Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Libro Ardizzone-Rivoltella

Presentazione aspetti significativi volume di Paolo Ardizzone e Pier Cesare Rivoltella

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to comment

Libro Ardizzone-Rivoltella

  1. 1. Convegno Ssis - 27 maggio 2008 Milano - Università Cattolica Giuseppe Tortora tortora@unina.it Paolo Ardizzone - Pier Cesare Rivoltella Media e tecnologie per la didattica Vita&Pensiero - Milano 2008 Le immagini sono tratte dalle opere dello scultore gardenese Adolf Vallazza http://www.adolfvallazza.com/
  2. 2. Un pesce fuor d’acqua • La lettura filtrata da mie esperienze – Corso di Storia della filosofia – Direttore Corso Perfezionamento – CampusOne: Content to people – Responsabilità scientifica Elf – Docenza Sicsi
  3. 3. I fondamentali  La scuola  non è training professionale,  ma spazio di elaborazione della cultura.  Agli studenti  Non solo alfabetizzazione informatica  ma competenze di riflessione critica  sui contenuti e  sui processi.  Tecnologia come possibilità di accesso all'informazione  selettivo e  consapevole  La cittadinanza attiva implica oggi uso responsabile della tecnologia
  4. 4. Media = non solo strumenti • Spazio di lavoro per • trasmissione della cultura • costruzione della cultura • Arena simbolica • di confronto interpersonale tra diverse • interpretazioni • elaborazioni ideologiche • di negoziazione dei significati • di creatività personale • Opportunità di nuovi percorsi • educativi e • didattici
  5. 5. Trappole • Termini come 'tecnologie educative' o 'tecnologie didattiche' – l'educativo passa in secondo piano – In certi discorsi primato riconosciuto proprio al didattico – In tutti domina l’aspetto tecnologico • Media education – “Education to” – “Education with”
  6. 6. Conditio sine qua non • «Contro la tentazione del determinismo tecnologico, occorre riaffermare con forza la necessità che l'intero processo di introduzione della tecnologia in scuola sia accompagnato da – un'adeguata formazione degli insegnanti – una consapevolezza organizzativa da parte di chi gestisce il sistema- scuola»
  7. 7. Sfide • Promuovere criteri e competenze di selezione tra le molte e diverse offerte – di informazioni – e soprattutto di modelli • Riallineare adulti e ragazzi relativamente alle conoscenze e alle pratiche della tecnologia • Rendere routinaria l’attività laboratoriale nella elaborazione dei contenuti d’esperienza e di studio • Riconfigurare il rapporto “modellizzante” dell’adulto
  8. 8. Facilitazione? Un altro aspetto rilevante che giustifica la presenza di media e tecnologie nella scuola è l'azione di • facilitazione e • personalizzazione degli apprendimenti Non si tratta tanto di facilitazione nel senso di 'rendere più facile', quanto nel senso di 'far venir fuori', 'promuovere', 'aiutare ad emergere'. È come se, in senso ampio, le tecnologie creassero l'occasione per avviare una riconsiderazione di sé e della propria identità personale, di insegnanti e anche di studenti.
  9. 9. Cittadinanza • I Media promuovono relazioni, scambi e circolazione delle rappresentazioni, • Possono giocare un ruolo nella formazione della consapevolezza della cittadinanza • Le didattiche collaborative blended sono adeguate a sviluppare questo potenziale educativo, con attività incentrate sull'interazione e sul lavoro di piccolo gruppo. • Grazie alle tecnologie di Rete [blog diaristici, le mappe collaborative, forum, chat, mailing, i wiki, la scrittura condivisa,] – Si dilatano i tempi dell’azione formativa – Si negoziano regole – Si distribuiscono le situazioni di lavoro, – Interazione tra singolo e gruppo – Si scambiano ruoli e responsabilità.
  10. 10. Screen Generation Internet • Ha prodotto la perdita di centralità del consumo televisivo • Ma - contrariamente a quanto ipotizzato - non vampirizza il tempo libero dei ragazzi • Si aggiunge agli altri consumi, si ritaglia il proprio spazio, ma nulla toglie agli altri media • Ragazzi vivono la società multischermo.
  11. 11. Videogiochi. Il dormiglione (Allen) Sono macchine cognitive Stimolano • adozione di strategie e tattiche • la capacità di prendere decisioni sulla base della valutazione degli elementi in proprio possesso; • la capacità di derivare inferenze attraverso la simulazione di scenari futuri possibili • la capacità di risolvere problemi; • la capacità di perseguire contemporaneamente più compiti
  12. 12. Insegnanti e scuole • Insegnanti: un uso domestico della tecnologia  o per preparazione delle lezioni  o per ricerca di informazioni o materiali • Lontana l'idea che le tecnologie possano costituire un valore aggiunto per il lavoro della classe, favorendo  usi collaborativi  costruzione della conoscenza • Non a caso l'allocazione dei PC è il laboratorio di informatica: rappresentazione della tecnologia come di qualcosa che non appartiene all'ordinario della didattica quotidiana.
  13. 13. Insegnante etnografo Esistono mediaculture, cioè mondi di significati che i giovani costruiscono interagendo  tra loro  e con i media. L’insegnante • deve svolgere azione sul campo come osservatore partecipante • deve adottare strumenti come – Intervista sul vissuto – Focus group – Osservazione delle dinamiche – Strumenti autobiografici
  14. 14. Comunità - Virtuale e reale • Comunità di discorso – Conversazione informale • Comunità di pratiche – Condivisione di bisogni e soluzioni • Comunità di costruzione della conoscenza – Progettualità personale • Comunità di apprendimento – Percorsi formalizzati
  15. 15. Valutazione • Prodotti e processi • Conoscenze, abilità e competenze • Percorso formativo:  sapere  saper fare  saper essere  Competenza integra • Atteggiamenti • Doti personali • Stili di presenza • Tre dimensioni della competenza  Oggettiva (comportamenti)  Soggettiva (risorse interne: cognitive, motivazionali, decisionali)  Intersoggettiva (capacità d’interazione)
  16. 16. Portfolio delle competenze • Sia per l'insegnante che per l'allievo: vantaggio del portfolio per  Ricupero e comparazione dei diversi momenti di un percorso diacronico;  Riflessione sulla pratica formativa  Autoriflessione su compiti e funzioni • Lo studente – ne guadagna in autoconsapevolezza • L’ insegnante: – La valutazione diviene meno estemporanea, più fondata, più completa – La riprogettazione: più ricca
  17. 17. Didattica della filosofia (1) • I nuovi media delineano la fisionomia di un mondo • multidimensionale e • non riducibile ad omogenei principi d'ordine, • Essi enfatizzano la centralità della relazione nella strutturazione • dei mondi e • degli ambienti in cui viviamo • Lasciano spazio all’emergere di interrogativi ontologici, gnoseologici ed etici • Costituiscono l'occasione per riflessioni antropologiche coerenti con prospettive filosofiche contemporanee • Trovano humus adatto in ambienti in cui è posto l'accento – sulla pluralità e – sulla complessità come dimensioni costitutive del reale.
  18. 18. Didattica della filosofia (2) ICT favoriscono l’atteggiamento filosofico: • Analisi accurata e stringente delle idee, dei linguaggi, delle prospettive di fondazione del discorso filosofico, • Adozione dell'approccio diretto ai testi, nell'ottica – di formare capacità critiche – e di perfezionare l'attitudine alla riflessione ICT valorizzano l’essenza dialogica del fare filosofia, proponendo opportunità • di d'incontro-confronto • di ascolto critico • di discussione delle argomentazioni • di motivazione razionale delle posizioni • di cooperazioni e collaborazioni
  19. 19. Didattica della filosofia (3) • Ipertestualità – Conoscenza si costruisce • con percorsi personali fatti di autonome decisioni • Con adozione della logica della complessità • Multimedialità – Sul piano rappresentativo e comunicativo il contenuto s’accresce dell’interazione dei codici comunicativi • Ricerca – Le tecnologie di rete facilitano pratiche euristiche
  20. 20. Altri contributi • Il docente costruttivista (Andrea Varani) – Ambienti di apprendimento; dinamiche relazionali; sostegno. • Tutoring e metariflessione (Tarcisio Lodrini) – Tutor d’aula e di rete; dimensione dialogica; valore del vissuto. • Didattica delle scienze umane (Maria Gioele Infantino) – Edwin Abbott: Flatlandia; mente poetica

    Be the first to comment

    Login to see the comments

  • massimiliano.andreoletti

    Dec. 8, 2008
  • ndotiis31

    Jan. 26, 2009
  • epep

    May. 6, 2009
  • valentinagambale

    May. 15, 2012
  • francescasalvagno3

    Jun. 24, 2014

Presentazione aspetti significativi volume di Paolo Ardizzone e Pier Cesare Rivoltella

Views

Total views

2,715

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

51

Actions

Downloads

0

Shares

0

Comments

0

Likes

5

×