Neoclassico

5,356 views

Published on

  • Be the first to comment

Neoclassico

  1. 2. <ul><li>Quali i fattori che portarono alla nascita dell’arte Neoclassica? </li></ul>La Rivoluzione Francese E l’avvento di Napoleone La Rivoluzione Industriale L’illuminismo: il secolo della ragione Una nuova concezione del sapere: L’Encyclopedie Il ruolo educativo dell’arte e un nuovo senso del bello
  2. 3. <ul><li>Vocabolo coniato con intenti spregiativi </li></ul><ul><li>Contro l’epoca precedente (barocco) </li></ul><ul><li>Fiducia nella ragione e nell’intelletto per giungere al VERO </li></ul><ul><li>Ricerca di un nuovo linguaggio e di nuove forme per produrre una Nuova Classicità </li></ul><ul><li>Valore formativo e moralizzante delle opere d’arte </li></ul><ul><li>Raggiungere una perfezione estetica e morale </li></ul>
  3. 4. <ul><li>Forte volontà di rottura </li></ul><ul><li>Fedeltà alla natura alla ragione </li></ul><ul><li>e al sentimento </li></ul><ul><li>L’arte come portatrice dei </li></ul><ul><li>valori morali e sociali deve </li></ul><ul><li>spingere alla virtù attraverso i </li></ul><ul><li>grandi esempi del passato puro </li></ul><ul><li>e incorrotto </li></ul><ul><li>Affermazione dei modelli: </li></ul><ul><li>il canone dettato dall’antichità </li></ul><ul><li>Amore per la semplicità per la </li></ul><ul><li>purezza </li></ul><ul><li>Astrarre l’essenza della Natura </li></ul>
  4. 5. <ul><li>Ricerca della natura ideale </li></ul><ul><li>Nuove scoperte archeologiche (Ercolano nel 1738) e Pompei (1748) </li></ul><ul><li>Concezione idealizzata dell’arte classica </li></ul><ul><li>L'estetica del Neoclassicismo si fonda su una solida base teorica, dovuta a studi e testi critici, quali: - la &quot; Raccolta di antichità &quot; del conte di Caylus , - le&quot; Tavole &quot; del Piranesi , con rilievi delle rovine romane - le &quot; Riflessioni sulla bellezza &quot; di Mengs , teorico e artista; - il &quot;Laocoonte &quot; di Lessing - gli scritti di Francesco Milizia , teorico dell'architettura; - e soprattutto i &quot; Pensieri sull'imitazione dell'arte greca &quot; e la &quot; Storia dell'arte &quot; di Winckelmann </li></ul>
  5. 6. <ul><li>“ Pensieri sull’imitazione dell’arte greca” 1755 </li></ul><ul><li>“ Storia dell’arte greca presso gli antichi” 1764 </li></ul><ul><li>Gli artisti devo imitare l’essenza dell’arte classica </li></ul>Raphael Mengs. Ritratto di Winckelmann. 1761-62. Olio su tela. New-York, Metropolitan Museum
  6. 7. <ul><li>l'imitazione intesa come il contrario della copia. La conoscenza dell'antico rappresenta uno stimolo creativo, apertura della libertà d'immaginazione per creare opere nuove, moderne </li></ul><ul><li>La bellezza ideale definita come &quot; nobile semplicità e calma grandezza&quot; , riferendosi alla &quot;grazia&quot; delle opere antiche </li></ul><ul><li>Sublime : bellezza come forma pura dell'intelletto, piacere intellettuale, astratto. Indica una bellezza indeterminata, priva il più possibile di particolarità individuali </li></ul><ul><li>Grazia : intesa come &quot; grazia piacevole secondo ragione&quot; . Implica una concezione di razionalità, equilibrio, compostezza, ritorno all'ordine e al rispetto delle regole. Le nuove regole dell'arte moderna vanno riprese dai canoni classici. </li></ul>
  7. 8. <ul><li>Si esalta la calma olimpica </li></ul><ul><li>dell’arte classica </li></ul><ul><li>Gli esempi sono però quelli di </li></ul><ul><li>epoca ellenistica, gli unici </li></ul><ul><li>conosciuti all’epoca </li></ul><ul><li>La scoperta dei marmi del </li></ul><ul><li>Partenone </li></ul><ul><li>Espressione delle passioni </li></ul><ul><li>filtrate dal controllo dell’intelletto </li></ul>La carità cristiana Bertel Thorvaldsen (Danish, 1770–1840)
  8. 9. <ul><li>Disegno lineare, come espressione dell’intelletto </li></ul><ul><li>Stile severo, essenziale, antillusionistico </li></ul><ul><li>Abolizione degli effetti chiaroscurali, la piacevolezza delle tonalità brillanti per delle stesure uniformi </li></ul><ul><li>I soggetti preferiti sono desunti dalla storia: patriottismo, sacrificio, virtù morali e civili </li></ul><ul><li>Ispirazione alla mitologia antica </li></ul><ul><li>Evocazione dell’armonia perduta </li></ul>
  9. 14. <ul><li>Dagli esordi alle opere mitologiche </li></ul>Antonio Canova, Psiche rianimata dal bacio di amore , 1793 Parigi Louvre
  10. 15. <ul><li>Antonio Canova (Possagno, Treviso 1757 – Venezia 1822) </li></ul><ul><li>Si ispira ai principi del calmo sereno distacco </li></ul><ul><li>Non si impegnò politicamente come David </li></ul><ul><li>Il suo unico ideale era la superiorità dell’arte, come valore morale ed etico che l’artista deve mostrare ed insegnare agli altri </li></ul><ul><li>Ebbe prestigio europeo che gli permisero di mantenersi al di sopra degli eventi che travolsero l’Italia </li></ul>
  11. 16. <ul><li>Compì il proprio apprendistato tra Asolo e Venezia </li></ul><ul><li>Studiò la prestigiosa raccolta di calci di gesso dell’abate Filippo Farsetti </li></ul><ul><li>Le sue prime opere importanti sono per committenti illustri; </li></ul>
  12. 17. Dedalo e Icaro, 1777-1779 Marmo, 220X95X97 cm. Venezia, Museo Correr LETTURA: Questa prima prova Realizzata mentre Studiava a bottega del Maestro Torretti gli Frutta una notevole fama, E gli permette di Spostarsi da Venezia A Roma Le caratteristiche Sono ancora in parte realistiche Le due curve Danno un senso Ancora di tensione
  13. 18. Teseo e il Minotauro, 1781-1783, Marmo 145,5X158,5X92 cm. Londra, Victoria and Albert Museum LETTURA: Realizzata per l’ambasciatore Della Serenissima, Zulian, Questa prima opera romana Diede a Canova grande Sucesso. Teseo, simbolo della Ragione umana Siede vittorioso Sul corpo del Minotauro, Simbolo degli impulsi irrazionali
  14. 19. LETTURA: Il successo del Teseo Apre ad incarichi importanti Come i monumenti funebri Ai Papi Clemente XIII (1783-1792) per San Pietro E Clemente IV Per la Basilica dei Santi Apostoli Monumente funebre a Clemente XIV 1783-1787, marmo, 740X590X295 cm. Roma, Basilica dei Santi Apostoli Schema geometrico Simbolico Volori ritmici ascensionali Nasce il simbolo della soglia
  15. 20. Negli ultimi decenni del secolo, l’artista realizza alcune opere di soggetto Mitologico, come “Amore e Psiche” giacenti. Sono questi gli anni in cui Canova definisce il suo stile e mette a punto Una tecnica realizzativa che, partendo da un bozzetto grezzo in terraccotta Passa alla realizzazione del gesso in scala e poi alla sbozzattura da parte degli Aiutanti, l’artista interviene solo alla fine per ridefinire la superfice e i dettagli. Distacco tra L’IDEA e la REALIZZAZIONE INFORMAZIONI STORICHE:
  16. 21. <ul><li>“ Nella scelta degli oggetti – scriveva nel 1794 il critico tedesco Fernow – e molti di più nel modo di trattarli si rileva la sua prepotente tendenza per il vezzoso, il dolce, il leggiadro…….nelle sue sculture gli riesce ciò che è tenero, piacevole, giovanile ” </li></ul>
  17. 22. Amore e Psiche giacenti, 1787-1793, Marmo 155X168 cm. Parigi, Museo del Louvre
  18. 23. Simbologia antica in cui l’azione è rappresentata prima del suo avverarsi
  19. 25. Riflessione: Quali sono gli aspetti formali che caratterizzano questo gruppo Scultoreo?
  20. 26. INFORMAZIONI STORICHE: Quando a Roma la proclamazione della Repubblica (1798) costringe il Papa All’esilio, Canova torna a Possagna e poi si reca nella Vienna Asburgica (1789) Dove è incaricato dal duca Alberto di Sassonia-Teschen di realizzare il Monumento funebre dedicato a Maria Cristina d’Austria
  21. 27. 1798-1805 Marmo, h574 cm. Vienna Augustinerkirche
  22. 28. LETTURA: Il motivo centrale non è L’esaltazione della defunta Ma la meditazione sul mistero Della morte come Classicità perduta e irrecuperabile. Il monumento è concepito come Un’azione che si svolge davanti agli Occhi dell’osservatore I personaggi simbolici formano un Corteo collegato da un tappeto e Da una ghirlanda simbolo del legame Tra i vivi e i morti La pietà regge l’urna della defunta con una coppia di bambine Segue la carità con la figura di un Vecchio cieco ad indicare che la sorte Non guarda in faccia a nessuno. Le figure sono libere nello spazio.
  23. 30. Riflessione: Come è espresso formalmente il concetto di morte in questo Monumento e quale il legame con i “Sepolcri” di Foscolo?
  24. 31. <ul><li>Nel 1802 Canova fu chiamato a Parigi per l’esecuzione del ritratto del primo console Bonaparte; </li></ul><ul><li>Per tutta l’epoca napoleonica ricevette importanti incarichi dalla famiglia imperiale </li></ul><ul><li>Nel ritratto della sorella di Napoleone si riprende lo schema delle figure giacenti sui sarcofagi, l’immobilità sacrale, richiamando anche le veneri tizianesche </li></ul>
  25. 32. Dal punto di Vista iconografico: Tradizione del ritratto Divinizzato; Linee sinuose Fonti culturali diverse Paolina Bonaparte come Venere vincitrice, 1804-1808, 200 cm. Roma, Galleria Borghese
  26. 34. Riflessione: Quali sono le fonti e i riferimenti formali della Paolina Borghese come Venere Vincitrice?
  27. 35. Nel 1815 Canova raggiunge Londra dove ha modo di vedere i marmi del Partenone. Le opere dell’ultimo decennio rivelano un mutamento rispetto al passato: il maestro assume accenti neoquattrocenteschi che riflettono l’affermarsi di una tendenza “purista”. Canova muore a Venezia nel 1822 ed è sepolto nella sua città natale, Possagno, nella Chiesa-tempio che egli stesso ha progettato ispirandosi al Pantheon e al Partenone

×