Apprendistato

678 views

Published on

Il nuovo apprendistato

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
678
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Apprendistato

  1. 1. In G.U. il Testo UnicoIl nuovo apprendistatoMaria Rosa Gheido e Alfredo Casotti - Consulenti del lavoroRisale alla legge n. 25 del 19 con le successive, rilevanti, mo- ma 5-bis, che consente allagennaio 1955 la prima disci- difiche apportate dalla legge n. contrattazione collettiva di di-plina dell’apprendistato defini- 196/1997 (c.d. «legge Treu») sciplinare l’apprendistato pro-to, dall’articolo 2 della legge ` e da quelle ancora piu rilevanti fessionalizzante nelle morecitata come «uno speciale rap- introdotte dalla legge n. 30/ della disciplina regionale.porto di lavoro in forza del 2003 e dal relativo decreto di L’aggiunta di un ulteriore `quale l’imprenditore e obbli- attuazione, n. 276 del 2003. comma 5-ter ad opera del de-gato ad impartire o a far im- La permanenza in vigore della creto legge n. 112/2008 con-partire, nella sua impresa, al- ` legge n. 25/1955 e stata consi- vertito dalla legge n. 133/l’apprendista assunto alle sue derata indispensabile, seppure 2008, ha, quindi, consentitodipendenze, l’insegnamento pubblicata anteriormente al 1º che la formazione potesse Approfondimenti ´necessario perche possa conse- gennaio 1970, anche dal de- svolgersi interamente a carico `guire la capacita tecnica per creto legislativo n. 179 del 1º dell’azienda, sottraendola alladiventare lavoratore qualifica- dicembre 2009 che, all’artico- disciplina regionale. Le Regio-to, utilizzandone l’opera nel- lo 1, comma 1, in combinato ni hanno sollevato la questionel’impresa medesima». Come disposto con l’allegato 1 allo ` di legittimita costituzionale disottolineava il Ministero del stesso decreto, ne ha ritenuto questa disposizione per viola-lavoro nella circolare n. 153- indispensabile la permanenza zione delle competenze regio-bis del 28 aprile 1955, per in vigore, limitatamente agli nali in materia di formazionel’apprendista «la prestazione articoli 1, 2, 5, 6, 8, 9, 10, a norma dell’articolo 117 dellalavorativa, legata al necessario 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, Costituzione, e la Corte costi- `insegnamento, e un mezzo per 18, 19, 21, 22, 23, comma 1, tuzionale ha in parte accoltoconseguire una particolare 24, 25, 26, 29, comma 1, 30, il ricorso con sentenza n. 176qualificazione professionale». 31, 32 e 33. del 2010. Forse proprio questo sovrap- Vedi riquadro a pagina succes- porsi di norme e di competenze siva.Testo unico ha allontanato i datori di lavoroIl Testo Unico dell’apprendista- da questa forma contrattuale, altrimenti appetibile per i van- Collegato lavoroto, D.Lgs. 14 settembre 2011, n.167 (G.U. n. 236 del 10 ottobre taggi normativi ed economici L’articolo 46, comma 1, lettera2011) definitivamente approva- che, da sempre, porta con se. ´ b) della legge 4 novembreto dal Consiglio dei Ministri il Il decreto legislativo 10 set- 2010, n. 183, c.d. ‘‘Collegato28 luglio 2011 cambia la defini- tembre 2003, n. 276, nell’in- lavoro’’, conferisce al Gover-zione del contratto di apprendi- trodurre con gli articoli da 48 no la delega per la revisionestato che, per il comma 1 del- a 53 tre forme di apprendistato dell’istituto dell’apprendistato,l’articolo 1 diventa «un contrat- (per l’assolvimento del diritto- da attuare previa intesa con leto di lavoro a tempo indetermi- dovere all’istruzione e forma- regioni e le parti sociali, il Go-nato finalizzato alla formazione zione, professionalizzante, di verno secondo i seguenti prin-e alla occupazione dei giovani». alta formazione) ha, infatti, la- ` cıpi e criteri direttivi:Superata finalmente l’eterna sciato in essere anche l’ap- a) rafforzamento del ruolo del-diatriba sulla durata a tempo prendistato disciplinato dal- la contrattazione collettiva neldeterminato o indeterminato l’articolo 16 della legge Treu quadro del perfezionamentodel contratto, dalla nuova defi- e dalla legge n. 25/1955. La della disciplina legale dellanizione risulta meno evidente ` difficolta ad attuare compiuta- materia;la concausa costitutiva dell’in- mente le previsioni del b) individuazione di standardsegnamento, che nella legge D.Lgs. n. 276/2003 hanno, ` nazionali di qualita della for-del 1955 era chiaramente defi- inoltre, richiesto successivi in- mazione in materia di profilinitorio della causa mista del terventi, in particolare per le professionali e percorsi forma-contratto di apprendistato. competenze regionali in mate- tivi, certificazione delle com- ria di formazione. I ritardi con petenze, validazione dei pro- cui alcune Regioni hanno di- getti formativi individuali e ri-Genesi sciplinato la formazione obbli- conoscimento delle capacita `del contratto gatoria ha spinto, infatti, il le- formative delle imprese, anche gislatore ad intervenire con la al fine di agevolare la mobilita `Seppur datata, la legge n. 25/ legge n. 80/2005 che ha ag- territoriale degli apprendisti `1955 e rimasta in vigore pur giunto nell’articolo 49 il com- mediante l’individuazione di DIRITTO & PRATICA DEL LAVORO n. 40/2011 2361
  2. 2. requisiti minimi per l’eroga- Trattato di Lisbona, che si pro- 2011 hanno dichiarato di con- zione della formazione forma- pone la riduzione e la preven- dividerne i contenuti essenziali le; zione della dispersione scola- ed hanno impegnato il Gover- c) con riferimento all’appren- stica e l’innalzamento del li- no ad avviare un confronto an- distato professionalizzante, in- vello scolastico fra i lavorato- che sui tirocini formativi e di dividuazione di meccanismi in ri, quale misura volta anche a ´ orientamento nonche a defini- grado di garantire la determi- ` favorirne la mobilita profes- re un «avviso comune» per la nazione dei livelli essenziali sionale e la formazione conti- revisione dell’istituto delle delle prestazioni e l’attuazione nua nel corso della vita lavora- collaborazioni a progetto con uniforme e immediata su tutto tiva. sostanziale mono-committen- il territorio nazionale della re- ` La norma non e comunque. za. Il tema riprende quanto lativa disciplina; immediatamente operativa in sancito con l’intesa tra Gover- d) adozione di misure volte ad quanto per la sua attuazione no, regioni e parti sociali del assicurare il corretto utilizzo occorre sentire le parti sociali 27 ottobre 2010 in tema di ap- dei contratti di apprendistato. e raggiungere l’intesa fra le re- prendistato professionalizzan- La delega sostituisce quella gioni, il Ministero del lavoro e te con la quale, considerato contenuta dall’articolo 1, com- il Ministero dell’istruzione. che: ma 30, lettera c) della legge 24 ` Sara pertanto in quella sede «l’apprendistato, nelle sue tre dicembre 2007, n. 247, che era che si stabiliranno i criteri e tipologie di cui al decreto legi-Approfondimenti stata lasciata decadere. ` le modalita con cui questo tipo slativo n. 276 del 2003, rap- ` Il collegato lavoro e intervenu- ` di apprendistato dovra essere presenta il principale canale to anche con il comma 8 del- svolto in azienda. Si ha, pero,` di ingresso dei giovani nel l’articolo 48, disponendo che la sensazione che si tratti piu ` mercato del lavoro secondo il diritto-dovere all’istruzione di una misura teorica che non ` percorsi di qualita utili a valo- possa essere assolto sostituen- di concreto interesse per le rizzare e ad accrescere le com- do con il lavoro una parte del- piccole imprese che difficil- petenze delle persone e soste- mente troveranno spazio, nella ` l’obbligo di frequenza delle nere la produttivita del lavoro» loro organizzazione, per un aule scolastiche. Il suddetto e che ruolo di formazione teorica ol- comma 8 dell’articolo 48 de- tre che pratica. «nella intesa del 17 febbraio roga, quindi, alla previsione 2010, Governo, Regioni, Pro- del comma 622 dell’articolo vincie autonome e parti sociali 1 della legge finanziaria per il Intesa con le parti hanno convenuto di rilanciare 2007, che ha fissato in dieci il contratto di apprendistato anni il tempo obbligatoriamen- sociali nelle sue tre tipologie (profes- te destinato all’istruzione, con Il testo proposto dal Governo e` sionalizzante, per l’esercizio il conseguente innalzamento a stato oggetto di accordo, con del diritto-dovere di istruzione ` 16 anni dell’eta minima per alcune modifiche, sia con le e formazione, per l’acquisizio- l’avviamento al lavoro. Questa Regioni che con le parti socia- ne di un diploma o per percor- ` misura appare, pero, in contro- li. Queste ultime, in particola- si di alta formazione) con l’o- tendenza con gli obiettivi del re, con l’accordo dell’11 luglio biettivo di garantire un percor- Corte costituzionale, sentenza 15 maggio 2010, n. 176 (Estratto) La formazione aziendale, come ritenuto dalla citata sentenza di questa Corte n. 50 del 2005, «rientra nel si- nallagma contrattuale e quindi nelle competenze dello Stato in materia di ordinamento civile». Peraltro, nella ` ` pronuncia si afferma altresı che «se e vero che la formazione all’interno delle aziende inerisce al rapporto con- ´ trattuale, sicche la sua disciplina rientra nell’ordinamento civile, e che spetta invece alle Regioni e alle Province ` autonome disciplinare quella pubblica, non e men vero che nella regolamentazione dell’apprendistato ne l’una ´ ´ ne l’altra appaiono allo stato puro, ossia separate nettamente tra di loro e da altri aspetti dell’istituto», con la ` conseguenza che «occorre percio tener conto di tali interferenze». Interferenze che sono correlative alla na- turale proiezione esterna dell’apprendistato professionalizzante e all’acquisizione da parte dell’apprendista dei ` crediti formativi, utilizzabili nel sistema dell’istruzione - la cui disciplina e di competenza concorrente - per l’eventuale conseguimento di titoli di studio. ` ` ` Nella specie, di tali interferenze non si e tenuto conto e cio determina l’illegittimita costituzionale della norma - ´ per contrasto con gli artt. 117 e 120 Cost. nonche con il principio di leale collaborazione - in primo luogo con riguardo alle parole «non opera quanto previsto dal comma 5. In questa ipotesi» dal momento che siffatta inap- ` plicabilita finisce per rendere inoperante, senza alcun ragionevole motivo, il principio enunciato nel primo pe- riodo del comma 5, secondo cui «la regolamentazione dei profili formativi dell’apprendistato professionalizzan- ` te, e rimessa alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano, d’intesa con le associazioni dei datori e ` prestatori di lavoro comparativamente piu rappresentative sul piano regionale», nel rispetto di criteri e principi ´ direttivi successivamente enunciati, nonche, per l’effetto, della legislazione regionale intervenuta, o che potreb- be intervenire, ai sensi della disposizione citata, come rilevato dalla Regione Lazio, che fa riferimento alla pro- pria legge regionale 10 agosto 2006, n. 9 (Disposizioni in materia di riforma dell’apprendistato). 2362 DIRITTO & PRATICA DEL LAVORO n. 40/2011
  3. 3. so di formazione a tutti gli ap- la legge n. 247/2007 in corso 1 del decreto definisce l’ap-prendisti anche attraverso per- di riattivazione nell’ambito prendistato come «un contrat-corsi di formazione nei luoghi del c.d. collegato lavoro valo- to di lavoro a tempo indeter-di lavoro»; rizzando la formazione azien- minato finalizzato alla forma-`e stato convenuto: dale di tipo formale, la risorsa zione e alla occupazione dei1) di dare un nuovo impulso al- ` della bilateralita, il ruolo dei giovani».l’occupazione giovanile in ap- fondi interprofessionali e la Quattro le tipologie previste,prendistato conferendo, per la- ` tracciabilita sul libretto forma- di cui tre che sostituisconovoratori e imprese, immediata tivo del cittadino; quelle vigenti disciplinate da-certezza al quadro giuridico e ` c) di un quadro piu razionale gli articoli 48, 49 e 50 delistituzionale di riferimento at- ed efficiente dei tirocini for- D.Lgs. n. 276/2003, ed una,traverso una fase di transizione mativi e di orientamento al fi- ` la quarta, e del tutto nuova:di dodici mesi nella quale, in ne di valorizzarne le potenzia- Apprendistato per la quali-attesa della definizione di una ` ` lita in termini di occupabilita e fica e per il diploma profes-revisione e di un definitivo prevenire gli abusi e l’utilizzo sionale: possono essere assun-chiarimento della normativa vi- distorto degli stessi tirocini ti con questa tipologia contrat-gente, le parti concordano: formativi e di orientamento e ` tuale, in tutti i settori di attivitaa) di confermare il quadro di di altre tipologie contrattuali ed anche per l’assolvimento `operativita dell’apprendistato (in particolare le collaborazio- dell’obbligo di istruzione, i Approfondimentiprofessionalizzante, come di- ni coordinate e continuative) soggetti che abbiano compiutosposto dai commi 5 e 5bis del- in concorrenza con il contratto quindici anni e fino al compi-l’articolo 49 del decreto legi- di apprendistato; mento del venticinquesimo an-slativo n. 276 del 2003, con 3) di confermare che, in caso di no di eta;`particolare riferimento alla imprese multi-localizzate, per Apprendistato professiona-funzione surrogatoria dei con- l’attivazione dei contratti di ap- lizzante o contratto di mestie-tratti collettivi nazionali di la- prendistato e per i tirocini for- re: interessa i giovani di eta `voro e degli accordi intercon- mativi e di orientamento trova compresa fra i diciotto ed i `federali la dove la Regione applicazione sul tutto il territo- ventinove anni, in tutti i settorinon abbia regolamentato la rio nazionale la sola regola- ` di attivita, pubblici o privati,materia d’intesa con le asso- mentazione della Regione dove per il conseguimento di unaciazioni dei datori di lavoro e l’impresa ha la propria sede. qualifica professionale a finiprestatori di lavoro comparati- contrattuali; `vamente piu rappresentative Apprendistato di alta for-sul piano regionale; Decreto delegato mazione e di ricerca: i sogget-b) di confermare, per le ipotesi ` ti di eta compresa tra i diciottodi cui al comma 5ter dell’arti- Con il decreto legislativo re- cante il Testo Unico dell’ap- anni e i ventinove anni posso-colo 49 del decreto legislativo no essere assunti in tutti i set-n. 276 del 2003, in materia di prendistato, emanato ai sensi dell’articolo 46, comma 1, let- ` tori di attivita, pubblici o pri-formazione esclusivamente vati, per il conseguimento diaziendale, e alla luce della sen- tera b) della legge 4 novembre 2010, n. 183, il Legislatore ha un diploma di istruzione se-tenza n. 176 del 2010 della condaria superiore, di titoli diCorte costituzionale, le previ- inteso restituire a questa tipo- logia contrattuale la funzione studio universitari e della altasioni contenute nei contratti formazione, compresi i dotto-collettivi e negli accordi inter- di strumento privilegiato per l’accesso al mercato del lavoro rati di ricerca ed il praticantatoconfederali che hanno discipli- per l’accesso alle professioninato l’apprendistato professio- da parte dei giovani, renden- done omogenea la disciplina ordinistiche;nalizzante anche in applicazio- Apprendistato per la riquali-ne di detto comma, che riman- di base sul territorio nazionale ed affidando alla contrattazio- ficazione di lavoratori in mo-gono valide per le Regioni che ` bilita espulsi da processi pro- `non hanno gia provveduto a ne collettiva gli aspetti gestio- nali del rapporto di lavoro. duttivi, ai quali si applicano ledefinire compiutamente la nor- disposizioni in materia di licen-mativa ai sensi dell’articolo Come sottolinea il Ministero del lavoro con la nota diramata ziamenti individuali di cui alla49, commi 5 e 5ter, del citato il 28 luglio 2011 «l’applica- legge n. 694/1966 il regimedecreto legislativo n. 276 del zione uniforme su tutto il terri- contributivo agevolato di cui2003; torio nazionale dell’apprendi- all’articolo 25, comma 9, della2) di avviare un tavolo triparti- stato viene garantita attraverso legge n. 223/1991, e l’incenti-to per la definizione: una piena valorizzazione della vo di cui all’articolo 8, commaa) di una mappatura condivisadella normativa concretamente contrattazione collettiva nazio- 4, della medesima legge.applicabile Regione per Re- ` nale di settore, a cui fara se-gione, settore per settore; guito il graduale e completo Principi generalib) delle linee guida condivise superamento delle attuali rego-per la riforma dell’apprendi- lamentazioni di livello regio- A fronte del consolidamentostato professionalizzante se- nale». del ruolo della contrattazionecondo la delega contenuta nel- ` ` Come gia si e detto, l’articolo collettiva, come risulta dalla DIRITTO PRATICA DEL LAVORO n. 40/2011 2363
  4. 4. sopra riportata Intesa del 27 corso di formazione, esterna e Natura ottobre 2010, il Testo Unico interna alla impresa, della qua- dell’apprendistato stabilisce lifica professionale ai fini con- del contratto una disciplina generale dell’i- trattuali e delle competenze Con l’emanazione del Testo stituto, valida sia per il settore acquisite ai fini del prosegui- Unico in commento, il contrat- pubblico che per quello priva- mento degli studi nonche nei ´ ` to di apprendistato e per defi- to, che la contrattazione collet- percorsi di istruzione degli nizione un contratto a tempo ` tiva dovra, comunque, rispet- adulti; indeterminato. tare, pur con le specifiche esi- g) registrazione della forma- ` Gia con l’interpello n. 79 del genze di categoria o territoria- zione effettuata e della qualifi- 12 novembre 2009 il Ministe- li. Pertanto, anche se la disci- ca professionale a fini contrat- ro del lavoro ha ritenuto che, plina del contratto di apprendi- tuali eventualmente acquisita pur nel previgente regime di ` stato e rimessa ad appositi ac- nel libretto formativo del citta- cui al D.Lgs. n. 276/2003: cordi interconfederali ovvero dino di cui all’articolo 2, com- ai contratti collettivi di lavoro ma 1, lett. i), del decreto legi- «appare possibile ritenere stipulati a livello nazionale da slativo 10 settembre 2003, n. l’apprendistato quale con- associazioni dei datori e pre- 276; tratto di lavoro a tempo statori di lavoro comparativa- ` h) possibilita di prolungare il indeterminato, dal quale il ` mente piu rappresentative sul periodo di apprendistato in ca- ` datore di lavoro puo rece-Approfondimenti piano nazionale, dovranno es- so di malattia, infortunio o al- dere solo per giusta causa sere rispettati i seguenti princi- tra causa di sospensione invo- o giustificato motivo, an- pi indicati dall’articolo 2, lontaria del rapporto, superiore che anteriormente alla sca- comma 1, del T.U. in esame: a trenta giorni, secondo quanto denza del termine per il a) forma scritta del contratto, previsto dai contratti collettivi; compimento dell’addestra- del patto di prova e del relati- ` i) possibilita di forme e moda- mento, senza incorrere vo piano formativo individua- ` lita per la conferma in servi- negli obblighi risarcitori ca- le da definire, anche sulla base zio, senza nuovi o maggiori ratteristici del recesso ante di moduli e formulari stabiliti oneri per la finanza pubblica, tempus previsti per il con- dalla contrattazione collettiva al termine del percorso forma- tratto a tempo determina- o dagli enti bilaterali, entro tivo, al fine di ulteriori assun- to. Non costituisce, tutta- trenta giorni dalla stipulazione zioni in apprendistato, fermo via, legittima causa di licen- del contratto; restando quanto previsto dal ziamento il mancato supe- b) divieto di retribuzione a comma 3 del presente articolo; ramento della c.d. prova cottimo; l) divieto per le parti di recede- d’arte, prima della scaden- ` c) possibilita di inquadrare il re dal contratto durante il pe- za del termine previsto lavoratore fino a due livelli in- riodo di formazione in assenza per l’apprendistato, doven- feriori rispetto alla categoria di una giusta causa o di un do proseguire il rapporto, spettante, in applicazione del giustificato motivo. In caso di sotto il profilo causale del- contratto collettivo nazionale licenziamento privo di giustifi- l’addestramento teorico- di lavoro, ai lavoratori addetti cazione trovano applicazione pratico, fino al termine sta- a mansioni o funzioni che ri- le sanzioni previste dalla nor- bilito». chiedono qualificazioni corri- mativa vigente; spondenti a quelle al consegui- ` m) possibilita per le parti di re- ` mento delle quali e finalizzato cedere dal contratto con preav- ` E confermato che le parti non il contratto ovvero, in alterna- viso decorrente dal termine del possono recedere dal contratto tiva, di stabilire la retribuzione periodo di formazione ai sensi durante il periodo di formazio- dell’apprendista in misura per- di quanto disposto dall’artico- ne in assenza di una giusta centuale e in modo graduale lo 2118 del codice civile. Se causa o di un giustificato moti- ` alla anzianita di servizio; nessuna delle parti esercita la vo. In caso di licenziamento d) presenza di un tutore o refe- ` facolta di recesso al termine privo di giustificazione trova- rente aziendale; del periodo di formazione, il no applicazione le sanzioni ` e) possibilita di finanziare i rapporto prosegue come ordi- previste dalla normativa vi- percorsi formativi aziendali nario rapporto di lavoro subor- ` gente. Il recesso e possibile al degli apprendisti per il tramite dinato a tempo indeterminato. termine del periodo di appren- dei fondi paritetici interprofes- Per ogni violazione delle di- distato. In tal caso la parte che sionali di cui all’articolo 118 sposizioni contrattuali colletti- intende recedere deve dare re- della legge 23 dicembre ve attuative dei principi di golare preavviso, decorrente 2000, n. 388 e all’articolo 12 cui alle sopra riportate lettere dal termine del periodo di for- del decreto legislativo 10 set- a), b), c) e d), il datore di lavo- mazione ai sensi di quanto di- tembre 2003, n. 276 e succes- ` ro e punito con la sanzione sposto dall’articolo 2118 del sive modificazioni anche attra- amministrativa pecuniaria da codice civile. Se nessuna delle verso accordi con le Regioni; 100 a 600 euro. In caso di re- ` parti esercita la facolta di re- ` f) possibilita del riconosci- cidiva la sanzione amministra- cesso al termine del periodo mento, sulla base dei risultati tiva pecuniaria varia da 300 a di formazione, il rapporto pro- conseguiti all’interno del per- 1.500 euro. segue come ordinario rapporto 2364 DIRITTO PRATICA DEL LAVORO n. 40/2011
  5. 5. di lavoro subordinato a tempo re la disposizione innanzi cita- un ‘‘utile di cottimo’’ a lavora-indeterminato. ta, il nodo interpretativo da tori assunti con contratto di sciogliere attiene all’ammissi- apprendistato, previsto nel ci- ` bilita di un cumulo tra il regi- tato Ccnl 19 gennaio 2006,Forma me del c.d. sottoinquadramen- non sembrano sussistere per-del contratto to e quello della percentualiz- ` ` plessita sulla compatibilita di zazione della retribuzione in tale emolumento con la previ-Il contratto di apprendistato ` base all’anzianita di servizio. sione di cui all’art. 49, commadeve essere stipulato per iscrit- Si tratta, in altri termini, di sta- 4, lett. b), del D.Lgs. n. 276/ `to, cosı come per iscritto deve ` bilire se, in virtu del predetto 2003 qualora - come sottoli-essere formulato il patto di procedimento di percentualiz- neato dall’interpellante - loprova ed il piano formativo in- zazione, sia ipotizzabile una ´ stesso sia pressoche totalmentedividuale. Quest’ultimo deve retribuzione inferiore a quella sganciato dal ‘‘risultato pro-essere redatto entro 30 giorni derivante dal sistema del sot- duttivo’’ del lavoratore, costi-dalla stipulazione del contrat- toinquadramento. Al quesito tuendo viceversa una voce re-to, anche utilizzando moduli deve essere data risposta nega- tributiva fissa. Va infatti chia-e formulari stabiliti dalla con- tiva. Il rapporto tra le norme in rito che la ratio della previsio-trattazione collettiva o dagli questione deve, invero, essere ne contenuta nel D.Lgs. n.enti bilaterali. Anche a seguito interpretato in termini non gia ` 276/2003 - peraltro del tuttodella nuova previsione la for- Approfondimenti ` ` di cumulativita bensı di alter- analoga a quella riportata nel-ma scritta sembra essere requi- ` nativita. l’art. 11, lett. f), della leggesito sostanziale, la cui man- Conseguentemente, alla luce ` n. 25/1955 - e di evitare checanza oltre ad avere conse- del generale principio del fa- l’apprendista possa subire unguenze per la qualificazione vor prestatoris, si ritiene di pregiudizio dall’applicazione `del rapporto di lavoro e, altre- poter concludere per l’applica- di una retribuzione commisu- `sı, espressamente sanzionata. zione della norma di cui al ci- rata al risultato, proprio in ra- tato art. 53, comma 1, del gione della minore capacita ` D.Lgs. n. 276/2003, salvo produttiva dovuta evidente-Trattamento che, beninteso, dall’applica- mente ad una minore esperien-normativo, zione della procedura di per- za di lavoro».economico centualizzazione derivi, in Quanto all’obbligo di forma-e previdenziale concreto, un trattamento piu ` zione, i datori di lavoro con favorevole per il prestatore». ` sedi in piu Regioni, possono `L’apprendista potra essere in- Permane il divieto di retribuire fare riferimento al percorsoquadrato fino a due livelli in- l’apprendista a cottimo, come formativo della Regione oveferiori rispetto alla categoria ` gia previsto dalla precedente ` e ubicata la sede legale, cosı `spettante, in applicazione del normativa. Appare utile segna- ` come e possibile accentrare lecontratto collettivo nazionale lare a questo proposito che ri- comunicazioni obbligatoriedi lavoro, ai lavoratori addetti spondendo, l’8 febbraio 2007, presso i servizi competentia mansioni o funzioni che ri- all’interpello avanzato da Fe- con riferimento a detta sede.chiedono qualificazioni corri- dermeccanica, in merito a tale ` Agli apprendisti e garantita laspondenti a quelle al consegui- divieto di stabilire tariffe di tutela previdenziale ed assi- `mento delle quali e finalizzato cottimo, la Direzione generale stenziale, vale a dire l’assicu-il contratto. In alternativa, il dei servizi ispettivi del Mini- razione contro gli infortuni `Ccnl puo stabilire la retribu- stero del lavoro ha ritenuto sul lavoro e le malattie profes-zione dell’apprendista in misu- che «Va preliminarmente ri- ` sionali, le malattie, l’invaliditara percentuale e in modo gra- cordato che l’obbligo ‘‘di non ` e la vecchiaia, la maternita ed `duale alla anzianita di servizio. adibire l’apprendista a lavori il diritto all’assegno familiare.Superando i dubbi derivanti di manovalanza e di produzio- Nelle more della riforma deglidalla coesistenza, nel prece- ne in serie’’, contenuto nel- incentivi all’occupazione, re-dente regime giuridico, di nor- l’art. 11, lett. l), legge n. 25/ stano fermi gli attuali beneficime che consentivano diverse ` 1955, e stato abrogato dall’art. contributivi, che sono mante- `modalita di retribuzione viene 20, D.Lgs. n. 251/2004, cosic- nuti per un anno dalla prosecu-ora espressamente prevista ´ che risulta in linea con l’attua- zione del rapporto di lavoro al `l’alternativita del sottoinqua- le quadro ordinamentale la termine del periodo di forma-dramento rispetto alla percen- previsione di rapporti di ap- zione, con esclusione dei lavo-tualizzazione, ` alternativita prendistato per le ‘‘figure pro- ratori assunti ai sensi del com- `che, peraltro, era stata gia indi- fessionali addette a produzioni ma 4 dell’articolo 7 (lavoratoricata dal Ministero del lavoro in serie svolte su linee a catena ` in mobilita).con l’interpello n. 28 del 1º ot- o di montaggio semplice’’, Fatte salve specifiche previsio-tobre 2007: contenuta nel citato Contratto ni di legge o di contratto col-«tenuto conto della circostanza per l’Industria Metalmeccani- lettivo, i lavoratori assuntiche la circolare n. 40/2004 di ca e l’Installazione di Impian- con contratto di apprendistatoquesto Ministero ha espressa- ti. Quanto alla problematica sono esclusi dal computo deimente ritenuto ancora in vigo- relativa alla corresponsione di limiti numerici previsti da leg- DIRITTO PRATICA DEL LAVORO n. 40/2011 2365
  6. 6. gi e contratti collettivi per presenti in azienda lavoratori ` prendistato gia in essere, con l’applicazione di particolari in possesso di tale requisito). l’entrata in vigore del presente normative e istituti. Il numero decreto sono espressamente complessivo di apprendisti abrogati: ` che un datore di lavoro puo as- Riconoscimento la legge 19 gennaio 1955, n. sumere con contratto di ap- della qualifica 25; prendistato, direttamente o in- gli articoli 21 e 22 della leg- direttamente tramite contratto Al termine del percorso di for- ge 28 febbraio 1987, n. 56; di somministrazione, non puo ` mazione, esterna e interna al- l’articolo 16 della legge 24 superare il 100 per cento delle l’impresa, la qualifica profes- giugno 1997, n. 196; maestranze specializzate e ` sionale puo essere riconosciu- gli articoli da 47 a 53 del de- qualificate in servizio presso ta, ai fini contrattuali e delle creto legislativo 10 settembre il datore di lavoro stesso. Il da- competenze acquisite ai fini 2003, n. 276. tore di lavoro che non abbia del proseguimento degli studi alle proprie dipendenze lavo- ´ nonche nei percorsi di istru- ratori qualificati o specializza- zione degli adulti. La forma- Apprendistato zione effettuata e la qualifica ti, o che comunque ne abbia in professionale eventualmente per la qualifica ` numero inferiore a tre, puo as- e per il diploma sumere apprendisti in numero riconosciuta deve essere regi- strata nel libretto formativo professionaleApprofondimenti non superiore a tre. Queste di- sposizioni non si applicano al- del cittadino di cui all’articolo 2, comma 1, lett. i), del decre- L’articolo 3 del T.U. prevede le imprese artigiane per le qua- che possano essere assunti li trovano applicazione le di- to legislativo 10 settembre 2003, n. 276. Sulla base dei si- con contratto di apprendistato sposizioni di cui all’articolo 4 per la qualifica e per il diplo- della legge 8 agosto 1985, n. stemi di classificazione del personale contenuti nei con- ma professionale, in tutti i set- 443. ` tori di attivita, ragazzi e giova- tratti collettivi di lavoro sara ` istituito il repertorio delle pro- ` ni di eta compresa fra i quindi- ` fessioni che costituira, a sua ci ed i venticinque anni di eta.` Tutor ` Il contratto puo essere utilizza- volta, la base per la certifica- ` E confermata la presenza di zione delle competenze acqui- to anche per l’assolvimento un tutore o referente azienda- site dall’apprendista. dell’obbligo di istruzione. A le, con il compito di affiancare Peraltro, l’articolo 2, lettera i) tal proposito la legge non sta- l’apprendista, di trasmettergli prevede che gli accordi o con- bilisce la durata di questa tipo- le competenze necessarie allo tratti collettivi possano identi- logia contrattuale, in quanto la ` svolgimento dell’attivita lavo- ` ficare forme e modalita per la ` stessa e determinata in consi- rativa e di favorire l’integra- conferma in servizio al termi- derazione della qualifica o zione tra le iniziative formati- ne del percorso formativo, al del diploma da conseguire. In ve esterne all’azienda e la for- fine di ulteriori assunzioni in ` ogni caso, pero, la durata non mazione sul luogo di lavoro, apprendistato, fermi restando ` puo essere superiore, per la come dispone il D.M. 28 feb- il rispetto dei limiti numerici sua componente formativa, a braio 2000. In base alle norme aziendali e a condizione che tre anni ovvero quattro nel ca- vigenti, le funzioni di tutore ` dette modalita non comportino so di diploma quadriennale re- possono essere svolte da un nuovi o maggiori oneri per la gionale. La regolamentazione lavoratore qualificato designa- finanza pubblica. ` dei profiliformativi e rimessa to dall’impresa ovvero, nelle alle regioni e alle province imprese con meno di 15 di- autonome di Trento e Bolza- pendenti e nelle imprese arti- Proroga no, previo accordo in Confe- giane, dal titolare dell’impre- del contratto renza permanente per i rappor- sa, da un socio della stessa o ti tra lo Stato, le Regioni e le da un familiare coadiuvante. Superando le interpretazioni Province Autonome di Trento Il lavoratore designato dal- dottrinali e giurisprudenziali, e di Bolzano, e sentite le asso- l’impresa per le funzioni di tu- viene espressamente previsto ciazioni dei datori di lavoro e tore deve: che il periodo di apprendistato dei prestatori di lavoro compa- – possedere un livello di in- possa essere prolungato in ca- ` rativamente piu rappresentati- quadramento contrattuale pari so di malattia, infortunio o al- ve sul piano nazionale. I profi- o superiore a quello che l’ap- tra causa di sospensione invo- li formativi devono, pero, in ` ` prendista conseguira al termi- lontaria del rapporto, superiore ogni caso rispettare i seguenti ne dell’apprendistato; a trenta giorni, secondo quanto criteri e principi direttivi: ` – svolgere attivita lavorative previsto dai contratti collettivi. a) definizione della qualifica o coerenti con quelle dell’ap- diploma professionale ai sensi prendista; Norme abrogate del decreto legislativo 17 otto- – possedere almeno tre anni bre 2005, n. 226; di esperienza lavorativa (tran- Ferma restando la disciplina di b) previsione di un monte ore ne nel caso in cui non siano regolazione dei contratti di ap- di formazione, esterna od in- 2366 DIRITTO PRATICA DEL LAVORO n. 40/2011
  7. 7. terna alla azienda, congruo al tivi determineranno anche la Apprendistatoconseguimento della qualifica durata del contratto che, pero del diploma professionale la sua componente formativa, di alta formazionein funzione di quanto stabilito ` non puo comunque essere su- e di ricercaal comma 1 e secondo stan- periore a tre anni ovvero cin- L’articolo 5 T.U. sostituisce ladard minimi formativi definiti que per le figure professionali previsione dell’articolo 49 delai sensi del decreto legislativo dell’artigianato individuate D.Lgs. n. 276/2003 ed estende17 ottobre 2005, n. 226; dalla contrattazione collettiva l’apprendistato di alta forma-c) rinvio ai contratti collettivi di riferimento. Accordi e con- ` zione a tutti i settori di attivita,di lavoro stipulati a livello tratti collettivi potranno anche pubblici o privati, compresonazionale, territoriale o azien- fissare una durata minima del quindi gli studi professionalidale da associazioni dei datori contratto, contrariamente a precedentemente esclusi. Ile prestatori di lavoro compa- quanto avviene ora. ` contratto e volto al consegui- `rativamente piu rappresentati- La formazione finalizzata alla mento di un diploma di istru-ve per la determinazione, an- acquisizione di competenze di zione secondaria superiore, diche all’interno degli enti bila- ` base e trasversali e disciplinata titoli di studio universitari e `terali, delle modalita di ero- dalle Regioni, sentite le parti della alta formazione, compre-gazione della formazione sociali e tenuto conto dell’eta,` si i dottorati di ricerca, per laaziendale nel rispetto degli del titolo di studio e delle specializzazione tecnica supe- Approfondimentistandard generali fissati dalle competenze dell’apprendista, riore di cui all’articolo 69 dellaregioni. per un monte ore complessivo legge 17 maggio 1999, n. 144, non superiore a centoventi ore con particolare riferimento ai per la durata del triennio, nei diplomi relativi ai percorsi diApprendistato limiti delle risorse annualmen- specializzazione tecnologicaprofessionalizzante te disponibili, dall’offerta for- degli istituti tecnici superiorio contratto mativa pubblica, interna o di cui all’articolo 7 del esterna all’azienda. Questa ti- D.P.C.M. 25 gennaio 2008,di mestiere pologia di formazione va ad ´ nonche per il praticantato perLe nuove previsioni dell’arti- integrare quella di tipo profes- l’accesso alle professioni ordi-colo 4 del Testo Unico sosti- sionalizzante e di mestiere, nistiche o per esperienze pro-tuiscono le disposizioni del- svolta sotto la responsabilita ` fessionali.l’articolo 49 del D.Lgs. n. della azienda. Possono essere assunti con276/2003 relative all’appren- Giova rammentare che le com- ` questa modalita i soggetti didistato professionalizzante, la petenze trasversali sono quelle ` eta compresa tra i diciotto anni `forma piu utilizzata di appren- che qualunque lavoratore deve e i ventinove anni. Per soggettidistato. possedere, qualunque sia il in possesso di una qualificaSecondo le nuove disposizio- settore in cui presta la sua ope- professionale conseguita aini, possono essere assunti con ra e che il decreto ministeriale sensi del decreto legislativo `queste modalita, in tutti i setto- n. 179 del 20 maggio 1999 ha 17 ottobre 2005, n. 226, il `ri di attivita, pubblici o privati, stabilito il dettaglio dei conte- contratto di apprendistato di `i soggetti di eta compresa tra i nuti trasversali. Per quanto ri- ` alta formazione puo essere sti-diciotto anni e i ventinove an- guarda il precedente regime pulato a partire dal diciassette-ni. Per i soggetti in possesso di dell’apprendistato, la legge n. simo anno di eta. `una qualifica professionale, 196/1997 stabilisce che a que- Per i soli profili che attengonoconseguita ai sensi del decreto sto tipo di contenuti non possa alla formazione sono le Regio-legislativo 17 ottobre 2005, n. essere riservato meno del 35% ni, in accordo con le associa- `226, il contratto puo essere sti- del monte ore complessivo, zioni territoriali dei datori dipulato a partire dal diciassette- mentre il D.Lgs. n. 276/2003 lavoro e dei prestatori di lavo-simo anno di eta. ` riserva alla formazione di tipo ro comparativamente piu rap- `Sono gli accordi interconfede- trasversale 44 ore per ogni an- presentative sul piano naziona-rali e i contratti collettivi a do- ` nualita. ` le, le universita, gli istituti tec-ver stabilire, in ragione dell’e- Il comma 5 dell’articolo 4 sta- nici e professionali e altre isti- `ta dell’apprendista e del tipo di bilisce che in caso di attivita ` tuzioni formative o di ricerca,qualificazione contrattuale da aziendale svolta secondo cicli a stabilire la regolamentazioneconseguire, la durata e le mo- stagionali, i contratti collettivi e la durata del periodo di ap- `dalita di erogazione della for- di lavoro stipulati a livello na- prendistato necessario per lemazione per l’acquisizione zionale da associazioni dei da- ` finalita che questa tipologiadelle competenze tecnico-pro- tori e prestatori di lavoro com- contrattuale si propone.fessionali e specialistiche in ` parativamente piu rappresenta- In assenza di regolamentazionifunzione dei profili professio- tive sul piano nazionale posso- regionali l’attivazione dell’ap-nali stabiliti nei sistemi di clas- no prevedere specifiche moda- prendistato di alta formazionesificazione e inquadramento ` lita di svolgimento del contrat- ` o ricerca e rimessa ad appositedel personale. to di apprendistato, anche a convenzioni stipulate dai sin-Gli accordi e i contratti collet- tempo determinato. goli datori di lavoro o dalle lo- DIRITTO PRATICA DEL LAVORO n. 40/2011 2367
  8. 8. ro associazioni con le Univer- sizione di competenze di base certamenti in materia di lavoro ` sita, gli istituti tecnici e profes- e trasversali da parte dell’ap- e previdenza nei modi e nelle sionali e le istituzioni formati- prendista. forme di cui all’articolo 13 ve o di ricerca di cui al comma del decreto legislativo 23 apri- che precede, senza nuovi o le 2004, n. 124, come sostitui- maggiori oneri a carico della Regime to dall’articolo 33 della legge finanza pubblica. sanzionatorio 4 novembre 2010, n. 183. ` Autorita competente a ricevere Le nuove diposizioni confer- il rapporto ai sensi dell’artico- Apprendistato mano che, in caso di inadem- lo 17 della legge 24 novembre per i lavoratori pimento nella erogazione della ` 1981, n. 689 e la Direzione del formazione di cui sia esclusi- lavoro territorialmente compe- ` in mobilita vamente responsabile il datore tente. Il comma 4 dell’articolo 7 in- di lavoro e che sia tale da im- troduce una forma del tutto pedire la realizzazione delle fi- nuova di apprendistato e con- ` nalita di cui agli articoli 3, 4 e sente che, ai fini della loro ` 5, il datore di lavoro e tenuto a qualificazione o riqualifica- versare la differenza tra la con- zione professionale, possano tribuzione versata e quella do-Approfondimenti essere assunti in apprendistato vuta con riferimento al livello ` i lavoratori in mobilita. Per es- di inquadramento contrattuale si trovano applicazione, in de- superiore che sarebbe stato roga alle previsioni relative al- raggiunto dal lavoratore al ter- la possibile reiterazione di cui mine del periodo di apprendi- alla lettera i) dell’articolo 2 stato, maggiorata del 100 per dello stesso T.U., le disposi- cento, con esclusione di qual- zioni in materia di licenzia- siasi altra sanzione per omessa ` contribuzione. E da annotare menti individuali di cui alla legge 15 luglio 1966, n. 604. ` che non e, qui, richiamato Nei loro confronti si applica l’apprendistato di cui al com- il regime contributivo agevo- ma 4 dell’articolo 7 (lavoratori lato di cui all’articolo 25, ` in mobilita). ` E introdotta l’applicazione comma 9, della legge 23 lu- glio 1991, n. 223 e l’incentivo della «disposizione» ispettiva. di cui all’articolo 8, comma 4, Pertanto, qualora a seguito di della medesima legge. Non si ` attivita di vigilanza sul con- applica a questa fattispecie tratto di apprendistato in corso l’ulteriore beneficio contribu- di esecuzione emerga un ina- tivo di un anno dopo la con- dempimento nella erogazione ferma del lavoratore in azien- della formazione prevista nel da al termine del contratto di piano formativo individuale, apprendistato. il personale ispettivo del Mini- stero del lavoro e delle politi- ` che sociali adottera un provve- Regime transitorio dimento di disposizione, ai sensi dell’articolo 14 del de- Per le Regioni e i settori ove la creto legislativo 23 aprile disciplina di cui al nuovo Te- 2004, n. 124, assegnando un sto Unico non sia immediata- congruo termine al datore di mente operativa, trovano ap- lavoro per adempiere. plicazione, in via transitoria e Per ogni violazione delle di- non oltre sei mesi dalla data sposizioni contrattuali colletti- di entrata in vigore del decreto ve attuative dei principi di legislativo in esame, le regola- cui all’articolo 2, comma 1, zioni vigenti. In assenza della lettere a), b), c) e d), il datore offerta formativa pubblica di ` di lavoro e punito con la san- cui all’articolo 4, comma 3, zione amministrativa pecunia- del T.U. trovano immediata ria da 100 a 600 euro. In caso applicazione le regolazioni di recidiva la sanzione ammi- contrattuali vigenti. Come si nistrativa pecuniaria varia da ` vedra in prosieguo, il richia- 300 a 1.500 euro. Alla conte- mato comma 3 dell’articolo 4 stazione delle sanzioni ammi- disciplina l’offerta formativa nistrative di cui al presente pubblica, interna o esterna alla comma provvedono gli organi azienda, finalizzata alla acqui- di vigilanza che effettuano ac- 2368 DIRITTO PRATICA DEL LAVORO n. 40/2011

×