Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Presentation

469 views

Published on

Published in: Technology, Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Presentation

  1. 1. Tommaso Ognibene
  2. 2.  Attività principale: è un sito Internet che offre l’indicizzazione di file «.torrent» per la rete «BitTorrent»  Proprietario: Peter Sunde Kolmisoppi, Gottfrid Svartholm, Fredrik Neij  Sede principale: Svezia (Parlamento svedese – Partito Pirata e Ambasciata della Corea del Nord), Olanda  Dimensioni: 94 (Alexa Traffic Rank)
  3. 3.  Art. 171-ter, comma 2, lettera a-bis LDA «È punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da euro 2.582 a euro 15.493 chiunque» «in violazione dell'art. 16, a fini di lucro, comunica al pubblico immettendola in un sistema di reti telematiche, mediante connessioni di qualsiasi genere, un'opera dell'ingegno protetta dal diritto d'autore, o parte di essa»  Art. 16 LDA «Il diritto esclusivo di comunicazione al pubblico» «non si esaurisce con alcun atto di comunicazione al pubblico»  Art. 110 CP «Quando più persone concorrono nel medesimo reato, ciascuna di esse soggiace alla pena per questo stabilita»
  4. 4. 1. 01/08/2008 – Procura di Bergamo: il GIP dispone che i providers italiani inibiscano l’accesso al sito web www.thepiratebay.org 2. 24/09/2009 - Il Tribunale per il riesame annulla il sequestro preventivo 3. 29/09/2009 - La Corte di Cassazione cassa la pronuncia del Tribunale per il riesame e rinvia gli atti al GIP
  5. 5. 1. The nature of the service provided: 2. Interpreting the “mere conduit” provision: 3. Injunction relief:
  6. 6. Utente / Client Upload del file YouTube Server Download del file Utente / Client
  7. 7. 1. The nature of the service provided: 2. Interpreting the “mere conduit” provision: 3. Injunction relief:
  8. 8. Utente / Client Upload del file .torrent The Pirate Bay Server Download del file .torrent Utente / Client
  9. 9.  Interazioni nelle reti P2P ◦ destinatari determinati  diritto di comunicazione (art. 15 Cost.) ◦ destinatari indeterminati  diritto di informazione (art. 21 Cost.)  Diritto alla riservatezza dei dati personali ◦ Caso «Peppermint»  illecito monitoraggio  divieto di autotutela  Responsabilità penale personale ◦ indirizzi IP e imputazione della condotta ◦ frammentazione dei file e quantità penalmente rilevante  Indagini preliminari ◦ Sniffing e atti garantiti
  10. 10. 1. Problema della giurisdizione 2. Problema della responsabilità dei gestori del sito thepiratebay.org 3. Problema dell’applicabilità del sequestro preventivo
  11. 11.  Codice Penale. Art. 6. Reati commessi nel territorio dello Stato. «Chiunque commette un reato nel territorio dello Stato è punito secondo la legge italiana. Il reato si considera commesso nel territorio dello Stato , quando l'azione o l'omissione, che lo costituisce, è ivi avvenuta in tutto o in parte, ovvero si è ivi verificato l'evento che è la conseguenza dell'azione od omissione».  Cassazione – Sentenza 4741/2000 (1) Il reato di diffamazione è un reato di evento (2) L’evento è costituito dall’elemento psicologico della percezione dei messaggi offensivi da parte di terzi (3) I destinatari possono trovarsi in luoghi non contestuali rispetto al luogo di pubblicazione del relativo sito (4) Qualora i messaggi, pubblicati in territorio estero, siano recepiti in territorio italiano, sarà competente il Giudice penale italiano in virtu’ dell’art. 6 CP
  12. 12.  La Corte respinge l’eccezione di difetto di giurisdizione ◦ Il reato si consuma in Italia  momento perfezionativo: «messa a disposizione dell’opera in favore dell’utente finale»  rilievi statistici: «elevatissimo numero di contatti al sito» → Guardia di Finanza → Alexa Traffic Rank ◦ «In caso di concorso di persone nel reato, ai fini della sussistenza della giurisdizione per i concorrenti, è sufficiente che nel territorio dello Stato sia stata posta in essere una qualsiasi attività di partecipazione da parte di uno qualsiasi dei concorrenti»
  13. 13.  Condotta penalmente rilevante: ◦ Concorre alla consumazione del reato chi agevola in qualsiasi modo lo scambio tra utenti di file tramite attività di condivisione degli stessi con modalità P2P  Condotta di The Pirate Bay: ◦ implementazione protocollo P2P (?) ◦ indicizzazione dei torrents ◦ predisposizione di un search engine  Giurisprudenza estensiva sull’istituto del concorso ◦ Cassazione, Sezione IV Penale – Sentenza 24895/2007  «contributo agevolatore» ◦ Cassazione, Sezione III Penale - Sentenza 33945/2006  «qualsiasi comportamento che fornisca un apprezzabile contributo»  «non è necessario un previo accordo»
  14. 14.  Secondo la Corte la condotta dell’imputato è essenziale per il nesso causale tra condotta degli utenti ed evento criminale ◦ «la tecnologia peer-to-peer decentra» «l’uploading» «ma non» «l’illegalità della diffusione» ◦ «rimane comunque un apporto del centro» «a ciò che fa la periferia» ◦ «se il sito web si limitasse a mettere a disposizione il protocollo di comunicazione» «il titolare del sito stesso sarebbe» «estraneo al reato» ◦ «estraneità del sito web» «solo nel caso» di «attività» «completamente agnostica»
  15. 15.  BitTorrent = protocollo P2P
  16. 16.  The Pirate Bay = protocollo P2P (?) + «quid pluris»
  17. 17.  Misure cautelari reali: sequestro preventivo: art. 321 CPP «Quando vi è pericolo che la libera disponibilità di una cosa pertinente al reato possa aggravare o protrarre le conseguenze di esso ovvero agevolare la commissione di altri reati» ◦ fumus commissi delicti ◦ periculum in mora  Cassazione – Sentenza 1573/2005 ◦ Relativamente a beni esistenti all’estero ◦ È legittimo il provvedimento di sequestro preventivo disposto ex ante la rogatoria internazionale ◦ Occorre distinguere tra:  Momento decisorio: competenza dell’autorità interna  Momento esecutivo: competenza dell’autorità straniera  Motivi di ricorso della difesa: ◦ Discrimine tra provvedimento di sequestro e provvedimento atipico di inibitoria ◦ Applicabilità su una res immateriale ◦ Applicabilità a soggetti estranei al processo
  18. 18.  Conformemente alla giurisprudenza precedente, la Corte afferma: ◦ Provvedimento complesso  sequestro preventivo del website  inibizione dell’accesso al website ◦ Ammissibilità del provvedimento  «vincolo di pertinenzialità col reato»  «inevitabile contenuto inibitorio» ◦ Potere speciale  artt. 14-17 D.lgs. 70/2003  «contempla che l’autorità giudiziaria possa richiedere al prestatore di tali servizi di impedire l’accesso al contenuto illecito» ◦ Proporzionalità  diritto alla fruizione di Internet  art. 21 Cost.
  19. 19.  Art. 171-ter, comma 2, lettera a-bis LDA → «fine di lucro» ◦ Cassazione, Sezione III Penale – Sentenza 149/2007  principio di necessaria offensività del reato  il «fine di lucro» non sussiste nel mero risparmio di spesa derivante dall’uso “personale” delle copie illegittime  Art. 171, comma 1, lettera a-bis LDA → senza «fine di lucro» ◦ Cassazione, Sezione III Penale – Sentenza 33945/2006  le «informazioni sul link e sulle modalità» determinano «efficienza causale sulla lesione del bene tutelato»  non rileva il carattere della condotta «posteriore all’immissione in rete delle opere protette» considerata dai giudici di prime cure «irrilevante ai fini penali»  Art. 17 D.lgs. 70/2003 → Responsabilità civile dell’Internet Service Provider ◦ Potere speciale dell’Autorità giudiziaria ovvero obbligo del provider  Provvedimento abnorme? “Sui provider fa legge il giudice” (Il Sole 24 Ore - 30 dicembre 2009)
  20. 20.  Stati sovrani → principio di territorialità → frammentarietà dei diritti nazionali → ineffettività del diritto  Inibitoria dell’accesso al website tramite ISP italiani → utilizzo di proxy servers

×