Lumen CEI

1,765 views

Published on

Intervento della Dottoressa zambelli, CEI al convegno plenario Lumen del 2 ottobre 2009

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,765
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
15
Actions
Shares
0
Downloads
55
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lumen CEI

  1. 1. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO 1
  2. 2. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO 2
  3. 3. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano 3
  4. 4. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO COMPONENTI PRINCIPALI DI UN APPARECCHIO DI ILLUMINAZIONE A LED • sorgente luminosa = modulo LED o lampada a LED • connettore per modulo LED (se esistente) • unità di alimentazione 4
  5. 5. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO CEI EN 62031 Moduli LED per illuminazione generale Specifiche di sicurezza modulo LED = unità fornita come sorgente luminosa che, in aggiunta a uno o più LED, può contenere componenti aggiuntivi quali ad es. ottici, meccanici, elettrici ed elettronici, ma non l’unità di alimentazione specifica le prescrizioni di sicurezza elettrica, meccanica e termica per - moduli LED senza unità di alimentazione incorporata, per funzionamento a tensione, corrente o potenza costanti - moduli LED con unità di alimentazione incorporata, per l'uso con alimentazione in c.c. fino a 250 V o in c.a. fino a 1000 V a 50 o 60 Hz 5
  6. 6. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO CLASSIFICAZIONE DEI MODULI LED I moduli LED sono classificati secondo il metodo di installazione:  integrato  da incorporare  indipendente 6
  7. 7. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO LAMPADA A LED CON ALIMENTATORE INCORPORATO Unità che non può essere smontata senza essere danneggiata permanentemente, munita di un attacco conforme a 60061-1 e che incorpora una sorgente luminosa a LED e altri componenti supplementari necessari all’accensione e al funzionamento stabile della sorgente. 7
  8. 8. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO Draft IEC 62560 Lampade a LED con alimentatore incorporato per illuminazione generale superiore a 50 V Sicurezza specifica le prescrizioni di sicurezza e intercambiabilità, i metodi e le condizioni di prova (prove di tipo) richiesti per la conformità delle lampade a LED con alimentatore integrato per un funzionamento stabile, per illuminazione domestica e illuminazione generale con: - potenza nominale fino a 60 W - tensione nominale compresa tra 50 e 250 V - attacchi conformi alla 60061-1 (E14, E27, B15d, B22d, GU10, GZ10, GX53) 8
  9. 9. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO Draft IEC 62612 Lampade a LED con alimentatore incorporato per illuminazione generale superiore a 50 V Prestazioni specifica i requisiti di prestazione delle lampade a LED con alimentatore incorporato (fino a 250 V), i metodi e le condizioni di prova richiesti per dimostrarne la conformità, per illuminazione domestica e illuminazione generale con: - potenza nominale fino a 60 W - tensione nominale fino a 250 V (c.a. o c.c.) - attacchi conformi alla 60061-1 (E14, E27, B15d, B22d, GU10, GZ10, GX53) 9
  10. 10. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO CEI EN 60838-2-2 Portalampade eterogenei Connettori per moduli LED copre gli aspetti di sicurezza dei connettori di vario tipo da incorporare (compresi quelli utilizzati per interconnessione tra moduli LED), da utilizzare con moduli LED a circuito stampato 10
  11. 11. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO CEI EN 61347-2-13 Unità di alimentazione elettroniche alimentate in c.c. o in c.a. per moduli LED Sicurezza specifica le prescrizioni di sicurezza per le unità di alimentazione elettroniche previste per funzionare con alimentazioni in c.c. fino a 250 V e in c.a. fino a 1000 V, a 50 o 60 Hz e con una frequenza di uscita che può essere diversa dalla frequenza di alimentazione, associate a moduli LED. Le unità di alimentazione per moduli LED specificate in questa Norma sono progettate in modo da fornire una tensione o una corrente costante SELV, equivalenti a SELV o tensioni superiori. 11
  12. 12. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO CEI EN 62384 Unità di alimentazione elettroniche alimentate in c.c. o c.a. per moduli LED Prestazioni specifica le prescrizioni di prestazione per le unità di alimentazione elettroniche previste per funzionare con alimentazioni in c.c. fino a 250 V e in c.a. fino a 1000 V, con una frequenza di ingresso di 50 o 60 Hz e con una frequenza di uscita che può essere diversa dalla frequenza di alimentazione, associate a moduli LED conformi alla IEC 62031. Le unità di alimentazione per moduli LED specificate in questa Norma sono progettate in modo da fornire una tensione o una corrente costanti. 12
  13. 13. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO CEI EN 60598-1 Apparecchi di illuminazione Parte 1: Prescrizioni generali e prove • specifica le prescrizioni generali per gli apparecchi che incorporano le sorgenti di illuminazione che funzionano con tensioni di alimentazione fino a 1000 V e indica le prescrizioni e le relative prove riguardanti classificazione, marcatura, costruzione meccanica e elettrica • prende in considerazione tutti gli aspetti della sicurezza elettrica, termica e meccanica. Le Parti 2 specificano le prescrizioni relative ad un particolare tipo di apparecchio o a un gruppo di apparecchi • non deve quindi essere considerata come Norma a sé stante e Parti 2 nuova edizione dor: 21/10/2008 – dow: 12/04/2012 13
  14. 14. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO CEI EN 62471 Sicurezza fotobiologica delle lampade e dei sistemi di lampada Linee guida per la valutazione della sicurezza fotobiologica delle lampade e dei sistemi di lampada compresi gli apparecchi di illuminazione. In particolare specifica - i limiti di esposizione - le tecniche di misura di riferimento (radianza e irradianza) - lo schema di classificazione in base alla pericolosità (gruppi di rischio) per la valutazione e il controllo dei rischi fotobiologici di tutte le sorgenti di radiazione ottica incoerenti a banda larga, alimentate elettricamente - compresi i LED, ma esclusi i laser - nel campo di lunghezza d’onda compreso tra 200 nm e 3000 nm. 14
  15. 15. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO IEC/TR 62471-2 Sicurezza fotobiologica delle lampade e dei sistemi di lampada Parte 2: Guida sulle prescrizioni di costruzione relativa alla sicurezza della radiazione ottica non-laser Guida per lo sviluppo futuro delle Norme di prodotto e aiuto per i costruttori dei sistemi di lampada nell’interpretazione delle informazioni di sicurezza fornite dai costruttori di lampada Guida per la marcatura dei prodotti: l’etichettatura dipende dal gruppo di rischio che può essere differente a seconda del pericolo/danno considerato (gruppo di rischio 1: marcatura opzionale; gruppo di rischio 2 e rischio 3: deve essere marcato sul prodotto o sulla confezione) 15
  16. 16. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO Laboratorio di sicurezza ottica e fotometria IMQ Per informazioni: Ing. Giuseppe Migale giuseppe.migale@imq.it 16
  17. 17. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO COMPATIBILITÀ ELETTROMAGNETICA per gli apparecchi di illuminazione e i componenti che utilizzano i LED come sorgente luminosa • CEI EN 61547 “Apparecchiature per illuminazione generale. Prescrizioni di immunità EMC” • CEI EN 61000-3-2 “Compatibilità elettromagnetica (EMC). Limiti per le emissioni di corrente armonica (apparecchiature con corrente di ingresso <= 16 A per fase)” • CEI EN 61000-3-3 “Compatibilità elettromagnetica (EMC). Limitazione delle fluttuazioni di tensione e del flicker in sistemi di alimentazione in bassa tensione per apparecchiature con corrente nominale <= 16 A e non soggette ad allacciamento su condizione” • CEI EN 55015 “Limiti e metodi di misura delle caratteristiche di radiodisturbo degli apparecchi di illuminazione elettrici e degli apparecchi analoghi” 17
  18. 18. COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano 18

×