Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
L’Ordine degli studi è aggiornato al 17 ottobre 2012.ORDINE DEGLI STUDI DELL’AMBITO DI     STORIAANNO ACCADEMICO    2012-2...
La presente pubblicazione ha carattere puramente informativo.Possono essere introdotte modifiche ai programmi di studio, a...
SOMMARIOI N T R O D U Z I O N E ............................................................... 5C A L E N D A R I O      ...
INTRODUZIONEQuesta pubblicazione integra la Guida dello Studente redatta per il correnteanno accademico 2012-2013 ed inten...
Sono ammessi agli esami di profitto gli studenti in regola con i     pagamenti dei contributi accademici, che abbiano rego...
Il Coordinatore               Il Coordinatore Accademicodell’Ambito di Storia            Prof. Alberto GambinoProf. Robert...
CALENDARIO ACCADEMICO                                    2012          17   Lun.Inizio terza sessione di esami A.A. 2011/2...
29   Sab.   Festa SS. Pietro e Paolo          5    Ven.   Termine seconda sessione di esamiLUGLIO    22   Lun.   Inizio se...
TERMINI DI SCADENZA                                      2012                        Termine presentazione domanda di ammi...
Termine presentazione domanda di ammissione alla prova finale                        per il conseguimento del titolo di st...
PARTE ICORSI DI LAUREA TRIENNALE            13
1. Laurea Triennale in Storia e Filosofia (L - 42)1.1. Obiettivi e percorso formativoIl Corso di laurea in "Storia e Filos...
Il secondo indirizzo è quello a carattere filosofico. Esso offre agli studenti iprincipali strumenti per comprendere le li...
1.3. Programma degli studi nell’anno accademico 2012/2013Nell’ A.A. 2012/2013 è attivo il primo e il secondo anno del Cors...
CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (L – 42)                                              (atti...
CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (L – 42)                                              (atti...
CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (L – 42)                                      (attivato nel...
1.4. Orario delle lezioniAvvertenza: Il programma delle lezioni potrebbe subire temporanee modifiche per cause di forza ma...
CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA                                                  (Curriculum: Storico - le...
CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA                                                      (Curriculum: Storico)...
CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA                                                  (Curriculum: Storico)    ...
1.5. Le attività di Responsabilità socialeIl Centro di Formazione Integrale gestisce una serie di attività diresponsabilit...
1.6. Programma degli insegnamenti e delle attività 1Il programma dei singoli insegnamenti e delle attività di responsabili...
Ricevimento: in aula per 30 minuti dopo la lezione.E-Mail: gianluca.casagrande@greal.eu; gcasagrande@unier.it.Si raccomand...
LETTERATURA ITALIANA                                  Isabella BecherucciAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia e f...
E-Mail: isabella.becherucci@unier.it o i.becherucci@tiscali.it                                  TESTI CONSIGLIATIF. Petrar...
FILOSOFIA TEORETICA                       Guido Traversa - Don Nunzio CapizziAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia...
TESTI CONSIGLIATIModulo I°: Tommaso d’Aquino, De ente et essentia, Edizioni Studio Domenicano,Bologna 1982; S. Vanni Rovig...
FILOSOFIA MORALE                                   Guido TraversaAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia e filosofia...
Il Docente metterà a dispossizione una antologia relativa ai temi e algi autori trattatidurante il Corso                  ...
STORIA DEL CRISTIANESIMO                                 Roberto de MatteiAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia e ...
STORIA ROMANA                 Umberto Roberto - Paolo A. Tuci - Cinzia BearzotAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Stori...
TESTI CONSIGLIATIPER IL PRIMO MODULO1) Un manuale a scelta tra i seguenti (oppure un altro manuale universitario daconcord...
STORIA GRECA                                   Paolo A. TuciAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia e filosofiaPerio...
LETTERATURA ITALIANA II                                 Isabella BecherucciAnno di corso: II ANNO (Curriculum: Storico)Per...
A. Manzoni, Lettere. Con un‟aggiunta di lettere inedite o disperse, a cura di D.Isella, Adelphi, Milano 1986E. Raimondi, I...
STORIA MEDIEVALE                           Luigi Russo, Renata SalvaraniAnno di corso: II ANNO (Curriculum: Storico; Filos...
trasformazioni – Percorsi di statualità: il problematico consolidamento dellemonarchie europee.2° Modulo (6 crediti): cors...
STORIA MODERNA                                 Roberto de MatteiAnno di corso: II ANNO (Curriculum: Storico; Filosofico - ...
FILOSOFIA MORALE                                   Susy ZanardoAnno di corso: II ANNO (Curriculum: Storico)Periodo di svol...
Ricevimento: Lunedì dalle 17.00 alle 19.00 – Stanza C104, oppure in aula dopo lalezione.E-Mail: szanardo@yahoo.com; susy.z...
STORIA DEL PENSIERO POLITICO CRISTIANO E MEDIEVALE                                     Luigi RussoAnno di corso: II ANNO (...
STORIA DELLA FILOSOFIA MODERNA                                    Michele LenociAnno di corso: II ANNO (Curriculum: Storic...
ATTIVITÀ DI RESPONSABILITÀ SOCIALE              CEFI – Centro Dipartimentale di Formazione IntegraleAnno di corso: II ANNO...
Nella sua volontà di diversificazione delle attività per meglio rispondere agliinteressi degli studenti e valorizzarne le ...
Gli studenti svolgeranno attività di accoglienza alle famiglie dei pazienti ricoveratipresso i locali del Dipartimento di ...
-   attività di clown terapia presso l’Ass.ne e i principali ospedali di Roma.Gli studenti della UER possono fornire contr...
2. Laurea Triennale in Scienze Storiche (L – 42) - (adesaurimento)2.1. Obiettivi e percorso formativoIl Corso di laurea in...
evolutive del pensiero, delle istituzioni e della prassi politica     dallAntichità allEtà contemporanea. Il secondo indi...
professionali presso enti pubblici e privati o istituti di cultura di tipospecifico (fondazioni, biblioteche, archivi, mus...
CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE STORICHE (L – 42)                                          (attivato n...
TOTALE CREDITI TERZO ANNO                                                                                  60 1     L’inse...
2.4. Orario delle lezioniAvvertenza: Il programma delle lezioni potrebbe subire temporanee modifiche per cause di forza ma...
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma

1,470 views

Published on

Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma - Anno Accademico 2012/2013

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Ordine degli studi - Ambito di STORIA - Università Europea di Roma

  1. 1. L’Ordine degli studi è aggiornato al 17 ottobre 2012.ORDINE DEGLI STUDI DELL’AMBITO DI STORIAANNO ACCADEMICO 2012-2013
  2. 2. La presente pubblicazione ha carattere puramente informativo.Possono essere introdotte modifiche ai programmi di studio, anche ad annoaccademico iniziato, in caso di necessità.La redazione è stata curata dal prof. Umberto Roberto, con lacollaborazione della dott.ssa Lorenza Cannarsa, della dott.ssa Giulia Cintie della dott.ssa Eleonora Zita. 2
  3. 3. SOMMARIOI N T R O D U Z I O N E ............................................................... 5C A L E N D A R I O A C C A D E M I C O .................... 8T E R M I N I D I S C A D E N Z A ................................. 10PARTE I CORSI DI LAUREA TRIENNALE ....................................... 131. Laurea Triennale in Storia e Filosofia (L - 42) ....................................... 141.1. Obiettivi e percorso formativo ............................................................. 141.2. Sbocchi professionali ........................................................................... 151.3. Programma degli studi nell’anno accademico 2012/2013 ................... 161.4. Orario delle lezioni .............................................................................. 201.5. Le attività di Responsabilità sociale .................................................... 241.6. Programma degli insegnamenti e delle attività .................................... 252. Laurea Triennale in Scienze Storiche (L – 42) - (ad esaurimento) ......... 502.1. Obiettivi e percorso formativo ............................................................. 502.2. Sbocchi professionali ........................................................................... 512.3. Programma degli studi nell’anno accademico 2012/2013 ................... 522.4. Orario delle lezioni .............................................................................. 552.5. Insegnamenti a scelta degli studenti .................................................... 572.6. Programma degli insegnamenti ........................................................... 57PARTE II CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIADELLA CIVILTÀ CRISTIANA ............................................................. 791. Obiettivi e percorso formativo ................................................................ 802. Sbocchi occupazionali ............................................................................ 803. Condizioni di accesso al corso di laurea magistrale (LM – 84) .............. 814. Programma degli studi nell’anno accademico 2012/2013 ...................... 815. Orario delle lezioni ................................................................................. 846. Insegnamenti a scelta dello studente ....................................................... 887. Programma degli insegnamenti .............................................................. 88A P P E N D I C E ......................................................................... 113T I R O C I N I E S T A G E S D IO R I E N T A M E N T O P R O F E S S I O N A L E.................................................................................................................. 114P R O V A F I N A L E ............................................................ 115 3
  4. 4. INTRODUZIONEQuesta pubblicazione integra la Guida dello Studente redatta per il correnteanno accademico 2012-2013 ed intende costituire uno strumento utile epratico per frequentare con profitto il Corso di laurea triennale in Storia eFilosofia (che andrà a sostituire il Corso di Laurea triennale in ScienzeStoriche) ed il Corso di laurea Magistrale in Storia della Civiltà Cristiana(LM-84), afferenti all’ambito di Storia dell’Università Europea di Roma.Le informazioni qui contenute sono state redatte con la preziosacollaborazione dei docenti e del personale amministrativo del Corso dilaurea con la cura e l’attenzione che l’Università vuole dedicare a ciascunostudente nello svolgimento dei propri studi. Esse riguardanol’organizzazione didattica dei corsi (materie e programmi di insegnamento,calendario settimanale delle lezioni), ed hanno lo scopo di facilitare lafrequenza, di poter bene individuare l’oggetto degli studi, di scegliere i libridi testo e di programmare lo studio personale, anche in previsione dei tempidegli esami.La descrizione dei temi delle lezioni predisposte dai docenti offre la tracciadel percorso da seguire per completare la propria formazione culturale eprofessionale e per pervenire al conseguimento del titolo di studio.Nell’intento di ottimizzare i risultati dell’attività didattica, si desiderarichiamare l’attenzione su alcune regole fondamentali checontraddistinguono il regolamento dei Corsi di laurea istituiti pressol’Università Europea di Roma:a) Obbligo di frequenza La frequenza delle lezioni ed il dialogo con i docenti costituiscono infatti premessa necessaria per l’effettiva comprensione ed assimilazione delle materie di studio e per l’acquisizione di una capacità di valutazione critica delle relative problematiche. La frequenza rappresenta anche lo strumento necessario per la costituzione di un’autentica comunità accademica, nell’ambito della quale si sviluppa la formazione umana e professionale a cui l’Università tende. Si rammenta che le eventuali assenze non potranno eccedere la misura di 1/3 delle ore di lezione.b) Ammissione agli esami di profitto 5
  5. 5. Sono ammessi agli esami di profitto gli studenti in regola con i pagamenti dei contributi accademici, che abbiano regolarmente frequentato almeno i 2/3 delle ore di lezione. Salvo particolari ipotesi di forza maggiore, da documentare opportunamente, il superamento di questo limite comporta la non ammissione agli esami di profitto nella sessione successiva al periodo di svolgimento del corso. L’ammissione ad altre sessioni è subordinata allo svolgimento di un programma personalizzato di recupero, da concordare con il docente della materia e con il tutor.c) Iscrizione a successivi anni di corso L’iscrizione a successivi anni di corso non avviene in modo automatico, per semplice anzianità, ma è collegata al profitto nello studio ed al conseguimento di un numero di crediti formativi universitari (C.F.U.). La regola ha le seguenti finalità: a. assicurare la corrispondenza tra frequenza delle lezioni e studio personale. Non avrebbe infatti significato frequentare lezioni di livello più avanzato senza aver preventivamente acquisito le necessarie conoscenze di base nelle materie che costituiscono oggetto dei precedenti anni di corso; b. stimolare lo studente ad un ritmo di studio che favorisca l’acquisizione del titolo di studi nei tempi previsti. La consapevolezza di dover acquisire un numero minimo di crediti formativi universitari nell’anno in corso dovrebbe, infatti, favorire un maggiore impegno ed una maggiore assiduità nello studio. Per consentire il rispetto di questa regola e consentire l’iscrizione agli anni successivi con il richiesto numero di C.F.U., l’Università accompagna lo studente nel corso dei propri studi anche mediante l’istituto del tutorato.A tutti gli studenti si rivolge l’augurio più sincero di un proficuo annoaccademico ricco di risultati e di soddisfazioni. 6
  6. 6. Il Coordinatore Il Coordinatore Accademicodell’Ambito di Storia Prof. Alberto GambinoProf. Roberto de Mattei 7
  7. 7. CALENDARIO ACCADEMICO 2012 17 Lun.Inizio terza sessione di esami A.A. 2011/2012 (1 Appello) 24 Lun.Inizio Settimana della matricolaSETTEMBRE 27 Gio.Termine settimana della matricola 28 Ven.Termine terza sessione di esami A.A. 2011/2012 1 Lun.Inizio anno accademico 2012-2013 Inizio sessione autunnale delle sedute di laurea A.A. 2011/2012. 22 Lun.OTTOBRE Ambito di Giurisprudenza Fine sessione autunnale delle sedute di laurea A.A. 2011/2012. 26 Ven. Ambito di Giurisprudenza 1° Gio. Vacanza. Festa di Tutti i SantiNOVEMBRE 25 Dom Giornata del Cristo Re Inizio sessione autunnale delle sedute di laurea A.A. 2011/2012. 3 Lun. Ambito di: Psicologia, Economia e Storia Fine sessione autunnale delle sedute di laurea A.A. 2011/2012. 7 Ven.DICEMBRE Ambito di: Psicologia, Economia e Storia 8 Sab. Festa della Immacolata 21 Ven. Fine I semestre 22 Sab. Inizio vacanze natalizie 2013 6 Dom. Epifania. Termine vacanze natalizie Inizio periodo riservato allo studio individuale e alla preparazione 7 Lun. agli esami Fine periodo riservato allo studio individuale e alla preparazioneGENNAIO 11 Ven. agli esami Inizio prima sessione di esami A.A. 2012/2013 (insegnamenti I 14 Lun. semestre) e quarta sessione di esami A.A. 2011/2012 (insegnamenti anni precedenti) (3 Appelli) 15 Ven. Termine prima e quarta sessione di esamiFEBBRAIO 18 Lun. Inizio II semestre Inizio sessione invernale delle sedute di laurea A.A. 2011/2012. 4 Lun. Ambito di: Giurisprudenza, Psicologia, Economia e Storia. Fine sessione invernale delle sedute di laurea A.A. 2011/2012.MARZO 8 Ven. Ambito di: Giurisprudenza, Psicologia, Economia e Storia. 21 Gio. S. Benedetto. Patrono dell’Università Europea di Roma 28 Gio. Inizio vacanze pasquali 3 Mer. Fine vacanze pasqualiAPRILE 4 Gio. Ripresa lezioni 25 Gio. Vacanza. Festa della Liberazione 1° Mer. Vacanza. San Giuseppe Lavoratore 17 Ven. Fine II semestre Inizio periodo riservato allo studio individuale e alla preparazione 20 Lun.MAGGIO agli esami. Fine periodo riservato allo studio individuale e alla preparazione 24 Ven. agli esami. 27 Lun. Inizio seconda sessione di esami A.A. 2012/2013 (3 Appelli)GIUGNO 2 Dom. Festa della Repubblica 8
  8. 8. 29 Sab. Festa SS. Pietro e Paolo 5 Ven. Termine seconda sessione di esamiLUGLIO 22 Lun. Inizio sessione estiva delle sedute di laurea A.A. 2012/2013 26 Ven. Fine sessione estiva delle sedute di laurea A.A. 2012/2013 16 Lun. Inizio terza sessione di esami A.A. 2012/2013 (1 Appello)SETTEMBRE 27 Ven. Termine terza sessione di esami A.A. 2011/2012 Sessione autunnale delle sedute di laurea A.A. 2012/2013.OTTOBRE Ambito di Giurisprudenza Sessione autunnale delle sedute di laurea A.A. 2012/2013.NOVEMBRE Ambito di: Psicologia, Economia e Storia 2014GENNAIO Quarta sessione di esami A.A. 2012/2013 Sessione invernale delle sedute di laurea A.A. 2012/2013. AmbitoMARZO di: Giurisprudenza, Psicologia, Economia e Storia. 9
  9. 9. TERMINI DI SCADENZA 2012 Termine presentazione domanda di ammissione alla prova finale per il conseguimento del titolo di studio – sessione di laureaSETTEMBRE 03 Lun. autunnale dell’a.a. 2011/2012, per gli studenti dell’Ambito di Giurisprudenza Termine periodo ordinario immatricolazioni al primo anno ed iscrizioni ad anni successivi al primo: pagamento tassa di iscrizione e tassa regionale Presentazione presso Segreteria Generale per domanda di immatricolazione al primo anno dei corsi di studio 01 Lun. Termine iscrizione singole attività formative Termine presentazione domanda esonero parziale dei contributi accademici Termine presentazione dichiarazione d’intento per gli studenti che intendano conseguire il titolo di studio entro la sessione diOTTOBRE laurea invernale (marzo 2013) Termine presentazione domanda di ammissione alla prova finale per il conseguimento del titolo di studio - sessione di laurea 03 Merc. autunnale dell’a.a. 2011/2012 per gli studenti degli Ambiti di Psicologia, Economia e Storia Termine consegna documentazione e tesi di laurea per i 02 Mar. laureandi della sessione autunnale dell’Ambito di Giurisprudenza 17 Merc. Termine pagamento rate in unica soluzione Termine presentazione domanda esonero parziale dei contributi 30 Mar. accademici per componenti nucleo familiare contemporaneamente iscritti. Termine consegna documentazione e tesi/elaborato di laurea per 13 Mar. i laureandi della sessione autunnale degli Ambiti di Psicologia, Economia e StoriaNOVEMBRE 16 Ven. Termine pagamento I^ rata contributi accademici Termine ultimo immatricolazioni ed iscrizioni tardive ai corsi di 30 Ven. studio 14 Ven. Termine pagamento II^ rata contributi accademici Scadenza termine presentazione: - domanda di approvazione dei piani di studio individuali; - domanda di riconoscimento crediti pregressi; - dichiarazione di scelta curriculum degli studi;DICEMBRE 31 Lun. - richiesta di trasferimento da o ad altra sede Universitaria; - richiesta di passaggio ad altro corso di laurea; - domanda di riattivazione carriera accademica; - presentazione domanda di approvazione delle attività a scelta 2013 10
  10. 10. Termine presentazione domanda di ammissione alla prova finale per il conseguimento del titolo di studio - sessione di laureaGENNAIO 07 Lun. invernale dell’a.a. 2011/2012 per gli studenti di tutti gli Ambiti (Giurisprudenza, Psicologia, Economia e Storia) Termine presentazione consegna documentazione eFEBBRAIO 12 Mar. tesi/elaborato di laurea per i laureandi della sessione invernale 01 Ven. Termine pagamento III^ rata contributi accademiciMARZO Termine ultimo iscrizioni tardive al primo anno dei Corsi di 12 Mar. laurea Magistrale (DM 270/04) 07 Mar. Termine pagamento IV^ rata contributi accademici Termine presentazione domanda ammissione alla prova finaleMAGGIO per il conseguimento del titolo di studio - sessione di laurea 22 Merc. estiva dell’a.a. 2012/2013 per gli studenti di tutti gli Ambiti (Giurisprudenza, Psicologia, Economia e Storia) Termine presentazione consegna documentazione eLUGLIO 02 Mar. tesi/elaborato di laurea per i laureandi della sessione estiva 11
  11. 11. PARTE ICORSI DI LAUREA TRIENNALE 13
  12. 12. 1. Laurea Triennale in Storia e Filosofia (L - 42)1.1. Obiettivi e percorso formativoIl Corso di laurea in "Storia e Filosofia" si propone di fornire allo studentein primo luogo una formazione di base finalizzata allindagine nelle scienzestoriche e filosofiche, mediante lapprendimento delle principalimetodologie di ricerca e delle nozioni fondamentali delle discipline e delletecniche ausiliarie. Si tratta di una premessa metodologica fondamentale peracquisire nellarco del triennio una solida preparazione sulle linee generalidella storia umana nel suo complesso, con particolare approfondimentodella storia dellEuropa e del mondo mediterraneo, dallantichità alletàcontemporanea. Questo obiettivo sarà realizzabile mediante lacontemporanea acquisizione delle metodologie e dei linguaggi che sono allabase dellindagine storico-filosofica.In particolare sarà necessario acquisire: una adeguata familiarità con lediverse tipologie di fonti storiche, di linguaggi e di stili storiografici; laconoscenza delle principali correnti storiografiche e dei grandi dibattiti suifondamentali eventi della storia e del pensiero occidentale; un linguaggioscientifico chiaro e rigoroso nelle discipline storiche e filosofiche, chesoddisfi le esigenze dellesposizione scientifica e quelle della didattica edella divulgazione; lacquisizione delle competenze necessarie per svolgereattività di consulenza nellambito delle comunicazioni e per valorizzare lememorie storiche, attraverso le nuove tecnologie di gestione dei dati e dipresentazione multimediale.Per quanto riguarda il percorso formativo il corso di laurea prevede traprimo e terzo anno linsegnamento comune a tutti gli studenti dellediscipline di base per lo studio della civiltà europea. In particolare, siaffronterà lo studio della storia antica (con precipua attenzione al mondogreco e romano), medievale, moderna e contemporanea e della letteraturaitaliana.Al tronco storico si associa lo studio del pensiero filosofico, e di altrediscipline che illustrino la complessità del panorama culturale europeo.A partire dal secondo anno, il corso consente allo studente di integrare lasua formazione di base con le competenze legate a due diversi indirizzi distudio.Il primo indirizzo è quello a carattere storico-letterario. Con questoindirizzo si intende fornire un quadro di riferimento concettuale in relazionealla storia dellEuropa e del Mediterraneo, anche nelle sue fondamentalirelazioni con le scienze umane in genere. 14
  13. 13. Il secondo indirizzo è quello a carattere filosofico. Esso offre agli studenti iprincipali strumenti per comprendere le linee evolutive del pensierofilosofico, della cultura e del pensiero religioso dallAntichità allEtàcontemporanea.I percorsi formativi presentano discipline formative di base e caratterizzantiin comune per ogni anno e materie curriculari di approfondimento.Entrambi gli indirizzi comprendono attività formative finalizzateallacquisizione di conoscenze di base nei vari campi delle scienze storiche efilosofiche con riguardo ai processi di cambiamento delle tradizioni, deisistemi sociopolitici e dei sistemi economici, connettendo i variinsegnamenti specialistici in un sistema coerente di conoscenze teoriche.LUniversità organizza, in accordo con Enti pubblici e privati, i tirocini, glistages ed i corsi di orientamento più opportuni per concorrere alconseguimento degli obiettivi prefissati.1.2. Sbocchi professionaliI laureati del Corso di laurea in "Storia e Filosofia" saranno in grado disvolgere attività professionali nelle aree tradizionali della ricerca in scienzestoriche e scienze umane, e nelle aree innovative. In queste ultime rientranole possibilità legate ai media: dalla carta stampata, che comprende editing eredazione testi, articoli giornalistici, cataloghi, materiale didattico, al web,dal web copy, al web content management (scrittura e gestione dei contenutidi siti web). Potranno anche svolgere compiti a vari livelli nella pubblicaamministrazione e in enti pubblici e privati: ufficio personale, ufficio studi ericerca, ufficio stampa e pubbliche relazioni, gestione del patrimonioculturale, promozione culturale, servizi sociali.In particolare, i laureati svolgeranno attività professionali presso entipubblici e privati o istituti di cultura di tipo specifico (fondazioni,biblioteche, archivi, musei, centri di documentazione) che operano neisettori dei servizi culturali, sociali e del recupero, tutela, gestione evalorizzazione di beni storici e delle tradizioni e identità locali (Comuni,Province, Regioni, uffici di relazioni pubbliche, organizzazioniinternazionali, ecc.), nonché nellambito delle carriere legate allaprofessionalità intellettuale.I laureati saranno altresì in grado di accedere a corsi di laurea magistralefinalizzati allacquisizione di una formazione di livello avanzato perlesercizio di attività di elevata qualificazione, soprattutto nei settoridellinsegnamento nella scuola secondaria, pubblica e privata, della ricercastorica, dellamministrazione e della comunicazione. 15
  14. 14. 1.3. Programma degli studi nell’anno accademico 2012/2013Nell’ A.A. 2012/2013 è attivo il primo e il secondo anno del Corso diLaurea Triennale in Storia e Filosofia.Il curriculum Filosofico-Religioso relativo all’offerta formativa dell’A.A.2011/2012 non è stato attivato.Nel corrente anno accademico si svolgeranno i seguenti insegnamenti: 16
  15. 15. CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (L – 42) (attivato nell’A.A. 2012/2013 ai sensi del D.M. 270/04) PRIMO ANNO (A.A. 2012-2013) Curriculum: Storico-Letterario Attività Periodo di Ambito disciplinare Insegnamento S.S.D. C.F.U. formative insegnamento Discipline geografiche Geografia M-GGR/01 annuale 9 Di base L-FIL- Discipline letterarie e storico-artistiche Letteratura italiana annuale 12 LET/10 Filosofia Teoretica M-FIL/01 annuale 12 Discipline filosofiche, pedagogiche, Filosofia Morale M-FIL/03 I semestre 6 psicologiche e storico-religioseCaratterizzante Storia del Cristianesimo M-STO/07 I semestre 6 Storia romana L-ANT/03 annuale 9 Storia antica e medievale Storia greca L-ANT/02 I semestre 6TOTALE CREDITI PRIMO ANNO (Curriculum Storico-Letterario) 60 17
  16. 16. CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (L – 42) (attivato nell’A.A. 2012/2013 ai sensi del D.M. 270/04) PRIMO ANNO (A.A. 2012-2013) Curriculum: Filosofico Attività Periodo di Ambito disciplinare Insegnamento S.S.D. C.F.U. formative insegnamento Discipline geografiche Geografia M-GGR/01 annuale 9 Di base L-FIL- Discipline letterarie e storico-artistiche Letteratura italiana annuale 12 LET/10 Filosofia Teoretica M-FIL/01 annuale 12 Discipline filosofiche, pedagogiche, Filosofia Morale M-FIL/03 I semestre 6 psicologiche e storico-religioseCaratterizzanti Storia del Cristianesimo M-STO/07 I semestre 6 Storia romana L-ANT/03 annuale 9 Storia antica e medievale Storia greca L-ANT/02 I semestre 6TOTALE CREDITI PRIMO ANNO (Curriculum Filosofico) 60 18
  17. 17. CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (L – 42) (attivato nell’A.A. 2011/2012 ai sensi del D.M. 270/04) SECONDO ANNO (A.A. 2012-2013) Curriculum: Storico Attività Periodo di Ambiti disciplinari Insegnamenti S.S.D. C.F.U. formative insegnamento L-FIL-Di base Discipline letterarie e storico-artistiche Letteratura italiana II I semestre 6 LET/10 Storia antica e medievale Storia medievale M-STO/01 annuale 12 Storia moderna e Contemporanea Storia moderna M-STO/02 annuale 12Caratterizzanti Discipline filosofiche, pedagogiche e Filosofia morale M-FIL/03 annuale 12 psicologiche Storia del pensiero politico Discipline politiche, economiche e sociali SPS/02 I semestre 6 cristiano e medievale (1) Storia della filosofiaAffini Attività formative affini o integrative M-FIL/06 II semestre 6 modernaInformatica (2) 3Attività di Responsabilità Sociale (2) 3TOTALE CREDITI SECONDO ANNO (Curriculum Storico) 60 (1) L’insegnamento “Storia delle dottrine politiche” è ridenominato “Storia del pensiero politico cristiano e medievale”. (2) Le attività di “Informatica” e “Responsabilità sociale” previste al terzo anno dell’offerta formativa attivata nell’A.A. 2011-2012 sono anticipate al secondo anno, al posto dell’insegnamento di “Arte e tradizioni popolari del Medioevo” (M-DEA/01). L’insegnamento di “Arte e tradizioni popolari del Medioevo” (M-DEA/01) è posticipato al terzo anno e sarà attivato nell’anno accademico 2013/2014. 19
  18. 18. 1.4. Orario delle lezioniAvvertenza: Il programma delle lezioni potrebbe subire temporanee modifiche per cause di forza maggiore. Le eventuali variazioni sarannotempestivamente comunicate sia verbalmente che mediante annunci nelle bacheche del Corso di Laurea e nel sito Internet dellUniversità. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (Curriculum: Storico - letterario) I ANNO - I SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia del Storia del (9,00 -9,45) Cristianesimo Storia greca Letteratura italiana Filosofia morale Cristianesimo II (de Mattei) (Tuci) (Becherucci) (Traversa) (de Mattei) (10,00-10,45) III (11,00-11,45) Storia romana Storia greca Filosofia teoretica Filosofia morale Filosofia Teoretica Attività a (Roberto) (Tuci) (Traversa) (Traversa) (Traversa) scelta dello IV (12,00-12,45) studente e studio (13,00-14,45) personale V Letteratura (15,00-15,45) Geografia Storia romana italiana VI (Casagrande) (Tuci) (1) Attività a scelta Attività a scelta (16,00-16,45) (Becherucci) dello studente e dello studente e Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta studio personale studio personale (17,00 – 18,45) dello studente e dello studente e dello studente e studio personale studio personale studio personale(1) La lezione pomeridiana si terrà per 8 incontri. 20
  19. 19. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (Curriculum: Storico - letterario) I ANNO - II SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I(9,00 -9,45) Geografia Filosofia teoretica Letteratura italiana II (Casagrande) (Capizzi) (Becherucci)(10,00-10,45) III(11,00-11,45) Geografia Filosofia teoretica Letteratura Attività a Storia romana italiana scelta dello (Casagrande) (Capizzi) (Roberto) IV (Becherucci) studente e(12,00-12,45) studio personale(13,00-14,45) Attività a scelta Attività a scelta Letteratura Attività a scelta Attività a scelta(15,00-18,45) dello studente e dello studente e italiana dello studente e dello studente e studio personale studio personale (Becherucci) studio personale studio personale (1) (1) La lezione pomeridiana si terrà solo per quattro lezioni. 21
  20. 20. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (Curriculum: Storico) II ANNO - I SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia del Storia del pensiero (9,00 -9,45) Storia medievale pensiero politico Filosofia morale politico cristiano e Storia medievale cristiano e (Salvarani) (Zanardo) medievale (Russo) II medievale(10,00-10,45) (Russo) (Russo) III(11,00-11,45) Letteratura Letteratura italiana Storia moderna Storia moderna italiana II II Attività a (de Mattei) (de Mattei) (Becherucci) scelta dello IV (Becherucci) studente e(12,00-12,45) studio (13,00-14,45) personale V (15,00-15,45) Filosofia morale VI (Zanardo) Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta (16,00-16,45) dello studente e dello studente e dello studente e dello studente e Attività a scelta studio personale studio personale studio personale studio personale VII dello studente e(17,00 – 18,45) studio personale 22
  21. 21. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (Curriculum: Storico) II ANNO - II SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I(9,00 -9,45) Storia moderna Storia moderna Filosofia morale II (de Mattei) (de Mattei) (Zanardo)(10,00-10,45) Storia della III filosofia moderna(11,00-11,45) (Lenoci) Attività a Storia medievale Filosofia morale Storia medievale scelta dello IV (Salvarani) (Zanardo) (Russo) studente e(12,00-12,45) studio personale(13,00-14,45) Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta(15,00-18,45) dello studente e dello studente e dello studente e dello studente e dello studente e studio personale studio personale studio personale studio personale studio personale 23
  22. 22. 1.5. Le attività di Responsabilità socialeIl Centro di Formazione Integrale gestisce una serie di attività diresponsabilità sociale, che costituiscono parte integrante del programmadegli studi e sono incluse tra le “altre attività formative” di cui all’art. 10,quinto comma, lett. d), d.m. 22 ottobre 2004, n. 270, dirette a sviluppareesperienze e competenze degli studenti nella vita di relazione.I programmi di responsabilità sociale comprendono seminari e laboratorirelativi all’etica ed all’azione sociale, alla responsabilità sociale dimpresa,alla ricerca ed alla sperimentazione culturale ed artistica.Dovranno concordare con il CEFI un programma individuale diResponsabilità sociale:a. gli studenti esonerati anche parzialmente dalla frequenza dei corsi;b. gli studenti che, negli anni accademici precedenti, abbiano già partecipato al seminario e/o a laboratori di Responsabilità sociale, conseguendo un numero di crediti inferiore a quello previsto per il corso di laurea di appartenenza o con una frequenza inferiore a quella minima obbligatoria.Gli obiettivi e il programma delle attività di responsabilità sociale sonospecificati a pag. 47. 24
  23. 23. 1.6. Programma degli insegnamenti e delle attività 1Il programma dei singoli insegnamenti e delle attività di responsabilitàsociale che si svolgono nel presente anno accademico è così articolato: GEOGRAFIA Gianluca CasagrandeAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia e filosofiaPeriodo di svolgimento del corso: annualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-GGR/01C. F. U. attribuiti: 9Durata del corso: 72 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIAl termine del corso gli studenti avranno acquisito una conoscenza generale deiprincipali temi di indagine nelle discipline geografiche. In particolar modoriceveranno una formazione di base sui temi della geografia classica ed unaintroduzione ad alcune delle più recenti linee di riflessione e dibattito in materia.All‟esposizione teorica seguirà la presentazione di casi reali. Attraverso di essa, glistudenti potranno comprendere l‟utilità degli studi geografici come base della loroformazione. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOParte prima. Introduzione alla Geografia Classica. La geografia come studio deirapporti fra l‟uomo e lo spazio terrestre. Spazio fisico, spazio antropico. Larappresentazione della terra: fondamenti di cartografia.Parte seconda. La visione geografica nello studio dei fatti storici (Prof.Casagrande). Le “Grammatiche della Geografia” e la comprensione di eventi reali.Fattori geografici e territorializzazione come chiave di lettura nel lavoro dellostorico.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: orale1 Avvertenza: l’orario di ricevimento dei docenti potrebbe subire modifiche. Le eventualivariazioni saranno tempestivamente comunicate sia verbalmente che mediante annunci nellebacheche del Corso di laurea e nel sito Internet dellUniversità. 25
  24. 24. Ricevimento: in aula per 30 minuti dopo la lezione.E-Mail: gianluca.casagrande@greal.eu; gcasagrande@unier.it.Si raccomanda di scrivere ad entrambi gli indirizzi per una più rapida risposta. TESTI CONSIGLIATIG. De Vecchis, Appunti di Geografia generale. Roma, Kappa, 2001.G. Casagrande, Il Mondo che Scomparve in una Notte. Morolo, IF Press, 2010.A.Vallega, Le Grammatiche della Geografia, Bologna, Patron, 2004.M.Boffi, Scienza dell‟Informazione Geografica, Zanichelli, 2004.Si raccomanda di tenere sempre a disposizione un atlante scolastico aggiornato. Laconsultazione dell’atlante e l’adeguata interpretazione della cartografia sarannooggetto d’esame per tutti gli studenti. 26
  25. 25. LETTERATURA ITALIANA Isabella BecherucciAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia e filosofiaPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): L-FIL-LET/10C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVILa lettura e il commento integrali di due opere fondamentali per lo sviluppo dellaLetteratura italiana, i Rerum vulgarium fragmenta di Francesco Petrarca e ilDecameron di Giovanni Boccaccio, permetteranno agli studenti di familiarizzarsicoi linguaggi della poesia e della prosa antiche, nonché di acquisire le nozioni dimetrica e di sintassi indispensabili per comprendere qualunque testo letterarioitaliano. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTODiviso in due sezioni monografiche, il corso intende presentare esaustivamentel‟opera maggiore dei due grandi autori trecenteschi. Nella prima parte, lacomprensione della poesia del Petrarca sarà affiancata dalla storia dellaformazione del suo canzoniere e dalla lettura del corpo principale delle Epistole edel dialogo del Secretum. Nella seconda parte, la collana delle cento novelleboccacciane coronerà la ricostruzione del cammino artistico del grande prosatorefin dai primi passi con la lettura di ampia excerpta dalle opere minori (anche inversi).Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: l’esame contempla una parte relativa al corsoe una relativa alla preparazione individuale sulla storia della letteratura italiana dalleOrigini a tutto il Cinquecento. Per quanto attiene il corso, l’esame si articola in unaprova intermedia (scritta) e in una prova frontale (orale) sugli argomenti trattati alezione e sulla bibliografia in programma. La prova intermedia verificherà lacomprensione, la capacità di analisi, di commento e di elaborazione scrittarelativamente a un passo da una novella di Boccaccio o da una poesia di Petrarca e siterrà a metà dicembre. La conoscenza della storia della letteratura italiana e diun’antologia selezionata dai principali autori (da concordare col docente) verràverificata nel corso dell’esame orale, dopo la verifica sugli argomenti del corso.Ricevimento: Mercoledì dalle 16 alle 17, stanza C107 27
  26. 26. E-Mail: isabella.becherucci@unier.it o i.becherucci@tiscali.it TESTI CONSIGLIATIF. Petrarca, Rerum vulgarium fragmenta (in qualsiasi edizione)Id., Secretum, a cura di E. Fenzi, Mursia, Milano 1992Id., Epistole, a cura di U. Dotti, Utet, Torino 1978M. Santagata, I frammenti dell‟anima. Storia e racconto nel Canzoniere di Petrarca,Il Mulino, Bologna 1992G. Boccaccio, Decameron (in qualsiasi edizione)Id., Elegia di Madonna Fiammetta (in qualsiasi edizione)Id., Il ninfale fiesolana (in qualsiasi edizione)Id., Il Filostrato (in qualsiasi edizione)L. Surdich, Boccaccio, Il Mulino, Bologna 2009M. Cursi, Il Decameron: scritture, scriventi, lettori. Storia di un testo, Viella, Roma2007 28
  27. 27. FILOSOFIA TEORETICA Guido Traversa - Don Nunzio CapizziAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia e filosofiaPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/01C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIModulo I° (Traversa): Il corso intende promuovere l‟habitus del pensare in accordocon l‟esperienza concreta e con la realtà, cercando di mostrare le diverseconnessioni tra l‟universale ed il particolare nell‟esercizio della ricerca dellaverità; si porrà in evidenza anche il ruolo della comunicazione della verità inambito metafisico, cognitivo, spirituale e religioso.Modulo II° (Don Capizzi): Il corso si propone di guidare gli studentinell‟approfondimento del valore filosofico della rivelazione. In prospettivateologico-fondamentale, si realizzerà, insieme con l‟auditus fidei, un auditustemporis et alterius, aperto e dialogale per il nostro mondo. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOModulo I° Partendo dal piano categoriale (identità, distinzione, opposizione), sipasserà a quello ontologico (essere, essenza, esistenza) e poi a quello etico(agire,libertà, volontà): nell‟intento generale di mostrare l‟intima connessione traquesti tre ambiti per come essa si dà in una prospettiva realistica della conoscenzadel vero e dell‟agire nel bene. L‟itinerario del Corso mostrerà il percorso che va dalpiano logico a quello spirituale, permanendo legati alla struttura ontologica dellarealtà.Modulo II: 1. L‟evento della rivelazione tra trascendenza e immanenza. 2. Ledomande basilari sul senso della vita, come via di interrelazione tra la filosofia e larivelazione. 3. La forma simbolica della rivelazione. 4. L‟alterità e l‟Altro. 5. Laricchezza e la profondità della fede cristiana.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Traversa alla fine della lezione stanza 4 I°piano B; Capizzi martedì omercoledì dalle 13.00 alle 14.00 – Stanza 4 I°piano B)E-Mail: guido.traversa@gmail.com; n.capizzi@tiscali.it 29
  28. 28. TESTI CONSIGLIATIModulo I°: Tommaso d’Aquino, De ente et essentia, Edizioni Studio Domenicano,Bologna 1982; S. Vanni Rovighi, Elementi di Filosofia, voll 1 e 2, la Scuola,Brescia 1982 (IV); C. Fabro, Percezione e pensiero, EDIVI, Roma 2008; Giovani G.Traversa, Metafisica degli accidenti, manifestolibri, Roma 2004; G. Traversa,Identità etica, manifestolibri, Roma 2008; . M. Biscuso, Filosofia e medicina. Unacomune regione, Mimesi, Milano, 2009; G. Traversa, L‟identità in sé distinta. Ageresequitr esse, Editori Riuniti University Press, Roma, 2012Il Docente metterà a disposizione una antologia relativa ai temi e agli autori trattatidurante il Corso.Modulo II° G. Lorizio, Rivelazione cristiana, Modernità, Postmodernità, San Paolo,Cinisello Balsamo 1999; S. Piè-Ninot, La teologia fondamentale. «Rendere ragionedella speranza» (1Pt 3,15), Queriniana, Brescia 2002; X. Tilliette, Il Cristo dellafilosofia, Morcelliana, Brescia 1997. 30
  29. 29. FILOSOFIA MORALE Guido TraversaAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia e filosofiaPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/03C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl Corso intende promuovere la capacità di riflettere sulla natura umana qualedimensione ontologica a partire dalla quale diviene comprensibile tanto il vissutoesistenziale del singolo, quanto l‟agire collettivo, sociale e politico. Da taleprospettiva filosofica ci si renderà capaci di valutare il rapporto tra la Volontà e laLibertà”e le conseguenze etiche delle scienze naturali e/o umane. Si porrà inparticolare risalto l‟imporatnza personale che riveste la riflessione sul significatodella libertà, della volontà, dell‟identità della persona, e della non omogeneità delleazioni umane. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOSi partirà dal concetto di identità personale mostrando che tale identità non èunivoca e che contiene in sé già la distinzione (essentia et actus essendi); siproseguirà illustrando le diverse facoltà dell‟uomo: sensibilità, immaginazione,emozione, intelletto, ragione, volontà, fino a quelle schiettamente relazionali espirituali. Inoltre si evidenzierà la complessità dell‟agire umano (agere sequituresse) ed il suo carattere in sé disomogeneo e legato alla Trascendenza.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Dopo la Lezione e/o per appuntamento stanza:4 I° piano BE-Mail: guido.traversa@gmail.com TESTI CONSIGLIATITommaso d’Aquino, La Somma Teologica, Edizioni Studio Domenicano, Bologna1986, I-II, qq. 6-21; C. Fabro, Riflessioni sulla libertà, EDIVI, Roma 2004; GiovaniPaolo II, Lettera Enciclica “Veritatis Splendor, 8 Giugno 1993; G. Traversa,Metafisica degli accidenti, manifestolibri, Roma 2004; G. Traversa, Identità etica,manifestolibri, Roma 2008; G. Traversa, L’identità in sé distinta. Agere sequituresse, editori Riuniti University Press, Roma 2012. 31
  30. 30. Il Docente metterà a dispossizione una antologia relativa ai temi e algi autori trattatidurante il Corso 32
  31. 31. STORIA DEL CRISTIANESIMO Roberto de MatteiAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia e filosofiaPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/07C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso vuole presentare un quadro approfondito e aggiornato dei grandi processidi cristianizzazione della società e delle istituzioni europee dalle origini al XVIIIsecolo, offrendo le nozioni di base e gli strumenti concettuali relativi all‟ambito distudio. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTONel corso sarà analizzata l‟influenza del cristianesimo e della Chiesa sullamentalità, sui costumi, sulle leggi e sulle istituzioni dalle origini alla Rivoluzionefrancese.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Lunedì dalle 13.00 alle 14.00 – Stanza C107E-Mail: rdemattei@yahoo.it TESTI CONSIGLIATIOltre alle dispense fornite dal docente:R. de Mattei, La Chiesa nelle tempeste, SugarCo, Milano 2012.F.P. Rizzo, La Chiesa dei primi secoli, Edipuglia, Bari 1999.P. Veyne, Quando l‟Europa è diventata cristiana (312-394), Garzanti, Milano 2011. 33
  32. 32. STORIA ROMANA Umberto Roberto - Paolo A. Tuci - Cinzia BearzotAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia e filosofiaPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): L-ANT/03C. F. U. attribuiti: 9Durata del corso: 72 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIIl corso si articola in tre moduli che intendono presentare le linee di sviluppo dellastoria romana dalle origini, al periodo ellenistico-romano fino all‟età tardoantica.Particolare importanza verrà data all‟analisi delle fonti (letterarie, epigrafiche,papiracee, archeologiche) e alle questioni di metodo. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso si articola in tre moduli:a) Primo modulo: prof. Umberto Roberto, 6 CFU - Il modulo prevede l‟analisi deimomenti fondamentali che caratterizzano la formazione, lo sviluppo e la decadenzadell‟impero di Roma, dalle origini alla fine del V secolo d.C.b) Secondo modulo: prof. Paolo A. Tuci, 2 CFU - Il modulo presenterà le relazioniinternazionali tra Grecia, Oriente ellenistico, Roma, Magna Grecia e Sicilia tra il280 e il 146.c) Terzo modulo: prof. Cinzia Bearzot, 1 CFU - Il modulo presenterà alcuni testimiranti a mettere in evidenza i diversi contenuti dell‟identità greca e romana inmerito alle relazioni internazionali e al rapporto con lo straniero.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Prof. Umberto Roberto: in aula, prima e dopo la lezione, o perappuntamento. Prof. Paolo A. Tuci: in aula, prima e dopo la lezione. Prof. CinziaBearzot: in aula, prima e dopo la lezione.E-Mail: umberto.roberto@unier.it; umbertoroberto@hotmail.compaolo.tuci@unier.it; ptuci@hotmail.itcinzia.bearzot@unicatt.it 34
  33. 33. TESTI CONSIGLIATIPER IL PRIMO MODULO1) Un manuale a scelta tra i seguenti (oppure un altro manuale universitario daconcordare con il docente):- G. Geraci-A. Marcone, Storia romana, Le Monnier, Firenze 2003 (o ristampe).- G. Clemente, Guida alla storia romana, nuova edizione, Oscar Mondadori, Milano2008 (o ristampe).- E. Gabba – D. Foraboschi – D. Mantovani – E. Lo Cascio – L. Troiani,Introduzione alla storia di Roma, LED, Milano 1999 (cap. 1-8 e 10-17)2) U. Roberto, Roma Capta. Il sacco di Roma dai Galli ai Lanzichenecchi, Laterza,Roma-Bari 2012 (disponibile a partire dal mese di novembre)PER IL SECONDO MODULO1) Il manuale impiegato per la preparazione del primo modulo.2) C. Bearzot, Manuale di Storia greca, Il Mulino, Bologna 2011, pp. 263-304.PER IL TERZO MODULO1) M. Sordi, Il mito troiano e l‟eredità etrusca di Roma, Jaca Book, Milano 1989.2) A. Cornelli-M. Sordi, Nascita dell‟Occidente, Fondazione Achille e Giulia Boroli,Milano 2008, pp. 13-67. 35
  34. 34. STORIA GRECA Paolo A. TuciAnno di corso: I ANNO Laurea Triennale Storia e filosofiaPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-ANT/02C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso si propone di fornire gli strumenti per la comprensione di alcuni deiprincipali problemi della Storia del mondo greco dalle origini alla conquistaromana, attraverso la conoscenza diretta delle fonti e l‟applicazione dei principifondamentali del metodo storico. Un certo numero di ore del corso, nella parteconclusiva, sarà dedicato all‟approfondimento di un tema monografico. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOCenni fondamentali di metodologia storica. Dal miceneo all‟età oscura. L‟arcaismo:città e stati federali, legislazione e tirannide, colonizzazione. Il V secolo: le guerrepersiane, il bipolarismo Atene/Sparta, la guerra del Peloponneso. Democrazia eimperialismo. Il IV secolo: l‟egemonia spartana, l‟egemonia tebana, la Macedoniadi Filippo; la pace comune; la Siracusa di Dionisio I. Alessandro Magno.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula, prima delle lezioni; in stanza C-107, dopo le lezioni.E-Mail: paolo.tuci@unier.it; ptuci@hotmail.it TESTI CONSIGLIATI1) C. Bearzot, Manuale di storia greca, Il Mulino, Bologna 20112) Materiale didattico (fonti in originale e in traduzione) verrà distribuito durante ilcorso. 36
  35. 35. LETTERATURA ITALIANA II Isabella BecherucciAnno di corso: II ANNO (Curriculum: Storico)Periodo di svolgimento del corso: I semestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-FIL-LET/10C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl ventennale cammino del romanziere Alessandro Manzoni dalla prima stesura delFermo e Lucia (1821-23) alle due edizioni dei Promessi sposi (1827 e 1840)documenta l‟impegno profuso, nella costruzione del grande romanzo, nel doppioversante della struttura del libro e della conquista di una lingua «viva e vera». Nellelezioni saranno ripercorse tutte le tappe principali di questo faticoso e lungoprocesso, che ha portato l‟autore all‟acquisizione di competenze specifiche(soprattutto storiche e linguistiche) per la creazione della lingua della nascentenazione italiana. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOLa lettura integrale del romanzo nelle sue tre „versioni‟ si arricchirà dellaconoscenza del ricco epistolario che affianca senza soluzione di continuità il lavorodella sua composizione, correzione e riscrittura. Gli scritti di riflessionemetaletteraria e linguistica saranno altresì presentati e studiati come le premesseineludibili alla novità assoluta non solo dell‟introduzione al romanzo storico nelpanorama letterario italiano, ma della costituzione di un modello concreto per ladiffusione di una lingua «socialmente nazionale, di uno strumento di comunicazioneuguale e progredito, immagine e forma di uno stato democratico».Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: prova scritta su tema assegnato all’inizio delcorso. Prova orale sul manuale di letteratura e sulla bibliografia del corso.Ricevimento: mercoledì dalle 16-17, Stanza C107E-Mail: isabella.becherucci@unier.it o i.becherucci@tiscali.it TESTI CONSIGLIATIA. Manzoni, I romanzi, a cura di S. S. Nigro, Mondadori («I Meridiani»), Milano2002: vol. I, Fermo e Lucia; vol. II, tomi I e II: I promessi sposi (1827) e I promessisposi (1840). 37
  36. 36. A. Manzoni, Lettere. Con un‟aggiunta di lettere inedite o disperse, a cura di D.Isella, Adelphi, Milano 1986E. Raimondi, Il romanzo senza idillio. Saggio sui «Promessi sposi», Einaudi, Torino1974L. Toschi, La sala rossa. Biografia dei «Promessi sposi», Bollati Boringhieri,Torino 1989Un manuale di Letteratura italiana che comprenda l’arco cronologico dalCinquecento a tutto il Novecento. 38
  37. 37. STORIA MEDIEVALE Luigi Russo, Renata SalvaraniAnno di corso: II ANNO (Curriculum: Storico; Filosofico - Religioso)Periodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/01C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIIl corso ha l‟obiettivo di fare acquisire gli elementi principali della storiamedievale, con particolare riferimento all‟interazione fra Cristianesimo e società eallo sviluppo delle istituzioni politiche ed ecclesiastiche. Ha inoltre l‟obiettivo dimettere in evidenza la dimensione europea e mediterranea dei principali eventi.Durante le lezioni gli studenti saranno guidati all‟utilizzo delle fonti documentarie,in maniera da raggiungere una consapevolezza critica dei percorsi della ricercastorica e della problematicità connessa allo studio della storia.Ogni unità didattica sarà articolata in quattro parti: breve presentazione deldibattito storiografico con illustrazione delle principali tesi; illustrazione dei puntisalienti della tematica affrontata mediante l‟utilizzo di supporti informatici; analisidi una o più fonti cronachistico-documentarie connesse al tema affrontato;presentazione di almeno un testo storiografico contemporaneo che sollecitil‟approfondimento interdisciplinare e consenta la riflessione personale deifrequentanti del corso. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTO1° Modulo (6 crediti): corso istituzionale (Prof. Russo) - L‟idea di Medioevo:nascita del concetto e lineamenti di storiografia – Strumenti e sussidi di ricercabibliografica – La “silenziosa caduta” dell‟Impero romano - Paganesimi ecristianesimi – Dagli Ostrogoti ai Longobardi – Monachesimo e papato nell‟etàaltomedievale – La nascita dell‟Islam - I Carolingi: le ragioni della loroaffermazione, l‟implosione dell‟Impero carolingio – Gli Ottoni: dalla Sassonia allacorona imperiale – Normanni e bizantini nell‟Italia meridionale – La riforma dellaChiesa nell‟XI secolo e la “lotta per le investiture” - Il movimento crociato: idee edeventi - Città e campagne nel mondo medievale – Il movimento comunale in Italiaed Europa – La specializzazione del sapere: l‟Università - Il regno normanno delMezzogiorno – Il Papato tra XII e XIII secolo – L‟Impero germanico da FedericoBarbarossa a Federico II - Forme della religiosità nella civiltà urbana medievale –Gli ordini mendicanti – Bonifacio VIII e il Giubileo del 1300 - Il Trecento: crisi e 39
  38. 38. trasformazioni – Percorsi di statualità: il problematico consolidamento dellemonarchie europee.2° Modulo (6 crediti): corso monografico (Prof.ssa Salvarani) Gerusalemme nelMedioevo - Il “caso” di Gerusalemme: aspetti metodologici - Gerusalemme nelcontesto mediterraneo e mediorientale – Gerusalemme e l‟ecumene cristiana:aspetti storiografici e storico critici – L‟età di Costantino - Tra il V secolo e ilsaccheggio da parte dei persiani (614) – Concili e dispute dottrinali – La conquistaislamica – Ebrei e cristiani sotto la dominazione musulmana – L‟XI secolo: ildominio fatimita e i legami con Costantinopoli – Il legame tra la Chiesa diGerusalemme e i Papi – La conquista latina – Il regno di Gerusalemme: aspettiistituzionali, culturali, artistici – La conquista da parte di Saladino – Il dominio deimamelucchi e l‟impero ottomano – La Chiesa di Gerusalemme e le sue componenti:le nationes cristiane presenti in città e il Terrasanta – Lo status quo e la gestione deiLuoghi Santi cristiani.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: colloquio oraleRicevimento: Prof. Russo: mercoledì dalle 11 alle 12, stanza 106, piano 1Prof.ssa Salvarani: lunedì dalle 14 alle 15, stanza 106, piano 1E-Mail: luigi.russo@unier.it luigirusso71@tiscali.it - info@renatasalvarani.itrenata.salvarani@unier.it TESTI CONSIGLIATIStoria medievale, Donzelli, Roma 1998 e succ. edd: in particolare le lezioni di G.Sergi (pp. 3-41), W. Pohl (pp. 65-88), C. La Rocca (113-139), P. Guglielmotti (175-202), C. Wickham (203-226), S. Carocci (247-267), G.M. Cantarella (pp. 269-290),E. Artifoni (363-386), M. Miglio (435-461), A. Benvenuti (493-534), R.C. Mueller(557-584), G. Castelnuovo-G.M. Varanini (585-616).Come opera di consultazione si consiglia l’Enciclopedia del Medioevo, Garzanti,Milano 2007.Per il corso monografico: R. Salvarani, Il Santo Sepolcro a Gerusalemme. Riti, testie racconti fra Costantino e l‟età delle crociate, Città del Vaticano (Libreria EditriceVaticana) 2012 (limitatamente alle parti trattate a lezione), R. Brunelli, Storia diGerusalemme, Milano (Oscar Mondadori) 1998.Documenti, testi e cartine presentati durante le lezioni. 40
  39. 39. STORIA MODERNA Roberto de MatteiAnno di corso: II ANNO (Curriculum: Storico; Filosofico - Religioso)Periodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/02C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso vuole illustrare le principali fasi della Storia europea dal XV secolo alRisorgimento italiano, con particolare riguardo al processo di secolarizzazione cheha investito la cristianità tra l‟età dell‟umanesimo e quella della Rivoluzionefrancese. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTONel corso saranno analizzati soprattutto i rapporti tra Chiesa e Stato e leconseguenze sulla società della Rivoluzione protestante e di quella francese.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Lunedì dalle 13.00 alle 14.00 – Stanza C107E-Mail: rdemattei@yahoo.it TESTI CONSIGLIATIA. Cochin, Le società di pensiero e la Rivoluzione francese, Il Cerchio, Rimini2008.R. de Mattei, Pio IX e la Rivoluzione, Cantagalli, Siena 2012.P. Hazard, La crisi della coscienza europea, UTET, Torino 2007.M. Viglione, Rivolte dimenticate. Le insorgenze degli Italiani dalle origini al 1815,Città Nuova, Roma 1999. 41
  40. 40. FILOSOFIA MORALE Susy ZanardoAnno di corso: II ANNO (Curriculum: Storico)Periodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/03C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso vuole offrire gli strumenti linguistici e concettuali per orientarsi nellacomprensione delle cifre fondamentali della riflessione morale (bene, fine, virtù,felicità, dovere, legge morale...). Dopo unintroduzione antropologico-trascendentale e lo studio delle condizioni generali dellagire morale, si passeràallesame storico-critico di due grandi tradizioni morali, quella aristotelico-tomistae quella kantiana, con lintento di far acquisire capacità di lettura analitica ediscussione critica di alcuni tra i massimi testi etici della storia della filosofia. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso si compone di tre parti. La prima sarà dedicata a temi di antropologiafilosofica ed etica generale: si presenterà lessere umano come orizzonte dimanifestazione e desiderio formalmente infiniti, cioè aventi unapertura interale(trascendentale). Si analizzerà poi il desiderio umano come forma intenzionaleoriginaria e tensione verso il bene (struttura teleologica); se ne seguirà quindi lacorsa verso la sua causa finale, corsa saturata solo da un altro desiderio (il temadelle relazioni intersoggettive) e appagata in modo assoluto quando termina in Dio.Nella parte centrale, si disegnerà una specie di dittico: da una parte, si studieràletica aristotelica (Etica a Nicomaco) come etica del fine o della felicità(particolare rilievo sarà assegnato allidea di un Fine ultimo assoluto in SanTommaso dAquino); dallaltra parte, si leggeranno alcuni luoghi delletica kantiana(Critica della Ragion Pratica), centrata sulla forma pura del dovere e sul carattereassoluto dellobbligazione morale, stabilita dalla ragion pura pratica, in pienaindipendenza dalla realtà extramentale e dal fine ultimo soggettivo. Nella partefinale, saranno presentate alcune proposte etiche contemporanee che si inseriscononella tradizione aristotelica (A. MacIntyre, P. Ricoeur) e in quella kantiana (J.Habermas, J. Derrida in certa misura).Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: orale 42
  41. 41. Ricevimento: Lunedì dalle 17.00 alle 19.00 – Stanza C104, oppure in aula dopo lalezione.E-Mail: szanardo@yahoo.com; susy.zanardo@unier.it TESTI CONSIGLIATITesti di consultazione:J. Maritain, La filosofia morale. Esame storico e critico dei grandi sistemi,Morcelliana, Brescia, 1988;J. De Finance, Etica generale, Pontificia Università Gregoriana, Roma 1997.Testi desame:Per la parte antropologico-trascendentale:C. Vigna, Etica del desiderio umano, in C. Vigna (a cura di), Introduzione alletica,Vita e Pensiero, Milano 2001;C. Vigna, Aporetica dei rapporti intersoggettivi e sua risoluzione, in C. Vigna (acura di), Etica trascendentale e intersoggettività, Vita e Pensiero, Milano, 2002.Per la lettura dei classici:Aristotele, Etica Nicomachea, una edizione qualsiasi;San Tommaso dAquino, Summa theologiae, I-II, qq. 1-5;I. Kant, Critica della ragion pratica, una edizione qualsiasi.Per la parte contemporanea:P. Ricoeur, Sé come un altro, Jaca Book, Milano, 2011;J. Habermas, Etica del discorso, Laterza, Roma-Bari, 1993. 43
  42. 42. STORIA DEL PENSIERO POLITICO CRISTIANO E MEDIEVALE Luigi RussoAnno di corso: II ANNO (Curriculum: Storico)Periodo di svolgimento del corso: I semestreSettore scientifico disciplinare (SSD): SPS/02C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso intende fornire allo studente i punti chiave della riflessione politica in etàmedievale, con particolare riferimento alle discussioni sui rapporti di potere traPapato e Impero, al fine di consentire una visione generale ed informata dellosvolgersi del pensiero politico nellOccidente cristiano medievale nel periodo che vada S.Agostino a Guglielmo d‟Ockham (XIV secolo) PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOLa città di Dio e la città degli uomini nel pensiero di S.Agostino – Lo Pseudo-Dionigi Areopagita – La donazione di Costantino: le origini di un grande falso -Letà carolingia - La pubblicistica allepoca della lotta per le investiture - Papato eImpero: il dibattito sul potere papale ed imperiale fino allo scontro tra BonifacioVIII e re Filippo “il Bello” – Dante e Guglielmo d’Ockham - I due corpi del re: lediscussioni sulla regalitàModalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: ogni mercoledì dalle 11 alle 12, piano -1 stanza 106. Eventuali altriorari di ricevimento vanno concordati previo contatto e-mail.E-mail: luigi.russo@unier.it – luigirusso71@tiscali.it TESTI CONSIGLIATIE.H. Kantorowicz, I due corpi del re, trad. italiana, Einaudi, Torino, 2012 [nuovaedizione] (le parti indicate a lezione).Pensare la politica nel Medioevo, in Pensare il medioevo, a cura di Mt. FumagalliBeonio Brocchieri, Milano, Mondadori Università, 2007, pp. 129-156 (le fotocopiesaranno distribuite a lezione). 44
  43. 43. STORIA DELLA FILOSOFIA MODERNA Michele LenociAnno di corso: II ANNO (Curriculum: Storico; Filosofico - Religioso)Periodo di svolgimento del corso: II SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/06C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso intende presentare alcuni temi fondamentali della riflessione filosoficadell‟epoca moderna attinenti al senso della storia in riferimento all‟orizzonte dellafede cristiana, per mettere in luce sia la radice teologica di ogni discorso di filosofiadella storia, sia le tappe e le ragioni del processo di secolarizzazioneimmanentistica. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOSenso della storia e orizzonte della fede cristiana.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: venerdì dopo le lezioni in aula.E-Mail: michele.lenoci@unicatt.it TESTI CONSIGLIATIK. Loewith, Storia e fede, Laterza, Bari 1985.S. Kierkegaard, Timore e tremore, Edizioni di Comunità, Milano (o qualunque altraedizione, purché integrale). 45
  44. 44. ATTIVITÀ DI RESPONSABILITÀ SOCIALE CEFI – Centro Dipartimentale di Formazione IntegraleAnno di corso: II ANNOTipologia: altre attivitàC. F. U. attribuiti: 3 OBIETTIVI FORMATIVII programmi di responsabilità sociale perseguono i seguenti obiettivi formativi:a) offrire allo studente la possibilità di applicare a situazioni concrete le competenze culturali e professionali che sta acquisendo nel corso degli studi;b) sviluppare nello studente una tensione al bene integrale;c) stimolare la vivacità intellettuale dello studente;d) valorizzarne le capacità espressive;e) scoprire e coltivare potenzialità e talenti;f) sensibilizzare lo studente alle dinamiche sociali, all’esercizio attivo della solidarietà ed alla coscienza del valore sociale dell’impegno professionale. PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ A.A. 2012/2013I programmi di responsabilità sociale si articolano nella partecipazione ad unpercorso formativo ed a un laboratorio scelto dallo studente, che consiste nellosvolgimento di attività pratiche nell’ambito di iniziative o di progetti di ricercaavviati dalla UER, oppure presso enti pubblici e privati od organizzazioni del TerzoSettore (prevalentemente ONLUS ed ONG), convenzionati con la UER.Presso ciascuna organizzazione convenzionata lo studente è assistito da unsupervisore, che ne valuta l’impegno e la qualità dell’apporto e verifica il correttosvolgimento dell’attività. Infatti, l’attribuzione dei crediti è individuale. I laboratoriPer garantire la qualità dell’esperienza formativa, i laboratori sono a numero chiuso.Entro il termine, che sarà comunicato all’inizio del I semestre, lo studente dovràindicare tre opzioni, in ordine di priorità, compilando l’apposito modulo indistribuzione presso il CEFI.Nel caso in cui gli studenti, che abbiano scelto uno stesso laboratorio, eccedessero ilnumero programmato, il CEFI terrà conto della data di consegna del modulo diopzione. Gli studenti, che eccedessero il numero programmato in ciascuna delle treopzioni indicate o che non abbiano manifestato alcuna opzione, saranno assegnatidal CEFI al laboratorio disponibile maggiormente conforme al loro piano di studi. 46
  45. 45. Nella sua volontà di diversificazione delle attività per meglio rispondere agliinteressi degli studenti e valorizzarne le capacità, il CEFI ha individuato laboratoriafferenti a diverse aree, distinguibili in laboratori di azione sociale e laboratoriculturali.Di seguito sono elencati i laboratori che saranno attivati nell’anno accademico 2012-2013:Angeli per un giornoAngeli per un giorno è un progetto dedicato a bambini che vivono in situazioni didifficoltà, di disagio, di marginalità o di povertà, e che sono affidati a delle case-famiglia oppure degenti in strutture sanitarie.Angeli per un giorno organizza periodicamente delle giornate di gioco, spettacoli esorprese per e con i bambini, durante le quali ogni volontario diventa l’angelocustode di un bimbo. In modo continuativo, poi, e durante l`anno Angeli per unGiorno si reca presso gli istituti e le case-famiglia, offrendo assistenza scolastica,formazione umana e giochi; raccoglie cibo, vestiti, materiale didattico, medicinali egiocattoli; cerca benefattori e sponsor; sostiene campagne per motivare altri ragazziall’impegno nel volontariato e sensibilizzare i mass-media e la società al valore dellasolidarietà e ai problemi dell’infanzia.Gioventù e Famiglia Missionaria«Gioventù e Famiglia Missionaria» è un programma internazionale di apostolatopresente in più di 30 Paesi e animato da giovani e da famiglie, che non voglionoessere spettatori inerti della povertà, della sofferenza o dell’abbandono. Il lorodesiderio è cooperare alla costruzione della civiltà dell’amore, facendosi apostolidella nuova evangelizzazione e mettendo al servizio di chiunque ne abbia bisogno ilmeglio di se stessi. «Gioventù e Famiglia Missionaria» realizza la propria attivitàattraverso missioni umanitarie, missioni mediche, missioni di evangelizzazione,campi di lavoro, promozione e tutela delle tradizionali devozioni popolari,programmi di sostegno all’educazione e allo sviluppo sociale e promozione di eventied incontri per i giovani e per le famiglie.Le «Missioni di Settimana Santa» sono missioni di evangelizzazione realizzate inItalia dal Mercoledì Santo alla domenica di Pasqua a servizio di una o più parrocchiee località, nelle quali si presta aiuto nell’animazione liturgica e spirituale del TriduoSacro, si organizzano attività di catechesi e ricreative per ragazzi e adolescenti, sireca visita agli ammalati e ai bisognosi, si presta un servizio sociale e religioso aseconda delle necessità immediate del posto.Le «Missioni estive» sono missioni umanitarie, mediche, di evangelizzazione ecampi di lavoro realizzate all’estero (prevalentemente in Messico e in AmericaLatina, ma anche in Africa e in India) nel periodo estivo per tre settimane in alcunivillaggi rurali e presso comunità che vivono situazioni di grande disagio e povertà.Sportello di accoglienza presso il Policlinico Umberto I di Roma 47
  46. 46. Gli studenti svolgeranno attività di accoglienza alle famiglie dei pazienti ricoveratipresso i locali del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione. Gli studenti sarannopienamente integrati nell’ambiente di lavoro del Policlinico e saranno illustrate lorole metodologie operative e i processi organizzativi della struttura sanitaria, conparticolare riferimento alle attività di Pronto Soccorso.Il Cantiere“Il Cantiere” è una ONLUS formata da professionisti e da operatori culturali, chededicano il loro tempo libero al volontariato, mettendo a disposizione le esperienzeacquisite presso importanti aziende di informazione o presso istituzioni culturalidurante una lunga attività lavorativa. Obiettivo de "Il Cantiere" è quello dimigliorare l’inserimento dei giovani nella società e nella famiglia.Questo scopo è sintetizzato nella stessa scelta del nome "Il Cantiere": costruire lapropria persona, liberando le potenzialità sommerse e le espressioni creative nei varisettori della cultura, quali la comunicazione multimediale, la lettura interpretativa, ilteatro, l’arte e la manualità espressiva. Il fine de “Il Cantiere” è anche quello di“costruire” un impegno motivato del tempo libero, attraverso la realizzazione deisuoi laboratori culturali, per offrire ai giovani interessati la possibilità di conoscerese stessi, il valore di un’esperienza personale e di sperimentare la propria vocazioneespressiva.European Youth CongressIl Congresso rappresenta un’occasione di contatto diretto con le istituzionidell’Unione Europea e di riflessione sul ruolo della donna nella società, nellapolitica e nella famiglia. Il Congresso si svolge ogni anno a Bruxelles, subito dopogli esami del I semestre e prevede: incontri e colloqui con europarlamentari; la visitaal Parlamento Europeo durante una sessione di lavori; la partecipazione a workshoped a laboratori; l’incontro e l’interazione con studenti di altri paesi europei; lacreazione di gruppi di lavoro e di studio.L’Associazione Andrea Tudisco ONLUSL’Associazione Andrea Tudisco ONLUS sostiene azioni che migliorano la qualitàdella vita di tutti ed in particolar modo dei bambini con gravi patologie, in curapresso le strutture ospedaliere romane.LAss.ne gestisce due strutture di accoglienza, "La Casa di Andrea" e "Il PiccoloNido" tramite le seguenti attività:- servizio di ludoterapia presso i reparti pediatrici del Policlinico “A. Gemelli” e S. Andrea di Roma;- servizio di assistenza domiciliare;- supporto psicologico, individuale ed al sistema familiare;- attività di assistenza sociale e legale; 48
  47. 47. - attività di clown terapia presso l’Ass.ne e i principali ospedali di Roma.Gli studenti della UER possono fornire contributi nello svolgimento di talune dellesuddette attività osservative e laboratoriali.Corte Internazionale di Giustizia e Corte Penale InternazionaleGli studenti partecipano ad una visita presso le Corti, preceduta da incontri diformazione tenuti presso lUniversità. Lattività si svolge in lingua inglese e sirivolge preferibilmente agli studenti di Giurisprudenza e Storia.Rome Model United NationsIl progetto permette agli studenti partecipanti di apprendere in maniera pratica glistrumenti della diplomazia multilaterale tipici delle Nazioni Unite.I lavori si svolgono in lingua inglese con centinaia di studenti provenienti da altriAtenei sia italiani che stranieri. I temi discussi sono tutti orientati al sociale.Progetto CaritasLUniversità ha avviato una collaborazione con la Cooperativa Roma Solidarietà peril coinvolgimento degli studenti in alcuni dei servizi promossi dalla Caritas nellearee di ascolto-accoglienza e immigrazione, presso i seguenti centri: centro di primaaccoglienza per madri con bambini senza fissa dimora "Casa di Cristian"; Centro diaccoglienza Villino “La Palma” per donne richiedenti asilo o rifugiate politiche;Asilo nido “Piccolo Mondo”; casa di accoglienza e centro diurno “Santa Giacinta”.Progetto EMA ROMAIl progetto, in convenzione con lAssociazione Donatori Volontari di Sangue EMAROMA, prevede il coinvolgimento di alcuni studenti nelle attività di preparazione eraccolta esterna di sangue, ricerca e sviluppo di nuovi gruppi di donatori periodicipresso enti e aziende, preparazione e partecipazione attiva ad eventi per donatori estudenti, preparazione di conferenze scolastiche per la sensibilizzazione alladonazione del sangue.CONTATTI:CEFI: Ufficio BT01 – piano terra, settore BE-Mail: Lorenza Cannarsa: lcannarsa@unier.it - David Apa: dapa@unier.it 49
  48. 48. 2. Laurea Triennale in Scienze Storiche (L – 42) - (adesaurimento)2.1. Obiettivi e percorso formativoIl Corso di laurea in Scienze Storiche (L-42) si propone di fornire allostudente una formazione umanistica di base, finalizzata allindagine storica,mediante lapprendimento delle principali metodologie di ricerca e dellenozioni fondamentali delle discipline e delle tecniche ausiliarie. Si tratta diuna premessa metodologica fondamentale per acquisire nell’arco deltriennio una solida preparazione sulle linee generali della storia umana nelsuo complesso, con precipuo approfondimento della storia dell’Europa e delmondo mediterraneo, dall’antichità all’età contemporanea. Questo obiettivosarà realizzabile mediante la contemporanea acquisizione delle metodologiee dei linguaggi che sono alla base dell’indagine storica. In particolare sarànecessario acquisire: un’adeguata familiarità con le diverse tipologie difonti storiche, di linguaggi e di stili storiografici; la conoscenza delleprincipali correnti storiografiche e dei grandi dibattiti sui fondamentalieventi della storia occidentale; un addestramento alla acquisizione di unlinguaggio storiografico chiaro e rigoroso, che soddisfi le esigenzedellesposizione scientifica e quelle della didattica e della divulgazione;l’acquisizione delle competenze necessarie per svolgere attività diconsulenza nellambito delle comunicazioni e per valorizzare le memoriestoriche, attraverso le nuove tecnologie di gestione dei dati e dipresentazione multimediale.Per quanto riguarda il percorso formativo, il corso di laurea prevede traprimo e secondo anno l’insegnamento comune a tutti gli studenti dellediscipline di base per lo studio della civiltà europea. In particolare, siaffronterà lo studio della storia antica (con precipua attenzione al mondogreco e romano), medievale, moderna e contemporanea, con unapprofondimento della storia dell’Europa orientale. Al tronco storico siassocia lo studio del pensiero filosofico, della letteratura latina e di quellaitaliana. Un percorso di formazione parallelo è altresì dedicato allo sviluppostorico delle forme artistiche dall’età antica in poi.A partire dal secondo anno, il percorso formativo consente allo studente diintegrare la sua formazione di base con le competenze legate a due diversiindirizzi di studio: Il primo indirizzo è quello a carattere storico-politico-internazionale. Esso offre agli studenti i principali strumenti per comprendere le linee 50
  49. 49. evolutive del pensiero, delle istituzioni e della prassi politica dallAntichità allEtà contemporanea. Il secondo indirizzo è quello a carattere storico-religioso. Con questo indirizzo si intende fornire un quadro di riferimento concettuale in relazione al pensiero e alle istituzioni religiose, nelle sue fondamentali relazioni con le scienze umane in genere.Entrambi gli indirizzi comprendono attività formative finalizzateallacquisizione di conoscenze di base nei vari campi della Storia, conriguardo ai processi di cambiamento delle tradizioni, dei sistemisociopolitici e dei sistemi economici, connettendo i vari insegnamentispecialistici in un sistema coerente di conoscenze teoriche. LUniversitàorganizza, in accordo con Enti pubblici e privati, i tirocini, gli stages ed icorsi di orientamento più opportuni per concorrere al conseguimento degliobiettivi prefissati.Il corso prevede anche l’acquisizione di abilità linguistiche edinformatiche che consentano di svolgere le attività professionali, con ilpieno dominio delle più moderne tecnologie e che favoriscano rapporti erelazioni a livello internazionale.Lo svolgimento di stages e tirocini consentirà di tradurre le conoscenzeteoriche in esperienze professionali e favorirà l’immediato inserimento nelmondo del lavoro e delle attività produttive.Il metodo degli studi presuppone la formazione di una comunità di docentie di studenti animata dalla ricerca della verità e del sapere e dalla tensioneverso una serena esperienza di vita.I laureati saranno altresì in grado di accedere al corso di laurea magistralein Storia della Civiltà cristiana (LM- 84), finalizzato all’acquisizione diuna formazione di livello avanzato per l’esercizio di attività di elevataqualificazione, soprattutto nei settori della ricerca storica,dell’insegnamento nella scuola secondaria, pubblica e privata,dell’amministrazione e della comunicazione.2.2. Sbocchi professionaliI laureati del corso di laurea saranno in grado di svolgere attivitàprofessionali nelle aree tradizionali della ricerca in scienze storiche escienze umane; nella comunicazione e nelleditoria.Potranno svolgere compiti a vari livelli nella pubblica amministrazione e inenti pubblici e privati: ufficio personale, ufficio studi e ricerca, ufficiostampa e pubbliche relazioni, gestione del patrimonio culturale, promozioneculturale, servizi sociali. In particolare, i laureati svolgeranno attività 51
  50. 50. professionali presso enti pubblici e privati o istituti di cultura di tipospecifico (fondazioni, biblioteche, archivi, musei, centri di documentazione)che operano nei settori dei servizi culturali, sociali e del recupero, tutela,gestione e valorizzazione di beni storici e delle tradizioni e identità locali(Comuni, Province, Regioni, uffici di relazioni pubbliche, organizzazioniinternazionali, ecc.), nonché nellambito delle carriere legate allaprofessionalità intellettuale (editoria, comunicazione, gestionedellinformazione e delle risorse umane, industria culturale e pubblicaamministrazione).I laureati saranno altresì in grado di accedere a corsi di laurea magistraledi area umanistica finalizzati all’acquisizione di una formazione di livelloavanzato per l’esercizio di attività di elevata qualificazione, soprattutto neisettori della ricerca storica, dell’insegnamento nella scuola secondaria,pubblica e privata, dell’amministrazione e della comunicazione.2.3. Programma degli studi nell’anno accademico 2012/2013Nell’ A.A. 2012/2013 è attivo solo terzo anno del corso di Laurea Triennalein Scienze Storiche, pertanto nel corrente anno accademico si svolgeranno iseguenti insegnamenti: 52
  51. 51. CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE STORICHE (L – 42) (attivato nell’A.A. 2010/2011 ai sensi del D.M. 270/04) TERZO ANNO (a.a. 2012-2013) Periodo diAttività formative Ambito disciplinare Insegnamenti S.S.D. C.F.U. insegnamento Discipline letterarie e storico-artistiche Storia della lingua italiana L-FIL-LET/12 I semestre 6 Discipline letterarie e storico-artistiche Storia dell’arte moderna L-ART/02 I semestre 6Di base Antropologia, diritto, economia e Arte e tradizioni popolari nel Medioevo M-DEA/01 I semestre 6 sociologia Discipline filosofiche, pedagogiche, La conoscenza e l’azione nel pensiero cristiano1 M-FIL/03 I semestre 6Caratterizzanti psicologiche e storico-religiose Storia moderna e contemporanea Storia dell’Europa orientale M-STO-03 I semestre 6 A scelta dello studente 12 Stage e tirocini di orientamento professionale 4 Lingua straniera 4 Prova finale 4 TOTALE CREDITI ATTIVITÀ COMUNI TERZO ANNO 54 curriculum storico-religiosoAffini e Attività formative Storia del Cristianesimo in Oriente L-OR/10 II semestre 6integrative affini o integrative curriculum storico politico-internazionaleAffini e Attività formative Storia e istituzioni delle Americhe SPS/05 II semestre 6integrative affini o integrative
  52. 52. TOTALE CREDITI TERZO ANNO 60 1 L’insegnamento “Filosofia morale” è ridenominato “La conoscenza e l’azione nel pensiero cristiano”.
  53. 53. 2.4. Orario delle lezioniAvvertenza: Il programma delle lezioni potrebbe subire temporanee modifiche per cause di forza maggiore. Le eventuali variazioni sarannotempestivamente comunicate sia verbalmente che mediante annunci nelle bacheche del Corso di Laurea e nel sito Internet dellUniversità. III ANNO - I SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia La conoscenza e La conoscenza e Storia dell‟Europa (9,00 -9,45) dell‟Europa l’azione nel pensiero l’azione nel pensiero orientale II orientale cristiano cristiano (Lenzi) (Lenzi) (10,00-10,45) (Gagliardi) (2) (Gagliardi) (2) III (11,00-11,45) Storia dell’arte Storia dell’arte Storia della lingua Storia della lingua Attività a moderna moderna italiana italiana scelta dello IV (Barbieri) (Barbieri) (Becherucci) (Becherucci) studente e (12,00-12,45) studio (13,00-14,45) personale V Arte e tradizioni Attività a (15,00-15,45) popolari nel scelta dello Attività a scelta Attività a scelta dello Attività a scelta dello VI Medioevo studente e dello studente e studente e studio studente e studio (16,00-16,45) (Salvarani) (1) studio studio personale personale personale VII personale (17,00 – 18,45)(1) Il corso prevede delle visite esterne, valide come lezioni, che si terranno di sabato(2) Il corso inizierà a partire dal 10 ottobre

×