Cosa succede in kirghizistan

727 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
727
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
31
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Cosa succede in kirghizistan

  1. 3. <ul><li>Con lo scioglimento dell'URSS la piccola Repubblica Caucasica rimane legata, dal punto di vista economico, al governo di Mosca. </li></ul><ul><li>Nel 1991  l primo Presidente, </li></ul><ul><li>  Askar Akayev, </li></ul><ul><li>annuncia le dimissioni dal  </li></ul><ul><li>Partito Comunista dell'Unione Sovietica, e il  </li></ul><ul><li>31 agosto 1991  </li></ul><ul><li>l'indipendenza del Kirghizistan </li></ul>Kirghizistan - gli ultimi anni
  2. 4. <ul><li>  Akayev  rimane al potere sino al 2005, quando dopo elezioni considerate non trasparenti si dimette in seguito alle violente proteste contro il suo potere, considerato un regime corrotto e autoritario. </li></ul><ul><li>La protesta fu la cosiddetta  </li></ul><ul><li>Rivoluzione dei Tulipani. </li></ul>
  3. 5. <ul><li>Nel luglio dello stesso anno viene eletto </li></ul><ul><li>  Kurmanbek Bakiyev   </li></ul><ul><li>con l’ attesa di un cambiamento per il Paese. </li></ul><ul><li>Ma, per gli oppositori, la speranza fu vana. </li></ul><ul><li>Bakiyev fu rieletto nel 2009 . Le elezioni non furono considerate trasparenti </li></ul>
  4. 6. <ul><li>Gli oppositori considerano Bakiyev un dittatore, e questo ha portato a continue proteste, che sono arrivate al culmine nell'aprile del 2010. </li></ul><ul><li>Il 6 aprile  </li></ul><ul><li>Una grande folle di oppositori si è riversata nelle strade, per chiedere le dimissioni del Presidente.  </li></ul>
  5. 7. <ul><li>I manifestanti hanno occupato la sede dei servizi segreti e la tv di Stato. </li></ul><ul><li>  Roza Otunbayeva, </li></ul><ul><li>a capo degli oppositori, è diventata Presidente del Kirghizistan con un colpo di Stato,  ad interim , con la promessa di nuove elezioni democratiche a fine anno, per riportare il Paese alla democrazia. </li></ul>
  6. 8. <ul><li>Ma le violenze non sono cessate nemmeno dopo la fuga di Bakiyev in Kazakistan, </li></ul><ul><li>Nel giugno 2010, nella città di Osh, si è giunti a un culmine di sanguinose violenze, che rischiano di sfociare in un vero e proprio conflitto civile, violenze etniche tra kirghisi e minoranza uzbeka. </li></ul>
  7. 9. <ul><li>Il Kirghizistan è l'unico paese al mondo ad ospitare contemporaneamente una base militare russa e una statunitense. Due strutture molto vicine tra loro, entrambe nel Nord del paese. </li></ul><ul><li>Kant base russa è un avamposto, e il presidente Medvedev si è affrettato a proteggerla con l'invio di un battaglione di paracadutisti. </li></ul><ul><li>Quella americana di Manas rappresenta oggi per Washington uno dei centri di rifornimento più importanti per le truppe impegnate nella campagna afghana.  </li></ul>Due potenze troppo vicine?
  8. 11. <ul><li>nel 2005, il presidente Bakiev aveva autorizzato gli Stati Uniti ad installare sul territorio kirghize una base militare di grande ampiezza, determinante per la condotta delle operazioni in Afghanistan vicino. </li></ul>
  9. 12. <ul><li>  Il governo provvisorio che si è instaurato a Bichkek, ha chiesto l'assistenza della Russia, per ristabilire l'ordine nel paese e ricostruire un'economia fatiscente. </li></ul>
  10. 13. <ul><li>La &quot;guerra fredda“ </li></ul><ul><li>si è spenta, ma la Russia, </li></ul><ul><li>non accetta le ingerenze della NATO </li></ul><ul><li>nelle ex repubbliche sovietiche. </li></ul>
  11. 14. <ul><li>Bakiyev salito al potere con la cosiddetta rivoluzione dei tulipani, spalleggiata da Washington, per salvarsi chiede adesso aiuto ai russi, ma Mosca intende limitarsi solo alla protezione delle sue istallazioni in Kirghizistan. </li></ul>
  12. 15. <ul><li>Il Sud del paese, è la parte più povera del Kirghizistan e, soprattutto, è già teatro di pesanti scontri, da circa un ventennio, tra etnie diverse: quella kirghisa e quella uzbeka </li></ul>
  13. 16. <ul><li>Il rischio kirghiso è quello di un conflitto regionale che vede impegnate le ex repubbliche sovietiche dell'Uzbekistan e del Kirghizistan (e forse del Tagikistan) ognuna con parte di propria popolazione all'interno dei confini dell'altra. Ma chi ha interesse a far divampare il Kirghizistan, e, forse, l'Asia Centrale? </li></ul>
  14. 17. <ul><li>L'Unione Sovietica </li></ul><ul><li>mescolava popolazioni al suo interno per controllare meglio gli indipendentisti. </li></ul><ul><li>Un'eredità che sta flagellando il Caucaso </li></ul>
  15. 18. <ul><li>Il Kirghizistan, </li></ul><ul><li>si   appresta, il 27 giugno prossimo, a votare per referendum l'introduzione di una nuova costituzione, e poi, in ottobre un nuovo parlamento. </li></ul><ul><li>Nell'attesa è retto da un governo e da un presidente ad interim, che controlla in realtà solo la parte Nord del paese. </li></ul>
  16. 19. <ul><li>Ma esiste anche la possibilità che sia un'altra mano ad aver incendiato il Kirghizistan: </li></ul><ul><li>quella degli islamisti radicali. </li></ul><ul><li>La piccola repubblica ex sovietica è a maggioranza musulmana e quasi al confine con l'Afghanistan. </li></ul><ul><li>Le sue debolezze istituzionali ne fanno una preda facile da cacciare. La sua destabilizzazione poi metterebbe a rischio l'intera regione e gli interessi di Washington e Mosca, entrambe interessate a bloccare i progetti espansionistici dei fondamentalisti locali e dei talebani afghani. </li></ul>
  17. 20. <ul><li>Bishkek rischia di diventare una  seconda Kabul. </li></ul>
  18. 21. <ul><li>Alle centinaia di morti e alle decine di migliaia di profughi registrati finora, potrebbero aggiungersene tante altre. </li></ul><ul><li>Eppure né Stati Uniti né Russia hanno intenzioni di mandare da sole truppe d'interposizione nel martoriato paese centroasiatico, anche se difficilmente rischieranno di perdere le loro basi militari in terra kirghisa. </li></ul>

×