Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

JECATT - Our Common Future

1,803 views

Published on

Le slide con cui Giuseppe Giaccardi ha introdotto il primo workshop di auto-analisi su "valori, trasformazioni e ascolto" presso la JECATT di Milano

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

JECATT - Our Common Future

  1. 1. OUR COMMON FUTURE Workshop di auto-analisi strategica Giuseppe Giaccardi Consulente di strategia, organizzazione e web economy CEO Studio Giaccardi & Associati www.giaccardiassociati.it Milano, Università Cattolica, 2 dicembre 2017
  2. 2. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 2 Chi sono Giuseppe Giaccardi Consulente di strategia, organizzazione e web economy Founder e CEO Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione Alta formazione in progettazione, pianificazione, marketing industriale, culturale e dei servizi. Lavoratore autonomo dal 1985. Mi occupo di strategia d’impresa e ricerca economica dal 1990. Di turismo alberghiero e poi di destinazioni turistiche e sistemi territoriali dal 1994. Nel 1999 ho fondato lo Studio Giaccardi & Associati - Consulenti di Direzione. Da allora abbiamo realizzato oltre 190 piani di ricerca a sostegno di altrettanti progetti di sviluppo per territori e imprese del manifatturiero, dei servizi e del turismo. Dal 2003 ci occupiamo di digitale e web economy. Nel turismo in particolare abbiamo realizzato interventi di innovazione, programmazione e pianificazione con clienti pubblici e privati nelle Regioni Emilia-Romagna, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Toscana e all’estero in PACA (F) e Catalogna (E). Dal 2015 svolgo incarichi di docenza in Tourism Innovation nel Corso di Marketing Strategico dell’Universitè Paris Ouest, Nanterre (F), e dal 2017 nei Master in Turismo Culturale e in Turismo Enogastronomico dell’Università di Bologna. www.giaccardiassociati.it g.giaccardi@giaccardiassociati.it | + 39 335 7368151
  3. 3. Di che cosa parliamo oggi? © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 3 Di valori, trasformazioni, ascolto. E soprattutto di voi. Non sono qui per indicarvi una strada ‘top down’ ma per avviare un processo ‘bottom-up’ nel quale sarete voi stessi a trovare la vostra strada da classe dirigente.
  4. 4. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 4 VALORI
  5. 5. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 5 VALORI
  6. 6. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 6 “My purpose here is to recruit you to be part of the solution to the climate crisis. You can have a bigger impact than practically any other group in the entire world.” 30 anni dopo Commissione Brundtland Lisbona 2017 VALORI
  7. 7. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 7 L’Europa che vogliamo VALORI
  8. 8. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 8 Don’t ever forget! Conoscete questa storia? VALORI
  9. 9. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 9 Siamo (stati) tutti migranti! VALORI
  10. 10. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 10 Cambio di orizzonte VALORI
  11. 11. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 11 E’ casa nostra, occupiamocene! VALORI
  12. 12. Keyword=valori di futuro © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 12 Sostenibilità Tecnologia Europa Disarmo Accoglienza Orizzonte Clima
  13. 13. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 13 Quale volete che sia il vostro futuro?
  14. 14. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 14 10 grandi trasformazioni in cui siamo immersi TRASFORMAZIONI
  15. 15. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 15 Credito e finanza Telecomunicazioni Trasporti Sanità Istruzione Cultura Spettacolo Turismo Attività private di pubblico interesse Pubblici servizi in genere, Etc. gestiscono grandi dataset con enormi moli di informazioni che oggi, mediante apposite convenzioni e sw, possiamo attingere, consultare, classificare, orientare, interpretare e da qui generare nuovi servizi, monitoraggi o analisi predittive molto efficienti. Una gigantesca opportunità di innovazione cognitiva e sociale. Nascono nuove figure professionali basate sull’ICT - data scientist, data researcher, data analyst, etc. - ma necessariamente arricchite e integrate da sociologia, statistica, economia, medicina, logistica, turismo, comunicazione, arte, semiotica, semantica, editoria etc. E’ la cosiddetta fisica delle relazioni sociali – ottimamente raccontata da Alex Pentland, uno dei suoi protagonisti, nell’omonimo libro – che ci permette di descrivere, immaginare, misurare e governare idee e comportamenti e i loro effetti o combinazioni nelle relazioni collettive che muovono l’energia umana del pianeta. 1. Big Open Data TRASFORMAZIONI
  16. 16. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 16 Gli oggetti, proprio grazie ai big open data e alla miniaturizzazione dei dispositivi ICT e mobile, parlano tra loro e possono risolvere esigenze e problemi al nostro posto o in nostra assenza: un frigo può ordinare il latte prima che sia finito, uno smartphone può comprare un biglietto di aereo o di uno spettacolo anche con un ordine vocale, un chirurgo può operare a distanza, un’aspirapolvere può tenerci pulita l’abitazione quando siamo al lavoro, un’auto può portarci a destinazione senza che noi la guidiamo, un sistema di sensori previene gli incendi di un bosco, un sistema 3D può fabbricare pressoché qualunque oggetto anche con materiali poveri e a distanza, etc. 2. Internet delle cose (IoT) TRASFORMAZIONI
  17. 17. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 17 Quando usiamo Facebook o Google avete mai visto una finestrella sul vostro smartphone che vi suggerisce «se attivi il wi-fi i servizi sono migliori»? Se attiviamo il wi-fi un satellite ci geo-referenzia, riconosce cioè dove siamo e cosa stiamo facendo, e il network al quale siamo collegati, in base al suo algoritmo di lavoro, registra che cosa cerchiamo e come operiamo ed è in grado di assisterci con informazioni, servizi, indicazioni, etc., prodotte dalla nostra e altrui esperienza. Via via che viaggiamo e che viviamo geo-referenziati generiamo mappe tramite le quali è possibile leggere e misurare comportamenti e bisogni di «n» persone come noi che fanno cose uguali e simili. Mappe agronomiche per gestire stagioni, clima ed emergenze. Mappe di traffico per migliorare la mobilità, ridurre gli incidenti, etc. Mappe di consumo per efficientare la distribuzione di beni e servizi. Mappe di comportamenti turistici e culturali per innovare l’offerta di servizi, gestire i picchi di flussi di incoming e aumentare la sicurezza delle persone. Etc. Ma anche mappe di marketing in base alle quali ri-progettare il nostro marketing mix così meglio orientato a soddisfare le aspettative dei clienti. 3. Paesaggio geo-robotico TRASFORMAZIONI
  18. 18. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 18 ENZIMOLOGIA MOLECOLARE (un caso) «Allo scopo di chiarire processi biologici e la loro regolazione, ed utilizzare tali conoscenze in campo biomedico e biotecnologico, applichiamo metodi cinetici, spettroscopici, strutturali e dell’ingegneria proteica alla comprensione del meccanismo di azione e regolazione di alcune proteine e enzimi particolarmente interessanti, tra cui flavoenzimi ad attività ossidoriduttiva.» Genomica e big data Siamo alle soglie di una medicina personalizzata, di terapie one-to-one in grado di debellare patologie cliniche e degenerative molto gravi e di aiutarci a modificare i comportamenti sociali, individuali e collettivi spesso concausa di quelle malattie. Sarà possibile migliorare la resa medica mentre migliorerà la prospettiva di vita, si riduranno i costi delle prestazioni sanitarie standard liberando intelligenze e risorse per le nuove scienze della vita. 4. Bioscience TRASFORMAZIONI
  19. 19. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 19 Avrete sentito parlare di industria 4.0? Di welfare 4.0? Di medicina 4.0? Di turismo 4.0? Di cultura 4.0? E di umanoidi intelligenti? Sono sistemi digitali integrati di grandi moli di conoscenze culturali, economiche, sociali e ambientali che vengono erogati da macchine anche bioformi in grado di pensare quasi come un umano e di interagire con l’ambiente per le quali sono state costruire e nel quale vengono collocate. Nel corso dei prossimi 10-15 anni vivremo la più grande trasformazione dei modelli di vita e lavoro ai quali siamo abituati. Badanti, commercialisti, disegnatori tecnici, piloti, autisti, guide, guardie, lavoratori di settori pericolosi e usuranti, ietc. verranno affiancati o in alcuni casi più gravosi e costosi sostituiti da robot umanoidi. Dobbiamo anticipare gli effetti e le interconnessioni di questo cambiamento per generare nuove soluzioni cognitive, nuovi modelli sociali e comportamentali. 5. Intelligenza artificiale TRASFORMAZIONI
  20. 20. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 20 Non si tratta di «monetica» né di pagamenti online né di semplice denaro virtuale. E’ un vero e proprio conio digitale dal basso basato su un sistema di algoritmi, una currency condivisa online non amministrata da nessuna banca centrale ma protetta da «una catena di blocco» che la rende inviolabile oppure modificabile solo dai legittimi proprietari codificati. Il suo valore è dato dall’uso, dalle connessioni, dalla sicurezza e dagli scambi. E’ più stabile di qualunque altra valuta, è disponibile online ovunque, potremo pagarci qualunque cosa. E’ la messa in discussione del mezzo portatile di scambio che da secoli accompagna cultura e pratiche mercantili dell’umanità nei cinque continenti. 6. Bitcoin e blockchain TRASFORMAZIONI
  21. 21. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 21 Competenze digitali, contenuti digitali, strumenti digitali, imprese digitali, persone iperconnesse mobile, cittadini digitali, smart city e smart land. Nell’insieme è smart living. E’ la nuova dimensione in cui già agiamo e siamo immersi, è nello smart living che le imprese culturali e creative devono rielaborare e ricollocare missione, passione, competenze, investimenti, organizzazione, marketing mix, sistemi di relazione, comunicazione e customer caring. E’ più disruptive dell’avvento della ruota, o della energia a vapore nella prima rivoluzione industriale, o della trazione a motore che sostituì quella animale, più invasiva e diffusa dell’office automation e dei social network. E’ il presente futuro della Generazione Y che vive già tra noi. Come dire «la domanda corre e l’offerta (la nostra) rincorre». 7. Smart living TRASFORMAZIONI
  22. 22. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 22 Avrete sentito parlare di hackeraggio, di furti di dati e informazioni, di privacy e privacy violata, di firewall, di backend e sistemi di protezione dati, di copyright violati, etc.? Dati e informazioni hanno assunto un crescente valore di scambio, ma anche di offesa, di ricatto, di condizionamento e di arricchimento lecito o illegale. Ricordate inoltre la vicenda del funzionario dello staff della Clinton che mandava mail porno alle proprie amanti e che è stato intercettato da hacker di varia natura? Tutto ciò evidenzia e sottolinea un apparente ossimoro declinato dal rapporto tra tutela e protezione delle informazioni da un lato e libertà della persona dall’altro. Oggi la cybersecurity è un’industria gigantesca che assorbe e produce miliardi di dollari seconda solo alle grandi economie fordiste tradizionali. Software, device e sistemi sono indispensabili per mantenere e migliorare i modelli di convivenza in un mondo iperconnesso. Nessuno individuo e nessuna organizzazione ne è esente. Anche nell’universo della cultura si gioca una partita gigantesca per rigenerare patrimoni e patrimonio culturale. 8. Cybersicurezza TRASFORMAZIONI
  23. 23. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 23 Guerra dei codici informatici e codici di guerra sono purtroppo una realtà molto complicata che va oltre i precedenti concetti di cybersecurity, anche se ovviamente li comprende. Come imprese culturali e creative siamo solo apparentemente distanti da questi conflitti, anzi possiamo giocare un ruolo positivo lavorando in chiave digitale sui contenuti che generano pace e collaborazione contro quelli di fomentano odi e violenze. E’ una partita aperta nella quale la cultura, la conoscenza e lo scambio culturale hanno un oggettivo ruolo educativo, deterrente e rassicurante. 9. Code war e war code TRASFORMAZIONI
  24. 24. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 24 Quindi, come operatori culturali e imprese culturali «chi siamo, che cosa siamo diventati, da dove veniamo e soprattutto dove vogliamo andare»? Ritengo che il mondo digitalizzato abbia ancora più bisogno di prima di filosofi, poeti, musicisti, designer, fotografi, cineasti, teatranti, narratori, esploratori, ricercatori e artisti di ogni genere. Dante ha dato la lingua a una nazione che ancora non esisteva, Shakespeare una nazione ha contribuito a costruirla più di qualunque corona, Leonardo ha dipinto il presente e immaginato il futuro, Michelangelo e Caravaggio hanno narrato emozioni e costumi sociali per immagini, fino ai giorni nostri dei Fò, dei Dylan o degli scrittori turchi e indiani o degli artisti cinesi. L’arte è il coadiuvante fondamentale della libertà. È l’umanità creativa che traccia la via. Gli umanisti hanno sempre prodotto la cultura che ci fa crescere, oggi tocca agli umanisti digitali, coloro i quali sono trasgressivi, creativi, trasversali e tecnologicamente affini, in una parola: ibridi. E, se posso usare questa affermazione, tocca a un Piano Strategico della Cultura organizzarli e farli crescere in una dimensione contemporanea di impresa profit e non profit. 10. Umanisti digitali TRASFORMAZIONI
  25. 25. © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 25 Le persone al centro di ogni decisione, progetto, processo e valutazione!
  26. 26. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 26 Quindi è strategico saper ascoltare, mettersi nei panni dell’altro, sviluppare empatia. Lesson learnt
  27. 27. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 27 Proviamo a reinterpretarci http://jecatt.com/#aziende
  28. 28. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 28 Quale è la «mission» della vostra organizzazione? Quale è il significato del concetto di «mission»? Quale è la differenza tra «mission» e «strategia»? VOIEL’ASCOLTO
  29. 29. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 29 Quale è la vostra identità? Di che cosa è fatta? VOIEL’ASCOLTO
  30. 30. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 30 Che cosa rispondete alle domande qui sotto? Chi siamo? Da dove veniamo? Dove vogliamo andare? Che cosa proponiamo? VOIEL’ASCOLTO
  31. 31. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 31 Che cosa si intende per missione aziendale Qual è la missione JECATT Qual è la differenza tra missione e strategia Di che cosa è fatta la vostra identità Esercitazione intermedia, 4 quesiti VOIEL’ASCOLTO
  32. 32. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 32 RENDERE VISIBILE L’INVISIBILE. “Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi” E’ la frase più celebre de Il piccolo principe (1943), libro che ha affascinato e continua ad affascinare milioni di persone, bambini e adulti, in tutto il mondo. Tradotto in più di 253 lingue, Antoine de Saint-Exupéry ha segnato l’infanzia di ognuno di noi, lasciandoci una storia inestimabile ricca di sfumature da scoprire ad ogni nuova lettura. La ‘stella polare’ del vostro essere JECATT! VOIEL’ASCOLTO
  33. 33. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 33 Saper ascoltare, il vostro nuovo driver VOIEL’ASCOLTO
  34. 34. Prima riflessione • Il Primo Mondo (l’occidente) rischia un inconsapevole suicidio da anomia progressiva venendo meno l’equilibrio tra: – Benessere economico – Coesione sociale – Libertà politica • Chi rimane all’esterno del mercato del lavoro e della comunità dei cittadini di solito minaccia il tessuto morale delle nostre società – Ralph Darhendorf, “Quadrare il cerchio ieri e oggi. Benessere economico, coesione sociale e libertà politica”, 1995 Sono affermazioni di oltre 20manni fa, quando ancora internet era agli esordi! © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 34 VOIEL’ASCOLTO
  35. 35. Seconda riflessione © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 35 Che cosa sono ascolto e collaborazione? Due risorse straordinarie delle persone, pressoché gratuite. Però, come cervello e muscoli, vanno esercitate se no si atrofizzano. VOIEL’ASCOLTO
  36. 36. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 36 10 tecniche di ascolto che producono metriche: esperienze, opinioni e proposte diventano misurabili, conferendo valore ai contenuti bottom-up. Sono output per policy autorevoli. VOIEL’ASCOLTO
  37. 37. 1. Audit frontali • Interviste in profondità, personali o di gruppo, guidate da una check list • Servono a raccogliere e misurare l’importanza di opinioni e suggerimenti, a condividere ipotesi di innovazione e a verificare la disponibilità per approcci e metodologie nuovi • Esito – Report di ogni intervista come DB dei contenuti – Classificazioni ed elaborazioni per rapporto di opinioni, suggerimenti e verifiche aggregate – Favorire il cambiamento dal basso, sulla base dei risultati © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 37 VOIEL’ASCOLTO
  38. 38. 2. Audit organizzativi • Interviste in profondità, personali o di gruppo, guidate da una check list • Servono a conoscere stili, scopi, problematiche, esigenze, aspettative, a misurare l’entità dei «mal di pancia», a intervenire nei processi e nei rapporti tra componenti di un’organizzazione per impostare nuove policy e miglioramenti • Esito – Report di ogni intervista come DB dei contenuti – Classificazioni ed elaborazioni per rapporto di opinioni, suggerimenti e verifiche aggregate – Favorire il cambiamento dal basso, sulla base dei risultati © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 38 VOIEL’ASCOLTO
  39. 39. 3. Audit relazionali • Interviste in profondità, personali o di gruppo, guidate da una check list • Servono a mappare i rapporti di un’organizzazione e a conoscere e misurare esigenze, aspettative, opinioni e proposte dei principali stakeholder di un’organizzazione • Esito – Report di ogni intervista come DB dei contenuti – Classificazioni ed elaborazioni per rapporto di opinioni, suggerimenti e verifiche aggregate – Favorire il cambiamento dal basso, sulla base dei risultati © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 39 VOIEL’ASCOLTO
  40. 40. 4. Interviste a campione rappresentativo • Selezione di un gruppo di soggetti di un’area, settore, mercato o combinazioni di questi sistemi su base di rappresentatività statistica allo scopo di ottenere risposte valide per il 100% della popolazione di riferimento e margini di approssimazione molto ridotti • Interviste al campione mediante tecniche CAWI e/o CATI o incontri frontali sulla base di un questionario strutturato o semi strutturato • Servono a conoscere e misurare esigenze, aspettative, opinioni e proposte di ampi settori economici e sociali e/o a favorire l’implementazione di nuove idee, prodotti e servizi • Esito – Stoccaggio dati su un DB – Classificazioni ed elaborazioni per rapporto di ricerca – Favorire il cambiamento dal basso, sulla base dei risultati © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 40 VOIEL’ASCOLTO
  41. 41. 5. Interviste a campione qualitativo • Selezione di un gruppo qualificato di soggetti di un’area, settore, mercato o combinazioni di questi sistemi su base di significatività tematica allo scopo di ottenere risposte di rilevanza simbolica, congruenti con segmenti o fasce di popolazione di riferimento • Interviste al campione mediante tecnica CATI o incontri frontali sulla base di un questionario strutturato o semi strutturato • Servono a scoprire nuove tendenze e a conoscere e misurare disponibilità e interesse per scelte, fattori, contenuti o strumenti da implementare e/o da rinnovare • Esito – Stoccaggio dati su un DB – Classificazioni ed elaborazioni per rapporto di ricerca – Favorire il cambiamento dal basso, sulla base dei risultati © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 41 VOIEL’ASCOLTO
  42. 42. 6. Focus group di ascolto • Definizione di argomenti e linee tematiche da sottoporre alla discussione e alla verifica, tramite apposita check list o questionario, di un gruppo ristretto ma qualificato di soggetti simbolicamente rappresentativi di aree, settori o mercati relativamente circoscritti • Servono a indagare opportunità e disponibilità e/o ad approfondire con soggetti qualificati ipotesi e scenari anche complessi, creano il vantaggio della discussione e dell’assunzione di tali contenuti in diretta • Esito – Report di ogni intervista come DB dei contenuti – Classificazioni ed elaborazioni per rapporto di opinioni, suggerimenti e verifiche aggregate – Favorire il cambiamento dal basso, sulla base dei risultati © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 42 VOIEL’ASCOLTO
  43. 43. 7. Forum di progetto • Definizione di scenari, obiettivi, modalità e potenziali risultati di un progetto da sottoporre alla discussione e alla verifica, tramite apposita check list o questionario, di un gruppo ristretto ma qualificato di soggetti simbolicamente rappresentativi di aree, settori o mercati potenzialmente interessati • Servono a integrare quelle linee-guida, a ridurre rischi e inefficienze di risultato, a motivare e coinvolgere stakeholder potenzialmente interessati, creano il vantaggio della discussione e dell’assunzione di tali contenuti in diretta • Esito – Report di ogni intervista come DB dei contenuti – Classificazioni ed elaborazioni per rapporto di opinioni, suggerimenti e verifiche aggregate – Favorire il cambiamento dal basso, sulla base dei risultati © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 43 VOIEL’ASCOLTO
  44. 44. 8. Blog di ascolto e confronto • Progetto dell’architettura informativa e dell’interfaccia grafica, piano editoriale dei contenuti e dei tempi, pubblicazione e messa online di un sito tematico o personalizzato, mediante su piattaforma open source, finalizzato a informare, raccontare e a creare discussione • Servono a dar voce ad argomenti, persone, situazioni e contesti innovativi e inediti mediamente non considerati dai media tradizionali, e contribuiscono, con costi e difficoltà tecniche molto limitati, a sostenere più scelte di partecipazione e informazione • Esito – Post editoriali e tecniche di story telling – Post casuali pubblicati liberamente se rispondenti alle linee editoriali prescelte – Emersione di soggetti, contenuti e sollecitazioni altrimenti non coinvolti – Possibili connessioni con i social network – Possibile influenza di fasce ampie di opinione pubblica e dei media tradizionali © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 44 VOIEL’ASCOLTO
  45. 45. 9. Siti e piattaforme interattivi o 2.0 • Progetto dell’architettura informativa, del DB e dell’interfaccia grafica, piano editoriale dei contenuti e dei tempi, pubblicazione e messa online di un sito istituzionale o aziendale, su piattaforma a pagamento o open source, finalizzato a informare sul soggetto emittente (info-commerce), a promuovere e vendere prodotti e servizi (e-commerce), a raccogliere input e feedback da soggetti cointeressati • Oltreché a informare e promuovere, servono a costruire rapporti e sistemi di collaborazione tra soggetti con interessi comuni, clienti, fornitori, distributori, partner e stakeholder di varia natura, alimentando con tale partecipazione le scelte del soggetto emittente e integrando i modelli organizzativi tradizionali • Esito – Comunicazione world wide molto efficiente – Possibili connessioni con i social network – Sviluppo di opportunità di confronto, conoscenza e scambio a costi sempre più contenuti – Sviluppo efficienza organizzativa da collaborazione e partecipazione di soggetti cointeressati – Sviluppo nuovi mercati e nuovo business © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 45 VOIEL’ASCOLTO
  46. 46. 10. Social network • Iscrizioni ai vari social network, ricerche e piani di web marketing e comunicazione virale • Sono generatori di traffico per siti e piattaforme perché utili per interagire nei rapporti sociali generati/amplificati dal web, scoprire opinioni e tendenze, promuovere idee e opinioni, costruire e gestire nuovi rapporti, sviluppare e gestire la propria reputazione sociale, assumere indicazioni e rendere partecipi stakeholder attuali e potenziali • Esito – È importante esserci – Post, discussioni, inviti, eventi – Scambi di amicizie, notizie, conoscenze – Gestione relazioni e reputazione sociale. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 46 VOIEL’ASCOLTO
  47. 47. © Studio Giaccadri & Associati – Consulenti di Direzione 47 Costruiamo una nuova auto-narrazione di futuro? • La tua storia • Il tuo sogno • Che cosa ti aspetti da JECATT • Che cosa puoi fare per JECATT VOIEL’ASCOLTO Prendo appunti e vi restituisco un report di auto-analisi ! Esercitazione finale
  48. 48. Grazie dell’attenzione © Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione 48 191 Piani di ricerca economica e sociale per progetti di sviluppo di imprese e territori Founded 1999 Questo elaborato è un prodotto originale dello Studio Giaccardi & Associati – Consulenti di Direzione © All Rights Reserved, Ravenna 1 dicembre 2017. www.giaccardiassociati.it

×