Product Lifecycle Management

1,979 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,979
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Product Lifecycle Management

  1. 1. Tesina  di   Approfondimento  sul   PLM   Politecnico  di  Milano  –  Laurea  Magistrale  in  Ingegneria  Gestionale Corso  di  Product  Lifecycle  Management   Prof.  Sergio  Terzi   Gruppo  11   Damiani  Matteo  765744   Di  Pasquale  Goffredo  764868        
  2. 2. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011    Prefazione:Partendo   da   un’intervista   a   Flavio   Fusi   –   Marketing   and   Business  Developer   di   Dessault   Systemes   –   abbiamo   approfondito   le   tematiche  secondo   noi   di   maggiore   interesse   che   sono   emerse   da   un   colloquio  tenutosi  in  Dicembre  2010.I   temi   trattati   partono   dal   concetto   generale   di   PLM   secondo  l’intervistato   e   di   quello   che   lui   ritiene   possano   essere   le   peculiarità   e   i  futuri  sviluppi.Il   filo   logico   dell’elaborato   seguirà   la   struttura   del   questionario   che  abbiamo  proposto  all’intervistato  durante  l’incontro.  Per  questo  motivo    i   capitoli   di   questa   tesina   corrispondono   alle   domande   concernenti  l’intervista.Ogni  capitolo  dunque  presenta  la  risposta  dell’intervistato  corredata  da  alcuni   approfondimenti   che   secondo   noi   meritavano   maggior  attenzione.Il   colloquio   ci   ha   permesso   di   sperimentare   dal   vivo,   sebbene   in   maniera  ridotta,   una   realtà   aziendale   di   un’impresa   leader   nello   sviluppo   di  software  dedicati  alla  gestione  del  ciclo  di  vita  del  prodotto.  Abbiamo  così  avuto  modo  di  parlare  con  una  diretto  interessato  dei  temi  che  sono  stati  affrontati  durante  il  nostro  corso  di  laurea. 1    
  3. 3. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011     Indice:   1-­‐ Che  cos’è  il  PLM  secondo  la  sua  esperienza?   1.1-­‐ Chiarezza  sul  concetto  di  PLM   2-­‐ Quali  sono  le  industry  di  maggiore  interesse?   2.1-­‐ PLM  per  l’Aerospace   2.2-­‐ PLM  per  il  Navale   2.3-­‐ PLM  per  l’Industrial  Machinery   3-­‐ Quali  sono  e  cosa  si  aspetta  dalle  nuove  frontiere  del  PLM?   3.1-­‐ PLM  2.0   3.2-­‐ CAD  3D  &  Cloud  Computing:  un’utopia?   3.3-­‐ Siemens  and  Microsoft:  Il  PLM  in  ambiente  cloud   3.4-­‐ Modellatori  CAD  3D  su  i-­‐pad  e  tablet   4-­‐ Quanto  influisce  l’inerzia  al  cambiamento  in  un  progetto   PLM?   4.1-­‐ La  figura  dell’Innovation  Manager   4.2-­‐ Come  cambiano  le  realtà  aziendali  e  le  figure  professionali   5-­‐ I  benefici  del  PLM  sono  chiari,  il  problema  è  monitorarli,   quali  indicatori  di  prestazione  (KPI)  utilizzate,  avete  un   cruscotto  standard?     6-­‐ In  cosa  consiste  esattamente  la  piattaforma  integrata  V6  di   Dassault  Systemes?     7-­‐ Bibliografia     2    
  4. 4. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011     1-­‐Che  cos’è  il  PLM  secondo  la  sua  esperienza?    “Vi   do   alcuni   riferimenti:   il   PLM   nasce   dall’ambiente   ingegneristico,   il  fratello   maggiore   del   PLM   è   il   CAD   che   inizia   intorno   agli   anni   ‘70   in  maniera   bidimensionale   poi   passa   al   3D   poi   al   3D   inteso   come   assembly  grazie  al  digital  mock  up.  Quindi   se   anche   teoricamente   il   PLM   può   essere   associato   a   qualsiasi  industria,   è   presente   maggiormente   in   aziende   manifatturiere,   il   cui  principale  interlocutore  è  il  Direttore  Tecnico.  Il   PLM   va   bene   per   tutte   le   industry,   ma   nella   realtà   dei   fatti   ha   sempre  avuto  e  avrà  sempre  un  back  ground  ingegneristico.  Il   PLM   è   un   insieme   di   processi   dal   BOF   all’EOL,   però   avendo   una   genesi  progettistica   i   programmi   sono   più   maturi   nella   parte   di   BOF,   perché   il  CAD  esiste  da  20-­‐30  anni.  Col   passare   del   tempo,   parlare   di   PLM   è   diventato   parlare   di   una   cosa  molto  ampia:  fino  a  qualche  mese  fa  ero  in  IBM  che  nel  1998  ha  coniato  il  termine   PLM;   quando   un   termine   nuovo   arriva   sul   mercato   e   le   aziende  capiscono  che  è  un  acronimo  che  può  diventare  di  successo  tutti  cercano  di   appropriarsene,   quindi   è   stato   “appioppato”   a   molte   altre   cose   che   non  lo  riguardano  direttamente.  Quando   si   assiste   a   una   presentazione   PLM   si   vedono   software   per   la  gestione   documentale(sostanzialmente   PDM),   che   sì   centrano,   ma   non  sono  certo  il  fulcro  del  concetto  di  Product  Lifecycle  Management.  Ormai  PLM  interessa  qualsiasi  azienda  che  ha  un  prodotto  da  portare  su  un  mercato”. 3    
  5. 5. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011     1.1-­ Chiarezza  sul  concetto  di  PLM    Si  parla  di  PLM  da  tanto  tempo,  ma  un  po’  di  chiarezza  s’impone.  Le  presentazioni  e  i  documenti  che  si  possono  trovare  in  rete  sono  pieni  di  definizioni  date  da  illustri  atenei  o  analisti  di  mercato,  che  hanno  però  il  problema,   in   quanto   definizioni,   di   essere   molto   “stringate”   e   talvolta  criptiche.   Insomma,   se   non   si   passa   del   tempo   cercando   di   interpretare  parola  per  parola,  non  si  capisce  un  granché.      Ad  alimentare  i  dubbi  si  aggiunge  il  fatto  che,  molti  fornitori  di  soluzioni,  danno   al  PLM  una   definizione   che   in   realtà   mira   più   a   descrivere   la  propria  soluzione  sotto  forma  di  concetto  generale,  che  a  fare  realmente  chiarezza,  con  il  risultato  di  aumentare  la  confusione  nel  mercato.    Innanzitutto   occorre   precisare   che   il  Product   Lifecycle   Management  è   un  insieme  di  tecnologia  e  atteggiamento  aziendale.    Solo  la  corretta  analisi  e  il  commitment  dell’azienda  ad  agire  su  entrambi  questi  livelli,  infatti,  può  garantire  il  successo  di  un  progetto  PLM.      La  definizione  di  PLM  che  teniamo  come  riferimento  è  la  seguente:  “Il   PLM   è   un   approccio   integrato   di   business   che,   con   l’ausilio   delle  tecnologie   informatiche,   realizza   una   gestione   integrata,   cooperativa   e  collaborativa  delle  informazioni  del  prodotto,  lungo  le  diverse  fasi  del  suo     4    
  6. 6. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011    ciclo   di   vita   ciclo   di   vita.   Il   PLM   può   essere   idealmente   visto   come   un  sistema  Il    PLM  può  essere  idealmente  visto  come  un  sistema  di  gestione  delle   informazioni,   che   integra   i   “core   processes”   aziendali   e   connette,  integra   e   controlla   i   processi   di   business   relativi   ai   prodotti   da   realizzare   e  alle  informazioni  strettamente  legate  ai  prodotti  stessi”.  (S.Terzi,  Politecnico  di  Milano,  2011)  Il   risultato   dell’implementazione   di   un   sistema  PLM  è   un   ambiente   dove  processi   informatici   e   persone   sono   in   grado   di   coordinare   tutti   gli   aspetti  della   vita   “virtuale”   di   un   prodotto,   dalle   fasi   di   analisi,   stesura   dei  requisiti   e   dell’ideazione   attraverso   la   produzione   e   la   distribuzione   fino  all’eventuale  manutenzione  post-­‐vendita.      La  differenza  fondamentale  tra  il  PLM  e  il  PDM  è  che  il  primo  indirizza  le  fasi   del   ciclo   di   vita   di   un   prodotto   ben   oltre   il   classico   passaggio   dalla  progettazione   alla   produzione   –   gestisce   i   dati   concettuali   relativi   al  prodotto   durante   le   fasi   di   produzione,   lancio   del   prodotto,   distribuzione,  controllo  qualità,  manutenzione  e  fornitura  pezzi  di  ricambio,  ritiro.      Viene   talvolta   chiamato   “la   spina   dorsale   digitale”,   “il   serbatoio   della  conoscenza”   del   ciclo   di   vita   di   un   prodotto   perché   permette   a   tutti   i  partecipanti   di   collaborare   in   tempo   reale   e   mette   in   condizione   l’azienda  estesa   di   condividere/sfruttare   il   proprio   capitale   intellettuale  eterogeneo.“ 5    
  7. 7. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011     2- Quali  sono  le  Industry  di  maggiore   interesse?“Il   PLM   non   serve   a   un   ufficio   di   poche   persone,   quanto   più   un  organizzazione   diventa   grande   e   complessa   tanto   più   c’è   spazio   per   il  PLM.  La   Dassault   System   nasce   come   costola   di   Dassault   Aviation,   per  sperimentare   i   cad   bidimensionali   in   sostituzione   ai   tecnigrafi   con   cui   si  rappresentavano  le  sezioni  a  grandezza  reale.  Dassault  system  si  accorse  che  il  2D  era  troppo  limitativo  e  hanno  pensato  di  sperimentare  un  software  3D.  Così  dall’aeronautico  si  è  passati  all’automotive  e  al  navale  per  analogie  di  progettazione.  Le   organizzazioni   in   questi   settori   sono   talmente   grandi   che   riesci   a  misurare   veramente   le   prestazioni   dei   software.   Le   Industrial   Machinery  (PMI),   aziende   molto   innovative   che   fanno   prodotti,   usano   molto   il  CAD3D.  Dopo  aver  modellato  c’è  bisogno  del  PDM  per  la  gestione  dei  dati.  Il   PLM   afferma   che   dobbiamo   mettere   insieme   tutte   le   informazioni   che  gestiscono  il  prodotto.L’ERP   tratta   il   prodotto   quando   è   fatto,   gestisce   le   risorse   in   maniera  scientifica   ma   a   bocce   ferme,   il   75%   del   costo   del   prodotto   lo   definisci  durante   la   fase   di   progettazione   ma   i   prodotti   sempre   diversi,   i   cicli   di   vita  ridotti  rendono  più  difficile  il  lavoro  del  progettista  che  ha  bisogno  di  più  informazioni   possibili   e   ha   la   necessità   che   queste   siano   istantanee,  riesce  a   reperirle   grazie   all’integrazione   di   un   ambiente   come   la   progettazione,   6    
  8. 8. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011    che  è  stato  sempre  da  parte,  i  creativi  sono  sempre  stato  isolati  dalla  vita  aziendale,  con  la  produzione  e  il  marketing.  Anche   per   i   nostri   competitor   i   riferimenti   sono   questi   mercati.   Si  esplorano   i   nuovi   mercati   come   il   fashion,   l’energy,   lifescience,  caratterizzato   da   prodotti   assemblati,   come   la   poltrona   da   dentista   e  prodotti  fatti  di  ingredienti  come  i  medicinali,  quindi  anche  il  mercato  dei  consumer  goods  è  interessato  dal  PLM.  Anche  il  semplice  giocattolo,  ormai  la  richiesta  si  amplia  a  tutti  i  mercati.  I   “rompighiaccio”   sono   sempre   aerospace   e   automotive   anche   perché  hanno  più  soldi  per  lanciarsi  in  nuove  tecnologie.Quindi  i  sistemi  PLM  sono  utilizzati  principalmente  dall’ambiente  aerospace  e  dall’automotive  che  sono  i  settori  trainanti  delle  nuove  tecnologie,  ma  gli  strumenti  PLM  sono  usati  anche  nel  discrete  manufacturing.”                       7    
  9. 9. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011     2.1  –  PLM  per  L’Aerospace    La   globalizzazione   ha   avuto   un   fortissimo   impatto   sull’industria  aerospaziale,  provocando  un’enorme  pressione  sugli  operatori  di  settore,  la   contrazione   dei   tempi   di   consegna,   la   riduzione   dei   costi   e  l’introduzione   di   prodotti   sempre   più   complessi.   Le   aziende   sono  diventate  sempre  più  selettive  nella  scelta  dei  fornitori,  che,  se  vogliono  essere   considerati   partner   ideali,   devono   essere   pronti   ad   assumersi  ingenti   responsabilità   all’interno   della   catena   di   approvvigionamento   e  devono  essere  pronti  a  lavorare  in  conformità  con  i  processi  interaziendali  predefiniti   dagli   OEM   (Original   Equipment   Manufactures),   in   modo   che  questi   assegnino   loro   importanti   commesse.   È   necessario   per   i   fornitori  utilizzare   soluzioni   di   qualità   incentrate   su   processi   che   garantiscano   la  realizzazione  di  prodotti  migliori  ed  innovativi  e  facilitino  la  collaborazione    soddisfacendo  il  cliente,  devono  quindi  :   • Scegliere   una   soluzione   concepita   appositamente   per   far   fronte   a   tutte  le  loro  esigenze;   • Investire  in  una  soluzione  scalabile  che  permetta  loro  di  adeguarsi  ai   processi  dei  clienti;   • Migliorare  la  collaborazione  tra  i  team  di  progettazione,  produzione   e  ingegnerizzazione;   • Modificare   i   progetti   rapidamente   mediante   il   riutilizzo   delle   conoscenze.         8    
  10. 10. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011     2.2  –  PLM  per  il  Navale    In   questo   momento   le   aziende   che   progettano   e   costruiscono  imbarcazioni   si   trovano   a   fronteggiare   una   serie   di   importanti   sfide  imposte   dall’attuale   situazione   di   mercato.   Infatti,   per   essere   competitive  devono   creare   prodotti   sempre   più   all’avanguardia,   che   rispondano   in  modo   puntuale   a   tutte   le   richieste   dei   propri   clienti,   in   termini   di  prestazioni,  rapporto  qualità/prezzo  riducendo,  nello  stesso  tempo,  i  costi  e  i  tempi  di  consegna.  L’ulteriore   incremento   della   capacità   di   spesa   dei   ceti   abbienti,   l’aumento  dei  viaggi  in  crociera  e  la  crescente  passione  per  il  mare  favoriscono  una  sempre  maggiore  diffusione  della  nautica  ricreativa  e  degli  sport  nautici.  Poco   alla   volta,   i   disegni   hanno   lasciato   spazio   ai   modelli   in   3D,  permettendo  anche  ai  piccoli  costruttori  di  lanciare  vere  e  proprie  linee  di  prodotti  simili  a  quelle  sviluppate  dall’industria  automobilistica.  Passare   dal   tecnigrafo   al   modello   3D   assicura   all’industria   nautica   un  ritorno   sull’investimento   pressoché   immediato.   Sviluppando   tutto   il  progetto   come   un   mock-­‐up   digitale   3D   multidisciplinare   che   comprende  la   struttura   dello   scafo,   gli   impianti   idraulici   ed   elettrici   e   le   attrezzature  meccaniche,   i   progettisti   hanno   fin   dalle   prime   fasi   del   loro   lavoro   la  sicurezza  che  le  imbarcazioni  potranno  essere  costruite  correttamente  al  primo   tentativo.   Inoltre,   grazie   alle   soluzioni   di   analisi   e   di   Digital  Manufacturing   all’avanguardia,   si   possono   studiare   in   anticipo   le  condizioni   operative   e   le   sequenze   di   produzione   per   garantire   che   il  prodotto  finale  possa  essere  costruito  al  meglio.     9    
  11. 11. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011      Benefici:   • Disponibilità   di   una   piattaforma   integrata   epr   lo   sviluppo   del   prodotto   che   agevola   la   possibilità   di   lavorare   in   parallelo   e   la   collaborazione   tra   le   risorse   addette   allo   sviluppo   del   nuovo   prodotto;     • Progettare  e  analizzare  dati  3D  multidisciplinari  con  un  unico  mock-­‐ up   digitale   per   garantire   che   l’imbarcazione   venga   costruita   correttamente;     • Avere   il   massimo   anticipo   possibile   nella   fase   di   progettazione   (addirittura   prima   di   presentare   un’offerta   per   un   progetto)   per   garantire  il  rispetto  del  budget  stabilito:     • Maggiore   visibilità   del   progetto   per   tutti   i   soggetti   coinvolti   (inclusi   i   clienti)  ;     • Garantire   il   riutilizzo   degli   elementi   progettuali,   della   conoscenza   e   delle  best  practice  tra  un  progetto  e  l’altro;     • Gestire   il   lavoro   interdipendente   di   numerosi   consulenti   e   degli   addetti  al  cantiere  navale;     • Fornire  prodotti  innovativi  in  minor  tempo.           10    
  12. 12. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011       2.3  –  PLM  per  l’Industrial  Machinery    La   produzione   di   macchinari   industriali   richiede   un’estrema  specializzazione   e   presuppone   spesso   la   progettazione   personalizzata   di  macchine   estremamente   complesse.   Ciò   comporta   cicli   lunghi   e   la  difficoltà   nel   valutare   i   costi.   Per   far   sì   che   un’azienda   in   tale   settore  raggiunga  gli  obiettivi  prefissati  deve:   • Essere  in  grado  di  trarre  vantaggio  dai  progetti  precedenti  mediante   il  riutilizzo  delle  conoscenze  aziendali;   • Avere  a  disposizione  moduli  completi  e  intelligenti  che  selezionino  e   adottino  componenti  standard  adeguate;   • Valutare   i   costi   accuratamente   basandosi   sull’esperienza   dei   progetti  precedenti;   • Incorporare  le  nuove  norme  relative  agli  standard  industriali;   • Ridurre   i   tempi   di   ciclo   per   i   built-­‐to-­‐order   per   poter   effettuare   modifiche  anche  all’ultimo  minuto;   • Inserire  i  dati  di  produzione  e  manutenzione  in  un  database  di  facile   accesso  e  utilizzo.  La  globalizzazione  e  i  cicli  di  vita  del  prodotto,  sempre  più  brevi  sono  gli  elementi  chiave  che  spingono  all’adozione  di  una  soluzione  PLM  facile  da  usare,  che  consenta  di  battere  la  concorrenza.    La   prima   tappa   per   abbreviare   i   tempi   di   ciclo   è   smettere   di   progettare  partendo   da   uno   schizzo.   Un   sistema   di   progettazione   3D   integrato  permette   di   riutilizzare   le   conoscenze   acquisite   attraverso   i   progetti  precedenti.     11    
  13. 13. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011    Con   l’aiuto   di   un   database   intelligente   c’è   la   possibilità   di   gestire   i   vari  progetti   in   un   unico   ambiente   e   inserire   gli   standard,   le   specifiche   e   le  normative   aziendali   ed   internazionali   riducendo   gli   errori.   È   inoltre  possibile   simulare   direttamente   ciò   che   viene   progettato   nello   stesso  ambiente  d’uso  definendo  rapidamente  i  prototipi  virtuali  per  analizzare  il  comportamento   dell’assieme   completo   in   movimento   o   riutilizzando   i  risultati  di  studi  precedenti.  Le   fasi   di   progettazione   e   di   formulazione   dell’offerta   possono   essere  ottimizzate   in   quanto   i   progettisti   sono   ormai   in   grado   di   realizzare   il  progetto   migliore   in   maniera   rapida,   riutilizzando   elementi   che  provengono,  dal  50  al  70%  da  lavori  precedenti.    Ciò  permette  loro  di  concentrarsi  di  più  sull’innovazione  e  sulle  esigenze  specifiche  dei  clienti.    Le  aziende  potranno:   Soluzioni:    Ridurre  il  Time  to  Market   Capitalizzare  il  know  how   Simulare  i  prodotti  fin  dall’inizio,   sviluppare  parti  standard,  eseguire   facilmente  modifiche.  Collaborare   Avere  a  disposizione  e  condividere   dati  sempre  aggiornati  ed   omogenei  in  sicurezza  Innovare     Lanciare  costantemente  nuovi   prodotti  sul  mercato  Capitalizzare  l’Esperienza   Facile  accesso  ai  dati  a  tutti  i   professionisti,  integrare  gli  standard   aziendali  e  condividere  in  sicurezza   12    
  14. 14. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011       3- Quali  sono  e  cosa  si  aspetta  dalle  nuove  frontiere   del  PLM?“Si  parla  ultimamente  di  PLM  2.0  come  nuova  frontiera.  Ma  anche  qui  la  definizione  abbraccia  una  serie  di  tematiche.  Se   un’azienda   fornitrice   di   un   qualsiasi   prodotto,   ricevesse   un   feed-­‐back  istantaneo   dai   suoi   clienti   (lifelike   experience)   come   per   esempio   “il  cellulare   non   entra   bene   nel   taschino,   è   scivoloso   e   altro   ancora…”   essa  riuscirebbe  a  migliorare  il  suo  prodotto  in  un  intervallo  temporale  sempre  più  limitato.  D’altro  lato,  per  2.0  s’intende  la  possibilità  di  simulare  il  comportamento  in   un   ambiente   virtuale,   come   per   esempio   testare   operazioni   di  manutenzione  in  un  impianto  petrolifero  con  la  realtà  virtuale  immersiva.  Una  persona  si  mette  gli  occhiali  e  i  guanti  ed  “entra”  nel  simulatore  per  testare  in  prima  persona.  Sembravano   mondi   separati   ma   la   sono   stati   portati   all’interno   della  progettazione  del  prodotto.  La   Dassault   sta   lavorando   su   2   progetti   decisamente   innovativi:   uno  riguarda   la   simulazione   delle   piramidi   di   Giza,   l’altro   fa   riferimento   alla  possibilità   di   simulare   i   comportamenti   degli   l’iceberg   in   mare   aperto.   I  campi   di   applicazione   quindi   cambiano   in   maniera   esponenziale,   la  fantasia  non  pone  dei  limiti  insomma.  Come  per  il  web  2.0  si  intende  genericamente  uno  stato  di  evoluzione  di  internet,   per   PLM   2.0   si   fa   riferimento   a   un   generico   stato   di   evoluzione  del  PLM.” 13    
  15. 15. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011       3.1-­  PLM  2.0  “Nessuno   di   noi   è   intelligente   come   tutti   noi   insieme,   collaborare   per  sfruttare  al  meglio  la  conoscenza  di  tutti  è  la  chiave  per  l’innovazione  e  il  progresso.”    (Dassault  System,  2010)  Il   PLM   tradizionale   viene   trasformato   per   consentire   alle   comunità   di  progettisti,   analisti,   specialisti   in   tema   di   produzione   di   sfruttare   le   loro  capacità   e   la   loro   creatività   all’interno   di   un   ambiente   3D   collaborativo  con  gli  stessi  consumatori  in  tempo  reale.  Un  altro  aspetto  chiave  del  PLM  2.0,  è  la  Social  Innovation  che  permette  di  collegare  i  singoli  individui  e  le  comunità  a  contenuti,  processi  aziendali  e  servizi  in  campo  professionale.    Secondo   uno   studio   della   società   di   consulenze   CIMdata   condotto   nel  2010   un’azienda   manifatturiera   ha   ottenuto   una   riduzione   dei   costi   del  50%  grazie  all’introduzione  di  un  sistema  PLM  di  ultima  generazione.  In   un’intervista   rilasciata   da   Ken   Amann,   direttore   della   ricerca   della  società  di  consulenza  sul  PLM  CIMdata,  uno  dei  valori  chiave  del  PLM  2.0  è   la   capacità   di   far   lavorare   contemporaneamente   più   persone   sulle  stesse   informazioni,   senza   alcuna   duplicazione   che   produrrebbe  molteplici  varianti  di  quelle  stesse  informazioni.  L’impatto  che  avrà  sulle  aziende  l’adozione  di  un  sistema  PLM  2.0  è  una  riduzione  degli  addetti  e  dei  costi  di  supporto  e  assistenza  necessari  per  creare  e  gestire  l’ambiente  di   lavoro,   e   al   tempo   stesso   migliorare   e   ottimizzare   l’impiego   delle  proprie  conoscenze  e  risorse  più  preziose.     14    
  16. 16. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011      Tra   le   aziende   venditrici   di   sistemi   PLM   può   fare   la   differenza   creare  gruppi   dedicati   per   testare   un   prodotto   all’interno   di   un   ambiente  virtuale,   raccogliendo   contributi   e   suggerimenti   utili   per   definirne   le  caratteristiche  di  progettazione.  L’approccio   partecipativo   allo   sviluppo   di   prodotti   on-­‐line   del   PLM   2.0  crea   un   mondo   in   cui   diverse   comunità   di   esperti   in   materie   specifiche  (dai   progettisti   agli   analisti,   dai   tecnici   di   produzione   ai   consumatori)  possono   collaborare   on-­‐line,   lavorare   insieme,   condividere   conoscenze,  sfruttare   talenti   e   favorire   l’innovazione   nell’ambito   dello   sviluppo   di  nuovi  prodotti.    La  nuova  generazione  di  tecnologie  offre  l’accesso  on-­‐line  a  un  database  centrale,  eliminando  gran  parte  dei  trasferimenti  di  dati,  e  i  relativi  tempi,  e   consentendo   a   più   persone   di   accedere   simultaneamente   alle   stesse  informazioni   grazie   al   data   base   unico   che   funge   da   “ponte”   fra   gli  applicativi   di   modellazione   3D   in   ambito   ingegneristico   (CAD   3D)   e   i  processi   aziendali   di   collaborazione,   coprendo   tutto   il   ciclo   di   vita   del  prodotto.    La   partecipazione   dei   clienti   nel   processo   di   progettazione   causa   alle  aziende   un   risparmio   in   tempo   e   denaro   fornendo   prodotti   che   sono   stati  progettati  in  base  alle  specifiche  dei  consumatori  stessi.    Potendo   interagire   con   i   prodotti   nella   fase   di   progettazione   e   presentare  richieste   e   suggerimenti,   i   consumatori   diventano   parte   integrante   del  team  di  sviluppo,  spingendo  alle  stelle  la  percentuale  di  lanci  di  prodotto  coronati  dal  successo.     15    
  17. 17. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011       3.2-­  CAD  3D  &  Cloud  Computing:  un’utopia?    La   tematica   del   cloud   computing,   ormai   ampiamente   in   voga,   ci   ha  portato   a   pensare   a   quali   possano   essere   i   rapporti   tra   gli   sviluppi   del  cloud  computing  parallelamente  a  quelli  del  PLM  2.0.    Per   quanto   riguarda   però   le   applicazioni   legate   alla   progettazione,  caratterizzate   da   una   grafica   interattiva   e   da   una   mole   elevata   di   dati,  sembrano  restare  ancora  molti  dubbi  e  aspetti  da  risolvere.    Per  il  momento,  pare  che  i  maggiori  vantaggi  offerti  dalla  tecnologia  cloud  siano  soprattutto  legati  alla  collaborazione  e  alla  condivisione  dei  dati.    Un   altro   potenziale   beneficio   potrebbe   riguardare   presto   le   applicazioni  server  basate  su  processori  come,  ad  esempio,  i  solutori  a  elementi  finiti  che  supportano  lelaborazione  parallela.    È   importante   ricordare   che   il   principale   scopo   di   qualsiasi   architettura  hardware  consiste  nel  migliorare  la  produttività.    In   questo   momento,   i   vantaggi   produttivi   apportati   da   strumenti   di  progettazione,   come   il   CAD,   basati   “sulla   nuvola”   non   sono   ancora   ben  definiti.           16    
  18. 18. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011       3.3-­  Siemens  and  Microsoft:     Il  PLM  in  ambiente  Cloud    Siemens  PLM  Software,  business  unit  di  Siemens  Industry  Automation  Division  e  leader  nella  fornitura  di  software  e  servizi  per  la  gestione  del  ciclo  di  vita  dei  prodotti  (PLM),  lavora  su  un  progetto  congiunto  con  Microsoft  Corporation  per  creare  la  prima  soluzione  di  cloud  computing  per  la  gestione  della  qualità  nel  settore  PLM.      La  soluzione  utilizzerà  i  servizi  di  cloud  computing  della  piattaforma  Microsoft  Windows  Azure™  per  far  girare  in  maniera  sicura  l’applicativo  Dimensional  Planning  and  Validation  (DPV)  di  Siemens  PLM  Software,  dimostrando  come  il  cloud  computing  possa  garantire  l’accesso  e  l’utilizzo  a  condizioni  economicamente  vantaggiose  di  applicativi  per  la  gestione  della  qualità,  secondo  l’effettivo  fabbisogno.    Questo  progetto  è  stato  studiato  per  dimostrare  come  il  cloud  computing  possa  essere  abbinato  con  successo  al  PLM  per  generare  valore  per  l’industria  manifatturiera.      Secondo  Miscrosoft  lo  sviluppo  di  soluzioni  di  cloud  computing  avanzate  è  una  parte  importante  del  loro  impegno  per  garantire  che  i  suoi  clienti  aziendali  ottengano  il  massimo  valore  dai  loro  investimenti  IT.      DPV  –  parte  integrante  della  suite  software  Tecnomatix  di  soluzioni  per  il  digital  manufacturing,  è  il  primo  sistema  basato  su  PLM  per  la  gestione  della  qualità  “a  ciclo  chiuso”  con  funzioni  di  raccolta,  gestione,  analisi  e   17    
  19. 19. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011    reportistica  dei  dati  di  rilevamento  e  misurazione  della  qualità,  collegati  direttamente  ai  risultati  di  produzione  in  tempo  reale.      Tecnomatix  DPV  sfrutta  il  software  Teamcenter,  il  sistema  PLM  più  diffuso  a  livello  mondiale,  che  consente  di  integrare  le  informazioni  di  produzione  “as-­‐built”,  abbinate  ai  dati  di  qualità  della  produzione  in  tempo  reale,  nello  stesso  ambiente  utilizzato  per  gestire  i  dati  di  prodotti,  processo  e  produzione.    Alcune  organizzazioni,  ad  esempio  siti  produttivi  remoti  o  fornitori  esterni,  pur  non  avendo  bisogno  di  un’infrastruttura  completa  di  risorse  PLM,  potrebbero  comunque  trarre  beneficio  da  questo  tipo  di  tecnologia  avanzata  per  la  gestione  della  qualità.      Partendo  da  una  partnership  consolidata,  Siemens  PLM  Software  e  Microsoft  hanno  unito  le  forze  per  creare  un  ambiente  nel  quale  Tecnomatix  DPV  e  Teamcenter  opereranno  “in  the  cloud”  con  il  sistema  operativo  per  servizi  cloud  Windows  Azure,  utilizzando  il  database  relazionale  SQL  Azure.      In  questo  modo  potranno  testare  e  proporre  scenari  nei  quali  questa  soluzione  per  la  gestione  della  qualità  basata  sul  PLM  possa  essere  sfruttata  in  tutta  la  sua  potenza  e  flessibilità  senza  bisogno  di  un  sistema  IT  aziendale  completo.      Una  volta  validati,  i  risultati  favoriranno  una  grande  diffusione  delle  soluzioni  PLM  per  la  gestione  della  qualità  e  aumenteranno  le  opzioni  disponibili  per  l’implementazione  attraverso  un  ambiente  on-­‐demand.     18    
  20. 20. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011    Utilizzando  la  piattaforma  Windows  Azure  per  gestire  la  potenza  del  cloud  computing,  le  organizzazioni  avranno  la  possibilità  di  ridurre  drasticamente  i  costi  dell’infrastruttura  e  dell’assistenza.      Oltre  al  progetto  DPV-­‐Azure,  Siemens  PLM  Software  è  impegnata  con  Microsoft  in  molte  altre  iniziative  mirate  allo  sfruttamento  efficace  del  cloud  computing.      Ad  esempio  l’attività  collaborativa  di  sviluppo  prodotto  in  ambiente  cloud  basata  sull’utilizzo  della  piattaforma  Windows  Azure  per  la  condivisione  sicura  e  automatica  dei  dati  di  prodotto  3D  nei  formati  JT  e  PLM  XML,  fra  un  costruttore  di  macchine  e  impianti  (OEM)  e  i  suoi  fornitori.    Siemens  PLM  Software  è  stata  la  prima  aziende  del  settore  a  supportare  SharePoint  e    a  proporre  soluzioni  di  cloud  computing  sulla  piattaforma  Windows  Azure.                     19    
  21. 21. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011     3.4-­  Modellatori  CAD  3D  su  i-­pad  e  tablet    Crediamo  che  le  domande  più  giuste  da  porsi  siano:      Cambierà  mai  il  modo  di  operare  di  ingegneri  e  progettisti?     Riusciranno   a   svolgere   la   loro   attività   lontani   dalla   postazione   di   lavoro,  magari  in  giro  per  l’officina  o  su  un  cantiere?    Pensiamo   che   i   dispositivi   palmari   e   tablet   verranno   senz’altro   utilizzati,  ma   solo   per   effettuare   delle   revisioni   e   apportare   alcune   modifiche   al  progetto.    Tuttavia,   crediamo   che   la   maggior   parte   del   lavoro   di   ingegneria   e  progettazione  continuerà  a  essere  svolta  seduti  alla  scrivania.    Gli   utenti   CAD   infatti   continuano   a   chiedere   display   più   grandi,   una  visualizzazione   più   rapida   dei   dati   nonché   uno   schermo   maggiore   per   la  visualizzazione  grafica.    Durante   la   fase   di   documentazione   siamo   venuti   a   sapere   che   l’ultimo  release   di   Solid   Edge   offrirà   nuove   funzionalità,   basate   sulla   tecnologia  sincrona   (Synchronous   Technology),   che   accelerano   notevolmente   la  creazione  di  modelli,  semplificano  le  revisioni  e  agevolano  limportazione  e  il  riutilizzo  di  dati  CAD  di  terze  parti.    Siemens   PLM   Software   ha   esteso   la   Synchronous   Technology   a   tutti   gli  aspetti  del  prodotto.    Oltre   al   supporto   per   la   modellazione   di   parti   e   la   progettazione   di  lamiere,   già   disponibile   nelle   versioni   precedenti,   i   modelli   sincroni  possono   ora   essere   utilizzati   direttamente   con   tutti   gli   applicativi   di  progettazione,  ad  esempio  tubazioni,  telai,  cablaggi  e  assiemi.     20    
  22. 22. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011    Un’altra   novità   è   l’associatività   fra   le   parti   che   permette   di   definire   e  modificare   l’intento   progettuale   prima,   durante   e   dopo   la   progettazione  di  un  assieme.           4-­‐Quanto  influisce  l’inerzia  al  cambiamento  in   un  progetto  PLM?    “È   una   delle   principali   difficoltà   per   ogni   tipo   di   progetto,   incluso   quello   di  introduzione  di  un  sistema  PLM.  La  componete  umana  è  sempre  stata  importantissima,  se  trovi  qualcuno  che  crede  in  una  cosa,  è  difficile  che  il  suo  capo  lo  fermi  e  gli  dica  no,  gli  permette  di  provare  per  vedere  se  dà  dei  risultati.Il   problema   è   creare   le   condizioni   per   cui   ci   sia   entusiasmo   al  cambiamento:  se  una  risorsa  è  piena  fino  al  collo  di  lavoro  è  difficile  che  sia  molto  ricettiva.  Quando   andrete   a   lavorare   in   azienda   potrai   sperimentare   che   il   tuo   capo  non  ti  negherà  la  possibilità  di  introdurre  una  novità.Nelle   organizzazioni   non   c’è   il   PLM   manager,   c’è   a   volte   il   CAD   manager   o  al  massimo  l’Innovation  manager  magari  ad  interim,  che  ha  in  un  anno  un  paio  di  progetti.  Anche   in   aziende   più   piccole   si   vedono   questi   Innovation   manager,   ci   sono  delle   aziende   che   fanno   dell’innovazione   il   loro   cavallo   di   battaglia,   oggi  tutti  copiano  ma  se  arrivi  primo  il  mercato  ti  riconosce  un  valore  in  più  e   21    
  23. 23. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011    quindi  un  premium  price.  Poi  se  fai  le  maniglie  ti  copiano  subito  se  fai  un  aereo  ci  mettono  6  mesi.I   contatti   con   le   aziende   sono   cambiati   una   volta   era   il   direttore   tecnico  ora  tante  organizzazioni  hanno  la  figura  dell’Innovation  Manager.  Si   arriva   a   un   punto   in   cui   i   miglioramenti   in   ogni   funzione   sono  infinitesimali,   l’unico   miglioramento   è   ragionare   collettivamente   per  migliorare  insieme”. 4.1-­  La  figura  dell’Innovation  Managerl’Innovation   manager   identifica   coloro   che,   all’interno   dell’azienda   o   in  posizione   consulenziale,   contribuiscono   all’identificazione   delle   esigenze  di   innovazione   e   allo   sviluppo   e   implementazione   dei   processi   di  introduzione  di  nuovi  prodotti/processi  o  nuove  formule  organizzative.  Una   figura   che   affianca   la   direzione   nella   messa   a   punto,   nella   gestione  complessiva   e   nel   coordinamento   del   processo   d’innovazione   e   che  supporta   tuta   l’organizzazione   nell’individuazione   e   realizzazione   delle  diversi  fasi  di  attuazione  del  processo  d’innovazione.  La   figura   dell’Innovation   manager   è   una   tipica   figura   di   staff   in   quanto  possiede  competenze  di  tipo  trasversale,  che  gli  permettono,  cogliendo  i  segnali   deboli   ed   anticipativi   che   provengono   dall’esterno   (mercato,  tecnologia,   società,   economia)   o   dall’interno   dell’organizzazione,   di  individuare  e  di  accompagnare  l’implementazione  di  combinazioni  nuove  dei  fattori  produttivi,  di  nuovi  prodotti/servizi  o  di  soluzioni  organizzative  che  consentono  di  realizzare  un  vantaggio  competitivo. 22    
  24. 24. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011    L’Innovation   manager   normalmente   possiede   almeno   cinque   anni   di  esperienza   lavorativa   all’interno   di   imprese,   per   le   persone   con  esperienza   minore   la   denominazione   innovation   manager   viene  accompagnata  dal  titolo  “junior”.  Si  occupa  di:-­‐   lavorare   in   “team”,   spesso   interdisciplinari,   di   sviluppo   di   nuovi  prodotti/servizi;-­‐   svolgere   attività   di   progettazione   di   prodotti/servizi   e   dei   relativi  processi;-­‐  svolgere  attività  inerenti  all’innovazione.Una   ricerca   della   SDA   bocconi   evidenzia   come   questo   nuovo   ruolo  richieda   forti   investimenti   nella   creazione   di   percorsi   di   sviluppo  professionale  e  formativi  adeguati.La  figura  deve  possedere  un  mix  di  competenze  tecnologiche,  strategiche,  di   marketing,   di   business   e   manageriali   e   può   avere   origine  dall’ampliamento   delle   responsabilità   del   chief   information   officer   nelle  imprese   in   cui   l’enfasi   maggiore   dei   processi   innovativi   è   posta  sull’infrastruttura   informativa;   dei   chief   technology   officer   quando   il  fattore   critico   competitivo   risiede   nello   sfruttamento   delle   competenze  tecnologiche  e  nei  risultati  derivanti  dalla  funzione  Ricerca  &  Sviluppo;  dei  ruoli  di  relazione  con  i  clienti  quando  si  vuole  che,  attraverso  l’impiego  di  nuove  tecnologie  di  comunicazione  e  connessine  con  il  mercato  l’azienda  possa   acquisire   migliori   informazioni   per   orientare   le   proprie   scelte  innovative  e  possa  rafforzare  il  brand  aziendale.   23    
  25. 25. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011                          4.2-­  Come  cambiano  le  realtà  aziendali  e  le  figure                                 professionali  Ingegneri   e   designer   sono   chiamati   a   creare   di   più,  velocemente  e   con  maggiore  qualità.    Questi  a  loro  volta  chiedono  ai  vendor  di  offrire  soluzioni  (CAD,  CAM,  CAE  e  PDM)  migliori.    Ingegneri  e  designer  devono  affidarsi  a  una  nuova  modalità  di  lavoro  che  consenta  loro  di  stare  al  passo  con  la  domanda.    La   tecnologia   sincrona   è   stata   sviluppata   in   quest’ottica   in   quanto  combina  la  precisione  e  il  controllo  della  progettazione  basata  su  feature  con  la  velocità  e  la  flessibilità  della  modellazione  esplicita.    Ciò   si   traduce   per   gli   ingegneri   in   una   riduzione   delle   tempistiche   di  progettazione   prodotti,   inserimento   modifiche   e   rimodellamento   dati  importati  o  dei  clienti  per  nuovi  utilizzi.    La  nuova  release  di  Solid  Edge  di  Siemens  presenta  la  nuova  funzionalità  per  l’integrazione  di  disegni  2D  in  modelli  3D  esistenti  per  l’aumento  della  produttività.    Le   quote   di   produzione   sui   disegni   2D   possono   essere   trasferite  automaticamente  al  corrispondente  modello  3D  importato.    Le   quote   3D   ottenute   possono   essere   immediatamente   cambiate,  modificando  il  modello  3D  importato  grazie  alla  tecnologia  sincrona.       24    
  26. 26. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011      Il   lavoro   viene   velocizzato   dagli   strumenti   di   semplificazione   dei   modelli   e  dalle   funzionalità   avanzate   di   visualizzazione   che   consentono   di   vedere  allinterno  del  modello.    Eventuali   interventi   possono   essere   effettuati   in   modalità   sincrona   o  tradizionale.    Solid   Edge   permette   di   validare   parti   e   assiemi   nelle   fasi   iniziali   del  processo   di   sviluppo   dei   prodotti,   accelerando   il   time-­‐to-­‐market   e  riducendo  i  costi  di  prototipazione  fisica.       25    
  27. 27. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011     5- I  benefici  del  PLM  sono  chiari,  il   problema  è  monitorarli,  quali  indicatori  di   prestazione  (KPI)  utilizzate,  avete  un   cruscotto  standard?  “Prima  era  più  facile  c’erano  delle  matrici  sul  CAD  a  seconda  del  numero  di  utenti  che  intendi  impiegare,  con  cui  si  poteva  dimostrare  il  risparmio  di  3   o   4   5   anni   uomo,   oggi   non   è   più   possibile,   ci   sono   dei   parametri   più  qualitativi,   quando   ci   troviamo   di   fronte   al   cliente   nella   migliore   delle  ipotesi,  cioè  quando  il  cliente  è  ricettivo  ed  entusiasta  devi  lavorare  con  lui  a  creare  il  business  case  e  personalizzare,  è  difficile  dimostrare  prima,  si  fa  col   senno   di   poi,   devi   unire   i   parametri   qualitativi   a   quelli   quantitativi,   è  l’aspetto  più  critico,  più  difficile  a  volte  se  è  una  cosa  innovativa  non  hai  esperienza  pregressa,  è  importante  la  predisposizione  delle  persone.Con   un   management   propositivo   si   lavora   bene,   ma   spesso   l’ambiente   è  più   ostico,   con   condizioni   al   contorno   sfavorevoli,   con   mercato   depresso,  in   questi   casi   con   tutta   la   buona   volontà   che   ci   puoi   mettere   gli  investimenti   si   restringono   anche   se   in   teoria   è   proprio   in   questi   periodi  che  bisognerebbe  investire  per  uscire  dal  guado.  Ho  seguito,  per  esempio,  Maschio,  produttore  di  macchine  agricole.  I   prodotti   che   propone   sono   innovati   per   diversi   mercati     ma   il   mercato  africano  non  può  permettersi  una  mietitrebbiatrice  al  prezzo  del  mercato  europeo,   sono   arrivati   a   dimezzare   i   tempi   di   sviluppo   in   modo   tale   da  uscire  all’inizio  di  ogni  anno  di  mietitura  con  una  nuova  macchina.   26    
  28. 28. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011    Oggi  il  trattore  è  diventato  una  commodity  e  i  criteri  di  scelta  al  momento  dell’acquisto   sono   gli   optional:   la   radio,   il   colore,   il   riscaldamento,   l’aria  condizionata,  quindi  criteri  sono  cambiati  nella  scelta  dei  prodotti.Per   quanto   riguarda   gli   indicatori,   abbiamo   una   struttura   di   servizi   che  possiede   già   dei   casi   di   studio,   i   quali   personalizzati   di   volta   in   volta,   si  adattano  al  caso  specifico.  Esistono  dei  parametri  e  degli  indicatori  standard  ma,  in  un  progetto  PLM,  soprattutto   se   di   grandi   dimensioni,   si   effettua   uno   studio   consulenziale  presso  il  cliente,  valutando  il  singolo  caso.  Una  volta  era  più  facile  vendere  un  software  CAD,  anche  se  costava  tanto,  ora  un  software  che  costa  molto  meno  bisogna  giustificarlo  al  cliente.  Si   fanno   interviste   che   durano   anche   di   2,   4   settimane   per   recuperare   dati  e  prevedere  un  risultato  attendibile.  Un   nostro   collega   che   ha   lavorato   per   l’implementazione   della  piattaforma   v6   in   Augusta   S.p.A,   è   rimasto   diversi   mesi   negli   uffici   del  cliente  per  studiare  assieme  la  soluzione  migliore.Questo   succede   se   uno   strumento   deve   essere   usato   da   migliaia   di  persone,  casi  in  cui  i  costi  di  educational  non  sono  indifferenti.”         27    
  29. 29. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011       6-­‐In  cosa  consiste  esattamente  la  piattaforma  integrata   V6  di  Dassault  Systemes?    “E’  una  piattaforma  scalabile  unica,  aperta  e  basata  sul  Web.  Offre   funzionalità   specifiche   che   favoriscono   la   collaborazione   e  laccessibilità  dellIP  (Intellectual  Property).      Introduce   nuove   soluzioni   per   settori   industriali   specifici   che  automatizzano  processi  e  attività,  liberando  risorse  e  tempo  prezioso  per  dedicarsi  allinnovazione  creativa.      Offre   ad   esempio   il   supporto   completo   dei   processi   di   fissaggio   nel   settore  automobilistico   e   aerospaziale,   con   una   soluzione   pienamente   integrata  che  abbraccia  tutti  i  comparti  del  PLM  e  rappresenta  una  novità  assoluta  in  ambito  industriale.      Grazie   alla   gestione   di   programmi   interdisciplinari,   gli   utenti   di   CATIA   e  DELMIA   possono   ora   accedere   direttamente   alle   attività   di   progetto   loro  assegnate  direttamente  dai  rispettivi  ambienti  di  lavoro.      La   nuova   funzione   DELMIA   Manufactured   Product   Planning   sfrutta   la  piattaforma   integrata   della   V6   per   sviluppare   l’intero   processo   dalla  definizione   del   prodotto   in   termini   di   progettazione   alla   definizione   della  versione  effettivamente  realizzata.     28    
  30. 30. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011    In   sostanza   consiste   in   un   unico   database   attraverso   il   quale   si   possono  gestire   informazioni   sotto   qualsiasi   formato   (CATIA,   ENOVIA,   SOLID  WORKS,  SIMULIA,  DELMIA)  e  tutto  viene  gestito  univocamente.I   clienti   sono   favorevoli   alla   piattaforma   completa   o   si  accontentano  piuttosto  di  pacchetti  singoli?“Ovviamente  nella  maggior  parte  dei  casi   i  clienti,  come  qualsiasi  azienda,  lavorano   per   budget   e   chiedono   solo   alcuni   pacchetti   non   arrivando   alla  piattaforma  completa.Di   conseguenza   siamo   noi   che   dobbiamo   essere   bravi   a   far   spostare  l’asticella.   È   un   modo   per   rispondere   meglio   alle   esigenze   del   cliente  vendendo  i  singoli  pacchetti.”                             29    
  31. 31. [TESINA  DI  APPROFONDIMENTO  SUL  PLM]   a.a.  2010-­‐2011     8-­  Bibliografia    Testi:     • Emilio   Bartezzaghi   (2010),   “L’organizzazione   dell’impresa”   Processi,  progetti,  conoscenza  e  persone”    Siti  internet:   • http://www.3ds.com/   • http://www.plm.automation.siemens.com   • http://www.cad3d.it   • http://www.businessonline.it/   • http://www.aiscris.it/       30    

×