Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Classe creativa, quel disordine di
cui l’Italia ha bisogno
Valentina Parasecolo
GIORNALISTA FREELANCE
• un percorso al contrario
• “lavoro o posto di lavoro?”
• problemi: dal nomadismo ai redditi
LA CLASSE CREATIVA
• Richard Florida, “The Rise of the Creative
Class” (2002)
• dagli artisti ai dirigenti: “borghesia”?
LA CLASSE CREATIVA
• possesso di una capitale simbolico e culturale
• produzione di beni immateriali
• pilastro della rico...
LA CLASSE CREATIVA
• le tre T: tecnologia, talento, tolleranza
• iper-frammentazione, precarizzarizzazione,
non rappresent...
“Creatività è ciò che produce l'inusitato,
ciò che riformula, o aiuta a riformulare le
nostre categorie. E' una forma di
d...
CRITICHE
• la banalizzazione di un
concetto ubiquo
“chiunque può definirsi
creativo”
• la sottovaluzione del
ruolo economi...
NON È UN PAESE PER CREATIVI
• la cultura del lavoro
• il ruolo del tempo libero (v. Google)
• la struttura statica
• come ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

La classe creativa, quel disordine di cui l'Italia ha bisogno

208 views

Published on

Il lavoro nell'epoca dell'immaterialità.

Published in: News & Politics
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

La classe creativa, quel disordine di cui l'Italia ha bisogno

  1. 1. Classe creativa, quel disordine di cui l’Italia ha bisogno Valentina Parasecolo
  2. 2. GIORNALISTA FREELANCE • un percorso al contrario • “lavoro o posto di lavoro?” • problemi: dal nomadismo ai redditi
  3. 3. LA CLASSE CREATIVA • Richard Florida, “The Rise of the Creative Class” (2002) • dagli artisti ai dirigenti: “borghesia”?
  4. 4. LA CLASSE CREATIVA • possesso di una capitale simbolico e culturale • produzione di beni immateriali • pilastro della ricostruzione post-fordista • probabile unica superstite della rivoluzione dell’IA
  5. 5. LA CLASSE CREATIVA • le tre T: tecnologia, talento, tolleranza • iper-frammentazione, precarizzarizzazione, non rappresentazione, fluidità
  6. 6. “Creatività è ciò che produce l'inusitato, ciò che riformula, o aiuta a riformulare le nostre categorie. E' una forma di disordine.” (T. Matano – Il Bureau)
  7. 7. CRITICHE • la banalizzazione di un concetto ubiquo “chiunque può definirsi creativo” • la sottovaluzione del ruolo economico “con la cultura non si mangia”
  8. 8. NON È UN PAESE PER CREATIVI • la cultura del lavoro • il ruolo del tempo libero (v. Google) • la struttura statica • come tradurre in numeri?

×