Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Lab. Inclusione e Disabilità

241 views

Published on

Intervento Prof. F. Medica - Laboratori formativi neoassunti - USR per la Liguria - a.s. 2016 - 2017

Published in: Education
  • Be the first to comment

Lab. Inclusione e Disabilità

  1. 1. Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Via Assarotti, 38 – 16122 Genova Tel. 0108331524 MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LIGURIA INCLUSIONE E DISABILITÀ prof. Franca Medica FORMAZIONE NEOASSUNTI a.s. 2016- 2017
  2. 2. Non intendo trattare neppure due di voi allo stesso modo e niente proteste al riguardo. Alcuni dovranno scrivere lunghe relazioni, altri avranno il permesso di farle più corte; alcuni dovranno leggere articoli chilometrici, altri articoli brevi. Così stanno le cose. Ognuno apprende in modo diverso e se qualcuno ha esigenze particolari, me lo faccia sapere e io penserò a studiare qualcosa di più adatto a lui. Ma non voglio sentire lamentele su quello che faccio per gli altri.” da “A modo loro” di M. Levine prof. Franca Medica
  3. 3. Si parla di "inclusione" Innovazione vera o apparente? prof. Franca Medica
  4. 4. prof. Franca Medica
  5. 5. prof. Franca Medica
  6. 6. DIDATTICA INCLUSIVA = DIDATTICA DI QUALITÀ «Un’integrazione di qualità ha bisogno di una didattica di qualità. La didattica è l’insegnamento, cioè le prassi che pervadono l’ambiente scuola, sia in verticale che in orizzontale, con i docenti e tra gli alunni. La didattica è la normalità dell’operare finalizzato allo sviluppo di capacità e competenze utili, nel contesto di una relazione di aiuto profonda e significativa con chi apprende. La didattica è anche puntare a un obiettivo di crescita, avere a cuore lo sviluppo dell’alunno, programmare, agire e valutare (anche severamente) la propria azione didattica e le azioni di chi apprende». D. Ianes, Didattica speciale per l’integrazione, Erickson, 2005 – II edizione prof. Franca Medica
  7. 7. Una lezione inclusiva prof. Franca Medica Preparazione Iniziare con il definire lo scopo della lezione chiarendosi bene l’obiettivo da conseguire. Successivamente, operazionalizzare lo scopo della lezione cioè ricondurre a indicatori concreti il tuo obiettivo. Questo permette di tradurlo in prove concrete per verificarne il conseguimento. Rendilo chiaro anche agli alunni. Avvio della lezione Saper “entrare” nella situazione classe: stimolare la curiosità ad inizio lezione come? Iniziare con una domanda, una storia o un’immagine, creare aspettative, entusiasmo, teatralità, mimica, humor (essere un po’ attori). È importante attivare le conoscenze pregresse degli studenti
  8. 8. Una lezione inclusiva prof. Franca Medica Svolgimento Uso degli anticipatori (schema-aneddoto-introduzione sommario). Usare una comunicazione multicanale. Evitare il sovraccarico cognitivo. Strategia per l’attenzione, muoversi in classe per mantenere visibilità e tenere viva la stimolazione, mantenere il contatto oculare, definire con chiarezza i tempi necessari per svolgere la lezione, Conclusione Come gestire la chiusura della lezione? È importante indurre i ragazzi a riflettere su come è stata la lezione, su quali strategie hanno usato per apprendere al meglio, sui loro pensieri inerenti gli argomenti affrontati.
  9. 9. prof. Franca Medica
  10. 10. B.E.S. DEFINIZIONE  Il Bisogno Educativo Speciale (Special Educational Need) è qualsiasi difficoltà evolutiva, in ambito educativo e/o apprenditivo, espressa in un funzionamento (nei vari ambiti della salute secondo il modello ICF dell’Organizzazione Mondiale della Sanità) problematico anche per il soggetto, in termini di danno, ostacolo o stigma sociale, indipendentemente dall’eziologia, e che necessita di educazione speciale individualizzata. (Ianes 2005b)  Età evolutiva: entro i primi 18 anni.  Funzionamento: concetto di funzionamento globale del soggetto secondo una prospettiva bio-psico-sociale (modello ICF dell’OMS).  Ambiti: educazione e/o apprendimento. prof. Franca Medica
  11. 11. DIFFICOLTÁ: l’espressione difficoltà di apprendimento viene utilizzata per indicare una forma non grave (quindi che non soddisfa i criteri clinici per il Disturbo) di ritardo sul piano dell'apprendimento. Un riferimento va alle aree dello svantaggio linguistico-culturale dei BES. DISTURBO: si riferisce ad una condizione neurobiologica complessa di origine costituzionale in assenza di disturbi neurologici, cognitivi, sensoriali e relazionali importanti e primari e in presenza di normali opportunità scolastiche. Riferimento legislativo legga 170/2010. DISABILITÁ: per persone con disabilità si intendono coloro che presentano durature menomazioni fisiche, mentali, intellettuali o sensoriali (Riferimento legislativo legge 104 /1992). prof. Franca Medica
  12. 12. B.E.S.: I DIVERSI BISOGNI  Difficoltà di apprendimento: deficit attentivo con o senza iperattività, disturbi di comprensione, difficoltà visuo-spaziali, motorie, goffaggine.  Difficoltà emozionali: timidezza, collera, ansia, inibizione, depressione, disturbi della personalità, psicosi.  Difficoltà comportamentali: aggressività, bullismo, disturbi del comportamento alimentare, disturbi della condotta, oppositivà, delinquenza, uso di droghe.  Ambito relazionale: isolamento, passività, eccessiva dipendenza.  Ambito familiare: famiglie disgregate, in conflitto, trascuranti, con episodi di abuso, maltrattamento, con esperienze di lutto o carcerazione. Difficoltà sociali, economiche, culturali, linguistiche. prof. Franca Medica
  13. 13. Direttiva ministeriale sui B.E.S. (Dir.M. 27/12/2012) • Ogni alunno, con continuità o per determinati periodi, può manifestare Bisogni Educativi Speciali o per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta. • Oggi lo scenario è cambiato: bisogna rafforzare il paradigma inclusivo • La scuola si assume la responsabilità della lettura dei reali bisogni di inclusione • Attiva le risorse per l’inclusione secondo l’approccio della “speciale normalità” • Elabora modelli di inclusione e fa cultura • COME ? Il Consiglio di Classe  Individua preventivamente gli alunni con B.E.S.  Attiva un progetto temporaneo e reversibile attraverso: Percorso di conoscenza della difficoltà del funzionamento attraverso intervista all’alunno e alla famiglia. Attivazionedirisorse:compagnidiclasse,famiglia,(r.informali);psicologo,neuropsichiatra, assistente sociale, assistente educatore, mediatore linguistico (r. formali). Individualizzazione dell’intervento ed educazione speciale. prof. Franca Medica Allegato 1 - GRIGLIA DI OSSERVAZIONE PER L’INDIVIDUAZIONE DEGLI ALUNNI CON B.E.S.
  14. 14. PDP B.E.S. “Il PDP non può più essere inteso come mera esplicitazione di strumenti compensativi e dispensativi, è bensì lo strumento in cui si potranno, includere progettazioni didattico - educative, calibrate sui livelli minimi attesi per le competenze in uscita, di cui moltissimi alunni con B.E.S., privi di qualsivoglia certificazione diagnostica, abbisognano, strumenti programmatici utili in maggior misura, rispetto a compensazioni o dispense, a carattere squisitamente didattico-strumentale. (CM n. 8 6/3/2013) (Prot. n°2563, 22-11-13 - Strumenti di intervento per BES - chiarimenti)” Allegato 2 - PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON B.E.S. prof. Franca Medica
  15. 15. D.S.A.: cosa fa la scuola?”. Lettura diagnosi . CHI?  insegnanti  referente d’Istituto  tutor  genitori  specialisti  alunni QUANDO? Le Linee Guida 2011: …in tempi che non superino il primo trimestre… ovviamente nei casi in cui si è già in possesso della diagnosi COSA? Dati anagrafici Tipologia del disturbo/bisogno Attività didattiche personalizzate Strumenti compensativi Misure dispensative Forme di verifica e valutazione personalizzate Verifica – riprogettazione del PdP PDP SPECIFICA DEL DISTURBO ICD 10 - Asse 2: Sindromi e disturbi da alterazione specifica dello sviluppo psicologico: F81 – Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche F81.0 Disturbo specifico della lettura F81.1 Disturbo specifico della compitazione F81.2 Disturbo specifico delle abilità aritmetiche F81.3 Disturbi misti delle capacità scolastiche F81.8 Altri disturbi evolutivi delle abilità scolastiche F81.9 Disturbi evolutivi delle abilità scolastiche non specificate. prof. Franca Medica
  16. 16. Conoscere ed osservare Promuovere recupero mirato: Personalizzare ed individualizzare; Forme efficaci e flessibili di lavoro; Strategie didattiche, metodologiche e valutative adeguate; Abilitare, compensare, dispensare … Verifica – valutazione (standardizzata e/o personalizzata?) Patto con la famiglia Indicazioni: significative, realistiche, coerenti, fattibili e verificabili Rete con … Allegato 3 - ESEMPIO P.D.P. D.S.A. prof. Franca Medica
  17. 17. La DIDATTICA INDIVIDUALIZZATA consiste nelle attività di recupero individuale che può svolgere l’alunno per potenziare determinate abilità o per acquisire specifiche competenze, anche nell’ambito delle strategie compensative e del metodo di studio; tali attività individualizzate possono essere realizzate nelle fasi di lavoro individuale in classe o in momenti ad esse dedicati, secondo tutte le forme di flessibilità del lavoro scolastico consentite dalla normativa vigente. La DIDATTICA PERSONALIZZATA calibra l’offerta didattica, e le modalità relazionali, sulla specificità ed unicità a livello personale dei bisogni educativi che caratterizzano gli alunni della classe, considerando le differenze individuali soprattutto sotto il profilo. prof. Franca Medica
  18. 18. Compensare La didattica per compensare  Scomporre i macro obiettivi in sotto – obiettivi  Puntare al “saper fare”: didattica laboratoriale  Ampliare l’utilizzo di una pluralità di linguaggi, sfruttando maggiormente il canale visuo – spaziale  Anticipare l’argomento con mappe o schemi  Sfruttare gli indici para-testuali: titoli, note, grafici, tabelle, immagini supportano un’area generalmente deficitaria nei DSA, cioè la memoria a breve termine  Semplificare delle consegne scritte  Presentare ragionata della quantità di lavoro  Evidenziare le informazioni essenziali il lessico specifico delle discipline  Fornire organizzatori grafici del materiale  Fornire istruzioni e reiterare lo schema  Mantenere un ritmo regolare di spiegazione e ripasso  Fornire lo schema della lezione, dell’argomento ecc.  Incoraggiare l’uso di calendari, agende, scalette  Incoraggiare il lavoro di gruppo, la condivisione degli appunti, il clima collaborativo tra pari prof. Franca Medica
  19. 19. Indicazioni per le verifiche • Semplificare i testi e rendere più “chiaro e leggibile” il testo cartaceo • Usare font semplice. Es. Arial o Verdana, corpo 12/14 • NON usare l’allineamento giustificato ma a sinistra • Usare frasi semplici • Evitare le doppie negazioni • Raggruppare i concetti per blocchi tematici • Leggere la consegna ad alta voce e verificarne la comprensione • Prediligere gli esercizi di inserimento (una regola per volta), le scelte multiple, l’abbinamento, il riconoscimento e il vero/falso. • Concedere più tempo per lo svolgimento o assegnare meno esercizi. • Incentivare l’uso degli strumenti compensativi e favorire l’uso di schemi, mappe mentali e mappe concettuali. • Programmare i test senza spostare le date, evitando le sovrapposizioni con altre materie. prof. Franca Medica
  20. 20. ESAME DI STATO La Commissione, considerati gli elementi forniti dal verbale del Consiglio di classe e dall’allegato al Documento del 15 maggio, contenente le modalità di svolgimento dell’esame di stato, terrà in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive, adeguatamente certificate ed inserite nel Piano Didattico Personalizzato, relative ai candidati affetti da disturbi specifici di apprendimento (D.S.A.). Nella fase del colloquio, la Commissione terrà conto, in ordine alle modalità di interrogazione usate anche in corso d’anno, delle capacità lessicali ed espressive del candidato con D.S.A., adeguando le richieste alle complessive capacità del candidato e adottando criteri valutativi attenti soprattutto al contenuto piuttosto che alla forma. prof. Franca Medica
  21. 21. PDP PEI Piano Didattico Personalizzato diversifica modalità, tempi, strumenti, quantità nell’attuazione della programmazione comune della classe DPR 122 giugno 09. art 10 – Legge 170/2010 DM 12 luglio 2011 Piano Educativo Individualizzato differenzia contenuti e competenze specifiche Legge 10492 DPR 24/2/1994 prof. Franca Medica
  22. 22. prof. Franca Medica PROFILO DINAMICO-FUNZIONALE = PDF (3) PIANO EDUCATIVO-INDIVIDUALIZZATO = PEI Allegato 5 Allegato 4
  23. 23. Gruppo di Lavoro di Istituto G.L.I. Gruppo di lavoro per l’inclusione. Elabora il PAI (Piano Annuale per l’Inclusività) a giugno, poi deliberato dal Collegio Docenti. Il PAI va inteso come un documento in cui si esplicitano le linee culturali, pedagogiche, operative e di gestione delle risorse della scuola e che va logicamente collegato al POF. AZIONI A LIVELLO TERRITORIALE: CTS Centri Territoriali di Supporto, interfaccia fra l’Amministrazione e le scuole nonché rete di supporto al processo di integrazione. CTI Centri Territoriali per l’Inclusione LE 10 COMPETENZE RIFERIMENTI NORMATIVI È organismo previsto dalla normativa (L.104/92) INDICAZIONI DI OPPORTUNITÀ È presieduto dal Dirigente Scolastico,coordinato dal referente per l’integrazione, se non è il Dirigente stesso.Opportuno,per una maggiore funzionalità: - prevedere un numero contenuto di membri - prevedere durata e scadenza. FUNZIONI - Non entra nel merito della progettazione relativa a ciascun alunno h. - Esercita una funzione di consulenza nei confronti del Dirigente Scolastico,e di promozione nei confronti degli organi collegiali. - Procede al monitoraggio dei dati in riferimento alla presenza di alunni h. COMPETENZE - Esprime al D.S.un parerein merito all’attribuzione di ore di sostegno ai singoli alunni; - Esprime parere in merito agli acquisti per l’integrazione fa proposte in merito al regolamento di Istituto , il POF, la carta dei servizi,ecc. - Offre consulenza,su richiesta, ai Consigli di classe. prof. Franca Medica
  24. 24. Consiglio di Classe (ciascun insegnante) RIFERIMENTI NORMATIVI - L.104/92 - D.P.R.24/2/94 FUNZIONI È responsabile nella totalità del processo di integrazione di ciascun alunno h.dellaclasse COMPETENZE - Redige congiuntamente a op. ASL, PDF e PEI. - Attua gli interventi previsti. Verifica gli esiti. - È responsabile esclusivo degli interventi didattici e della valutazione dell’alunno disabile. Gruppo integrato RIFERIMENTI NORMATIVI Non è previsto da norme di settore INDICAZIONI DI OPPORTUNITÀ -È costituito per ciascun alunno h. - È composto dai docenti del consiglio di classe da membri dell’unità. multidisciplinare dellaASL, dai genitori dell’alunno h.,dall’eventuale figura di assistente fornito dall’ente locale,dal collaboratore scolastico se responsabile dell’assistenza di base Si prevedono almeno due incontri all’anno. FUNZIONI Nella sola componente tecnica: - elabora PDF e PEI; - procede alle verifiche del PEI. COMPETENZE - Entra nel merito della situazione di ciascun alunno e del PEI relativo. - È lo spazio di partecipazione e condivisione. prof. Franca Medica
  25. 25. prof. Franca Medica
  26. 26. prof. Franca Medica Il protocollo da seguire è il seguente: - Lavoro per sottogruppi su consegna - Report e conclusioni - Ogni LAB ha la durata di ore 1 ora e 30 minuti. - I risultati dei LAB saranno documentati dai corsisti in piattaforma INDIRE BUON LAVORO!!!!
  27. 27. prof. Franca Medica
  28. 28. prof. Franca Medica • http://www.dietrolalavagna.it/moduli/siti_utili_disle ssia.pdf • http://dislessia- passodopopasso.blogspot.com/2011/02/elenco- link-utili-siti-didattici.html • http://www.dislessia.org/forum/viewtopic.php?f=3& t=8828 • http://sites.google.com/site/dislessiapassodopopas so2/storia/siti • http://www.liberliber.it/ • http://www.libroparlatolions.it/index.php • http://www.libroparlato.org/ • http://www.comune.venezia.it/letturagevolata%20 • http://www.istruzione.it/web/istruzione/dsa • http://www.annoscolastico.it/ • http://globalgeografia.com/ • http://www.sapere.it/ • http://librodiscuola.altervista.org/index.html • http://tuttiabordo-dislessia.blogspot.com/ • http://vbscuola.it/%20
  29. 29. Tra integrazione ed inclusione dalla legge 118/1971 alla direttiva BES prof. Franca Medica

×