Wikipedia non e' una democrazia!

1,262 views

Published on

Presentazione realizzata per il convegno "Forme e paradossi della Democrazia Digitale" (10 Ottobre 2008, Università Bicocca).
Su YouTube un video ripreso dal pubblico
http://www.youtube.com/watch?v=3u72-0uPfSs

Published in: News & Politics, Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,262
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
14
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Wikipedia non e' una democrazia!

  1. 1. Wikipedia, l’enciclopedia libera Milano, 10 ottobre 2008 Frieda Brioschi Presidente di Wikimedia Italia L’enciclopedia a contenuto libero che tutti possono collaborare a scrivere Wikipedia non è una democrazia!
  2. 2. Demo..che? Il termine democrazia deriva dal greco δήμος (démos): popolo e κράτος (cràtos): potere, ed etimologicamente significa governo del popolo. Il concetto di democrazia non è cristallizzato in una sola versione o in un'unica concreta traduzione, ma può trovare ed ha trovato la sua espressione storica in diverse espressioni ed applicazioni, tutte caratterizzate peraltro dalla ricerca di una modalità capace di dare al popolo la potestà effettiva di governare.
  3. 5. E- <ul><li>E-Democracy , neologismo della lingua inglese che deriva dalla contrazione di Electronic Democracy (Democrazia Elettronica) con cui comunemente si intende l'utilizzo delle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione (in inglese Information and Communication Technologies - ICT) all'interno dei processi democratici. Considerata l'origine recente del termine (seconda metà degli anni '90), la sua definizione è ancora abbastanza controversa sia dal punto di vista teorico, sia per quanto riguarda le esperienze pratiche cui si fa riferimento. </li></ul><ul><li>In linea generale si può dire che nella categoria di Democrazia Elettronica, sono comprese le pratiche e le sperimentazioni di utilizzo delle tecnologie telematiche (Internet in particolare ma anche telefonia mobile) da parte dei cittadini per partecipare alle scelte politiche delle istituzioni democratiche di qualsiasi livello (locale, nazionale, sovranazionale, internazionale). </li></ul><ul><li>Per quanto ancora connotati da una certa debolezza, sono parecchie le iniziative e-democracy sviluppatesi in maniera più o meno sviluppata nell'ultimo quindicennio, da E-Democracy.org (associazione di cittadini nata nei tardi anni Novanta in Minnesota capace di indirizzare attraverso il dibattito e la pressione le elezioni locali e le successive scelte amministrative, tanto da diventare un modello esportabile) alle elezioni politiche lituane del marzo 2007, le prime a svolgersi con il voto on line. </li></ul><ul><li>In materia ambientale, l'Europa ha mosso i primi passi verso l'implementazione dei principi partecipativi attraverso la convenzione stipulata ad Århus, Danimarca, il 25 giugno 1998. Ratificata dall'Italia con la legge 16 marzo 2001, n. 108, la Convenzione richiede ai governi di intervenire in tre settori: garantire ad un pubblico il più vasto possibile (persone fisiche o giuridiche, associazioni, gruppi o organizzazioni) il diritto di accesso alle informazioni ambientali detenute dalle istituzioni e dagli organi comunitari; prevedere che le informazioni in materia ambientale siano messe a disposizione del pubblico attraverso banche dati elettroniche facilmente accessibili; prevedere la partecipazione del pubblico all'elaborazione di piani e programmi in materia ambientale da parte della Comunità. </li></ul><ul><li>L'Italia ha, attraverso il Ministero dell'Ambiente, presentato nel maggio 2005 il primo rapporto sull'applicazione della Convenzione e nel dicembre 2007 ne ha pubblicato un primo aggiornamento, nel frattempo dando attuazione alla direttiva comunitaria 2001/42/CE sulla valutazione ambientale strategica, nota come VAS, comprendente una fase di consultazione del pubblico. La direttiva, recepita dallo Stato italiano con il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 162, è stata fatta propria anche dalle regioni, spesso ricalcando l'iter della VAS comunitaria. </li></ul><ul><li>Voci correlate </li></ul><ul><li>Webarchia </li></ul>
  4. 6. Wiki..che? <ul><li>Wikipedia è una enciclopedia multilingue, a contenuto libero, scritta da redattori volontari attraverso un progetto collaborativo sostenuto da una associazione no-profit americana, la Wikimedia Foundation </li></ul><ul><li>Wikipedia è stata creata per rendere la conoscenza accessibile a chiunque, ovunque si trovi, nella propria lingua. </li></ul><ul><li>In sintesi Wikipedia si propone di fornire informazioni libere, neutrali (NPOV), nel maggior numero possibile di lingue, e aggiornate. </li></ul>
  5. 7. Ma libera vuol dire che posso farci quel che voglio?
  6. 8. Storia 1999 Richard Stallman: “ Il world wide web ha le potenzialità per svilupparsi in un’enciclopedia universale che copra tutti i campi della conoscenza” <ul><li>2001 </li></ul><ul><li>Jimmy Wales e Larry Sanger creano Wikipedia, l’enciclopedia che può essere liberamente </li></ul><ul><li>letta, </li></ul><ul><li>scritta, </li></ul><ul><li>riutilizzata (v. GFDL) </li></ul>2005 nasce Wikimedia Italia
  7. 9. Chi partecipa? Tutti! <ul><li>Wikipedia è un WikiWikiWeb ( wiki = veloce, in hawaiano ) </li></ul><ul><li>Il processo, tramite il wiki, permette ai partecipanti di essere in una comunità che: </li></ul><ul><li>coopera sulle voci disponibili o ne crea di nuove </li></ul><ul><li>può modificare tutto </li></ul><ul><li>crea le convenzioni in uso </li></ul><ul><li>senza che sia nemmeno necessaria la registrazione al sito! </li></ul>
  8. 10. Le due facce della medaglia <ul><li>il contenuto raddoppia di dimensione ogni quattro o sei mesi </li></ul><ul><li>più crescono le risorse più aumentano gli utenti </li></ul><ul><li>i vandali, coloro che presentano solo la propria opinione e le persone che non intendono partecipare in maniera costruttiva, rallentano il nostro lavoro </li></ul><ul><li>non esiste un vero e proprio piano editoriale: gli argomenti sono scelti liberamente dagli utenti, possono pertanto esserci argomenti sviscerati in profondità accanto ad altri trascurati </li></ul><ul><li>la critica di fondo: l'assenza di un'operazione di revisione sistematica e di validazione dei contenuti </li></ul>
  9. 11. La comunità wikipediana <ul><li>tutte le decisioni vengono prese tra i partecipanti attivi al momento </li></ul><ul><li>la validazione dei contenuti è fatta dagli stessi partecipanti </li></ul><ul><li>su Wikipedia inoltre si discute ed è possibile discutere tutto (ogni pagina ha associata una “pagina di discussione”) </li></ul><ul><li>il nostro valore sta nella comunità, non nell’insieme dei singoli partecipanti </li></ul>
  10. 12. Chi garantisce la validità dei contenuti di Wikipedia?
  11. 13. [nessuno]
  12. 14. Cosa Wikipedia non è? <ul><li>Wikipedia è una enciclopedia , non un esperimento di democrazia della maggioranza. Il suo metodo primario di ricerca del consenso è la discussione, non il voto. L'opinione della maggioranza assoluta non governa necessariamente Wikipedia. Vengono condotte regolarmente diverse votazioni, ma i loro risultati numerici sono solo uno dei tanti mezzi per prendere una decisione. </li></ul><ul><li>non esiste un &quot;diritto di voto&quot; o di rappresentanza, perché lo scopo del progetto è scrivere voci, non dare rappresentanza. L'obiettivo è piuttosto la neutralità, e le votazioni sono utili per approssimarla.. </li></ul>
  13. 15. ..tuttavia.. Wikipedia, comunque, è di fatto una democrazia nel senso dato al termine da teorici politici come Hannah Arendt e Robert Dahl. Dahl definisce la democrazia come un sistema politico nel quale ogni individuo interessato da una decisione ha l'opportunità di intervenire in quella decisione . Arendt rileva dal canto suo che la legge della maggioranza è semplicemente una procedura di decisione e la democrazia un sistema politico basato su un dialogo aperto .
  14. 16. 26 gennaio 2005, WikiEN-list
  15. 17. [email_address] http://it.wikipedia.org http://www.wikimedia.it

×