Corso di metodi di rilevamento     e rappresentazione       Prof. arch. Andrea Poletti            a.a. 2009/2010   Lezione...
Il rilievo non è una riproduzionefotografica della realtà, il suo ruolo èselezionare tra gli infiniti segni checompongono ...
I metodi del rilievo• Rilievo diretto, operazioni di misurazione a diretto contatto con i manufatti, strumenti: fettucce m...
I punti del rilievo e i sistemi dimisurazione• I punti devono essere precisi e riconoscibili.• I punti materializzati, dev...
Materializzazione dei punti di rilievo: chiodi di acciaio Carpoint per capisaldi topografici con  incavo per il posizionam...
A - B segmento che unisce i due punti materializzati"capisaldi" da cui viene effettuata la misurazione, il     vertice C c...
TrilaterazioniRilievo diretto            GPS
ERRORITutte le misurazioni comportano un errore.a) Errori sistematici: es. errori strumentali, influiscono sulrisultato se...
rilievo diretto, e controllo dellerrore
Metodi di controllo dellerrore sui puntiprincipali.• Ribattere ogni tanto lo stesso punto da due diverse stazioni• Misurar...
propagazione dellerrore
Le reti di inquadramentoin base alla diapositiva precedente, conviene sempreimpostare il rilievo a partire da una coppia d...
Sezioni eprospettiil metodo   delleascisse e   delle ordinate
MRR_L4 - Strumenti e tecniche del rilievo
MRR_L4 - Strumenti e tecniche del rilievo
MRR_L4 - Strumenti e tecniche del rilievo
MRR_L4 - Strumenti e tecniche del rilievo
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

MRR_L4 - Strumenti e tecniche del rilievo

1,840 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,840
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8
Actions
Shares
0
Downloads
22
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

MRR_L4 - Strumenti e tecniche del rilievo

  1. 1. Corso di metodi di rilevamento e rappresentazione Prof. arch. Andrea Poletti a.a. 2009/2010 Lezione 4 - Strumenti e tecniche del rilievo
  2. 2. Il rilievo non è una riproduzionefotografica della realtà, il suo ruolo èselezionare tra gli infiniti segni checompongono limmagine di un oggetto,quelli che definiscono la sua morfologiae le sue trasformazioni nel tempo e didarne la rappresentazione grafica piùadeguata.
  3. 3. I metodi del rilievo• Rilievo diretto, operazioni di misurazione a diretto contatto con i manufatti, strumenti: fettucce metriche, fili a piombo, cordini, livelle.• Rilievo indiretto, misurazioni con strumenti ottici, meccanici o informatici, strumenti: teodolite ottico meccanico, stazione totale, GPS, fotogrammetria, laserscanner.
  4. 4. I punti del rilievo e i sistemi dimisurazione• I punti devono essere precisi e riconoscibili.• I punti materializzati, devono corrispondere ad oggetti ben identificati sistemati appositamente in loco, che ne fissano inequivocabilmente la posizione.• Punti a terra. Materializzati con chiodi resistenti e durevoli.• Punti di riferimento per la fotogrammetria e i rilievi con i laserscanner 3d. Materializzati con marche metalliche, bicolori o a croce.• Punti particolari da usare come base per le misurazioni nel rilievo archeologico diretto. Materializzati con chiodi, nastro adesivo, disegni con pennarello.
  5. 5. Materializzazione dei punti di rilievo: chiodi di acciaio Carpoint per capisaldi topografici con incavo per il posizionamento della palina, etichetta adesiva per punto particolare
  6. 6. A - B segmento che unisce i due punti materializzati"capisaldi" da cui viene effettuata la misurazione, il vertice C corrisponde al punto incognito da determinare
  7. 7. TrilaterazioniRilievo diretto GPS
  8. 8. ERRORITutte le misurazioni comportano un errore.a) Errori sistematici: es. errori strumentali, influiscono sulrisultato sempre nello stesso senso, non possono esserecompensati dalla media delle misurazioni. Rimedio: controllo ecalibraziopne degli strumenti.b) Errori accidentali: incertezza della misura a causa dimolteplici fattori. Errori di lettura o di calcolo (errori grossolani),incertezza nel posizionare gli strumenti di misura (piccoli errorimeno riconoscibili). Nel rispetto dei limiti di tolleranza stabiliti inrelazione alla scala adottata, occorre adottare alcuniaccorgimenti.
  9. 9. rilievo diretto, e controllo dellerrore
  10. 10. Metodi di controllo dellerrore sui puntiprincipali.• Ribattere ogni tanto lo stesso punto da due diverse stazioni• Misurare il punto ignoto da 3 o più punti noti (sistema tipico del GPS).• Evitare laccumulo delle misure.
  11. 11. propagazione dellerrore
  12. 12. Le reti di inquadramentoin base alla diapositiva precedente, conviene sempreimpostare il rilievo a partire da una coppia di punti noti ereciprocamente visibili la cui distanza è tale da abbracciare lapiù ampia area possibile.Questa condizione non si verifica quasi mai, è quindinecessario creare una rete di punti, detti capisaldi o stazioniche assicuri la copertura di tutta larea da rilevare.Regole per le rete di inquadramento. • I punti sono gerarchicamente distribuiti su più livelli o ordini. • I capisaldi ai vari livelli, devono essere nel minor numero possibile, collegati tra loro in modo da consentire la compensazione degli errori. Limitare per quanto possibile il numero dei livelli, per evitare laccumulo verticale delle misure.
  13. 13. Sezioni eprospettiil metodo delleascisse e delle ordinate

×