290 manuale sicurezza infanzia

1,633 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,633
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
24
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

290 manuale sicurezza infanzia

  1. 1. ASL MILANODUE AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 Manuale per insegnare la sicurezza Programma consigliato per una Scuola che promuove la salute Manuale per Insegnanti della Scuola dell’Infanzia edizione 2007 Manuale per Insegnanti della Scuola dell’Infanzia Manuale per insegnare la sicurezza a scuola di sicurezza
  2. 2. 22 A scuola di sicurezza per l’infanzia 2 Sommario Una scuola che promuove la salute A scuola di sicurezza pag. Il programma didattico per l’infanzia pag. Gli obiettivi educativi pag. Come organizzare il lavoro pag. Gli ambiti della sicurezza: la scuola pag. Gli ambiti della sicurezza: la casa pag. Gli ambiti della sicurezza: la strada pag. Gli ambiti della sicurezza: il tempo libero pag. Valutazione pag. Bibliografia pag. Ringraziamenti pag. Come utilizzare il manuale Si può leggerlo dall’inizio fino alla fine, ma molti educatori potrebbero essere troppo impegnati per fare questo. Un altro modo per utilizzare il manuale è sfogliarlo per captare le idee principali e soffermarsi su gli obiettivi educativi contrassegnati dal simbolo della fatina le attività segnalate dal simbolo di Pinocchio o per saperne di più indicato dal simbolo del grillo Schede e allegati possono essere richiesti a parte agli operatori della ASL. Come usare il manuale: Questo manuale è scritto per gli educatori della Scuola dell’Infanzia, ma può essere utilizzato da qualunque educatore coinvolto nell’educazione alla salute nelle comunità che si occupano di questa fascia di età. A scuola di sicurezza per l’infanzia 2 Sommario Una scuola che promuove la salute A scuola di sicurezza pag. Il programma didattico per l’infanzia pag. Gli obiettivi educativi pag. Come organizzare il lavoro pag. Gli ambiti della sicurezza: la scuola pag. Gli ambiti della sicurezza: la casa pag. Gli ambiti della sicurezza: la strada pag. Gli ambiti della sicurezza: il tempo libero pag. Valutazione pag. Bibliografia pag. Ringraziamenti pag. Come utilizzare il manuale Si può leggerlo dall’inizio fino alla fine, ma molti educatori potrebbero essere troppo impegnati per fare questo. Un altro modo per utilizzare il manuale è sfogliarlo per captare le idee principali e soffermarsi su gli obiettivi educativi contrassegnati dal simbolo della fatina le attività segnalate dal simbolo di Pinocchio o per saperne di più indicato dal simbolo del grillo Schede e allegati possono essere richiesti a parte agli operatori della ASL. Come usare il manuale: Questo manuale è scritto per gli educatori della Scuola dell’Infanzia, ma può essere utilizzato da qualunque educatore coinvolto nell’educazione alla salute nelle comunità che si occupano di questa fascia di età. Una scuola che promuove la salute pag. 3 A scuola di sicurezza pag. 3 Il programma didattico per l’infanzia pag. 3 Obiettivi educativi pag. 4 Come organizzare il lavoro pag. 6 Gli ambiti della sicurezza: la scuola pag. 6 Gli ambiti della sicurezza: la casa pag. 10 Gli ambiti della sicurezza: la strada pag. 13 Gli ambiti della sicurezza: il tempo libero pag. 16 Valutazione pag. 17 Conclusione pag. 17 Appendice: Le storie da leggere pag. 18 Per saperne di più pag. 22 Bibliografia e ringraziamenti pag. 23 Sommario Come utilizzare il manuale Si può leggerlo dall’inizio fino alla fine, ma molti educatori potrebbero essere troppo impegnati per fare questo. Un altro modo per utilizzare il manuale è sfogliarlo per captare le idee principali e soffermarsi su gli obiettivi educativi con il simbolo della fatina Le attività didattiche con il simbolo di Pinocchio per saperne di più con il simbolo del grillo Schede e allegati possono essere richiesti a parte agli operatori della ASL.
  3. 3. 3 A scuola di sicurezza per l’infanzia Una scuola che promuove la salute “Una Scuola che promuove la salute mette le persone in grado di occuparsi di se stesse, di agire in modo competente e positivo con l’ambiente esterno e facilita i comportamenti salutari attraverso apposite strategie.“ L’educazione alla sicurezza nella scuola dell’infanzia costituisce un formidabile strumento per lo sviluppo di comportamenti corretti e responsabili, individuali e di gruppo, orientati ad intuire i rischi e a prevenire incidenti fin dalla più tenera età. I bambini, infatti, sono portati per loro stessa natura alla curiosità, alla sperimentazione e all’esplorazione degli spazi; pertanto, risulta fondamentale prevenire possibili incidenti sia incrementando la sicurezza degli ambienti di vita, sia insegnando le norme e fornendo le indicazioni per evitare insidie e pericoli. In questa prospettiva il coinvolgimento della scuola è del tutto naturale, in quanto è ormai risaputo che la prevenzione passa soprattutto attraverso un’azione programmata e strutturata nel tempo, che affianchi all’informazione una forte connotazione educativa e che accompagni la persona dai primi anni della propria vita alla giovinezza. A scuola di sicurezza Questo manuale può rappresentare un utile strumento didattico con il quale gli insegnanti della scuola dell’infanzia possono affrontare un percorso educativo in tema di salute. Nell’ultimo decennio si è determinato un profondo cambiamento di prospettiva culturale sul modo di intendere la “sicurezza”: se prima gli sforzi erano volti soprattutto a trovare strumenti e procedure di intervento efficaci in caso di incidente, ora l’attenzione si concentra sempre più sulla sicurezza intesa come “prevenzione”. Il programma didattico proposto nel manuale può essere utilizzato già a partire dal 1° anno di scuola e poi continuato negli anni successivi : sarà compito degli insegnanti scegliere gli obiettivi e le attività che ritengono più adeguati avendo cura di verificare nel corso dei tre anni l’adozione dei comportamenti raccomandati. Numerose scuole hanno già sviluppato un ricco patrimonio di esperienze educative e didattiche sul tema della sicurezza : valorizzarle, arricchirle di obiettivi di salute e diffonderle può far comprendere, a scuole meno attrezzate, che il curricolo formativo sulla sicurezza e sulla prevenzione non solo è possibile, ma è anche estremamente arricchente, sul piano cognitivo ed operativo, a qualsiasi età scolare. E’ chiaro che la scuola dovrà essere supportata in questo percorso da altri operatori, dalle famiglie e comunque da tutte quelle istituzioni che a vario titolo si occupano di sicurezza (vigili, operatori sanitari, organizzazioni di volontariato). Il programma didattico per l’infanzia Questo manuale rappresenta uno strumento didattico utile per aiutare gli insegnanti a svolgere con i bambini della scuola dell’infanzia un percorso educativo in tema di sicurezza. Affrontando questo argomento si prenderanno in considerazione i rischi presenti in quattro ambiti, la scuola, la casa, la strada e il territorio nel tempo libero. La sicurezza è un tema che difficilmente può essere trattato in modo esaustivo, lo scopo di un intervento educativo in questo campo è di attivare le risorse disponibili, affinare le competenze e educare alla collaborazione. I bambini dovranno capire il concetto di rischio e imparare a riconoscere i rischi che di volta in volta possono presentarsi in modo diverso. Tutto questo deve avvenire attraverso l’osservazione, la riflessione, la discussione e il confronto. “Aprire gli occhi” e “avere naso” sono gli slogan che si accompagnano a questa competenze. Lo strumento didattico suggerito per la scuola dell’infanzia consiste nella lettura in classe di quattro storie, ciascuna relativa a uno degli ambiti sopra indicati. Esse possono essere integrate e arricchite con altre attività tra quelle suggerite o attraverso la realizzazione di idee originali appositamente create dagli insegnanti. Scegliendo tra gli obiettivi educativi quelli che si desidera approfondire particolarmente con una certa classe, sarà possibile costruire il proprio programma didattico personalizzato utilizzando sia gli strumenti proposti, come pure altri che, a giudizio dell’insegnante, meglio si adattano alle proprie esigenze. Una scuola che promuove la salute “Una Scuola che promuove la salute mette le persone in grado di occuparsi di se stesse, insegna ad agire in modo competente e positivo con l’ambiente esterno e facilita i comportamenti salutari attraverso apposite strategie.“
  4. 4. 44 A scuola di sicurezza per l’infanzia Il programma deve comprendere almeno dieci ore di attività didattica complessiva da svolgersi in un arco di tempo che garantisca continuità (all’incirca due mesi). Accordarsi tra più classi è utile anche per dividere il lavoro, moltiplicare le idee e rendere l’intervento più divertente e incisivo. E’ importante rendere i genitori partecipi e sostenitori dell’iniziativa. La valutazione per il raggiungimento degli obiettivi pedagogici viene fatta dalle insegnanti, con la consulenza degli operatori sanitari. Obiettivi educativi Le situazioni che coinvolgono la sicurezza sono numerose: in ogni ambito di vita e in ogni attività che affrontiamo esistono aspetti di rischio diversi e soluzioni appropriate. Conoscendo la grande vastità delle tematiche relative alla sicurezza, si è ritenuto opportuno individuare alcuni obiettivi educativi specifici per i diversi ambiti (casa, scuola, strada e territorio/tempo libero), che meglio permettano l’organizzazione del lavoro e la verifica finale. Gli obiettivi scelti nei quattro ambiti individuati riguardano semplicemente alcuni aspetti della prevenzione. Attraverso la trattazione di questi argomenti si cercherà di sensibilizzare i bambini ad “aprire gli occhi” per i pericoli che possono presentarsi in ogni momento, ad affinare le proprie percezioni e a trovare soluzioni adeguate. Gli obiettivi scelti per familiarizzare i bambini con i problemi e le tecniche legati alla sicurezza sono: Gli obiettivi educativi si articolano su tre livelli: quello del sapere (obiettivi cognitivi), quello del saper fare (obiettivi attitudinali ) e quello del saper essere (obiettivi comportamentali) . Il loro raggiungimento dovrà permettere al bambino di: - riconoscere comportamenti pericolosi in ambiti diversi; - sperimentare comportamenti corretti e pratiche da evitare; - assumere idonee attitudini nelle varie situazioni. Per ognuno dei quattro ambiti della sicurezza (casa, scuola, territorio e strada) suggeriamo alcune attività utili al conseguimento degli obiettivi ma, come già detto, ciò non toglie la possibilità agli stessi educatori di inventarne di nuove e personalizzate, purché sia garantito l’obiettivo educativo. In strada � il bambino capisce che la strada presenta molti pericoli ed impara ad assumere corrette attitudini come pedone: cammina sul marciapiede, resta lontano dal bordo stradale, attraversa sempre con un adulto e sulle strisce pedonali � il bambino impara che essere trasportato in macchina comporta l’osservanza di determinate regole: invita i genitori ad allacciarsi le cinture, usa correttamente il seggiolino, non fa uso improprio dei finestrini A casa � il bambino sa riconoscere le sostanze tossiche e i loro contenitori e sa che non vanno toccate senza la presenza di un adulto � il bambino sa riconoscere le attrezzature pericolose presenti nella casa e le utilizza solo sotto la guida di un adulto � il bambino sa che in situazioni di pericolo per la salute occorre attivare il numero della emergenza sanitaria (memorizzazione del 1.1.8) A scuola � il bambino riconosce situazioni di rischio e sperimenta le prime norme di sicurezza (non correre all’interno dell’aula, non salire su sedie o tavoli, utilizzare correttamente i giochi tipo scivoli e altalene…) ed impara a rispettarle; � il bambino è in grado di seguire le istruzioni per il piano di evacuazione in caso di emergenza ambientale Sul territorio e nel tempo libero: � il bambino impara ad assumere comportamenti corretti in bicicletta utilizzando l’idoneo seggiolino, se trasportato, e il casco � il bambino impara ad assumere corrette attitudini nello svolgimento delle attività sportive e del tempo libero
  5. 5. 5 A scuola di sicurezza per l’infanzia Gli ambiti della sicurezza: la strada Obiettivi cognitivi: sapere Sapere che la strada presenta molti pericoli Comprendere l’importanza di regole di educazione stradale per evitare pericoli Sapere che utilizzare il seggiolino e la cintura in macchina salva la vita Sapere che il posto più sicuro nell’auto è quello posteriore e centrale Attività suggerite Lettura di una storia Indagine sull’uso del seggiolino tra gli alunni Creare una storia di fantasia che esprima l’importanza del seggiolino in auto Obiettivi attitudinali: saper fare Sapere assumere comportamenti corretti per la strada Conoscere il significato della segnaletica stradale Conoscere la funzione del vigile Saper assumere comportamenti corretti in auto Attività suggerite Ideare e lavorare su schede riguardanti i segnali stradali Drammatizzazione di un racconto Preparazione di segnali stradali con materiali di recupero Lavoro su schede per comprendere i punti più pericolosi in strada. Intervista reale o inventata con vigile urbano Raccontare le regole del buon pedone e drammatizzare Esercitazione con un seggiolino regolamentare per il trasporto in auto Obiettivi comportamentali: saper essere Invitare gli adulti ad allacciare le cinture Assumere atteggiamenti corretti durante il trasporto in auto Utilizzare il seggiolino e la cintura quando si sale in auto Sedersi nel posto più sicuro dell’auto Attività suggerite Chiedere ai genitori di posizionare il seggiolino nel posto più sicuro dell’auto Ripetere l’indagine sull’utilizzo del seggiolino invitando i bambini a comportarsi in modo corretto Gli ambiti della sicurezza: la casa Obiettivi cognitivi: sapere Conoscere che esistono sostanze tossiche e velenose Conoscere che esistono situazioni e attrezzi pericolosi anche in un ambiente sicuro come la propria casa. Conoscere che esistono persone che intervengono in caso di emergenza sanitaria Conoscere il numero dell’emergenza 1.1.8 Attività suggerite Raccontare una storia e stimolare l’osservazione dei bambini Visualizzare con immagini quegli attrezzi che, se utilizzati nel modo sbagliato o senza prestare attenzione, possono diventare pericolosi e ritagliare e incollare le figure in un cartellone da tenere in classe Spiegare che gli apparecchi elettrici nascondono all’interno seri pericoli Creare una filastrocca sul numero dell’emergenza sanitaria Obiettivi attitudinali: saper fare Saper riconoscere i simboli delle sostanze pericolose Riconoscere attrezzi pericolosi presenti in ambito domestico Aver memorizzato il numero 1-1-8 Attività suggerite Ritagliare immagini di contenitori che riportano i simboli di sostanze pericolose ed incollarle su schede o cartelloni Fare costruire un memory, un domino o un puzzle con i simboli di sostanze pericolose per poi giocarci Ripetere la filastrocca o la canzoncina sul numero dell’emergenza Incollare il testo della filastrocca e farla illustrare dai bambini Obiettivi comportamentali: saper essere Saper raccontare ai propri genitori che esistono situazioni di pericolo anche in casa Chiedere l’acquisto da parte dei genitori di strumenti sicuri Parlare del 1-1-8 con i propri genitori Attività suggerite I bambini parlano con i propri genitori raccontando quanto svolto a scuola I bambini chiedono l’acquisto da parte dei genitori di forbici sicure I bambini sanno comporre il 118 e simulare una telefonata Consegnare alla famiglia la scheda con la filastrocca e il disegno sul 118 da tenere vicino al telefono. Gli ambiti della sicurezza: la scuola Obiettivi cognitivi: sapere Sapere che anche a scuola esistono possibili fonti di pericolo Sapere che comportamenti idonei possono prevenire gli incidenti Saper usare correttamente materiali e giochi Sapere riconoscere a quali persone fare riferimento in caso di pericolo Saper riconoscere le situazioni di emergenza ambientale e sapere come si affrontano Sapere a cosa serve la prova di evacuazione Attività suggerite Discussione su quali incidenti si sono verificati a scuola Disegno di un piccolo incidente verificatosi a scuola Giochi di associazione per imparare a conoscere/distinguere figure, compiti e mezzi delle Istituzioni impegnate nel soccorso e nella sicurezza Obiettivi attitudinali: saper fare Saper descrivere situazioni di emergenza ambientale Saper assumere comportamenti adeguati per la protezione personale e collettiva Saper effettuare una prova di evacuazione in modo corretto Attività suggerite Drammatizzazione di una storia Giochi di simulazione in cui i bambini interpretano le figure istituzionali deputate alla sicurezza Obiettivi comportamentali: saper essere Assumere comportamenti sicuri nei confronti di persone e cose in ambito scolastico Rispettare le più elementari norme di sicurezza Assumere atteggiamenti corretti in caso emergenze simulate Attività suggerite Simulazione della prova di evacuazione Medicazione di una piccola ferita Gli ambiti della sicurezza: il tempo libero Obiettivi cognitivi: sapere Sapere che usare il casco in bicicletta protegge la testa in caso di caduta Sapere che per essere trasportati in bicicletta è necessario un apposito seggiolino Sapere che imparare a nuotare è importante e può salvare la vita Attività suggerite Raccontare una storia per spiegare che l’uovo grazie alla sua forma è molto resistente alle pressioni Inventare e raccontare una storia sull’importanza di saper nuotare Obiettivi attitudinali: saper fare Desiderare di possedere/ usare il casco della bicicletta Frequentare un corso di nuoto Attività suggerite Mostrare com’è fatto un casco da bicicletta e come si allaccia Mostrare come è fatto un seggiolino regolamentare per bicicletta Obiettivi comportamentali: saper essere Indossare il casco ogni volta che si va in bicicletta Utilizzare l’apposito seggiolino se trasportati in bicicletta Attività suggerite Organizzare un incontro tra genitori e bambini, dove i bambini presentano quello che hanno imparato e chiedono ai genitori di condividere scelte sicure. Chiedere per Natale o per il proprio compleanno un casco da bicicletta in regalo. Chiedere ai propri genitori di potersi iscrivere ad un corso di nuoto. OBIETTIVI E STRUMENTI A scuola di sicurezza per l’infanzia Gli ambiti della sicurezza: la strada Obiettivi cognitivi: sapere Sapere che la strada presenta molti pericoli Comprendere l’importanza di regole di educazione stradale per evitare pericoli Sapere che utilizzare il seggiolino e la cintura in macchina salva la vita Sapere che il posto più sicuro nell’auto è quello posteriore e centrale Attività suggerite Lettura di una storia Indagine sull’uso del seggiolino tra gli alunni Creare una storia di fantasia che esprima l’importanza del seggiolino in auto Obiettivi attitudinali: saper fare Sapere assumere comportamenti corretti per la strada Conoscere il significato della segnaletica stradale Conoscere la funzione del vigile Saper assumere comportamenti corretti in auto Attività suggerite Ideare e lavorare su schede riguardanti i segnali stradali Drammatizzazione di un racconto Preparazione di segnali stradali con materiali di recupero Lavoro su schede per comprendere i punti più pericolosi in strada. Intervista reale o inventata con vigile urbano Raccontare le regole del buon pedone e drammatizzare Esercitazione con un seggiolino regolamentare per il trasporto in auto Obiettivi comportamentali: saper essere Invitare gli adulti ad allacciare le cinture Assumere atteggiamenti corretti durante il trasporto in auto Utilizzare il seggiolino e la cintura quando si sale in auto Sedersi nel posto più sicuro dell’auto Attività suggerite Chiedere ai genitori di posizionare il seggiolino nel posto più sicuro dell’auto Ripetere l’indagine sull’utilizzo del seggiolino invitando i bambini a comportarsi in modo corretto Gli ambiti della sicurezza: la casa Obiettivi cognitivi: sapere Conoscere che esistono sostanze tossiche e velenose Conoscere che esistono situazioni e attrezzi pericolosi anche in un ambiente sicuro come la propria casa. Conoscere che esistono persone che intervengono in caso di emergenza sanitaria Conoscere il numero dell’emergenza 1.1.8 Attività suggerite Raccontare una storia e stimolare l’osservazione dei bambini Visualizzare con immagini quegli attrezzi che, se utilizzati nel modo sbagliato o senza prestare attenzione, possono diventare pericolosi e ritagliare e incollare le figure in un cartellone da tenere in classe Spiegare che gli apparecchi elettrici nascondono all’interno seri pericoli Creare una filastrocca sul numero dell’emergenza sanitaria Obiettivi attitudinali: saper fare Saper riconoscere i simboli delle sostanze pericolose Riconoscere attrezzi pericolosi presenti in ambito domestico Aver memorizzato il numero 1-1-8 Attività suggerite Ritagliare immagini di contenitori che riportano i simboli di sostanze pericolose ed incollarle su schede o cartelloni Fare costruire un memory, un domino o un puzzle con i simboli di sostanze pericolose per poi giocarci Ripetere la filastrocca o la canzoncina sul numero dell’emergenza Incollare il testo della filastrocca e farla illustrare dai bambini Obiettivi comportamentali: saper essere Saper raccontare ai propri genitori che esistono situazioni di pericolo anche in casa Chiedere l’acquisto da parte dei genitori di strumenti sicuri Parlare del 1-1-8 con i propri genitori Attività suggerite I bambini parlano con i propri genitori raccontando quanto svolto a scuola I bambini chiedono l’acquisto da parte dei genitori di forbici sicure I bambini sanno comporre il 118 e simulare una telefonata Consegnare alla famiglia la scheda con la filastrocca e il disegno sul 118 da tenere vicino al telefono. Gli ambiti della sicurezza: la scuola Obiettivi cognitivi: sapere Sapere che anche a scuola esistono possibili fonti di pericolo Sapere che comportamenti idonei possono prevenire gli incidenti Saper usare correttamente materiali e giochi Sapere riconoscere a quali persone fare riferimento in caso di pericolo Saper riconoscere le situazioni di emergenza ambientale e sapere come si affrontano Sapere a cosa serve la prova di evacuazione Attività suggerite Discussione su quali incidenti si sono verificati a scuola Disegno di un piccolo incidente verificatosi a scuola Giochi di associazione per imparare a conoscere/distinguere figure, compiti e mezzi delle Istituzioni impegnate nel soccorso e nella sicurezza Obiettivi attitudinali: saper fare Saper descrivere situazioni di emergenza ambientale Saper assumere comportamenti adeguati per la protezione personale e collettiva Saper effettuare una prova di evacuazione in modo corretto Attività suggerite Drammatizzazione di una storia Giochi di simulazione in cui i bambini interpretano le figure istituzionali deputate alla sicurezza Obiettivi comportamentali: saper essere Assumere comportamenti sicuri nei confronti di persone e cose in ambito scolastico Rispettare le più elementari norme di sicurezza Assumere atteggiamenti corretti in caso emergenze simulate Attività suggerite Simulazione della prova di evacuazione Medicazione di una piccola ferita Gli ambiti della sicurezza: il tempo libero Obiettivi cognitivi: sapere Sapere che usare il casco in bicicletta protegge la testa in caso di caduta Sapere che per essere trasportati in bicicletta è necessario un apposito seggiolino Sapere che imparare a nuotare è importante e può salvare la vita Attività suggerite Raccontare una storia per spiegare che l’uovo grazie alla sua forma è molto resistente alle pressioni Inventare e raccontare una storia sull’importanza di saper nuotare Obiettivi attitudinali: saper fare Desiderare di possedere/ usare il casco della bicicletta Frequentare un corso di nuoto Attività suggerite Mostrare com’è fatto un casco da bicicletta e come si allaccia Mostrare come è fatto un seggiolino regolamentare per bicicletta Obiettivi comportamentali: saper essere Indossare il casco ogni volta che si va in bicicletta Utilizzare l’apposito seggiolino se trasportati in bicicletta Attività suggerite Organizzare un incontro tra genitori e bambini, dove i bambini presentano quello che hanno imparato e chiedono ai genitori di condividere scelte sicure. Chiedere per Natale o per il proprio compleanno un casco da bicicletta in regalo. Chiedere ai propri genitori di potersi iscrivere ad un corso di nuoto. OBIETTIVI E STRUMENTI
  6. 6. 66 A scuola di sicurezza per l’infanzia Come organizzare il lavoro Si consiglia di inserire il programma nel Piano per l’ Offerta Formativa della scuola in modo da garantire una certa continuità alla programmazione degli interventi. Il programma didattico proposto nel manuale può essere utilizzato già a partire dal 1° anno della scuola dell’infanzia, per continuare ed approfondire l’argomento negli anni successivi: sarà compito degli insegnanti scegliere gli obiettivi pedagogici e le attività che ritengono più adeguati , avendo cura di verificare nel corso dei tre anni l’adozione dei comportamenti raccomandati. La proposta di un intervento educativo sulla sicurezza nella scuola dell’infanzia deve: � partire dall’esperienza dei bambini � coinvolgere i bambini attivamente, utilizzando strumenti didattici a carattere ludico appropriato all’età � affrontare i principi basilari della sicurezza in modo estremamente chiaro e preciso, sottolineando gli aspetti positivi di determinate azioni piuttosto che gli aspetti di divieto � coinvolgere attivamente i genitori, anche attraverso lettere o questionari. � adottare strategie didattiche diversificate: - lettura di storie - discussione delle storie e commento di immagini appositamente predisposte. - drammatizzazione con simulazione di situazioni e di atteggiamenti corretti e non - utilizzo di personaggi mediatori ( es. burattini, marionette, pupazzi ) - commento a fatti accaduti a casa, a scuola o a fatti di cronaca - ricerca di immagini su riviste o testi illustrati - visione di filmati, diapositive, fotografie da commentare - osservazione di tutto l’ambiente scuola - uscite esplorative in giardino e per la strada - indagini da svolgere in casa propria, dei nonni ecc ….. - coinvolgimento dei genitori anche con l’intervento di esperti - coinvolgimento di gruppi di volontari (Protezione Civile, Medici, C.R.I., Vigili del Fuoco, Unità Cinofile) - Utilizzo di tecniche multimediali per documentare le esperienze E’ consigliabile per raggiungere gli obiettivi educativi, coinvolgere altre figure esterne alla scuola, quali i vigili, la protezione civile, le agenzie di volontariato o dello sport. Va sottolineato che l’’adesione al progetto “A scuola di sicurezza” promosso dalla ASL viene considerata in relazione agli obiettivi raggiunti mentre gli strumenti utilizzati non sono vincolanti. Gli ambiti della sicurezza: la Scuola Per quanto riguarda questo ambito si riprenderanno con i bambini i concetti generali sulla sicurezza legati alla osservanza delle regole di comportamento da rispettare quali ad esempio, non spingersi, non correre sui pavimenti bagnati, .ecc e da qui si potrà arrivare a parlare di come, in certe situazioni, il rispetto delle regole è assolutamente necessario. Si parlerà con i bambini dell’importanza delle prove di evacuazione e di quanto sia importante imparare a eseguirle in tempo di pace piuttosto che di guerra… Questa sarà anche l’occasione per fare conoscere ai bambini la propria scuola dal punto di vista planimetrico e saper capire i segnali disposti per indicare le uscite di sicurezza, l’ubicazione degli estintori, il punto di raccolta esterno individuato in caso di necessità. Obiettivi educativi Sapere Sapere che anche a scuola esistono possibili fonti di pericolo Sapere che comportamenti idonei possono prevenire gli incidenti Saper usare correttamente materiali e giochi Parole chiave: rischio, pericolo, emergenze, evacuazione, sicurezza, regole A scuola di sicurezza per l’infanzia Come organizzare il lavoro Si consiglia di inserire il programma nel Piano per l’ Offerta Formativa della scuola in modo da garantire una certa continuità alla programmazione degli interventi. Il programma didattico proposto nel manuale può essere utilizzato già a partire dal 1° anno della scuola dell’infanzia, per continuare ed approfondire l’argomento negli anni successivi: sarà compito degli insegnanti scegliere gli obiettivi pedagogici e le attività che ritengono più adeguati , avendo cura di verificare nel corso dei tre anni l’adozione dei comportamenti raccomandati. La proposta di un intervento educativo sulla sicurezza nella scuola dell’infanzia deve: � partire dall’esperienza dei bambini � coinvolgere i bambini attivamente, utilizzando strumenti didattici a carattere ludico appropriato all’età � affrontare i principi basilari della sicurezza in modo estremamente chiaro e preciso, sottolineando gli aspetti positivi di determinate azioni piuttosto che gli aspetti di divieto � coinvolgere attivamente i genitori, anche attraverso lettere o questionari. � adottare strategie didattiche diversificate: - lettura di storie - discussione delle storie e commento di immagini appositamente predisposte. - drammatizzazione con simulazione di situazioni e di atteggiamenti corretti e non - utilizzo di personaggi mediatori ( es. burattini, marionette, pupazzi ) - commento a fatti accaduti a casa, a scuola o a fatti di cronaca - ricerca di immagini su riviste o testi illustrati - visione di filmati, diapositive, fotografie da commentare - osservazione di tutto l’ambiente scuola - uscite esplorative in giardino e per la strada - indagini da svolgere in casa propria, dei nonni ecc ….. - coinvolgimento dei genitori anche con l’intervento di esperti - coinvolgimento di gruppi di volontari (Protezione Civile, Medici, C.R.I., Vigili del Fuoco, Unità Cinofile) - Utilizzo di tecniche multimediali per documentare le esperienze E’ consigliabile per raggiungere gli obiettivi educativi, coinvolgere altre figure esterne alla scuola, quali i vigili, la protezione civile, le agenzie di volontariato o dello sport. Va sottolineato che l’’adesione al progetto “A scuola di sicurezza” promosso dalla ASL viene considerata in relazione agli obiettivi raggiunti mentre gli strumenti utilizzati non sono vincolanti. Gli ambiti della sicurezza: la Scuola Per quanto riguarda questo ambito si riprenderanno con i bambini i concetti generali sulla sicurezza legati alla osservanza delle regole di comportamento da rispettare quali ad esempio, non spingersi, non correre sui pavimenti bagnati, .ecc e da qui si potrà arrivare a parlare di come, in certe situazioni, il rispetto delle regole è assolutamente necessario. Si parlerà con i bambini dell’importanza delle prove di evacuazione e di quanto sia importante imparare a eseguirle in tempo di pace piuttosto che di guerra… Questa sarà anche l’occasione per fare conoscere ai bambini la propria scuola dal punto di vista planimetrico e saper capire i segnali disposti per indicare le uscite di sicurezza, l’ubicazione degli estintori, il punto di raccolta esterno individuato in caso di necessità. Obiettivi educativi Sapere Sapere che anche a scuola esistono possibili fonti di pericolo Sapere che comportamenti idonei possono prevenire gli incidenti Saper usare correttamente materiali e giochi Parole chiave: rischio, pericolo, emergenze, evacuazione, sicurezza, regole A scuola di sicurezza per l’infanzia Come organizzare il lavoro Si consiglia di inserire il programma nel Piano per l’ Offerta Formativa della scuola in modo da garantire una certa continuità alla programmazione degli interventi. Il programma didattico proposto nel manuale può essere utilizzato già a partire dal 1° anno della scuola dell’infanzia, per continuare ed approfondire l’argomento negli anni successivi: sarà compito degli insegnanti scegliere gli obiettivi pedagogici e le attività che ritengono più adeguati , avendo cura di verificare nel corso dei tre anni l’adozione dei comportamenti raccomandati. La proposta di un intervento educativo sulla sicurezza nella scuola dell’infanzia deve: � partire dall’esperienza dei bambini � coinvolgere i bambini attivamente, utilizzando strumenti didattici a carattere ludico appropriato all’età � affrontare i principi basilari della sicurezza in modo estremamente chiaro e preciso, sottolineando gli aspetti positivi di determinate azioni piuttosto che gli aspetti di divieto � coinvolgere attivamente i genitori, anche attraverso lettere o questionari. � adottare strategie didattiche diversificate: - lettura di storie - discussione delle storie e commento di immagini appositamente predisposte. - drammatizzazione con simulazione di situazioni e di atteggiamenti corretti e non - utilizzo di personaggi mediatori ( es. burattini, marionette, pupazzi ) - commento a fatti accaduti a casa, a scuola o a fatti di cronaca - ricerca di immagini su riviste o testi illustrati - visione di filmati, diapositive, fotografie da commentare - osservazione di tutto l’ambiente scuola - uscite esplorative in giardino e per la strada - indagini da svolgere in casa propria, dei nonni ecc ….. - coinvolgimento dei genitori anche con l’intervento di esperti - coinvolgimento di gruppi di volontari (Protezione Civile, Medici, C.R.I., Vigili del Fuoco, Unità Cinofile) - Utilizzo di tecniche multimediali per documentare le esperienze E’ consigliabile per raggiungere gli obiettivi educativi, coinvolgere altre figure esterne alla scuola, quali i vigili, la protezione civile, le agenzie di volontariato o dello sport. Va sottolineato che l’’adesione al progetto “A scuola di sicurezza” promosso dalla ASL viene considerata in relazione agli obiettivi raggiunti mentre gli strumenti utilizzati non sono vincolanti. Gli ambiti della sicurezza: la Scuola Per quanto riguarda questo ambito si riprenderanno con i bambini i concetti generali sulla sicurezza legati alla osservanza delle regole di comportamento da rispettare quali ad esempio, non spingersi, non correre sui pavimenti bagnati, .ecc e da qui si potrà arrivare a parlare di come, in certe situazioni, il rispetto delle regole è assolutamente necessario. Si parlerà con i bambini dell’importanza delle prove di evacuazione e di quanto sia importante imparare a eseguirle in tempo di pace piuttosto che di guerra… Questa sarà anche l’occasione per fare conoscere ai bambini la propria scuola dal punto di vista planimetrico e saper capire i segnali disposti per indicare le uscite di sicurezza, l’ubicazione degli estintori, il punto di raccolta esterno individuato in caso di necessità. Obiettivi educativi Sapere Sapere che anche a scuola esistono possibili fonti di pericolo Sapere che comportamenti idonei possono prevenire gli incidenti Saper usare correttamente materiali e giochi Parole chiave: rischio, pericolo, emergenze, evacuazione, sicurezza, regole Come organizzare il lavoro Si consiglia di inserire il programma nel Piano per l’ Offerta Formativa della scuola in modo da garantire una certa continuità alla programmazione degli interventi. Il programma didattico proposto nel manuale può essere utilizzato già a partire dal 1° anno della scuola dell’infanzia, per continuare ed approfondire l’argomento negli anni successivi: sarà compito degli insegnanti scegliere gli obiettivi pedagogici e le attività che ritengono più adeguati, avendo cura di verificare nel corso dei tre anni l’adozione dei comportamenti raccomandati. La proposta di un intervento educativo sulla sicurezza nella scuola dell’infanzia deve: � partire dall’esperienza dei bambini � coinvolgere i bambini attivamente, utilizzando strumenti didattici a carattere ludico appropriato all’età � affrontare i principi basilari della sicurezza in modo estremamente chiaro e preciso, sottolineando gli aspetti positivi di determinate azioni piuttosto che gli aspetti di divieto � coinvolgere attivamente i genitori, anche attraverso lettere o questionari � adottare strategie didattiche diversificate: � leggere storie � discutere le storie e commentare le immagini eventualmente predisposte. � drammatizzare con simulazione di situazioni e di atteggiamenti corretti e non � utilizzare personaggi mediatori (ad esempio burattini, marionette, pupazzi ) � commentare fatti accaduti a casa, a scuola o fatti di cronaca � ricercare immagini su riviste o testi illustrati � vedere filmati, diapositive, fotografie da commentare � osservare tutto l’ambiente scolastico � fare uscite esplorative in giardino e per la strada � svolgere indagini in casa propria, dei nonni ecc ….. � coinvolgere i genitori anche con l’intervento di esperti � coinvolgere gruppi di volontari (Protezione Civile, Medici, C.R.I., Vigili del Fuoco, Unità Cinofile) � Utilizzare tecniche multimediali per documentare le esperienze E’ consigliabile per raggiungere gli obiettivi educativi, coinvolgere altre figure esterne alla scuola, quali i vigili, la protezione civile, le agenzie di volontariato o dello sport. Va sottolineato che l’’adesione al progetto “A scuola di sicurezza” promosso dalla ASL viene considerata in relazione agli obiettivi raggiunti mentre gli strumenti utilizzati non sono vincolanti. Questa sarà anche l’occasione per far conoscere ai bambini la propria scuola dal punto di vista planimetrico e far capire i segnali disposti per indicare le uscite di sicurezza, l’ubicazione degli estintori, il punto di raccolta esterno individuato in caso di necessità. Come organizzare il lavoro Si consiglia di inserire il programma nel Piano per l’ Offerta Formativa della scuola in modo da garantire una certa continuità alla programmazione degli interventi. Il programma didattico proposto nel manuale può essere utilizzato già a partire dal 1° anno della scuola dell’infanzia, per continuare ed approfondire l’argomento negli anni successivi: sarà compito degli insegnanti scegliere gli obiettivi pedagogici e le attività che ritengono più adeguati, avendo cura di verificare nel corso dei tre anni l’adozione dei comportamenti raccomandati. La proposta di un intervento educativo sulla sicurezza nella scuola dell’infanzia deve: � partire dall’esperienza dei bambini � coinvolgere i bambini attivamente, utilizzando strumenti didattici a carattere ludico appropriato all’età � affrontare i principi basilari della sicurezza in modo estremamente chiaro e preciso, sottolineando gli aspetti positivi di determinate azioni piuttosto che gli aspetti di divieto � coinvolgere attivamente i genitori, anche attraverso lettere o questionari � adottare strategie didattiche diversificate: � leggere storie � discutere le storie e commentare le immagini eventualmente predisposte. � drammatizzare con simulazione di situazioni e di atteggiamenti corretti e non � utilizzare personaggi mediatori (ad esempio burattini, marionette, pupazzi ) � commentare fatti accaduti a casa, a scuola o fatti di cronaca � ricercare immagini su riviste o testi illustrati � vedere filmati, diapositive, fotografie da commentare � osservare tutto l’ambiente scolastico � fare uscite esplorative in giardino e per la strada � svolgere indagini in casa propria, dei nonni ecc ….. � coinvolgere i genitori anche con l’intervento di esperti � coinvolgere gruppi di volontari (Protezione Civile, Medici, C.R.I., Vigili del Fuoco, Unità Cinofile) � Utilizzare tecniche multimediali per documentare le esperienze E’ consigliabile per raggiungere gli obiettivi educativi, coinvolgere altre figure esterne alla scuola, quali i vigili, la protezione civile, le agenzie di volontariato o dello sport. Va sottolineato che l’’adesione al progetto “A scuola di sicurezza” promosso dalla ASL viene considerata in relazione agli obiettivi raggiunti mentre gli strumenti utilizzati non sono vincolanti. Questa sarà anche l’occasione per far conoscere ai bambini la propria scuola dal punto di vista planimetrico e far capire i segnali disposti per indicare le uscite di sicurezza, l’ubicazione degli estintori, il punto di raccolta esterno individuato in caso di necessità. Come organizzare il lavoro Si consiglia di inserire il programma nel Piano per l’ Offerta Formativa della scuola in modo da garantire una certa continuità alla programmazione degli interventi. Il programma didattico proposto nel manuale può essere utilizzato già a partire dal 1° anno della scuola dell’infanzia, per continuare ed approfondire l’argomento negli anni successivi: sarà compito degli insegnanti scegliere gli obiettivi pedagogici e le attività che ritengono più adeguati, avendo cura di verificare nel corso dei tre anni l’adozione dei comportamenti raccomandati. La proposta di un intervento educativo sulla sicurezza nella scuola dell’infanzia deve: � partire dall’esperienza dei bambini � coinvolgere i bambini attivamente, utilizzando strumenti didattici a carattere ludico appropriato all’età � affrontare i principi basilari della sicurezza in modo estremamente chiaro e preciso, sottolineando gli aspetti positivi di determinate azioni piuttosto che gli aspetti di divieto � coinvolgere attivamente i genitori, anche attraverso lettere o questionari � adottare strategie didattiche diversificate: o leggere storie o discutere le storie e commentare le immagini eventualmente predisposte. o drammatizzare con simulazione di situazioni e di atteggiamenti corretti e non o utilizzare personaggi mediatori (ad esempio burattini, marionette, pupazzi ) o commentare fatti accaduti a casa, a scuola o fatti di cronaca o ricercare immagini su riviste o testi illustrati o vedere filmati, diapositive, fotografie da commentare o osservare tutto l’ambiente scolastico o fare uscite esplorative in giardino e per la strada o svolgere indagini in casa propria, dei nonni ecc ….. o coinvolgere i genitori anche con l’intervento di esperti o coinvolgere gruppi di volontari (Protezione Civile, Medici, C.R.I., Vigili del Fuoco, Unità Cinofile) o utilizzare tecniche multimediali per documentare le esperienze
  7. 7. 7 A scuola di sicurezza per l’infanzia Sapere riconoscere a quali persone fare riferimento in caso di pericolo Saper riconoscere le situazioni di emergenza ambientale e sapere che nell’affrontare situazioni di pericolo occorrono attenzione e controllo emotivo Sapere a cosa serve la prova di evacuazione Saper fare Saper descrivere situazioni di emergenza ambientale Saper assumere comportamenti adeguati per la protezione personale e collettiva Saper effettuare una prova di evacuazione in modo corretto Saper essere Saper assumere comportamenti adeguati nei confronti di persone e cose in ambito scolastico Saper rispettare le più elementari norme di sicurezza Il bambino impara ad assumere atteggiamenti corretti in caso di stati di allerta simulati o reali, affidandosi consapevolmente ai soccorritori Strumenti educativi Raccontare e discutere con i bambini: Stimolate i bambini a raccontare di qualche piccolo incidente verificatosi a scuola ed insieme identificate quali possono essere le situazioni che espongono maggiormente al rischio di incidente : quando si gioca in giardino,quando si usano gli scivoli ,le altalene,o gli altri attrezzi, quando si corre senza guardare davanti a se, quando ,per una spinta, si picchia contro uno spigolo. Fate disegnare ai bambini gli incidenti più frequenti e riportateli su cartelloni. Per introdurre l’argomento relativo ai pericoli ambientali raccontate ai bambini le avventure di Ralf il ranocchio e di come a volte si debbano affrontare situazioni di emergenza anche a scuola. Quali sono i pericoli secondo i bambini? Spiegate ai bambini che per es. in caso di terremoto esistono dei punti più sicuri rispetto ad altri ( inserire disegno sui punti sicuri o b.ni raspatolo o libretto prot. Civile in famiglia ) e che in altri casi occorre uscire dalla scuola il più in fretta possibile ma con ordine e seguendo le istruzione delle insegnanti. Stimolare l’osservazione Aiutare i bambini ad orientarsi e a sapere dove si trova la loro sezione rispetto alle altre e rispetto all’intero contesto. Organizzare dunque frequenti visite che potremmo chiamare “ di cortesia” alle altre sezioni magari utilizzando il previsto percorso di evacuazione che ogni scuola, per legge deve avere. Abituare i bambini a riconoscere i segnali che portano alle uscite di sicurezza Organizzare giochi di associazione per insegnare ai bambini a riconoscere figure, compiti e mezzi delle Istituzioni preposte al soccorso e alla sicurezza ( vigili del fuoco, A scuola di sicurezza per l’infanzia Sapere riconoscere a quali persone fare riferimento in caso di pericolo Saper riconoscere le situazioni di emergenza ambientale e sapere che nell’affrontare situazioni di pericolo occorrono attenzione e controllo emotivo Sapere a cosa serve la prova di evacuazione Saper fare Saper descrivere situazioni di emergenza ambientale Saper assumere comportamenti adeguati per la protezione personale e collettiva Saper effettuare una prova di evacuazione in modo corretto Saper essere Saper assumere comportamenti adeguati nei confronti di persone e cose in ambito scolastico Saper rispettare le più elementari norme di sicurezza Il bambino impara ad assumere atteggiamenti corretti in caso di stati di allerta simulati o reali, affidandosi consapevolmente ai soccorritori Strumenti educativi Raccontare e discutere con i bambini: Stimolate i bambini a raccontare di qualche piccolo incidente verificatosi a scuola ed insieme identificate quali possono essere le situazioni che espongono maggiormente al rischio di incidente : quando si gioca in giardino,quando si usano gli scivoli ,le altalene,o gli altri attrezzi, quando si corre senza guardare davanti a se, quando ,per una spinta, si picchia contro uno spigolo. Fate disegnare ai bambini gli incidenti più frequenti e riportateli su cartelloni. Per introdurre l’argomento relativo ai pericoli ambientali raccontate ai bambini le avventure di Ralf il ranocchio e di come a volte si debbano affrontare situazioni di emergenza anche a scuola. Quali sono i pericoli secondo i bambini? Spiegate ai bambini che per es. in caso di terremoto esistono dei punti più sicuri rispetto ad altri ( inserire disegno sui punti sicuri o b.ni raspatolo o libretto prot. Civile in famiglia ) e che in altri casi occorre uscire dalla scuola il più in fretta possibile ma con ordine e seguendo le istruzione delle insegnanti. Stimolare l’osservazione Aiutare i bambini ad orientarsi e a sapere dove si trova la loro sezione rispetto alle altre e rispetto all’intero contesto. Organizzare dunque frequenti visite che potremmo chiamare “ di cortesia” alle altre sezioni magari utilizzando il previsto percorso di evacuazione che ogni scuola, per legge deve avere. Abituare i bambini a riconoscere i segnali che portano alle uscite di sicurezza Organizzare giochi di associazione per insegnare ai bambini a riconoscere figure, compiti e mezzi delle Istituzioni preposte al soccorso e alla sicurezza ( vigili del fuoco, Sapere riconoscere a quali persone fare riferimento in caso di pericolo Strumenti educativi Raccontare e discutere con i bambini: Stimolate i bambini a raccontare di qualche piccolo incidente verificatosi a scuola ed insieme identificate quali possono essere le situazioni che espongono maggiormente al rischio di incidente : quando si gioca in giardino, quando si usano gli scivoli, le altalene o gli altri attrezzi, quando si corre senza guardare davanti a se o quando, per una spinta, si picchia contro uno spigolo. Fate disegnare ai bambini gli incidenti più frequenti e riportateli su cartel- loni. Per introdurre l’argomento relativo ai pericoli ambientali raccontate ai bam- bini le avventure di Ralf il ranocchio e di come a volte si debbano affrontare situazioni di emergenza anche a scuola. Quali sono i pericoli secondo i bambi- ni? Spiegate ai bambini che in caso di terremoto esistono dei punti più sicuri nell’edificio rispetto ad altri o che in caso di incendio occorre uscire dalla scuola il più in fretta possibile, ma con ordine, e seguendo le istruzione delle insegnanti. Stimolare l’osservazione Aiutare i bambini ad orientarsi e a sapere dove si trova la loro sezione rispet- to alle altre e rispetto all’intero contesto. Organizzare dunque frequenti visi- te che potremmo chiamare “di cortesia” alle altre sezioni magari utilizzando il previsto percorso di evacuazione che ogni scuola, per legge deve avere. Abituare i bambini a riconoscere i segnali che portano alle uscite di sicurezza. Organizzare giochi di associazione per insegnare ai bambini a riconoscere figure, compiti e mezzi delle istituzioni preposte al soccorso e alla sicurezza (vigili del fuoco, carabinieri, polizia, personale sanitario, soccorso alpino, pro- tezione civile).
  8. 8. 88 A scuola di sicurezza per l’infanzia Drammatizzare Dopo la prima fase di tipo informativo lasciate che siano i bambini a rappresentare da protagonisti situazioni di emergenza di tipo diverso: aiutare un compagno che si è procurato una piccola ferita, per es. disegnate su un bambino con un pennarello rosso una ferita che simuli la fuoriuscita di sangue e fate compiere ai bambini tutti i passaggi necessari per intervenire in sicurezza. Insegnare ad essere di aiuto agli altri, a assumersi delle responsabilità nei confronti della salute propria (mettere i guanti) e degli altri (medicare) è uno degli obiettivi di una scuola che promuove la salute. Insegnare ad essere di aiuto agli altri, a assumersi delle responsabilità nei confronti della salute propria (mettere i guanti) e degli altri (medicare) è uno degli obiettivi di una scuola che promuove la salute.
  9. 9. 9 A scuola di sicurezza per l’infanzia Procedure di evacuazione Per evitare che il piano d’emergenza diventi un atto dovuto previsto da una normativa e come tale da utilizzare solo in caso di necessità, occorre valorizzarne le finalità ed impegnarsi a sperimentarlo più volte nel corso dell’anno scolastico. La conoscenza dei rischi, delle misure di prevenzione, delle modalità di comportamento da attivare e le periodiche esercitazioni, consentono di affrontare con maggiore serenità le eventuali situazioni di emergenza. Per le prime prove chiedete la collaborazione dei vigili del fuoco, degli operatori della protezione civile o delle croci locali, ma successivamente provate a simulare anche da soli delle situazioni di emergenza, con la consapevolezza che quando si verifica un evento calamitoso è bene essere in grado di attivarsi e funzionare in modo autonomo in attesa dei soccorsi. 1. Insegnate ai bambini a mantenere la calma, a seguire le istruzioni e ad interrompere immediatamente le attività. 2. Fate riconoscere ai bambini qual è il segnale d’allarme che la scuola ha adottato in caso di emergenza 3. Fate formare una fila tenendosi per mano , fate esercitare i bambini a non spingere, non correre e non gridare, a camminare nella direzione indicata dai cartelli. 4. Fate l’appello. Spiegate di non allontanarsi dal punto di raccolta, e successivamente di rientrare in classe solo con l’insegnante.
  10. 10. 1010101010 Gli ambiti della sicurezza: la casa L’insegnante può introdurre l’argomento leggendo la storia “ Serafino e la storia scombinata” a cui farà seguito una libera discussione con i bambini. In questo modo verranno acquisite le prime informazioni sui pericoli che si possono nascondere anche a casa : ad es. i prodotti nocivi e tossici usati per le pulizie casalinghe, le medicine che, utili quando si sta male, sono invece pericolose se ingerite come caramelle, gli utensili e attrezzature da cui è opportuno tenersi lontani o che necessitano della vigilanza di un adulto durante l’uso. Successivamente si potrà parlare in modo più ampio della prevenzione degli incidenti domestici, facendo riflettere i bambini sul fatto che spesso quello che accade è dovuto ai nostri comportamenti errati. Non tutti sanno che gli incidenti domestici sono frequentemente una causa di morte, 6000 casi all’anno in Italia. Tra questi, gli avvelenamenti coinvolgono maggiormente i bambini. Le cause sono da cercarsi nei comportamenti degli adulti. Dato che non si può impedire ad un bambino di esplorare il mondo esterno, è necessario sistemare i prodotti pericolosi in luoghi inaccessibili della casa e mantenere alto il grado di vigilanza sui bambini più piccoli. I prodotti più frequentemente coinvolti sono quelli normalmente presenti nella casa, prodotti per la pulizia e farmaci. Obiettivi educativi Sapere Conoscere che esistono sostanze tossiche e velenose Conoscere che esistono situazioni e attrezzi pericolosi anche in un ambiente sicuro come la propria casa. Conoscere che esistono persone che intervengono in caso di emergenza sanitaria Conoscere il numero dell’emergenza 1.1.8 Saper fare Saper riconoscere i simboli delle sostanze pericolose Riconoscere attrezzi pericolosi presenti in ambito domestico Aver memorizzato il numero 1-1-8 Saper essere Raccontare ai propri genitori che esistono situazioni di pericolo anche in casa Chiedere l’acquisto da parte dei genitori di strumenti sicuri Parole chiave: tossico, velenoso, 118 Parlare del 1-1-8 con i propri genitori L’insegnante può introdurre l’argomento leggendo la storia “ Serafino e la storia scombinata” a cui farà seguito una libera discus- sione con i bambini. In questo modo verranno acquisite le prime informazioni sui pericoli che si possono nascondere anche a casa: ad es. i prodotti nocivi e tossici usati per le pulizie casalinghe, le medicine che, utili quando si sta male, sono invece pericolose se ingerite come caramelle, gli utensili e attrezzature da cui è opportuno tenersi lontani o che necessitano della vigilanza di un adulto durante l’uso. Successivamente si potrà parlare in modo più ampio della prevenzione degli incidenti domestici, facendo riflettere i bambini sul fatto che spesso quello che accade è dovuto ai nostri comportamenti errati. Gli ambiti della sicurezza: la casa L’insegnante può introdurre l’argomento leggendo la storia “ Serafino e la storia scombinata” a cui farà seguito una libera discussione con i bambini. In questo modo verranno acquisite le prime informazioni sui pericoli che si possono nascondere anche a casa : ad es. i prodotti nocivi e tossici usati per le pulizie casalinghe, le medicine che, utili quando si sta male, sono invece pericolose se ingerite come caramelle, gli utensili e attrezzature da cui è opportuno tenersi lontani o che necessitano della vigilanza di un adulto durante l’uso. Successivamente si potrà parlare in modo più ampio della prevenzione degli incidenti domestici, facendo riflettere i bambini sul fatto che spesso quello che accade è dovuto ai nostri comportamenti errati. Non tutti sanno che gli incidenti domestici sono frequentemente una causa di morte, 6000 casi all’anno in Italia. Tra questi, gli avvelenamenti coinvolgono maggiormente i bambini. Le cause sono da cercarsi nei comportamenti degli adulti. Dato che non si può impedire ad un bambino di esplorare il mondo esterno, è necessario sistemare i prodotti pericolosi in luoghi inaccessibili della casa e mantenere alto il grado di vigilanza sui bambini più piccoli. I prodotti più frequentemente coinvolti sono quelli normalmente presenti nella casa, prodotti per la pulizia e farmaci. Obiettivi educativi Sapere Conoscere che esistono sostanze tossiche e velenose Conoscere che esistono situazioni e attrezzi pericolosi anche in un ambiente sicuro come la propria casa. Conoscere che esistono persone che intervengono in caso di emergenza sanitaria Conoscere il numero dell’emergenza 1.1.8 Saper fare Saper riconoscere i simboli delle sostanze pericolose Riconoscere attrezzi pericolosi presenti in ambito domestico Aver memorizzato il numero 1-1-8 Saper essere Raccontare ai propri genitori che esistono situazioni di pericolo anche in casa Chiedere l’acquisto da parte dei genitori di strumenti sicuri Parole chiave: tossico, velenoso, 118 bambini sul fatto che spesso quello che accade è dovuto ai nostri comportamenti errati.
  11. 11. 11 A scuola di sicurezza per l’infanzia Parlare del 1-1-8 con i propri genitori Strumenti educativi Raccontare e discutere con i bambini: Raccontate ai bambini la storia di Serafino o quella da voi stessi creata. Spiegate ai bambini che è importante osservare sempre le norme di sicurezza: quando si gioca da soli o con i fratellini e gli amici, quando si aiuta la mamma nelle faccende domestiche o il papà in garage o in giardino. Spiegate ai bambini che le sostanze pericolose sono contrassegnate da simboli ben precisi, mostrateglieli e chiedete loro se li hanno già visti e dove. Fate raccontare ai bambini le loro esperienze: vi è mai capitato di procurarvi una ferita, una contusione, come è successo e perchè? Cosa si poteva fare per evitare che succedesse? Chiedete ai bambini se hanno mai visto o sentito un’ambulanza del pronto soccorso: da dove arriva, chi la chiama, a cosa serve, quando bisogna chiamarla…………. Stimolare l’osservazione Chiedendo la collaborazione dei genitori, proponete ai bambini di organizzare una caccia ai simboli delle sostanze pericolose portando a scuola i contenitori (vuoti e ben lavati ) di prodotti di vario genere: detersivi, detergenti, cosmetici, disinfettanti, vernici, ecc.. Fate disegnare e colorare a ciascun bambino i simboli . INFIAMMABILE IRRITANTE/NOCIVO TOSSICO Brucia facilmente Può irritare la pelle, gli occhi Molto pericoloso Può fare male se ingerito se ingerito si può morire Giocare Fate riconoscere ai bambini i contenitori pericolosi: dovranno imparare a distinguerli da altri non pericolosi raggruppandoli in due insiemi distinti. Fare costruire un memory, un domino o un puzzle con i simboli di sostanze pericolose per poi giocarci. Predisponete dei grandi cartelloni dove far incollare ai bambini le figure, ritagliate da giornali e riviste, di utensili e attrezzi pericolosi se usati non correttamente, magari distinguendoli in base all’incidente che possono causare ( per es. con le forbici e i coltelli ci si può tagliare, con il martello e con le pinze ci si può schiacciare le dita…..). Stimolate i bambini a capire il legame che esiste tra un comportamento disattento o scorretto e il verificarsi di un incidente (cadere mentre ci si arrampica su una sedia per aprire lo sportello della dispensa alla ricerca della marmellata , scottarsi le dita per non aver usato il guanto nel togliere la torta dal forno, tagliarsi un dito col coltello affettando le verdure per il minestrone, mentre si guarda la tv , farsi un bel bernoccolo in testa cadendo giù dal divano dove ci si è divertiti a fare le capriole). Drammatizzare Rappresentate la storia con la Fata Prudentina. Lasciate che i bambini partecipino attivamente alla storia. Strumenti educativi Raccontare e discutere con i bambini: Raccontate ai bambini la storia di Serafino o una da voi stessi creata. Spiegate ai bambini che è importante osservare sempre le norme di sicurezza: quando si gioca da soli o con i fratellini e gli amici, quando si aiuta la mamma nelle faccende domestiche o il papà in garage o in giardino. Spiegate ai bambini che le sostanze pericolose sono contrassegnate da simboli ben pre- cisi, mostrate e chiedete loro se li hanno già visti e dove. Fate raccontare ai bambini le loro esperienze: vi è mai capitato di procurarvi una ferita, una con- tusione, come è successo e perchè? Cosa si poteva fare per evitare che succedesse? Chiedete ai bambini se hanno mai visto o sentito un’ambulanza del pronto soccorso: da dove arriva, chi la chiama, a cosa serve, quando bisogna chiamarla. Stimolare l’osservazione Chiedendo la collaborazione dei genitori, proponete ai bambini di organizzare una caccia ai simboli delle sostanze pericolose portando a scuola i contenitori (vuoti e ben lavati ) di prodotti di vario genere: de- tersivi, detergenti, cosmetici, disinfettanti, vernici, ecc.. Fate disegnare e colorare a ciascun bambino i simboli . Giocare Fate riconoscere ai bambini i contenitori pericolosi: dovranno im- parare a distinguerli da altri non pericolosi raggruppandoli in due insiemi distinti. Fare costruire un memory, un domino o un puzzle con i simboli di sostanze pericolose per poi giocarci. Predisponete dei grandi cartelloni dove far incollare ai bambini le figure, ritagliate da giornali e riviste, di utensili e attrezzi peri- colosi se usati non correttamente, magari distinguendoli in base all’incidente che possono causare ( per es. con le forbici e i coltelli ci si può tagliare, con il martello e con le pinze ci si può schiacciare le dita.....). Stimolate i bambini a capire il legame che esiste tra un comportamento disattento o scorretto e il verificarsi di un incidente (cadere mentre ci si arrampica su una sedia per aprire lo sportello della dispensa alla ricerca della marmellata , scottarsi le dita per non aver usato il guanto nel togliere la torta dal forno, tagliarsi un dito col coltello affettando le verdure per il minestrone, mentre si guarda la tv, farsi un bel bernoccolo in testa cadendo giù dal divano dove ci si è divertiti a fare le capriole). INFIAMMABILE Brucia facilmente IRRITANTE/NOCIVO Può irritare la pelle, gli occhi Può fare male se ingerito TOSSICO Molto pericoloso se ingerito si può morire Drammatizzare Rappresentate la storia con la Fata Prudentina. Lasciate che i bambini partecipino attivamente alla storia.
  12. 12. 1212 A scuola di sicurezza per l’infanzia Cantare Inventate con i bambini una filastrocca sul 1-1-8 e fatela cantare con ritmi diversi: sulle note di una ninna nanna, in stile rap, su un motivetto pubblicitario Filastrocca sul 1.1.8 Fate incollare il testo inventato con i bambini su un foglio e fatelo illustrare da ciascun bambino con un disegno da regalare alla famiglia. Spiegate che conoscere questo numero di telefono può salvare la vita. ”Quando qualcuno ha avuto un malore occorre presto che arrivi un dottore il numero magico non devi scordare, è uno,uno,otto che occorre chiamare” Giocare Costruire un grande telefono rosso di cartone: a turno i bambini dimostrano di saper comporre il 118.
  13. 13. 13 A scuola di sicurezza per l’infanzia Gli ambiti della sicurezza: la strada Gli incidenti stradali in Italia rappresentano la prima causa di morte nei giovani: ogni giorno si verificano in media 617 incidenti stradali, che provocano il decesso di 16 persone e il ferimento di altre 874. Nel 2003 sono stati rilevati dall’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT) oltre 225.000 incidenti stradali nei quali hanno perso la vita 6000 persone e altre 320.000 hanno subito lesioni di diversa gravità. L’uso delle cinture di sicurezza può ridurre il rischio di lesioni moderate e gravi fino al 55%, come pure la mortalità può essere ridotta del 40-50%. Bambini che viaggiano in auto senza la cintura di sicurezza/ seggiolino regolamentare, hanno un rischio 10 volte maggiore di morire in un incidente stradale, rispetto ai bambini assicurati con la cintura. Ma come sono i comportamenti degli adulti in relazione all’utilizzo dei dispositivi di sicurezza? Da un’indagine effettuata nella nostra ASL sui bambini di sei anni, risulta che uno su quattro viaggia in auto senza la cintura di sicurezza. Trattare la sicurezza stradale con i bambini di questa fascia d’età necessita assolutamente della collaborazione dei genitori: in questa fase infatti i bambini sono utenti della strada non autonomamente ma accompagnati dagli adulti che li portano a spasso a piedi, in bici, in macchina. E’ tuttavia importante che i bambini comincino a conoscere quali insidie la strada può riservare e come ci si può difendere acquisendo già da piccoli atteggiamenti e comportamenti sicuri. Inoltre, dalla nostra esperienza con le scuole, può accadere che i genitori modifichino i loro comportamenti su richiesta dei bambini. A questo proposito esistono osservazioni anche nel campo del marketing aziendale, oggi sempre di più le aziende si rivolgono ai piccoli della famiglia, anche per l’acquisto di oggetti e servizi per gli adulti. Nell’ambito della sicurezza in strada due sono gli aspetti da affrontare con i bambini: come comportarsi quando si cammina per la strada e come comportarsi quando si viene trasportati in automobile. Obiettivi educativi Sapere Sapere che la strada presenta molti pericoli Comprendere l’importanza di regole di educazione stradale per evitare pericoli Sapere che utilizzare il seggiolino e la cintura in macchina salva la vita Sapere che il posto più sicuro nell’auto è quello posteriore e centrale Saper fare Sapere assumere comportamenti corretti per la strada: camminare sempre sul marciapiede, stare lontano dal bordo stradale, attraversare sempre con un adulto e sulle strisce pedonali Conoscere il significato della segnaletica stradale Conoscere la funzione del vigile Saper utilizzare il seggiolino in modo corretto, sapersi allacciare la cintura, non fare uso improprio dei finestrini Invitare gli adulti ad allacciare le cinture Desiderare che il seggiolino sia posizionato nel posto più sicuro dell’auto Saper essere Assumere atteggiamenti corretti durante il trasporto in auto Utilizzare il seggiolino e la cintura quando si sale in auto Sedersi nel posto più sicuro dell’auto dalla nostra esperienza con le scuole, può accadere che i genito Parole chiave: tossico, velenoso, 118
  14. 14. 1414 A scuola di sicurezza per l’infanzia Strumenti educativi Raccontare e discutere con i bambini: Leggete la storia di Aldo il postino e la strada capricciosa , chiedete ai bambini se sanno a cosa servono i cartelli stradali, i semafori, le strisce pedonali. Fate una semplice indagine sull’uso del seggiolino tra gli alunni. Fate descrivere i comportamenti scorretti da non tenere in auto e fate disegnare i comportamenti corretti: come si sta seduti in macchina, dove si posiziona il seggiolino in auto, tutti si allacciano le cinture, non bisogna sporgersi dai finestrini, si scende dall’auto solo dalla parte del marciapiede. Riconoscere i comportamenti scorretti Conoscere i comportamenti corretti
  15. 15. 15 A scuola di sicurezza per l’infanzia Sperimentare Chiedete la partecipazione dei genitori e fate portare in classe un seggiolino regolamentare per il trasporto dei bambini in auto. Appoggiate il seggiolino per terra e fatelo tenere fermo ai genitori. Fate provare a tutti i bambini ad allacciarsi le cinture. Giocare Costruite un plastico e fate giocare con le macchinine. Trasformate la classe o il salone in un ipotetico tratto di strada con incroci, piste ciclabili, attraversamenti pedonali e semaforici ed invitate i bambini a collocare al posto giusto i relativi segnali, da loro stessi preparati con materiali di recupero. Costruite dei veicoli di cartone e simulate un percorso in salone per andare da casa a scuola, per andare a fare la spesa, o altro. Insegnate qualche gioco simpatico da fare quando si è trasportati in auto, giochi di parole o di osservazione. Inventate una breve filastrocca per ricordare ai genitori di allacciare la cintura. Sperimentare Organizzate una breve uscita dalla scuola per stimolare l’osservazione diretta di quanto sperimentato in classe, chiedendo in questa occasione l’intervento di un vigile urbano che farà vedere ai bambini il significato delle sue posizioni quando per strada regola il traffico delle auto e dei pedoni Drammatizzare Create una storia di fantasia che esprima l’importanza del vigile e del rispetto delle regole. Quando si cammina per strada, quali sono le regole che non devono essere infrante?
  16. 16. 1616 A scuola di sicurezza per l’infanzia Gli ambiti della sicurezza: il territorio e il tempo libero Gli incidenti di bicicletta causano circa 100 morti all’anno in Italia. Spesso sono coinvolti bambini e ragazzi con meno di 14 anni. Il trauma cranico è presente in un incidente di bicicletta su 4. Studi scientifici dimostrano che il casco di bicicletta riduce il rischio di trauma cranico fino 85%. Per questo motivo i pediatri ne raccomandano fortemente l’utilizzo. Da un’indagine effettuata nella nostra ASL solo un terzo dei genitori ritiene il casco della bicicletta molto importante e per questo motivo lo fa utilizzare al proprio bambino sempre o spesso. Come si vede, nel corso di attività ricreative e sportive, è frequente imbattersi in rischi specifici: è bene dunque che i bambini, già dalla più tenera età, imparino a conoscere non solo i sistemi di protezione che limitano tali rischi, ma anche ad acquisire l’attitudine positiva al loro uso, che col tempo si consoliderà come comportamento corretto. Obiettivi educativi Sapere Sapere che usare il casco in bicicletta protegge la testa in caso di caduta Sapere che per essere trasportati in bicicletta è necessario un apposito seggiolino Sapere che imparare a nuotare è importante e può salvare la vita Sapere che esistono dispositivi di sicurezza diversi per prevenire gli incidenti Saper fare Sapersi allacciare il casco in modo corretto Saper utilizzare alcuni comuni dispositivi di sicurezza (ginocchiere, parastinchi) Chiedere in regalo in occasione di una festività un casco per la bici Saper essere Indossare il casco ogni volta che si va in bicicletta Utilizzare l’apposito seggiolino se trasportati in bicicletta Utilizzare i dispositivi di sicurezza utili per il proprio tempo libero Frequentare un corso di nuoto Strumenti educativi Raccontare e discutere con i bambini: Fate un’ indagine tra i bambini chiedendo loro cosa fanno dopo la scuola o nei giorni di festa: se vanno a fare nuoto, se vanno in bici con i genitori o i nonni oppure coi pattini o a giocare al pallone o a sciare. Chiedete ai bambini se vanno in bici da soli oppure trasportati e se indossano il casco. Se sono trasportati che tipo di seggiolino utilizzano? Se hanno un fratellino più piccolo che va in bici, come viene trasportato? Fate raccontare dai bambini le loro esperienze personali. Parole chiave: bicicletta, casco, seggiolino per bici, piste ciclabili, sistemi di protezione
  17. 17. 17 A scuola di sicurezza per l’infanzia Inventate e raccontate una storia sull’importanza di saper nuotare. Esistono dispositivi di sicurezza per quando si va in acqua o in barca? Quali sono? Spiegate che i gonfiabili non sono dispositivi di sicurezza e possono trarre in inganno. Inventate una storia per spiegare che la forma dell’uovo è molto resistente alle pressioni, e per questo motivo il casco ha la forma di un uovo. Sperimentare Fate portare a scuola un casco per la bici. Mostrate com’è fatto e come si allaccia. Fate sperimentare. Coinvolgete i genitori e chiedete di portare una bicicletta con un seggiolino sicuro e fate il confronto con uno meno sicuro: perché uno è più sicuro dell’altro? Mostrate i dispositivi di sicurezza per andare in acqua o in barca: come sono fatti i giubbotti e i salvagenti regolamentari. Spiegate che i gonfiabili non sono dispositivi di sicurezza e possono trarre in inganno: fate considerare cosa succede ad un gonfiabile quando si buca. Mostrate un esperimento. Fate portare a scuola i dispositivi di sicurezza per altri sport (sci, roller, calcio). Mostrate come sono fatti e fateli provare. Ogni progetto deve avere una valutazione, questo permette di capire se si sta procedendo in modo corretto, se gli sforzi danno dei risultati misurabili, se è necessario apportare qualche modifica. La valutazione del progetto viene fatta da insegnanti e ASL con le seguenti modalità Valutazione da parte degli insegnanti sul raggiungimento degli obiettivi educativi nei bambini della propria classe. A questo scopo sono disponibili presso gli operatori sanitari le schede di verifica degli obiettivi, da utilizzare sia prima di cominciare il programma con i bambini, che al termine dell’anno scolastico. Valutazione dell’andamento del progetto da parte della ASL attraverso la scheda di valutazione annuale. Questa scheda deve essere compilata una sola volta al termine dell’anno scolastico, dall’insegnante che ha svolto il programma con la classe e consegnata ad un operatore del Servizio di Medicina Preventiva del distretto ASL di appartenenza. Chiedi all’operatore sanitario la scheda di valutazione aggiornata. Il libro della sicurezza La conclusione dei lavori è sempre un po’ un’occasione di festa. E’ importante che rimanga documentazione e traccia dei lavori svolti, sia per sottolinearne l’importanza, che per rendere visibile ai genitori e all’esterno della scuola i risultati ottenuti, sia per lasciare una testimonianza ai collghi che ripeteranno il lavoro con le classi a venire. Invitate le persone interessate (genitori, operatori sanitari, ufficio scuola del comune, altre scuole) a una mostra. L’attestato di partecipazione: Gli insegnanti che hanno partecipato al programma e compilato la scheda di valutazione finale, possono richiedere alla ASL un attestato di partecipazione al progetto di educazione alla salute “A Scuola di sicurezza”. La partecipazione dei bambini A testimonianza del lavoro svolto è previsto per i bambini la consegna di una medaglia. ASL MILANODUE AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 Dipartimento di Prevenzione Si attesta che l’insegnante _____________________________________________________ ha svolto nell’anno scolastico _____________________________________________________ il programma di educazione alla salute ______________________________________________________________________________________ Data:................................. Il Responsabile del Progetto Questo programma fa parte del Progetto “Carissimo Pinocchio Una Scuola che promuove la salute”. ©FNCC ©FNCC A scuola di sicurezza per l’infanzia Inventate e raccontate una storia sull’importanza di saper nuotare. Esistono dispositivi di sicurezza per quando si va in acqua o in barca? Quali sono? Spiegate che i gonfiabili non sono dispositivi di sicurezza e possono trarre in inganno. Inventate una storia per spiegare che la forma dell’uovo è molto resistente alle pressioni, e per questo motivo il casco ha la forma di un uovo. Sperimentare Fate portare a scuola un casco per la bici. Mostrate com’è fatto e come si allaccia. Fate sperimentare. Coinvolgete i genitori e chiedete di portare una bicicletta con un seggiolino sicuro e fate il confronto con uno meno sicuro: perché uno è più sicuro dell’altro? Mostrate i dispositivi di sicurezza per andare in acqua o in barca: come sono fatti i giubbotti e i salvagenti regolamentari. Spiegate che i gonfiabili non sono dispositivi di sicurezza e possono trarre in inganno: fate considerare cosa succede ad un gonfiabile quando si buca. Mostrate un esperimento. Fate portare a scuola i dispositivi di sicurezza per altri sport (sci, roller, calcio). Mostrate come sono fatti e fateli provare. Ogni progetto deve avere una valutazione, questo permette di capire se si sta procedendo in modo corretto, se gli sforzi danno dei risultati misurabili, se è necessario apportare qualche modifica. La valutazione del progetto viene fatta da insegnanti e ASL con le seguenti modalità Valutazione da parte degli insegnanti sul raggiungimento degli obiettivi educativi nei bambini della propria classe. A questo scopo sono disponibili presso gli operatori sanitari le schede di verifica degli obiettivi, da utilizzare sia prima di cominciare il programma con i bambini, che al termine dell’anno scolastico. Valutazione dell’andamento del progetto da parte della ASL attraverso la scheda di valutazione annuale. Questa scheda deve essere compilata una sola volta al termine dell’anno scolastico, dall’insegnante che ha svolto il programma con la classe e consegnata ad un operatore del Servizio di Medicina Preventiva del distretto ASL di appartenenza. Chiedi all’operatore sanitario la scheda di valutazione aggiornata. Il libro della sicurezza La conclusione dei lavori è sempre un po’ un’occasione di festa. E’ importante che rimanga documentazione e traccia dei lavori svolti, sia per sottolinearne l’importanza, che per rendere visibile ai genitori e all’esterno della scuola i risultati ottenuti, sia per lasciare una testimonianza ai collghi che ripeteranno il lavoro con le classi a venire. Invitate le persone interessate (genitori, operatori sanitari, ufficio scuola del comune, altre scuole) a una mostra. L’attestato di partecipazione: Gli insegnanti che hanno partecipato al programma e compilato la scheda di valutazione finale, possono richiedere alla ASL un attestato di partecipazione al progetto di educazione alla salute “A Scuola di sicurezza”. La partecipazione dei bambini A testimonianza del lavoro svolto è previsto per i bambini la consegna di una medaglia. A scuola di sicurezza per l’infanzia Inventate e raccontate una storia sull’importanza di saper nuotare. Esistono dispositivi di sicurezza per quando si va in acqua o in barca? Quali sono? Spiegate che i gonfiabili non sono dispositivi di sicurezza e possono trarre in inganno. Inventate una storia per spiegare che la forma dell’uovo è molto resistente alle pressioni, e per questo motivo il casco ha la forma di un uovo. Sperimentare Fate portare a scuola un casco per la bici. Mostrate com’è fatto e come si allaccia. Fate sperimentare. Coinvolgete i genitori e chiedete di portare una bicicletta con un seggiolino sicuro e fate il confronto con uno meno sicuro: perché uno è più sicuro dell’altro? Mostrate i dispositivi di sicurezza per andare in acqua o in barca: come sono fatti i giubbotti e i salvagenti regolamentari. Spiegate che i gonfiabili non sono dispositivi di sicurezza e possono trarre in inganno: fate considerare cosa succede ad un gonfiabile quando si buca. Mostrate un esperimento. Fate portare a scuola i dispositivi di sicurezza per altri sport (sci, roller, calcio). Mostrate come sono fatti e fateli provare. Ogni progetto deve avere una valutazione, questo permette di capire se si sta procedendo in modo corretto, se gli sforzi danno dei risultati misurabili, se è necessario apportare qualche modifica. La valutazione del progetto viene fatta da insegnanti e ASL con le seguenti modalità Valutazione da parte degli insegnanti sul raggiungimento degli obiettivi educativi nei bambini della propria classe. A questo scopo sono disponibili presso gli operatori sanitari le schede di verifica degli obiettivi, da utilizzare sia prima di cominciare il programma con i bambini, che al termine dell’anno scolastico. Valutazione dell’andamento del progetto da parte della ASL attraverso la scheda di valutazione annuale. Questa scheda deve essere compilata una sola volta al termine dell’anno scolastico, dall’insegnante che ha svolto il programma con la classe e consegnata ad un operatore del Servizio di Medicina Preventiva del distretto ASL di appartenenza. Chiedi all’operatore sanitario la scheda di valutazione aggiornata. Il libro della sicurezza La conclusione dei lavori è sempre un po’ un’occasione di festa. E’ importante che rimanga documentazione e traccia dei lavori svolti, sia per sottolinearne l’importanza, che per rendere visibile ai genitori e all’esterno della scuola i risultati ottenuti, sia per lasciare una testimonianza ai collghi che ripeteranno il lavoro con le classi a venire. Invitate le persone interessate (genitori, operatori sanitari, ufficio scuola del comune, altre scuole) a una mostra. L’attestato di partecipazione: Gli insegnanti che hanno partecipato al programma e compilato la scheda di valutazione finale, possono richiedere alla ASL un attestato di partecipazione al progetto di educazione alla salute “A Scuola di sicurezza”. La partecipazione dei bambini A testimonianza del lavoro svolto è previsto per i bambini la consegna di una medaglia. Valutazione Conclusione Il libro della sicurezza La conclusione dei lavori è sempre un po’ un’occasione di festa. E’ importante che rimanga documentazione e traccia dei lavori svolti, sia per sottolinearne l’importanza, che per rendere visibile ai genitori e all’esterno della scuola i risultati ottenuti, sia per lasciare una testimonianza ai colleghi che ripeteranno il lavoro con le classi a venire. Invitate le persone interessate (genitori, operatori sanitari, ufficio scuola del comune, altre scuole) a una mostra.
  18. 18. 1818 A scuola di sicurezza per l’infanziaA scuola di sicurezza per l’infanzia
  19. 19. 19 A scuola di sicurezza per l’infanzia A scuola di sicurezza per l’infanzia
  20. 20. 2020 A scuola di sicurezza per l’infanziaA scuola di sicurezza per l’infanzia A scuola di sicurezza per l’infanzia A scuola di sicurezza per l’infanzia
  21. 21. 21 A scuola di sicurezza per l’infanzia A scuola di sicurezza per l’infanzia
  22. 22. 2222 A scuola di sicurezza per l’infanzia Per saperne di più Trasporto in auto: che cosa dice la legge. Articolo 172 del Codice stradale in vigore dal 1993: I passeggeri di età inferiore ai 12 anni che abbiano statura inferiore al 1,50 m devono essere trattenuti da un sistema di ritenuta, adeguato alla statura e al peso. I “sistemi di ritenuta”, cioè i seggiolini, sono differenziati in categorie in base al peso del bambino e vengono suddivisi in: • Gruppo 0 per bambini fino a 10 kg di peso. • Gruppo 0+ per bambini fino a 13 kg • Gruppo 1 per bambini da 9 ai 18Kg • Gruppo 2 per bambini tra i 15 e 25 kg • Gruppo 3 per bambini tra i 22 ed i 36 kg. Esistono seggiolini a doppia omologazione dotati di cinture di sicurezza regolabili che sono idonei per bambini con peso fino ai 18 kg. I bambini con un peso superiore ai 15 kg (gruppi 2- 3) possono utilizzare una seggiolino a tavoletta che permette loro di raggiungere un altezza adeguata per l’uso della cintura di sicurezza dell’automobile. Che cosa verificare al momento dell’acquisto del seggiolino. Che sull’etichetta del seggiolino vengano riportati: • gli estremi della normativa ECE R44/02 o ECE R44/03 (indicano che il seggiolino è stato sottoposto ai test di sicurezza ed è omologato alle normative europee). • L’indicazione “Universal” (indica che il seggiolino è adatto a qualsiasi tipo di automobile) o quella che sia adatto all’auto in questione. • Il gruppo di appartenenza con l’indicazione del peso massimo sopportabile. Dove posizionare i seggiolini. Il posto più sicuro, secondo studi recenti, è il sedile posteriore dell’automobile. Tuttavia i seggiolini del gruppo zero possono essere posizionati anche sul sedile anteriore, in senso contrario al senso di marcia e solo in caso di assenza dell’ Airbag. Trasporto di bambini in bicicletta. È consentito il trasporto di bambini fino ad otto anni di età solamente con l’impiego del seggiolino. • Seggiolino anteriore: per bambini fino 15 Kg, deve essere collocato tra il manubrio della bicicletta ed il conducente, può essere fissato al telaio, al piantone o al manubrio stesso. • Seggiolino posteriore: per i bambini fino ad otto anni di età, può essere fissato al telaio o al portapacchi della bicicletta. Il fissaggio deve garantire l’ancoraggio del seggiolino alla bicicletta impedendone lo sganciamento accidentale. Sul seggiolino devono essere impressi i dati dell’anno di produzione, del produttore o di chi lo commercia; il seggiolino deve avere istruzioni illustrate per il montaggio, indicazioni per l’uso in condizioni di sicurezza e una dichiarazione che attesti la rispondenza del seggiolino alle caratteristiche di cui all’art. 225 del D.P.R. 16/12/1992 N° 495 (Regolamento di esecuzione ed attuazione del nuovo Codice della Strada). Trasporto di bambini in motocicletta. Non è consentito il trasporto del bambino seduto davanti al conducente, in quanto con il suo corpo limiterebbe la libertà di manovra dello stesso; il bambino deve invece essere trasportato sul sedile del passeggero e indossare un casco protettivo omologato ben allacciato. Trasporto dei bambini in motorino. È vietato e pericolosissimo. Consulta il sito: www.uppa.it “Un pediatra per amico” : ci sono mille notizie e informazioni utili
  23. 23. 23 A scuola di sicurezza per l’infanzia I seggiolini per le biciclette I vantaggi dei seggiolini montati vicino al manubrio sono legati al fatto che il bambino vede bene il paesaggio e può chiacchierare con mamma o papà, che hanno sempre sotto gli occhi il figlio. Proprio per quest’ultimo motivo, i piccoli passeggeri che hanno meno di 3 anni di età devono essere portati sempre su un seggiolino montato sulla parte anteriore della bicicletta. Tra gli svantaggi, va segnalato che la pedalata e la guida possono essere un po’ intralciate dalla presenza del seggiolino e che in caso di caduta o di urto il pupo rischia di più (ricordatevi di fargli indossare sempre il caschetto di sicurezza). Quando il bambino cresce, solitamente si preferisce passare a un seggiolino montato dietro la sella: il bimbo ha più libertà di movimento ed è maggiormente protetto in caso di eventuale caduta. Per contro, il piccolo avrà la visuale un po’ coperta dalla schiena di mamma o papà. Fatevi installare il seggiolino nel negozio, in modo da verificarne la stabilità. Il montaggio deve essere semplice e senza problemi. Tenete conto che i seggiolini installati con sistemi che non prevedono l’utilizzo di cacciaviti sono più facili e veloci da smontare rispetto a quelli fissati con viti e bulloni. Portate anche vostro figlio a fare shopping, così potrete controllare se davvero sta comodo nel seggiolino che avete scelto per lui. Fate attenzione a che il modello su cui vi siete orientati disponga di adeguate protezioni per impedire il contatto di gambe o piedi del bimbo con la ruota o i raggi della bicicletta. Verificate che non vi siano parti pericolose, come spigoli o aperture in cui il bimbo possa infilare le dita rischiando di farsi male. Per garantire una buona postura al piccolo passeggero, scegliete un seggiolino che abbia uno schienale che sostenga adeguatamente la schiena, il collo e la testa, quindi alto ed ergonomico. Sono da preferire i modelli che dispongono di cinture di sicurezza regolabili, in modo da adattarle alla taglia del bimbo. Verificate che la loro apertura sia possibile solo attraverso una doppia azione contemporanea, così che per il bambino sia impossibile slacciarle da solo. Bibliografia A scuola di sicurezza Manuale per insegnanti a cura della ASL della Provincia di Bergamo L’evacuazione degli edifici scolastici. A cura della Protezione Civile della Provincia di Milano. Protezione civile in famiglia. A cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dipartimento della Protezione Civile Tutto su di me: guida per l’insegnante. Centro Sperimentale per l’Educazione sanitaria, Università degli Studi di Perugia. Un Pediatra per amico. www.uppa.it Progetto a cura del Servizio di Medicina Preventiva nelle Comunità della ASL della Provincia Milano 2 Responsabile Servizio: dott. Luigi Fantini Responsabile U.O.Età Evolutiva: dott. Luigi Acerbi Responsabile del Progetto “A scuola di sicurezza”: dott.ssa Cristina Morelli tel 02 92654920 Edizione curata da: dott.ssa Antonella Calaciura, dott.ssa Cristina Morelli, dott.ssa Maria Vezzoni, sig.a Luciana Luperto. Le fotografie Simone Ambrosoni, scuole dell’infanzia che hanno partecipato al progetto (scuole dell’infanzia di Segrate, Bussero, Carugate, Cernusco s/N e Rozzano), repertorio ASL. Si ringraziano: �in particolare la sig.a Manuela Raspavolo, la sig.a Maria Guarascio, insegnanti delle scuole dell’infanzia di Segrate e Carugate, per la collaborazione fornita alla presente stesura del manuale. �le Infermiere e i Medici Servizio di Medicina Preventiva nelle Comunità della ASL della Provincia Milano 2 per aver contribuito con dedizione e professionalità alla realizzazione del programma: dott.ssa Antonella Calaciura, sig.a Rosaria Castoro, sig.a Silvia Cupioli, sig.a Chiara Falconelli, sig.a Giuseppina Fiorita, sig.a Rossella Fumagalli, sig.a Maddalena Invernizzi, sig.a Luciana Luperto, dott.ssa Chiara Mariani, sig.a Angela Marra, dott.ssa Cristina Morelli, sig.a Marina Penati, sig.a Letizia Pennati, sig.a Roberta Tassi, sig.a Graziella Valota, dott.ssa Giovanna Visconti, sig.a Giuseppina Buttinoni, dott.ssa Margherita Assirati, sig.a Patrizia Braga, sig.a Giusi Capitanio. �gli insegnanti delle Scuole dell’Infanzia della ASL della Provincia di Milano 2 che hanno partecipato con entusiasmo e professionalità alla sperimentazione e realizzazione del programma e contribuito con i loro consigli e le osservazioni alla stesura del manuale �il prof. Marco Nordio e la Protezione Civile di Melegnano, la prof.ssa Flavia Moro (Istituto Comprensivo Busnago Mi) per la collaborazione al progetto. �la Fondazione Nazionale Carlo Collodi e il sig. Oscar Massari della BIC Licensing per aver concesso l’utilizzo delle immagini di Pinocchio Progetto a cura del Servizio di Medicina Preventiva nelle Comunità della ASL della Provincia Milano 2 Responsabile Servizio: dott. Luigi Fantini Responsabile U.O.Età Evolutiva: dott. Luigi Acerbi Responsabile del Progetto “A scuola di sicurezza”: dott.ssa Cristina Morelli tel 02 92654920 Edizione curata da: dott.ssa Antonella Calaciura, dott.ssa Cristina Morelli, dott.ssa Maria Vezzoni, sig.a Luciana Luperto. Le fotografie Simone Ambrosoni, scuole dell’infanzia che hanno partecipato al progetto (Segrate, Bussero, Carugate, Cernusco s/N e Rozzano), repertorio ASL. Si ringraziano: � in particolare la sig.a Manuela Raspavolo, la sig.a Maria Guarascio, insegnanti delle scuole dell’infanzia di Segrate e Carugate, per la collaborazione fornita alla presente stesura del manuale. � le Infermiere e i Medici del Servizio di Medicina Preventiva nelle Comunità della ASL della Provincia Milano 2 per aver contribuito con dedizione e professionalità alla realizzazione del programma: dott.ssa Antonella Calaciura, sig.a Rosaria Castoro, sig.a Silvia Cupioli, sig.a Chiara Falconelli, sig.a Giuseppina Fiorita, sig.a Rossella Fumagalli, sig.a Maddalena Invernizzi, sig.a Luciana Luperto, dott.ssa Chiara Mariani, sig.a Angela Marra, dott.ssa Cristina Morelli, sig.a Marina Penati, sig.a Letizia Pennati, sig.a Roberta Tassi, sig.a Graziella Valota, dott.ssa Giovanna Visconti, sig.a Giuseppina Buttinoni, dott.ssa Margherita Assirati, sig.a Patrizia Braga, sig.a Giusi Capitanio. � gli Insegnanti delle Scuole della ASL della Provincia di Milano 2 che hanno partecipato con entusiasmo e professionalità alla sperimentazione e realizzazione del programma e contribuito con i loro consigli e le osservazioni alla stesura del manuale � il prof. Marco Nordio e la Protezione Civile di Melegnano, la prof.ssa Flavia Moro (Istituto Comprensivo Busnago Mi) per la collaborazione al progetto. � la Fondazione Nazionale Carlo Collodi e il sig. Oscar Massari della BIC Licensing per aver concesso l’utilizzo delle immagini di Pinocchio
  24. 24. ASL MILANODUE AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO 2

×