Libro foto 2013

1,678 views

Published on

Book Fotografico 2013 Roman Village Chapter

Published in: Art & Photos
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,678
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
852
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Libro foto 2013

  1. 1. MMXIII
  2. 2. MMXIII
  3. 3. ROMAN VILLAGE CHAPTER ITALY
  4. 4. Dedicato a TUTTI NOI
  5. 5. Photo could go here but it doesn’t have to.
  6. 6. Introduzione I l 15 settembre 2013 il  Roman Village Chapter ha festeggiato il suo 5° compleanno. Sembra ieri il giorno in cui, nella Concessionaria Harley-Davidson Roman Village di Fabio Della Vecchia e di Daniele e Mauro Lesti, in via Frascati n. 50 a Roma, è nata l’iniziativa di costituire l’omonimo Chapter da parte di un gruppo di entusiasti del bicilindrico: Vito Ballatore, Stefano Bischetti,  Daniele Dei, Alessandro Dejan,  William Fiore,  Daniele Giusti,  Roberto Novelli,  Claudio Pulcini,  Alessandro Rocchi,  Vincenzo Senatore ed  Enzo Stazi.  Il primo direttivo era formato, oltre che dagli sponsoring dealers, da Massimiliano Zoni (Director), Angelo De Santis (Assistant Director), Alessandro Bozzoli (Treasurer) ed Enzo Stazi (Secretary). Il tempo sembra volato da allora, come accade sempre quando si è sereni e così fortunati da riuscire a condividere
  7. 7. una forsennata passione con tanti straordinari amici. Il Roman Village Chapter è nato, vissuto e continuerà ad esistere con lo spirito di un vero Chapter, che secondo il manuale della H.O.G. è un’organizzazione: “che raggruppa persone che condividono la passione per la propria HarleyDavidson; che consente di avere l’opportunità di conoscere nuovi amici, divertirsi, supportare cause meritevoli e guidare la propria moto”. In questa definizione si ritrovano esattamente i principi che ispirano il nostro Chapter: amicizia; socializzazione e condivisione; divertimento; aiuto e responsabilità nei confronti degli altri meno fortunati; le nostre Harley-Davidson. La partecipazione al Chapter non vuol dire solo indossare un gilet uguale a quello degli altri, bere, mangiare e divertirsi insieme; significa anche qualcosa di più complesso: imparare a convivere con persone diverse, accettarne i lati
  8. 8. positivi e negativi, organizzare e costruire insieme, darsi una mano, formare una comunità con persone che altrimenti non avremmo mai conosciuto e che non necessariamente avremmo voluto conoscere, cementare. Il bello del Chapter è arrivarci da solo e andarsene in compagnia, dimenticando nei casi più fortunati i problemi quotidiani. Questo dovrebbe essere il senso primario delle uscite insieme in moto: guidare e divertirsi con il proprio “ferro” e allo stesso tempo avere l’opportunità di conoscere persone nuove, ampliare i propri orizzonti, condividere le proprie esperienze e conoscenze. Compagni di strada e di divertimento, nel Chapter sappiamo diventare una squadra e lavorare insieme al momento giusto. Per esempio, a giugno, insieme agli altri due Chapters romani, siamo stati infaticabili e orgogliosi protagonisti dei festeggiamenti per il 110° anniversario Harley-Davidson a Roma. 
  9. 9. Nel Chapter si viaggia, si mangia, si dorme, si ride e si ragiona insieme. Quante  amicizie, amori e vere famiglie sono nati tra i soci! Sono trascorsi cinque anni, l’iniziale gilet rosso pompeiano è stato sostituito dal classico gilet nero per uniformarci agli altri Chapters italiani e stranieri con i quali abbiamo ottimi rapporti e scambi di ospitalità. Nuove persone si sono aggiunte e altre ci hanno lasciato, ma i principi e i valori in cui crediamo sono rimasti sempre gli stessi. Oggi il Chapter conta 160 iscritti e i membri del Direttivo sono, oltre agli sponsoring dealers, Enzo Stazi (Director dal 2008), Alessandro Rocchi (Assistant Director), Mauro Bianchi (Treasurer) e Gianfilippo De Vecchis (Secretary). Percorriamo sulle nostre Harley circa 13.000 chilometri l’anno partecipando a numerosi eventi H.O.G. e non, nazionali
  10. 10. e internazionali. Tra gli altri, andiamo regolarmente all’Euro Festival di Saint Tropez, al Tuscany di Montecatini, al Faaker Am See, all’H.O.G. Inverno, agli Harley Days di Barcellona, ai Rally in Tunisia, oppure negli Stati Uniti lungo la Route 66, a Miami, Las Vegas, Milwaukee e Sturgis. Moltissima altra strada ci aspetta e nel frattempo speriamo di incontrare tantissimi altri compagni di viaggio e di vita con cui condividere in sella alle nostre rombanti sculture, riscaldati dal sole, infreddoliti dal vento o bagnati dalla pioggia, paesaggi spettacolari ed esperienze mai vissute prima. Enzo Stazi DIRECTOR
  11. 11. Our believe We believe in going our own way no matter which way the rest of the world is going. We believe in bucking the system that’s built to smash individuals like bugs on a windshields. Some of us believe in the man upstairs. All of us believe in sticking it to the man down here. We believe in the sky and we don’t believe in the sunroof. We believe in freedom. We believe in dust, tumbleweeds, buffalo, mountain ranges and riding off into the sunset. We believe in saddle bags and we believe that cowboys had it right. We believe in refusing to knuckle under to anyone. We believe in wearing black because it doesn’t show any dirt or weakness. We believe the world is going soft and we’re not going along with it. We believe in motor cycle rallies that last a week. We believe in road side attractions, gas station, hot dogs, and finding out what’s over the next till. We believe in rumbling engines, pistons, the size of garbage cans, fuel tanks designed in 1936, freight-train size headlights, Chrome and custom paint. We believe in flames and skulls. We believe life is what you make it And we make it one hell of a ride. We believe the machine you sit on Can yell the world exactly where you stand. We don’t care what everyone else believes. Amen.
  12. 12. Il nostro credo Noi crediamo nel seguire la nostra strada non importa dove vada il resto del mondo. Noi crediamo nel sovvertire un sistema fatto per schiacciare gli individui come insetti su un parabrezza. Alcuni di noi credono che ci sia un Dio lassù. Tutti noi crediamo nel proteggere chi è accanto a noi quaggiù. Crediamo nel cielo azzurro e non crediamo nel tettuccio apribile. Crediamo nella libertà. Crediamo nella polvere, nei cespugli, nei maestosi bufali, nelle catene montuose e nel viaggiare incontro al tramonto. Crediamo nelle borse di pelle e crediamo che i cowboys avessero ragione. Crediamo nel rifiuto di essere sottomessi a chiunque. Crediamo nel vestirci di nero perché nasconde lo sporco e le paure. Crediamo che il mondo si stia rammollendo e noi non lo seguiremo oltre. Crediamo nelle uscite in moto che durano una settimana. Crediamo nel fascino della strada, nella benzina, negli hot-dog, e nello scoprire cosa c’è ancora più in là. Crediamo nel far rombare i motori, i pistoni, nella dimensione dei nostri stomaci, nei serbatoi disegnati nel 1936, nei fari grossi come quelli di un treno, nelle cromature e nella vernice personalizzata. Adoriamo le fiamme e i teschi. Crediamo che la vita sia quello che vuoi che sia e noi vogliamo che sia un inferno da percorrere. Crediamo che l’auto nella quale siedi ti tolga tutte le emozioni della strada. Non ci importa in cosa credono gli altri. Amen.
  13. 13. SPONSORING DEALER SPONSORING DEALER SPONSORING DEALER TENENTE Fabio Della Vecchia Daniele Lesti FERRO PIATTO Mauro Lesti Tutto iniziò nel territorio dei sette colli, a cavallo del millennio in cui bronzo e ferro entrarono con destrezza nella civiltà. Roma città eterna, tra gladiatori, villaggio, riferimento, per amanti della tradizione e Nel contesto di avventurieri e poeti, nacque un del buon gusto. Nel villaggio, ogni fortunato viene vestito su misura con acciaio, ferro e cromo, come un abile sarto cuce perfettamente la seconda pelle su ogni predestinato. Tra accoglienti ambienti e sale maestose, i propri sogni diventano realtà, sedendo senza indugio a cavallo della leggenda che del fascino fa il proprio punto di riferimento. Accessori e abbigliamento si fondono alla propria personalità, compiendo la fantastica trasformazione che proietta istantaneamente alla completa soddisfazione. Colui che arriverà nel villaggio in sella al proprio sogno, scoprirà sentimento e attitudine di coloro che saranno pronti ad accoglierlo con rispetto, come apprezzato ospite in qualsiasi occasione. La storia continua e ogni qualvolta nascerà un nuovo pretesto, chiunque troverà le porte del villaggio aperte.Il mito corre dritto dalla storia nel futuro. L’acciaio e il cromo sono in pronta consegna. Le Harley-Davidson aspettano di essere sognate. I sogni finalmente diventano realtà.
  14. 14. DIRETTIVO e OFFICERS DIRECTOR DIRETTIVO e OFFICERS ASSIST. DIRECTOR Treasurer ROAD CAPTAIN ROAD CAPTAIN ROAD CAPTAIN ROAD CAPTAIN MERCURIO Alessandro Rocchi ARAMIS Mauro Bianchi Mc GYVER Riccardo Allia CLA Claudio Forbicioni GUGLIELMO Guglielmo Ranaldi ERMEDICO Ruben Spitoni SECRETARY SAFETY EDITOR ACTIVITY OFFICER ACTIVITY OFFICER ACTIVITY OFFICER MEMBERSHIP OFFICER SHREK Gianfilippo De Vecchis SMOKI Stefano Panella FIONA Sara Greco KLEOPATRA Stefania Gambelli SUPERSIMO Simona Ghera AWANAGANA Filippo Francavilla HEAD ROAD CAPTAIN ROAD CAPTAIN ROAD CAPTAIN historian web master PHOTOGRAPHER PHOTOGRAPHER MAUI Maurizio Pozzi WILLY William Fiore TRAMEZZINO Daniele Dei FLASH Claudio Pulcini BARNEY Fabio Di Maria TASHUNCA Leonardo Forti SCORPYON Maurizio Fazio SUPERMAN Enzo Stazi
  15. 15. Photographers Leonardo Forti Maurizio Fazio Davide Giuseppe Sangiorgio Paolo Palladino
  16. 16. Publisher ROMAN VILLAGE CHAPTER ITALY Via Frascati, 50 Rome, Italy 00178 www.romanvillagechapter.it Photographs © 2013 Introduction © 2013 Enzo Stazi (Director) All rights reserved. No part of this book may be transmitted or reproduced in any form by any means without permission from the publisher, excepting brief excerpts for use in publicity and reviews. Designer: Leonardo Forti (Tashunca) Photographers: L eonardo Forti (Tashunca) Maurizio Fazio (Scorpyon) Davide Giuseppe Sangiorgio (Dagius) Paolo Palladino (Spidifen) First Edition 2013 Printed in Rome

×