Trattamento ldd

4,588 views

Published on

0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
4,588
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
78
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Trattamento ldd

  1. 1. IL TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA DECUBITO
  2. 2. Linee Guida 1
  3. 3. La genesi di una LDD è un evento multifattoriale e come tale richiede un approccio multidisciplinare. La LDD è l'espressione cutanea delle condizioni generali del pzt. Per curare una LDD bisogna curare tutto il pzt; in caso contrario nessun trattamento locale sarà in grado di attivare la guarigione.
  4. 4. ETA' STATO NUTRIZIONALE FARMACI TRAUMI ACUTI MALATTIE DI BASE STATO IMMUNITARIO COMPLICAZIONI POSTOPERATORIE SITUAZIONE PSICO-SOCIALE Gestione della ferita Eta' della ferita Sede della ferita Condizioni operatorie Germi, sporcizia, infezione Condizioni letto della ferita Entità del danno Condizioni dei margini della ferita IMPORTANTI INFLUSSI SISTEMICI E LOCALI SULLA GUARIGIONE DELLA FERITA
  5. 5. Protocollo: Il Trattamento <ul><ul><li>Comprende: </li></ul></ul><ul><li>Debridment </li></ul><ul><li>Detersione </li></ul><ul><li>Uso della medicazione </li></ul><ul><li>DEBRIDMENT </li></ul><ul><ul><li>Le tecniche possibili sono: </li></ul></ul><ul><ul><li>Debridment chirurgico </li></ul></ul><ul><ul><li>Debridment meccanico </li></ul></ul><ul><ul><li>Debridment enzimatico </li></ul></ul><ul><ul><li>Debridment autolitico </li></ul></ul>1
  6. 6. Non metter nella ferita ciò che non mettereste nel vostro occhio. Mettete quello che volete sulla piaga da decubito, ma non metteteci l'ammalato. Robert Villain
  7. 7. La medicazione è un materiale che viene posto a diretto contatto con una lesione (m. primaria)che può necessitare di un supporto di fissaggio (m. Secondaria). L'obiettivo della medicazione è di creare l'ambiente ottimale per il processo di guarigione . Fin tanto che la ferita non sarà guarita completamente ed il difetto cutaneo non si sarà richiuso, la medicazione assume provvisoriamente i compiti fondamentali della cute intatta.
  8. 8. MEDICAZIONI AVANZATE TRADIZIONALI
  9. 9. ASPETTI FUNZIONALI La medicazione ideale <ul><li>Ambiente umido (MOIST WOUND HEALING) </li></ul><ul><li>scambi gassosi </li></ul><ul><li>Isolamento termico </li></ul><ul><li>impermeabile microrganismi </li></ul><ul><li>comoda e non dolorosa </li></ul><ul><li>Alta assorbenza </li></ul><ul><li>Protezione meccanica(pressione, urti, sfregamenti), dallo sporco </li></ul><ul><li>atraumatica alla rimozione </li></ul><ul><li>anallergica e sicura </li></ul><ul><li>non aderente </li></ul>1
  10. 10. ASPETTI FUNZIONALI La medicazione ideale <ul><li>MONITORAGGIO COSTANTE </li></ul><ul><li>STERILE </li></ul><ul><li>CONFORMABILE alle superfici irregolari, FLESSIBILE e adattabile a qualsiasi contorno anatomico </li></ul><ul><li>COSTI/BENEFICI </li></ul><ul><li>LUNGHI INTERVALLI DI CAMBIO (<rischio di infezione, < di tempo al personale, < dei cali di T°, gestione a domicilio) </li></ul>1
  11. 11. <ul><li>ASSORBIMENTO DI LIQUIDI SINO ALL’ESSICAMENTO DELLA FERITA (la disidratazione rallenta il processo di guarigione) </li></ul><ul><li>EMOSTASI </li></ul><ul><li>PROTEZIONE DALLE INFEZIONI </li></ul><ul><li>OCCULTAMENTO DELLA FERITA </li></ul>Medicazioni tradizionali
  12. 12. <ul><li>MANTENERE UN MICROAMBIENTE UMIDO </li></ul><ul><li>RIMOZIONE ESSUDATI E MATERIALE NECROTICO </li></ul><ul><li>MANTENERE UNA TEMPERATURA COSTANTE </li></ul><ul><li>PERMEABILITA’ ALL’OSSIGENO </li></ul><ul><li>PROTEZIONE DA INFEZIONI ESOGENE </li></ul><ul><li>MANEGGEVOLEZZA </li></ul><ul><li>ATRAUMATICHE ALLA RIMOZIONE </li></ul><ul><li>BASSO COSTO </li></ul>MEDICAZIONI AVANZATE
  13. 13. <ul><li>Pellicole trasparenti di poliuretano, adesive. Sono semipermeabili (permeabili all'ossigeno esogeno ed al vapore acqueo, impermeabili all'acqua e ai contaminanti esterni) </li></ul><ul><li>AZIONE: Effetto barriera(proteggono la cute dall'aggressione di agenti esterni quali feci, urine, ecc). Mantenimento dell'ambiente umido (prevengono la disidratazione). Favoriscono l'autolisi del tex necrotico. </li></ul><ul><li>INDICAZIONI: </li></ul><ul><li>lesioni I° stadio , lesioni con escara (med. Primaria) </li></ul><ul><li>fissaggio di medicazioni primarie non adesive (med. secondaria) </li></ul><ul><li>prevenzione delle LdD; </li></ul><ul><li>NON USARE: </li></ul><ul><li>su cute macerata; su LDD con moderato/abbondante essudato </li></ul><ul><li>su lesioni infette; su cute fragile. </li></ul><ul><li>Possono essere di difficile applicazione. </li></ul>FILM SEMIPERMEABILI
  14. 15. <ul><li>Medicazioni occludenti o semioccludenti costituite da sostenze come gelatina, pectina, CMT. Formati: adesivi, paste, polveri. </li></ul><ul><li>AZIONE: </li></ul><ul><li>a contatto con la ferita assorbe in maniera lenta e controllata l’essudato formando un soffice gel; </li></ul><ul><li>INDICAZIONI : </li></ul><ul><li>Nella prevenzione e 1 stadio. Nelle lesioni superficiali poco o moderatamente secernenti, con fondo fibrinoso e/o deterso; </li></ul><ul><li>ulcere distrofiche agli arti inferiori;ulcere diabetiche; </li></ul><ul><li>Come medicazioni secondarie nelle lesioni avanzate </li></ul><ul><li>NON USARE: </li></ul><ul><li>su ferite molto essudanti; </li></ul><ul><li>ferite infette; cute fragile perilesionale </li></ul><ul><li>attenzione alle dimensioni. </li></ul>IDROCOLLOIDI
  15. 17. <ul><li>Sono enzimi deputati alla lisi del materiale proteico o nucleare (debridment enzimatico). </li></ul><ul><li>INDICAZIONI </li></ul><ul><li>lesioni con fondo necrotico e/o fibrinoso e umido, superficiali e/o profonde; </li></ul><ul><li>richiedono una medicazione secondaria; </li></ul><ul><li>ATTENZIONE: </li></ul><ul><li>Possono essere lesivi dei tessuti sani; </li></ul><ul><li>Attenzione a fenomeni di sensibilizzazione e/o irritativi </li></ul><ul><li>Alcuni preparati richiedono più applicazioni al giorno; </li></ul><ul><li>Alcuni preparati si inattivano in presenza di antisettici a base di Iodio e dai Metalli Pesanti; </li></ul><ul><li>Si tratta di farmaci: impiegare solo su prescrizione medica </li></ul>PROTEOLITICI
  16. 19. <ul><li>Gel trasparenti a base di acqua (contenuto >50% fino al 70%). Possono contenere alginati. Specifici per lesioni cutanee che necessitano di idratazione e/o detersione. La capacità assorbente è in genere limitata. </li></ul><ul><li>AZIONE: </li></ul><ul><li>rimozione del tessuto necrotico reidratandolo e promuovendo così il processo autolitico naturale; </li></ul><ul><li>detersione efficace sulla fibrina e sulla necrosi sierosa proteggendo il tessuto di granulazione; </li></ul><ul><li>INDICAZIONI: </li></ul><ul><li>lesioni infette; </li></ul><ul><li>lesioni necrotiche, con escara; </li></ul><ul><li>nelle lesioni profonde, come riempitivi di cavità (garze imbevute) </li></ul><ul><li>ATTENZIONE alla cute perilesionale se macerata; controindicati con lesioni con intensa essudazione; usare una medicazione secondaria impermebile per controllarne l'evaporazione. </li></ul>IDROGELI
  17. 21. <ul><li>Medicazioni sterili in TNT composte da soffici fibre di di idrocolloidi (CMC). Combinano l’azione degli idrogeli e degli alginati, evitano il rischi di macerazione. A contatto con l’essudato diventano un gel. </li></ul><ul><li>AZIONE: </li></ul><ul><li>assorbono discrete quantità di essudato “verticalmente”; </li></ul><ul><li>riducono la macerazione; </li></ul><ul><li>INDICAZIONI: </li></ul><ul><li>lesioni a spessore parziale e totale; </li></ul><ul><li>essudazione media-intensa; </li></ul><ul><li>lesioni cavitarie; </li></ul><ul><li>ATTENZIONE alla rimozione se si presenta troppo asciutta bagnare con soluzione fisiologica; </li></ul>IDROFIBRE
  18. 22. <ul><li>Medicazione primaria, assorbenti, sterili, composta da sali di Ca e Na oppure solo Ca dell’acido alginico estratto dall’alga bruna. </li></ul><ul><li>AZIONE: </li></ul><ul><li>assorbono grandi quantità di essudato in tempi brevi formando un soffice gel; </li></ul><ul><li>riducono la macerazione; </li></ul><ul><li>la presenza di ioni Ca favorisce l’emostasi; </li></ul><ul><li>INDICAZIONI: </li></ul><ul><li>lesioni superficiali e/o profonde ad essudato abbondante e con fondo fibrinoso e/o deterso; </li></ul><ul><li>lesioni sanguinanti superficiali o profonde (effetto di emostasi) </li></ul><ul><li>possono essere usati su ferite infette; riempitivo di cavità essudanti </li></ul><ul><li>ATTENZIONE: non utilizzarli su lesioni asciutte, in presenza di escara o tessuto necrotico e quindi non essudanti; </li></ul>ALGINATI
  19. 23. <ul><li>Medicazione primaria o secondaria, sterile, composta da schiuma poliuretanica assorbente e un film di copertura in poliuretano che assicura l'isolamento. Antiaderenti. </li></ul><ul><li>AZIONE: </li></ul><ul><li>assorbono e trattengono grandi quantità di essudato agendo in modo controllato; </li></ul><ul><li>riducono la macerazione; </li></ul><ul><li>non hanno attività autolitica; </li></ul><ul><li>INDICAZIONI: </li></ul><ul><li>lesioni granuleggianti ad essudato medio/abbondante; </li></ul><ul><li>mantengono un buon assorbimento anche sotto compressione; </li></ul><ul><li>ATTENZIONE : controindicata su lesioni non essudanti, con fondo secco; se si impregnano possono macerare la cute perilesionale </li></ul>SCHIUME
  20. 25. <ul><li>AZIONE: </li></ul><ul><li>Medicazioni che promuovono la formazione ed organizzazione di nuove fibre collagene. </li></ul><ul><li>INDICAZIONI: </li></ul><ul><li>essudazione minima-media; </li></ul><ul><li>lesioni contaminate; </li></ul><ul><li>lesioni che necessitano di emostasi; </li></ul><ul><li>ATTENZIONE: può essere presente una sensibilità al prodotto; su lesioni secche è necessario idratare il fondo con sol. Fisiologica; </li></ul>COLLAGENE
  21. 27. <ul><li>Sono medicazioni tradizionali per definizione (non isolano e tendono ad essiccare) </li></ul><ul><li>in forma semplice hanno valore come medicazione secondaria; </li></ul><ul><li>possono essere impregnate con paraffina, vaselina o silicone per evitare l’aderenza o trattate con antisettici o proteolitici; </li></ul><ul><li>richiedono cambi frequenti; </li></ul><ul><li>tra gli assorbenti possiamo includere le medicazioni al carbone attivo per lesioni maleodoranti e i gel disodorizzanti; </li></ul>MEDICAZIONI ASSORBENTI
  22. 28. “ Non tutto ciò che viene dopo è progresso.” Alessandro Manzoni
  23. 29. Medicazioni avanzate <ul><li>Medicazioni che, interagendo con lesioni cutanee, creano e mantengono un ambiente umido ottimale, idoneo ad accelerare il processo riparativo fisiologico. </li></ul><ul><li>Pellicole trasparenti </li></ul><ul><li>Idrocolloidi </li></ul><ul><li>Idrogeli </li></ul><ul><li>Alginati </li></ul><ul><li>Schiume </li></ul><ul><li>Altre </li></ul>
  24. 31. La medicazione ideale MONITORAGGIO COSTANTE STERILE CONFORMABILE COSTI BENEFICI LUNGHI INTERVALLI DI CAMBIO ASPETTI PRATICI
  25. 32. Classificazione delle medicazioni <ul><li>MEDICAZIONI </li></ul><ul><li>Tradizionali </li></ul><ul><li>Avanzate </li></ul>
  26. 33. Presupposti della medicazione tradizionale <ul><li>Assorbimento dei liquidi sino all’essiccamento </li></ul><ul><li>Emostasi </li></ul><ul><li>Antisepsi </li></ul><ul><li>Protezione dalle infezioni </li></ul><ul><li>Occultamento della ferita </li></ul>
  27. 34. Presupposti delle medicazioni avanzate <ul><li>Mantenere un microambiente umido </li></ul><ul><li>Rimozione essudati e materiale necrotico </li></ul><ul><li>Mantenere una temperatura costante </li></ul><ul><li>Permeabilità all’ossigeno </li></ul><ul><li>Protezione da infezioni esogene </li></ul><ul><li>Maneggevoli </li></ul><ul><li>Atraumatiche alla rimozione </li></ul>

×