The Talking Village idea

1,191 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,191
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
171
Actions
Shares
0
Downloads
31
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

The Talking Village idea

  1. 1. Progetti di conversazione
  2. 2. Di cosa parliamo? <ul><li>Premesse </li></ul><ul><li>Cosa, chi, perchè </li></ul><ul><li>Cosa facciamo </li></ul><ul><li>Case hystories/Tools </li></ul>
  3. 3. La parte abitata della Rete ha sviluppato i codici di questa conversazione. Le aziende sanno che in Rete si parla dei loro brand, ma continuano ad utilizzare i codici che conoscono meglio, le logiche di broadcasting. Tesi 1, Cluetrain Manifesto (1999): I mercati sono conversazioni
  4. 4. “ Right now, your customers are writing about your products on blogs and recutting your commercials on YouTube. They’re defining you on Wikipedia and ganging up on you in social networking sites like Facebook. These are all elements of a social phenomenon — the groundswell — that has created a permanent, long-lasting shift in the way the world works. Most companies see it as a threat. You can see it as an opportunity.” Social Media: a lasting Revolution
  5. 5. Paradygm Shift A La marca viene “dirottata” dai consumatori Passaparola Two ways (narrowcasting) Contenuti creati dagli utenti Individui Focus sugli individui e la loro autenticità Focus sulla relazione Storie avvincenti ma reali Produci quello che sai vendere Da La marca è sotto il controllo dei marketer Pubblicità – spot One way (broadcasting) Contenuti creati dall’azienda (Mercati, comunicazione di) Massa Focus sui brand Focus sulla transazione Storie fantasiose/aspirational Vendi quello che sai produrre
  6. 6. Per questo nasce
  7. 7. Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola. La nostra sfida
  8. 8. <ul><li>Che cos’è? </li></ul><ul><li>Una community di utenti online (bloggers ed altre persone attive in Rete), che vuole generare, promuovere e realizzare Progetti di Conversazione , basati su vere interazioni e vera collaborazione tra brands e persone. </li></ul><ul><li>L’obiettivo è: </li></ul><ul><ul><li>Ridurre le distanze tra le (persone nelle) aziende e le (persone nel) Web </li></ul></ul><ul><ul><li>Promuovere il Consumer Empowerment </li></ul></ul>
  9. 9. Chi siamo <ul><li>Flavia Rubino </li></ul><ul><ul><li>- Marketing Director, Reckitt Benckiser Greece 2001-04 </li></ul></ul><ul><ul><li>- Global Category Director, Reckitt Benckiser HQ London 2005-06 </li></ul></ul><ul><ul><li>- Baby-Beauty GBU Director, Johnson & Johnson Italy 2006-08 </li></ul></ul><ul><ul><li>- Managing Director Added Value Italy, 2009 </li></ul></ul><ul><ul><li>- Owner & Editor, www.VereMamme.it </li></ul></ul><ul><ul><li>- The Talking Village, Founder </li></ul></ul><ul><li>Giuliana Laurita </li></ul><ul><ul><li>- Web Strategist Fullsix, 1998-2008 </li></ul></ul><ul><ul><li>- Semiotic and motivational Researcher OTO Research, 2008-09 </li></ul></ul><ul><ul><li>- Social Media Consultant, 2009 </li></ul></ul><ul><ul><li>- Blogger ( http://www.mammaincorriera.it ) </li></ul></ul><ul><ul><li>- The Talking Village, co-Founder </li></ul></ul>
  10. 10. Cerchiamo punte di creatività, insights emotivi, spinta all’innovazione, toni e idee per una comunicazione efficace in Rete. Non la rappresentatività del campione Le moderatrici del Village sono blogger o “meta-blogger”, iniziatrici, facilitatrici, stimolatrici di idee e traduttrici simultanee tra aziende e rete Chi partecipa a The Talking Village I partecipanti al Village non sono un panel fisso ma vengono coinvolti sulla base degli obiettivi del singolo progetto e delle loro spontanee associazioni “tribali”. I Villagers sono high-end innovators , altamente consapevoli nelle loro scelte di consumo e quindi influenti … E Chi sono i “villagers”
  11. 11. I valori di The Talking Village L'etica La Trasparenza Il Dialogo Il Rispetto La Consapevolezza L’Empatia La Conoscenza La Libertà di scelta La Coerenza
  12. 12. Siamo partite dalle mamme-blogger Perché le donne prendono di solito le decisioni d’acquisto Perché la “blogosfera delle mamme” è molto interessante ma spesso approcciata con modalità non corrette Per assumere un ruolo attivo e propositivo, far sentire la nostra voce su temi di interesse generale Per la voglia di cambiare una comunicazione troppo spesso fatta di luoghi comuni Perchè le donne possono cambiare una cultura di marketing fatta di termini bellici in una cultura di vera comunicazione
  13. 13. P artecipare con vari mezzi di consultazione a specifici momenti decisionali (dalla creazione del prodotto alla sua distribuzione e comunicazione) D iventare un interlocutore qualificato e un punto di riferimento per aziende e consumatori, in grado di farsi garante di una corretta relazione tra brand e Rete. Visione: essere una garanzia
  14. 14. Missione: mettere in comunicazione due mondi <ul><li>Facilitazione delle conversazioni </li></ul><ul><li>Individuazione e decodifica di feelings e insights </li></ul><ul><li>Interpretazione del linguaggio dei brand e del linguaggio dei consumatori, per promuovere una collaborazione proficua per entrambi gli attori </li></ul><ul><li>Supporto al brand per rimanere in contatto con i loro key values esprimendoli con i giusti codici culturali condivisi </li></ul><ul><li>Sviluppo dell’ intelligenza emotiva del brand </li></ul>
  15. 15. In quale parte del ciclo di marketing vuoi ascoltare e interagire direttamente con una community di utenti? Research Il team TTV ma ha competenze di ricerca, innovazione, marketing strategico e operativo applicate al web Development Consumer experience Ciclo di Ideazione e feedback Communication experience Product experience
  16. 16. Perchè farlo? <ul><li>Product awareness </li></ul><ul><li>Brand equity </li></ul><ul><li>Emotional engagement / brand values </li></ul><ul><li>Consumer needs / insight understanding </li></ul><ul><li>Innovation </li></ul><ul><ul><li>Concept / Product innovation </li></ul></ul><ul><ul><li>Repositioning / relaunch / restyling </li></ul></ul>Obiettivi di business e di marketing
  17. 17. Come ogni solida strategia di business, il piano ha bisogno di : <ul><li>Obiettivi ( cosa voglio ottenere) </li></ul><ul><li>Strategie ( come voglio realizzare i miei obiettivi) </li></ul><ul><li>Persone da coinvolgere (con chi voglio parlare, e dove si trova in Rete) </li></ul><ul><li>E infine, strumenti esecutivi (meccaniche e relativi tools) </li></ul>SCENE Come si traducono in una strategia e in un piano di Conversazione?
  18. 18. <ul><li>Migliore comprensione reciproca </li></ul><ul><li>I veri feelings della gente svelano i consumer insights e li portano in vita con un incomparabile livello di approfondimento </li></ul><ul><li>Ma anche i consumatori capiscono meglio le strategie dei brand </li></ul><ul><li>Vera Innovazione </li></ul><ul><li>Le idee innovative nascono dalla comprensione dei veri problemi </li></ul>Cosa ci guadagni? <ul><li>Migliore relazione </li></ul><ul><li>I Brands che si aprono alla conversazione possono creare una relazione duratura a beneficio della loro awareness e reputazione </li></ul><ul><li>Migliore comunicazione </li></ul><ul><li>STORIE personali, rilevanti, autentiche, coinvolgenti, che le persone diffonderanno per te </li></ul>
  19. 19. L’offerta
  20. 20. <ul><li>Monitoraggio della Rete </li></ul><ul><li>Ascolto </li></ul><ul><li>Decodifica degli insights </li></ul><ul><li>Identificazione di piattaforme tematiche </li></ul><ul><li>Stimolazione </li></ul><ul><li>Generazione di idee </li></ul><ul><li>Incubazione concetti </li></ul><ul><li>Sviluppo concetto e prodotto </li></ul><ul><li>Sviluppo comunicazione </li></ul><ul><li>Esperienza del prodotto </li></ul><ul><li>Esperienza della comunicazione </li></ul><ul><li>Storytelling </li></ul>Esperienza e Comunicazione: comunica con e attraverso il Village Tools di Conversazione: storytelling, crowdsourcing, generator, incubator, surveys, brain pools… 1 2 3
  21. 21. 1.    Listening 2.   Conversation 3.   Support 4.   Co- creativity Raccolta di insights, needs, feelings, stories, reviews, information gaps Brand che stimola e partecipa alla vita della community Problem solving collaborativo - idea generation A seconda degli obiettivi, I nostri strumenti di conversazione (sociali e interattivi) possono produrre diversi output, basati su un livello crescente di reciproco coinvolgimento (mutual engagement ): dallo studio degli insights allo storytelling emozionale, dal product placement alla pipeline di innovazione 4 livelli di engagement
  22. 22. La Conversazione non è un nuovo termine di moda (buzz, viral, guerrilla…) Non c’è contatto diretto tra brand e utenti, tranne presentazioni tipo conferenze stampa ed eventi tipo “PR”. Poi il brand rimane un’entità distante e non accessibile L’agenzia di buzz è simile a un’agenzia di PR, ha un ruolo di intermediazione e relazione ma non di creazione né di ricerca attiva di insights Blogger/utenti commentano prodotti e informazioni. Sono considerati mezzi di amplificazione di un messaggio già “fabbricato” Il risultato da misurare è la loro “quantità di buzz”, e il loro sentiment <ul><li>Il Village è la community stessa che conversa col brand: il contatto è diretto </li></ul><ul><li>Gli utenti producono contenuti e contribuiscono a sostanziare il messaggio del brand, sono realmente empowered </li></ul><ul><li>Il brand è responsabilizzato, perché chiamato ad ascoltare e ad agire sugli input di utenti di livello alto </li></ul><ul><li>La moderazione del Village si basa su competenze di marketing, ricerca e semiotica e produce un report sugli insight e le direzioni strategiche emerse durante il progetto </li></ul><ul><li>Il risultato non è solo quantitativo, ma strategico e qualitativo </li></ul>Agenzia di Buzz Briefing all’agenzia per la diffusione di notizie sul prodotto Blogger brand Buzz stile “broadcasting” Iniziative The Talking Village brand
  23. 23. Le potenzialità della Conversazione Conversational Marketing Marketing cycle Ricerca e decodifica insights Sviluppo concetto/prodotto Sviluppo comunicazione Passaparola /awareness Product experience / storytelling Engagement/vicinanza emotiva attraverso i valori del brand Impatto strategico sulle decisioni aziendali Partecipazione al ciclo 360° Buzz Marketing
  24. 24. I principi fondamentali <ul><li>Selezionando gli interlocutori migliori </li></ul><ul><li>Favorendo la condivisione e la discussione di passioni comuni </li></ul><ul><li>Costruendo una relazione di fiducia ed empowerment </li></ul><ul><li>Mantenendo un’agenda ricca e stimolante </li></ul>Le Conversazioni di successo non accadono per caso, ma devono essere progettate.
  25. 25. Come progettiamo la Conversazione <ul><li>Costruiamo il Village dalla struttura migliore </li></ul><ul><li>Popoliamo il Village con gli interlocutori giusti </li></ul><ul><li>Animiamo il Village con tecniche e idee innovative </li></ul><ul><li>Impariamo dal Village per migliorare continuamente </li></ul>
  26. 26. Costruire il Village: piattaforme modulari e flessibili brand1 Powered by HOUSE brand2 Brand1
  27. 27. Popolare il Village: una metodologia esclusiva Generalisti Gli INTERESSI sono la motivazione fondamentale delle persone, il primo fattore di segmentazione e aggregazione House 1: Interessi Tematici Sfera privata Sfera pubblica/professionale Es: VM Es: MiC
  28. 28. Popolare il Village: una metodologia esclusiva Unicità +++ +++ Rilevanza I CONTENUTI prodotti definiscono le identità (unicità e rilevanza sono relative al proprio cluster di interessi) House2: Contenuti <ul><li>Nichy </li></ul><ul><li>- innovators </li></ul>leaders followers Basso potenziale - Unicità - Rilevanza
  29. 29. Popolare il Village: una metodologia esclusiva Influencers (alto seguito + connettività) <ul><li>storytellers </li></ul><ul><li>insighters </li></ul>Gli STILI dipendono dal tipo di presenza in rete e rappresentano l’ultimo importante fattore di riconoscibilità House 3: Stili Opinion leaders Leader risonanti - Opinionisti - Reporters Basso seguito « what » « why »
  30. 30. Il nostro Villaggio ideale Impactful ++ - Insightful La mappa del Village viene disegnata e personalizzata progetto per progetto I tuoi Top Villagers Villagers da coinvolgere in progetti di ricerca, creatività e innovazione Villagers da coinvolgere in progetti di comunicazione - Impactful Insightful ++
  31. 31. Animare il Village: Metodologie e Strumenti sistematici di Conversazione The Talking Village offre un ampio range di possibili iniziative di conversazione, modularità e flessibilità nell’implementazione CICLO METODOLOGIA TOOLS Decodifica degli insight Monitoring della rete Identificazione piattaforme tematiche desk Generazione di idee Brainstorming workshop offline + online collective blog forum / chat Incubazione idee Incubator workshop offline + online Multi-modules forum / chat Sviluppo concetto concept generator workshop offline + online Multi-modules forum / chat Sviluppo prodotto crowdsourcing diario esperienziale (pre) brand blog collective blog Sviluppo comunicazione Crowdsourcing Incubator storytelling Multi-modules Collective blog Esperienza del prodotto diario esperienziale (post) survey / questionari brand blog diari survey / questionari Esperienza della comunicazione focus group storytelling brand blog collective blog survey / questionari Feedback spontanei/continuativi attraverso tutte le fasi del ciclo Mix modules On going pipeline Communities: brain pools social network
  32. 32. Imparare dal Village 2 reports Pulse Complete Format: (….) Strategic, actionable, sistematic
  33. 33. L’unicità di The Talking Village: in sintesi <ul><li>PRIMA </li></ul><ul><li>PIATTAFORME – Strumenti modulari e flessibili da progettare insieme </li></ul><ul><li>AFFINITA’ - La profilazione e la scelta degli interlocutori è superiore e garantisce maggiore vicinanza, committment e coinvolgimento emotivo dei Villagers negli argomenti trattati vs. la media degli utenti raggiungibili in altri modi </li></ul><ul><li>DURANTE </li></ul><ul><li>QUALITA’ - Principi e strumenti creativi ma sistematici di Conversazione </li></ul><ul><li>CONSULENZA e MODERAZIONE - Affianchiamo il brand nella relazione con gli utenti, garantendone la gradevolezza e la trasparenza </li></ul><ul><li>PARTECIPAZIONE - La qualità e profondità dei contenuti prodotti, la propositività dal basso </li></ul><ul><li>DOPO </li></ul><ul><li>AZIONABILITA’ : learnings, report strategico e follow up   </li></ul>
  34. 34. E infine Un Osservatorio / Laboratorio permanente La community PROPONE dal basso issues, domande, spunti, trends La community PRODUCE dal basso idee - ad es. prodotti o pubblicità - che sono a disposizione di chi le vorrà realizzare   Una Rivoluzione permanente Coinvolgiamo la community TTV nella generazione continua di nuove meccaniche di marketing della conversazione
  35. 35. Case hystory Ricerca
  36. 36. Il nostro primo esperimento: i diari delle Spighe con Mulino Bianco <ul><li>E’ un modo per dare segnali tangibili alla Rete (in questo caso i blogger), per farla sentire parte di un’iniziativa nuova: </li></ul><ul><ul><li>La loro creatività viene ricercata e apprezzata da una grande azienda </li></ul></ul><ul><ul><li>I partecipanti sono parte attiva di un team e di un progetto </li></ul></ul><ul><ul><li>Si divertono insieme a un team di marketing di una grande azienda </li></ul></ul>
  37. 37. La comprensione/interpretazione dei task Questa è una storia Questa è una risposta
  38. 38. Il gruppo misto <ul><li>I Diari delle Spighe hanno fornito un’occasione preziosa per comprendere alcuni dei meccanismi che si innescano in un gruppo formato da persone diverse, con diverse abitudini di conversazione </li></ul><ul><li>I due gruppi, blogger e diaristi occasionali, si sono integrati molto bene attraverso lo scambio di commenti </li></ul><ul><li>Tuttavia, mentre per i diaristi occasionali l’esperienza della scrittura era una novità, per le blogger era un’abitudine. Questo ha portato a delle differenze nell’approccio alla marca, più rilassato e “alla pari” per le blogger, più “a domanda risponde” per i diaristi occasionali </li></ul>
  39. 39. Cosa abbiamo imparato <ul><li>Una conversazione ha bisogno di tempo per diventare sincera . Gli attori devono conoscersi e sentirsi a proprio agio in un ambiente, prima di potersi aprire. </li></ul><ul><li>Un buon grado di conoscenza annulla l’effetto *timore reverenziale* - e anche quello *accanimento critico*. </li></ul><ul><li>Inventare storie alimenta la conversazione , arricchisce il mondo del brand, perché innesca un meccanismo che si stimola e si alimenta da sé. </li></ul><ul><li>La costruzione del task, in termini di copy, è fondamentale per aprire o chiudere la conversazione. Va cercata una modalità che consenta sempre di stimolare e non chiudere, </li></ul><ul><li>La differenza fondamentale tra blogger e diaristi occasionali è l’abitudine a scrivere e ad essere ascoltati. Quando quest’abitudine c’è, è più facile creare storie, essere franchi e diretti, sentirsi alla pari nella conversazione. </li></ul>
  40. 40. Case hystory Comunicazione
  41. 41. Un successo: Boppy <ul><li>Boppy è un cuscino da allattamento: 15 bloggers in allattamento sono state invitate ad animare un’area di conversazione su VereMamme.it , il sito che ha ospitato il Talking Village + hanno postato insights sulla loro esperienza nei rispettivi blog </li></ul>
  42. 42. Di cosa parlano le blogger <ul><li>“ Ho quindi sperimentato Boppy con già alle spalle l'esperienza con un prodotto similare, perciò vorrei approfittare di questo spazio non tanto per fare un confronto e decretare un vincitore, ma piuttosto per evidenziare le sensazioni positive e negative scaturite dall'uso di entrambi i prodotti” </li></ul><ul><li>“ Anche io credo sia il caso di raccontarvelo per confronto con il &quot;serpentone morbidone&quot; che anche nel nostro caso è un classicissimo, praticamente vintage, salamone di cotone bio imbottito di pula di farro” </li></ul><ul><li>“ Tuttavia, ciò che forse a causa della stagione estiva non ho apprezzato di Boppy, è l'imbottitura sintetica che lo rende sì leggero, ma che impedisce la traspirazione della pelle. Finita la poppata io e Matias eravamo parecchio sudati. Il mio vecchio cuscino, che deve la sua pesantezza a un'imbottitura in fibre naturali (pula di farro), permette al contrario una buona traspirazione, prevenendo la sudorazione” </li></ul><ul><li>“ Sono d’accordissimo con Arianna: se la borsa fosse di stoffa, il boppy sarebbe ancora più gradito (non ci sarebbe quel terribile odore di plastica, e sarebbero più appagate le mamme che non buttano via niente e che riutilizzerebbero la borsa di stoffa in mille modi)” </li></ul><ul><li>Fanno confronti con prodotti simili </li></ul><ul><li>Criticano – ma in modo circostanziato </li></ul>
  43. 43. Di cosa parlano le blogger <ul><li>“ siccome immagino che l'azienda si possa servire di questo talking village per capire se noi l'avessimo o meno comprato, vorrei sottolineare che per me sarebbe stato fondamentale che i materiali fossero stati naturali. a caval donato non si guarda in bocca, ma se avessi dovuto comprarlo, quella sarebbe stata una cosa su cui avrei ragionato e per la quale generalmente sono disposta a spendere anche un po' di più, a maggior ragione se per il mio bambino” </li></ul><ul><li>“ Una nota per l'azienda: renderei possibile l'acquisto on-line di cuscino e fodere (non so voi ma io da quando ho il bambino compro molto di più su internet, dove è possibile avere tanta scelta e prezzi spesso migliori, ottimizzando i tempi). E poi, se proprio devo dirla tutta, punterei su un'immagine meno edulcorata di quella della bionda pettinatissima compostissima e perfetta mamma che usa Boppy nell'attuale pubblicità. o almeno offrirei sul sito una &quot;visione alternativa&quot;, magari con strisce a fumetti che mostrano mamme più stile copertina di &quot; Non solo mamma &quot; che usano Boppy nei vari modi possibili, ad esempio scrivendo a computer o facendosi un cocktail (analcolico?!) o leggendo una rivista mentre allattano, dato che hanno le mani libere grazie a Boppy! Mi sembrerebbe più reale e più divertente e poi non tutte e di certo non io trovano così estasiante non fare altro che rimirare il proprio bambino durante la poppata: w Boppy che ci consente di fare anche altro, almeno ogni tanto!” </li></ul><ul><li>Danno risposte a domande che non sono state fatte </li></ul>
  44. 44. Di cosa parlano le blogger <ul><li>“ secondo un amico che era a cena qui da noi l'altra sera il Boppy si presta benissimo a sostituire i vari cuscini porta pc </li></ul><ul><li>io, per esempio ne ho preso uno bianco da Ikea e in effetti... gli manca qualcosa: come ad esempio un poggia braccia :-)” </li></ul><ul><li>“ Ci si siede sopra, ci si appoggia la testa e si mette bello sdraiato davanti alla televisione e ultimamente l'ho visto che trafficava con delle macchinine e gli ho chiesto &quot;cosa stai facendo con il cuscino di tua sorella?&quot;. &quot;Mamma! E' il garage delle macchinine, non vedi?!?&quot;. Ah ecco! Non credo proprio sia stato pensato per questo ma credo che possa far capire come tenerlo in giro per casa lo possa davvero trasformare...anche in un garage ;-). </li></ul><ul><li>Ecco a me piacciono gli oggetti che possono avere mille utilizzi, mille vite. Questo è uno di questi. Per allattare, per riposare, per giocare.” </li></ul><ul><li>“ Insomma, difficilmente diventerà un &quot;amico serpentone morbidone&quot; ma lo vedo molto bene come oggetto per spaparanzarsi a leggere o a guardare la TV in un futuro prossimo” </li></ul><ul><li>“ Il fatto di poterlo tenere lì in sala sul divano e poterlo usare per allattare e subito dopo poterci appoggiare la piccola in tutta sicurezza è molto positivo. Me lo sono anche portato al parco per poter appoggiare la bambina” </li></ul><ul><li>Propongono usi alternativi </li></ul>
  45. 45. Di cosa parlano le blogger <ul><li>“ - È il minimo, ragazzino! Ma c'è di peggio, anzi, sono sicuro che per questo ti useranno anche più, 'ché ti vedo bello leggero, smilzo e stretto di fianchi: sicuramente ti adatti meglio alla piccina, rispetto a me (sai com'è, la pula di farro che mi riempie è naturale, ma mi ingrassa un poco) ... vedrai che ti metteranno sul tappeto per tenere dritta la piccina che impara a stare seduta </li></ul><ul><li>- Ah, che bello, va bè, peserà meno che da sdraiata... </li></ul><ul><li>- Certo, cuor contento, ma sai com'è, è estate, fa caldo, tu sei pure sintetico e vai veloce in lavatrice... secondo te la signorina indosserà il panno???? no, no, signorino, e vedrai, quanti bei giri ti farai in lavatrice... già mi vedo, io che riposo sull'amaca con la signora e tu che giri e giri e giri ... dopo che la pupa ti ha bello che spisciottato... ” </li></ul><ul><li>Ridono con il prodotto </li></ul>
  46. 46. Le nostre raccomandazioni <ul><li>Il coinvolgimento personale è determinante per il coinvolgimento emotivo (eg “mamme che allattano” ) </li></ul><ul><li>Le meccaniche di conversazione devono avere una durata sufficiente, una percepibile presenza dell’azienda e un coinvolgimento crescente dei partecipanti, fino a un vero empowerment: </li></ul><ul><ul><li>Eg Modificare una caratteristica del prodotto e comunicarlo nel corso di una conversazione è una dimostrazione di ascolto al di sopra delle aspettative del consumatoree può avere un impatto importante sul vissuto del brand, che diventa “amico” </li></ul></ul><ul><ul><li>maggiore è la presenza dell'azienda, maggiore la possibilità di ricevere risposte alle domande </li></ul></ul><ul><li>Le energie creative di chi scrive vanno sfruttate al meglio, stimolando storie più che domande e risposte: è importante anche come si scrive il task </li></ul><ul><ul><li>Coinvolgere i blogger anche nel momento della creazione (e non solo in quello di test/promozione) può dare grandi risultati </li></ul></ul><ul><li>E infine: sfruttiamo al meglio le opportunità creative collettive del TTV, ideando sempre nuove meccaniche </li></ul>
  47. 47. Altre tipologie possibili <ul><li>Perché la campagna </li></ul><ul><li>Il posizionamento </li></ul><ul><li>Lo script, la strategia, i valori del brand </li></ul><ul><li>Gli utenti (semplici consumatori, communication strategists, semiologi e sociologi da noi invitati) commentano, e il brand risponde </li></ul>1 . BRAND BLOG Il brand condivide, spiega e conversa: 2. COMMUNITY BLOG Le persone raccontano i valori del brand nelle loro storie <ul><li>TTV lancia un tema “scrivi una tua storia dell’autostima” </li></ul><ul><li>Gli utenti scrivono, il brand conversa con loro </li></ul><ul><li>I post più commentati e più belli: </li></ul><ul><li>Vengono pubblicati in un libro </li></ul><ul><li>- Entrano nello script della prossima campagna </li></ul>Nel nostro sito Nel nostro network <ul><li>I partecipanti all’iniziativa che hanno un blog possono pubblicare il loro post invitando i loro lettori a votarlo su TTV </li></ul><ul><li>Saranno a disposizione i banner “partecipo a xy, powered by The Talking Village” </li></ul>& BRAND XY
  48. 48. Toolbox Innovazione
  49. 49. Su un argomento specifico Eg, executional evaluation Durata: 2-3 settimane Simile a Focus groups o interviste in depth Oppure su un’area più ampia Eg, new concept exploration Durata: 4-5 settimane Simile a ricerca etnografica Moduli con feedbacks real-time Eg, discussion forum, chat, idea posting, Q&A modules a-sincroni con feedbacks + profondi Eg, video-diario, multtmedia blog oppure Ipotesi di conversazione su TASK e raccolta di feedbacks/insights
  50. 50. Moduli di feedback in tempo reale Eg, chat, quickfire Q&A, an idea posting space, stimulus debate Moduli asincroni Eg, video diary, multi-media blogs based on specific tasks, stimulus response 1-2 assignments / settimana foundational insight Ideation Moduli che supportano compiti di ideazione Eg, chat, quickfire Q&A, an idea posting space, multi-media blogs Incubation Moduli che combinano real time ed altre interazioni Eg, concept discussion forum, quickfire Q&A, questionnaires Un ciclo di ideazione completo, flessibile ed integrato Client team Customers
  51. 51. The Talking Village può ospitare un dialogo continuativo con una community, alimentando una “pipeline di insights”: eg concept & copy development ma anche community interne, per coinvolgere i dipendenti in una comunità aziendale che fornisca stimoli e proposte Oppure community miste, che includono cliente, consumatori, esperti e professionisti Durata: 3, 6, 12 mesi + Ipotesi di conversazioni on-going: communities
  52. 52. Utilizza una community numerosa di stakeholders, esperti, consumatori “opinion leaders”, per un periodo esteso. Mantenere l’accesso a questa community potrebbe costituire una fantastica fonte di challenge e stimoli per il tuo team. Non è solo una metodologia di ricerca, ma una nuova cultura per co-generare idee breakthrough, ed instaurare un dialogo continuativo sul miglioramento di prodotti e servizi. Nuovi territori per un brand esistente… EPD’s, NPD’s White Space innovation… Brand stretch, White space, nuovi brands Il livello avanzato: High-end innovation partnering, BRAIN POOLS Co-creativity Thomas1
  53. 53.
  54. 54. Manifesto, codice e valori di The Talking Village
  55. 55. <ul><li>Il manifesto di The Talking Village </li></ul><ul><li>Noi crediamo nella Rete come strumento ideale per instaurare una conversazione tra brand e consumatori. </li></ul><ul><li>Vorremmo che gli attori di questa conversazione fossero onesti, trasparenti, rispettosi degli interlocutori, consapevoli, competenti . </li></ul><ul><li>Brand e Rete possono impegnarsi in un dialogo autentico solo se comprendono davvero le reciproche esigenze . </li></ul><ul><li>I contenuti sono il vero valore della Rete. Brand e utenti possono collaborare nell’elaborazione e nella condivisione di contenuti di valore. </li></ul><ul><li>Attraverso la loro comunicazione, i brand propongono modelli culturali. Noi vogliamo collaborare nella creazione di modelli il più possibile sostenibili. </li></ul><ul><li>L’identità degli utenti della Rete è espressa dai contenuti che essi producono e condividono e non dal loro profilo socio – demografico. </li></ul><ul><li>L'empatia come capacità di immedesimazione e di ascolto è la chiave di una corretta conversazione: gli utenti della Rete possono pensarsi brand, i brand possono pensarsi consumatori. </li></ul>
  56. 56. I valori di The Talking Village L'etica La Trasparenza Il Dialogo Il Rispetto La Consapevolezza L’Empatia La Conoscenza La Libertà di scelta La Coerenza
  57. 57. <ul><li>I valori e il codice di comportamento </li></ul><ul><li>L'etica Chiediamo alle aziende di rispettare i valori della tutela ambientale, della non discriminazione,dei diritti dei minori e della legalità. Vorremmo che rendessero pubblico e trasparente il loro progetto etico, i loro valori, e che si impegnassero a realizzarlo in tutte le fasi della produzione, dalla concezione del prodotto alla realizzazione, al marketing, alla distribuzione e al processo di riciclo. La Trasparenza Crediamo che esista un modo semplice per spiegare i processi aziendali e le loro logiche anche ai non addetti ai lavori. Spiegarle può portare molti benefici: si superano le diffidenze, si arricchiscono i punti di vista. Le critiche al prodotto non devono essere un tabù. Un'azienda che ascolta le critiche e agisce in fretta è un'azienda che ha un vantaggio competitivo, e crea una reputazione di qualità presso i suoi consumatori. Il Dialogo Condividiamo informazioni ed esperienze: saremo sullo stesso piano. Agli utenti attivi in Rete non basta fare copia-incolla di un comunicato stampa. Sforziamoci di non essere condiscendenti o salire in cattedra: il dialogo sarà più ricco e stimolante. Non prendiamoci troppo sul serio: ognuno di noi ha le sue priorità, sdrammatizzare ci rende più “veri”. Il Rispetto Dal target al network: le aziende dovrebbero considerare i consumatori come un team di business partners: gratificarli, incentivarli, promuoverli. In questo modo i consumatori potranno partecipare attivamente ad un network di comunicazione. Insieme vogliamo proporre modelli culturali reali, in linea con il mondo che ci circonda. La Consapevolezza I consumatori sono a tutti gli effetti attori del mercato: vivono nel mondo, conoscono le problematiche del consumo. Che noi siamo aziende o utenti attivi in Rete, teniamo conto che la nostra consapevolezza rispetto agli acquisti è uguale a quella di tutti gli altri. La Laicità Rispettare la sfera personale di ciascuno e non usare la comunicazione per imporre stili di vita, metodi educativi, opinioni politiche, fedi religiose: The Talking Village è fatto di persone molto diverse tra loro, tutte degne di rispetto, e non impone di aderire ad alcuna ideologia. L'Empatia Per noi empatia significa assumere davvero il punto di vista dell'altro, ascoltarlo senza rumori di fondo, controllare le emozioni negative come la delusione e la rabbia e incanalarle verso soluzioni win-win. Su questo basiamo la nostra idea di collaborazione. La Conoscenza Come utenti attivi in Rete e come consumatori, parliamo di quello che conosciamo: ci informiamo, citiamo le fonti, le verifichiamo. Ne va della nostra reputazione e credibilità. Apprezziamo quindi materiali che arricchiscano le nostre conoscenza, con fonti da riferire, dati statistici, fatti e numeri. Non apprezziamo, invece, chi emette giudizi senza un'adeguata documentazione. E se facciamo delle critiche, ci impegniamo ad essere sempre costruttivi. La Libertà di scelta Ci consideriamo liberi di scegliere un'azienda che ci fornisca un bene o un servizio, liberi di scegliere le nostre fonti di informazioni, liberi di mettere in discussione le aziende. La Coerenza Coerenza per noi è vivere questi valori nella propria vita, sia come persone, sia come aziende. Escludiamo da The Talking Village gli interlocutori (sia utenti attivi della Rete, sia aziende) che non rispettano nei fatti questi principi. Autoescludiamoci se non possiamo o non vogliamo applicarli. </li></ul>
  58. 58. Contacts <ul><li>Flavia Rubino </li></ul><ul><li>[email_address] </li></ul><ul><li>+39 347 8309746 </li></ul><ul><li>Giuliana Laurita </li></ul><ul><li>[email_address] </li></ul><ul><li>+39 347 2775028 </li></ul>It is not the strongest of the species, nor the most intelligent that survives. It is the one that is the most adaptable to change. C. Darwin

×