Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
 Con il termine Disturbi evolutivi Specifici di
Apprendimento (acronimo convenzionale: DSA)
ci si riferisce ai soli distu...
Caratteristiche che definiscono il DSA
Principale caratteristica di definizione
di questa categoria nosografica:
specifici...
Caratteristiche che definiscono il DSA
Principale criterio necessario per stabilire la diagnosi di DSA:
discrepanza
tra ab...
Necessità di escludere la presenza di altre condizioni
che potrebbero influenzare i risultati di questi test, come:
1. men...
Particolare cautela andrà posta in presenza di
situazioni etnico-culturali particolari,
derivanti da immigrazione o adozio...
Il carattere neurobiologico
delle anomalie processuali che caratterizzano i DSA
I progressi delle metodiche di neuro-immag...
I fattori biologici interagiscono attivamente
con i fattori ambientali
(scuola, ambiente familiare e contesto sociale)
nel...
FATTORI DI RISCHIO PER I DSA
 Esposizione a 2 o più anestesie generali entro il quarto anno di vita (Wilder,
2009; Sprung...
DISLESSIA
 La dislessia è una disabilità dell’apprendimento di
origine neurobiologica. Essa è caratterizzata dalla
diffic...
DISORTOGRAFIA
 La disortografia è una disabilità dell’apprendimento che si
manifesta nella difficoltà di tradurre corrett...
DISGRAFIA
 La disgrafia è una disabilità dell’apprendimento che si
manifesta nella difficoltà nel riprodurre graficamente...
DISCALCULIA
 La discalculia è una disabilità dell’apprendimento
caratterizzata da ridotte capacità nell’apprendimento
num...
… la conferma diagnostica deve
obbligatoriamente avvenire attraverso
la somministrazione di prove
strutturate e standardiz...
CRITERI DIAGNOSTICI (SINTESI)
 Compromissione significativa dell’abilità specifica
(convenzionalmente -2ds dalla norma)
...
CRITERI DIAGNOSTICI (QUANDO?)
 Età minima per la diagnosi: al termine della classe
seconda della scuola primaria (complet...
COME INTERVENIRE
 Intervento riabilitativo specifico (da svolgersi in
contesto ambulatoriale e/o domiciliare, condotto da...
L’INTERVENTO RIABILITATIVO
SPECIFICO Definizione dell’obiettivo dell’intervento (sulla base della diagnosi di II livello)...
LO SCOPO DELL’INTERVENTO
 favorire la migliore evoluzione delle competenze in esame,
nonostante la presenza di uno specif...
Oltre il DSA: conseguenze
Significativo
impatto a due
livelli:
individuale
frequente
abbassamento del
livello curriculare
...
Difficoltà e disturbi dell'apprendimento
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Difficoltà e disturbi dell'apprendimento

1,611 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Difficoltà e disturbi dell'apprendimento

  1. 1.  Con il termine Disturbi evolutivi Specifici di Apprendimento (acronimo convenzionale: DSA) ci si riferisce ai soli disturbi delle abilità scolastiche, e in particolare a:  DISLESSIA,  DISORTOGRAFIA,  DISGRAFIA,  DISCALCULIA. Uso terminologico e campo di applicazione
  2. 2. Caratteristiche che definiscono il DSA Principale caratteristica di definizione di questa categoria nosografica: specificità Si tratta di un disturbo che interessa uno specifico dominio di abilità in modo significativo ma circoscritto, lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale.
  3. 3. Caratteristiche che definiscono il DSA Principale criterio necessario per stabilire la diagnosi di DSA: discrepanza tra abilità nel dominio specifico interessato (deficitaria in rapporto alle attese per l’età e/o la classe frequentata) e intelligenza generale (adeguata per l’età cronologica).
  4. 4. Necessità di escludere la presenza di altre condizioni che potrebbero influenzare i risultati di questi test, come: 1. menomazioni sensoriali (e.g. deficit di udito o di vista non corretti) e neurologiche (e.g. emiplegie o emiparesi) gravi, disturbi significativi della sfera emotiva (e.g. ansia da separazione, fobie, disturbo ossessivo compulsivo, disturbi dell’umore) 2. situazioni ambientali di svantaggio socio-culturale che possono interferire con un’adeguata istruzione. Implicazioni diagnostiche
  5. 5. Particolare cautela andrà posta in presenza di situazioni etnico-culturali particolari, derivanti da immigrazione o adozione Considerare attentamente il rischio sia dei falsi positivi (diagnosi di DSA meglio spiegabile con la condizione etnico-culturale), sia dei falsi negativi (in virtù della condizione etnico-culturale, non viene diagnosticato un DSA). Implicazioni diagnostiche
  6. 6. Il carattere neurobiologico delle anomalie processuali che caratterizzano i DSA I progressi delle metodiche di neuro-immagine funzionale da un lato e della genetica molecolare dall’altro hanno evidenziato la presenza di anomalie a vari livelli del substrato neurobiologico. Criteri utili per la definizione del DSA Possibile componente genetica (coinvolti cromosomi diversi). Cromosoma 6 (6p21.3-22) Kaplan, 2002 Cromosoma 2 (2p12-16) Francks, 2002 Cromosoma 18 (18p11.2) Fisher, 2001
  7. 7. I fattori biologici interagiscono attivamente con i fattori ambientali (scuola, ambiente familiare e contesto sociale) nella determinazione della comparsa del disturbo, del suo fenotipo e del maggiore o minore livello di disadattamento. Impatto significativo e negativo per l’adattamento scolastico e/o per le attività della vita quotidiana Criteri utili per la definizione del DSA
  8. 8. FATTORI DI RISCHIO PER I DSA  Esposizione a 2 o più anestesie generali entro il quarto anno di vita (Wilder, 2009; Sprung 2009) con incremento del rischio del 60% per 2 anestesie  Disturbo del Linguaggio fin dall’età dei 5 anni che permane fino a 8 anni (Tomblin, 2000; Backer 1987)  Sesso maschile: nei maschi il rischio è 2,5 superiore rispetto alle femmine (Sauver,2001)  Storia genitoriale di alcolismo o abuso di sostanze: unico studio (Martin, 2000) che sostiene un rischio aumentato in preadolescenti maschi esposti a storia genitoriale di abuso  Familiarità: numerosi studi (Lyttinen,2004; Lyttinen 2001;Torppa,2006) documentano l’elevato rischio di sviluppare dislessia tra i figli di genitori dislessici  Esposizione prenatale alla cocaina: unico studio (Morrow, 2006) con evidenze non elevate a sostegno del ruolo del fattore quale rischioso per DSA
  9. 9. DISLESSIA  La dislessia è una disabilità dell’apprendimento di origine neurobiologica. Essa è caratterizzata dalla difficoltà ad effettuare una lettura accurata e/o fluente […] Queste difficoltà derivano tipicamente da un deficit nella componente fonologica del linguaggio, che è spesso inatteso in rapporto alle abilità cognitive e alla garanzia di un’adeguata istruzione scolastica. Conseguenze secondarie possono includere problemi di comprensione della lettura, e una ridotta pratica della lettura può impedire una crescita del vocabolario e della conoscenza generale.  International Dyslexia Association
  10. 10. DISORTOGRAFIA  La disortografia è una disabilità dell’apprendimento che si manifesta nella difficoltà di tradurre correttamente i suoni (che compongono le parole) in simboli grafici, in soggetti indenni dal punto di vista cognitivo, sensoriale e neurologico, e che hanno usufruito di normali opportunità educative e scolastiche. I problemi che si presentano sono specificatamente ortografici e/o fonologici.
  11. 11. DISGRAFIA  La disgrafia è una disabilità dell’apprendimento che si manifesta nella difficoltà nel riprodurre graficamente i segni alfabetici e numerici: è un disordine delle componenti periferiche (esecutivo-motorie).
  12. 12. DISCALCULIA  La discalculia è una disabilità dell’apprendimento caratterizzata da ridotte capacità nell’apprendimento numerico e del calcolo in rapporto alla classe frequentata.  Interferisce negativamente con l’apprendimento scolastico e con le attività quotidiane che richiedono capacità di calcolo.  È presente in bambini con normodotazione intellettiva. Non è imputabile a danni organici, deficit visivi, uditivi o neurologici. Non è imputabile a insegnamento inadeguato.  Le prestazioni aritmetiche di base di questi bambini (addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione) risultano significativamente al di sotto del livello atteso rispetto all’età cronologica, all’intelligenza generale e alla classe frequentata.
  13. 13. … la conferma diagnostica deve obbligatoriamente avvenire attraverso la somministrazione di prove strutturate e standardizzate da parte di specialisti dell’area sanitaria
  14. 14. CRITERI DIAGNOSTICI (SINTESI)  Compromissione significativa dell’abilità specifica (convenzionalmente -2ds dalla norma)  Livello intellettivo entro i limiti di norma (-1 ds = QI 85)  Impatto significativo e negativo sul rendimento scolastico e sulle attività della vita quotidiana
  15. 15. CRITERI DIAGNOSTICI (QUANDO?)  Età minima per la diagnosi: al termine della classe seconda della scuola primaria (completamento del ciclo dell’istruzione formale del codice scritto)  Tuttavia, nel caso di bambini di fine prima/seconda con profili funzionali molto compromessi e presenza di altri specifici indicatori diagnostici (pregresso disturbo del linguaggio, familiarità accertata per il disturbo di lettura), è possibile (e anche utile) formulare una ragionevole ipotesi diagnostica di disturbo di lettura (non vera e propria diagnosi), prevedendo necessari momenti di verifica successivi.
  16. 16. COME INTERVENIRE  Intervento riabilitativo specifico (da svolgersi in contesto ambulatoriale e/o domiciliare, condotto da un esperto di disturbi dell’apprendimento)  Intervento della scuola con l’attivazione di una didattica personalizzata, e attraverso misure compensative e dispensative
  17. 17. L’INTERVENTO RIABILITATIVO SPECIFICO Definizione dell’obiettivo dell’intervento (sulla base della diagnosi di II livello)  Strumenti di intervento con una documentata efficacia  Definizione dei tempi e delle modalità dell’intervento (durata complessiva, numero di sedute, durata delle sedute, necessità di associare trattamento domiciliare)  Verifica dell’esito dell’intervento
  18. 18. LO SCOPO DELL’INTERVENTO  favorire la migliore evoluzione delle competenze in esame, nonostante la presenza di uno specifico deficit  fornire strumenti e strategie per poter apprendere attraverso “strade alternative a quella deficitaria”  gestire nel modo migliore la situazione di difficoltà (motivazione, senso di autoefficacia)  evitare che si sviluppino altre forme di disagio
  19. 19. Oltre il DSA: conseguenze Significativo impatto a due livelli: individuale frequente abbassamento del livello curriculare conseguito prematuro abbandono scolastico (scuola secondaria di II grado) sociale riduzione della realizzazione delle potenzialità sociali e lavorative dell’individuo

×