Distretti, aggregazioni e contratti di rete 1 dicembre 2011
<ul><li>Legge n. 317/1991: ha dato per la prima volta nel nostro ordinamento un riconoscimento giuridico ai Distretti Indu...
<ul><li>Introduzione di 3 tipologie aggregative  </li></ul><ul><ul><li>Distretto: 100 Imprese 1000 addetti  </li></ul></ul...
<ul><li>Nel periodo 2003-2010 sono state stanziate risorse per  </li></ul><ul><ul><li>105 Meuro a favore di distretti e me...
2011 - I DISTRETTI DEL VENETO  Provincia n. distretti n. metadistretti Tot. BL 3 3 PD 3 1 4 RO 3 3 TV 6 2 8 VE 2 3 5 VR 6 ...
2011 - I DISTRETTI DEL VENETO  Distretto dell'occhiale Distretto delle Dolomiti e della Montagna Veneta Distretto delle En...
2011 - I DISTRETTI DEL VENETO  Metadistretto Veneto della bioedilizia Metadistretto Turistico Veneto (MDTV) Distretto dell...
<ul><li>Il distretto o metadistretto si basa su una progettualità strategica di medio periodo, approvata e condivisa da di...
<ul><li>Distretti produttivi e non industriali  </li></ul><ul><li>La logica bottom up…. e le sue conseguenze </li></ul><ul...
<ul><li>UNINT </li></ul><ul><li>Coverfil  </li></ul><ul><li>SIAV </li></ul>  L’ESPERIENZA REGIONALE SUI DISTRETTI Servizi ...
DISTRETTI INDUSTRIALI forma di organizzazione spaziale della produzione che risponde a precise caratteristiche: territorio...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI TIPOLOGIE DI INTERVENTO <ul><li>Distretti Industriali </li></ul><ul><li>Ag...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Caratteristiche del Distretto Industriale <ul><li>Specializzazione di prod...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Identificazione del distretto <ul><li>Il Distretto è identificato in un ar...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Elementi caratterizzanti i progetti di distretto <ul><li>Progetti di siste...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Chi presenta i progetti <ul><li>Soggetti collettori di interessi del distr...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Governance del distretto <ul><li>Opportunità di un distretto di essere rap...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Caratteristiche delle aggregazioni <ul><li>Focus sulle imprese in forma ag...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Elementi caratterizzanti i progetti di aggregazione <ul><li>Progetti per i...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Caratteristiche dei Sistemi a “cluster”  <ul><li>In linea con le politiche...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Identificazione dei Sistemi a “cluster”   <ul><li>Concentrazione geografic...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Elementi caratterizzanti i progetti dei Sistemi a “cluster”  <ul><li>Proge...
IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI In sintesi: Cosa rappresentano Beneficiari Obiettivo Distretti industriali...
Formazione finanziata Ad oggi sono stati stipulati 200 contratti di rete in Italia Sono circa 20 i contratti che vedono la...
Formazione finanziata I nuovi bandi per l’innovazione della Regione Veneto dovrebbero prevedere la possibilità di premiare...
L’ACCESSO AI CONTRIBUTI…… Nuovo approccio Aiuti di stato Patto di stabilità Procedure contributi
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Distretti 1 12-11

943 views

Published on

Intervento sui Contratti di rete in Confindustria Padova

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
943
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Distretti 1 12-11

  1. 1. Distretti, aggregazioni e contratti di rete 1 dicembre 2011
  2. 2. <ul><li>Legge n. 317/1991: ha dato per la prima volta nel nostro ordinamento un riconoscimento giuridico ai Distretti Industriali; secondo l’art. 36 della legge, sono definiti Distretti Industriali le aree territoriali locali caratterizzate da elevata concentrazione di piccole imprese, con particolare riferimento al rapporto tra la presenza delle imprese e la popolazione residente, nonché alla specializzazione produttiva dell’insieme delle imprese” </li></ul><ul><li>Nel 2003 la Regione Veneto ha approvato la legge regionale 8 “Disciplina dei distretti produttivi e di politica industriale locale” </li></ul><ul><li>Sono stati ufficialmente riconosciuti a livello regionale 46 distretti (oltre 8.000 imprese – 200.000 lavoratori) </li></ul><ul><li>L’approccio è di tipo bottom up </li></ul><ul><li>La legge è stata novellata nel 2006 (Legge regionale 5/2006) </li></ul>LA LEGGE REGIONALE SUI DISTRETTI
  3. 3. <ul><li>Introduzione di 3 tipologie aggregative </li></ul><ul><ul><li>Distretto: 100 Imprese 1000 addetti </li></ul></ul><ul><ul><li>Metadistretto: 250 imprese 5000 addetti </li></ul></ul><ul><ul><li>Aggregazione di filiera </li></ul></ul>LA NOVELLAZIONE DEL 2006 Le tipologie di aggregazione <ul><ul><li>Il metadistretto è un distretto produttivo che presenta, oltre alle caratteristiche del distretto, una estesa diffusione della filiera sul territorio regionale, risultando strumento strategico per l’economia della regione. </li></ul></ul>Progettazioni con almeno 10 imprese
  4. 4. <ul><li>Nel periodo 2003-2010 sono state stanziate risorse per </li></ul><ul><ul><li>105 Meuro a favore di distretti e metadistretti </li></ul></ul><ul><ul><li>20 Meuro a favore di Aggregazione di filiera </li></ul></ul>LE RISORSE E I PROGETTI <ul><ul><li>Oltre il 60% di risorse si è concentrato su programmi di ricerca e innovazione e di internazionalizzazione </li></ul></ul>
  5. 5. 2011 - I DISTRETTI DEL VENETO Provincia n. distretti n. metadistretti Tot. BL 3 3 PD 3 1 4 RO 3 3 TV 6 2 8 VE 2 3 5 VR 6 2 8 VI 3 1 4 TOTALE 26 9 35
  6. 6. 2011 - I DISTRETTI DEL VENETO Distretto dell'occhiale Distretto delle Dolomiti e della Montagna Veneta Distretto delle Energie Rinnovabili Distretto Biomedicale Veneto Distretto Veneto dei Sistemi per l’Illuminazione Distretto veneto del condizionamento e della refrigerazione industriale Distretto ittico della provincia di Rovigo Distretto Turistico del Polesine e del Parco del Delta del Po Distretto veneto della giostra Distretto del prosecco di Conegliano Valdobbiadene Distretto dello sportsystem di Montebelluna Distretto Florovivaistico del Veneto Distretto multipolare veneto della gomma e delle materie plastiche Distretto Produttivo della Bicicletta Distretto Veneto delle attrezzature alberghiere Distretto Veneto Lattiero Caseario Distretto Veneto Sistema Moda Metadistretto Digitalmediale Veneto Metadistretto Veneto del Legno Arredo
  7. 7. 2011 - I DISTRETTI DEL VENETO Metadistretto Veneto della bioedilizia Metadistretto Turistico Veneto (MDTV) Distretto della calzatura Distretto Veneto dell’Aerospazio e dell’Astrofisica – SkyD Metadistretto dell’Ambiente per lo Sviluppo Sostenibile – Metas Metadistretto Veneto dei Beni Culturali Distretto Nord-Est Packaging Distretto orafo - argentiero di Vicenza Metadistretto della Meccatronica e delle tecnologie meccaniche innovative Distretto Alimentare Veneto Distretto calzaturiero veronese Distretto del marmo e delle pietre del Veneto Distretto veneto del vino Distretto veneto dell'Informatica e del Tecnologico avanzato Metadistretto logistico veneto Venetoclima - Distretto Veneto della termomeccanica Verona ProntoModa - Distretto veneto dell'abbigliamento
  8. 8. <ul><li>Il distretto o metadistretto si basa su una progettualità strategica di medio periodo, approvata e condivisa da diversi enti </li></ul><ul><li>Definizione aperta e dinamica in una logica bottom up di distretto </li></ul><ul><li>Distretto leggero, senza organizzazione stabile aggregante: figura di rappresentante di distretto </li></ul> L’ESPERIENZA REGIONALE SUI DISTRETTI ASPETTI POSITIVI
  9. 9. <ul><li>Distretti produttivi e non industriali </li></ul><ul><li>La logica bottom up…. e le sue conseguenze </li></ul><ul><li>Chi rappresenta il distretto? </li></ul><ul><li>Gestione: qualità progettuale, progetti di aggregazione e non di distretto, tempi nelle verifiche dei progetti </li></ul><ul><li>Aggregazioni con un numero minimo eccessivo di imprese </li></ul> L’ESPERIENZA REGIONALE SUI DISTRETTI ASPETTI NEGATIVI
  10. 10. <ul><li>UNINT </li></ul><ul><li>Coverfil </li></ul><ul><li>SIAV </li></ul> L’ESPERIENZA REGIONALE SUI DISTRETTI Servizi del sistema Condindustria
  11. 11. DISTRETTI INDUSTRIALI forma di organizzazione spaziale della produzione che risponde a precise caratteristiche: territorio circoscritto, popolazione di imprese che operano ai vari stadi di una filiera produttiva, forte compenetrazione tra struttura sociale e struttura produttiva CLUSTER Filiere o reti localizzate ma si estendono su un territorio più ampio (una regione o uno stato). Di norma il territorio non presenta la forte specializzazione produttiva tipica dei distretti industriali e nemmeno la compenetrazione tra popolazioni di imprese e persone RETI Forme di cooperazione orizzontale o verticale tra imprese che possono assumere diverse forme giuridiche, tra le quali il contratto di rete. LA GOVERNANCE Le definizioni ….. u n po’ di chiarezza
  12. 12. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI TIPOLOGIE DI INTERVENTO <ul><li>Distretti Industriali </li></ul><ul><li>Aggregazioni di imprese </li></ul><ul><li>Sistemi Produttivi Integrati (“Cluster”) </li></ul>
  13. 13. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Caratteristiche del Distretto Industriale <ul><li>Specializzazione di produzione Industriale manifatturiera </li></ul><ul><li>Distretto “vero” </li></ul><ul><li>Storicità della produzione </li></ul><ul><li>Alta specializzazione e qualità del prodotto </li></ul><ul><li>Alta riconoscibilità e consapevolezza della realtà produttiva </li></ul><ul><li>Approccio di individuazione “Top-down” </li></ul><ul><li>Sviluppo del “Brand” di distretto </li></ul><ul><li>Coinvolgimento centri di innovazione </li></ul>
  14. 14. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Identificazione del distretto <ul><li>Il Distretto è identificato in un area territorialmente definita con la possibilità di ammissione al distretto di aree con produzioni affini secondo dei criteri quantitativi e qualitativi: </li></ul><ul><li>Indici di concentrazione specializzazione aziendale </li></ul><ul><li>Riconoscibilità del distretto attraverso dati di produzione ed export del distretto analizzato </li></ul><ul><li>Valutazione sulle progettualità pregresse </li></ul><ul><li>Storicità del distretto </li></ul><ul><li>Riconoscibilità del prodotto (“made in Italy” / eccellenza Veneta) </li></ul>
  15. 15. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Elementi caratterizzanti i progetti di distretto <ul><li>Progetti di sistema con elevata ricaduta sul territorio e sulle imprese distrettuali </li></ul><ul><li>Misure in linea con Europa 2020 (ricerca e innovazione, energia e ambiente, internazionalizzazione) e di rafforzamento del “brand” di distretto </li></ul><ul><li>Autosostenibilità nel tempo </li></ul><ul><li>Divulgazione dei risultati del progetto all’intero distretto </li></ul><ul><li>Monitoraggio in itinere ed ex post dei progetti </li></ul>
  16. 16. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Chi presenta i progetti <ul><li>Soggetti collettori di interessi del distretto </li></ul><ul><ul><li>Affidabilità </li></ul></ul><ul><ul><li>Rappresentatività del distretto industriale </li></ul></ul><ul><li>Progetti non in concorrenza, un progetto per tipologia di intervento </li></ul><ul><ul><li>Responsabilizzazione in fase proposta alla Regione da parte del distretto </li></ul></ul><ul><li>Presenza di un soggetto responsabile di progetto </li></ul>
  17. 17. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Governance del distretto <ul><li>Opportunità di un distretto di essere rappresentato (preferibilmente) da un soggetto unico </li></ul><ul><li>Coordinamento progettuale tra gli attori del distretto </li></ul><ul><li>Monitoraggio in itinere dell’attività e dei risultati del distretto </li></ul>
  18. 18. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Caratteristiche delle aggregazioni <ul><li>Focus sulle imprese in forma aggregata </li></ul><ul><li>Cooperazione tra imprese per ottenere un rafforzamento competitivo </li></ul><ul><li>Condivisione di un progetto strategico specifico </li></ul><ul><li>Obbligatorietà di una forma giuridica: Associazioni temporanee, Contratto di rete o forme giuridicamente equivalenti </li></ul>
  19. 19. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Elementi caratterizzanti i progetti di aggregazione <ul><li>Progetti per il rafforzamento competitivo </li></ul><ul><li>Progetti di condivisione della catena del valore </li></ul><ul><li>Progetti di ricaduta sull’aggregazione (ca. 3 – 10 imprese) </li></ul><ul><li>Vantaggio progettuale alle imprese aderenti l’aggregazione </li></ul>
  20. 20. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Caratteristiche dei Sistemi a “cluster” <ul><li>In linea con le politiche comunitarie “Europa 2020 </li></ul><ul><li>Progettualità programmatica pluriennale </li></ul><ul><li>Specializzazione produttiva comune </li></ul><ul><li>Presenza di relazioni consolidate tra imprese </li></ul><ul><li>Coinvolgimento dei settori produttivi </li></ul><ul><li>Possibilità di includere più settori </li></ul><ul><li>Autosostenibilità del cluster </li></ul><ul><li>Rappresentatività attraverso un unico collettore (es. consorzio) che garantisca l’effettiva partecipazione delle imprese coinvolte </li></ul><ul><li>Inclusione di centri di innovazione nel sistema “cluster” </li></ul>
  21. 21. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Identificazione dei Sistemi a “cluster” <ul><li>Concentrazione geografica di imprese specializzate non limitata ai confini amministrativi </li></ul><ul><li>Specializzazione produttiva regionale rilevante </li></ul><ul><li>Documentazione programmatica progettuale pluriennale condivisa </li></ul><ul><li>Processo di identificazione “Bottom-up” </li></ul>
  22. 22. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI Elementi caratterizzanti i progetti dei Sistemi a “cluster” <ul><li>Progetti inseriti nella linea programmatica pluriennale </li></ul><ul><li>Progettualità strategiche per il sistema produttivo </li></ul><ul><li>Ricaduta ampia alle imprese aderenti </li></ul>
  23. 23. IL NUOVO STRUMENTO LEGISLATIVO ALCUNI INDIRIZZI In sintesi: Cosa rappresentano Beneficiari Obiettivo Distretti industriali Imprese specializzate all’interno di un territorio Il territorio e le imprese all’interno dell’area geografica di riferimento Promuovere progetti di ampio respiro il cui beneficio è condiviso dalle imprese presenti nell’area di distretto Aggregazioni di imprese Un’aggregazione tra imprese (3 – 10 ca.) Le imprese che sviluppano un progetto specifico. Promuovere progetti che aumentino la competitività delle imprese proponenti. Sistemi Produttivi Integrati (“Cluster”) Imprese specializzate anche multi settorialmente non direttamente collegate ad un territorio geografico definito Il sistema produttivo e le imprese che ne fanno parte. Promuovere progetti di ampia ricaduta il cui beneficio è condiviso tra le aziende del sistema produttivo
  24. 24. Formazione finanziata Ad oggi sono stati stipulati 200 contratti di rete in Italia Sono circa 20 i contratti che vedono la presenza di circa 50 imprese venete Confindustria ha creato Retimpresa (www.retimpresa.it) IL CONTRATTO DI RETE Legge 33/2009
  25. 25. Formazione finanziata I nuovi bandi per l’innovazione della Regione Veneto dovrebbero prevedere la possibilità di premiare le aggregazioni di impresa La misura 1.1.4 del POR Fers potrebbe essere destinata a sostenere spese per servizi sostenute da aggregazioni di impresa Fondimpresa ha avviato uno specifico Avviso a favore per la formazione in aziende che stipulano contratti di rete I NUOVI STRUMENTI DI SOSTEGNO Alcune ipotesi e alcune certezze
  26. 26. L’ACCESSO AI CONTRIBUTI…… Nuovo approccio Aiuti di stato Patto di stabilità Procedure contributi

×