Siracusa presentazione

548 views

Published on

Published in: Travel
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
548
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Siracusa presentazione

  1. 1. Una delle tante perle della Sicilia mai sufficientemente apprezzate: Siracusa Relatrice: Valentina Ferrini Università degli Studi di Firenze Corso di Lingue, letterature e studi interculturali
  2. 2. Nome e popolazione Siracusa (Sarausa in siciliano) è un comune italiano di 123.248 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia in Sicilia. Posta sulla costa sud-orientale dell'isola, è la quarta città della Sicilia per numero di abitanti, dopo Palermo, Catania e Messina; in passato fu una fra le metropoli più grandi del mondo antico, nonché la più grande città greca. Il nome Siracusa deriva dal siculo Syraka o Sùraka (abbondanza d'acqua) per la presenza di molti corsi d'acqua e di una zona paludosa ossia l'odierna zona dei Pantanelli. Sia in greco che in latino è al plurale, Syracusae, perché la città fondata da Archia, un nobile di Corinto nel 734 a.C., divenne in pochi anni la Pentàpoli in quanto al nucleo originale, costituito sull’isola di Ortigia si aggiunsero man mano altri quattro nuclei: Acradina, Tiche, Neàpoli ed Epipoli.
  3. 3. Territorio e clima La città si sviluppa in parte sul promontorio-isola di Ortigia e in parte sulla terraferma. La conformazione della costa determina l'ampia insenatura del Porto Grande, cinta a nord dall'Isola e a sud dal promontorio del Plemmirio. Il territorio del comune è attraversato dai fiumi Ciane, Anapo e dai canali artificiali Mammaiàbica, Pismotta e Regina che sfociano all'interno del Porto Grande favorendo la formazione di zone acquitrinose, storicamente chiamate Pantanelli. Il comune confina a nord con Priolo Gargallo e Città Giardino (frazione di Melilli), ad ovest con Solarino, Floridia, Palazzolo Acreide, Noto e Canicattini Bagni e a sud con Noto e Avola. I confini sono delimitati a nord da contrada Targia; ad ovest da Belvedere avamposto panoramico; a sud da Cassibile e Fontane Bianche. Il clima di Siracusa è quello tipico delle aree mediterranee costiere e quindi piovoso e mite in inverno, caldo torrido (e sempre ventilato) e siccitoso in estate con temperature che negli episodi di scirocco possono raggiungere i 40º. In autunno e in primavera possono presentarsi episodi alluvionali.
  4. 4. Benchè piccola, Siracusa racchiude moltissime chiese e costruzioni,tuttora ammirate in tutto il mondo Arte e architettura di Siracusa Età Antica Età Medievale Età Moderna Età Contemporanea Fonte Aretusa, Acquedotto Galermi, Teatro Greco, Orecchio di Dionisio, Castello Eurialo, Latomie dei Cappuccini Chiesa di Santa Lucia al sepolcro, Palazzo Montalto, Palazzo Gargallo,Bagno Ebraico, Chiesa di San Martino Palazzo Impellizzeri, Palazzo Beneventano del Bosco, Arcivescovado, Chiesa di Santa Lucia alla badia Tonnara di Santa Panagia, Santuario della Madonnina delle Lacrime, Palazzo delle poste, Teatro comunale
  5. 5. Aree naturali <ul><li>Nel territorio di Siracusa sono presenti tre riserve naturali, la riserva naturale fiume Ciane e Saline, l'area marina protetta del Plemmirio e Cavagrande del Cassibile. La prima, istituita nel 1984, ambisce a salvaguardare il papiro e l'ambiente delle saline. La seconda, istituita nel 2005, è nata per preservare l'ambiente marino e anche i reperti archeologici conservati dal mare circostante. Cavagrande del Cassibile, istituita nel 1990, è nata per preservare la vegetazione naturale, per il ripristino della vegetazione forestale mediterranea e per la difesa ed incremento della fauna mediterranea. </li></ul>
  6. 6. Tradizioni e Folklore <ul><li>Le feste popolari più importanti sono quelle religiose. La più famosa a livello nazionale è quella del 13 dicembre allorquando si svolge la processione di Santa Lucia . La processione che parte dal Duomo ed arriva alla chiesa di Santa Lucia fuori le mura alla quale i fedeli più devoti partecipano a piedi scalzi. La processione è chiusa da un corteo di paggi in abiti settecenteschi, che fanno da cornice alla &quot;Carrozza del Senato&quot;, splendido esempio dell'arte barocca siracusana. Il simulacro rimane esposto ai fedeli per otto giorni al termine dei quali viene rifatta una processione che riporta il simulacro al Duomo per poi essere rinchiusa all'interno della sua cappella dove viene conservata fino alla festa di Santa Lucia delle quaglie tradizionalmente fissata per la prima domenica di maggio. </li></ul>Tra le altre feste religiose, sono molto interessanti: * la festa della Madonna delle Lacrime, dal 29 agosto al 1 settembre: nel santuario della Madonna delle Lacrime si tengono i festeggiamenti in ricordo dell'evento miracoloso del 1953 che vide un semplice quadretto di gesso raffigurante il &quot;Cuore Immacolato di Maria&quot; piangere. Il liquido analizzato da un'equipè medica, risultò essere lacrime umane; * Festa dell'Assunta, il 15 agosto, con una suggestiva processione che si svolge in mare. * Festa di Maria SS. Addolorata, ultima domenica di settembre (rione Grottasanta). * Festa della Madonna Immacolata. * Festa di S. Sebastiano, il 23 Gennaio
  7. 7. Specialità gastronomiche <ul>Oltre alle bellezze architettoniche, il turista che si trova a Siracusa non può fare a meno di gustare i suoi piatti tipici. Tra questi annoveriamo: <li>L' Mpanata
  8. 8. La siciliana
  9. 9. Lo zuccaro
  10. 10. La cassata
  11. 11. Giuggiulena
  12. 12. Le Zippole
  13. 13. Spezzatino alla siracusana
  14. 14. Cavaeddii alla siracusana
  15. 15. I Totò ( bianchi o neri)
  16. 16. E molti altri.. </li></ul>
  17. 17. Come diceva Marco Tullio Cicerone... « Urbem Syracusas maximam esse Graecarum, pulcherrimam omnium saepe audistis. Est, iudices, ita ut dicitur. » « Avete spesso sentito dire che Siracusa è la più grande città greca, e la più bella di tutte. Signori giudici, è proprio come dicono. »

×