VALORIZZARE L’IDENTITÀ E L’AUTONOMIA <ul><li>Proporre l’innovazione nel Friuli: </li></ul><ul><ul><li>Si può? </li></ul></...
COSA VOGLIAMO FARE? Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione <ul><li>Costruire un  GRANDE FRIULI  </li></ul><ul><li>Per far...
COSTRUIRE UN GRANDE FRIULI <ul><li>Se vogliamo costruire un grande Friuli, è necessario avere dei valori chiari: </li></ul...
LE BASI PER UN GRANDE FRIULI <ul><li>I  GIOVANI   di una terra fra le più scolarizzate d‘Europa devono essere  realmente c...
IDENTITÀ, LA NOSTRA FORZA <ul><li>Il Friuli non è un’isola felice e neppure infelice: semplicemente  non è un’isola ! </li...
IDENTITÀ, LA NOSTRA FORZA <ul><li>In un mondo  aperto e globale , chiudersi nel proprio orticello e guardarsi allo  specch...
AUTONOMIA E INNOVAZIONE <ul><li>Come affrontare e vincere questa sfida? </li></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione
AUTONOMIA E INNOVAZIONE <ul><li>Quindi , pianificare una  riforma delle relazioni </li></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e In...
MODELLO REGIONALE DI  SVILUPPO SOCIO-ECONOMICO <ul><ul><li>OBIETTIVO   STRATEGICO: </li></ul></ul><ul><li>Promuovere lo sv...
SISTEMA DEGLI OBIETTIVI <ul><li>SBUROCRATIZZARE IL SISTEMA ,  dove oggi tutti fanno tutto, ridefinendo  ruoli  e  competen...
OSTACOLI DA SCAVALCARE <ul><li>Le  RESISTENZE   TRASVERSALI  al cambiamento, legate soprattutto alle lobby di “ consevator...
SCELTE STRATEGICHE  <ul><li>Il modello di sviluppo propone di operare sulla  ridefinizione  di ruoli, compiti e competenze...
CENTRI DI  ASSISTENZA PROVINCE  COMUNI  ENTI TERRITORIALI REGIONE ISTITUZIONI INDIRIZZO E CONTROLLO PROGRAMMAZIONE GESTION...
<ul><li>Schematizzazione del modello di sviluppo </li></ul><ul><li>Suddivisione precisa di ruoli, compiti, responsabilità ...
Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione <ul><li>Applicazione del modello di sviluppo per la riforma del settore agricolo <...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Un nuovo modello di sviluppo per il Friuli

610 views

Published on

In questo lavoro, propongo un modello completo e integrato che consente di identificare chiaramente le linee guida dello sviluppo del Friuli, partendo dalla ripartizione dei compiti tra i vari soggetti componenti

Published in: Education, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
610
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
16
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Un nuovo modello di sviluppo per il Friuli

  1. 1. VALORIZZARE L’IDENTITÀ E L’AUTONOMIA <ul><li>Proporre l’innovazione nel Friuli: </li></ul><ul><ul><li>Si può? </li></ul></ul><ul><ul><li>Si deve! </li></ul></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione
  2. 2. COSA VOGLIAMO FARE? Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione <ul><li>Costruire un GRANDE FRIULI </li></ul><ul><li>Per far CRESCERE L'ITALIA </li></ul><ul><li>In UN'EUROPA SEMPRE PIU' GRANDE </li></ul>Perchè vogliamo entrare nell’agone della politica?
  3. 3. COSTRUIRE UN GRANDE FRIULI <ul><li>Se vogliamo costruire un grande Friuli, è necessario avere dei valori chiari: </li></ul><ul><ul><li>COSCIENZA nel valorizzare un territorio ricco di specificità </li></ul></ul><ul><ul><li>CONSAPEVOLEZZA delle proprie capacità e limiti </li></ul></ul><ul><ul><li>RESPONSABILITÀ nella gestione delle risorse (umane e materiali) </li></ul></ul><ul><ul><li>CORAGGIO nell'intraprendere riforme incisive </li></ul></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione
  4. 4. LE BASI PER UN GRANDE FRIULI <ul><li>I GIOVANI di una terra fra le più scolarizzate d‘Europa devono essere realmente coinvolti nello sviluppo socio-economico </li></ul><ul><li>L’ ECONOMIA deve essere di rete e ad alto valore aggiunto </li></ul><ul><li>L’ AMBIENTE , la CULTURA e le TRADIZIONI devono essere valorizzate e tutelate ad ogni livello </li></ul><ul><li>La DIGNITÀ INDIVIDUALE , la SICUREZZA e la SOLIDARIETA' SOCIALE devono essere le fondamenta per conciliare sviluppo e progresso </li></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione
  5. 5. IDENTITÀ, LA NOSTRA FORZA <ul><li>Il Friuli non è un’isola felice e neppure infelice: semplicemente non è un’isola ! </li></ul><ul><li>Crediamo che la forza dell’identità sta nella relazione: </li></ul><ul><ul><li>L’identità di una terra non è data solo dalle sue specificità (soggetto), ma nella capacità di relazionarsi con gli altri (es. con il mercato internazionale, con la realtà sociale, con le diverse realtà territoriali…) </li></ul></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione
  6. 6. IDENTITÀ, LA NOSTRA FORZA <ul><li>In un mondo aperto e globale , chiudersi nel proprio orticello e guardarsi allo specchio come un narciso è inutile </li></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione <ul><li>Confrontarsi , misurarsi con le potenzialità degli altri e se serve, reinventarsi : </li></ul><ul><ul><li>ECCO LA RICETTA PER RILANCIARE LA SFIDA E TROVARE I MEZZI PER COMBATTERLA!! </li></ul></ul>
  7. 7. AUTONOMIA E INNOVAZIONE <ul><li>Come affrontare e vincere questa sfida? </li></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione
  8. 8. AUTONOMIA E INNOVAZIONE <ul><li>Quindi , pianificare una riforma delle relazioni </li></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione
  9. 9. MODELLO REGIONALE DI SVILUPPO SOCIO-ECONOMICO <ul><ul><li>OBIETTIVO STRATEGICO: </li></ul></ul><ul><li>Promuovere lo sviluppo equilibrato del territorio regionale </li></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione MODERNIZZARE IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO ATTRAVERSO IL RIORDINO DEI RAPPORTI FRA I DIVERSI SOGGETTI OPERANTI
  10. 10. SISTEMA DEGLI OBIETTIVI <ul><li>SBUROCRATIZZARE IL SISTEMA , dove oggi tutti fanno tutto, ridefinendo ruoli e competenze di tutti i soggetti coinvolti </li></ul><ul><li>Attuare in modo coerente i principi di SUSSIDIARIETÀ e PARTENARIATO nella ridefinizione dei rapporti </li></ul><ul><li>Perseguire un nuovo modello di sistema dei SERVIZI DIFFUSI ed INTEGRATI in linea con le attese della società civile e delle specificità territoriali </li></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione
  11. 11. OSTACOLI DA SCAVALCARE <ul><li>Le RESISTENZE TRASVERSALI al cambiamento, legate soprattutto alle lobby di “ consevatorismo corporativo ” </li></ul><ul><li>Necessità di porsi OBIETTIVI NON MINIMALISTI valorizzando al meglio l’istituto dell’autonomia regionale </li></ul><ul><li>Darsi una STRATEGIA DI AMPIO RESPIRO , sapendo che le riforme dovranno interessare tutti i soggetti del sistema </li></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione
  12. 12. SCELTE STRATEGICHE <ul><li>Il modello di sviluppo propone di operare sulla ridefinizione di ruoli, compiti e competenze dei principali soggetti coinvolti : </li></ul><ul><ul><ul><li>Alla REGIONE e agli ENTI LOCALI e TERRITORIALI spettano competenze di indirizzo politico e di controllo delle linee di azione definite su basi programmatiche con le parti sociali. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Alle PARTI SOCIALI spettano competenze direttive di pianificazione degli interventi previsti in sede di programmazione con le istituzioni, da attuare con l’ausilio del sistema dei servizi. </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Alle CATEGORIE PROFESSIONALI spettano competenze di gestione integrata dei servizi strutturati in funzione degli indirizzi programmatici e di pianificazione. </li></ul></ul></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione
  13. 13. CENTRI DI ASSISTENZA PROVINCE COMUNI ENTI TERRITORIALI REGIONE ISTITUZIONI INDIRIZZO E CONTROLLO PROGRAMMAZIONE GESTIONALI SOGGETTI SOCIO-ECONOMICI PRESTATORI DI SERVIZI DATORIALI LAVORO PROFESSIONI PIANIFICAZIONE ATTUAZIONE DIREZIONALI OPERATIVE Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione CENTRI DI ASSISTENZA
  14. 14. <ul><li>Schematizzazione del modello di sviluppo </li></ul><ul><li>Suddivisione precisa di ruoli, compiti, responsabilità </li></ul>Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione
  15. 15. Ugo Del Fabro - Movimento e Innovazione <ul><li>Applicazione del modello di sviluppo per la riforma del settore agricolo </li></ul><ul><li>Ogni soggetto partecipa secondo le sue competenze e il suo ruolo </li></ul>

×