Newsletter Fiscale aprile 2010 parte 2

767 views

Published on

Circolari fiscali e giurdiche a cura dello Studio Cassinis. Aprile 2010

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
767
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Newsletter Fiscale aprile 2010 parte 2

  1. 1. LA LETTRE FISCALE CIRCOLARE Notiziario mensile INFORMATIVA Aprile 2010 NEWS 1. ADEMPIMENTI ASSEMBLEARI A SEGUITO DELL’APPROVAZIONE DEL DECRETO “REVISIONE LEGALE” Dopo una gestazione molto lunga, il provvedimento attuativo della direttiva 2006/43/Ce ha visto la luce, traducendosi nel D.Lgs. n.39 del 27 gennaio 2010, pubblicato sulla G. U. n.68 del 23 marzo 2010 ed in vigore dopo i 15 giorni di vacatio legis, quindi dal 7 aprile 2010. Molte delle disposizioni del decreto sono condizionate, nella loro operatività, all’approvazione di regolamenti, per cui un elevato numero di istituti troverà applicazione, nel suo aspetto rinnovato, solo fra qualche tempo, ma molte altre disposizioni sono operative già a partire dalla data di entrata in vigore del decreto, appunto il 7 aprile. Tra queste, ve ne sono alcune che interesseranno le assemblee di approvazione del bilancio dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2009, in particolare l’estensione dell’obbligo di nomina dell’organo di controllo nelle Srl e, di conseguenza, gli adempimenti assembleari da ciò imposti. È peraltro opportuno offrire una prima precisazione, che è comunque a conferma della disciplina precedente le modifiche, e cioè: nelle Spa nelle Srl la funzione di revisione legale dei la funzione di revisione legale dei conti è conti può essere svolta dal attribuita, in default, al Collegio sindacale, e la Collegio sindacale se, prima di scissione della funzione si ha solo a seguito di tutto, lo prevede lo statuto, e poi una previsione statutaria in tal senso; se non si ha l’obbligo di vedremo, tuttavia, che l’obbligo di predisporre il bilancio consolidamento produce una deroga alla consolidato; regola generale. Gli organi di controllo nelle Srl Il D.Lgs. n.39/10 riscrive l’art.2477 c.c., che è la norma che regola la nomina del Collegio sindacale e la revisione legale dei conti nella società di capitali minore. Alle due ipotesi di nomina obbligatoria già conosciute, se ne aggiungono due nuove, per cui il quadro di sintesi dei casi in cui l’organo di controllo deve essere obbligatoriamente nominato, è il seguente: 1
  2. 2. IPOTESI GIÀ PREVISTE E CONFERMATE IPOTESI NUOVE Il Capitale sociale è pari o superiore a Obbligo di redigere il bilancio 1 3 €120.000 consolidato Per due esercizi consecutivi sono Esercizio del controllo su una società 2 superati i limiti previsto dall’art.2435-bis, 4 obbligata alla revisione legale dei co.1 c.c.* conti * Vale a dire 1. totale attivo Stato patrimoniale: € 4.400.000 2. ricavi delle vendite e prestazioni: € 8.800.000 3. dipendenti occupati in media: 50 Nel caso di società obbligata alla redazione del bilancio consolidato, l’art.2477 c.c. certo impone la nomina del Collegio sindacale, ma si deve considerare che altra norma del codice civile – art.2409-bis – dispone che: la funzione di sia un Collegio sindacale, che sarà revisione legale dei incaricato della funzione di vigilanza conti non può essere (di legalità, sull’assetto organizzativo nel caso ricorra svolta dal Collegio e amministrativo contabile, sul l’obbligo di sindacale, bensì dal rispetto dei principi di corretta consolidamento revisore legale, con la amministrazione) dei conti annuali conseguenza che la Srl consolidante dovrà sia un revisore legale dei conti, che nominare appunto dovrà svolgere la revisione dei conti annuali. Nel caso in cui la Srl eserciti il controllo su una società obbligata alla revisione legale dei conti – per questo basta il controllo di una Spa – il Collegio sindacale che deve essere nominato potrà svolgere anche la funzione di revisione, evidentemente nel presupposto che da tale controllo non si generi l’obbligo di consolidamento. In definitiva, in tale ipotesi, resta applicabile la regola generale per cui, nelle Srl, il Collegio sindacale può, in default, esercitare anche la funzione di revisione legale dei conti, sempre che l’atto costitutivo non disponga diversamente, e sempre che non si inneschi per legge un obbligo diverso. Resta che, nelle ipotesi di nomina obbligatoria del Collegio sindacale già previste dalla vecchia normativa (nn. 1 e 2 della tabella), detto organo svolgerà anche la funzione di revisione legale dei conti. 2
  3. 3. I prossimi adempimenti assembleari e le procedure di nomina Nel presupposto che la maggior parte delle assemblee di approvazione del bilancio relativo all’esercizio 2009 siano convocate, e si celebrino, dopo il 7 aprile 2010, ci troveremo in presenza di adunanze che si dovranno confrontare con la nuova normativa. L’art.2477 c.c., al co.6, impropriamente afferma che: “L’assemblea che approva il bilancio in cui vengono superati i limiti indicati al secondo e terzo comma deve provvedere, entro trenta giorni, alla nomina del Collegio sindacale”. Impropriamente perché, se è vero che i limiti si possono superare in relazione alla previsione che rinvia all’art.2435-bis (n.2 della tabella), nelle altre ipotesi non si può parlare di superamento di un limite ma, al più, di presa d’atto di una data situazione. Non è chiaro, inoltre, cosa significhi che l’assemblea che approva il bilancio deve, entro trenta giorni, nominare il Collegio sindacale. Non pare configurabile una soluzione diversa da quella di una nuova assemblea, convocata entro trenta giorni da quella cui è stato sottoposto il bilancio d’esercizio, così come non pare vietato che la stessa assemblea che approva il bilancio, certamente edotta in relazione alle condizioni che impongono la nomina dell’organo di controllo, possa provvedere anche immediatamente in tal senso. Piuttosto, si pone un problema in termini di opportuna gestione dei rapporti societari in relazione a quella che è diventata la nuova procedura di nomina del revisore che, nella tabella a seguire, si confronta con la vecchia procedura: Vecchia procedura di nomina del Nuova procedura di nomina del revisore contabile revisore legale dei conti (art.2409-quater codice civile art.13, D.Lgs. n.39/10 abrogato) L’incarico di controllo contabile è L’assemblea, su proposta motivata conferito dall’assemblea, sentito il dell’organo di controllo, conferisce Collegio sindacale l’incarico di revisione legale dei conti L’iniziativa è del Collegio sindacale, che L’iniziativa era, di fatto, degli non arriva a nominare tecnicamente il amministratori, che suggerivano un Revisore, ma che svolge comunque un nominativo all’assemblea, e sul quale il ruolo molto più incisivo rispetto al Collegio sindacale rilasciava un parere passato, formulando una proposta che obbligatorio ma non vincolante non si ritiene comunque vincolante 3
  4. 4. È evidente che, in tutte le situazioni in cui la revisione legale dei conti deve essere svolta da un soggetto diverso dal Collegio sindacale, non vi possono essere imbarazzi sulla proposta. Ma se la funzione è cumulata, il Collegio sindacale deve auto proporsi come revisore legale dei conti? Anche se la questione è stata sollevata da più parti, si deve ritenere che, in tutte le situazioni in cui il Collegio sindacale può esercitare la revisione legale dei conti, non debba anche proporre all’assemblea l’organo che deve svolgere tale funzione, essendo un fatto ontologico che vi sia il cumulo degli incarichi. Questo almeno in sede di prima interpretazione delle nuove disposizioni. 4
  5. 5. 2. FOTOVOLTAICO: UNA RISORSA PER LE IMPRESE Data l’esigenza, ormai globale, di proteggere l’ambiente e la necessità di sperimentare sistemi di produzione energetica alternativi, si è sviluppata, negli ultimi anni, una legislazione destinata ad incentivare la produzione di energia pulita da tutte quelle fonti, solare, fotovoltaico, biomasse, che non utilizzano combustibili inquinanti quali carbone e idrocarburi. La presente informativa si occuperà esclusivamente della incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica. Beneficiari delle agevolazioni possono essere: le persone fisiche le persone giuridiche i soggetti pubblici i condomini di unità abitative e/o edifici. Tali soggetti ricoprono la qualifica di “responsabile dell’impianto” ovvero di soggetto che ha il diritto a richiedere gli incentivi. I vantaggi dello sfruttamento economico di un impianto fotovoltaico sono legati e in parte all’uso o in parte all’incentivo definito Conto Energia che viene consumo di tale erogato per il solo fatto di produrre energia pulita; energia. Questi ultimi vantaggi sono differenti a seconda che l’energia prodotta: si si “scambi sul posto” (solo per impianti che non si ceda in rete; autoconsumi; superino la potenza di 200Kw). L’art.7 del D.Lgs. n.387/03 disciplina il Conto Energia, prevedendo alla lett.d) del co.2: “una specifica tariffa incentivante, di importo decrescente e di durata tale da garantire una equa remunerazione dei costi di investimento e di esercizio”. Tale incentivazione è stata disciplinata da una serie di decreti, da ultimo il D.M. del 19/02/07. Vale la pena sottolineare come oggetto dell’incentivo non sia la realizzazione dell’impianto fotovoltaico, ma lo sfruttamento di esso e quindi la produzione di energia pulita. L’investimento verrà recuperato solo nel tempo attraverso l’incasso della tariffa incentivante, erogata normalmente per 20 anni dalla data di entrata in funzione dell’impianto, in quote costanti per l’intero periodo con tariffazione (misura dell’incentivo) che varia di anno in anno. In particolare, le tariffe relative agli ultimi anni sono andate riducendosi con una decurtazione del 2%; le tariffe 2008 erano maggiori, in termini di €/KWH, di quelle del 2009, queste ultime erano più elevate rispetto a quelle previste per il 2010. 5
  6. 6. È presumibile che queste saranno superiori a quelle previste per il 2011 con l’ovvia conseguenza che per ottenere il maggiore risultato sarebbe opportuno attivarsi il prima possibile per usufruire dell’incentivo. La tariffa spettante agli impianti entrati in funzione a partire dal 1° gennaio 2010 è la seguente: Potenza P (kW) Tipo Impianto fotovoltaico Non integrato Parzialmente integrato Integrato 1≤P≤3 0,384 0,422 0,470 3 < P ≤ 20 0,365 0,403 0,442 P > 20 0,346 0,384 0,422 sulla base della favorendo gli impianti di minori potenza dimensioni; Come si dell’impianto evince dalla tabella, favorendo quelli definiti integrati la tariffa ovvero quelli ubicati sugli elementi di incentivante arredo urbano e viario, su facciate e della allocazione varia esterne di edifici, fabbricati, strutture edilizie di qualsiasi funzione e destinazione. Per impianto non integrato deve intendersi, invece, quello con moduli istallati al suolo, ovvero ubicati sugli elementi di arredo urbano e viario, su facciate esterne di edifici, fabbricati, strutture edilizie di qualsiasi funzione e destinazione con modalità differenti rispetto a quelle degli impianti integrati e parzialmente integrati. Per usufruire dell’incentivo è fatto obbligo al soggetto responsabile dell’impianto fotovoltaico di far pervenire apposita domanda al GSE (Gestore dei servizi elettrici - è il soggetto attuatore del programma di incentivazione alla produzione di energia elettrica da fonte fotovoltaica), entro 60 giorni dalla data di entrata in esercizio dell’impianto, pena la mancata ammissione alla fruizione dell’incentivo stesso. Per entrata in esercizio dell’impianto deve intendersi la prima data utile a decorrere dalla quale: l’impianto sia collegato in parallelo alla rete elettrica; risultino installati tutti i contatori per la contabilizzazione dell’energia elettrica prodotta, ceduta o scambiata; risultino in essere i contratti di scambio o cessione; siano assolti gli obblighi relativi all’accesso alla rete. 6
  7. 7. Tale richiesta deve essere corredata di tutti i documenti previsti dalla delibera 90/07 della AEEG (Autorità per l’energia elettrica e il Gas) e può essere presentata a mano, corriere, posta o per raccomandata. Il GSE esaminata la documentazione e, posto che non necessitino integrazioni, comunica al soggetto responsabile l’incentivo attribuito all’impianto nel termine di 60 giorni dal ricevimento della richiesta. La tariffa incentivante percepita nell’esercizio di impresa, come risulta dalla C.M. n.46/E/07, è da considerarsi un contributo in conto esercizio rilevando, quindi, sia ai fini delle imposte dirette che Irap. Per ciò che attiene all’Iva, la medesima circolare specifica che la tariffa “sfugge” dal campo di applicazione dell’imposta (art.2, co.3, lett.a, DPR n.633/72). La C.M. n.46/E specifica, inoltre, che il contributo che verrà erogato dal Gestore dovrà essere assoggettato ad una ritenuta a titolo di acconto pari al 4% in applicazione del disposto dell’art.28, co.2, del DPR n.600/73. Recentemente, con la R.M. n.3/E del 26 gennaio 2010, l’Agenzia delle Entrate ha specificato che il Conto Energia non è compatibile con la detrazione del 55% richiedibile per l’installazione dei pannelli solari fotovoltaici. Si è già detto che lo sfruttamento dell’energia prodotta non si esaurisce con il Conto Energia. Essa può essere utilizzata in parte per il proprio consumo (autoconsumo) con il vantaggio di conseguire un risparmio pari alla quantità di energia elettrica che non verrà più acquistata dalla rete. L’eventuale parte di energia prodotta e non autoconsumata può essere ceduta, indirettamente, con la stipula di una convenzione con il Gestore per il ritiro “dedicato”, ovvero direttamente attraverso la vendita in borsa oppure ad un grossista. La vendita indiretta è da ritenersi la scelta consigliabile sia per la maggiore competitività dei sia per la maggiore semplicità di prezzi minimi garantiti rispetto a quelli di gestione dell’iter di cessione; mercato. Infine, si può scegliere lo “scambio sul posto”, meccanismo che permette di immettere in rete l’energia prodotta e non consumata per poi prelevarla in un momento successivo in cui se ne abbia bisogno. In dettaglio: ed otterrà dal GSE un “contributo il produttore acquisterà in conto scambio” (paragonabile ad effettuerà l’energia un rimborso del costo sostenuto un’immissione necessaria al per l’acquisto dell’energia in rete proprio eventuale acquistata) generando, nel dell’energia fabbisogno sul contempo, un credito per la parte prodotta mercato di energia ceduta e non consumata. 7
  8. 8. L’avvio dello “scambio sul posto” prevede la presentazione di un’istanza al GSE e la gestione di una serie di fasi successive di natura tecnica, amministrativa ed economica per la gestione delle quali lo studio si rende disponibile. I ricavi derivanti dalla cessione dell’energia sono considerati dei componenti positivi di reddito e come tali sconteranno le imposte dirette (Irap compresa); gli stessi saranno, inoltre, soggetti ad applicazione dell’Iva con la conseguenza che il cedente dovrà porre in essere tutti gli adempimenti connessi all’ applicazione di tale tributo. Quanto al “contributo in conto scambio”, anche esso rappresenterà un componente positivo di reddito che sconterà le imposte dirette e, diversamente dal Conto Energia, sarà assoggettato ad Iva (R.M. n.13/09). È importante, in ultimo, precisare che per l’impresa l’impianto fotovoltaico costituisce bene strumentale e che il relativo ammortamento sarà deducibile (come, peraltro, l’Iva versata all’atto della costruzione o acquisto). 8
  9. 9. 3. LE FATTURE UE PER PRESTAZIONI DI SERVIZI POSSONO ESSERE INTEGRATE Dal 1° gennaio 2010 sono entrate in vigore le nuove disposizioni riguardanti la territorialità delle prestazioni di servizi: il nuovo quadro riguardante i rapporti tra soggetti Iva stabiliti in diversi Paesi prevede quale regola generale per le operazioni tra soggettivi passivi Iva quella della rilevanza territoriale nel Paese del committente. Pertanto, salvo le poche e non frequenti deroghe oggi ancora vigenti, quando un operatore nazionale riceve una prestazione da un altro operatore non stabilito nel territorio italiano occorrerà assoggettare ad Iva la prestazione in Italia. La normativa attuale prevede, quale unica soluzione per adempiere a tale obbligo, l’utilizzo dell’autofattura ai sensi dell’art.17 del DPR n.633/72, soluzione che obbliga il committente nazionale ad emettere un documento intestato a se stesso per assolvere l’imposta. Con la C.M. n.12/E/10, confermando un orientamento anticipato nei forum con la stampa specializzata avvenuti nel corso del mese di gennaio 2010, l’Agenzia delle Entrate ammette per i soli servizi resi da prestatori comunitari la possibilità di integrare il documento emesso da tali soggetti, senza la necessità di formare un’autofattura, fermo restando l’obbligo di rispettare le regole generali sul momento di effettuazione dell’operazione. Si tratta della medesima procedura già da tempo conosciuta per gli acquisti intracomunitari di beni, e che sino al 31 dicembre 2009 era esplicitamente prevista per i servizi comunitari disciplinati dall’art.40 D.L. n.331/93. Per i servizi resi da prestatori extra comunitari, al contrario, l’imposta deve in ogni caso essere assolta in Italia attraverso l’emissione dell’autofattura, non essendo ammessa la procedura dell’integrazione. 9
  10. 10. STUDIO CASSINIS Dottori Commercialisti & Avvocati Via Leone XIII, 14 20145 Milano Tel. +39 02 31 32 36 Fax +39 02 33 61 47 72 Piazza Digione, 2 00197 Roma (Italia) Tel. + 39 06 80 82 521 Fax. + 39 06 87 45 00 72 Web: www.studiocassinis.com e-mail: info@studiocassinis.com 10

×