
  19. 20. Evoluzione delle specie <ul><li>Quale figura rappresenta correttamente l’evoluzione delle specie? </li></ul>
  20. 21. L’Origine dell’Uomo <ul><li>Nel 1871 pubblicò L’origine dell’uomo , in cui sosteneva che tutte le prove conosciute confermavano che gli umani si fossero evoluti da un antenato comune, condiviso con le scimmie antropomorfe. </li></ul><ul><li>Ipotizzava che l’ Africa fosse il loro luogo d’origine e che gli umani a partire da allora avessero gradualmente assunto l’aspetto attuale. </li></ul>

×